LA SERA DE NADAL


La sera de Nadal

di Cornelio Galas

Te te sènti encoconĂ . Piem. Con tut quel che t’hai butĂ  zo nel stĂłmech. Con tut quel che t’hai dropĂ  per brevĂ rlo. Con quel che è vegnĂą dopo ‘l cafè. Ma soratut te te dĂ i del mona: perchĂ© dopo tante diete a zona, a òm, 4-3-2-1 (l’è en schema copiĂ  da quei che zuga al balom: le barĂ©te da magnar drio mam) te te senti anca ‘n falì.

Um che parla, ciacera ma po’ no ‘l fa. Um che no ha dit de no ai antipasti, al pam, ale luganeghe taiĂ de zo fine fine… ala pasta ale zime de rava, ala griliada de carne.. e zĂł che ‘l vaga el marzemin de Isera … dai che n’em fem portar n’altra botilia, se ciĂ va. E po’ i contorni… e po’ i dolzi. Te te senti davĂ©ra come quel che voleva smeter de fumar e l’è vegnĂą fòra dal tabachim con do steche de zigareti… eh, sat, soto le feste magari i sèra e se vei i amizi che fuma… Ma dai che te te fumi la prima steca prima ancora che sera i dalbom i tabachini…

La sera de Nadal, dopo le ciĂ cere coi parenti, i brindisi, el scartozĂ r regĂ i, te te senti – se pòl dirlo? – come en rugant. Che pensa sol a magnar, a bever, a fumar, a repetĂ r (nel cèso, se sa), a rutar (semper lontam, se sa) e a contĂ rte la solita storia: “Dai che almem a Nadal se pòl o no? Meti che sia l’ultim…”.

Quel che me ciĂ va però l’è semper el dì dopo. Sant Stèfem. I casi i è doi: o la vĂ  de vanzaròti a casa. O se va de nòf fora a magnar. Ala fim no savrìa propri dirve cossa che l’è meio. Ve ‘l savrò dir el prim de zenèr, perchĂ© ghe sem neh, dopo ste gran magnae, ste gran bevue…ariva anca el prim de l’am. E subit dopo le tasse da pagar…tute ensema. Che de solit le passa via de tant quel che v’è vanzĂ  dala tredicesima. Se l’è arivada, se sa…

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento