Ieri ho sofferto il dolore

Ieri ho sofferto il dolore

Di Alda Merini

 
Ieri ho sofferto il dolore,
non sapevo che avesse una faccia sanguigna,
le labbra di metallo dure,
una mancanza netta d’orizzonti.
Il dolore è senza domani,
è un muso di cavallo che blocca
i garretti possenti,
ma ieri sono caduta in basso,
le mie labbra si sono chiuse
e lo spavento è entrato nel mio petto
con un sibilo fondo
e le fontane hanno cessato di fiorire,
la loro tenera acqua
era soltanto un mare di dolore
in cui naufragavo dormendo,
ma anche allora avevo paura
degli angeli eterni.
Ma se sono così dolci e costanti,
perchè l’immobilitĂ  mi fa terrore

 

Algièri ho patì de tut

Sì, algièri ho patì assà

no savèvo che ‘l dolòr

fĂąs na facia ensanguinĂ da

co i làvri de fèr, duri

e senza gnent davanti

El dolòr? Ah dopo finìs tut

l’è come ‘n cavĂ l che de colp

smète de correr

Ah ma algièri l’è nĂ da propri mal

me son sentìa endinociàda

per tèra, senza savèrlo

entòrno robe che fìscia, che fa paura

sol a vardarle

pensa che anca le piante

anca le fontane

no le butèva nè fiori, ne acqua

e mi, ciapĂ da ‘n mèz a ste paure

pensa ti, dormìvo, dormivo …

e me remenèvo però nel lèt

per colpa dei Ă nzoi, dei Ă nzoi

che vegnìva a tòrme …

E adès, ancora adès, pensa

me domando el perchè

de tute ‘ste mè manìe

de tute ‘ste me paure

per quel che resta fermo

e no cambia, no cambia mai

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento