TRENTINI ‘N PURGATORI – 6

di Cornelio Galas

“L’è tut …na comedia”

Sesto tòch: Matìa Galasso (Gallas, Galas) el me trisàvol

Mattia Galasso

“Chi sĂ©t ti che me par de conĂłserte?
vèi pĂą vizìm che pòda vardĂ r bèm…
qualcòs nela facia e anca nei cavéi
me dis che sì, sĂ©m parenti per dasĂ©m”.

 

Quasi stremì da sta vĂłze ‘n po strana
alora me svizìno a que l’òm col pizĂ©t
e vedo che l’è vera, el me somìlia…
anca nel nàs, nei òci oltra al barbozét.

 

“Som el Matìa Galasso o anca Gallas
da mì è vegnĂą po’ tuta l’altra genìa
sol che po’ avĂ© magnĂ  for squasi tut
nesĂąni come mi, per forza l’è finìa.

 

ScĂłlteme bem, Cornelio te te ciami?
Scolta quel che dis el to trisĂ vol
mai molĂ r quel che se gĂ  en testa
se no i te mete subit, soto ‘l tĂ vol”.

 

-Va bèm, digo, ma come mai sét chi?
A cossa è servì soldi e tanta forza
se ades te trovo dent al Purgatori
come ‘n marĂłm, che se bĂąta la scorza.

 

“L’è na storia longhĂ©ta da spiegar
ghe volerìa ‘l temp che no se gĂ 
la fĂ go corta ma ‘ndrìza le rĂ©cie
che no riconterò quel che ho contà.

Palazzo Galasso a Trento

 

 

Da vif som semper sta ‘n le batĂ glie
prim davanti e drio tuti i me soldĂ i
no gh’è posto neh, en tuta l’Europa
che no sia stĂ  mai pestĂ  dai me cavĂ i.

 

Vescovi, emperadori, prìnzipi e conti
tuti i me voleva, se gh’era da copĂ r
e anca quando qualchedĂąm m’envidiĂ©va
prima o dopo con mi ‘l gaveva da far.

 

Madruzo, ValenstĂ in, e tanti generĂ i
i m’ha semper dat tant da guerezĂ r
no l’era fĂ zile star semper en pè…
anca mi ho dovĂą ogni tant tramizĂ r.

 

Austriàzi, svedesi, spagnòi e danesi
bandère nela polver n’ho vist tante
zènt enfrizàda o co la testa taiada
en guera se sa, le mam no le è sante.

 

Te conto demò perché som finì chi soto
tut colpa dei gazèri zò nel mantovàm
da mesi zerchevem soto quei muri vèci
de farli vegnir fora, per sé o la fam.

 

Ale tante mi e me cugnĂ , el GiovĂ ni
sem riusìdi a nar denter ‘n la zitĂ 
e alora via che la vaga per i soldai
robar, spacar…le done i ha violentĂ .

Mattia Galasso

 

Tre dì e tre nòt è durà sto bacanàl,
a forza de bever nesun stĂ©va ‘n pĂ©
po’ quel che gh’era n’l sem spartì
e na volta ciapĂ  no l’è tornĂ  endrĂ©.

 

Ma la malediziĂłm no l’è sol quĂ©la…
chĂ© n’altra bruta ho ciapĂ  sul col
avevo comprĂ  su a Trent quel palĂ z
fat però dal Diàol par tut da sol.

 

E da alora no som stà pù tant bèm
avevo anca ciapĂ  massa scortelĂ e
strĂ ch, senza nesuni da comandĂ r
som finì da sol, senza tante monàe.

 

Ah, se gavés ancor la me vecia forza
de zerto no starìa a pianzerme endòs
en sèla al caval e via come na volta
a tanti ghe farìa far la fim dele nós.

 

Me par envéze che dopo, tuti i Galas
i sia deventài gnèchi e polentoni
quei che scrive, quei che fa le foto
i feri i li dropa sol come marangoni.

 

Gh’è quei che gira coi cĂ ri gròssi
altri che ensegna ginastica a scola
quei che fa controsofìti e piastrèle
e quei che i comanda sol ala bĂłla…

 

No è vegnù for gnente da sta faméa
a parte enzigneri, dotori, contadini
l’è comoda star en pĂ ze senza guera
e far casini sì, ma nei condomìni…

 

Ah no, ghe n’è stĂ  forsi um dei nossi
che de mi l’ha portĂ  envanti l’onor
Bruno me par el se ciamèssa si…
mort sul carrarmato del so batagliom

 

Ogni tant ricordéve del vòs Matìa
che gh’è ‘me quadro al Bonconsìli
vardé come tegno la testa su alta
e giuro, no l’è tegnĂąa su dai fili”.

 

San Romèdi l’era sta zìto fim alora
e zito l’è restĂ  anca n’ora dopo
El me vardéva ogni tant da lontàm
come a dir: “Che parenti, por pòpo”.

PER SAPERNE DI PIU’:

GALAS (SO), antenati, diavoli e saccheggi – 1

GALAS (SO), antenati, diavoli e saccheggi – 2

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento