VECI ZELI

Veci zéli

di Cornelio Galas

Prova a pensarghe su, dal bom:
l’aria che te buti nei polmoni
da dove vegnela se non dal zél?
E quando gh’è ‘l vent cĂ mbiela?

 

Se sa che ‘l mondo l’è ‘n pirlo
che ogni dì el gira su de lĂą…
e con lu se gira anca st’aria
l’istĂ©sa de quela de altre bande.

 

Te vèi da sóra, pénseghe su dai,
quel che ‘l zĂ©l l’ha zamai ciapĂ 
che ‘n sĂ t? Magari dal Giapone,
aria che s’è misciĂ  po’ a altre.

 

E alora te vivi, come zent lontana
che ala fim arfia co la to tĂłss,
con quel che te buti for de bĂłca
dopo aver respirà quel vecio zél.

 

Sem tuti chi, en d’en zirotondo,
neri, giali, bianchi e méz e méz.
Vardém su alt, le nùgole che gira
no capim che sem per quel gualivi.

 

Che tut va envanti sol per st’aria
che se la manchés saréssem morti,
Ma dime ti, gnanca fussa petrolio,
beghém per robe che a gnent serve.

 

EnvĂ©ze, magari senza saverlo neh…
enveleném propri le nòsse bombole
po’ ne la tolĂ©m col vent che no ghè
po’ disĂ©m che l’auto l’è engolfĂ da.

 

Ah, saverlo per temp, quando conta
che no l’è così che se pol viver.
Ah, saverlo subit, prima dela fim
che se podrìa star meio tuti quanti.

 

Smorzo en quel, el zigarét a metà,
‘sa fago entant che scrivo ste robe?
Massì, sem tuti boni quando volém
l’è che po’ te dìsi? I lo fa tuti…

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento