NOI, OMENI…

Podrìa dirte che ne volerém bèm per tuta la vita

che mai e po’ mai ghe sarĂ  n’embròi tra noi doi,

podrìa dirte che narò ‘n del lèt sol con ti, con ti,

e che no te gavrĂ i mai da dir su quel che farò…

Podrìa dir che fim che la mort no la ne spartirà

sarĂ©m sol noi, a viver ‘sta vita semper ensèma

e che anca dopo qualche barùfa farèm la pàze

perchĂ© el nos mondo l’è fat sol da noi, da noi…

Po’ te vedi come sem fati, soratĂąt noi, i òmeni,

pensém che quando le dòne le stà a nossa cà

le sia come n’auto che te seri la sera en garĂ s,

e che da lì no le pòda nar fora, senza le ciàvi.

E se suzĂ©de che le ciĂ vi le done le le trova…

alora deventém come i diàoi, no capim gnent

arivém anca a coparle, perché così se deve far

quando le dòne – diseva vecie legi – le scàpa.

Scòltem veci dischi d’amor, ghe balĂ©m ensèma

fém fioi, gavém neoi, se fa a mèssa la domenega

ah che rider col zio bepi e le barzeléte sporche

e po’ ‘n del lèt, voltandose cui, spĂ le e gambe.

No se pol parlar de done copade sui giornĂ i

sol per dir che l’è zamĂ i ora de mocĂ rla lì,

se da chi a ‘n par de mesi la capita de nof

e alora no se farĂ  alter che dir de una en pĂą.

Som anca mì n’òm, madona quanti sbagli…

anca quel de no aver capì chi me voleva bem

Ma no ho mai dat en sciĂ f a na dona, mai…

l’è stĂ  meio averlo ciapĂ : la gavĂ©va resòm.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.