ARCO, COSA C’ERA OGGI SUL GIORNALE? – 21 novembre

a cura di Cornelio Galas

21 novembre 2000

21 novembre 2000

21 novembre 2000

21 novembre 2001

21 novembre 2001

21 novembre 2001

21 novembre 2002

21 novembre 2002

21 novembre 2002

21 novembre 2003

21 novembre 2003

21 novembre 2003

21 novembre 2004

21 novembre 2004

21 novembre 2005

21 novembre 2005

21 novembre 2005

21 novembre 2006

21 novembre 2006

21 novembre 2006

21 novembre 2006

21 novembre 2006

21 novembre 2007

21 novembre 2007

21 novembre 2007

21 novembre 2008

21 novembre 2008

21 novembre 2008

21 novembre 2009

21 novembre 2010

21 novembre 2010

21 novembre 2012

21 novembre 2012

21 novembre 2012

21 novembre 2012

21 novembre 2012

21 novembre 2013

21 novembre 2013

21 novembre 2013

21 novembre 2014

21 novembre 2014

21 novembre 2014

21 novembre 2014

21 novembre 2015

21 novembre 2015

21 novembre 2015

21 novembre 2015

21 novembre 2015

21 novembre 2015

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

RIVA, COSA C’ERA OGGI SUL GIORNALE? – 21 novembre

a cura di Cornelio Galas

21 novembre 2000

21 novembre 2000

21 novembre 2002

21 novembre 2002

21 novembre 2002

21 novembre 2002

21 novembre 2002

21 novembre 2003

21 novembre 2003

21 novembre 2003

21 novembre 2003

21 novembre 2003

21 novembre 2003

21 novembre 2004

21 novembre 2004

21 novembre 2004

21 novembre 2005

21 novembre 2006

21 novembre 2006

21 novembre 2006

21 novembre 2006

21 novembre 2006

21 novembre 2007

21 novembre 2007

21 novembre 2007

21 novembre 2007

21 novembre 2008

21 novembre 2009

21 novembre 2009

21 novembre 2009

21 novembre 2009

21 novembre 2010

21 novembre 2010

21 novembre 2010

21 novembre 2011

21 novembre 2012

21 novembre 2012

21 novembre 2013

21 novembre 2013

21 novembre 2013

21 novembre 2013

21 novembre 2013

21 novembre 2014

21 novembre 2015

21 novembre 2015

21 novembre 2015

21 novembre 2015

21 novembre 2016

21 novembre 2016

21 novembre 2016

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Orsi (e altro) sui giornali – 21 novembre

a cura di Cornelio Galas

21 novembre 2000

21 novembre 2001

21 novembre 2001

21 novembre 2001

21 novembre 2001

21 novembre 2001

21 novembre 2002

21 novembre 2002

21 novembre 2002

21 novembre 2003

21 novembre 2003

21 novembre 2004

21 novembre 2005

21 novembre 2006

21 novembre 2006

21 novembre 2006

21 novembre 2006

21 novembre 2006

21 novembre 2007

21 novembre 2009

21 novembre 2009

21 novembre 2009

21 novembre 2010

21 novembre 2010

21 novembre 2010

21 novembre 2011

21 novembre 2012

21 novembre 2012

21 novembre 2013

21 novembre 2013

21 novembre 2014

21 novembre 2014

21 novembre 2015

21 novembre 2015

21 novembre 2015

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

21 novembre, che tempo faceva oggi?

a cura di Cornelio Galas

21 novembre 2017

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

RESISTENZA, LETTERE DI CONDANNATI A MORTE – 2

a cura di Cornelio Galas

Roma, Museo Storico della Liberazione, Via Tasso 155, era il Comando SS e Gestapo, della polizia Nazista durante l’occupazione da parte delle Germania durante la Seconda Guerra Mondiale. Le celle dove venivano tenuti i combattenti della resistenza romana.

Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana

Le lettere selezionate sono tratte dai libri di Malvezzi e Pirelli (“Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana”, Einaudi, Torino 1994, quindicesima edizione) e di Avagliano e Le Moli (“Muoio innocente. Lettere di caduti della Resistenza a Roma”, Mursia, Milano 1999).

Vito Artale

Vito Artale

(Il pensiero di essere) in quello stato per il bene del servizio e del Paese, è sufficiente a sostenere qualunque sofferenza con entusiasmo, forse la morte. (…) Non ti allarmare se dovessi partire. Tutto previsto. Importa soltanto che sia libera Roma. (…) Bisogna prevedere tutto. Se io non dovessi più tornare…

Ugo Baglivo

In questa mia prima lettera ti mando anzitutto i segni del mio affetto. Tu e la piccola Simonetta siete tutto il mio mondo e solo per la grande tragedia in cui siamo travolti non possiamo godere di noi. Purtroppo oltre i doveri individuali e familiari, vi sono anche dei doveri nazionali e umani che bisogna rispettare. Per questo ti prego di volermi compatire e comprendere.

Pietro Benedetti

11 aprile 1944

Ai miei cari figli, quando voi potrete forse leggere questo doloroso foglio, miei cari e amati figli, forse io non sarò più fra i vivi. Questa mattina alle 7 mentre mi trovavo ancora a letto sentii chiamare il mio nome. Mi alzai subito. Una guardia aprì la porta della mia cella e mi disse di scendere che ero atteso sotto. Discesi, trovai un poliziotto che mi attendeva, mi prese su di una macchina e mi accompagnò al Tribunale di Guerra di Via Lucullo n. 16. Conoscevo già quella triste casa per aver avuto un altro processo il 29 febbraio scorso quando fui condannato a 15 anni di prigione.

Ma questa condanna non soddisfece abbastanza il comando tedesco il quale mandò l’ordine di rifare il processo. Così il processo, se tale possiamo chiamarlo, ebbe luogo in dieci minuti e finì con la mia condanna alla fucilazione. Il giorno stesso ho fatto la domanda di grazia, seppure con repulsione verso questo straniero oppressore.

Tale suprema rinuncia alla mia fierezza offro in questo momento d’addio alla vostra povera mamma e a voi, miei cari disgraziati figli. Amatevi l’un l’altro, miei cari, amate vostra madre e fate in modo che il vostro amore compensi la mia mancanza. Amate lo studio e il lavoro. Una vita onesta è il migliore ornamento di chi vive.

Dell’amore per l’umanità fate una religione e siate sempre solleciti verso il bisogno e le sofferenze dei vostri simili. Amate la libertà e ricordate che questo bene deve essere pagato con continui sacrifici e qualche volta con la vita. Una vita in schiavitù è meglio non viverla. Amate la madrepatria, ma ricordate che la patria vera è il mondo e, ovunque vi sono vostri simili, quelli sono i vostri fratelli.

Siate umili e disdegnate l’orgoglio; questa fu la religione che seguii nella vita. Forse, se tale è il mio destino, potrò sopravvivere a questa prova; ma se così non può essere io muoio nella certezza che la primavera che tanto io ho atteso brillerà presto anche per voi. E questa speranza mi dà la forza di affrontare serenamente la morte.

Mia cara Enrichetta, ho voluto tacerti fino ad oggi la triste realtà nella speranza di ottenere una impossibile grazia. Purtroppo è la fine. Sono straziato di non poter rivedere i miei figli. Ora tu sei tutto per loro. Sii forte per loro. Tu sai che al mondo ho fatto solo il bene e perciò morirò tranquillo. Bacia per me i miei figli ed educali nell’amore e nel lavoro. Addio, mia diletta e sfortunata compagna, bacia per me mio padre, i tuoi cari genitori, i cugini e gli zii. Salutami tutti gli amici e ringrazia coloro che hanno tentato purtroppo inutilmente di salvarmi. Un ultimo abbraccio e un bacio per tutta la vita, Tuo Pietro.

Luigi Castellani

Mia cara, dal biglietto che mi mandasti per Flora seppi della visita di quei signori il giorno del mio fermo. Sono più tornati? Forse non torneranno più. Desidero in ogni modo che in casa non ci sia nulla che possa lasciare dubbi o sospetti. Ricordi la Stella di Mario Pini e le foto che portò? Via, via tutto. Capito? Così pure la vecchia e inservibile pistola di papà, di cui, sfasciata com’è non dovrebbe dare pensiero, ma io non voglio correre altri rischi per delle cose inutili.

Basta con le generosità. Basta con le fesserie. Io fui interrogato appena mi portarono qui, poi non più. Dei foruncoli sono quasi guarito, ora curerò la scabbia. Ebbi il tuo tubetto. Ti lascio immaginare l’emozione di vederti e il disappunto e la tristezza di non poterti parlare… Pazienza… Dio ci aiuterà. Osserva sempre attentamente la biancheria. Ti bacio e ti abbraccio Giggi tuo

Dina mia cara, Compagno di… stanza. Il latore della presente, Pasquale Casa, ha diviso con me ansie e dolori per tanti lunghissimi giorni. Ora finalmente può tornare ai suoi cari, alla libertà. E’ stato sempre con me un ottimo compagno e lui potrà dirti del mio tormento. Sono anche certo che fuori di qui avrà ancora qualche pensiero per me. Si porta ora con sè tutto il mio accorato desiderio della mia casa. Ti dirà che io ti benedico per le tue parole di fede per la tua certezza di riavermi presto accanto a te e ai nostri bimbi. Io ardentemente lo spero, ma qui dentro anche la speranza è una piccola lampada dalla fiamma esile che ogni alito basta a turbare…

Ma non voglio portare altro peso di tristezza al tuo già pesante fardello. Ti prego fare quanto più possibile economia. Carlo ha forse potuto rimediare con le scarpe? Io ti rimanderò i miei sandali che lui potrà portarli, almeno per ora. Io posso benissimo portare queste poiché il piede comincia ad abituarcisi; del resto qui non si cammina molto. Vedi di studiare con Andronico e Carlini la possibilità di fare assumere Carlo al mio posto all’Annona. Confido insomma sulla tua saggezza. So di poter contare su di te.

Raccomando a Carlo e Orio l’obbedienza più assoluta. In quest’ora dolorosa ognuno di loro saprà dar prova che si può diventare uomini in anticipo. Stringili al cuore e baciali anche per me. La Madonna non ci abbandonerà. Con tutto il mio cuore ti bacio. Giggi tuo

Giuseppe Celani

Giuseppe Celani

Sono oramai abituato a ben altre sofferenze, fisiche e morali, specie dove ero prima e che raggiungevano forme che, ti garantisco, mente umana non può concepire se non le ha provate.

Saverio Coen

Regina Coeli 24 marzo 1944

Saverio Coen

Miei cari Pier Enrico e Gian Carlo. Vi scrivo in un momento molto doloroso. Siete molto giovani e molte cose da grandi vi ricorderete del vostro padre al quale volete molto bene. (…) Amatevi fra di voi, aiutatevi, rispettate sempre la vostra cara mamma e prendete moglie simile a Lei e sarete felici. Amen. Vi bacio. Saverio.

Giuseppe Cordero Lanza di Montezemolo

Se tutto andasse male Juccia sappia che non sapevo di amarla tanto: rimpiango solo lei ed i figli. Confido in Dio. Però occorre aiutarsi. Io non posso che resistere e durare. Lo farò per quanto umanamente possibile. Insistete per la soluzione totale (Vaticano chieda internamento). Se vuole può ottenerlo e risolve tutto. Beppo.

Giuseppe Cordero Lanza di Montezemolo

Gerardo De Angelis

3–2 (1944)

Cara Amelia. Forse ho le ore contate dinanzi a me in questo momento vorrei dirti tante cose raccomandarti i nostri figli ma mi manca lo spazio, come vedi. Sii forte e sappi guidare per il meglio i nostri cari. La tragedia che s’è abbattuta inesorabile sul nostro suolo ha colpito anche la nostra famiglia! Adesso non rimani che te, sappi affrontare l’avvenire con serenità… E per me abbi del perdono come l’hai sempre avuto. Ricordami nelle tue preghiere come ricorderai tutta la nostra vita.

Ti stringo forte e ti bacio tuo Dino. Vendete la bicicletta e regolate col falegname pagandolo così quando sarà la rivenderete bene. Mamma perdonami e benedicimi ti stringo caramente tuo figlio. La notte del 3 Febbraio notte eterna, lunga, desolata. L’unico conforto nella preghiera, l’unico pensiero agli esseri che ho tanto amato. Vi abbraccio tutti l’ultimo ma il più forte. Addio miei cari pregate per me. Dino Dino Dino vostro.

Gerardo De Angelis

Mario De Martis

LE MIE PRIGIONI

10 aprile 1944. Dopo 14 giorni inizio questo mio diario sperando in cuor mio di terminarlo presto per la riconquistata libertà. Di questi 14 giorni vissuti nel carcere delle SS di via Tasso, molte e molte cose potrei dire, ma preferisco tralasciare e prendere in considerazione solamente quanto succederà d’ora in avanti. Inizierò col parlare della mia cella. Essa è situata al 2° piano ed è contraddistinta col n. 5: un termosifone eternamente spento, una lampadina eternamente accesa, una porta ed una finestra insistentemente chiuse, quest’ultima naturalmente murata.

Vi sono inoltre due panche di legno che servono da duro letto per 2 degli inquilini che sono designati dalla maggiore permanenza in questo inaccessibile luogo in cui è tanto facile entrare quanto difficile uscire. Qui è giocoforza trascorrere tutte le interminabili ore del giorno e della notte e di queste ore contare i minuti primi ed i minuti secondi, uno ad uno. La vita trascorre così monotona ed uniforme: al giorno succede la notte ed a questa un nuovo giorno. Colle prime luci dell’alba e col primo sole apriamo gli occhi e con gli occhi il cuore alle speranze. 14^ speranza inutile oggi!

Regina Coeli, 10.5.1944

Mamma adorata,
24 ore fa sono stato condannato a morte dal Tribunale Militare di Guerra Germanico. Ho il solo grande dolore di non poterti nemmeno riabbracciare! Perdonatemi, tu e babbo, se talora vi ho fatto adirare! Ma sappiate che mai come ora vi voglio bene e vi ringrazio di quanto avete fatto per me. Un bacio forte forte dal vostro Mario.

Costantino Ebat

Roma, lì 11 Maggio 1944

Mia adorata e tanto buona, nella grande disgrazia che ci ha scolpito il nostro affetto già profondo si è ancora più saldato e mi sei apparsa come la mia seconda mamma, premurosa, tenera, sublime e cara come la prima, e come un figlio ti benedico e imploro il Signore affinché ti dia la ricompensa che ti meriti, cioè pace e serenità nella vita. Ricordo quanto hai fatto per me in questi sette mesi, quanti sacrifici e quante pene! Te ne chiedo scusa umilmente.

Non devi piangere per me: io sono lieto e felice del mio destino e ad esso sorrido senza batter ciglio. Non ho mai avuto paura della morte come non ho mai avuto paura della vita. Basta che non piangete voi, Mamme adorate: io non mi staccherò mai da Voi e non vi abbandonerò mai più, credetelo. Ti abbraccio mia buona e cara Maria, forte forte unita ai tuoi cari che sono i miei cari, e ti chiedo perdono davanti a Dio del dolore che ti ho arrecato. Ti vuole tanto bene il tuo Costanzo.

Roma, lì 11 maggio 1944
dal Carcere Regina Coeli

Mario, piccolo mio Ninì, come vedi il tuo papalino se ne va senza poterti parlare come vorrebbe, ma ti scrive ancora una volta, una letterina solo per te, come sempre tu mi chiedevi. Il mio sogno era quello di vederti crescere, di istruirti a tuo modo; forgiarti alle tue idee e ai tuoi sentimenti. Ma tutto è perduto; ti è rimasto il mio esempio e tu ne sono certo, saprai calcare questa orma di onestà e lealtà. Saprai esserne degno non è vero? Questo devi prometterlo sulla mia tomba, come io lo promisi col sacro giuramento sulla tomba del padre mio.

Tu dovrai portare il mio nome e onorarlo perché è sacro per te. Ama tanto la tua cara Nonnina; tu devi prendere completamente il mio posto perché la sua pena venga alleviata e perché non senta tanto il vuoto che si è formato intorno a lei. Ama tanto la tua cara mammina, tu non potrai mai sapere quanti immensi sacrifici ha sopportato per te, quanti dolori e umiliazioni ha patito per farti un ometto quale tu sei. E’ stata tanto sfortunata nella sua vita, quanto è stata buona e affettuosa.

E tu devi ricompensare con affetto e buone azioni. Ma soprattutto ama e abbi fede nella Patria. Ad essa anteponi tutti gli affetti e se ti chiede la vita offrigliela cantando.

Sentirai allora, come io lo sento adesso, quanto è bello morire per lei e che la morte ha un effettivo valore. Sappi e non dimenticarlo mai che il tuo papalino se ne va sorridendo, fiducioso e senza un attimo solo di debolezza, da uomo forte di nervi e di animo, sicuro di aver fatto fino all’ultimo istante il suo dovere verso la Patria amata. Sii uomo forte e fiero, buono e giusto. Ti bacia tanto teneramente Il tuo papalino Costanzo.

Riziero Fantini

(30 dicembre 1943)

Cara, l’ultimo mio pensiero è per te. Muoio col tuo nome sulle labbra e quello dei figli. Vi auguro molto bene. Tuo Riziero.

Riziero Fantini

Edmondo Fondi

Carissimo fratello, come avrai appreso sono 15 giorni che la polizia Repubblicana di via Genova venne arrestarmi a casa di mio cognato mentre mi preparavo a partire per Velletri alla ricerca dei nostri famigliari rimasti colpiti dal bombardamento aereo del 22 febbraio. Avete saputo qualche cosa di loro? e di Adele e Wanda? Non avendole potuto portare nessun soccorso a non aver loro notizia mi sento di stringere l’anima! Ho scritto tre lettere a mia moglie da quando sono qui dentro ma non so nulla di lei, chi sa come vive dopo il nostro arresto.

E’ inutile che ti trascrivo come si vive male qui dentro, la fame è tanta da fare spavento, si dorme su un lurido pagliariccio per terra, fra pulce, pitocchi e cimice che sono le più schifose e tormentose, si è completamente allo scuro, senza asciugamano, senza lenzuoli, dal giorno che mi hanno arrestato che dormo vestito.

Come già ho scritto a mia moglie e al Direttore della Società che provvedessero a farmi avere il pranzo abbondante tutti i giorni e la biancheria spesso. Per il pranzo potete ordinarlo alla trattoria Fiorelli che è in via Veneto, il Direttore Porri può pensare lui a parlare con il sig. Fiorelli e mandare il pranzo per il ragazzo dell’Ufficio, per ciò che spendete vi rimborserò io quando uscirò, oppure fatevi rimborsare da mia moglie.

Quello che ti raccomando di volerti interessare presto a mandarmi da mangiare, altrimenti faccio la fine del Conte Ugolino. Non dimenticare di mandarmi anche le sigarette o il tabacco per farle con le cartine e uno spazzolino per i denti. State tutti tranquilli, non state in pensiero per me, fate animo a mia moglie, con la speranza di riabbracciarvi presto a tutti vi bacio con grande affetto tuo aff.mo fratello Edmondo Scrivetemi dandomi notizie dei nostri famigliari di Velletri

21-3-44

Mia cara moglie, dal giorno che fui portato qui al “Grande Hotel” ti ho scritto parecchie volte, e precisamente due volte alla settimana, meno una lettera che ho indirizzato a mio fratello Amedeo, ma non so se tanto te che lui l’avete ricevute giacché non m’è pervenuta nessuna risposta.

Sono già trascorsi 26 lunghissimi giorni ma ancora non si può sapere il perché mi hanno arrestato, prima mi dissero che portavo rifornimenti ai ribelli a Velletri; poi non più in detta città bensì a Cassino, avendo dimostrato che la roba nella busta di cuoio erano oggetti più per bambini che per adulti e anche da donna, allora mi dissero che erano per le famiglie dei ribelli! ma speriamo che presto si convingano della verità e che mi ridaranno alla mia libertà e al lavoro.

Il Sig. Questore di Roma credo che sia il fratello di S.E. Mario Carusi, se ciò è vedete un po’ di parlare qualcuno con lui che mi conosce personalmente, cercate di sapere l’indirizzo di S.E. Carusi, che anche tu ài conosciuto a Col di Lana nella gita sui campi di Battaglia, il famoso filo di insalata, cosa che a me non occorre per mettermi appetito perché ne ho abbastanza.

Di salute sto bene così spero di voi tutti di famiglia. Da sabato scorso che mi hanno cambiato braccio, dal 7° mi hanno portato al 6°. La cella è più pulita e nel pomeriggio ci è un po’ di sole, oggi mi hanno dato anche due lenzuoli, per mancanza di acqua non si può fare il bagno che ne ho tanto bisogno di lavarmi per togliermi il grande prurito che sento nella vita e che non mi fa dormire.

Questa mattina il Dott. mi ha detto che mi farà visitare dallo specialista per la ferita che mi butta. Come fai per il negozio? La commessa di Abano a più scritto? Vei se tu o miei fratelli a Roma possono avere un colloquio, il permesso bisogna richiederlo alla Polizia politica di via S.Vitale. Con i pacchi vedi se puoi mandarne quel po’ di tabacco di cicche che era nella scatola con le cartine. Ieri l’altro giorno di S. Giuseppe vi ho pensato a tutti ripensando i giorni che si festeggiava l’onomastico del caro papà! Vi abbraccio e bacio a tutti, tuo aff.mo
Mondo

Genserico Fontana

Febbraio 1944

(…) La speranza che chi adesso è fuori si ricordi delle promesse fatte a chi è rimasto dentro è ormai completamente delusa; dobbiamo cercare di salvarci da noi. Il pericolo di restare qui dentro non è tanto nelle eventuali conseguenze delle responsabilità di cui ci fanno carico, quanto nella possibilità di essere presi per le decimazioni di rappresaglia che i tedeschi usano fare. Dobbiamo evadere al più presto.

Giovanni Frignani

28 febbraio 1944

Carissima Lina, approfitto ancora una volta della gentilezza del mio compagno per scriverti una lettera in chiaro, sicuro che ti sarà recapitata. Siamo oggi al 38° giorno di mia permanenza in questa cella, che tu conosci e che tu sola puoi comprendete quanto sia penosa: c’è da impazzire. Dal giorno dell’arresto siamo qui quasi al buio, per terra, senza poter fare un passo; la mia tristezza rasenta in certi momenti la disperazione. Resisto, perché il fisico, mercé l’alimento che tu mi procuri, mi dà ancora forza, resisto fisicamente, ma moralmente sono mortalmente abbattuto.

Che cosa sarà di noi? Questa è la tragica domanda che mi rivolgo. Mi dici di stare tranquillo ed io cerco di esserlo, ma perché nascondersi il buio che avvolge il mio avvenire! Se le cose andranno nel migliore dei modi avrò una condanna, piccola o grande non conta, tanto dovrò giungere alla fine della guerra, ma dove? Ci pensi tu? in Germania? in Polonia? E se in Italia, mi lasceranno tranquillo gli amici nostri? Non vedo in tutto questo un solo raggio di luce che possa darmi una piccola speranza.

E voi? che cosa sarà di voi? quanto potrò rivedervi? Tutte domande che assillano continuamente il mio spirito in queste lunghe, infinite giornate, delle quali conto i minuti, razzolando su questo duro pavimento. Io qui non ho bisogno di nulla; tengo poche cose, perché tutto quel che ho, l’ho per terra, come puoi bene immaginarti.

L’unico momento possibile della giornata è quello in cui giunge il pranzo; è il solo collegamento con voi e con la vita, e la giornata si impernia tutta lì. Non ho neppure più l’orologio, le ore le fisso col pranzo, che viene sempre poco dopo mezzogiorno. Il resto della giornata si sta sdraiati sul pavimento come le bestie e si dormiveglia, sempre pensando alla tragedia che ci sovrasta.

Ringrazia tutti coloro che si interessano a me e specialmente la marchesa di Meana e dì loro la mia riconoscenza. Pensa a Vittorio e vedi che cosa sia il caso di fare dopo il nuovo decreto. Ti abbraccio e ti bacio con grande affetto Giannino. Ho servito come un buon soldato la mia disgraziata Patria, e spero soltanto nella giustizia di Dio, non in quella degli uomini.

Leone Ginzburg

Natalia cara, amore mio ogni volta spero che non sia l’ultima lettera che ti scrivo, prima della partenza o in genere; e così è anche oggi. Continua in me, dopo quasi una intera giornata trascorsa, il lieto eccitamento suscitatomi dalle tue notizie e dalla prova tangibile che mi vuoi così bene. Questo eccitamento non ha potuto essere cancellato neppure dall’inopinato incontro che abbiamo fatto oggi. Gli auspici, dunque, non sono lieti; ma pazienza. Comunque, se mi facessero partire non venirmi dietro in nessun caso. Sei molto più necessaria ai bambini, e soprattutto alla piccola.

E io non avrei un’ora di pace se ti sapessi esposta chissà per quanto tempo a dei pericoli, che dovrebbero presto cessare per te, e non accrescersi a dismisura. So di quale conforto mi privo a questo modo; ma sarebbe un conforto avvelenato dal timore per te e dal rimorso verso i bambini. Del resto, bisogna continuare a sperare che finiremo col rivederci, e tante emozioni si comporranno e si smorzeranno nel ricordo, formando di sé un tutto diventato sopportabile e coerente.

Ma parliamo d’altro. Una delle cose che più mi addolora è la facilità con cui le persone intorno a me (e qualche volta io stesso) perdono il gusto dei problemi generali dinanzi al pericolo personale. Cercherò di conseguenza di non parlarti di me, ma di te. La mia aspirazione è che tu normalizzi, appena ti sia possibile, la tua esistenza; che tu lavori e scriva e sia utile agli altri.

Questi consigli ti parranno facili e irritanti; invece sono il miglior frutto della mia tenerezza e del mio senso di responsabilità. Attraverso la creazione artistica ti libererai delle troppe lacrime che ti fanno groppo dentro; attraverso l’attività sociale, qualunque essa sia, rimarrai vicina al mondo delle altre persone, per il quale io ti ero così spesso l’unico ponte di passaggio.

A ogni modo, avere i bambini significherà per te avere una grande riserva di forza a tua disposizione. Vorrei che anche Andrea si ricordasse di me, se non dovesse più rivedermi. Io li penso di continuo, ma cerco di non attardarmi mai sul pensiero di loro, per non infiacchirmi nella malinconia. Il pensiero di te invece non lo scaccio, e ha quasi sempre un effetto corroborante su di me. Rivedere facce amiche, in questi giorni, mi ha grandemente eccitato in principio, come puoi immaginare. Adesso l’esistenza si viene di nuovo normalizzando, in attesa che muti più radicalmente.

Devo smettere, perché mi sono messo a scrivere troppo tardi fidando nella luce della mia lampadina, la quale invece stasera è particolarmente fioca, oltre ad essere altissima. Ti continuerò a scrivere alla cieca, senza la speranza di rileggere. Con tutto il Tommaseo che ho tra le mani, sorge spontaneo il raffronto con la pagina di diario di lui che diventa cieco. Io, per fortuna, sono cieco solo fino a domattina.

Ciao, amore mio, tenerezza mia. Fra pochi giorni sarà il sesto anniversario del nostro matrimonio. Come e dove mi troverò quel giorno? Di che umore sarai tu allora? Ho ripensato, in questi ultimi tempi, alla nostra vita comune. L’unico nostro nemico (ho concluso) era la mia paura. Le volte che io, per qualche ragione, ero assalito dalla paura, concentravo talmente tutte le mie facoltà a vincerla e non venir meno al mio dovere, che non rimaneva nessun’altra forma di vitalità in me.

Leone Ginzburg

Non è così? Se e quando ci ritroveremo, io sarò liberato dalla paura, e neppure queste zone opache esisteranno più nella nostra vita comune. Come ti voglio bene, cara. Se ti perdessi, morirei volentieri. (Anche questa è una conclusione alla quale sono funto negli ultimi tempi). Ma non voglio perderti, e non voglio che tu ti perda nemmeno se, per qualche caso, mi perderò io. Saluta e ringrazia tutti coloro che sono buoni e affettuosi con te: debbono essere molti. Chiedi scusa a tua madre, e in genere ai tuoi, di tutto il fastidio che arreca questa nostra troppo numerosa famiglia.

Bacia i bambini. Vi benedico tutti e quattro, e vi ringrazio di essere al mondo. Ti amo, ti bacio, amore mio. Ti amo con tutte le fibre dell’essere mio. Non ti preoccupare troppo per me. Immagina che io sia un prigioniero di guerra; ce ne sono tanti, soprattutto in questa guerra; e nella stragrande maggioranza torneranno. Auguriamoci di essere nel maggior numero, non è vero, Natalia? Ti bacio ancora e ancora e ancora. Sii coraggiosa. Leone.

Romolo Iacopini

(2/2/1944)

Cara adorata madre, non avrei mai creduto di darti tanto dolore, ma il destino ha voluto così, quindi ti chiedo perdono a te come pure ai miei cari fratelli, sorelle e amici. Mamma cara, tu sola mi comprendi e sostieni questo terribile momento e non mi resta che dirti addio e farti auguri per una vita migliore della mia. Auguro pure che la nuova Italia sia più forte, degna e libera per le nuove generazioni.

Mi sento veramente un italiano, contento di andare alla morte invocando la tua benedizione. Ti bacio e vi bacio tutti. Il vostro Romolo. P.S. L’orologio l’ho consegnato al reverendo padre che te lo darà personalmente, parlandoti ancora di me. Per il portafoglio contenente L. 2200, si trova sempre a Via Tasso presso il comando, dove andrai a ritirarlo.

Giorgio Labò

Giorgio Labò

Labò Giorgio di Mario – nato a Modena il 29 maggio 1919 – studente in architettura.

Andare dal Prof. Argan, Via Giacinto Carini 66 – Monteverde, filobus 129 – pregarlo di informare la famiglia che lui è passato con la massima serenità.

Roberto Lordi

Livia adorata, supremo mio bene, non ho né spazio né tempo per darti mie notizie. Siamo all’oscuro. Ti prego mandarmi una maglia con una macchia d’inchiostro sul davanti se le notizie sono positivamente buone – con una macchia sul dorso se cattive – con una macchia sul braccio se così così. Mandami delle fialette di pantopion e di M. che userei solo… – Si può cadere vittima delle chiacchiere pur non avendo commesso nulla.

Roberto Lordi

Se ciò si dovesse verificare ti raccomando di fare ricerche del mio corpo e di comporlo vicino al tuo. Raccomanda a (Mi)chelino, che ho voluto bene come un figlio, questo mio supremo desiderio. Tieni il collegamento con la Signora Martelli. Tutte le volte che portano qualche cosa a lui mandami anche tu – così non mi sentirò abbandonato. Attendo con ansia notizie. Sui pacchi anche il solo nome scrivilo tu. Il conte Graziani Stacchini si raccomanda. Con Betto e Michelino vi abbraccio e vi benedico. Tuo Roberto.

Umberto Lusena

Roma, 24 marzo 1944

Carissimi,
spero abbiate ricevuto la visita dell’avvocato al quale però non ho ancora parlato. Voi di me non sapete nulla! Con nessuno. Cercate il modo e la maniera di farmi avere notizie vostre specificate uno per uno, la mancanza di queste mi tiene molto nervoso e agitato. Io di me cosa dirvi? Avrei molto ma è meglio per ora me ne astenga; comunque sappiate che sono stato e sono forte. La lunga permanenza in via Tasso è stata assai dolorosa ma per fortuna è passata ed ora qui si respira meglio. Sono nella cella 328, in buona e coraggiosa compagnia. Se non fosse la privazione di notizie potrei dire di stare quasi bene.

Sono molto dimagrito, ma ciò non è un male, ora piano piano mi rimetterò. Cercate il modo di ritirare la biancheria sporca e gli oggetti che mi mandate: ciò si può fare attendendo alla porta dopo aver riempito un modulo, come altra volta avete fatto. Forse quest’ultima maniera è più sbrigativa e pratica. Mi occorre dentifricio, spazzolino, un pettine, un cucchiaio e forchetta (una di metallo). Mi occorre pure avere soldi per ogni eventualità (previsto anche un possibile spostamento) 3 o 4 mila lire, se non le avete mandate a mezzo avvocato, cercate di farmele avere.

Umberto Lusena

Quando mandate i pacchi metteteci un termos o mascherate in altro modo un po’ di vino e di cognac. So di essere esigente, ma perdonate e comprendete. Spero che il conto in banca l’abbiate regolato, anche di ciò fatemi sapere qualche cosa. Da un libretto si può ritirare £. 5000 mensili e così delle altre 4200 se avete messo il libretto. Ditemi di voi e tanto e tutto. I miei vecchi cosa fanno? E le sorelle? E tu Lillj mia e i miei piccoli siete in cima ai miei pensieri. Cosa dovete aver sofferto. Quanta poca tranquillità. Ma di fronte al dovere e alla Patria si deve saper rinunziare a queste cose. E tu Lillj mia questo lo hai appreso e compreso. Se la Provvidenza vorrà torneremo sereni, in caso contrario i miei piccoli sappiano quanto li ho amati, e siano educati alla coscienza del dovere e all’amore della Patria…

Candido Manca

Niente lacrime; sorridi ai tuoi piccoli ed offri alla curiosità della gente il tuo volto puro e sereno (…) Non ho commesso alcun reato, dunque vedrai che presto tornerò da voi, salvo che sia reato mantenere un giuramento sacro ed amare la Patria… In tal caso sono assai colpevole, e lieto di esserlo!

Candido Manca

Enrico Mancini

24 marzo 1944

Caro Bruno domani sabato ti attendo al colloquio con mamma, e così fai il possibile affinché io possa vedervi almeno due volte la settimana anche con Cerquetti. E’ qui pervenuta oggi una notizia dei disordini avvenuti ieri nel centro, e ti raccomando mio caro, tu che sei ormai rimasto l’unico in famiglia, procura di rimanere fuori casa il meno possibile. Comunque abbi sempre molto giudizio, e anche se ti trovi in giro con la macchina, e se l’annona ti avesse fatto il permesso per il coprifuoco, tu dovrai essere a casa, sempre prima del coprifuoco, e non ci debbano essere né ragioni di lavoro né di affari.

Ho visto mamma molto giù di morale, ma è necessario che tu la distrai e la sostieni. Procurati in casa una scorta di iniezioni per i suoi soliti svenimenti e tieni sempre in casa qualche bottiglia di cognac. Anche a me ne potreste mettere una bottiglietta nel pacco del mangiare, che poi qui me la vuotano, ma il cognac lo posso avere. Voglio credere che conforme quanto ti ho detto, tutti starete interessandovi di me, e che al prossimo colloquio sarete in grado di darmi buone notizie. E’ con questa viva speranza che io cerco di sopportare questi giorni di vita impossibile. Molti cari saluti a tutti Baci a tutti di casa e un abbraccio a te e a mamma. Tuo papà.

Alberto Marchesi

A mio figlio Giorgio. Abbi cura e stringi Mamma. Abbi cura di Mamma. Tuo papà Alberto che non rivedrai più. Alberto.

Alberto Marchesi

Sabato Martelli Castaldi

18.2.1944

Luisa carissima, ricevetti la grammatica, ma ancora oggi non ho capito il significato, a meno che significato non ne avesse. La mia camera è di m. 1,30 per 3,60 del tutto uguale cioè alla nostra ex dispensa. Siamo in due, non vi è altra luce che quella riflessa da una lampadina elettrica del corridoio antistante, accesa tutto il giorno. Manca dunque aria e luce. Non posso perciò leggere, e scrivo senza vedere i caratteri che segno sulla carta. Il fisico comincia ad andare veramente giù… e questa settimana di denutrizione ha dato il colpo di grazia. (…) Da circa 25 giorni io non sono stato più chiamato.

Sabato Martelli Castaldi

Ritengo che ci trattengono qui forse come ostaggi. Gradirei avere notizie certe sulla nostra situazione, anche se non confortanti, perché è inutile illudersi e forse perdere così qualche favorevole occasione che potrebbe presentarsi. Il trattamento fattomi, non è stato davvero da gentleman! Definito “delinquente” sono stato minacciato di fucilazione e percosso, come del resto è abitudine di questa casa: botte a volontà! (…) Speriamo finisca tutto presto. Bacioni a tutti. Peppe.

Quando il tuo corpo
non sarà più, il tuo
spirito sarà ancora più
vivo nel ricordo di
chi resta. Fa che
possa essere sempre
di esempio.

Gianfranco Mattei

Gianfranco Mattei

Carissimi genitori, per una disgraziatissima circostanza di cui si può incolpare solo il fato avverso, temo che queste saranno le mie ultime parole. Sapete quale legame di affetto ardente mi lega a voi, ai fratelli e a tutti. Siate forti sapendo che lo sono stato anch’io. Vi abbraccio. Gianfranco

Orlando Orlandi Posti (detto Lallo)

14/3/1944

Oggi, 14, brutta giornata, ma brutta, per me. L’inizio del mio 18 anno di vita è stato disastroso. Questa mattina sono stato svegliato per gli urli potenti del maresciallo che monta di guardia in questa settimana; è un essere indescrivibile per la sua malignità e il suo odio che manifesta verso di noi che siamo inermi nei suoi confronti. Dopo due ore che sono rimasto sdraiato sullo steccato fra il dottore e il maresciallo, viene ad aprirci per la pulizia, e trovandoci a letto e in disordine, incomincia ad inveire specie contro di me; sembra che abbia un’antipatia personale, perché basta una piccola disattenzione nella cella che si scatena verso di me, come se io più piccolo ne fossi responsabile; pazienza, passerà!

Orlando Orlandi

Dunque dopo quella strillata che è finita con le parole: “oggi non ti darò da mangiare”, naturalmente dette in tedesco, la porta si chiude e noi tutti ci mettiamo ad aspettare il benedetto pasto quotidiano, chi parlando di politica, chi raccontando qualche fatto della sua vita; io che questa mattina ho il morale abbastanza basso, mi sono tenuto in disparte, e dato che facendo una passeggiatina attraverso il ristretto spazio mi ero stancato, non per il lungo cammino, perché avrò fatto in tutto duecento metri, ma per l’avanzato stato di esaurimento fisico, mi sono seduto e lì sono rimasto per diverso tempo e sono rimasto tutto quel tempo con la mente che vagava nel nulla, perché ho avuto paura che fossi colto da nostalgia; solo di tanto in tanto seguivo il ragionamento dei miei amici.

14/3/1944

L’alba del mio diciottesimo anno di vita l’ho passata in carcere, morendo di fame.

Orlando Orlandi

Salvatore Petronari

Carissima Fernanda, Come già ti ho annunciato mi avevano dato la condanna di morte, ho fatto ricorso ma non mi è stato accettato, perciò questa mattina, giorno 20 gennaio mi fucileranno. Sii forte, sappi sopportare questo dolore con forza, come io sopporterò quello dell’esecuzione. In questi giorni che sono trascorsi, ho sempre pensato a te e alla nostra bambina che ho sempre sperato di poter rivedere per dargli gli ultimi baci, ma non mi è stato possibile.

Come sai non ho fatto nulla che possa disonorarti, perciò puoi sempre andare a fronte alta senza vergognarti della disgrazia che entrambi ci colpisce. Sii buona, pensa alla nostra bambina a cui tutti e due vogliamo molto bene, in mia mancanza dagli una buona educazione come io avrei sperato di fare se fossi stato in vita. Ma il destino mi colpisce e dato che io non posso assolvere questo compito, lo affido a te con piena fiducia. Questi ultimi momenti che mi rimangono, sono tutti rivolti a te che ho sempre voluto bene con tutta la forza del mio amore e dell’anima mia.

Perdonami di questo dolore che ti dò, e pensami con amore. Perdonami se qualche volta nella nostra vita ci sia stato qualche piccolo diverbio che ti abbia arrecato dolore. Per i soldi che presero in casa nostra e che erano di L. 5.485, cercherò in qualunque modo di farteli riavere, così per il momento potrai disimpegnarti in qualche cosa, poi penserai te alla nostra bimba, che come spero non gli mancherà mai nulla. Saluterai e bacerai da parte mia tutta la tua famiglia. Così farai con mia sorella Bianca, Nannina e Santina e con mio fratello Paolo e Eugenio e con tutti i miei nipoti. Quanto a te di nuovo sii forte, pensami e portami qualche fiore. Ricevi i più cari e forti abbracci e baci e tutto il mio amore. Salvatore.

Antonio Prosperi

Alla mia cara Dina e alle figliole mie arrivederci in Paradiso vostro padre e marito adorato.

Guido Rattoppatore

Rattoppatore Guido, fu Raffaele, nato a Lione (Francia) il 1913. Fu condannato alla fucilazione e immediatamente prima dell’esecuzione, avvenuta dal Forte Bravetta il 7 marzo 1944, mi affidò l’incarico di riferire al suo patrigno, Guido Damiani, tutta la sua riconoscenza con tanti bacioni per la benevolenza e le cure paterne prodigategli durante gli anni che passò con lui. Sacerdote Soranno Antonio.

Raffaele Riva

Roma, li 29.12.943

Cara Moglie mi trovo a disposizione del comando tedesco, qui si può portare da mangiare al lunedì e al giovedì. Se vuoi fare il colocchio devi andare all’albergo Flora che lì ci sta il comando tedesco. Ti saluto caramente unito ai bimbi e tanti baci a tutti. Tuo Riva Raffaele, cella 346 terzo braccio. Tanti saluti a mio fratello.

(31 gennaio 1944)

Muoio con la ferma convinzione che Roma sarà presto liberata, e così tutta l’Italia, dalla schiavitù nazifascista. Muoio con la mia fede e con la mia idea per la liberazione dell’Italia. Sono innocente, sulla mia coscienza non pesa nessuno dei fatti attribuitimi. Mi raccomando ai miei figli, che crescano educatissimi, e diano retta alla mamma. Non voglio essere bendato.

Tigrino Sabatini

Roma, lì 3 maggio

Miei cari L’ultimo momento di mia vita è questo, vi chiedo perdono come io perdono voi. Il giorno 14 aprile mi fu rifatto il processo, e fui condannato a morte, per il medesimo motivo. Oggi vado alla morte. Mi raccomando a Nicola che sposi la Vilda e che siano felici, questo è il mio desiderio nell’ultimo istante. Vi bacio tutti fratelli e sorelle, cognati e cognate: vi bacio caramente. Vostro padre Sabatini Tigrino. Addio per sempre. Lascio 40 lire.

Guerrino Sbardella

Mia adorata moglie, ti scrivo pochi istanti prima di morire chiedendoti perdono per questo mio grande dolore che ti reco perdonami e prega per l’anima mia insegna i miei figli a pregare per me il Signore Misericordioso. Baciami tutti i giorni i miei bambini dicendo loro quanto bene gli abbia voluto e amali anche per me. Sii fedele alla mia memoria se puoi io se posso verrò a trovarti tutte le sere e veglierò i tuoi sonni e quelli dei miei bambini. Ricordati che io ti ho amata e morrò amandoti. Tanti baci dall’anima mia Tuo Guerrino Sii forte nella tua disgrazia e spera nel Signore. Addio Guerrino.

Carcere di via Tasso.

Emilio Scaglia

Carceri Giudiziarie di Roma, 1.6.1944

Cara ed amata mamma Ti scrivo mentre davanti a me ò ancora poche ore di vita. Mamma perdonami è un grande dolore che ti do ma è il dovere che mi chiama. Vado morendo contento che un giorno ti rivedrò lassù in cielo e da lassù pregherò il Sacro Cuore perché abbia a consolarti. Raggiungo il mio caro papà che mi attende. E’ il mio ultimo scritto, ma non ti accasciare, perdona il figlio che ha una sorte brutta. I miei fratelli mi vendicheranno e lo voglio da loro, muoio con ingiustizia. E a Roma riposeranno le mie ossa.

Questa città è stata quella delle mie sofferenze e la mia tomba. Da lassù ti guarderò e ti guiderò. La mano mi trema e non so più quello che dico. Ti chiedo ancora perdono. Muoio con due rancori. Uno di aver dato un dolore ad una mamma. Ma tu mi perdoni e io muoio contento. E uno di aver deluso una ragazza che tanto mi amava. E se un giorno la vedrai lei ti racconterà di me. E ora termino perché l’ora si avvicina. Perdona, perdona, mammina. Ti bacia e ti abbraccia per l’ultima volta il tuo Emilio. Baci ai miei cari fratelli Ottorino, Luigi e Carlo. Addio per sempre, mamma cara, tuo Emilio Addio!

Simone Simoni

Simone Simoni

Simone – Simoni – cella – dodici – Giuseppe – Ferrari – due. Sono – malmenato – soffro – con – orgoglio – il – mio – pensiero – alla – Patria – e – alla famiglia.

Fabrizio Vassalli

24.5.1944

Carissima Amelia, sono al braccio italiano ed ho consegnato la roba che ti daranno. Sii buona e pensa che ti ho voluto tanto bene. La roba verrà a te: tu sostieni i miei. Te li affido e di’ loro che mi perdonino il grande dolore che reco loro. Sono sereno e mi dolgo solo di non aver visto i nostri entrare a Roma. Spero che finanziariamente non resterai male e che con la pensione ed altro che ti verrà da me non debba essere dipendente da nessuno né lavorare per vivere. Ciò mi era stato promesso. Risposati pure e ricordami. Si però ugualmente una figlia per i miei. Rammentati della Bice che tanto era affezionata ai miei ed a me. Ti bacio con tutta l’anima. Fabrizio tuo.

Fabrizio Vassalli

Carissimi papone e mammina, perdonatemi il dolore che vi reco che è veramente una angoscia per me. Pensate che tanti sono morti per la Patria ed io sono uno di quelli. La mia coscienza è a posto: ho fatto tutto il mio dovere e ne sono fiero. Questo deve essere per voi vero conforto. Vi abbraccio con tutta l’anima Fabrizio vostro. La spilletta regalatela a Bice e così un altro ricordino anche ai miei nipotini. Saluto e abbraccio tutti, Enrico, Gina, ecc. Non fate storie per il cadavere od altro. Dove mi buttano mi buttano. Quando potrete mettete l’inserzione sui giornali. Viva l’Italia.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

20 novembre, che tempo faceva oggi?

a cura di Cornelio Galas

20 novembre 2017

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

RIVA, COSA C’ERA OGGI SUL GIORNALE? – 20 novembre

a cura di Cornelio Galas

20 novembre

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Orsi (e altro) sui giornali – 20 novembre

a cura di Cornelio Galas

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

ARCO, COSA C’ERA OGGI SUL GIORNALE? – 20 novembre

a cura di Cornelio Galas

20 novembre

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Orsi (e altro) sui giornali – 19 novembre

a cura di Cornelio Galas

19 novembre 2000

19 novembre 2000

19 novembre 2001

19 novembre 2001

19 novembre 2001

19 novembre 2002

19 novembre 2002

19 novembre 2002

19 novembre 2002

19 novembre 2003

19 novembre 2003

19 novembre 2003

19 novembre 2003

19 novembre 2005

19 novembre 2006

19 novembre 2007

19 novembre 2007

19 novembre 2007

19 novembre 2008

19 novembre 2008

19 novembre 2009

19 novembre 2009

19 novembre 2009

19 novembre 2009

19 novembre 2010

19 novembre 2010

19 novembre 2010

19 novembre 2011

19 novembre 2012

19 novembre 2012

19 novembre 2013

19 novembre 2013

19 novembre 2013

19 novembre 2013

19 novembre 2014

19 novembre 2015

19 novembre 2015

19 novembre 2015

19 novembre 2015

19 novembre 2016

19 novembre 2016

19 novembre 2016

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento