VILLINO CAMPI A RIVA DEL GARDA

v2

La storia del Villino Campi, una costruzione in stile Liberty cui si accede da viale Rovereto o dalla fascia lago, s’intreccia con quella del Sanatorio von Hartungen, ad esso immediatamente adiacente sul lato ovest. Originariamente chiamato Villa Lola, ebbe come prima proprietaria Hermine Nadosij nata von Karczag, un’ungherese che gi√† era stata paziente del dottor Christoph von Hartungen a Vienna, la quale, nel 1889, gli aveva venduto, dopo avergliela precedentemente affittata, quella che sarebbe divenuta Villa Cristoforo I, l’attuale Villa Minerva in viale Roma.

¬†Sicuramente la Nadosij edific√≤ Villa Lola poco dopo il 1890, anno in cui il dottor von Hartungen acquist√≤ i terreni alla Galenzana. Risale al 1895 la costruzione della balaustra con la torretta sovrastante l’accesso al porto privato, il cui progetto √® conservato all’Archivio Comunale di Riva che ne riporta anche i confini, costituiti ad ovest dalle propriet√† del dottor Hartungen e ad est da quelle del conte Martini. Tale porticciolo oggi √® scomparso, ma √® ben visibile in una foto scattata pochi anni dopo la sua realizzazione.

Nel 1897 la nobildonna ungherese don√≤ la villa alla compatriota Olga de Fischer, moglie del dottor Giulio de Kautz di B√∂rnij, mentre uno stabile attiguo ad essa, di propriet√† del dottor von Hartungen, fu da lui venduto, nello stesso anno, a Stefania de Fischer di Raab, che da lei prese nome di Villa Stefania. Nel 1903 Villa Lola e Villa Stefania vennero acquistate dal nobile Luigi de Campi da Cles il quale, assieme ad esse, comper√≤ dal dottor von Hartungen il terreno tra la strada di Torbole e le ville, oltre ad altri due porzioni che, inspiegabilmente, figuravano ancora di propriet√† degli Hartungen, l’una compresa tra i due edifici, l’altra tra questi e il lago. Alla morte del nobile Luigi de Campi, Villa Lola, alla quale egli aveva dato il proprio nome, divenne propriet√† della sua vedova Costanza nata baronessa Sweine.

¬†Nel luglio del 1949 il villino fu acquistato dall’Amministrazione Provinciale di Trento e il 3 giugno 1976 divenne bene del Comune di Riva. Nel 1992 il Consiglio Comunale di Riva lo concesse in comodato gratuito per la durata di vent’anni alla Provincia Autonoma di Trento, perch√© ospitasse un Centro Scientifico di studi idrobiologici.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento