Voi sora e mi chi soto…

di Cornelio Galas

Che ciĂ s ‘sto gerìm soto le scarpe,
par squasi de schizĂ r gĂąssi d’òf,
quanta zènt ‘n posti de sòlit zìti
tuti con fiori en mam e boche averte.

 

Mì che sĂłm sĂłto, zamĂ i da ani e ani…
no podo parlar e gnanca vegnìr sóra.
Chì i ha més zò, chi da temp stàgo,
ma ve vedo, ve scolto, come na volta.

 

Ho capì, miga sol da algiéri, se sa
quei che da vìf te voleva bem dalbòm
quei no i vèi sol na vòlta a l’Ă m…
ma pĂą spĂ©ss quando no gh’è chi nesĂąm.

 

I tira via la gramigna denòr ala tomba,
i cambia i fiori che zamài i è pasìdi,
i brĂ©va col sguazaòrt, se gh’è la sĂąta
e i sento, pregar, dir qualcòs sotovóze.

 

Voi no savĂ© dove som finì dopo l’òbit,
v’ho vist, la ciĂ©sa l’era tuta piĂ©na…
Po’ i m’ha mĂ©s zĂł, zĂł soto ‘sta tèra,
dove ghe sóm ancora, dove semper sarò.

 

No stĂ© però vegnirme vizim sol ‘n sti dì,
lassè star le feste dei santi e dei morti,
me piaserìa depù che podésse ricordarme
quando ero vif, me movévo, e ve parlévo.

 

Quando anca mi, come voi propri ‘n sti dì,
pestolévo quel gerìm dei nòssi zimitèri,
quando anca mi, come avè fàt voi ancòi,
portévo i fiori, e pensévo demò sol a viver.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.