TRENTATRE’ TRENTINI

10370517_10203202420094299_844644019_n

 

EL TRENTIN E ‘l CALT BESTIA DE L’ISTA’ DOMILIEQUINDESE

-Vara, no ghe la fago pù. Mi sto calt el me méte en tera … e po’ el me passa sora come en calcagièra.

“No sta dirme gnent, gnent …”

-Difati no gò gnanca la forza de parlar, se no basta.

“Ma sat che ho vist zènt, a l’hotel Everest de Vignole neh, nàr denter ne la sauna per zercàr en pel de frescura?”

-Ma dai …

“Te digo de sì, oscia”.

-Ma valà, te me tòi per le bale…

“Te digo de sì, cramento. E gh’è anca dei forésti che ‘empiza el forno – quel co l’aerazion – sui vintizinque gradi. Così i sparmia sui condizionatori”.

-Ma valà, mona.

“Oh, l’ho vist coi me oci. Uno che l’ha magnà zinque angurie. Una drio l’altra. Po’ l’è nà a pissar per almén na mezòra. E sol co l’evaporazion del pìss … el gavéva – a parte l’odor . en solievo”.

-Ma no ghe credo gnanca se …

“Vara che nar su ai freschi e dopo vegnìr zò te ciàpi na bota …”

-Va ben, ma alora ‘sa faga? Stago chi a còserme el zervèl?

“No, fa come mi. Mèti nel frigo en sach de scatolete de aqua che se faga giàz. Po’ butele nela vasca da bagno. E denter, de colp. Denter … Meio ciapàr ste bote. Che te sparmi anca benzina per nar su en Bondon”.

-Ma, ma … e se ciapo su na doia?

“Ma valà, valà … “

-Ehm te la fai fazile ti. Meti, meti che me vegna en colp?

“Ma valà. L’è come la sega giaponese, mai provada?”

-No, cossa ela sta roba?

“Oscia, no sta dirme che no te sai cossa che l’è la sega giaponese …”

-No, no ‘l so, spiegheme dal bon …

“Alora: te ciapi el pìndol. T’el meti su n’encùzen de fer. Sta tento che ‘l sia propri en mez a la part de sora de fer. Come? T’el gài picol? Alora falo deventar pian pianél pu grant. Tòte en giornalét de done nude se te serve. Eco. Quando te par de esser a um, métete na pèza nera sui oci, no come quele de Zoro che te gài i busi per veder fora neh … No te devi veder gnent. Sol scur, strof. Eco, adès te toi en mazòt e zò, zò en bel colpet su l’encùzen …”

-Oscia, ma te ris’ci de farte…del mal, en mal gross ai zebedei cramento …

“Ma l’è lì la goduria. Te godi da mati quando te sbagli el colp …”

-Ma cosa che c’entrela sta roba chi col calt?

“L’è l’istessa roba. Quando te ciàpi la bòta, dal calt al fret e viceserva, o i te porta a l’ospedal de bala co l’ambulanza o te stai meio per tuta st’istà d’inferno”.

-Sarà come te disi ti. Forsi … ma dìme, co la sega giaponese elo pu tante le volte che se sbaia colp de quele che enveze … te te schizi i coioni

EL TRENTIN A L’EXPO DE MILAN

(l’amico al telefono): Tèi, vègnirèsset con mi a Milan per l’Expo, la Rurale la m’ha regalà do biliéti

“Oscia, e quando narèsset zo?”

Anca doman, posdomàn, quando te fa còmot …

“Ma no l’è che adès, nei primi dì, ghe sia massa casìn?”

Ah, se te vardi quel no ne narài zò mai.

“No, l’è che se i spèta vinti milioni de persone, sat … la sarà dura anca da trovar el posto dove meter la machina, se no basta”

Ma fidete de mi. En pàr de telefonàe e te verài che … ah, miga vegnìr zò co la sposa neh, che gavrìa en par de amiche de quele che …

“Ma dai, che l’è passà el temp dele rugantàde. No te volerài miga che…”

Però te piaserìa ah? Dai, che lì se magna, se beve, se …

“Ma chisà quant che te devi pagar oscia dai …”

Oh, i bilièti i è agratis. Te l’ho dìt. Nen denter e via che la vaga, cramento, dai anca ti, mòlete fora che te sei zamai vizìn a la fòssa oscia

(toccandosi le parti basse):” Ma va ‘n mona valà … no, disèvo, tra benzina, autostrada, e tute l rest prima e dopo e ‘n mèz … me sa che zinquezento euri i va via come gnent … “

Oh, che te diga, vòt star lì a vardàr la television? Vot avèrghe na bòta de vita sol quando te vai a balar, peraltro co la to sposa, al Fanum? Ciàvete. Te vedo mal però, cavèi semper pu grisi, la panza … no te gh’ai na bela cèra per quel neh …

“Va ben, ma a Milan dài for da magnar e bever gratis?”

Te digo de sì. Gh’àt presente quel che i te dà a l’Expo Hotel de Riva? Ben, lì l’è de pù. Tant de pù. E po’ te l’ho dìt, gavrìa quele amiche … oh, per n’atimo de paura te gavrèssi ore de goduria…penseghe su

“E che ghe diga ala sposa?”

Dighe che te devi far en servizio per el giornal no?

“Ma se son en pensiòn da do ani zamai …”

Cònteghe alora la storia de l’ors, devo ensegnarte tut? Vàra che sta Expo l’è na gran magnarìa … ‘sa fat te tirènt endrio sul pu bel? L’è n’ocasiòn unica…

“No l’è quela so mare però me parerìa na carognada dai … po’ zinquezento euri per nar a Milan a spassarsela dai … che ghe diga ala sposa?”

Ma ghe penso mi. Disèn che i t’ha fat la multa perché te avevi bevù massa …

“Va ben ma la machina alora i te la tira via …”

Ma se nèm co la mia no … ensoma, fidete de mi, na gàbola la trovèn.

(l’amico, all’incontro politico pre.elettorale, la sera dopo): Perché compagni, come dice Renzi, l’Expo 2015 di Milano è un’occasione unica. Il mondo ci guarda. Una scommessa vinta dal nostro Paese. La Carta di Milano costituirà un punto fermo per la distribuzione sostenibile del cibo nel mondo. Per l’equità nel settore alimentare. Tra chi ha fame e chi spreca, tra chi se la gode e chi invece vive di stenti, tra chi ….

(squilla il telefonino): scusate…. (Ciao, son mi, vàrda te m’hai convinto, sì nèn zò e magnèm come ruganti, tranquilo, i soldi i ho messi da na banda … ciàmeme doman matina che se va zò diaolporco …)

  • Volevo dire. Questa è un’occasione, anche per tutti i lavoratori italiani, di far conoscere le loro qualità. Di rispondere agli interrogativi della finanza mondiale sullo stato reale della nostra economia. Di dare un segnale importante. Che l’Italia c’è. Che l’italia chiava … pardon, chiama … che l’Italia …

EL TRENTIN E ‘L SETE E TRENTA

ZA’ FAT

(la moglie): Cornelio, vàra che gh’è da far le carte per i rediti … no pòdo far tut mi. Va bèm che te sei ‘n pensiòn ma ogni tant enteressarse a le robe de casa … no pretendoche te faghi su ‘l let. Me basterìa che te portèssi el cagnòt fora a pissar e dopo che te ghe stèssi drìo almen a sti mistèri … visto che te sei lezù e studià …

(lui): ” Ma diaolporco, mi e i numeri no sèn mai nai d’acordi. Se no avrìa fate ‘l ragionièr no …”

  • Va bèn, ma alòra no stà lamentarte che ‘riva le multe dopo … come l’an passà… te ricordìt? Che bastèva far do firme, che te fùssi nà a far fora quei conti …

  • “Ma stà tranquila. Che st’àm fa tut lori. No, digo, hat sentì ala televisiòn? I te manda el sete e trenta zà fat. Basta che te controli che no ghe sia su monàe … e via. Senza tànte rotùre de bàle…”

  • .Fato stà che fin adès ste care zà fate come te dìsi ti no le è gnancòra rivàe. Faghe almèn en colp de telefono no … che pol darsi che no i gàbia l’indirizi giust…

  • “Ma dài che no i gà l’indirizi giust…però per mandar quel che gh’era da pagar a so temp i lo savèva no? E alora …”

  • No digo gnent perché se no beghèn. E no gò voia de begàr ancoi. Ma cossa te costa telefonar ti che te sai parlar ‘talian corezù? Ti che te conòssi quei dei ufìzi … dai che entant mi devo darghe na passàda cola spirapolver a la sala che doman vei zò i mei … te l’avèvo dit neh che vegniva zo i mei …

  • “No, no te me l’avèvi dit. Va ben cramento, fago na telefonada … El numer? Speta che vardo … agenzia dele entrade no? Difati figurete se la ciama agenzia de quel che i dève darte de volta … N’atimo che telefono, diaolporco anca questa … che dovèvo nàr zo al Primavera a trovarme col Gildo …va ben va ben … ‘n do elo sto telefono dal pit…mai che se ‘l trova. Ah, na volta, quando i telefoni i era tacài ai muri e da lì no i se moveva … “

  • – Dai che tàco la spirapolver …va denter en sala, l’è lì el telefono

(entra in sala, prende in mano il telecomando): “oscia, ma com’èla che se fago el numer s’empiza la television? (da lontano, la moglie): L’è sul canapèèèè ….”

“Ah eco, speta che ‘l sona … Sì, va ben, digitare l’uno se volè saver questo, digitare due se volè saver quest’alter, digitare tre se volè savèr que l’alter … diaolporco….mi voleria saver n’altra roba e alora? Digitare quatro se volè parlar co l’operatore …. Ah eco … quatro, cramegna …alòra? – Pronto, come posso esserle utile? El sènta, ma st’am no dovève mandarne el set e trenta per i rediti zà fat per posta? Com’ela che a mi no m’è arivà gnent? – Da dove parla? Mi dica nome e cognome e distretto fiscale … sì va bene il codice fiscale, grazie …. Attenda …. (alla moglie): “Oh, chì la va per le longhe me sa, i ha mès soto na musica de Nadàl … e mi el Gildo el me spèta al Primavera …. (la moglie): E spèta, spèta …che te diga?

(l’operatore): Allora, guardi, stando ai nostri dati lei avrebbe solo reddito da pensione, nessuna altra entrata. Per avere on line la documentazione dovrebbe solo digitare il suo Pin. Grazie per averci interpellato e buona giornata…

“Pronto? Pronto? ‘n do elo na? Prontooo? Diaolporco … no ho capì na madòna …

(la moglie): Cosa ti hanno detto?

“Che l’è tut a posto sol che ghe se vòl en pin …”

  • Il Pin? Ah certo. Ma te lo dovrebbero dare loro …

  • “Ah sì? Diaolporco che ritelefono … che no i me tòga ‘n giro, cramento.

  • “Prontooo? (dopo le musiche) prontooo? Elo con lù che avèvo parlà? No? Tut mal el senta, quel pin dovrèsse darmelo voi me dis la sposa … no, no no ‘l gò el pin mi, el gavèvo, quel de Nadàl, ma finto diaolporco, l’ho empachetà zamai via … adès gò sol na noghèra vecia soto casa … come cossa che l’è la noghèra …. Va ben ho capì, ho capì, el zerco mi sto pìn diaolporco”

  • (al giardiniere di fiducia): “Ciao Marco, tut ben? Sì’, sì tut ben quele piante che t’hai mès zo le buta ben. Sì, ne metèn d’acordi … pèna gò temp fem anca i tubi picoi per l’acqua che così se ne nèm via st’istà la sposa no la gà penseri…scolta enveze, gavrèssit en pinàt, en pèz, en pìn picol da prestarme? Ma sì, se no ‘l costa massa el compro anca. No, no l’è per mi. L’è per i rediti. I vol sto pin se no no i me manda le carte a casa … ma ghe l’ho dit … ghe l’ho dit … me par na specie de ricato. Oscia varda, pitòst che averghe casini … ma sì en pinàt de pochi euri. Così almen i finìs de rotèrme le bale. Passo via doman matina … grazie Marco neh. Ma scolta, a ti, cossa t’hai domandà per averghe el sete e trenta a casa? Gnent? Dai dai che te gavrài slongà almen na bina de ziresèri … oh, almèn ti tei gài comodi se sa …

EL TRENTIN

NEL DOMILIENOVANTADO’

 (all’amico, dopo il teletrasporto nel centro servizi di Trento): Diaolporco co sti sistemi novi de spostarse en zità se ciapa ogni volta en scorlòm … cramento …. Perché te sai come te parti no, ma no come te arivi … l’alter dì i m’ha scargà coi pei en su … na tèga en testa che no te digo

“Vara, anca mi sat. Po’ me sa che sen restai sol mi ti e ‘l neò del por Bepi da Lundo a parlar en dialèt. No so, mi no capisso pu gnent: i se capìs a gesti, a slusori. E hat vist quel che se fa capir sol movendo i oci? Vara, na roba … pensa che coi oci el comanda anca el robot che zuga al so posto al compiuter … e se ‘l perde el ghe tol via subit le pile, capì come?”

  • E magnar? soporto pu quele pirole. Ma vot meter na bela ciopèta con denter na luganega a pasta grossa? Le tripe en brodo? Quele robe bone che ne feva nossi bisnoni? La carne salada coi fasoi en bronzom? Sti chi no i sa gnanca cosa sia el bon. Bever po’ … Na pirola che val do bicieri de vim ross. Sarà, ma me par semper che ‘l sapia de plastica. L’era meio quando el saveva da tap o l’era emmarsalà. Ebben valà. Chi sen. Se no altro se se mala de men. Però che vita ela sta chi … laorar almen fin a zento ani per ciapar la pensiom … sempre che i t’abia pagà i contributi perché te sa ben no quel che gh’è succes al Genny, so neò del por Mario de Bedoll: sul pu bel gh’è salta tuti i dati del compiuter e ‘l s’è trovà a scominziar de nof a pagar l’Inps, che no l’è pèu quela de na volta, ma la sta per istituto nazionale spaziale italiano … tute lassù i manda le meil … così le pesa de men nei archivi.

  • “Oddio, no l’è che ai tempi dei nossi veci la nes meio en fato de pension per dir la verità”

  • -Sì, te gai reson ma no l’è quela so mare. Volevo dir: se vei denter en virus e ‘l me magna i contributi no va ben dai … almen che ghe sia le so protezion oscia

  • “Va ben, dai, ‘sa fat stasera?”

  • -Ma dove vot che vaga vecio? Son anca stuf de viver en de na casa che par en cinema a tre dimension. Semper lì co sti telecomandi da schizar. Ma diaolporco, almen i aves mess i tasti dropando la testa…no se pol meter quel del frigo vizin al coso che tira su la merda dal cesso dai …

  • “Sì l’è vera. Ma gh’è de pezo. Pensa che l’alter dì la me sposa la fa per empizar la television cole robe de oio lì …”

  • – De oio?

  • “S i oleogrami, quei che te fa veder robe che no gh’è”

  • -Mi no i gò … ma li vendei el vecio Poli per caso?

  • “Ma no, l’ho trovai nei bussoloti che te ciapi da quei che porta le pirole a cà. Gratis neh … basta che no te te lamenti dele pirole…”

  • – E ‘sa fai sti cosi de oio? I cine che par che te ghe sei lì in mez a lori no?

  • “Ma dai …”

  • -Sì l’è che se te voi nar a torte na pirola per digerir le pirole … te tei trovi semper en tra i zebedei neh .. en gazer … de qua el leon, de là quel che sbara …e no i se sposta gnanca a butoni

  • “Propri en casin … però dai, almen è finì quela storia dei telefonini”

  • -Ah te credo … se no i voleva zontarghela …”

  • “Te disi giust … ma digo mi ghe s’è volest quasi otanta ani per capir che da quei agegi lì vegniva for i gorghi de onde che te bruseva el zervel?”

  • – Ma sì tasi. Te ricordit i primi ani de quel casin? Zent che gireva per strada zercando le vecie gabine de la Sip. Sol che no gh’era pu getoni….ahahahahaha

  • Però el so lato bel el gh’è stà en tuta sta fazenda

  • “Qualo?”

  • -Ma dai che l’è stà così bel per en po’ de temp no dover pu risponder al telefono entant che magari te eri empegnà en altre robe …

  • “Ah per quel … na paze. Pecà che l’è durada poch”

  • -Zà, pecà. Propri quando tuti aven capì che prima, coi telefonini, te eri semper drio a telefonar anca per dir monae …i n’ha enventà n’altra

  • “Sì, tasi, valà … tasi, che quel chip foderà de ram e alumini che i m’ha ficà nel cul el me sbrusa ancora. L’è che i dis che ‘l faga pu mal a tirarlo via”

  • -Sì, anca mi ho provà … ma me sa che tra vint’ani i la capirà sat che le onde cative le vei su anca

  • Da lì, ma fin chè ghe sarà stronzi che buta …per vender sti rochei …oscia tasi valà che me par che i me ciama … fat anca ti peti per dir pronto?

 

EL TRENTIN (vecio) E I BOCI DE ANCOI

(alla moglie): “Mah, no so, ensoma …”

-Ensoma cossa?

“Gnènt, parlo zamai per me cont …”

-Se l’è per quel l’è da ‘n pèz che te zavàri. E no sol per to cont

“Ma no, dài, oscia te par en viver da cristiani quel de to fiòl? Fòra tuta la not. Tute le dominiche nel lèt fin mezdì. Che ‘l vèi fora sol per torse la coca cola e do tochi de persùt co na ciopèta … e dopo el torna nel lèt fin le trèe se no le quatro del dopodisnar … ma dai cramento, elo deventà en pipistrèl? E studiar? E far qualcos per mantegnerse? Ma dai…”

-Entant, forsi te te desmenteghi che l’anca to fiol. E po’, se te gh’ai le bale girade per ste robe và denter a dirghel no? Dai, dai, mòvi el cul anca ti na volta tant … su

(entra nella stanza del figlio): “Andrea, Andreaaa, dormit? Dai che l’è ora de magnar su da quel let che se no te fai le terlaine”

(il figlio): Ehhh? Uhhhhhhh Ahhhh sei tu … cosa c’è?

“Gh’è che cosìta no la pol nar envanti neh … sta casa no l’è miga n’albergo e gnanca en bi e bi, questo gh’è”

  • Perché devi andar via con la mamma? Basta che lasci le chiavi al solito posto che più tardi esco anch’io …

  • “Diaol de quel porco de diaol guaiaporcole … adès te te lèvi su da quel let pien de migole de pam, te te lavi e po’ te vegni en cosina che gò da parlarte … nar che nare … auf che l’è morghen, capì come?

  • – Ma papà …

  • “No ghè né papà né mama né altri parenti che tegna, su da quel let ho dit”

  • -Ma dai, che oggi è domenica anche per me no?

  • “Cossa vol dir? Tute le dominiche chi l’è semper quela. No, no adès su svelto che dopo mi e ti dovèm parlar…

  • -Ma parlare di cosa papà?

  • “Entant movi ‘l cul … che dopo te digo mi de cossa se deve parlar”

  • (dopo mezz’ora, il figlio in cucina): Ecco, allora? Cosa c’è di tanto urgente?

  • “Gh’è, cramento, che no te poi nar envanti così. Mi ala to età ero zà a laorar. E fra sei mesi anca sposà e dopo fra do ani gavevo zà en bocia, questo gh’è. Ti enveze no te fai che nar a feste, tornar de matina, nar co la me machina e la benzina che te pago mi en giro dapertut, dormir fin mezdì e oltra … tanto chi gh’è quei che serve sol per sganciar for soldi. En casa no te fai mai n’oscia … comoda caro ciapar e no dar … me piaseria anca a mi sat?”

  • -Ma papà … è la cento milionesima volta che mi fai sta predica … lavoro per noi giovani non ce n’è …come spiegartelo? Ma leggi i giornali? Guardi la Tv?

  • “Se l’è per quel mi al giornal ho lavorà fin l’alter dì neh … e so cosa vol dir crisi. Cioè esser sposai zoveni e no averghe gnanca i soldi per i zigareti. Però scusa neh, ma me sa che tra i disocupai ti te fai parte de quei – come i dis anca ala television – che el lavoro propri no i lo zerca … anca perché, disentela tuta, laorar l’è fadigos neh? Meio far fora zinquanta euri en de na sera a sbevazar e far monae en giro neh?”

  • -Papà, ma se proprio tu continui a dire la storia del carpe diem, del prendere la vita giorno per giorno …

  • “Sì, ma me sa che ti t’hai zà prenota almen tre quatro ani de sto modo de viver … oscia, ma sat che ai me tempi se neva a far i aprendisti gratis per tre mesi e dopo, sol se te eri bon de far el mister i te ciapèva. Ma miga coi contributi subit neh…”

  • -Papà, adesso non ci sono più nemmeno le leggi del precariato, l’articolo 18, ma hai sentito no …

  • “Diaolporco, vara che sti ani se neva a far pize, ai casei de l’autostrada o ai cinema a sbregar biglieti però no per vardar el cine …”

  • -Sì, e ai cinema si fumava pure, bella roba …

  • “Ah eco, a proposito … se te voi fumar almen mantegnete el vizio, no robarbe i zigareti de scondom come l’altra sera che son restà senza sul pu bel porcodizere”

  • -Va bene, va bene … ma me li aveva dati la mamma comunque

  • “No m’enteressa, mei l’era i zigareti. Almen nar comprarli coi me soldi …o el massa fadiga?”

  • -Dai papà, basta, c’è altro che vorresti dirmi?

  • “Ma cossa vot che te diga, me par de butar via el fià a parlar con ti. Tanto no cambia gnent, gnent…gnoranti come taco sé voi boci de adès…e la gavè grasa, madona se la gavè grasa … ai me tempi …”

  • -No papà, ti prego, basta, la so memoria la storia dei tuoi tempi, basta ti prego, ho anche mal di testa …

  • “Eh, mal de testa, tel fago vegnir mi el mal de testa vero … vago a zercar le bachete de legn giuste come feva me papà marangon e te le dago zo per le recie cramento … te verai che bel mal de testa che te vei guaiaporcole de ‘n diaol porco de quela …”

  • (la moglie): Oh la mochè o no de gosàr? No se sente gnanca la television. Almen dese minuti de paze do magnà … dai né da n’altra banda a begar valà …

  • (lui): “Va ben scolta vei de là nel studio che la finìm lì…”

  • -Papà ….

  • “De là oscia …”

  • (nello studio): “Scolta che se no me desmentego, el me compiuter el s’è enciodà …. Podìt darghe n’ociadina?”

  • -Papà, sono stanco adesso …

  • “Almen questo te podrai farlo no? O costèlo masa?”

  • (il ragazzo guarda il Pc con la faccia schifata, lo accende): Ma papà, come lo tieni questo Pc? Qui è un casino … guarda quanti programmi aperti. E poi qui hai anche virus … provo a vedere cosa si può fare ma …che casino

  • (dopo mezz’ora di smanettamenti): Ecco, adesso aspetta il riavvio, dovrebbe andare

  • “Cossa gavevelo?”

  • -Te l’ho detto, ogni tanto dovresti cancellare qualcosa e poi attivare l’antivirus … certo che forse hai anche infettato ormai un bel po’ di programmi, anche di avvio mi pare …

  • “E cossa se pol far?”

  • -Tu riavvia adesso che poi vedo …

  • “Sperente …”

  • (dopo un’altra mezz’ora): Ecco, adesso mi pare a posto … vedi, è anche molto più veloce, non va più in crash … e questo? Cos’è questo? Ma papà, fai anche chat erotiche? Alla tua età? Lo sa la mamma?

  • “Bravo, bravo … sì ah boh, no so, le sarà vegnue denter col virus …”

  • – Ma se hai salvato tutto su disco rigido … dai….hai fatto un dowload …dai papà

  • “Scolta, ti no t’hai vist gnent neh … gnent … chì gh’è zinquanta euri per el piazer che te m’hai fat … ciapa e va a magnarte na piza …. Po’ torna su a Trent a l’università … oh, muto come un mes zo dopo l’òbit, capì come?”

 

EL TRENTIN E SAN VALENTIN

(lui, ad un amico, al bar): Toh, vara chi che casini anca en Parlamento. Ma te rendit conto che se te fai a bote come sti chi en ‘den bar i ciama subit i carabinieri e po’ te gh’ai na fila de rogne?

(l’amico): Sì vara, l’altra sera a ‘n zerto punto me son domandà: ma sonte su Rai Sport? Hai anticipà la partia de reghbi Italia-Inghilterra?

“Eh no, no se pol miga nar envanti cosita. Tanto paghèn semper noi…

-Zà, bevìt qualcòs? O tegnìt tut per dopo?

“Per dopo cossa?”

-Oscia, te narài ben fora co la sposa almen a San Valentin …

“Madonaaa, l’è vera. Sat che se no te mel disèvi ti … grazie sat. Meio che vaga a tor qualcos se no la vei fora come l’an passà. Che dopo quatro giri de spritz a mezdì me son endromenzà sul canapè e ho trovà en bigliet de la sposa con tante de quele brute parole … oh, no la m’ha parlà per na stimana neh …”

-Credo ben. Dai, come se fa a desmentegarse de San Valentin?

“Bon, bon … grazie del bicièr, come l’avès bevù, coro, ne vedem …”

(dal fioraio, tra sé):  Diaolporco che còa. Ma tuti ensèma a tor sti fiori … lamadona

(alla cassa, un’ora dopo): Oh, no l’è per far el solito rotiscatole neh, ma el varda che gh’ero prima mi … e tra l’alter l’è n’ora che son chi en pè co sto màz de rose zamai pasìde…

  • Scusi, ma non l’avevo vista …

“Eh dai no ‘l m’aveva vist … ma se pesò squasi novanta chili dai … son pu larch che lonch”

(la cassiera): Vuole anche il bigliettino e una molletta per attaccarlo al cellophane?

“Sì, valà, zà che ghe sen …”

  • Ecco allora sono 38 euro e 50.

“Cossa? Squasi quaranta euri per en mazèt de rose meze pasìde, en foietìn de carta, na busta picola e sta moieta che ghe vol la lent per vederla?”

-Mi dispiace ma i prezzi erano esposti sa …

“Va ben va ben … tanto gh’avè semper resòn voi (tira fuori una banconota da 50 euro)…”

  • Ha cinquanta centesimi magari?

“Anca quei volè … lamadona, gnanca el sconto per la coa …. Va ben va ben …”

(squilla il telefonino): Ciao amore, ma scusa, ti sei dimenticato anche quest’anno che oggi è San Valentino?

“No, no tesoro, l’è che gh’è na còa tra Riva e Arco che no te digo, vara, vegno subit….”

  • Ti ricordi vero che mi hai promesso l’anno scorso che a S.Valentino mi avresti portato fuori a mangiare il pesce … no, dico, ti ricordi vero? E sono sicura che hai prenotato vero? Perché tu hai prenotato vero? Guarda, che non succeda come l’anno scorso che stavolta proprio non lo accetto né come donna, né come moglie, né come mamma … ti aspetto, io sono già pronta…

  • (lui, tra sé): Porco de quel … oh, completamente desmentegà … po’ ho pers mesi en quela fioreria … e fat fora anca i zinquanta euri … diaol de quel … ‘sa faga adès … ah provo a telefonarghe al me amico Flavio valà … de soliti lì en posto el me lo trova a magnar … e magari el pago pu envanti … pronto? Ciao Flavio, scolta son el Cornelio. Sì, sì ho vist ho vist … sì, el so, el so …. Scolta cambiando discorso, gh’avressit posto per mi e la sposa disente vers l’una? Ah … ah ah … ho capì…oh ma narìa ben anca en taolin vizin al cesso neh … ah l’è ocupà anca quel ….va ben ciao…ciao sì sì el so….sì sarà per n’altra volta … ho capì, se telefonevo giust n’ora fa te m’avressi trovà posto …. Va ben Flavio ciao….

  • (al decimo tentativo di prenotazione, dopo mezz’ora): Sì, sì … ah mi scusi, sì lo so che all’ultimo minuto … va bene, va bene ….farò come dice lei …va bene

  • (in auto con la moglie, più tardi): Ah te verài che posto t’ho mess ensema st’am … ah? Te piasèi i fiori?

  • (lei): Sì bellissimi, ma manca ancora tanto? No sai, non ho fatto nemmeno colazione ….una fame….

  • “No no l’è zamai chi vizin …”

  • (al ristorante): Salve, son el Cornelio, sì quel che ha telefonà (sottovoce) na mezoreta fa …

  • (cameriere): Ah sì, ecco, guardi si può accomodare là, appena scopro che qualche prenotazione è saltata la faccio accomodare al tavolo … porti pazienza sa ma quest’anno a S. Valentino nonostante la crisi abbiamo dovuto disdire non so quante prenotazioni … ma se è fortunato vedrà che al massimo tra mezz’ora, tre quarti d’ora …

  • (la moglie): Beh, allora? Dov’è il nostro tavolo?

  • (lui): Vàra, dev’esserghe stà en disguido i m’ha dit … perché ha telefonà pre prenotar un che se ciama cornelio come mi … e alora sat, i deve vegnirghen fora … dai che entant ne fen portar do patatine e do bicieri de bianco …

  • (al cameriere, sottovoce): el senta, pòdelo portarne do bicieri de vin bianch co do patatine de numer neh … ah, el bianco, tapo corona me racomando, quel che costa de men ensoma …

EL TRENTIN E CARNEVAL

(la moglie) : Dài neh, da bravo … no te narài miga fora conzà così?

(il marito): Perché? Vàra che l’è zòbia mata ancòi. En giro i è tuti en maschera…

“Va bèn, ma no te sei miga pù ‘n putelòt, dài dài metete na camisa da galantòm, el maiom e anca la giaca valà che no l’è miga istà e se te me ciapi su qualcos po’ son mi quela che deve sugar su le to miserie”.

-Ma vara che anca el Gino e ‘l Mario, che i me aspeta al bar del Dobelòn, i va ‘n giro en maschera ancoi …

“Mi del Gino e del Mario m’enteressa men che men del … dai va’ a cambiarte per amor de Dio”

-Ma dime cossa che no va ben de ‘sto costume … dimel almen.

“A parte che ‘l te tìra da tute le bande che te pari na soppresa apena ligàda, dai che no gh’è pu nesùn de la to età che se travestìs da orso”

-Però la mia l’è na provocazion … hat vist de drio cossa che gh’ò scrit sul cartel? “Sono Daniza, non sparatemi”

“Bela roba. N’om de quasi sessantani che el tol per giro quei de la Forestale. E po’ quela l’era n’orsa no n’orso se propri volen farghe la ponta ai bigoi…”

-Ma l’è na roba che n’ha parlà tanti, anca sui giornai, ensoma se a Carneval se pol scherzar mi el Mario e ‘l Gino pensevèn de nar en giro vestì cosita no…

“Ah perché anca i to amizi de bicièra i se veste da orsi?”

-No, el Gino el fa quel che sbara e ‘l Mario n’animalista , un col cartel con su scrit W Daniza. Capì come? Fen en po’ de scena no en mez ala zent…

“Propri na bela scena … scolta a ogni modo ti for de casa vestì così no te vai. Se no quando te vegni de volta te trovi la porta enciavada, capì come?”

-Lamadona, dai, l’è Carneval…

“Podrìa anca esser el dì dela cucagna no me ne frega gnent. Adès te vai de là e te te meti en vestì bel, co la so bela cravatina, che a mezdì doven nar a magnar da me mama, te te ricordi no?”

(bestemmiando contro ignoti va in camera) – De quela troia … che cramento … ma dime ti dime ti, podèvo anca entaiarmela no dopo el prim matrimoni …diaolporco … no, gh’ò ficà el nas denter n’altra volta … en dugo, eco quel che son … en dugo sacranon padèla … porco…dizere.

(esce, il commento della moglie) Oh così me pias. Odìo, anca se no te metèvi el vestì del nos matrimoni … tut mal bravo, t’hai zernì la cravatina giusta, quela a bolini … e anca i cavèi tirài endrio cosi, lisci . Bravo, dai che adès te poi nar dai to amizi e po’ te speto tra n’oreta che nèm dai mei…bravo el me bel marì…vedit che t’hai butà zò anca en po’ de bògia envanti … a no magnar luganeghe….bravo.

(al bar, con gli amici, Gino): Ma dài no podo crederghe … ma set ti Cornelio? Propri ti?

(lui). Chi vòt che sia, n’alter?

“No l’è perché no t’ho mai vist co stò vestì dele feste …”

-L’è quel del me secont matrimoni

“Ah zà che a ti no t’è bastà ciapàr na scopèla … “

-Tàsi, tàsi …

(Mario): Madona che idea, bravo Cornelio, no gh’avevo pensà

(lui) Pensà a cossa?

(Mario) A ‘n costume così oscia … te sei propri en genio, bisogn dirlo

(lui) Ma genio de cossa, vara che no l’è miga en costume de carneval, l’è sta la me sposa che ….

(Mario) : fermete, no voi saver el percome e el percossa … digo sol che te sei en figo…

-Perché?

(Mario, rivolto a Gino): Tei, hat viste el Cornelio? El s’è vestì da Ugo Rossi, el presidente dela Provincia ahahahaha adès però bisogna che ne cambiente noi … mi fago finta de esser l’ors e ti Gino te fai el forestale … con drio el Rossi che te dà ordini de copàr la Daniza ahahahaha…dai che nem subit a farne en bicier che ciapèm l’anda giusta ahahahaha

EL TRENTIN ,

CIACERE TRA DONE

(in piazza, incontro tra amiche che non si vedevano da tempo)

Lisa: Ma varda varda che se se vede dal bon, che ben che te vedo Gina set stàda en ferie al calt?

Gina: Ma valà che son ‘pena vegnùa fora dala paruchiera che domàn se sposa me fiol sat e alora … te sai ben come la valà, sen ancora tuti per aria. Le ferie? Coi soldi che ne va fora tut en ‘den colp…te me capirai ben…

Lisa: Ma dai, no ‘l savèvo (tra sé pensa: che stronza, poteva anche mandarmi le partecipazioni, ci conosciamo da una vita … e se non fosse stato per me non avrebbe nemmeno conosciuto suo marito, proprio stronza …) ma chi ela la sposa? Dale nosse bande? Bionda? Dai cònteme tut … (pensa: so fiòl l’è brut come l’orco, chi vot che l’abia binà ensema?)

Gina: Ah ma anca ti te vedo ben sàt, come vàla a cà? E to mama?

Lisa: (stizzita) Me mama l’è morta che sarà do mesi, me marì l’è cascà dala ruspa e l’ha scominzià a caminar che sarà ‘na stimana … i fioi? Un per banda. La pòpa en Germania co l’Erasmo e l’altro che ‘l speta ancora ‘n posto ala Rurale anca se l’è ragionier zamai da tre ani…che te diga.

Gina: Ma dai, me dispias per el to putel, ma dai almen la popa te l’hai sistemada no?

Lisa: Come sistemada, te savèssi quant che la me costa al mès …

Gina: No, entendèvo, ‘sto Erasmo l’hala sposà o vivei sol ensèma en Germania?

Lisa: Veramente sto Erasmo el costa se l’è per quel … e tant anca

Gina: Oh madona, disocupà anca quel, eh ma co sta crisi per i boci no gh’è pu futuro sat, meno male che adès me fiol l’ha trovà na donèta a modo, che vei da na famea che sta ben se no …

Lisa: Ma chi ela sta fortunada?

Gina: I soi i sarìa de Barcellona, ma i è chi ‘n Trentin da ani zamai

Lisa: Ma dai, no sta dirme che el se sposa co na spagnola …

Gina: No Barcellona quela vera, quela che gh’è zò en Sicilia …

Lisa: (pensa: pu che na teròna….) Ah, son contenta per voi dai (pensa: te verai che adès ve vei su tute l ‘parentado …) bona zent i siciliani sat? Po’ i è boni de far el pès, i dolzi e se sa che le siciliane le è, come dir …le è (pensa: come tute le terone dai, perché no le va coi omeni siciliani enveze che vegnir chi a portar via i nossi putei e i nossi soldi?) … ensoma le gh’à qualcos de diferente da noi

Gina: Ah vara de la Concettina, che po’ ghe ciamèn tuti zamai Tina, la Concettina te disevo l’è propri bela. Po’ quando la vei da mi la me dà semper na man a far da magnar e anca a lavar zo neh. Te diserèsi: la vei da na famèa che no gh’a problemi de soldi, la gh’à el nas levà. E envèze … cara mia, la se fa su le maneghe quando serve. No podo de zerto lamentarme…

Lisa: Ma i soi chi vegniressei a esser?

Gina: Ma dai che te i conossi anca ti, l’è quei de la dita che ha fat su tute le case nòve vers Gàrdol. E po’ anca le rotatorie de la straàà per Matarel e po’ no so quanti mistèri che i gh’abia en giro, miga sol en Trentin, anca zo per Verona, Milan … no no i stà ben per quel  … la so dita la se ciama Edilsud … te dìsela qualcòs?

Lisa: Edilsud t’hai dit?

Gina: Sì, Edilsud … eh madònega … l’è una de le pu grosse dite de muradori … e dà lavoro a tanta zent da ani sat? Bona zent, seria, che fa le robe precise e senza far spetar perché le sia finie … me marì, pensa, l’era ani che ‘l volèva sgrandàr el garage … e varda che bota de cul … me fiol el se sposa co la fiola de sti chì … zac e tac è arivà i permessi dal Comun e ‘n de na stimana i ha mès su le pareane col so cancel che va su e zo col telecomando … na comodità che no te digo….che l’era ani che bisogneva smontar, anca de not, e tirar su quel robo de fer che ‘l pesèva de pu…de la machina…

Lisa: Edilsud t’hai dit? Odio … ma … ma l’è la dita dove lavora me marì …

Gina: Ah sì, no ‘l savevo … cosselo che te disèvi, che el s’è fat mal co la ruspa …ah …el sarà en malatia alora …

Lisa: Sì sì, tra ‘n po’ el finìs … ma ghe resterà na gamba sifolòta … no ‘l podrà pu far el pacherista … scolta no l’è che magari te podèssi meterghe na bona parola … che i lo metèssa a far laori pu comodi, magari al calt?

Gina: Capìsso, capisso … me dispiàs tant per to marì …. Scolta, proverò a parlarghe a me fiol dopo el matrimoni se sa, che mgarai lue l ghe parla a la sposa che dopo la ghe parla ai soi … no te prometo gnent sat, gnent de secur … ma ghe provo …

Lisa: Grazie grazie Gina … no so cosa dirte …

Gina: Gnent, gnent cara … ah, scuseme sat se no t’ho envidàda al matrimoni, ma l’è colpa de me marì. Quando gh’ho fate l vòs nome l’ha scorlà la testa. Sat cossa el m’ha dit? Che a voi i teroni i ve stà sule bale, pensa ti. Che l’ha vist na scena na volta al bar tra to marì e ‘n teròn che i begheva e i se ne disèva de tuti i colori. Ma me par empossibile che la sia vera sta storia se te me disi che to marì el lavora propri en quela dita … tut mal te ciamo quando so qualcòs. Anzi vara, toh, te dago almen le nòze … e saludeme i toi, e anca l’Erasmo neh, sperente che

EL TRENTIN CHE TRADIS

LA SPOSA

(al telefono): Ciao, ah … sì spèta valà … no l’è che … dai che … ma no, no ne sentìn tra do minuti …sì, no, ma no … ma sì che … bon ciao … te riciamo mi, sì, te riciamo t’ho dit …

(la moglie): chi èrelo al telefono?

“Ah, i soliti roticoioni … gnent … “

  • Ma alora perché te gh’ai dit che te riciami?

“Ma no, tant per dir no, tant per mocàrla lì demò … dai che adès devo nar fora …”

  • Fora a far che? Ma se te sei ‘pena arivà …

  • “Ma ho desmentegà de tor i zigareti”

  • I zigareti? Ma se me mama la t’ha regalà do steche a Nadal … No t’avrai miga fumà zà do steche …

“No, ma gh’avria anca da passar n’atimin en banca … sat, quela multa del bocia da pagar”

-Vara che l’ho zà pagàda mi quela multa … se spetèvo ti adès dovrèssen pagarla el dopi

“Ensoma, vago fora a ciapar en po’ de aria … che così magari me va via el mal de testa”

-L’è fret, massa fret. El mal de testa el te vei al dopi …

“Dai che oscia magari dopo nèn a magnar ‘na pizza …”

-Ah va ben, strano però, t’hai semper dit che la pizza a mezdì po’ la te resta sul stomech tute l dopodisnar …

(finalmente esce e telefona all’amante):” Quante volte te l’onte dit de no ciamarme la matina. Che magari son en casa e gh’è la sposa che sente … scolta, stavolta no l’ha magnà la foia. Ma no podo miga nar envant tant sat … ma sì, ma sì che te veoi ben … ma sì, dame el temp de dirghel con calma … oscia adès gh’è le separaziòn svelte … dese minuti en comun, senza avocato … el so, el so … ma prima devo dirghèl … e difati … difati vagi fora a magnar na piza e stavolta gh’el digo … ma ti te sei la dona de la me vita … ti sì … ah, stasera no so se podo vegnir … me sa che quando ghe digo tut … eh te sai, ghe vol delicateza en ste robe … po’ gh’aven anca do fioi de mez neh … bom bom…stasera no ma doman … ah no sta ciamarme doman matina neh … meti che ancoi no la vaga … eh…me racomando neh …”

(in pizzeria):” Che tòt ti? Mi narìa sul picantìn …”

-Vara che dopo te vei sé … e acidità de stomech … te resti enciodà tute l dì …

“Ma valà … che el peveronzin enveze el brusa tuti i malani”

  • Content ti …

  • (al cameriere): Alora ‘na bela calabrese con tant peveronzin … e … na margherita per la sposa. Po’ na bela biràza weizen per mi e … na minerale naturale? Sì, ‘na naturale per la sposa. Oh, no ‘l staga miga farne spetar do ore come l’altra volta neh …

  • (la moglie): ma quan’elo che aveèn spetà do ore chi? Sarà me digo tre mesi che no vegnin a magnar la piza

  • “Ma no, se fa per dir no … così almen i se dà na mossa. Tant per sgarirli … se no i se la tol con comot. O magari le pize le te ariva frede”.

  • (in parte c’è un amico): Ehila, ehi … se se vede semper chi ah?

  • (lui):” Ah ciao, ma sì dai ogni tant se pol anca magnar la piza a mezdì no?”

  • (la moglie a lui, sottovoce): Ma chi elo quel lì?

  • (lui): “Ah, ‘n vecio colega … l’ha magnà for tut co le machinete … ‘na bruta storia”

  • (l’amico): Scolta, mi farò ‘na vita ala sbregabalon ma anca ti vecio…ah? Semper pien de done …

  • “Ma ‘sa dìsit su … set zà embriàch?”

  • (l’amico): Dai dai che l’ho capìda ne che te sei divorzià anca ti … e alora se ghe dà denter ah? Una diversa ogni sera … el funziona el mister de l’ombrela ah?

  • (lei): Ma de cossa parlelo sto chi? De ti? E no ghe dìsit gnent?

  • (lui): “El sarà zà a livèl, cossa vot farghe …”

  • (entra in sala da pranzo un altro amico): Ehi, ma, ma … te sei ben egoista neh, te podrèssi ben presentarne ogni tant una dele to amiche (fa l’occhiolino) ogni tant. En po’ per un la ciave del volt ….ahahaha la ciave per enciavar el volt ahahahahaha

  • (lei): Sat che te digo? Vago a casa. Magna pur la to piza co ‘sti embriagoni. I me fa schifo sol a vederli…

  • (lui): Ma no dai, i scherza … i scherza

  • (squilla il telefonino di lui, risponde la moglie): “Ciao tesoro, volevo dirti che ti amo tanto, e ti voglio…corri ti prego, appena puoi corri …

  • (lei ): ma chi parla?

  • (Clic): La ha mes zò …

  • (lui, bianco in volto): ‘Quei che sbaglia numer e no domanda gnanca scusa … e me capita spès neh

  • (lei): vara, è resta el numer che ha ciamà … adès ghe telefono mi e ghe canto quatro oscie …

  • (lui): ma lassa perder valà … dai che la piza la deventa freda …

  • (lei): no, l’è question de principio, de educazion

  • (compone il numero): Pronto? Ela ela che l’ha ciamà prima? Ben. La se vergogna, almen domandar scusa … come? Come? Mi dovria pensar a l’avocato? Mi? Mi? Che adès ho capì tut cosa? HO capì che ela l’è na gran stronza e basta ….(butta giù)

  • Lui: Eco, set contenta adès?

  • Lei: Sì, me son cavada la spiza. Perché ‘ste putane caro mio el so come le fa: le fa finta de sbagliar numer e po’ le encoiona i omeni. Sat quanti ha pers la testa e la sposa per esser po’ nai a pissàr for dal vaso?

EL TRENTIN E L’ULTIM DE L’AM

(in piazza, il 29 dicembre): Ciao, madona l’è ‘n pèz che no te vedo. Ma te trovo bèm…te pàri ‘n zovenòt. Ma, dìme, dai, la t’ha mès a dieta la sposa…la t’ha serà col marlòs el frigo … ahahaha … se nò te gh’ai qualce bruta malatia ,,, no t’ho mai vist sì màgher …

“Ma e farse en piatìm de afàri soi?”

  • Ma dai che se scherza … per el rest tuti bèm, tuti for dal lèt? Passà bem el Nadàl?

“Tasi valà che gh’ò ancora me digo vinti fète de panetòm che fa el levà ‘n del stòmech…lassènte po’ perder le scorèze che sa de spumante …

  • Ma bisogna savèr bèver drio le feste. Se sa che el spumante brut .. lo dìs la parola neh … el fa mal

“Ah perché l’è meio quel de pomi, dòlz, che co ‘l panetòm el fa la pàlta …”

  • Ma no, l’è che tuti a le feste i bève quele botiglie che costa, che fa le bòle picole … e dopo ‘ste bòle le finìss nel stomèch… semplizòm

“Va bem, ma se no te fai en cin cin almèn a Nadàl …”

  • E l’è propri quel che te frega. Tegnirse a um bisogna. Dopo l’è del bao che te te lamenti, che te vaghi en farmacia a tòr l’antonèt, el malossinux, no serve a gnent tacarse al bioscalìm…no t’arivi en zima …

“Bom, dai, dime, ‘sa fè st’am a l’ultim de l’am?”

  • Vàra, squasi starìa a cà co la sposa. El bocia l’è nà en Germania coi so amìzi, me suoceri i và a balàr a mezlombard, darghe sesanta euri per po’ star lì encoconà tuta la sera … e anca la matina dopo …

“Eh però dai, l’ùltim de l’am el vei na volta sola …”

  • E meno male. Meti che ‘l vegnìs do-tre volte a l’am …

“Ma se se diverte, do salti, i fòghi, el codeghìn…”

  • Sì, e el dì dopo el brodo de galina e pasta en bianco … no no …

“Ma podrìa anca esser l’ultim san silvester che se fa …”

  • Ooh, devo tocàrme? Ma bàsete el cul valà …

“Vara che fin che ghe sèn bisogna darse da far, zacàrla sta vita. No te me dirài miga che te stài lì fin mezanòt a veder quei sfigai en televisiom che fa la conta … magàri co ‘na bozza de minerale? “

  • Ma nò, oscia, l’è che, ‘sa vòt, sem zamai vecioti, no me piàs pu i casini, butar via i soldi per gnent … ma te ricordit quando l’ultim de l’am fèven le scomese a quel che sarìa riussì a far el giro dela Busa en retro co la zinquezento?

“Sì, e me ricordo anca el cont che avèm pagà ensema, co la colèta, al carozièr …”

  • Dai che però l’era emoziom…

“Elamadona che emoziòm … anca quando te ghe fèvi el filo all’Apres Club a quela francesina … e che dopo è arivà el so moròs alt do metri e larch quatro …”

  • Massì però se se divertiva de pu dai …

“ Come no … coi slavadenti che t’hai ciapà quela sera t’hai dovù cambiar la foto dela carta d’identità e dela patente … no te te somiglièvi pu”

  • Ma l’era tut mal pu bel …

“Dai, mòlete fora. Conosso en posto dove i fa anca a l’ultim de l’am musica dei nossi ani. Equipe 84, Dik Dik, Nomadi, Cugini di Campagna a manetta … “

  • Gh’ò la seconda spòsa zovena …

“Ma varda che i mete su anca Gianni Morandi, Renato Zero, altri vegnui dopo neh …”

CIAO COME STAT?

Dài, son en pè …
– Ah vol dìr sat stàr en pè … e la spòsa?
En pè anca quela
– Ah vàra, quando anca la spòsa l’è en pè … e i fioi?
En pè anca quei …
– Dài che son contènt, meno male valà che stè tuti bèn …
T’ho dìt che sen en pè …
– E difati, tuti ben, tuti for dal lèt …
Scusa, forsi me son spiegà màl … sen tuti a pè perchè la machina l’è rota, la bici sbusàda e ‘l motorìm l’è el motorim senza miscela … ne darèssit ‘na slongada zo al discaunt a mi, a l’ospedal a la me sposa e a scòla al bocia?
– Oscia, se mèssi tuti ben mal
En pizeria. La torna a cà semper dopo le doe
– No l’è che la faga altre robe neh …
Ma valà … ‘sa pensit … oh, del resto, se no ghe fuse la a tor su do soldi adès, me sa che la narìa de persèche…
– Mah …
No te sarài miga gelòs de na dona che te porta a cà i soldi …
– No, ma sat … quando te capita de no nar denter da na porta perché i corni i te fa empedimènt … l’è zamai tardi
Va bem, ma entant se no ghe fussa ela che lavora …
– Che te diga: ‘sta crisi la fa perder de dignità tuti quanti. Ti che te dovressi esser l’om, co le braghe, coi brazi che laora … te stai a cà col bocia, a darghe da magnar a gati cagni e canarini, te fai da magnar, de rifai i leti, te vai a tor pan e companatech … quel che feva le done ‘sti ani …
Però entant se tira envanti no?
– Ma sì, ma sì: se ela no la gh’avès quel laoro … ma che vergogna credeme
Ma dai che entant te fai el mammo … vara che gh’è anca contributi per quei che fa el mammo neh
– Ma ciàvete anca ti, me sento come en pèss for da l’acqua. E pensar che a quela dita gh’ò dat squasi trentazinque ani dela me vita. Son stà mi e altri dèse a montàr le prime machine … po’ de colp i ha portà tut en Bulgaria. E lì è finì tut, tut …
Entant però te stai pu a cà, con to fioi …
– Ma mi son n’om miga na dona … oscia, no te capissi propri gnent

EL TRENTIN E I REGAI DE NADAL

(la moglie): Vàra che bisognerà anca compràr qualcòs per Nadàl e prima ancora per Santa Luzia, che no vègna fòra come l’an passà che è vegnù a trovarte i neòi e te gh’ai rifilà quei libri vèci per putelòti…

  • Ma ‘sa dìsit su che i era ancora encelofanài

      “Sì, ma da dèse ani demò dai, dai che ancòi gh’è anca la fèra e qualcòs se trova a bon mercà”

  • E se nèssèm envèze dai cinèsi?

  • “Ma sèt màt? Che magàri dopo co le baterìe se brùsa la plastica e i se fa màl? Te sai nò che roba che i te sgnàca su i cinesi”

  • Ho capì, ma alòra perché i ghe la làssa vender se l’è batarìa stràza e pericolosa?

  • “Dài, dàme da mènt a mi che nèm ala fèra e qualcòs troven…senza spender tant”

  • Oscia, e se enveze nèssem zò a Affi al Tòis? Così fèn anca ‘na giràda sul lach dopo, ah?

  • “Scusa neh, ma con quel che te spendi de benzina, de autostrada, de parchegio…me sa che ala fin te gh’en zonti, o no?”

  • Ma no, dai che cosita nèm anca a magnàr le quagliete e comprèm qualcòs per i toi, i mei, e anca per noi se ‘n vànza

  • “Forsi no te te rendi cont de quant che n’è restà ala rurale dopo che avèm pagà el mecanico en otòber…”

  • Elamadona, se sa che le machine prima o dopo, soratut se le è vecie, le se rote…

  • “Ma la nòssa me sa che i l’ha fàta propri perche la se ròta prima dele feste de Nadal…e a ogni modo ti te sei comprà anca la cinepresa nova st’istà…oh, i và fora i soldi, i và fora…no ghe fussa mi che varda ogni dì l’estrato…”

  • Ma cossa dìsit che te vai da la paruchiera, da quela che te fa le ongie, da quela che te neta el nàs…

  • “Te sei propri n’ors, valà, e tra l’alter no te te sei gnanca scòrt che ho cambià colòr dei cavèi, anca te vardi la to sposa…volerà dir che me farò vardàr da qualchedun altri…”

  • Ma ‘sa dìsit, dai, l’è che cambi colòr ogni do ‘stimàne, zamài ho perse l cont

  • “Ti t’hai pèrs anca qualcos alter caro, madona santa fàme star zìta che no diga quel che me passa per el zervèl…”

  • Dài, dime ‘sa te passa per el zervèl oltra a cambiar colòr ai cavèi e compràr borse e scarpe, dai…

  • “Ho capì, vago mi ala fera a tor i zugatòi per i boci…”

  • Va bèm, va bèm che adès me speta el Gino al bar

  • “Sì, ti speta i bicieri e le botiglie a ti al bar altro che el Gino”

  • Vèi anca ti alora a vedèr ‘sa fago. Parlèm de robe serie sat? E po’ te vegno mai drio mi quando te vai da la paruchiera o da quela che te fa le ongie?

  • “Finìntela chì valà che zà avem butà via meza matina senza far gnent. Alora mi penso ai putelòti, tì però te dovressi pensar ai grandi”

  • Ma fem come tuti i ani no? El pigiama de flanèla per to pàre, en zèlten per to mama…

  • “Fèrmete, te prego, fèrmete…che l’è da dese ani che me pàre el ciapa el stèss pigiàma…che me mama la me porta endrio e ti dopo te gh’el ridài…basta co ‘ste figure, basta…no se fa giràr i regài, come quei panetoni che te gh’ai zò en cantina da l’am passà….dai che i gh’avrà la mufa zamai”

  • Alora pènseghe ti anca ai grandi vist che te sai far meio…

  • “Ah mi ghe penso anca, dopo no sta lamentarte se và for tuti i soldi dela tredicesima neh”

  • Spèta, spèta che m’è vegnù n’idea

  • “Ah se t’è vegnù n’idea a tì vol dir che stanòt vei zò do metri de nèf…quei dei impianti de sci i dovrìa basàr dove te camini”

  • Spèta, te digo…Gh’at en ment tute quele monàe che i ne deva quando nevèn en crociera? Tute quele borsòte…i gàggiet de plastica…gh’è anca quele calcolatrici picoline…che le serve sat.,.ensòma gh’avèm el garàs pien…basta tòr carta da pach e sogàta….o anca carta da giornal vecia che vei fòra pachetìni diversi dai altri e dopo ghe sarìa anca quele maiètine a meze maneghe che i dèva al mare e quel capèlim che ho vint ala gara de l’aperitivo eh…ghe n’è de roba….

  • SBAAAAAM (la porta chiusa con violenza dalla moglie prima di uscire di casa)

EL TRENTIN AL ZIMITERI

EL DI’ DEI MORTI

 (ad un conoscente): “Ciao, ciao come vala?”

  • Eh, dai, fin che se se vede, de zerto meio de quei che è chì sòto

“Ma hat tot anca ti el lumìn a baterìa? Vara che ‘l dura forsi en par de dì…ma forsi”

-Eh dai, sì poch? Me sa che te te sbagli…l’am pasà el slusèva anca ‘na stimana dopo…poch ma el slusèva

“No parlèvo dela baterìa ma de quei che ròba lumìni e vasi de fiori…ogni am l’è la stessa roba, vegnirìa voia de metèrghe en mèz le ortìghe ai fiori, almèn qualche bòla la ghe vei sui dèi…”

  • Scolta, quel che conta l’è el pensèr no…dir do paternoster, pensàr a quei che no gh’è pu…

  • “Ah sì sì, te gh’ai resòn. No gh’è pu le feste dei morti de ‘sti ani. Men, come se ciamèl?, men consumismo no, e anca men zènt che freghèva se sa…se ‘ncontrèva parenti, zent che no te vedevi da ‘n pèz, se ricordèva i nòssi pori morti…”

  • L’è vera, propri vera. Po’ se nèva al bar dele condoglianze a bever el brulè. E tuti a cà a scartozàr maròni…

  • “Sì, caro, gh’era pu, come se ciàmela?, comunità, pù paès, no come adès che i vive serài denter e i parla mal de quei che gh’è fora…”

  • Eh sì…a proposìt, hat sentù del zendro del Livio?

  • “No…”

  • Oscia i lo sa tuti dai che gh’è scampà la sposa. E sat con chie?

  • “No …”

  • Col fradèl del Gino Panza…dime ti. Un che prest per mòverse el deve dropàr le rodèle…

  • “Ma dai…el Gino Panza…no l’avrìa mai dìt…”

  • E dela Gina, la vedova del Ruggero, quela che abita drio la cièsa?

  • “’sa gh’è sucès a la Gina?”

  • Ma come fat a no savèr ‘ste robe? La Gina zà en mès dopo el funeral del Ruggero i l’ha vista ensema al cosìn del sagrestàn…altro che nar en ciesa a ‘npizàr le candele a so por marì…

  • “Ma dai che no ghe credo, la Gina, no no pol esser”

  • Te digo che i l’ha visti ensèma a balàr e a zena, tacài co la còla, e pù de na matina lù l’è vegnù fora sul prest dala cà de èla…dime ti…bom valà te saludo che i mèi i me spèta zamai per disnàr…ciao Enzo neh, mòlete fora, no stàr semper serà en cà….

  • (Enzo va avanti e incontra un altro amico): Ehila, ma ancòi n’encontrèn tuti chi…

  • “Oscia l’Enzo, te me pàri engrassà però…ma sì, fin che se se vede…”

  • Tei, sat gnent de la Gina?

  • “No, cossa gh’è sucès ancora a quela pora dona…che l’ha sofèrt così tant quando è mort so marì…”

  • Ah caro, la se la gode. Pensa, i l’ha vista ensema a balar e zenàr col cosìn del sagrestàn…gnanca en mes dopo l’hobit de so marì….e del zèndro del Livio? Sat gnent del zèndro del Livio? Spèta che te conto. Alora, en pratica gh’è scampà la sposa. E sat con chie?

EL TRENTIN E LE LISTE PER LE ELEZION

(responsabile della commissione elettorale di un partito in vista delle “comunali” al telefono): Ciao Bruno, ciao, scòlta vàra che no vànza miga tant temp neh…oppa, bisogna trovar i candidài se no le liste le gh’avèm sì, ma de legn sula schèna dai capi…

(l’altro): Ma no avèvit dit che te gh’avevi zà ‘n sàch de nomi, che anzi forsi bisognèva lassàr fora qualchedùn?

“Tèi, ma sèt zà ònt a le dèse de matina? E sì che no l’è le prime eleziòn che te prepari con mi. Zèrto che i nomi grossi i gh’è, anca quel che dovrìa deventàr sindaco. L’è el rest che dovèn zercàr…anca quei che ne firma le liste en Comun…te sai no che bisogna che tirente su na caterva de firme…

Va bem, ma chi zèrca? No me par che ultimament ghe sia tanta zen tale riuniom…

“Scominzia col Gino, quel che adès l’è ‘n pensiòn e che l’è denter el grupo dela ciesa…el vegniria bòm, el conòss tra l’altèr en sach de zent. E po’ vot meter? Tute le veciote de la cà de riposo che el và a trovar col volontariato…

“E che ghe diga al Gino?”

Oh, sveiarse, dighe che senza de lù no podèm sperar gnanca de nar denter en consiglio comunale, enventète qualcos. Dighe che semai dopo ghe sarà en bel contributo a le so asociaziom…dai, nar che nare che gh’ò ancor da vardàr come sen messi a tessere…

(Bruno va al bar del paese dove sa di trovare Gino): Ehila Gino, che ‘n pèz che no se se vede…Bèvit qualcos?

“Sì dài, en bianco de quel bon con do patatine…se propri te voi”

No gh’è problemi (pensa: Scominzièn bèn, anca pagàr devo per ‘ste monae), dai sèntete chi che gh’avrìa na roba da dirte…

“Cossa? No sarà miga sucès qualcos de brut al prete…ma se l’ho lassà che el steva benòm dopo Messa…”

No, no, (fa cenno di avvicinarsi) l’è che ghe sarìa na proposta per ti, na proposta de quele bòne, credeme…

“Vara che tra oratorio e veciòti son pien de mistèri fin su ‘n zima. No te ‘nmàgini gnanca quel che gh’ò da far. Laoro de pu adès che son en pensiòn de quando fevo i turni en cartèra…”

Ma podria vegnirte for qualcòs anca per i to veciòti…scolteme ben, se trateria de vegnir en lista con noi per le elezion che zamai ghe sen neh…

“Mi en lista? E a far cossa? Far numer?”

No, l’è stà i capi a far el to nome. Perché ti te sei, come dir, nel sociale, te vai d’acordi con tuti, e tuti i te stima en paès…

“Va bem ma mi de politica no capisso gnent, no so parlar en ponta…”

Ma na volta eleti basta lassarghe a quei lezui parlar, quel che conta l’è che te porti le to idee, che te ciapi tanti voti tra le to conossenze che alora sat un che ciapa en fracco de voti….magari i te fa anca assessor al sociale o de na commissione de l’ospedale…ah? Che ‘n disit?

“Bruno, vara, làsseme for dai tovi valà…che mi stago bem dove sòm”

Ma dài che l’è n’ocasion che no capita tuti i dì. I santini tei fen noi no stà preocuparte. Paghèn noi da bever e magnar a quei che envidem ai incontri eletorali…ti no te spendi gnent e te podi deventar un che conta en sto Comun….penseghe, penseghe…

“Vara, no so propri come dirtel, ma giust ‘na stimana fa è vegnù anca i vossi concorenti a domandarme la stessa roba…”

No sta dirme che te te candidi con lori…no stà farme questa Gino…

“No, no….gh’avevo dit che dovevo pensarghe su, le stesse robe che te sto disendo a ti”

E alora?

“E alora dopo en par de dì i m’ha telefonà e i m’ha dit che ghe dispiaseva ma entant i avèva zà serà la lista, che no i saveva che vegniva con lori uno…”

Ma chielo ‘sto chi che i ha preferì a ti?

“El Tulio Sbètega…sì quel che me par l’aveva fat l’assessor con voi l’altra volta no?”

El Tulio? Che fiol de na bona…che traditòr…gh’el digo ai me capi…ma alora te poi vegnir con noi sicùr de ciapar anca i so voti no?

“No la farìa così fàzile: la fiola del Tulio e ‘l me Claudio tra do mesi i se sposa…te me capissi bèm….en suocero de chì e uno de là…no starìa tant ben dai”

EL TRENTIN AL KARAOKE

(quel che mete su i dischi): Allora, adesso abbiamo un bel pezzo degli anni Sessanta, si è prenotato Aldo, vieni Aldo dai, come va va…

(Aldo, ala sposa…): Oscia, ma mi gh’avevo dit se ‘l metèva su vagabondo dei nomadi, ma miga che l’avria cantada mi…

(quel che mete su i dischi): Allora Aldo, dai che la base sta già per cominciare…è il tuo cavallo di battaglia no?

“Mi veramente… “

(la sposa): E’ che è un po’ petàto giù co la voce per il rafredor…

(quel che mete su i dischi): Dai, un applauso di incoraggiamento per Aldo….Aldo, Aldo, Aldo, Aldo…

(ala sposa): “Me sa che se no canto i me copa…”

(sposa): Oh, se no te nevi a roterghe le bale podeven finir la piza en paze…mi entant magno caro…rangiete

(quel che mete su i dischi): Oh finalmente, Aldo sei proprio come le rock star, bisogna far aspettare i fans prima del concerto, devono scaldarsi prima….bravo, allora ecco a voi Aldo che eseguirà Vagabondo dei Nomadi….e chi non la conosce questa hit degli anni sessanta

(la sposa): Aldo, vara che te gh’ai la botonèra daverta…dai….

(Aldo ): “Me s’è rot la cerniera ‘cramento… (intanto il pubblico: Aldo, Aldo, Aldo)

(parte la base scorrono le parole): Io, un giorno crescerò (Aldo: esseròòò) e nel cielo della vita volerò (eròòòòò) Ma un bimbo che ne sa (bocia che saaaaaa) sempre azzurra non può essere l’età (l’istàààà) Poi, una notte di settembre (nella not che vei sempre) mi svegliai (aiiiii) il vento sulla pelle (elleeeee) sul mio corpo il chiarore delle stellle (diaolporco i me tira ades le stele) Chissà dov’era casa mia (machina vizinaaa) e quel bambino che giocava in un cortile (pic e badileeeee) Io vagabondo che son io (dioooo) vagabondo che non sono altro (n’altro) soldi in tasca non ne ho (e la pizza pagheròòòò) ma lassù mi è rimasto Dio (ioooooooo)

(finito il pezzo): Bravo Aldo, bravissimo hai interpretato nel migliore dei modi soprattutto nell’atteggiamento, nella mimica, nel calarsi veramente nella parte del vagabondo,….barbone direi avete visto che bel costume no…sbracato…..bravo Aldo, un applauso per Aldo, Aldo, Aldo

(la sposa): Aldo, no ho mai fat na figura de merda così gnanca quando al matrimoni te m’hai reversà na botiglia de teroldech sul vestì bianch…nem valà….che a casa te giusto quela cerniera valà…nem via…

(Aldo) : e la piza?

(la sposa): L’ha dite l camerier che ghe fen pecà…i ne la ofre lori…nem a casa valà

 

El TRENTIN E L’ORSA DE PINZOL

(guardando il giornale): Toh, vara, anca ancoi l’orsa en prima pagina sul foi…

-‘sa vot, i ne parla tuti…

“Ma i ne parla tuti perché l’è sui giornai o l’è sui giornai perché i ne parla tuti…?”

-Che te diga, su a Pinzòl gh’è su ‘n rebaltòn… Hat vist, anca la polizia coi manganei. No ghe sarìa su tanti gazèri se de colp no vegnìs pu acqua dai rubineti dele terme de Comam…

“Se l’è per quel gnanca quando i ha serà la Uirpol…”

-Ma ti che ‘n pènsit de ‘sta storia de l’orsa?

“Vara, per quel che ho sentì e lezù, me par che tuti i se scàlda el pìs per gnent…”

-Oscia, ma vara che l’orsa la gh’è nada adòs a quel che neva per fonghi…la gh’à sbregà le braghe, en par de sgriffi che i ha dovèst darghe quaranta ponti…oh, mig ana monada.

“Mah, no so, giust perché l’orsa no la pol parlar e scriver. Perché me piaseria tant sentir, come se dir, le do campane…”

-Beh, ma diaolporco, no i te dà miga quaranta ponti per ‘na rasàda dai…

“Sì, ma bisogneria saver bem, bem digo, come l’è stàda. Se l’orsa la gh’à i picioi e te vai magari, magari digo eh, a zinzegarla…”

-Ma parerìa de no. Che st’orsa la ghe sia saltada sula schena, a tradiment…

“Gh’èrit ti? Hat vist quel che è suzès? E alora caro stà almen su le tue. Zerto la mefus capitada a mi, se l’è vera quel che è capità a quel fongarol, saria ancora drio a tirar l’acqua nel cesso…”

-Va bem, ‘ntant ‘sa fente co ‘st’orsa?

“A mi me par che anca se i gh’à tuti quei agegi de compiuter no i è stai ancora boni de capir dove l’è nada a sficonarse….Po’, te dirò anca questa: secondo mi anca i orsi, come i omeni, i ghe pensa do volte per nar ancora nei posti dove i ha trovà gazèri…e po’ no l’è che sia ‘na stagiom de ciapar el sol dai…”

-Va bem, ma alora ‘sa faressit ti co ‘sta bestia che gira … e che quei dela Provinza i vol a ogni modo portar su al Casteller?

“Mi so sol che ‘ntant ne va fora de soldi e tanti. Pensa a quel che i ha spendù prima per portar i orsi dala Slovenia nel Trentim. Po’ forestali, guardacaza tuti quei che deve starghe drio. I dani pagai per pegore, aseni, casòte de le af dove sti orsi i neva per magnar…adès anca quei de la polizia che deve star su giornae entreghe no a tenderghe a l’orsa ma a quei che prest se dà zò per la schena…”

-Ma no te m’hai ancora dir come te faressi ti a vegnirghen fora…

“Alora, sente nai dal miga al massa? Ensoma, prima orsi no ghe n’era pu e adès, dopo che i nai a torli dai foresti ghe n’è en de pù? Ciapa quei en de pù e portei de nof dove i era. E se no fa ‘n modo che i vaga dove i pol nar e far le so robe senza dar fastidi. Ma no al Casteller. Perché alora te poi far en bel gabiòm en piazza Dom e meterghe denter anca l’aquila. Coi turisti che magari i compra qualcos da butarghe denter da magnar per farse po’le foto ensema (al de là dela ramada se sa), come i fa a Venezia coi pizoni…”

-Oscia, te la fai fazile ti.

“Ma alora vol dir che no capim gnent dei orsi. Vara che no ocor miga aver studià da veterinari per capir che se te moli en cunel e na cunela nel bosch dopo en par de stimane de cunei te ghe n’hai el dopi…se non el tripli. Po’ l’ors no gh’è miga nesuni che lo copa. Che i fa la selezion come cavrioi e altre bestie. Né i cazadori, né i camozzi, e gnanca i cagni selvadeghi o i zinghiali…l’è dura narghe al vers.”

-E alora?

“E alora caro i doveva pensarghe prima. E pu bem. ‘ntant vara, saria content se st’orsa la i fès nar de chi e de là, su e zo per la Rendena come i guindoi…così i ‘mpara diaolporco a farse en bel piatìm de afari soi e a pensar e scriver de pu de quei che, orsa o no orsa, no ariva ala fin del mes. Te saludo valà, che se no i me sera quei del pam…

EL TRENTIN E LA CASOTA

‘N MONTAGNA

(l’amico, al bar): Ciao Berto, bevit qualcos?

“No, son de corsa, che dopodisnàr voleria nar su a San Zoàn a preparar per ferragost…”

-Ah su ne la to casòta…

“Sì, odìo casòta l’è na parola grossa neh, disente en cuert per no ciapar l’acqua dai…che st’am n’avem ciapà zamai assà no?”

-Vat su con tuta la to zènt?

“Ma valà, narem su mi e la sposa…noi pori vecioti, el bocia el và a Ispizza en Spagna co la morosa…te sai come l’è i boci de adès neh…no i sa gnanca cossa che l’è el bel, cossa ghè chì a do minuti senza nar en tanta mona e spender en sach de soldi…che po’ i ne li domanda a noi neh i soldi…la va finir semper cosita”

-Tasi tasi anca mi st’am me trovo né fodrà né embastì. La sposa la voleva nar al mare, a rimini, en de na pension che ghe sem zà stai ani fa, bela sat, la costa poch, te magni bem, vizina a la spiagia…ma co ‘sto temp che nente a far a Rimini…a binàr su lumàzi?

“Eh difati me sa che a San Zoàm anca mi dovrò nar per fonghi co l’ombrela…ahahahaha”

-No ghè pu el temp de na volta. Tut dal balòm per aria dai…ma gàt almen en toch de fornèla nela casòta?

“Eh vot che no ghabia la fornela? Anca la legna oscia, taiada e empilada da st’autum, stagionada, soto en bacuchel nel prà, arènt a l’ort. Co la so verdura. Le galine, i cunei…ah no me serve gnanca nar a far la spesa…ghè el Giani Stort che el gà anca lu ‘na casota li vizin che el và a guernarme le bestie quando no podo…tei lù l’è vedof ‘l sta su tut l’am…el vei zò en val demò a tor el cafè, el vin, la sgnapa….qualcòs a l’agraria…el se fa anca ‘l pan e quando el va a tor la pensione l compra i zigareti per tute l mes…semper lasù, ‘n paze….ah no ghè nesùni che te rote le scatole sat….te dirò, no vedo l’ora de nar su che chi l’è ‘n bordèl….”

-Beato ti, passel ben alora el feragosto sat e saludeme la sposa…

(arriva nella casa di montagna, la sorpresa…) “Ma…ma…Pina, Pinaaaaa, ma…che oscia…Pinaaaa vei chi, vara, varaaaaa….

(la moglie) ‘sa ghè da zigàr, t’ha morsegà na vipera? Vara che l’è meio nar subit zò a l’ospedal neh….che te sai che l’è pezo ciuciar fora el velem come i diseva ‘sti ani….se te ghai taieti nela lengua …. Te t’enveleni meio….

“Ma no, nooooooooo…..no vara, vei chi vara…..”

(la moglie): Madona santa….ma….ma chi saralo stà….che disastro…ciama i carabinieri, ciama i carabinieri…

“Ma cossa vot che ciama i carabinieri che chi el telefonim no ‘l ciapa…dame na mam a meter a posto quel che se pol valà….diaolporcoooo”

(divelta la struttura per la legna, rotta la recinzione, galline e conigli uccisi, la porta d’ingresso con segni di scasso)

“Ma chielo, chielo che pol aver fat ‘ste robe….i soliti boci drogai no….i podeva nar a Ispizza con nos fiol se propri ma dai….copar le galine e i cunei…per po’ lassarli li…e varda,…varda…la porta tuta sfrisada…i voleva anca nar denter…pensa ti…tanto per quel che gavem denter…ma vara che casin….ma oscia el Giani Stort no alo sentì gnent de tut sto rebaltòn?

(arriva Gianni Stort, pallido) Ah meno male che sé arivai…meno male…

“’sa è suzès Giani? Vara chi, vara….ma ti ‘n do erìt?

-Gàt ‘n po de sgnapa? Dame’n gòz valà che son ancora stremì….

“Ah ma te i hai visti alora ‘sti caveloni drogai…dai dai conteme…che dopo vago zò dai carabinieri sat….ah stavolta…no i la passa miga liscia….che zà l’am pasà i ha zercà de spacarme la rè del polinèr…mel ricordo”

-Vara, no te me crederai ma te la conto istess. Ieri sera vegnivo su dai tovi…ero nà per fonghi…vegno su e quando som vizin a la to casota sento come en rumor de legna che se spaca….oscia me son dit…qualchedun che roba …. Me svizino….e tei….tei l’ho vist…

“T’hai vist chie?”

-L’ors ‘cramento, l’ors…capissit? L’ors….

“No te credo, dai no ‘sta contarme monae…”

-Te digo che l’era l’ors…de colp l’ha alzà el mus, sat come i fa no, i snàsa per aria…e se vede che l’ha sentì el me odor…

“Beh, no ghe vol tant a sentir el to odor. Scusa sat, ma me sa che l’ultima volta che te te sei lava l’è quando I è nai su la luna….scusa sat se tel digo…”

-Ma valà che no l’ha fat che piover st’am. Alora te disevo…sto orse l snasa, el me sente, el me vede….e ‘l fa per vegnirme adòs-….alora caro, nar che nare….

“E te gh’ai lassà far quel che ‘l voleva…”

-Ti cossa avressit fat, far finta de esser mort come i dis de far? Ah no caro, no me fido mi de quele bestie…vara comunque che i me diseva a l’agraria che i dani che i fa i orsi la Provincia la tei paga neh…

“Ah sì? E cossa bisogna far ?”

-Te fai domanda. Te ghe meti su i dati dela casota….cosa ghera cosa no ghera…

“Ah bem…alora…”

(la moglie) Come alora? Dai per meter zo do righe…’sa ghe vol…anca el Giani ‘l sa ste robe…te me capissi bem….ti che te sei pu lezù no te gavrai miga problemi….

“No l’è che…”

(la moglie): Cossa ghè sentinte…cossa ghe vol a far ste carte?

“No l’è che la casota l’è stada fata ani endrio…sul terèm dei mei. Ma come dir no l’è che avem domandà tanti permessi…su coi sachi de cimento, l’escavador che m’aveva prestà el Gino, ensoma l’avem fata su en qualche maniera, ne sem rangiai….no. Se domandèm i dani per l’òrs me sa che i ne la fa bater zo…”

EL TRENTIN AL RICOVERO

(leggi: Casa di Riposo)

(colazione): “Tei Gino, la và de lusso dai…no ocor gnanca mèter su la moka”

–        Sì, per quel…a parte le ciopète seche…dai…

–        “Ma te ricordit quando ne trovevèn al Trentino la matina … ‘pena nai en pension, cafè, brioss, e dopo via co i salatini e i bianchi oscia….”

–        – Eh zamai l’è nada la gazza….però, tutmal, dai, no se stà miga mal chi…i te stà drio…

–        “Ah sì, no ocor gnanca dir bàf….e i te serve per quel”

–        -Hat vist la Giovana? Oh, semper na bela dona neh…

–        “Oscia, se te pensi che la gà avu do marì….che la i ha mess sototera e ela l’è ancora chi…”

–        -La gà …. Come se pol dir….la gà nervo no. Vara che la se tei ancora ben…. I me dis che prima de vegnir zo bàs la stà anca n’ora nel cesso … la se truca la se mete a posto….e po’ no la zavarvoleia come le altre…. Lucida oscia….

–        “Difati…. Ti pensa che l’alter dì me son permèss de domandarghe se la voleva vegnir con mi a far do passi fora en mèz al prà…. Ben, l’ha m’ha fat do oci come dir: ‘sa vot da mi vecio bacuco?”

–        -Ah per quel anca a mi neh, volevo darghe na man a vegnir zo da le scalete….gnent da far…. La m’ha dit che la ghe la fa ancora a rangiarse…

–        “Vara che l’è meio cosita. Perché zamai sia mi che ti el gaven sech…”

–        -Sech el sarà el tuo semai….

–        “Ma no l’è per dir…dai, a la nossa età pu che menarselo….se po’ el vei su se sa….”

–        -Me sa che anca ti pu che droparlo per nar a pissar….

–        “Oscia, che te diga, quando vedo zerte robe però….el me s’endrizza ancora”

–        -Sì si, el te s’endrizzerà anca….ma ‘l resta drit per poch

–        “Però entant el dà segnai …. Vol dir che el ghè ancora no?”

–        -Sì, disente vif per miracol. Ma tòt zo pirole verde?

–        “No, no togo gnent oltre ale pirole per la pressiom…. Eppura….”

–        (Giovanna, con le amiche): Vara, vara….i è pu de là che de chì e ancora i pensa a quele robe….propri i la gà ‘n testa… sol quela roba lì….come el me por secont marì….m’el son trovà mort tra i brazzi poco dopo che l’era vegnù….no ghè pu i omeni de ‘na volta

–        (l’amica) : Ma tasi che se ghe penso…. ‘na vita passada con un che me feva i corni. Che ‘l vegniva de not tardi. Che ‘l se la feva co la me amica… E mi semper lì a spetar come ‘n pait. Semper a starghe drio fin quando l’è nà al zimiteri….no, adès se ciava, fago quel che voi mi. Vago con quel che voi mi. Ma quei doi lì i me par i soliti famài….no vei for gnent…

–        (infermiera, a Gino…): Dai su, su…che sen stai zo demò massa…

–        (Gino): “Vara che per esser su…ghe sen. Che popa se te brinchevo qualche an endrio…”

–        -Madona che paura…meno male valà che no ghero alora…dai che adès cambièn le pezze soto che me sa che l’è zamai piene de piss

–        “Sì si, dai (rivolto all’amico) che adès te fen veder noi cossa vei fora dale braghe ahahahaha”

–        -Ma semper drio a pensar a ‘ste robe come se no ghe fuss alter…

–        “L’è propri ale robe che no ghè pu che se ghe pensa pu de spess….’sa ghè ancoi a disnar? Spero ben che no sia el solito purè col polo less…”

–        – Tasi, tasi….me sa che l’è propri quel

–        “Ma dime ti…’na vita passada a strangossar….a tegnir a man i soldi…per po’ finir chi a magnar ‘ste robe….”

–        -Vara che tutmal, se te ghe pensi, te sparmi rispèt a averghe ‘na badante en cà…

–        “Ah se sa quel, però digo, ‘na vita a laoràr, a pagar le so tasse, per po’ vegnir chi e magnar purè…e scusa neh, no averghe gnanca la voia, gnanca el perché de farse ‘na sega….”

–        -Ma varda el bicier mez pièm no…. Sen vivi oscia, no gavèn le canete de l’osigeno, sten ancora su le nosse gambe….ciameghe poch

–        “Va bem, va bem…però oscia vot meter come la neva ‘na volta?”

–        -Eh caro, el temp el passa. Ancoi ghe sen doman no se sa…

–        “Ma entant che ghe sen…se podria anca viver meio diaolporco…”

–        -Bisogneria contentarse…dele volte

–        “Ma mi me contento bem de quel che gò. L’è che se penso a le robe che no ho fat…pensando che ghe saria stà temp per farle…”

–        -L’è lì che te sbai. Quel che è nà è nà. Varda envanti….te verai che qualcos de nof vei fora.

–        “Oscia, vara quela dona …. Gavrala setant’ani?… Semper pu zovena de mi…de qualche an….oh mi vago…”

–        -Ma ‘n dove vot nar…. Che dopo tre passi te crodi en tera…

–        “Mi vago, semai la me dirà che l’è sposada…e se ciava”

EL TRENTIN (ateo, vecio comunista)

e ‘l parròch del paes

(parroco): Saludo neh….come vala?

“Come volel che la vaga…”

-Beh, ghè la vita, ‘n dono del Sioredio. Ciamenteghe poch…

“E piove zamai da ‘n mès, governo ladro”

-Ma no elo un dei vossi che stà al governo adès?

“Chie, el Renzi? Ma valà valà che se quel l’è un dei nossi….mi me fago frate doman matina”

-Ma ghè stà en pass envanti no, grazie anca al noss papa…i porèti, i ultimi, che sarà i primi su en zèl…

“Ma se adès quei otanta euri no i sa pu come pagarli…ma dai, l’è la solita storia, pago mì coi to soldi…”

-No, no te gai reson, scusa neh, quel che conta l’è laorar per far star meio i altri….’l lo dis anca el papa

“Tra ‘l dìr e ‘l fàr caro reverendo….ghè de mez el lach de Garda. E anca i sgrebeni entorno”

-Ma ti alora no te credi ‘n nessuni…

“No, no, ‘l se sbaglia. Mi gò semper credèst che ‘n dì o l’alter sol quei che lavoreva dal bon, quei che strussieva, i avrìa podù far sentir le so resòn”

-Eh, eh…proletari del mondo unitevi….ma l’è nada demò la gazza. Vara che ‘l mur de Berlìn l’è da ani che l’è cascà zò.

“Pecà che è resta ‘n pè altre pareane. Tra quei che se fa ‘n cul così e quei che ‘nveze i fa la bela vita senza laorar…”

-Ma no te podi pensar ancora ala vecia. Vara che ‘l mondo l’è zamai cambià…

“Cambià? Ma ‘n dove? Parlènte delle vosse banche? De quei che ha fat i soldi….coi soldi de la ciesa?”

-Te digo che è cambià tut….adès bisogna rigàr drit…ghè anca l’elemosinièr che và ‘n giro tra i porèti

“Mi no l’ho mai vist. E gnanca me cugnà, ‘pena licenzià dopo do ani de cassa integrazion…”

-Ma te devi averghe fede. Parlar col Sioredio…

“L’è da ani che voria parlarghe a quel che ha mess ‘n pè tut sto ambaradàn. Sol per dirghe: oscia, ma te rendit cont, del casìn che t’hai combinà?”

-Ma l’è i omeni che s’embroia. Che pensa sol ai soldi e a star ben su ‘sta tera. El Sioredio ‘l gà ment, da temp, n’altra roba per quei che ghe crede.

“Mi no ghe credo, ecola, l’ho dita. No no ghe credo che dopo morti se va su ‘n zèl. Finirem come tuti quei che crepa, soto tera, a far conzime…e da lì, se sa, vei su po’ i fiori, arboi che fa brugne, ua, fighi e nòs…. Finìm titi nela busa dela grassa, questa oscia la verità”

-Ma chielo che t’ha mess en testa, ‘ste monae…no, no la ghè la resurreziòm. Ne troverèn tuti, en dì, de là…e sarà ‘n processòn….de chi quei che semper i ha credù, de là quei che domanda perdòn….e po’ quei, magari come ti, che fin ala fin i è stai sule sue….

“Eco, vedit, se fa zà discriminazion… va ben l’è vera, gò semper avù la tessera, son en comunistòn”

-Te te sbagli pegora scapada for dal grop. Te te sbagli e anca de tant. El Sioredio el gà le man larghe. Te verai che no ‘l te lasserà….

“Mi no son mai drio ale pegore. E a quei che così ben la ghe và. E lassen star valà, quel che la ciesa l’ha fat nei ani passai. Te domando sol ‘na roba. E no se trata de racomandazion. Quando moro mèteme zò, senza prediche e paternoster. Po’ se dopo, al zimitèri, propri sora la me bara, vei su fiori, erbazze o alter, daghe zò el diserbante. Che no voi che vegna fora che dopo mort son deventà erba spagna. O gramigna. O girasol. No, diaolporco, voi morir, mi sol. E dopo che no ghe sia pu gnent da binar su. Che magari el gabia el me saor.”

EL TRENTIN E LA VECIA MOROSA

 (uscita di un supermercato, lui…) “Ma…scusa neh….set ti?

-Scusa, mi chie? No, no compro gnent…i m’ha zà fregà quei dele comunità che vende robe per straa….no no gò da nar….

“Ma oscia sì che te sei ti anca dal modo de parlar…la Giusy…la Giusy….”

-E come fat a saver el me nome…

“Oscia, vardeme ben…son el Cornelio….el Cornelio….”

-Madonega…ma dai….ti? Set propri ti el Cornelio? Quel Cornelio?

“No, som n’altro….dai dai…”

-Ma sat che no t’avria conossù…propri perché t’hai embrocà el me nome se no….madonega el Cornelio…sarà zamai trent’ani che no ne vedèn….ah anca de pu me sa….el Cornelio, vara ti dele volte…

“Ah ti enveze te sei propri precisa, gualiva a alora….”

-Sì sì dai, no sta far el galante come to solit…sen de ‘l stès an….e a ocio e cros….pu vers i sessanta neh…

“Ma valà che te pari squasi ringiovanida….dai dime dime….come vala?”

-Come tute quele de quei ani…’sa vot…i fioi zamai grandi, el marì che l’è nà per so cont demò da vint’ani…casa, laorar, stirar, far da magnar….vardar la television….na piza co le amiche….

“Ma dai…e n’omenèt? Ti che te i fevi tuti strangossàr co le to veste corte….”

-Ma valà, valà…meio star per so cont. El lèt tut per mi. Fago quel che voi mi. Voi nar fora? Vago dove voi mi…

“Va bem, però oscia, dai…da sola….te sei ancora zovena…”

-Ma valà che l’è meio esser soli che mal compagnai….come dis el proverbi…ti pitost, come vala?

“Ah, ensoma…. Dai se va envanti”

-Ma te sei sposà no? No gat anca fioi e neoi? Almen così i diseva en paes…miga perché me fevo ancora i afari toi neh…

“Tasi, en matrimoni finì. Po’ soldi da dar per qualche an, traslochi da ‘n sito a l’alter. Po’ en sach de storie tute finide malament…”

-E ades?

“Speta che te conto. Ala fim me son sposà n’altra volta. Ah l’è nada bem….po’ però?”

-Ah quando podevo ala fim godermela….oscia, la m’ha lassà….

“Che stronze zerte done….”

-No, l’è che propri l’è nada via, per semper…

“Dai, no sta dirme che…”

-Si propri così…

“E t’hai dovù magari pagarghe anca i alimenti de nof…”

-No, m’è bastà le spese del funeral…

“Oscia, scusa…scuseme…no avevo capì. Poreto anca ti. Scuseme neh…. Ma propri no pensevo che….madonega che sfiga….”

-Tasi tasi valà….

“Scolta, gat bisogn de qualcos…come fat da sol?”

-Ah per quel me rangio, lavar, stirar, no no…me rangio.

“Vara, per gnent neh…se te voi ogni tant vegno ben a darte da man….madonega me despias….scusa”

-Ma no no, no serve….però dai magari na sera a magnar na piza…tant per tirarne su….

“Ah volentera….come me dispias Cornelio…dai che te dago el me numer così ne sentin…ma difati te me pari en po’….en po’….”

-En po’ cossa?

“En po’ envecià se devo esser sincera…tirà pu che alter….speta che te dago el numer…”

(squilla il telefono di lui, è la moglie…): “Sì? Ah son chi en piaza….sì sì ho tot la candegina….sì sì anca i biscoti per el cagn….vara el temp de tor le ciche e vegno….sì si…fat tut….”

(l’amica): Ma scusa neh, ho scoltà senza volerlo….chielo?

“Ah, l’è quel che volevo dirte….gò na dona che ogni tant vei a farme i misteri en casa….”

-Madonega, ma te fat tratar così?

“L’è che l’è foresta, meza todesca, staifela…se la te dis de far na roba….bisogna farla oscia”

-Sì però…ma quant te costela?

“Te savessi…”

-Dai valà che vegno mi a farte i misteri en casa…ma gnanca se te fussi en cagnòt che deve mover la coa e far quel che la dis ela….no no, vegno mi….dime dove te abiti….

“Ma lassa star valà…magari ades che gò el to numer te ciamo mi per la piza…te pias el Piter Pan?”

EL TRENTIN (vecio bacuco) e la BADANTE

(arriva la badante, lui…): “Sèt ti Irina?

-Sì io…io

“Set nada a tor la salata dal farinèl?”

-Si, preso salata.

“No la sarà miga petàda zo come quela de l’altro dì spero…”

.No no, buona salata

“Te set fata dar el rest?”

.No, problema…

“Come, no t’avrai miga lassà lì tuti i dese euri che t’ho dat….”

.Chiesto resto. Ma detto che radici già tagliate di salata…

“Oscia, va bem, va bem…co la me vecia sposa ste robe no le suzedeva cramento…tutmal…vei chi valà che stamatina gò en mal de schena…sarà per via che l’è massa umit no so…ma en mal….”

-Tu vuoi puntura?

“No, no te prego valà che dopo me va via come l’altra volta el mal de schena e me resta tute l dì el mal de cul…”

–        Dare te pirola?

–        “L’ho zà tota…no la fa gnent”

–        -Massaggio?

–        “Eco, dai, provente…ma no sul col, pù zo…”

–        -Qui bene?

–        “No, pu zo t’ho dit…l’è propri sora el cul”

–        -Allora qui?

–        “No, diria pu soto e davanti…”

–        -Tu solito sporcaccione…

–        “Ma valà che i fa prima a endrizzar la tor de Pisa che quel che dropo per pissar… che zamai a quel el serve sto bigol”

–        .No no tu sporcaccione, dire io a assistente sociale….

–        “Ma dighe quel che te voi…tanto così sen messi adès…ah se te m’avessi conossù vint’ani fa…no te ghe scapèvi…”

–        -No non scappare ma tu sporcaccione, vecchio sporcaccione

–        “Disevo, se te m’avessi vist vint’ani fa cara…ah alora te fevi la fin dela paita col pitòn”

–        -Pitone?

–        “Sì cara, pitòn….ma adès ‘sa vot che te diga: se ‘l te pias mol te straco? Miserie, miserie zamai…”

–        -Tu bere caffè?

–        “Ma no oscia, ma che caffè, l’è zamai le dese…vara se è vanzà qualcos de quela bozza de bianch averta algieri… e empizeme en zigaret valà che stamatina gò le man zifoline….el so mi…elso mi…l’è tuta colpa de ste pirole che me dà el dotor….le è fate aposta per i veci galèti….le te fa passar la voia come quando soto naja i te deva zo el ….come se ciamevel…el bromuro oscia”

–        -Brodo di muro? Cosa essere brodo di muro?

–        “Ah te podevi anca baterlo contro el mur dopo….gnente…gnente…mi ghel daria zo a quei che ades gà en testa sol quela roba lì….e magari propri per quela i finis en dei gazèri…dame na cicca de le tue valà….che me sento zà zidiòs. Ma no per colpa tua neh. Per quel che no ho fat da zoven oscia…”

EL TRENTIN AL CORSO

DE GINASTICA PER VECI

(la moglie): Vara che è arivà el giornalìm de l’asociaziom…oltre ala gita al santuari de san romedi me par che ghe saria anca en corso de ginastica…el te faria anca bem…semper lì engiomà a fumar e lezer ‘l giornale…che ‘n dì o l’alter te resti sech lì su quela carega…

“Ma sì valà ginastica…che dopo me fa mal la schena per do mesi…”

-Ma vara che l’è ginastica per veci…no i te fa miga far chisà cosa po’… dai dame da ment na volta….

“Fame lezer…che po’ bisogna anca veder quant che ‘l costa neh…che chi co la pensiòm no ghè stem miga pu denter a forza de tirarne fora per quest, per quel e per que l’alter…beh, dai…mah….”

(al bar con l’amico): “Tei, t’è arivà anca a ti le carte per quela ginastica?”

-Sì, ma te dirò, no l’è che sia tant per la quale, no l’è che strangossa per nar lì a sudar…anzi, a pagar per na sudar…

“Scolta però….me sarìa vegnù n’idea….”

-Oscia, quando a ti te vei l’idea po’ l’è semper rogne…

“No, no, ‘dès te spiego…”

-Sentinte…ma vara che no voi gazèri come le altre volte neh…

“Scolteme mi…ne fem dar dale spose i soldi per l’iscriziom…fem finta de firmar le carte e dopo…”

-E dopo? ‘sa gat en ment de far…vara che te l’ho dit, no voi gazèri…

“Ma cossa vot che vegna fora…lasseme che te spiega…”

-Sì demò sbrighete che dovria anca nar a veder se i m’ha fat i novi ocia…e tor qualcos da magnar per mezdì…

“Alora, te disevo, fem finta che ne sem decisi ale tante: nem a far sta benedeta ginastica. “

-No capisso, come nem a far ‘sta ginastica se né mi né ti vol saverghen de farla….

“Speta, speta. Fem finta t’ho dit. Firmem ste carte davanti ala sposa, ciapem i soldi e nem…”

-Nem en dove? Se t’hai zamai firmà e pagà ‘n do vot nar pu che en palestra a far ginastica…

“Te sei propri entrèch, dur a capir le robe…t’ho dit fem finta…na volta for dala porta ne trovem su dal Berto…na bela partia a briscola…do bele luganeghe taiade su grosse….do tocheti de grana….i so bei bicieroti…che te sai che lue l gà quel marzemin…che fa resusitar anca i morti no…”

-Te la fai fazile ti…

“Ma valà, coi soldi del corso de ginastica….ne vei fora do di ala stimana come i sceichi…en paze….le spose for dale bale….vot meter?”

-Se tel disi ti….

(dal Berto): “Berto, Bertooo oscia, vara che chi piati e bicieri i pianze come le vigne…”

(Berto): Elamadona….ma avè zà fat fora tut? S’è propri de le lòre…vegno vegno…ma le spose no disele gnente?

“Berto, chi sul tavol ghè i soldi. Vara tegnete anca el resto così  te te paghi en piatim de afari toi….ahahahahaha onte dit ben? Dai dai che tanto el so (rivolto a l’amico) che no te gai gnent en man buta zo….buta zo…ecola la briscola che ciapa tut….ahahahaha”

(l’amico): Oscia, vara che zamai le saria nade le do ore de ginastica…forsi l’è meio nar a cà…

“Cossa vol dir, sem nai a ginastica, sem strachi, gavem sé e sem chi al bar che bevem qualcos….vara. vara…son zamai tut sudà….”

-Sì, ma l’è l’efeto del vim quel no dela ginastica, dai che no voi gazeri….

“Ma cossa mai vot che vegna fora….dai bina su la carta che te strangolo anca stavolta me sa….eco, eco….e con questa spazem su tut ahahahahaha meio che te zughi a boce valà….almem lì ogni tante l balìn tel tochi….ahahaha”

(arrivo a casa, la moglie): Alora come ela nada ‘sta ginastica…oscia no te farà miga mal ala circolaziom….che te me pari ros come en peveròn….

“Eh dura l’è….almem le prime volte….”

.Però te verai che te fa bem moverte….

“Sì difati….no pensevo….ma oscia….sì ….l’è che i te straca….no sem miga pu come quando eren putei….”

-Ah ma alora ghe telefono mi al professor de ginastica…ensoma….i dovria narghe pu lezeri….che no vegna fora che te me fai n’ictus….ghe mancheria sol quela…

“Ma no, no….no ocor l’è perché le prime volte se sa la carne l’è greva no….”

-Ma fame en piazer…vara en che condiziom che te sei lì….no, no ghe telefono….en cont l’è far ginastica n’altro coparse, far sforzi….

“Te digo che stago bem….vara me buto zò n’atimo….po’ te verai che….”

-No, no mi telefono ala asociaziom….con quel che se paga no i pol miga po’ farne magnar fora tut en medizine…

“Ma lassa star te digo….”

-Va va a butarte zo, che entant telefono…ma dime ti, far corsi de ginastica per far star meio i veci e ‘nveze i ghe dà el colp de grazia….no no se fa così…ah ma i me sente adès, ecome se i me sente…con quel che costa sto corso po’….e som stada propri mi a ensister tra l’alter….no, no se fa così….

“Vara che stago meio….”

-No, ades ti te buti zò….che tra ‘n po’ te misuro anca la pressiom….ma dime ti….”

EL TRENTIN E ‘L GRATA E VINZI

 

(entra in tabaccheria): “Do pachèti de emmesse, pachèti dùri no moli neh…po’…po’ dame en turista da dese valà…”

(il tabaccaio): Oscia ho finì i turista…gavria Botta di fortuna…

“Ma sì dame quel valà tanto chi no se vinze mai gnent…sarà meio che vaga zò ala staziòm…lì i continua a vinzer…me digo che a ti i te dà i biglieti difetai….strano, te si anca en mez teròn…te dovressi entenderte…

(esce e va al bar, prende un aperitivo e comincia a grattare): Ah…..gnent da far….gnent, gnent diaolporco…el savevo mi che l’era meio nar zo ala staziom…però…speta speta…ah però…ma dai….sì si…elamadona…

(un amico): Alora Giani come ela nada? Te vedo tut ciapà co sto bigliet…

“Ma….tasi, tasi valà che … no ghe credo miga sat….”

-Fame veder anca a  mi….

“No, no zò le zate che magari te mel robi….pitost te pago da bever valà—-“

-Ah, alora avem vint qualcos ah….dime dime…

“Ciavete, se te voi bever bom se no fa de men….”

-Oscia, come i cambia quando i deventa siori ah….i deventa malmostosi, spilorci, zidiosi….eh valà…cossa

hat vint po…

(lui guarda di nascosto il tagliando…) “Vara, fem cosita….Ierta…..Iertaaa….daghe da bever quel che i vol a tuti ‘n sto bar….capì….quel che i vol…pago mi ‘cramento”

-Eco, eco, così me pias…ma alora te devi aver vint tant stavolta diaolporco…

“Ti bevi, se te voi…el rest l’è afari mei….”

-Dai dai che sem amizi da quando erem boci…dimel en te na recia…no ‘l digo a nessuni…

“A nessuni neh…se no quel che te bevi adès te tel paghi ti neh….”

-Vara, meti che no l’abia zamai vist quel bigliet….

(sottovoce): “Dese….”

-Oscia, no te vei fora gnanca ‘n giro de bianchi….set mat?

“No. Desemili…”

-Ma dai….no ghe credo fame veder dai….”

“Gnanca mi ghe credevo….ma oscia uno ghè scrit e dopo quatro zeri….alora, en zero l’è dese, po’ come i n’ha ensegnà a scola, do zeri l’è zento, tre zeri mili e quatro zeri desemili oscia….”

-Fame veder….fame veder…no ho mai vist en bigliet che vinze desemili euri….

(di nascosto): “Toh…toh te sei propri come san tomas che se no ghe mete el nas…”

-Oscia, fame veder meio, me sa che ghè qualcos che no va…

“Toh, malfidente….pò’ basta però….che se no chi me toca pagarghe anca da disnar a tuti…”

-Eh….eh….vedit….l’è come pensevo mi….zento euro e dopo virgola co i altri do zeri….zento euri t’hai vint no desemili….

“Ma va là envidios che no te sei alter….”

-No no te digo che l’è zento euri….tut mal…ciameghe poch….

“Massì valà….”

-Zento euri te digo…

“Oscia, speta….che forsi te gai reson….zento ghè scrit soto…zento….che mona, che mona….Iertaaa…fa cont che no t’abia dit gnent….ah no som miga Berlusconi che pol permetterse de pagar da bever a tute el paes….meteme en conte l mio e quel del me amico….che devo nar a cambiar n’asegno….vegno domam matina…saludo neh”

EL TRENTIN E LA RECLAM

(cassetta della corrispondenza strapiena di pubblicazioni promozionali, rivolto al vicino…): “Toh, toh, vara chi, quanta carta butada via, che casìm…che dopo ‘l postìn magari el ghe buta ‘n tramèz le buste de la banca, le ricevute de quel che t’hai pagà…e no te trovi pu quel che te serve…ghe voleria do metri cubi de posto per tuta ‘sta batarìa…diaolporco”

–        Sì, tasi, vara anca la mia…tuti i dì l’è quela. Gavevo mès su anca ‘n cartèl: No stè butar denter reclàm…gnen…i seita, anzi, i me ne mete denter de pu de prima

–        “Che i ho visti na matina bonora quei che gira co ste reclàm…i gà i so borsòni, biciclete….i me fa anca pecà pori laori…i sfruta sta zènt, del resto zerti mistèri noi taliani, anca se ghè la crisi, caro…se ghe i làssa a quei che riva coi barconi no…tutmal dopo te te trovi tuta sta cartaza…”

–        -Difati, vei fora anca dele rogne no…pensa che l’alter dì m’ha telefonà me fiola. La m’ha dìt…papà, te podevi anca dirmel che te nevi en ferie… e mi: come en ferie, se som chi a cà serà denter…e ela: ma se som pasada davanti anca stamatina e te gai la casseta de la posta che no ghe stà pu denter gnanca en spilim….che la par che la diga svodeme te prego… e mi: ma l’è tuta sta reclamo scia….alora ela: va bem, ma vara che magari quei che va a robar nele cà i pensa che no ghè nesun….magari te tei trovi davanti entant che te vegni fora dal cesso…

–        “Po’ disèntel, par che i te regala tut. Buoni de chi, sconti de là, quando però te vegni fora col to carèl…ah i và via caro i soldi che no te fai gnanca a ora a saludarli…”

–        -Sì, po’ quel che magari i mola da na banda i tira da l’altra…vara la benzina, semper d’istà quando la zent la se move l’aumenta…

–        “Eh ma adès se ciapa otanta euri en pu…”

–        -Mah, mi no i miga gnancor visti su la pensiòm sat…

–        “Te credo, no te gai miga la minima ti…

–        -Va bem, però en fato de tasse gò le massime enveze…

–        “Vara, ala fim, l’è tut questiom de tegnirghe al so mistèr, se ognun el fes bem quel che el ga da far, se i cagni grossi no i robès…”

–        -Ma difati, basteria che i fes tuti come quel che ogni tant vei fora ‘n televisiom….

–        “Chie?”

–        -Ma sì, quel lì che oscia, ‘l laora anca la not nel supermercato. Che ‘l trascura la sposa perfim…e che ‘l le ‘mprova tute pur de tegnir i prezi bassi…oscia…come ‘se ciàmelo…dai aiutème…

–        “Ah quel che dis che fa i prezi lizeri…credo bem, el taia su el prosiuto che te ghe vedi da banda a banda…tuti boni a farte pagar de men se le fetine l’è cosita…domandeghe quant che ‘l costa al chilo demò…”

–        -L?è come quei che fa i saldi no. Come fat a farme pagar l’otanta per zento de men la roba. I casi i è doi secondo mi: o prima te m’hai ciavà. O adès te dago el giust.

–        “E quei che en televisiom te spaca su la vasca da bagno per far na docia granda? Oh, i continua a sponzèr tute l dì…sat che la me sposa l’era squasi lì per telefonarghe? Fermaaa, gò dit, ferma te prego. Che se dopo ne toga cambiar le piastrele del bagno dovem nar envanti n’am a pam e acqua oscia”

–        -Scolta, ti che te parli tant…ma no erit stà tì a comprar quela panciera per smagrìr…

–        “Tasi, tasi…no sta parlarme de quela roba lì…”

–        -E come ela nada a finir?

–        “Na ciavada de quele…pensa che ala fim pitost de trovarmela davanti ai oci nel bagno….ho provà a meterghela al cagnot…sat quando l’è frèt…bem, el me l’ha strazada tuta, la ghe deva fastidi anca a lu…”

–        (arriva un corriere): Scusi, avrei un pacco per il signor Gino Costalarga…

–        “Sì, som mi…’sa elo? En pach?”

–        -Ah vedit che no te hai perse ‘l vizio de comprar robe da quei de la televisiom….ahahaha

–        “Oscia, vot veder che l’è quel coso per taiar su a tocheti le zigole…el ghè ariva anca al Giani…l’ha dit che dopo tre zigole s’è spacà la plastica….el me scusa (al corriere) elo almem de fer ‘sto agegio…se no ‘l mando endrio neh…se enveze el gavès na padèla bassa per far la carne ala griglia…pitost…”

 

EL TRENTIN A L’UNIVERSITA’ DELA TERZA ETA’

(al bar, con l’amico): “Scolta, ma perché no te vegni anca ti ai corsi per i veci….enveze che star semper lì enmucià davanti ala televisiom…vara che i dis robe istrutive sat…”

-Ma te poi enmaginàr…mi no ho gnanca finì le medie, voia de studiar salteme ados, po’ subit en cartèra….a far le not…no te vorai miga che me meta a averzer libri adès che tra l’alter no ghe vedo gnanca pu…

“Ma no, vara che ghè na signorina che te spiega robe enteressanti…po’ no l’è miga che i t’enterroga neh, tel fai per ti…po’ se va ‘n giro col pullman a veder i posti che ghè su la figure dei libri o nei cine che i te fa veder….eh se zaca anca qualcos, se stà en compagnia…dai vei anca ti-…”

-Ma cossa te spieghei po’… de precis…

“Presempi, vèndro pasà, ah vara l’è stà propri bel. La signorina la n’ha spiegà come i feva a far le palafite…”

-Oscia, se te me domandevi a mi te ‘l fevo anca veder….pal de fer, do bei busi nela pacieca, zò i so bei bali, magari darghe su anca el pàiz prima che no i smarziza…

“Te sei propri en semplizon…te buti semper tut en vaca. Vara che entant alora no i gaveva miga i atrezi e i prodoti de adès per far su le case, le getade de cimento…te dovevi sentir che strusiàde…po’…. Semper roba cruda fim che no i ha enventà el foch…”

.Va bem, ma cosa te serve saver ste robe se zamai te sei vecio…o magari gat en ment de far na palafita su per Laghel…

“Beh, tutmal, la n’ha spiegà anca de quei che era nà a abitar su sora Riva, su per Campi…che ghè ancora i mureti de alora neh….”

-Sì, tanti balòti che stà ensèma co ‘n spuàz…

“E anca quel che resta de Castìl su ‘n Vèl…”

-Tra sgrebeni che no te ghe la fai gnanca a nar al vers…posti che no è boni gnanca per fonghi, gnanca per i sparesi de mont dai….no vei for gnent

“Alora cossa vot che te diga, stà a cà a vardar la television, mòlete fora no, che l’è semper meio che encoconarse su ‘n canapè dopo zena….”

-Ma mi me smono a star lì a sentir ‘ste profesorese…che po’ le parla ‘n taliàm, no ghe capisso gnent de zerti nomi

“Vara che la signorina se te voi la te spiega piam se no te capissi neh….”

-Va bem ma te disevi che dopo i và anca a far gite?

“Zerto che se va ‘n giro. Così te vedi le robe dal vif, quele che la t’ha spiegà no…”

-Eh ma oscia n’altra solfa alora…

“Ma ‘ntant te fai do passòti, te ciapi aria bona, te poi portar anca la to sposa, to neoi se te voi…”

-Ghè tant da caminar? No, sat, perché co le me gambe sifoline…po’ devo tor zo le pirole per la presiòm alta…

“Ma no, i ne porta lì vizim co la coriera…”

-E per magnar e bever?

“Ah se và ‘n zerti posti caro…pensa che l’ultima volta sem stai po’ lì mi e ‘Berto con altri doi a zugar ala mora fim quando la coriera l’è vegnua de volta…bel”

-E come se ciamela sta scola, ste robe dela sera?

“Oscia, l’è l’università dela terza età…”

-Come dela terza?

“Sì, quela che vei dopo le prime doe dai…”

-Ah no so alora…

“Perché, ‘sa gat che no te podi…”

-Eh mi me son fermà ala seconda

“Ma se sem coscriti, cossa disit su…”

-Sì ma ti te sei nà envanti, mi i m’ha bocià en seconda media”

 

EL TRENTIN DAL DOTOR

(sala d’attesa, ambulatorio medico di base): “Ah vedo che no son sol mi che gà rogne ‘n stà stagiòm reversa…”

(una donna): – Sì vara che no se sa pu gnanca come vestirse…ghè massa sbalzi. Per forza dopo se bina su qualcos de brut…po’ i dis che ghe sia ‘n giro anca ‘n virus che ciapa l’intestino…ne nuora l’è zamai ‘na stimana che la va e la vei dal cesso tuti i dì…

(un altro, seduto in parte): Sì ma co ‘sto calt…anca el dotor meter almen ‘n ventilatòr dai, va bem sparmiàr ma oscia, par de esser ‘n de na fornèla…zà se vei chì quando se ghe n’ha ‘na pasùa…

“Ma ghelo denter almen ‘l dotor? No, perché se no stem chi tuti a spetàr quel che no ghè…”

(la donna): – No no el ghè, el ghè…ho vist che ‘l gà avèrt a ‘na putela prima…

“Ah alora…basta che ‘l se sbriga demò…ghela ela prima de mi? No, perché chi dopo se finis per begàr per gnent….zerto che ‘n ventilator….”

(l’altro): Ah mi gavria sol da farghe veder ‘na carta…

(la donna): No stènte a scominziar co la storiela dela carta neh che l’altra volta ho lassà nar envanti na siora che la gaveva sol na carta….bem, l’è vegnua fora dopo n’ora…te me capissi bem…

(l’altro): Sì ma l’era per dir neh, no voi miga passar via nesuni…l’è che la sposa la è a pè….dovria nar a torla prima de mezdì…

(la donna): Eco, eco, l’altra scusa l’è semper quela che i è de pressa. Ma alora né dal dotor quando no gavè altre robe da far no…

(l’altro): Elamadona siora ghe l’ho dit, no voi miga passar via nesuni neh…

(la donna): Ma entant el la buta lì però…

“Eh ‘sto calte l fa nar for de testa….almem en ventilator…”

(la donna): Ma ‘l me scusa, lù elo forse el Giani da Bolignam? El fiol del Gino? Come stalo so papà?

“Sì son mi ma me papà l’è zamai mort da tre ani…”

(la donna): Oscia me dispias…no ‘l savevo….me dispias el me scusa salo…e la mama, come stala la mama, la Tina no?

“Eh, da quando è mort me papà miga massa bem…”

-Ela a cà? Co la badante?

“No, no al ricovero, ma no la conoss demò nesuni…ah, lassèm perder valà…”

(l’altro): Eh quando se deventa veci….vara meio saria enl colp e via…pitost che star lì a patìr….

(donna): Ebbenvallah, ensoma, dele volte…ah no savevo dei soi me dispias…ah se ‘l vol nar avanti prima lue l faga pur neh….

“La varda la me faria en piazer…tanto devo farghe veder sol en toch de carta….”

(l’altro): Ah però no la val per tuti la storiela de la carta ah….

(la donna): Ma el vard che sto sior chi el conosso da quando ero putelota…

(entra nell’ambulatorio, il dottore…): Oh salve Graziano, alora hat portà ste analisi? Dai che vardèm…

(scrolla il capo): Eh no nem miga propri massa bem…no no…chi caro mio bisogna che te te daghi ‘na bela regolada….

“Perché elo fora ancora tante l polistirolo?”

-Eh…se ‘l fussa polistirolo te saressi emballà propri bem, l’è che enveze el colesterolo el t’encioda la circolaziom….poh vara chi ….anca quei del fegato….se te continui così tel brusi el fegato….

“Ma se ‘l tegno semper bagnà….”

-Sì col vim però, dai dai, meterse a um e da chi a tre mesi vardem come la va….me racomando però neh….ah, come stai i toi?

“Bem bem, i è apena partidi per Sciarm el Sceich…ah lori i stà benom…”

-Saludemei neh, e zerca de meterte en riga….se te voi deventar vecio e star bem come lori

EL TRENTIN E I POLITIZI

(legge il giornale al bar…): “Oscia, vara, la Borgonovo Re e ‘l Rossi i continua a begàr…”

(l’amico): – Ma ti te pèrdit ancor drio a quele miserie? Vara el Mateo, el coridor enveze che numeri che ‘l stà fasendo al Tur de Frans…

“Matèo…ma ‘l dei nossi?”

-Oscia Trentin…Matèo Trentin…

“Sì va bem, trentin, ma da ‘n dove po?”

-Trentin el se ciama, Trentin…

“Va bem ho capì oscia, ma chi vegniresselo a esser?”

-Mateo Trentin…eh no te l’hai mai sentù? L’ha vint ‘na tapa, l’altreri terzo…e no l’è miga finia neh…

“Va bem, ho capì ho capì…no te sai gnanca tì de dove l’è…ma vara….vara….chi i vol seràr anca i pronti socorsi de Ala e Mezlombard…ah prest me sa che i sera dal tut anca Tiòm e Arco….e po’ vegnirà el dì che i buta zo el santa chiara e ne toca nar tuti a Verona…e entant i bega…dime ti…”

-Ma adès ghè i licòteri…no l’è miga pu come na volta…en do minuti i te porta anca a roma se serve…

“Ma valà…che me cugnà l’è stà lì sule careghe del pront socòrs de Roveredo con do dei zifoloti…che ghera scampà la sega….do ore prima che i ghe dès i ponti…”

-Eh oscia, el deve esserse fat ‘na sega de quele…per taiarse i dei…

“Vedit che te buti semper tut ‘n vaca? Pensa ai coridori ti, a quei che zuga al balom, che entant i politizi i bega su la nossa pel…”

-Ah de zerto no l’è a tirar zo sirache come te fai ti che te sei ‘n pensiom e no ghà gnent da far che pensar a ‘ste miserie…che…

“Ma scolta, chi hat votà tì l’ultima volta, no l’è per saver i to misteri ma…”

-Mi? L’è ‘n pèz che no vago a votar….tanto l’è semper quei che po’ se spartìs la torta…

“Difati propri perché ghè zent come ti che lassa far ai altri…che adès ne trovèm ancora ne le strazze…la storia dei vitalizi per esempi…tuti quei soldi che i s’è dat…

–        Vara,  i fioi i ho sistemai, el mutuo per la cà ho finì de pagarlo l’altr’am…gò ‘na sposa bela e brava che no la rote le bale…el rest che se ciava…o devo farme vegnir el mal de stomech come ti drio a ‘ste…

–        “Sì, drio a ‘ste miserie…ma entant anca ti prest te dovrai ciapar la machinota per nar a farte giustar i dei en tanta mona…”

–        -Ma valà, che se te sei mess mal ‘riva semper el licòtero…e se l’è roba da poch basta anca en zeròt e l’acqua osigenaa dai…’na pirola per el mal de testa, n’altra per el mal de panza…no l’è miga come na volta che se neva a l’ospedal per ‘na rasada….e magari i te ricovereva…per far veder che i posti per i leti i era tuti ocupai…

–        “Eh te la fai fazile ti…fin che no la te capita…”

–        -No te starai miga portando pegola neh…

–        “Ma scolta, ‘n do lavorei to fioi che lavoro no ghe n’è pu…”

–        -Ah, l’Andrea, el pu picol, el ragionier som riusì a farlo nar denter en quela dita che lavora per la Provincia, come se ciamèla….bem la me vegnirà ‘n ment…

–        “E l’ Thomas?”

–        -Ah quel l’è su con quei de le cooperative da ‘n pez, con tuti i piazeri che gò fat a l’asesor de prima…

–        “Ah, racomandaziom….bravo, eco da dove vei le miserie”

–        -Scusa neh, ma ti a so temp no hat ciapà el contributo per alzar la casa?

–        “Eh ma l’era ani e ani fa…no ghera miga ‘sta crisi”

–        -Ma dai che i lo sa tuti che te nevi su a Trent semper cargà de bozè de oio…

EL TRENTIN EN GITA COL CIRCOL PENSIONAI

(dopo un quarto d’ora, sul pullman): “Oscia, però i podria bem fermarse ìn den grill per ‘n cafè, tor i giornai, nar a pissàr….no gavèm miga el foch soto ‘l cul….no l’è che se arivèm mezora pu tardi i ne manda de volta dai…

(dopo un’ora): “Mi capisso bem che i gà i so orari da rispetar…ma ‘cramento…no ne core miga drio nesùn…po’ dopo Afi col cuco che te trovi i giornai de trent da compràr…dai demò…ma ti Giani a st’ora no te magneressi ‘na ciopèta co la bondola da bagnàr co ‘n bianchet?”

(Gianni): L’era meio se steven su dale nosse bande, che ancoi ghera anca la festa de san tomàs, quela de l’ua, so fiol, so nèza e fritole…averlo savèst….l’è che la sposa la ghe tegnìva a nàr a veder ‘sti monumenti…

“Vot che te diga ‘na roba? No so gnanca mi che monumenti che nem a vedèr…i ha fat quela sera a l’università dela terza età, la signorina l’ha spiegà anca bem dai, ma…ero encoconà…dala peverada, forsi quel vim massa spès…no so…”

-Ma l’è enteressante, ah per quel la signorina l’ha dit che bisogna vardarli…però dopo se va a magnar en tratoria, quel va bem dai…

“Me sa che però i ne dà prima ‘na stomegada…”

-Ma no, dai, l’è anca istrutivo no vedèr ‘ste robe…oscia ho desmentegà la machineta per far le foto…che gavevo promès a me neò…

“Ma dai che ghe sarà anca i so libreti nei tabachini….te ghe porti quei…però se no i se ferma adès me la fago ‘n braghe oscia…”

(fermata al grill): “Ah i s’è decisi ale tante…”

(alla cassa): “Do pacheti de emmesse de quei duri, en cafè e subit drio en panim co la bondola e ‘n bianco de quel bom…quant vei fora?”

(cassiere): Enzo, Enzooo….vieni un po’ qua che non capisco ‘sta strana lingua…tu magari che sei andato anche sulle navi da crociera…dai sbrigati…

(di nuovo in pullman): “Oh, vara che farse entender…l’è pu difizile chi ‘n Italia che a l’estero neh…oh, spiegarghe la diferenza tra mortadela e bondola…la ghè volesta tuta….che dopo per lori l’è la stessa roba, dime ti…”

(arrivo): “Dai che smòntèm valà che son tut encricà…che streti ‘sti sentài ah? L’è tut per sparmiar, per meterghen su tanti no…”

(la guida): Benvenuti, cominceremo la visita della parte storica della città, quella edificata dai romani…come potete vedere alla vostra destra ci sono ancora i resti di un anfiteatro…mi raccomando cerchiamo di non perderci…. “Te l’avevo dit mi che se neva ‘n giro soto ‘l sol a vardar mureti veci…balòti…sgrebeni….scolta, fate dir dal capo, da ‘l Fulvio, ‘n dove i se trova a magnar che noi ne trèm envanti…”

(tre ore dopo): “Ma sèt sicur che l’era questo el posto? El me par strano…Eh sì che Ma te set fat spiegar bem?

-Oscia, l’ombrelina rossa, anca la guida l’aveva dit no…

“Ma hat parlà col Fulvio o co la signorina?”

-No, el Fulvio l’era ciapà…oscia la signorina la m’ha dit de star sempre en zerca de l’ombrelina rossa che no ne naseressem persi….e chi de ombreline rosse ghe n’è assà me par….

“Sì, ma no vedo nesuni dei nossi…oscia, cinesi tanti, ma dei nossi…”

-Vara, fen così, per no saver lezer e scrivere, nem denter chi, bevem qualcos e spetèm…te verai che quando la bate i vei chi ‘cramento…i se stuferà prima o dopo de vardar mureti che gavria bisogn de malta per star su…

(arriva una cameriera del ristorante cinese): Mangiale? Due?

“Sì, la varda entant la ne porta qualcòs da bever che per el magnar spetèm el rest dela compagnia…”

-No capile…

“Tei, ma sente en Italia o quel del pullman l’ha sbaglià straa? L’era meio se steven a cò, te l’ho dit mi, chi prima de capirse…vei zamai ora de zena….”

EL TRENTIN EN CONDOMINI

(amministratore, apre l’assemblea condominiale): Allora, vedo che stavolta perlomeno c’è il numero legale, avete ricevuto tutti la nota delle spese…bene, qualcuno che ha bisogno di chiarimenti?

(Gianni): “Eco, el varda…vedo chi quant che me vegniria for da pagar per la luce zò bàs, quela dei garagi…

(amministratore): Dica, dica pure…

(Gianni): Eco, ensoma, valeria la pena tegnirla smorzada quela luce…perché dal dì se ghe vede l’istess….e de not s’empizza i fari de le machine e dele moto oscia anca dele bici per nar denter nei garagi no?

(amministratore): Beh, sono automatiche, anche perché se qualcuno volesse scendere in cantina di notte, a piedi…poi una questione anche di sicurezza no?

(Gianni): Oscia se uno el gà da nar zo de not en cantina el pol torse anca na pila o dropar l’acendim no…che così se sparmia…e la sicurezza….se quando i ladri i vei denter i trova anca la luce empizzada….quela che tra l’alter ghe paghem noi…el me capiss bem….

(amministratore): Va bene, vedremo….(tossisce), altri problemi?

(Beatrice): Mi saria stufa, stufa e agra de netar la teraza dala sporcaria de quei che sbate i tapèi a tute le ore…e savè de chi parlo neh…

(Olga): La se riferis a mi? No, digo, la me sta vardando sol mi….alora sior aministrator el deve saver che la Beatrice la abita al pianterèm….e de sora la gà le so camere…soe, no de altri. Mi abito en banda a ela….ma semper al pianterèm…alora? Come le metente?

(Beatrice): Se vede cara mia che te sbati i tapè quando ghè l’Ora che vei su dal lach de Garda…perché i peli del to cagnot, le carte dei ghiacioi de to fioi, el giornale de to marì e altre robe che no te digo me i trovo semper sul me pontesel…Vot che te porta anca el tochetin de carta che te gavevi dat a to marì per far la spesa? Toh, varelo chi: probusti, crauti, bira, la cera per i pavimenti… formai strachim…ma che fè la sagra dei todeschi en cosina tuti i dì….da l’odor se diria de sì….vaga avanti?

(Olga): vedelo sior aministrator che no ghè pù praivasi ‘n sto condominio…i te roba anca i biglietini de la spesa perfim…che mi, cara no som mai vegnua a to cà a cucàr nele to padèle….

(Beatrice): Basta che le to sporcarie te te le tegni a tò cà cara…

(Olga): Staghe drio al to om valà….che l’alter dì l’ho vist ‘n machina co ‘na stangona….

(Beatrice): Lassa star el me om neh, che no me par che ‘l tuo el sia sol casa laoro e ciesa…a meno che per ciesa no s’entenda el bar primavera…

(amministratore): Signore, vi prego, vi prego…

(Gianni): Va bèm, ma ‘sta storia de la luce dei garagi alora? ‘sa avente deciso de far ala fim? Chi no se capìs mai gnent de quel che deve votar…

(Olga): Ma ‘l tasa lu che per no rovinar la machina nova el la tegn da do mesi serada en garass…

(Gianni): Ma cossa gh’en va e cossa gh’en vei a ela de la machina…ma dime ti…galine me parè…galine….(rivolto all’amministratore): el ghe buta lì en pugn de zaldo che così le moca lì da barufar valà…

(Beatrice): Eco, ala fim vei semper fora i masci no….che i lo sa tuti sior Giani che l’è la so sposa che la porta le braghe en quela cà…ahahah e dopo el vei chi a far el galèt….

(amministratore): Signori, vi prego…vi prego….qui finisce peggio dell’altra volta….vi prego

(Roberto): Ma sì oscia dai basta co ‘ste monae…enveze, de chielo quel cagn che caga semper davanti a la me cassèta de la posta? No, perché en dì va bem, doi anca…ma adès basta demò…

(amministratore): Beh….c’è un preciso regolamento….ma l’altra volta avevate detto no alle telecamere esterne….per via dei costi no?

(Roberto): Ma mi tanto ‘l so de chiel che l’è quel cagn…

(Beatrice): Ma scusa, no te starai miga fasendo alusion al me cagnot neh….

(Roberto): De solit la prima galina che canta l’è quela che ha fat l’of…

(Beatrice): N’altro de masci impotenti che se la tol co le done dei altri…ma tasi valà che  le vedo sat le to mudande a stendèr de fora….sporche de merda anca dopo che le è stade en candegina per ‘na stimana…pora la to sposa….e po’ el parla dei cagni che sporca….

(amministratore): Signori, qui siamo al limite delle offese personali, mi dispiace ma devo sospendere la riunione…ci vedremo più avanti….mi dispiace ma con questi toni non è possibile nemmeno redigere un verbale… (prende le sue carte ed esce)

(Gianni): Mi l’è da ani che ‘l digo, coi soldi de la luce dei garagi quel lì el se fa la gresta…se no no ‘l podria nar en giro con quel machinom dai…

(Beatrice): Sì sì, te gai resom, no l’è bom alter che far casini quando se se trova…per forza dopo se bega anca tra noaltri….meio cambiarlo….se no no ghe nem fora coi problemi de ‘sto condomini….te vedi bem no..po’ no se capìs mai cossa che el vol far….no, la prosima volta bisogn dirghel….volem n’aministrator che almem el capissa el dialet…de cossa se parla

EL TRENTIN EN CAMPEGIO…EN CROAZIA

(alla moglie): “Vara, vara che beleza…”

(la moglie): Ah per quèl…no ghè gnanca tant casìm….bela la spiagia vara…anca la so piscina….el so barèt…

“Te l’avevo dit no che sul compiuter te trovi posti bei e che costa de mem de quei de l’agenzia oscia…ghera su anca che l’è racomandà per quei che vol star libero, en paze nela natura…senza tante animaziom che te gira entorno come le mosche…tò vara anca el cartel…ah? Questa l’è educaziom…così se fa…da noi enveze…”

(la moglie): ghè anca el so bacuchèl dove i fa el pès ai feri….vara….propri come esser ‘n Paradìs….ghel digo anca ala Gina che la và semper zo per Rimini…che la se lamenta ogni istà…pu bel de chi cossa vot?

“E po’ la pulizia neh…nesuni che taca su mudande e regipeti for dale casote come a Napoli…o calzoti che spuza davanti ala porta…vara che paze…”

-Scolta diria che va bem, nem a tor le valìs che demò avem prenotà no? Basta dirghe che sem rivai me digo…

(vanno verso la reception e passa un gruppo di campeggiatori…) Oscia…ma…hat vist? Tuti nudi ‘cramento…no savevo che ghe fus anca la sauna…te poi enmaginar se co sto calt me meto a cosèr ne la sauna…te vegni fora lèss…e senza sal per de pù

(la moglie): Barea, almem meterse en sugaman entorno a cuertar le vergogne…dai, con quel pindol de fora…

“Sì e quela là co le tete che le ghe ariva ai pei…par do tirache…ma se pol?”

-Entant te vardi però…dai dai che nem a tor le valìs…ma dime ti…

(si avvicinano alla reception…) “Sì, adès però ghe ‘l digo…tut bel ma ‘sta zent che gira cavada fora dal tut…El me scolta, sarìa el Galas, quel che ha prenotà….col compiuter….

(reception): No capire…no….englisch? Doic?

“Oscia nem bem ‘sto chi nol capiss gnent….tira for a la cart ache avem stampà zo quando t’hai fat el bonifico valà…”

(passa un altro gruppo di nudisti, i due trentini vengono squadrati da capo a piedi con commenti e risatine…) “’sa gai quei lì, né a meterve su qualcos valà sporconi che no sé alter…anca chi i vei quei de la sauna….

-Sì vara bisogn dirghe qualcos de ‘sta roba però…no se fa così….meti che ghe sia anca puteloti en giro…

“Sì, sì adès en qualche maniera me spiego…el sènta…no bello, no vestiti…no costume….

(reception): Nudist camp….nudist…

“Sì, vedelo che ‘l vei su la mia…se i vol star nudi che i vaga e ‘n den camp dove no i li vede nesuni no…che se no no serve gnanca meter quel cartel…che ghè su el costume e nà bela cros sora…come dir che almem su le stradele e vizi male casote no se pol girar mezi nudi no…digo bem?

-Sì Cornelio me sa che l’ha capì stavolta….eco vedit che el ne dis dove l’è la nossa casota…oscia però pensevo la fus pu vizina al mar…no en font sì tant…sì sì nem valà che me par che el sia ciapà da le prenotaziom….le tot tì le valìs?

EL TRENTIN E L’ADIO AL CELIBATO

(gruppo di giovani in un ristorante, festeggiano l’addio al celibato di un amico): “Ma dài mòlete fora Bicio che manca zamai poche ore al to òbit….ahahahaha…avèm zà preparà la corona…te la portèm davanti ala ciesa…ahahahahahhaah….(rivolto al cameriere) … oscia che càlt ‘n sta sala….s’è svaporà tute le botiglie…pòrtene altre valà che ‘l Bicio me sa che ‘l gà ‘l raspìn…che calt che calt….ahahahahaha

(il festeggiato): “oscia putèi…me sa che l’è meio che vaga a paiòm…oh, me spòso domam matina neh…”

-Ma valà, valà no te narai miga a cà sul pu bèl…e po’ a morir ghe semper temp…fussa mai che te ghe pensi su…te ghe fai ‘na telefonada domam matina no…te ghe disi che te stai poch bem….ahahahaha

“Eh si con tut quel che avèm zamai spendù per el matrimoni…tacheghe el mutuo per la casa…te la fai fazile ti…”

-Dai buta zò che dopo se va a far do sàlti … l’hat mai vista ti quela che bala vizìm al bastòm? Ah no te vorai miga lassar perder ‘ste poche ore che te manca da ‘na corda al col…

“Va bèm va bèm…ma dopo vago a cà neh, che no podo miga nar a sposarme vestì così e senza serar ocio oscia…dai da bravi…”

(al night, più tardi): Bicio, vara vara….ah….cossa te te perdi…ma sposete pu ‘nvanti no, che ghè temp….(al cameriere) ehi….ehi….chi i continua a robarne bicieri…’cramento portene altri doi valà…che tra ‘na roba e l’altra ghè n’afa chi denter….anzi vara portene zubit quatro così anca se i ne roba doi…ahahahaha…dai Bicio che te ghe sei….ahahahaha meio nar su l’altar e dir de sì embriach che dopo te poi semper dir che no te savevi quel che te fevi….ahahahahaha

“No, no basta…gò zà la testa che che me gira…’na scimia entorno….”

-Ah fin che la scimia la te gira entorno no suzede gnent…l’è quando la te vei adòs oscia che l’è en casìm….ahahahaha. quando la te vei adòs, capì come? La scimia…ahahahaha

“No, no vara l’è stà ‘na bela festa, grazie, ma meio che vaga sat…che se la me vedès chi la Jessica…ah madona…e so mama po’….”

-Vara che so mama tra poch l’è to suocera…’sta ‘tento che quele se l’è becae da ‘na vipera…ah more la vipera de colp…ahahaha….la vipera, la scimia…oscia quante bestie che ghè ‘n sto locale…per forza l’è calt, l’è calt….(al cameriere) vara che chi i continua a robarme bicieri neh….no gavè quei co le radioline su le recie che controla? Ah no l’è ‘n locale serio…portène altri doi, anzi quatro…vera Bicio? No se pol nar voltar l’ocio che i te roba i bicieri…ahahahahaha

(coro rivolto alla ragazza che si esibisce nella lap dance): Nuda, nuda, nudaaaa, nuda….

-T’avevo dit no che vegniva dopo el bel….ahahahaha….

“Ma, vara, meio che vaga…”

-Speta, speta…te sei ancora senza manete sat, o vot en fazolet nero sui oci come i condanai….ahahaha….el Bicio , el por Bicio….ma chiel che roba sti bicieri….diaolporco….scolta, scolta….(al cameriere, che alza gli occhi al cielo…) no va bem no va bem….vara che ‘l me amico chi domam el se sposa capì? E i seita a robarghe i bicieri, no se fa così….po’ sto calt…(il camerie annuisce e va a prendere ancora da bere)

“Dai, dai che adès nèm…che se la me vedès…ah a st’ora dovria esser nel let da ‘n pez…come zamai l’è drio a dormir la Jessica…portene a cà valà—“

-Massì valà, speta però che me par che i m’abia robà ancora i bicieri…(il cameriere fa segno che ormai si sta per chiudere e non porterà più nulla….)

-Eh la madona, gnanca quel de la stafa…con tut quel che gavèm lassà chi per bicieri po’ robai…

(all’esterno passa una ragazza, la testimone della sposa…) “Ehi, ehi….ciao Alessia….’sa fat ancora ‘n pè a ste ore? Vara che domam me sposo tel sai no e te dovressi vegnir anca ti no…”

(Alessia): Sì, el so el so…ma la Jessica l’ha fat na festa stasera…

“Oscia, adio al nubilato anca ela?”

-Fa giust cont….

“E avè finì adès?”

-Ah se fus stà per la Jessica se tireva avanti fin …. a stamatina zamai….madona che tardi….

“E come ela nada? Ve se divertie almem?”

-Te dirò che quel putel che l’ha fate l spogliarelo en pè sul tavol…mah, la te spiegherà la Jessica valà che adès l’è meio che almem en par de ore le dorma…ne vedèm tra poch alora…

EL TRENTIN CHE VOL SMETER DE FUMAR

 (esterno di un bar, sta leggendo il giornale e fumando avidamente una sigaretta, tossisce più volte, arriva l’amico): – Ciao, vedo che te tegni duro a ghebàr anca se te scaìni…

(tossendo): “ahsss…skruskkk…tàsi….ashhhsk…tàsi valà….”

-Sì ma se te continui così, se te scominzi la matina bonora….quant ‘en fumit al dì?

“ashhhsk….’n pàr de….sktrussss..-de pachèti….”

-Sì ‘n magino, do pacheti fim mezdì … prima dei altri doi…dai bevi en bicier de acqua valà che no te ghe la fai gnanca a parlar…te gai I polmoni ‘sfaltài….

(beve): “Ma sì….ashhhskr….sì l’è la tòs de la matina, po’ …..ashhshkr…la passa….toh, vara….”

-Hat ‘n provà almèm a smeter a fumar de mem se no altro…

“Asskskskr… sì sì, le ho provade tute….anca quele eletroniche….”

-Gnent da far?

“Ma sì sule prime pareva che la nès…po’ però finivo le ricariche de quele bocietìne en do minuti…ashharj…pensa che me son ridoto a meterghe denter el dopobarba pur de ghebàr da quei mistèri de l’ombrela col bochìm…diaolporco…ashahark”

-Ma no avevìt scominzià a provar anca la pipa?

“Sì, ma l’era massa brigòsa.-..meti el tabach nof, grata quel vecio brusà, prova a tiràr, buta mola, tira…pu bel che ‘mpizarse en zigaret senza tante….ashaharall….senza dover star lì a tribolàr….oscia….ashaharjs”

-Eh ma vara che se continui così ‘n di o l’alter, no l’è per ciamar disgrazie neh….

“El so, el so…ma se no me fago le me ghebae devento zidiòs…..ashahrahhhs….anca la sposa la me l’ha dit….meio che te fumi valà pitost che vedèrte pedonar per cà  co le bale girae….ashkakarss”

-Ghè anca dei prodoti, dele medizine che te aiuta sat…

“Ma valà che ….ashsrjj….le ho provae tute….po’ som finì a momolar caramele tute l dì….che ho mès su do chili co le caramèle….quele ala menta….”

-Te dovressi provar el tarasaco…robe cosita….

“Provà anca quel…i bastonzini de liquirizia…tute le ho …assharasss—-provàe diaolporco…….ma ti enveze….no fumevit anca ti come ‘n turco….ashaharsss….come hat fat a smeter?”

-Ah caro anca mi le ho provae tute….gnent da far fin quando ho encontrà um de quei lezui, un che sa el fato suo su ‘ste robe….e de colp basta, no ho pum es en zigaret en boca

“Oscia, bel…e cos’elo sto modo…ashahshsr—-ensoma come hat fat?”

-L’è ‘n sistema che praticamente el t’encioda ogni volta che te voi riscominziar a fumar…no te ghe scapi….

“Elamadona…”

-Vara, a ti che te sei n’amico tel spiego…oh, che la resta tra de noi neh, che mi no gò dit gnent gnanca ala me sposa…

“Dime, dime…no ghel digo a nesuni, ahsgarssss tranquilo”

-Alora, vedit chi sula recia? Vedit? Gò ‘n recim—

“Ah la storia dei recìni…si ho provà anca quela….gnent da far, se no ghè …..ashaharss….la volontà”

-Eco, la volontà, te stevo per spiegar…alora ‘sto recìm entant vedit che l’è su alt sula recia…scondù dai cavei…

“Sì, ma perché l’hat mes en quel posto?”

-Se no magari la lo vede la sposa…po’ la domanda cossa m’è vegnù en ment de spender ‘sti soldi per en recìm…

“Eh dai…ashahahars….no la sarà miga tacagna a sparmiar….ashahara su la salute de so marì….”

-Ma l’è quel el segreto, capissit, l’è quel…

“Va bem…ashaharrrs….no ‘l sarà miga de oro….”

-De pù, ghè anca ‘n diamantìn…po’ tut laorà de fin….

“E quant t’elo costà?”

-Desemili euri….

“La madona…tant che ‘na machina nova”

-Eco, vedo che piam piam te capissi…ogni volta che me vei voia de fumàr….vago su coi dei….sento ‘sto recìm da desemili euri….e me digo…no podo miga budar via desemili euri…se no avria podù cambiar anca la machina e continuar a ghebàr….

“Ma chiel che t’ha vendù ‘sto recìm, ‘sto-…asharshshs….lezù?”

-El Roberto, oscia, tel conosserai anca….quel che ha tot en mam da ‘na stimana el tabachìm en font al paès….l’è um che se n’intende de zigareti e de come smeterla co ‘sto vizi maledeto…

EL TRENTIN E … ‘L FUTURO ZENDRO

(in casa, rivolto alla figlia che si sta per sposare): “Oscia Rita, manca tre ‘stimane al matrimoni e no conòsso gnancora el spòs…te par ‘na roba che va bem? No, digo, ‘sa fente, ne dèm la man prima de nàr ‘n ciesa e ne conossèm lì…dai che me par …. Se avès fàt mi ‘na roba del genere co me pare…. Ah no ‘l m’avria saludà pu…e po’ col càvol che ‘l m’avria regalà ‘sta cà….dai anca ti, oscia….almem per to mare…o to màre lo conossèl zà ‘sto chi che ‘l vol sposarte…

(la figlia): Scòlta, no l’è miga colpa mia se quando el vegniva chi ti t’eri semper en giro a zugar a carte neh…che po’ a dirla tuta…m’hat mai domandà qualcòs de ‘sto moròs? Tutmal ne paghèm tut sàt, dai bòmbi al disnàr, anca i fiòri, la machina che me porta en ciesa, tut… basta che ti te me porti denter en ciesa…

“Va bèm, ma almèn conosserlo prima….no me par de domandar chisà quale piazèr dai…”

-Alora va bem, domam de sera el sarìa libero dai so mistèri….el fente vegnir chi a magnar qualcos?

“Ma va benom…basta parlar vedit….se se mete d’acordi no?”

(la sera seguente, la mamma della nubenda): Dai, dai fora da ‘sta cosìna che m’è fè sol casìm….me se brusa tut nel forno a veder zent che pedòna senza saver gnanca ‘n dove meter le man….

(la futura sposa, al telefono): Sì, sì dai che te sai dove parchegiar no….ma vei tranquilo…no stà farghe caso a me pare…ma sì te digo de sì….

(entra il futuro sposo): Buonasera, scusate il ritardo….un traffico….

(il padre della futura sposa): Eh, ‘l so, da ste bande l’è cosita d’istà….el vegna, el vegna ‘nvanti che ‘ntant che de là le prepara….fumelo?

-No, per fortuna non ho mai avuto questo maledetto vizio….

“Ah…. Ma alora en bicieròt de spumante tant per netàr i canaluzi….ahahahaha”

-No, grazie, sono astemio….magari se avesse un bicchiere di acqua naturale…

“Ah, no ‘l fuma, no ‘l beve….bem…(alla moglie): Iertaaaa….Iertaaa….portème quela bòzza de vim bianch che ho avèrt a disnàr….e ‘n bicièr de spuma per el bocia, volèvo dir el sior chi….

(la moglie): Vàra che de bianch no è restà che l’eticheta de quela bòzza….

“Oscia, ‘sa ghe bevente drio per zena alora? “

-E’ restà sol el ross…

“El ròss co le trote? Barea…Vago zò al bar de l’Enzo a tor en par de boze de bianch valà…el vegna anca lu (rivolto al futuro sposo)…che così la spuma el la bève lì valà…che chi ‘n sta cà se no vago mi a far la spesa….manca semper tut ‘cramento…”

(al bar): “Alòra, el me diga, de ‘dove sarèsselo lù dal bon?”

-Abito a Milano, ma ho già preso casa qui dalle vostre parti, con Rita ovviamente…non le ha mai parlato della nostra nuova casa?

“Ah, quela fiòla lì l’è semper per aria…’l se figura che so ‘pena che lù el se ciama Ernesto Di Gennaro…a proposit, no me par en cognome dei nòssi, ma gnanca de Milàm…o zò de lì….”

-In effetti la mia famiglia è originaria di Reggio, sì, terròni come dite voi…(abbozza ina risata)

“Ma ‘l se figura se mi gò de ‘sti problemi….po’ Reggio lè zò en….dove ghè la pianaura che i fa el formènt, le biadine no….ah na volta quando nevem al mare a Cesenatico pasevem da quele bande….bei posti…miga dove ghè i mafiosi, i drangheti, quei che mola zò le statue dele procesiòm davanti a quei de la lupara…”

-Veramente si tratta di Reggio Calabria…non Reggio Emilia….

“Ah….”

-Con la mia famiglia sono rimasto lì fino alle scuole superiori, poi mio padre si è trasferito a Milano per lavoro e allora…

“Ah…”

-E allora adesso eccomi qua in Trentino, chi l’avrebbe mai detto…

“Zà, chi l’avria mai dit ah? Zà….Eh del resto, ensoma, tante volte ah? Ma vara ti….Eh, e….come alo conòssù me fiola?”

-Una sera, in discoteca a Desenzano…sul Garda. E’ stato un colpo di fulmine….

“Ah….enmagino….zà….difati seghe l’avevo semper dit a la me sposa che da quele bande ghera brute compagnie…(si accorge che ha pensato ad alta voce e cerca di correggersi)….ensoma che …. Comunque l’è granda no se pol miga serarla a ciave….(colpo di tosse)…Ma lù cossa falo de laoro?

-Lavoro con mio padre da anni anche se comunque presto credo che mi metterò in proprio—-

“Ho capì, ho capì….anca lu come tanti vegnui da ‘n zo el meterà su la so pizeria…ah per quel se fa soldi anca chi da noi…le è squasi massa ‘ste pizerie…ma se la fè bona la piza…sì sì per quel….”

-No, forse ha capito male, non faccio il pizzaiolo..nè lo fa mio padre. Siamo impegnati in affari….

“Oscia me vei màl…odio stago mal….”

-Si sente poco bene? Chiamo qualcuno?

“No, no ‘sta calmo…calmo…’scolta no sarà miga che coi to afari, coi afari vòssi ensoma, de ti to pare e quei altri…ne metè nei gazeri neh….che no ho miga tirà su ‘na fiola per farla nar a trovar so marì en presòm ‘na volta al mès neh….vara che….”

-Ma cosa dice? Non capisco?

“Dai dai che t’hai capì benòm … ocio neh, ocio che gò tanti amizi nei carabinieri neh…i ghe mete n’atimo a capir el tai del prà…

-Carabinieri? Ma cos’ha capito? Guardi lei sta offendendo la mia famiglia se pensa che ci siano vicende poco chiare a monte….

“Eco, vedelo che l’ha capì….l’om del mont….eco quel che penso ghe sia drio….quel che ghè ma no se vede…”

-Mi meraviglio di lei, sua figlia mi ha sempre parlato bene di lei, una persona senza pregiudizi….

“Sì, sì, vera, mai stà en giudizi davanti a tribunai…perché me som semper guadagnà el pam col sudor mi salo…miga….miga….odio stago mal….”

-Senta, mi dispiace ma a questo punto forse è meglio che parli con sua figlia, non capisco questa sua diffidenza, questo clima di sospetti….mi scusi con sua moglie…peccato per la cena….non so se ci rivederemo, la saluto….

(torna a casa, la moglie…): Alora, ‘n do set nà a tor le bozze….a Napoli? .. E ‘n do elo l’Ernesto?

“Tàsi, tasi che la n’è nada bem….en teròm mafioso l’è, capissit? Um da ‘n zò, en mistèri poch ciari con so pare e altri….hat capì?”

-(arriva la figlia trafelata): Papà, papààààààà, questa no te dovevi farmela….

“Tasi tì che ho savù tut, anca de quela maledeta sera che t’ho lassà nar co le to amiche a Desenzan….tasì almem…”

-Ma come se fa a darghe del mafioso, del poch de bom a um senza conosserlo…dime papà….pappààààà?

“No no, so tut adès….e meno male che l’ho savù en temp….”

-Ma cosa sat ah? Cosa sat?

“Che l’è empegnà en bruti afari…

-Ma sat che afari che l’è, el sat?

“Bruti, e me basta saver questo”

-Ah, e te par che ‘l faga bruti afari el fiol del diretor generale de l’asicuraziom Ambrogio? Che l’è anca la to asicuraziom se no basta, quela dove te gai la poliza vita?

EL TRENTIN CHE METE

A UM EL GIARDIN

 

(sta lavorando in giardino, il vicino lo saluta): – Ehila, zerto che far ‘sti laori co ‘ sto calt ah…

“Eh prima o dopo bisogn pur taiar ‘st’erba, darghe ‘na zimada a le piante vizim ala ramada…ghe n’è semper da far…po’ la sposa da quando som en pensiom….Cornelio, vist che no te gai gnent da far ghe saria da…”

-Tasi tasi, anca mi gavevo quel problema…ma l’ho risolt per fortuna

“E come ghe set vegnù fora, dimel anca a mi che … se no se se dà na mam tra vizini…”

-Ah, vara, entant mai contradirla, dirghe semper de sì ala sposa. Anzi, tacarghe…sì sì, el fago subit demò…

“Eh ma alora te sei del gat…te toca laorar come mi”

-No, ‘sta ‘tento ala gabola…

“Dime, dime che m’enteressa ‘sta storia”

-Alora, ‘na volta che te ghe disi de sì, te te meti la tuta, te tiri fora i atrezi…l’è sol quel el fastidi, dopo…

“Dopo?”

-Dopo te fai finta de trapolar…oscia, meti de meterghe zò benzina nel taiaerba….de netar qualcos…

“Ma l’è semper laorar…per finta ma laorar…”

-Speta, speta…quando la sposa la ciapa su l’autìn e la va a far la spesa zo a Arco, te ciami el Marco, sat quel che gà la sera lì a Vignole, el fiol de la pora Genia, el fradèl del Claudio…eco, se sa che ne sem messi d’acordi da temp no, eco….lu ‘l riva, ‘n do minuti el mete tut a posto, entant ti te vai al Primavera a beverte el cafè a vardar i giornai….

“Ma se la sposa entant la ‘vei de volta?”

-Te devi farte furbo caro mio. Entant che te sei al Primavera te ghe fai ‘n colp de telefono. Per saver come la va, per dirghe de torte quel e que l’alter che te manca a l’Agraria, ensoma te la ‘mpienisi de robe da far, de pensèri….che la staga via almem fin a dopo mezdì

“Oscia, te sei propri ‘na faina…dame el numer del Marco valà…”

-Sì però vara che bisogn darghe en preaviso de almem do tre dì…l’è ciapà en ‘sta stagiom coi alberghi e anca coi privati….

“Sì si va bem, entant fago finta de far qualcos ancoi…cos’el che te fai ti de soliti? Ah, trapolàr drio al taia erba…eco…sì el taia erba, la benzina….

(squilla il telefonino del vicino) – Ah ciao, ciao cossa ghè? Som chi zò bas…eh….ma no….el Marco?

(la moglie): Sì, el Marco el Marco, l’ha telefonà adès….sì sul telefono de cà….no so chi ghe l’abia dat…no ‘l ghè su l’elenco…a ogni modo el voleva parlar con ti….el dis per quei soldi che ghe vegniria…ma che mistèri gat en bal ti col Marco?

-Ma gnent gnent l’era … l’era ‘na sorpresa…quel can da l’ua

(la moglie): Sì propri ‘na bela sorpresa…el dis che l’è da do mesi zamai che te gai promès de darghe i so zento euri…ma no te sarai miga nà en giro a zugar e a perder a carte neh?

-No, l’era na sorpresa te digo…sat….fiori…oscia no ‘sta farme dir tut prima del temp…

(la moglie) Fiori? Ah te regali fiori a qualche sbrindola en giro? Vei vei su che fem i conti adès…propri na bela sorpresa…

-Ma no, senti, l’era per el nos aniversari de matrimoni…gavevo dit de tegnirme via ‘n mazèt che fes faziòm…pien de rose rosse…

(la moglie): A parte che ‘l nòs aniversari l’è zamai pasà e no te te sei gnanca ricordà….fussa anca t’abi fat confusion come te solit co l’aniversari de la to prima sposa…vat a ordinar le rose do mesi prima del temp? Le fa a ora a secarse…Tutmal adès voi propri vederlo ‘sto mazèt da zento euri…se no el Marco i soldi no ‘l li ciapa de sicur…

-sì sì, adès sistemo tut mi…vegno, vegno….sì, ma no….t’ho dit che parlo mi col Marco…

(l’altro): “Oscia vara me sa che l’è meio che me daga da far sat col taiaerba…ah te sei mess pu mal de mi me par….po’ spender adès dozento euri….zento per i laori fati e zento per comprar quele rose da farghe veder….no no meio che me rangia…”

-Ma valà che sistemo tut…la sbaia la sbaia ma po’ no la morde miga sat…

“Sarà, ma dala cera che la gà la to sposa diria che te convegn scominziar a corer…

(la moglie del vicino sta arrivando con in mano una fattura di Marco e nell’altra un mattarello)

EL TRENTIN A LA MOSTRA

DE PITORI MODERNI

(alla cassa): Eh oscia, zinque euri? Ma quanti quadri ghè denter po? Che le me par picole, se me ricordo, ‘ste sale…

(cassiere): vuole anche il catalogo?

“Ah l’è per quel che no se pol far foto, perché se no no vendè i libreti….bela roba”

(all’amico): “Vara, giust perché no gavevo gnent da far ancoi dopo disnàr neh, e che dopo te m’hai dit che nem a magnar la carne salada al Belvedere…che te diga, per mi l’è butar via soldi…”

(l’amico): Ma ‘sti chi l’è quadri che val en sach de soldi sat? I l’ha fati vegnir anca da la ‘Merica…

“Per mi i podeva star anca ‘n dove i era…toh, do penelàe ‘n cròs…spegàzzi, quando sbianchèzo fago de mem fiàme mi sul plafòn…e che no som del mistèr tra l’alter”

(un turista sta fissando un’opera con intensità): “Mah, per mi quel lì l’è drogà…ma hat vist che oci grossi e larghi che ‘l gà…l’è fat dai, po’ star lì come se l’avès vist la Madona….che po’ l’è do sgrifi…come se um l’avès finì ‘l colòr sul pu bel dai…”

-Vara che l’è giaponès quel lì, pensa che i vei perfim da làvia per veder ‘sti quadri….

“I podeva anca sparmiarse el viazo…ma po’ se sa che te compri el pachèt, e dopo te toca nar ‘ndove i vol quei de ‘l pulmam…magnar dove i dis lori…el so el so anca co la sposa quando sem nai en crociera…te toca, e po’ dir anca che l’è stà bel, anca se te te n’hai ciapà ‘na solfa…”

-Ma no dai, che questa l’è arte moderna…la gira ‘l mondo sat. E per zinque euri cossa vot che sia…pensa dover nar a niu york per vederle…

“Per mi le podeva star anca dove le era ‘ste sciapotae…”

-Ma scolta, propri no te pias i quadri….

“No caro, no me pias ‘ste robe che uno…com’ela come quel che l’ha mes la so cagada soto vedro…dai, no bisognerà miga esser ‘na zima per far na cagada…e quel che sgrifeva le tele? Som bom anca mi de taiàr col cortèl a la sbregabalom….ma dopo i me fa magari pagar i dani, capì come?”

-Vara ‘sta scultura, pensa che l’è de Jò Pomodoro…e l’è adès chi davanti ai nossi oci….

“Mah, me pàr na colada de cimento vegnua mal…ah l’è fer? Butà via anca quel…l’era meio far pironi o cuciari…almem i serviva a qualcos….”

-Te sei propri um che vive ‘n mèz ai sgrebeni….ma dai, Pomodoro, no te sai gnanca chi che l’è me sa….

“Taià zo fim, ‘n la salata….e che bom co l’oio del nòs…”

-Semper a butar ‘n vaca…no vegno pu con ti a veder ‘ste mostre…me sa che te gavressi da che dir anca su ‘n quadro de Giotto…

“No caro, vara che mi som de Arco. Dove è nat el Giovani Segantini. Pensa ti che la casa dove l’è nat, poch de là del pont sula Sarca a so temp i l’ha butada zò: perché no ghe passeva el camiom. E da bocia per poch no ‘l se negheva ‘nela Fita? Ah quel sì che l’era ‘n pitor….”

-Ma cossa vot saver ti de Segantini…

“Ades te spiego mi. El Segantini l’era ‘n pitor che ‘l pitureva tut a puntini picoi. Bem, per dir, el farlèt soto la vaca, quela dele do mari, che da na banda te vedi ‘na dona col bocia e da l’altra ‘sta vaca, el farlèt….fat um per um, paia per paia, anzi toch de paia per toch de paia…tel vardi da vizim no te capissi gnent, da lontàm te par de tocarla ‘sta paia…E ‘l lach, la barca, le pègore sora…par ‘na foto, par che te podi anca meterghe zò le manote nel lach…e carezar le pegore…co la lana, fil per fìl, che te senti anca la spizza oscia…”

-No digo gnent, però l’è robe de ‘sti ani dai…no se pòl star lì semper a ‘ncoconarse co le robe vecie…el mondo ‘l va ‘nvanti….

“Che te diga, a mi ‘ste robe moderne no le me dìs gnent…spèta però, eco, eco, sto chì almem l’è uno preciso, poche idee ma preciso, giust…”

-De cosa parlit?

“De ‘sto quadro chi, arènt a quel che fa i biglieti…”

-Ma ‘n dove, scuseme….

“Oscia, quel lì…. (indica il cartello)

-Ma ‘sto chi l’è ‘l cartel che dìs dove se deve nar per nar fora…

“Cosa t’onte dit mi? L’è l’unico fat co le idee ciare, l’unico che me dis qualcòs…

EL TRENTIN A L’OSPEDAL

(in attesa dell’intervento chirurgico, sul lettino, l’infermiera): Ah, adès sistemèm per le feste anca lù…entant el se cava tut….sì sì anca canotiera e mudande, po’ el mete ‘sta roba chi, eco anca la cufieta ‘n testa e ste robe chi sui pei…che dopo ‘l portèm de là…

(un paziente sull’altro letto): Per cossa elo chi?

“Ah, ‘na fistola, ‘na cisti…l’è zà la seconda volta che som chi per ‘sta rogna”

-Eh ma quele robe lì…no se se la cava pù neh…anca me cugnà l’è nà ‘nvanti ani e ani…l’ha fat a ora a morir ancora co la ‘so cisti…

(perplesso, si tocca): “Ma quanti ani gavevelo so cugnà quando….”

-Ah, sesantazinque, no forsi n’am de mem perché so che l’era nat el tre de agost e l’è mort ai primi de l’am passà…ma miga per la cisti neh, no ghè vegnù en colp por laor…

“Ah…e lù per cossa elo chi?”

-Ah monae…na cresènza su la schena…sol che par l’abia fat enfeziòm e alora meio tirarla via…

“Ah…”

-Sì però ghe vol l’istess l’endormia…ma me sa che stasera dormo zà a me cà…

“Sì, sì de solit i te mola dopo…”

(infermiera): Eccoci, pronto? Dai che nem…che de là i ne spèta…

(durante l’operazione, il chirurgo): Ma com’è che funziona questa storia dei buoni pasto adesso?

(infermiera): Sì, praticamente enveze che nar en mensa i te dà ‘sti lanc…che dopo al bar de soto….però bisogna anca averghe temp de nar fora…lù dotor forse … ma noi….

(chirurgo): non funziona …

(infermiera): No no el funziona per quel, basta averghe temp de nar fora…

(chirurgo): No dicevo il laser…

(alla fine): Ecco, guardi qua che bel filetto che le abbiamo tolto…sì sì va subito all’istologico…

(in camera, arrivano parenti di altri pazienti, una donna al telefono): Sì, sì ah per quel el vedo zà meio sat, ma sì ah l’è sta denter do ore…ma se te pensi che la podeva nar pezo….come stala la Irene? Eh valà che ognum gà le sue…sì sì bisogna propri viver dì per dì, diria anzi ora per ora, minut per minut…ma ti pensa se…ah? Vegnit zò alora dominica? Ma sì me sa che posdomam i lo mola…ghe sarà da far i so controli…ah si cara…

(dopo cinque minuti altra telefonata): Sì, sì ah per quel el vedo zà meio sat, ma sì ah l’è sta denter do ore…ma se te pensi che la podeva nar pezo….come stala la Irene? Eh valà che ognum gà le sue…sì sì bisogna propri viver dì per dì, diria anzi ora per ora, minut per minut…ma ti pensa se…

(dopo altri cinque minuti): Sì, sì ah per quel el vedo zà meio sat, ma sì ah l’è sta denter do ore…ma se te pensi che la podeva nar pezo….come stala la Irene? Eh valà che ognum gà le sue…sì sì bisogna propri viver dì per dì, diria anzi ora per ora, minut per minut…ma ti pensa se…

(arriva il pranzo, un paziente…) Ah co ‘sti magnari chi de zerto no s’engrassa…

(infermiere): E pensi che una volta si mangiava anche peggio, tra l’altro noi non abbiamo nemmeno più la mensa ci danno quei buoni….

“Sì, però no gavè gnanca el temp de nar fora me par…almem così i diseva de là…”

(infermiere): Ma lei è del sindacato? Perché a proposito di questi buoni, le pare giusto che….

EL TRENTIN CO LA MACHINA NOVA

 (ha appena acquistato una vettura nuova, parcheggia con attenzione, esce e pulisce col fazzoletto un piccolo quasi invisibile alone sulla carrozzeria, passa un amico): – Ah tei gai i soldi can da l’ua, machina nova vedo, ‘pena vegnua fora dal salòm, neta come ‘n pòm…

“Ma sì, ghera ‘na bona ocasiom…tant al mès…ah que l’altra zamai la gaveva su trezentomili e passa chilometri, se spendeva pu en riparaziom che de benzina…la perdeva i tochi…”

-Oscia, ma te gai ancora el nailom sui sentài…tirei via no….

“Fin che podo tegnirla neta…po’, sat, vol dir anca no fumarghe denter, men polver, pensa che l’è tuta eletronica….te schizi ‘n botòm e la parte, la parchegia da sola, ‘na televisiom picola co la signorina che la te dis dove svoltar, dove nar, se ghè coa, se piove…”

-Bem, se piove tel vedrai anca co i to oci no…

“No ho bem vardà le istruziom ma me sa che la te sa dir anca quando el smete e quando pol ritacar via de nof a piover…ah ‘na bela comodità, i l’enventa tute al dì de ancoi”

-Dai fame far en giro….

Saria bem de corsa…ma sì valà…fem en giret picol però…”

(l’amico sale in auto): Senti che spuza de nof, eh ma te verai che temp ‘na stimana…po’ basta la prima botesèla, la prima rasàda de paraurti…

“Ma figurete, le machine mi le ho semper tegnude come ‘n bombo…”

(mette in moto)

(l’amico, dopo un po’): vara che chi no ghè miga el divieto dei trenta e gnanca dei zinquanta…oscia te sei ancora ‘n seconda…

“L’è en rodagio ancora…”

-Sì, ma se te la tegni su così tant de giri però la se cola prima del temp…

“No no, le è così ste machine…bisogna tegnirle en po’ alegre col motor se no le s’engolfa…”

(l’amico, perplesso): sarà…

“Toh, vara, vara…quei de le bici semper en mez….la Provincia la spende milioni per farghe le so piste…e lori i và sule strae dele machine…che no i paga gnanca bol, assicuraziom….me sa che con quele face da palpapiam no i paga gnanca le tasse…oscia le pago mi ‘ste straee e anca quele dove i vol nar….”

(l’amico): vara che te poi sorpassar chi…

“Sì e se dopo vei zò qualcòs dal camiom? Quela zent lì la tira drit sat…i se ne ciava se ti te gai en dan….”

-Me par che te sei massa en mèz a la straa…

“L’è per no farme sgrifar la portiera da quei sacramentaifeli dele bici…toh, vara, quel là, en qua en là, senza le geme … se ‘l và denter en galeria no tel vedi miga neh…Eco e quel lì che vol traversar…vago, stago….oscia decidete….po’ vara meio i semafori de na volta che ste rotatorie…ades se no i sa cossa far i fa na rotatoria…te continui a far girotondi….con quei che magari te vei denter de corsa….che enveze i dovria spetar el so turno no….sat che ‘na volta squasi vago contro un che l’aveva ciapà la rotatoria contro man? Ma dite mi…”

(l’amico): scolta dai che ne fermèm a bever qualcos così sto por motor el respira n’atimim valà…

(vanno al bar, l’amico): Tutmal bela machinota, bravo, contenta la sposa?

“Ah quela l’ha zà dit che no ghe pias el color…ma oscia, quela ghera se te la volevi subit se no t’avressi dovù spetar la fim de l’istà…bom ‘sto prosechin però, el se lassa….(l’amico) dai che te ofro  n’altro giro così bagnem la machina…. “Grazie, sat, anca perché me sa che ho lassà el tacuìm en machina adès che me palpo le scarsele dele braghe…tei dago dopo…”

(dopo tre prosecchi a testa rimontano in macchina)

(attraversa la strada un gatto, per schivarlo finisce contro il guard rail e striscia tutta la fiancata…)

-Madonaaaa….madonaaaaa…..(mani nei capelli) Vara, vara…..odio me vei mal….

(l’amico): scolta, tranquilo, ciamèm i vigili, ghe disèm che l’è successa per no narghe adòs a um co la bici che de colpo el voleva svoltar….e che dopo l’è scapà….così co l’asicuraziom te sei a posto….ah te verai che i te la tira fora pu bela de prima…

“Te la fai fazile tì…”

(l’amico chiama la polizia locale)

(arriva una pattuglia): Buongiorno, allora cosa è successo…

“El varda, ghè chi anca el me amico che ‘l pol testimoniar….tut colpa de uno co la bici….el m’ha taià de colp la straaa, alora mì per no ciaparlo soto ho tira tut sech vers la campagna no….e el varda qua….machina apena comprada….”

-Patente e libretto intanto…

(guarda nel cruscotto…nel portafoglio, e….): Oscia vot veder che ho lassà tut a cà….che ho cambià le braghe stamatina….e anca la fodra de plastica dove ghera le carte de la machina….’cramento avevo tot fora ieri sera tut per lezer el libret dele istruziom, de la manutenziom….el vara sior vigile ….abitò demò a dese chilometri, vago e vegno…

-Eh mi dispiace ma per il verbale…e poi lo saprà, patente e libretto devono essere sempre a bordo…

“Ma sì el gà resòn….el faga pur la paternale”

-No, verbale, verbale….la constatazione del sinistro….

“Nò a sinistra, mi me som butà tut su la me destra, el ghe domanda al me amico chi…”

(l’amico): sì, sì, quel de la moto el vegniva propri da la destra e ‘l voleva svoltar per nar lavia, vedelo?

(il vigile, perplesso): ma non si trattava di un ciclista….

(l’amico): Sì ciclista, motociclista….semper un su do roe volevo dir (gli scappa un rutto)

(vigile): scusate, ma non è che siete un po’,….diciamo….avete bevuto alcolici insomma?

“Ma no, no oscia…sì, en bicier prima….forsi doi….ma picoi neh”

(il vigile al collega): dai che facciamo il test, a scanso di equivoci…

(poco dopo): ecco, basta soffiare qui dentro…

(dopo i risultati): Mi dispiace ma qui siamo fuori….non di moltissimo ma siamo comunque fuori dai limiti consentiti….eh qui mi sa che dobbiamo chiamare il carro attrezzi….potete telefonare a qualcuno?

“Come, no vala pu la machina? No me par che se sia enciodà el motor…”

(vigile) No è che in questi casi scatta il sequestro del veicolo capisce? Poi lei non ha nemmeno libretto e patente e per giunta non potrebbe nemmeno mettersi alla guida in questo stato….

(rivolto all’amico): Ma….ma….’sa faga adès….

-Ciamo el Pero, sat quel che ha sposà me sorela, che ‘l deve averghe la botega da ‘ste bande…ne fem dar en tirom a me cà…che dopo da lì te porto dala sposa co la me Ape…

“Oscia e che ghe diga ades ala sposa…dovevo anca nar en farmacia e a torghe en pach ala Posta…ma tute ancoi….tute ancoi…el savevo mi che dovevo nar per la me straa….la machina nova rota…ades i me la porta anca via…multe, gazèri….”

(arriva il carro attrezzi): “Oh oh piam neh….che la se sfrisa a nar su….

(il carrozziere): Me sa che pu sfrisàda de così….

(dopo un paio di ore torna a casa, la moglie): Scolta, ela l’ora de tornar a casa? T’hai desmentegà chi tacuìm, telefonim, carte dela machina, patente….ma ‘n do gat la testa? E…e…’n do ela la machina?

“Vara, no te ghe crederai….ho ‘ncontrà el Dario, sat quel che è ‘pena nà en pensiom, che el gà na sorela che l’ha sposà el Nani, quel che gà la botega zò a….”

-El so el so chi che l’è….ma la machina ‘n do ela?

“Bem, som nà a bever en caffè con lù, dopo do minuti sento en casìm…ho pensà sarà quei dei rifiuti che rebalta del campane del vedro…e enveze….”

-Enveze?

“Enveze deve esser ‘sta qualcheduni che m’ha sfrisà tuta la machina e po’ l’è scapà…”

-Madona santissima…che gavèm ancora da scominziar a pagarla….

“Sì, ma ho ciamà subit i carabinieri sat, par che sia stà uno en bici…sat de quei che no va su le piste ciclabili…”

-E ma cossa alo fat de dam un co la bici…

“No, enveze, perché la sfrisà propri su le do portiere….”

-Va bem, ma quando te la giustei?

“Ah me sa che narà via qualche mes…”

-Te scherzerai bem…

“No, l’è ch el’ha dit el carozier che quela tinta lì el deve farla vegnir da la fabrica….e nol voleria che i l’aves demò finida…”

-Te l’avevo dit mi che l’era bruta quela tinta…la te stà giust bem…

“Ah, ariverà anca da pagar qualcos sat per el trasporto…”

-Ma no gavevit l’asicuraziom…per ste robe….

“Eh, ma ho lassà le carte qua…te sai come i è i carozieri no, se no te gai le carte driomam…no i se fida”

EL TRENTIN PENSIONA’ E I NEOI

 (la moglie): “Scolta, porta fora i boci a far do passi ‘n campagna, valà, che chi no i fa alter che zugar col compiuter, portei a ciapar ‘n po’ de sol che i me par patidi, così entant neto anca per tera en sala…

 (lui): Va bem, va bem…dai popi che la nona la ne para for dale bale…

 (in mezzo alla campagna): “Eco, vedè questo? Questo l’è el Salòm…

 (un nipote): Ma non è quello dei cowboys…non ha nemmeno quelle porte che girano…

“Ma nò, quel l’è n’alter Salòm, ‘sto chi el vei zo da Vèl, da quel mònt sora là, vedit? E quando piove tant te vedi anca le cascate sora la Sorgente, lavia, dove scominzia la Maza…”

 -Che cos’è la Maza nonno?

 “Oscia, la straa che porta a Nach ma anca dove finìs la sporcaria…tutmal chì nel Salòm, quando ghera tanta acqua, ‘na volta quando mi e i me amizi de alora eren puteloti come voi, avem fat pensè voi anca na gara de canoe…casetine de legn, sul font la cera e el mastice perché no la ‘mbarchès acqua…e soto ancora en toch de compensà per tegnirla drita…ah quante volte che sem vegnui fira mizi patochi…e po’ quela volta che avem fat la diga…era restà denter ‘na trota….spetevem che la deventès granda per magnarla….po’ è vegnù el Dino Tambosi, che alora el feva ‘l postìm, co na bacheta con tacà en pirom…zachete…e ‘l se l’è portada via…”

 -Ma nonno, che lingua parli? Non si capisce niente…

 “Ah, l’è la lingua antica questa, che i parleva quando no gh’era ancora la televisiom, chì ghera i omini primitivi, quei che viveva nele grote…el lach, quando s’è desfà el giaz l’ariveva fim lasù…”

 (un nipote fa segno ad un altro: questo è matto)

 “Vara che t’ho vist neh? No som miga mat, oscia, sé voi che zamai savè pu l’ingles che ‘l taliam con quei zoghi del compiuter…eco, eco….vedè stè qua? L’è le vize…”

 -Vize?

 “Sì, le vize…ramèti picoi, con denter el bus…toh vara (usa l’accendino) vedit che se pol fumarle? E no ghè miga carte e filtri che fa mal….altro che zigareti…quante che n’avem fumà…”

 (arrivano verso Pratosaiano): “Eco, chi enveze nevem a robar le zirese…oh, bisogneva star atenti…che i te sbareva col fosìl cargà a sal neh…po zughevem a balom là dove ghera en prà stret ma lonch…e a scondilever en mez ai marini….alti…ah te riscievi de perderte lì ‘n mez….e là en quela casota enveze zughevem ai dotori co la Ierta…”

 -E come si giocava ai dottori?

 “Ah, gnent se feva finta de esser ‘malai e la Ierta la te guariva…Po’ nevem zò ale masere dove i secheva el tabach e robevem le corde per fare le rè de le porte per zugar el balom, le righe per tera co la calzina robada ai muradori….e finì la partia brugne, pomi, peri…basteva slongar le mam e te te cavevi subit la sé…

 Ah e po’ ‘na volta avem fat finta de nar coi lupeti, coi scaut e ‘nveze sem nai a far el bagno nela Sarca…po’ gavèm dat na mam ala Pierina a netàr de soto e ela la n’ha regalà i gelati…ah ghe ‘n saria da contarve…ma dai che l’è tardi, che sarà arivà anca i vossi a torve a st’ora”

 (il giorno dopo la figlia telefona alla madre): “Ciao mama, scolta cosa gal dìt el nono ieri ai boci?

 -Ah no saveria….te sai che ‘l gà la fissa de le robe vecie, el gavrà contà le solite monae de quando l’era bocia, ‘sa vot, zamai el vive de ricordi sat, come mi del rest…ogni dì pu vecio e sech

 “No, perché el Matteo, el pu grant, el m’ha fat strani discorsi, el m’ha dit che ‘l nono el fumeva da picol i bacheti, che ‘l copeva i pesati coi pironi, che ‘l robeva de tut en campagna…come vot che i vegna su ‘sti boci co ‘sti bei esempi, co ‘ste bele storiele…la prosima volta lassei lì col so compiuter valà, che almem i empara l’ingles che el ghe servirà pu envanti…”

 

EL TRENTIN E L’OMBRELA

(fuori c’è un diluvio, la moglie…): Se te vai fora l’è meio che te toghi su l’ombrela, la vei zò a secie, miga desmentegarla en giro come le altre dese che te m’hai pers finora però…che se no l’è meio che metente su ‘na botega che vende ombrele pitost che regalàrle…

“Ma coss disit, vara che n’avrò lassà ‘n giro demò en par en tut l’am passà…dì ‘nveze che te sei ti che ghe l’empresta semper a to mama e po’ altro che San Pero torna endrio…”

-Và, và, fa quel che te devi far che zamai ancoi le to monae te le hai sbarae tute…

(esce  con l’ombrello, sale in auto, va al bar per il caffè , l’amico….): Ciao Cornelio, ‘sa fat en giro co l’ombrela rosa e i disegnini, l’hat robada ‘n giro?

“Oscia, no m’ero gnanca ‘scort…va ‘n mona valà, l’è quela dela me popa, me pareva a mi che l’era picola…”

-Difati te sei miz come ‘n poiàt…

“Lassa perder la storia de le ombrele che la sposa la me n’ha fat na testa cosita….”

-Vara, che passa quei empermeabili dei todeschi, sat quei de plastica, zaldi, rossi, col so bel capucio…tei tegni anca ‘n de na scarsela…se i serve….trachete.

“Ma sì ghe penserò, dai valà che gò en sach de robe da far stamatina…son ciapà…ne vedèm”

(esce e dimentica l’ombrello, dopo un quarto d’ora…): “Oscia l’ombrela…’l savevo mi che la doveva capitar propri stamatina. ‘Sa ghe diga adès ala sposa…e propri quel de la popa che l’ha ciapà coi ponti de la ciocolata…diaolporco…Te po’ enmaginar se adès el trovo al bar….pu fazile che en trova doi come se dis…co ‘st’acqua…e po’ l’è longa tornar endrio…spendo pu de benzina che alter”

(si accorge che c’è un negozio con esposti anche ombrelli, ferma l’auto e scende di corsa…, entra e cerca un ombrello simile a quello dimenticato): “Bondì (si accorge che sono cinesi) parlè ‘taliàm?

(il commesso): Celto celto…italiano sì…

“El me scusa, zercheria n’ombrela picola, da popi, magari rosa coi disegnini, cartoni animati, ensoma robe da popi…”

-Celto celto tu gualda…lì gualda tanti omblelli…

(guarda, finalmente individua un ombrello che potrebbe essere simile a quello dimenticati al bar) “Eco, eco questo ‘l poderìa anca nar….quant costèlo?”

-Cinque euli…

“Ma sì pitost che sentirmen de boia e de vaca a casa…sì sì dame quel lì valà—-“

(esce, apre l’ombrello, tutto funziona, sale in auto e va in città per alcune commissioni e dimentica anche l’ombrello appena acquistato): Lamadona…’n do gonte la testa stamatina…eh ah far massa robe en pressa, co ‘st acqua po’ che…ma diaolporco anca st’ombrela….va a ricordarse ades ‘ndove l’ho lasada…

(un amico incontrato per strada): Ciao Cornelio, ‘sa fat senza ombrela, vara che te ciapi su ‘na doia…

“Vara ancoi no m’en và una de drite…”

-Ma fa come mi no? Sat quei empermeabili dei todeschi…”

“Ho capì, ho capì, quei che te meti anca en scarsela…el so el so…ma ‘ntant?”

-Ah vara basta corèr…se te vai a pass de om te la ciapi tuta la pioza, se te cori, ma corer neh, t’en ciapi la metà, se non de men, l’è na roba fisica, da studiai…

“Ma sì valà che ancoi me sa che la và propri tuta de corsa…”

(intravede un ambulante che all’angolo del semaforo vende impermeabili…): “Ehi, ehi…quant còstel n’impermeabile de plastica?”

-Tre euri, tre euri…cinque anche accendini…

“Va bèm dame anca i acendini valà, speta che vardo nela giaca dove ho messe l tacuin…anzi, tegneme ‘sta giaca entant che meto l’impermeabile valà che zamai co st’acqua som miz patoch…”

(arriva a casa) “Vara, no te me crederai, ma le m’è capitae tute ancoi…”

-Sentinte…scometo che t’hai pers de nof l’ombrela….

“L’è longa la storia, vara … longa come l’am de la fam. Entant l’ombrela de la popa la s’è rota. El savevo mi che coi ponti dela ciocolata i te deva sol bataria. Som nà dai cinesi e anca quei i m’ha cazà su n’ombrela sbusada…alora ho tot st’impermeabile, l’è come quei che dropa i todeschi, vara che bel, te podi meterlo anca en scarsela…l’è difizile desmentegarlo en giro…i m’ha dat sora anca i acendini…ah, el savevit po’ che se se core se ciamà metà dela pioza che vei zo? Vara che per zinque euri l’è n’afare neh…”

EL TRENTIN E LA ZANZARA TIGRE

(la moglie): Vara che no ghe la fago pu, vara chì quanti becòni…scolta, stasera quei del Comun nela sala sora la Rurale i spiega cossa se pol far contro ‘ste bestie maledete…va su a sentìr cossa che i dìs per piazèr

“Ma no hai mandà en giro i cosi lì con su scrit su tut, i…i depilanti…”

-Sì ma a forza de trarli de chi e de là i è zamai nai en dispersia…come tute le robe che se zerca en ‘sta casa…

“Oscia, va bem, a che ora elo st’afare…”

-El ghè anca sul giornal…toh, oto e meza stasera….dopo zena te gavrai bem temp no de nar su….

(sbuffando): “Vara ti quel che se deve far, nar a scola de zinzàle…

(dopo l’incontro informativo, torna a casa): “Franca, Francaaa…’n do sèt…oscia”

(la moglie): cossa zighit a ‘ste ore che dopo quei de sora i bate col manech de la scoa….anca ti…vara che abitèm en condomini, miga da to mama en mez ala campagna…

“Pensèvo te fussa nada a dormìr…”

-Ah no dormiria de zerto pu se te continui a gosàr cosita…alora, com’ela nada?

“Mah….ensòma”

-Ensoma cosa, t’hai spiegà alora come se fa a far nar via ‘ste bestie?

“Sì, per quel…ma – n’ho parlà anca col Carleto, sat quel che abita su ‘n Trapìòm, sì el marì de la Gilda…che l’è la sorela dela Maria l’infermiera…”

-Si ho capì, ho capì, alora? Cossa elo vegnù fora ala fim?

“Te disevo, anca el Carleto l’era su la mia ala fim: quei lì i ciaciera i ciaciera…ma i ne sa tant che mi e ti me sa…”

-Massì, sarè stai voi a no capir gnent, ‘l savevo che dovevo nar mi…

“Bastèva che te ‘l disesi neh, stevo anca a cà…”

-Spiegheme co le to parole cossa i t’ha dit…dai che dopo vago a dormir che som stada en pè giust per spetarte…

“Alora, entant no se capìs bem come le ha fat ‘ste zinzàle a vegnir da l’Africa, da la Cina da dove oscia le vei. I ha dit che l’è tut colpa dele gome de quela dita de Roveredo…che le zinzàle l’è finie denter ‘ste gome…bem, entant no i è stai boni de spiegar bem come mai ‘ste bestie no l’è stae schizade entramez a ‘ste gome dei camiom entant che i camiom i neva…e zà chi dis anca el Carleto no ghe sem. Po’, i parla dei Marangoni de Roveredo. Ma oscia, se i è marangoni alora pu che dale gome ‘ste zinzàle le dovria vegnir dal legn…Alora, dis semper el Carleto, le ghè nele sparangole del teràzin capissit…l’è da lì che dopo le sgola…”

-Vara, lassem perder, i v’avrà dit cossa far per far nar via ‘ste bestie almem…

“Eco, eco…anca chi no ghe sem secondo mi e anca el Carleto”

-Ma sti chi, lezui e studiai, mandai dal Comun i ne savrà bem de pù de ti e ‘l Carleto, che po’ el Carleto no l’ha gnanca finì le medie dai…dime come se fa a parar via ‘ste bestie che zamai gò som…

“Se te me lassi parlar, ‘cramento…te disevo per fartela corta, che secondo i tecnizi no bisogna lassar fora piati, piatini scodèle con zò anca en giginìm de acqua…”

-Sì, questo ‘l savevo anca mi, perché l’è lì che ‘ste bestie le fa i ovi no? Ma difat mi ho sguà tut sula teraza…però ‘ste zinzàle le ghè ancora…ghe sarà pur qualcos da far per mandarle via o dovente tegnirnele e sciao?

“Secondo mi e ‘l Carleto l’è tut monae quele che i te conta. Perché ‘l sistema pensandoghe su…che dopo sem nai da la Ierta a bever en bicier e a parlar propri de ste robe mi e el Carleto…”

-Enmagino, enmagino, ve se strucai ‘l zervèl … na fadiga….a far i giri de bianchi…robe da sudar neh?

“Ma no, no, scolteme bem. Secondo mi e ‘l Carleto, de acqua nei bazinèi bisognerà enveze meterghen de pu…”

-Ah adès i ve ciama de sicur en televisiom…ensoma voi ‘n savè pu de quei pagai propri per studiar come copàr le zinzale…brai, brai…questo dopo el terzo bicièr enmagino…Dio santissimo fame ‘star calma te prego, ogni dona la gà la so cros da portar su ‘sta tera…

“Vara che no scherzo e no som gnanca embriach diaolporco…alora, pensevem mi e el Carleto, se nele scudele, nei scandorloti te ghe lassì zò sol en dè de acqua…’sa fale le zinzàle…le và lì, le tasta, le fa i so mistèri e via come le è vegnue…”

-Sì, via a becarme mi che no podo gnanca pu star fora a ciapar el fresch da quando ghè lore…

“Però…però, pensevem, l’è propri perché ghè poca acqua che a ‘ste zinzàle la ghe va bem. Se enveze t’empienissi i bazinèi de acqua e su i orli te ghe meti su ‘n po de saòm…ah no le scapa cara, le và lì, le sbrissia e le finis denter…le se nega tute quante”

-Sat cossa te digo?

“Bela idea no?”

-Sì, belissima idea. Domam de sera, quando te vegni de volta dala Ierta,  tel preparo mì el bazinèl piem de acqua e ‘nsaono tute le scale…

 EL TRENTIN AL BRIKO

(entra e si guarda attorno): Oscia, prima de trovar quel che te serve chi…

(il commesso): Posso esserle utile?

“Sì, vara, ‘cramento spiegartela ‘n taliàm…beh, ensoma entant pensèm ala fòrmica”

-Ah per quelle ci sono dei prodotti fantastici…

“Sì, vara, basta che ‘na volta messa zo…la taca neh”

-Nessun problema, a posto in pochi minuti.

“E ‘l colòr? Me serviria sul maronzìm…no massa scur però”

-Mah, per la verità c’è solo bianco…

“Eh oscia, sol bianco…ah no, no alora”

-Ma guardi che in pochi secondi lei non vedrà più una formica in casa…

“No, no me sa che se l’è bianca se la vede anca massa…ma l’è l’istèss, narò per quela da l’Enzo marangòn. Gavè enveze dela cola bona?”

(commesso, perplesso): Intende cola….

“Sì la cola la cola….”

-No, guardi forse nel negozio qui vicino…quello vende anche alimentari…

“Ma sì, ‘na botega come la vossa no la gà la cola? La formica sol bianca…me sa che no fè tanti afari salo…Tutmal zà che son chì….gavrè almem ‘n panèl…fim disente do schei de spessòr…bom però che no sia de quei che se smigola sol a vardarlo…”

(il commesso): Guardi purtroppo come le ripeto qui abbiamo altri prodotti, per cola e anche pane c’è il negozio di alimentari qui vicino…

“Ah el scusa se ghel digo neh….ma no durè miga tant, come se fa a no averghe la cola, panèi, fòrmiche demò sol bianche…ah….no va miga bem cosita….”

(il commesso prende il telefonino e chiama la direzione): Renato? Sì sono io, scusa sai ma se mi mandi qui la sicurezza….sì, sì un cliente un po’ strano….richieste strane….sì non mi convince….ecco, sì….grazie, scusa sai….

“El sènta, a ‘sto punto prima de nar, perché me sa che no gh’envegnim fora….prima de nar podo domandarghe ….”

(il commesso): non capisco bene…ma dica, dica pure (si guarda attorno aspettando la sicurezza)

“Eco a ‘sto punto forsi se ghe spiego meio el mistèr…”

-Sì, sì il mistero…come no? Ah guardi, se aspetta un attimo….il mistero, certo.

“Eco, alora ghe spiego. Gavevo ‘sto tavolim en cantina no. Po’ è vegnù zo tuta que l’acqua, pali de fèr…’na roba che pareva finìs el mondo…”

-Sì sì la fine del mondo. Adesso ho capito (si guarda attorno con imbarazzo) la fine del mondo…

“Sì propri la fim del mondo…e denter ‘st’acqua nela caneva…fato stà che porta via quest, porta via quest’alter…ho desmentegà en mez a l’acqua el tavolim…che ‘l s’è anca rebaltà…co le gambe per aria capisselo?”

-Sì, sì per aria. Per aria….

“E ala fim, el s’è tut embombà….embombà capisselo?”

(il commesso terrorizzato): La bomba, la bomba….la bombaaaa, tutti per aria sì, si si calmi stia calmo….la bomba….

“Elamadona….el varda che se el gavès avù la formica maronzim la cola e ‘l panèl a ‘stora l’avria zà mes a posto el taolìm…saludo neh, ma se né avanti così no fè afari….ah me sa che no durè tant…”

(commesso): Allora arriva ‘sta sicurezza? Questo non scherza…è anche impaziente…non so cosa voglia ma mi par di capire che la bomba ha un timer…

EL TRENTIN CHE SBAGLIA NUMER

 

“Pronto? El scusa se disturbo, che sarìa posto ancoi per doi?”

-Oscia, chi so do pei…saressèm anca ciapai ancoi…el speta però neh, che parlo col me socio

“Sì, el varda no l’è per mezdì, semai anca stasera, vers le nove…”

-Sì ma l’è quel el problema, l’è che … el speta che sento neh….n’atimo

(sottofondo musicale di musica classica, Requiem di Mozart)

-Pronto? El scusa neh, el varda i me dis che se pol far…basta che el vegna chi per le oto e meza stasera, doi el m’ha dit, ma veci, zoveni, da vestir anca?

(perplesso): “zoveni sì, odio, miga mocinèri neh, ma bisogna vegnir vestidi bem?”

-Beh se pensè voi ai vestiti ne faresse anca ‘n piazèr, l’è quela la roba pu brigosa

“Sì sì va bem, ma de solit no lè che se sia senza, ensoma na roba a modo se sa…”

-Ah basta bem che i faga faziòm….soto no ocor gnent zamai

“Oscia, che burbero che l’è…no ‘l volerà miga che se vegna senza mudande…”

-Se volè….ma tanto no se vede se le ghè o no le ghè neh na volta denter…

“Ma salo che l’è propri simpatico…l’è la prima volta che me trovo a parlar de vestiti con uno che fa ‘l so mistèr…”

-Eh purtropo prima o dopo da mi se deve vegnir…

“Difati i me l’ha consilià tanti amizi…salo l’è la prima volta ho domandà en giro prima”

-El se fida el se fida che ‘l vedrà che ‘l sarà content….odio, content no, l’è na parola che no sta bem, disente che no ‘l gavrà modo de lamentarse…

“No, no i m’ha propri parlà bem de lù, del servizio, de come el stà drio ala zent….propri bem”

-Grazie, ah per le carte ….

“El varda, no voi gnanca vederla la carta, me fido de lu, el faga quel che el fa de solit coi altri”

-Ah se nol vol alter….sì tanto ghè temp anca dopo neh…

“Eco, se ne trovem bem el vedrà che vegnim ancora”

-Odio, sperèm de no per elo, anca se ghe dirò, pu de spes se vei da mi meio la va….capì come no?

“Va bem, alora ale oto e meza…”

-Mi son chi, no scapa nesuni da chi tanto…El vedrà che paze

“Difati i m’ha dit anca che l’è propri tranquilo el posto”

-Beh, disente che no ghè zent che dis gnanca baf…che tase ensoma

“Bem l’è propri quel che zerchem, salo, mi e la sposa en sti momenti, l’è tut en nar e vegnir, correr, strussiar…en po’ de paze….”

-Capisso, capisso…salo dove sem?

“I m’ha dit de nor al nof centro comerciale no…”

-Sì, sem semper stai lì per quel. Ah, el staga atento, che sul cartel, anca per no spaventar la zent, gavèm mess el nome dela dita ma sol quel mio e del me socio

“Eh oscia, elo si brut el nome del locale, no me pareva…no erelo tratoria Vecia Fontana…oscia sì, l’è chi che ho telefonà…”

-Oh madona, me dispias, me dispias salo, no, chi l’è Pompe Funebri Ultimo saluto de Taiadela e Toleme associati. Me dispias tant sior…

“Gnente, gnente….tanto a dirghela tuta, l’era la sposa che voleva nar a magnar fora stasera…mi stago anca poch bem…comunque …. “

-Beh se gavès bisogn en futuro el se ricorda….

(toccandosi):” Come no … “

 

EL TRENTIN CO LA MOROSA SUL BRIOM

(Lei a lui, in pizzeria): T’eri propri famà, mi no ghe la faria a magnar do pize…

“Eh, ancoi ho piantà pali tute l dì ‘n campagna…’na strusiada che no te digo…”

–        Ma ‘n do metit tuta quela roba che te trai ‘n boca…mi sarìa sciopada…

–        “Ah se l’è per quel mai avù problemi a digerir sat…l’è de famèa propri”

–         -Fènte do passi adès?

–        “L’è quel che volevo dirte…vara, nem su piam pianèl sul Briòm, te verai che vista sul lach…”

–        (salgono sul Monte Brione e ad un certo punto si baciano, fanno l’amore)

–        (lei): Ti te sei mat…meti che fus passà qualcheduni…

–        (lui fumando): “Ma valà chi vot che passa sste ore…po’ no l’è colpa mia se podèm mai farlo né a to cà, perché te vivi coi toi, né a me cà perché ghè i mei…bisogna che ne ‘nzignente sat, no se pol nar ‘nvanti cosita…la to amica per esempi, quela che s’è separada….te podressi bem domandarghe se podem nar lì ogni tant…”

–        -Figurete, la Lia, che la gira tute l dì co la pezòta a netàr anca el nèt…

–        (lui ha all’improvviso un forte mal di pancia): Scuseme sàt, scuseme ma me sa che devo nar…

–        -Nar endove? Me lassìt chi da sola nel bosch de not?

–        “Vegno, vegno subit, devo nar….come se dis…ensoma n’atimo valà….madona che mal de panza”

–        -Ho capì, ho capì, sbrighete demò…

–        (lui ormai al limite va dietro un cespuglio e si…scarica)

–        (e pensa…): Elamadona, che roba…penso che stavolta me som propri liberà….dev’esser ‘na montagna…le do pize, el disnar e anca la colaziom…del resto sem de famea…mai sofert a nar de corp, quel che va denter el vei fora…ma na roba del genere….

–        (si gira per “vedere” il “prodotto” e…): “Oscia, ma ‘n do ela finìa…posibile….epur….(fa luce con l’accendino) gnent, gnent…vara che l’è strano, mai succesa ‘na roba del genere…ah me digo che la sarà nada zo per el sentèr…ma sì se ciava…zerto però che…mah”

–        (torna dalla fidanzata): Come mai te gai mess s’ tant? Vara che l’è squasi fret, me sa che vei anca da piovèr…ma stat bem? Te sei bianch come na peza…

–        (lui, fingendo di non pensarci): No, no gnent, adès stago meio…ma sì dai che nem a cà…l’è anca tardi me sa…

–        -Ma no nente a magnar el gelato al Flora?

–        “No, valà meio che nente a cà prima che vegna da piover…”

–        (lei, perplessa): Va bèm, come te voi….ma set sicur de star bem?

–        “Sì, sì t’ho dit che stago bem, dai che nem….”

–        (la mattina dopo, di buon’ora, lui torna sul Brione): (pensa…): “Sì sì, el posto l’è questo…toh ghè ancora le ciche che avem fumà…po’ som nà là de drio…speta che adès voi propri veder….”

–        (comincia a…cercare palmo a palmo, accovacciato per terra)

–        (in parte un contadino sta potando gli olivi): Zèrchelo qualcòs? Alo pers qualcos?

–        (lui, con imbarazzo): “Ehm, sì, no…ah, ieri sera son vegnù da ‘ste bande a far do passi co la me morosa….po’ ‘l sa no…ne sem ‘n po’ svoltolai…e ela la deve aver pers en recìn…strano però perché me pareva fussa propri chi…se dovria vederlo ‘sto recìn…erem propri chi dove no ghè gnanca erba per tera…robe da no creder…”

–        (il contadino): Ah se l’è per quel ghe ‘n conto mi una da no creder che m’è capità propri stamatina…

–        (lui) “No ‘l volerà miga dirme che l’ha trovà el recìn de la me morosa…saria propri da no creder…”

–        -No, se fussa ghe l’avria dit…no no propri na roba che se te la conti nesuni te crede…

–        “E oscia, alo vist i dischi violanti? El vara che magari l’era i fari de quei che feva la festa en spiagia…capita….”

–        -No, pezo, pezo…

–        “Ma sì…che alo vist de così for de testa?”

–        -El varda stanòt, sarà stà me digo le tree e meza…vers le quatro fente, sento qualchedùn che bate contro la porta…che mi abito al piano tera…senza cancei, tanto se i ladri i vol vegnir denter i vei denter…

–        “Eh, eh ho capì e chierelo i ladri dal bon?”

–        -Ensoma, sento sto bati bati…ho pensà, a st’ora sarà magari qualche embriagom che ha sbaià ùs…

–        “E ‘nveze…”

–        -El speta, el speta…che ghe conto…ah robe da no creder

–        “Va bem, e alora?”

–        -Alora, vardo for dal spionzìm…gnent, nesuni. Oscia me digo, qualchedum che trà baloti contro la porta? Ma no gai alter da far a ‘ste ore?

–        “Ho capì, i soliti boci…che de not se fa case de bire sul Briom e po’ spaca su tut”

–        -No, no ghe c’entra i boci…

–        “Dai el me la faga corta che gavria anca da nar a laorar stamatina…oscia l’è zà le sette e mezza, alora?”

–        -Alora averzo la porta e cossa me trovo davanti?

–        “Cossa?”

–        -Bem, na tartaruga de quele grosse, salo de quele che magari qualchedum el s’è stufà de tegnir en casa e l’ha molà nel bosch…eco quele lì”

–        “Tut chi? Elamadona….no l’è miga la prima volta che sul Briom i trova anca pitoni, come quela volta che el gà scapà a ‘n circo….se ricordel?”

–        -Sì ma no gò miga contà tut. El speta…

–        “Speto, speto…ma el se sbriga demò…”

–        -Alora, me trovo davanti ‘sta tartaruga grossa e sento n’odor, ma n’odor…

–        “La sarà finia nela pacieca…”

–        -No, no…sora, ‘sta tartaruga, sat cossa ghera?

–        “No savria…”

–        -Bem, a ocio, diria almen dese chili de merda…me digo che ‘n giro per el Briom ghè anca n’elefante…

 

EL TRENTIN  CHE VA A PESCAR

 

(a piedi verso la riva del lago di Garda, incontra un amico): Ciao Mario

“Vara che som ‘l Cornelio…”

–        E cos’onte dit mi, ciao Marièto…

–        “Vara che me ciamo Nesto, fiol del Mario e neò del Cornelio

–        Va bem, quel che l’è…ma vat a pescàr?

–        “No, no, vago a pescar”

–        -Ah scusa sat, ma credevo te nessi a pescar, ne vedem Giani sat, magari nem a magnar qualcos en dì o l’alter se vei anca el Mario…

–        (sulla sponda del lago, prepara l’attrezzatura, vicino c’è un altro pescatore…): “Come vala, magnele?

–        – Ah ciao Mario, ma el Cornelio no elo vegnù ancoi…

–        “No, l’è nà col Nesto sula Sarca stamatina bonora…”

–        -Eh me sa che i hà fat bem…nela Sarca sì che le magna. Chi le me sa zà tute tese…con tute le patatine e i paneti che i ghe buta zo per le anedre…

–        “Ma se no le gà fam le gavrà sé diaolporco…”

–        – Ho bem provà a pasturar col vim bianch…se vede che ghe pias el ross, che te diga…

–        “Ma se pol pescar chi? No som mai vegnù en sto toch de lach…po’ quela boa rossa…ma set sicur che se pol pescar da ‘ste bande?”

–        -Eh oscia, no l’è miga la prima volta. E te dirò anca che no l’è gnanca en posto batù dai pescaori…forse perché l’è for de mam…ah quela boa lì sarà per le barche…ma no ho demò mai vist gnanca zent en barca da ste bande…se ciava

–        “Bem valà, che bava dropit?”

–        -Ah ghe vol quela del sedese..

–        “Eh oscia, vot tirar su balene? Vara che basta bem na bava de l’oto, tanto pu che cavazini me sa…”

–        -Ho mess zo anca tre piombini…

–        “Vara che cosita te s’engratia tut zo ‘n font…te risci de tirar su sol sporcaria…”

–        -Tasi tasi che l’è demò da n’ora che som chi a ‘spetàr quel che no ariva…

–        “Ma l’è perché te fumi…te gavrai lassà su l’odor dei zigareti zamai su l’am…vara che le snasa quele de soto, no ghe scapa gnent…”

–        -Ma se l’è da do mesi che dropo quele eletroniche…

–        “Eco, eco, le avrà capì alora che l’è tut na finta e no le ghe casca miga sat…ah le è furbe come le volp su ‘ste robe…”

–        -Speta, speta…hat vist che le gà dat?

–        “No, ma…ma l’è ‘l ghirlo de l’acqua…lassa star valà….e se no te s’è ‘mpegolà tut sul font, te l’avevo dit che va a finir che te tiri su sporcaria…”

–        -No, no vara, vara…su e zò su e zò…ah sta chi l’è grossa…co ‘sta chi se ghe vol na gradela de ‘n par de metri me sa…e anca en quintal de carbonela…senti come la ghe dà…oscia, no me se sbregherà miga la bava…quela del sedese? Ah chi ghe voleria quela ancor pu grossa….vara, vara…

–        “Speta che te dago ‘na mam valà…te me fai giust pecà”

–        -Eco, tègneme la cana dal de drio…eco, che oscia me se rote la bava diaolporco…tegni demò, senza tirar che ‘ntant ghe tegno bota col molinel…ah meio che ghe la faga stracàr…ghe ‘n mòlo qualcòs…la tira massa oscia…

–        “Oscia, vara…la fa anca le bole da tant che la se remèna…”

–        -La me scampa…la me scampa…saria da sbararghe col dodese se fussèn a caza…sta chi la ne tira denter tuti e doi…ah la sarà pu de mez quintal….vara vara che sagoma nera…lì soto….vedit?

–        (riemerge un sub): Ma diaolporco….no l’avè vista la boa rossa…chi no se pol pescar…vara chi la muta…tuta sbregada da quel ‘cramento de….ve convei scominziar a corer perché se ve ciapo ve fago veder mi la trota da mez quintal…e la cosìno sul vòs cul quando ho finì de farlo deventàr ròs e brovènt a forza de peae…

 

EL TRENTIN (MA ANCA I ALTRI)

Prima e dopo la partia ITALIA-URUGUAY

PRIMA

“’n do vat a veder la partia stasera?”

-Mah, zo al bar de l’Ezio ghè el maxischermo, bira, quel che te voi anca da magnarghe drio per pochi euri…squasi…

Ah no, massa casìm, stago a cà che voi vedermela en paze…”

-Ma dai, vei anca ti, che dopo semai fem el giro dela Busa e dele ciese a festegiar…me sa che i ghe la fa dai, no i dovria esser coti come l’altra volta, po’ va denter anca l’Immobile…dovria esser ‘na bela partia da veder, po’ te sai no, avem semper scominzià così noi ‘taliani…dovem trovarne ne la merda per darne l’anda…el verràt l’è zoven ma furbo, miga i l’avria tot en Francia se l’era semo no? E te verai che anca el Baloteli magari ‘l tira fora un dei so numeri…po’ meti che Pirlo l’embroca na puniziom de le sue…dopo i se sbrocca…

“Ma sì, penso anca mi dai, mal che la vaga basta paregiar…scolta ne sentim ala fim dai che vedo…”

DOPO

(squilla el telefonino): “Ciao, ciao….hat vis talora?”

-Sì, ho vist, forsi l’è meio che ne vedente domam….m’è s’è ‘nciodà el stomech a veder zerte robe: ghe credit che ho lassà lì anca la seconda bira media? E no se podeva gnanca fumar diaolporco perché ha scominzià a piover, i ha dovù meterne de denter…som restà zidiòs anca per quel…

“Sì, ma dai, dai…coi soldi che i ciapa…”

-I ha butà fora el Marchisio, que l’altro, quel che zugheva a so temp ne l’Inter, el Luisito Suarez,  el gà dat en morsegòm al Chielini…eh quando se deventa veci….zerto che anca ‘sti arbitri no l’è che i ne voga ‘n tant bèm…

“Ma valà che i ha zugà en dese anca nel prim tempo: l’hat vist ti Baloteli? Zughevelo? N’altro de quei che dovria far el turno de not en cartiera per en par de ani…ah te vedi dopo come el core…carota e bastom, diria pu bastom che carota co ‘sta zent piena de soldi che fa fioi en giro e gira co le machine grosse e magari i se desmentega de pagar le tasse…”

-Ma sì, che se ghera denter en par de boci del Dro magari i la meteva anca denter…ma hat vist Cassano? No, digo,  ghe sarà el so perché i l’ha parà via dal Real Madrid, dal Milam, da l’Inter…tuti boni de far i numeri quando i altri i core per ti…

“Ma mancheva anca el De Rossi….”

–        Mancheva ondese zugadori famai, de quei che se te buti en toch de pam en mez al campo i se scortela per magnarlo…

–        “Adès però, digo, se ‘l saveva anca prima no…ma portete via el Bepi Rossi, anca el Gilardim, che l’è zent che gà esperienza, che sa cossa far…pitost anca el vecio Toni de quei palpapiàm…”

–        -Hat viste l Buffon a la fim….l’è na ‘nvanti anca lù, pers per pers l’ha lasà i guanti en porta e nar che nare…

–        “Ah credo bem adès che el deve darghe na fraca de soldi ala sposa russa…va bem anca i premi fora via de la nazionale…el deve far musina caro…”

–        -E Prandelli e ‘l Pèz, si l’Abete, che i ha molà tut…

–        “Che te diga, l’alenador el me fa anca pecà…ma secondo mi ‘l lo saveva che pu de quel no l’avria podù far con quela zent che ‘l s’è portà via…ma tanto a forza de far reclam a lampadine e magnari ‘taliani…anca lù el stà bem l’istess credeme, de zerto no ‘l scominzia a vardar l’estrato conto dela banca ala terza stimana del mes come mi e ti caro….”

–        -Sì, sì, arivem semper lì, massa soldi oscia, massa…per carghe do peae a ‘n balòm…

–        “Eco, scominziente perlomem a darghe ‘na sforbesada anca lì…che quando ghè massa dindi en scarsela a vint’ani…i se perde via…ti tic ti toc…paura de farse mal…sudar sol se te toi zo aspirine…”

–        -Eco, eco … che alora l’è dal pit che ne la tolente coi vitalizi dei politizi…se dopo ghè zent che ciapa milioni per far po’ quele figure…no digo de darghe sol pam e salam e ‘n bicier de vim, ma oscia, dai sente seri, che um de quei lì en de na partia, sol en de na partia el ciapa tant che mi e ti en dese ani messi ensema…e parlo de neti neh, scalà anca i soldi del comercialista se no basta…

–        “Vara, no ‘sta meter el dè dove me fa mal…che per en toch de garage devo pagar otanta euri de Imu…te par giusto?”

–        -No che no l’è giusto. Ma gnanca butar via na sera a vardar ondese miliardari en mudande che par che i te toga ‘n giro…

–        “Ne fente na piza stasera? Porta anca i boci e la sposa dai…”

–        -Ma cossa vot nar fora che sem ala fim de ‘l mes zamai…st’am me sa che no vago gnanca al mare…tirar la zintura caro…

–        “Propri…e magari ‘star lì la sera adès a veder le partie de quei che è restà…ah quei sì che i core. I ciaperà anca lori i soi bei soldi…ma demò i core…”

EL TRENTIN TORNA’ DALLA ‘MERICA

(Giani, all’amico Bepi): Tei Bepi, endovina chi è ‘rivà en paès…

“El papa? Oscia no i ha dit gnent per televisiommm”

-Ma valà mona, è ‘rivà el Giònni, el fiol del Dolfo, sat quel che sarà zamai pù de quarant’ani me digo che l’è en Merica?

“El fiol del por Dolfo? Quel che gaveva a so temp i ruganti su ai piani?”

-Ma sì, quel lì te digo, te vedessi che machinaza….ah la sarà longa da chi a lazò…

“Eh oscia, vara che el sarà vegnù co la coriera…”

-Ma no te digo, toh vardel lazò…quel col capel da cauboi…dai che nem a saludarlo…

(l’incontro): “Oscia, ma set ti Gionni? Propri ti? Te ricordit de noi? El Giani, el Bepi…cioè mi saria el Giani, lu el Bepi….te ricordit?”

(Gionni li guarda, li riguarda, poi….): Uell…ai remember…iu Gianui end iù…Giosueppe…

(Bepi): “Ma come parlit, diaolporco, ne par de esser en den cine de Stalio e Olio…no t’avrai miga desmentegà el dialet trentin….va bem che te sei nà ‘n Merica da bocia…ma”

(Giani): Scolta Bepi l’è come se ti te fussi stà quarant’ani a Dro…adès te diressi vegno gio giobia col gerlo delle ciarese con giò el giolet…te ciapi da dove te laori, dove te magni, dove i parla tuti cosita no…

(Bepi): Sì ma sto chi nol capìs pu gnent…bisogna parlarghe taliàm en ponta me sa…

(Giani): Meio saria el merican me digo…

(Gionni): Mai frend…mai old frends…veri veri guud…remember porks mai fader…

(Bepi): sto chi el se ricorda sol dei porzei…

(qualcuno richiama l’attenzione del gruppo): Oh, oh ela vossa quela machina longa parchegiada de travers? Ocio che el vigile l’ha fat zamai la multa e me sa che ades i la fa portar via? Ela vossa?

(Bepi): Gionni, tua … grossa mascin? Ah, correr se no raus…su car attrezzts…capiren?

(Giani): Vara che no l’è miga todesch…meio che ghe spiega mi a gesti valà (fa capire in qualche modo che l’auto sta per essere rimossa…)

(Gionni, per nulla preoccupato): Limusin? Limusin? No problem, its ir mai uoman…Concetta…mai uoman…uell?

(Bepi): vara che te poi anca ofrirghe na botiglia, na cassa de limonzin ai vigili de chi, la multa i te la fa istess…e se no te vai lì….no ghè conceti mericani che tegna…

(arriva Concetta, giovane moglie di Gionni): Ahò, ammore, chisti vulevano dollars per nun rubare ‘a limusinne…che chiameresti Papà Ciccio gli dissi….e dela pisctola il segno feci ah….iti sono iti sono da ‘a pppaura…

(Gionni): Eh brava, bravva uoman…uell (rivolto a Giani e Bepi): Chista ‘na femmina speciale fu, u granne ammore….piccirilla di Ciccio à Bestia…che tiene grande pizzeria a Niu iork….e lì conobbi Concetta….subito ci sposammo…baciolemani quagliò….se ite in Americca casa mia vostra fu….

EL TRENTIN  ‘N CONFESIONAL

(il prete nel confessionale): Nel nome del padre, del figlio e dello spirito santo

(Bepi si fa il segno della croce e s’inginocchia)

(prete): Sia lodato Gesù Cristo

“Ah quel semper, semper

–        (il prete a bassa voce): devi dire sempre sia lodato

–        “Semper che ‘l sia … che ‘l sia adorato

–        -Lodato…

–        “El me scusa salo ma l’è ani che no me confesso, no me ricordo pù le parole che se deve dir…

–        Da quanto non ti confessi figliolo…

–        “Ah sarà, me digo che sarà da do ani subit dopo la cresima”

–        Ma non hai ricevuto il sacramento del matrimonio?

–        “Sì me som bem sposà, ma sol en Comun…”

–        -Come mai figliolo questa scelta?

–        “Eh no l’è che me sia tant piasù nar en ciesa…ho fat anca el cieregòt da bocia, po’ com’ela come no ela…el sa come l’è no, i amizi, le compagnie…

–        -E perché hai deciso di confessarti adesso?

–        “Ah gò ‘n grop, ‘n magòn…po’ se ‘n sente così tante ogni dì, ensoma, me som dit, meti che me vegna ‘n colp….co ‘sta rogna vago drit a l’inferno oscia…”

–        -Lo vedi? Gesù Cristo è venuto a parlarti, a invitarti a redimere i tuoi peccati…confidati con lui e sarai perdonato, ritroverai la pace la speranza la fede

–        “Ghe la fago corta se no stem chi fim stasera…alora, mi meto zò piastrele e mochèt anca pavimenti de legn…som mi sol né, anca se ogni tant per laori grossi me fa na mam me cugnà….che el vegniria a esser el fiol del Dino Magnacavre, salo quel che abita su ‘n costa, subit dopo el zimiteri…”

–        -sì si ho capito chi sei, hai fatto anche qualche lavoro per l’oratorio mi pare…

–        “Eco, eco…ensoma some l Bepi Sdìnza, el fiol de la Rita Paciuga sì la terona che ha sposà me papà el Giani Bampa da Tem…”

–        -Sì ho capito, ho capito, parlami dei tuoi peccati…

–        “Eco, ghe disevo, gò o meio se pol dir zamai gavevo ‘sta dita. E da do tre ani zamai co ‘sta crisi no se bina su pus quasi gnent da far chi ‘n giro…le tasse però te le paghi l’istess e bisogna pur darghe da magnar ai fioi…la sposa la fa la cameriera la sera en de na pizeria…l’ariva semper tardi a casa…ensoma sacrifizi, tanti…semper de pu…

–        -Lo so, lo so figliolo, non sei il primo a raccontarmi di queste gravi difficoltà—-

–        “Alora, vist che chi dalle nosse bande no ghera pu da laorar en dì ho ciapà su le me straze, i me atrezi, i me materiai e son nà col camion a zercar mistèri da altre bande…che zà en me amico ‘l m’aveva dit per esempi che i foresti i pagheva tra l’alter de pu…e subit…perché salo no l’ coi “entant grazie” che se pol nar a comprar da magnar, el me capis no?

–        -Certo, certo…ma quale peccato hai commesso?

–        “Ghel digo subit. Ghe dago i fioi da tegnir ai suoceri, saludo la sposa, ghe digo che provo a veder, che vegnirò tra ‘n mes…e vago”

–        -Dove?

–        “Ah dopo Trieste, nela vecia Jugoslavia…no me ricordo bem el posto…”

–        -Ed ha trovato lavoro, commesse?

–        “Laoro sì dai, qualcos, commesse, signorine ensoma tante…eco…ades vegno a um…”

–        -Come signorine?

–        “Ma sì, sì…quele che le ride semper…che le te fa bever…oscia se ‘l costa bever en Jugoslavia…”

–        -Ho capito figliolo, la lontananza dal focolare domestico ti ha annebbiato la vista, la carne ha ceduto alle tentazioni ed ora sei pentito…

–        “No no no l’è propri così la storia, ah stevo benòm lavia, a parte i soldi per el bever e ‘l rest ala sera, m’ero anca ambientà, fat denter come se dis…”

–        -Però immagino che ad un certo punto siano finiti i soldi…dimmi se sbaglio…

–        “Come falo a saverlo, alo parlà col diretor de la Rurale dei me mistèri? Ah meno male che ghè la praivasi…ah ma ‘l me sente stavolta….”

–        -No, è una mia ipotesi, nessuna intrusione nel tuo privato, ma dimmi, è andata a finire così vero? Sei rimasto al verde…ed ora non sai più che fare, come dirlo alla tua famiglia…

–        “Sì, oscia, ghe voleria ‘n miracol…ma no erelo stà el so principale a far vegnir fora na fraca de pesati e ciopète da n’aola e na migola de pam? E a cambiar en vim l’acqua…eco se…”

–        -No, figliolo, il denaro perso non può essere riguadagnato con i miracoli, soprattutto se è stato speso per il Diavolo e le sue tentazioni…

–        “Ho capì, ho capì…e se lù el ghe parlèss enveze a quei de la Rurale…magari el ghe dis che ghe serviria ‘n po’ de soldi ‘n prest per giustar la ciesa…po’ mi piam piam che i dago de volta neh….”

–        -Eh, fosse così facile. Pensa figliolo che anche noi, anche la chiesa deve fare i conti con questa crisi…e abbiamo già tanti poveri che bussano alla nostra porta…

–        “Oh, el varda che anca mi som sùt neh…me sa che tra poch i me taia anca la luce, l’acqua, el gas…e gò ancora ‘l mutuo da pagar per quel toch de casa…no podo gnanca venderla….e po’, vendua, dove vaga, soto ‘l pont?

–        -Vedrò cosa posso fare, ma prima figliolo, devi chiedere perdono al Signore…

–        “Ah sì sì tut quel che ‘l vol…”

–        -Allora nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo ti assolvo dai tuoi peccati. Per penitenza dirai dieci Ave Marie, cinque Pater Noster e dieci Oh Gesù d’amore acceso…

–        “Ah ghe ‘n digo anca el dopi e subit…se ‘l gavès qualcos da darme almem per bever el cafè…che zamai som pien de debiti en giro…”

–        -Ricorda cosa dice il Padre Nostro….e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori…

–        “Ah se lasso perder anca quei pochi soldi che dovria vegnirme en giro…quei dell’entant grazie per capirne….ghe la faria ancora a meter ensema el disnàr co la zena…e se quela pora dona de la sposa no la laores en pizeria la sera…ah che gazèri diaolporco…”

–        -Guarda figliolo che il diavolo non va mai nominato ma scacciato dall’anima, con la forza della fede…ora vai vai e vedrai che starai meglio…che avrai la forza per reagire alle avversità di questa vita terrena…

–        “Sì, vago, ma no l’è che el gavria qualcòs da darme entant…ghe digo anca zento ave marie e dozento paternoster ghel giuro…”

–        -Torna più tardi vedrò cosa posso fare, ma ora ti prego vai che c’è una donna in attesa da tempo…

–        (Bepi esce dal confessionale e vede la moglie): “’sa fat chi Dora? Anca ti a confessarte? ‘s’hat combinà de brut ospia?

–        (la moglie): Ah gnente…gnente…va a cà entant e meti su da disnàr…vegno subit…

–        “Ma cossa vot meter su da magnar che ‘l frigo l’è vòt….”

–        -No, ho fat la spesa stamatina, ghè anca la carne….

        “E ‘n do hat trovà i soldi?”

–        -Eh som vegnua chi per quel, per dirghe come al prete…va a cà entant…che me sbrigo ‘n de n’atimo

EL TRENTIN E ‘L TEMP

(guarda fora dala finestra): Parerìa che ‘l fes do goze prima de stasera…che faga? Ghe daga da bever ai fiori zobàs o spèta?

(la moglie): Vara che dopo la vei fòra come l’alter dì…che pareva che l’ha tonezà e basta…e i ha patì la sùta

(guarda ancora): Mah….ensòma…l’è che se brevo e dopo vei zo pali de fer…magari i se smarzìs…

(la moglie): fa quel che te voi basta che te faghi qualcòs…ghe sarìa anca le scalete da spazàr…che almem quele se piove se le neta dal tut…

“Ma se l’ho spazàe demò ieri matina…

(la moglie): ma secondo ti no è pù vegnù zò foie dai oleandri e da l’olif da algièri? Dai, dai vame for dai pèi che gò da svodàr la lavatrice…desbranete

(guarda ancora fuori): Ah, me sa che stavolta do gozze el le fa….l’è aria da pioza…mah….ensòma…tutmal vago zò valà…

(la moglie): ah, porta zò anca el cagnot a pissar….e la sporcaria…che te fai do passi fim su a le campane….se te voi calàr….semper lì sentà, enmucià tute l dì davanti a quel trabicòl de compiuter….

“Va bèm, va bèm….”

(scende e vede passare a piedi un amico): Ciao Gino, ‘n do vàt a ‘ste ore? Te sei bonorif….

(l’amico): Vara che l’è le dèse neh…ah som nà a farme do passi en campagna…che ‘n casa caro i pensionai i li para via bonora….par squasi che te ghe daghi fastidi…”Te sei semper ‘n mèz – me dis la sposa – va fora a darghe da bever ai fiori, porta zò el cagnot, spaza le scalete….te me capissi bem…alora ho capì che l’è meio nar for de cà sul prest, quando ancora la dorme….e dopo….”

“E dopo? ‘sa fat dopo? Te dovrai pur tornar a cà prima o dopo?”

-Ah, dopo caro mio, vago zo al Primavera. En cafèot, el giornale agratis, el so bèl zigarèt che ‘l prim te tel gusti po’….stago lì anca n’orèta…po’ me trovo col Berto….che anca lù l’è pensionà, tel sai no? Bem, col Berto fem do batue, se ciacerà del pu e del mem. E ‘riva così l’ora del bianchèt….do bruschetine….quando te ‘rivi a cà la sposa l’è zamai nada a far la spesa….e alora te sei a posto fim a dopo mezdì…anca a l’una de dopo disnàr dele volte….così se fa se no te voi esser mes soto ….

“Ma sàt che l’è propri ‘na bela idea la toa? Squasi vegno anca mi al Primavera…oscia, ho lassà desora el tacuìm coi soldi però….”

-Ma lassa star, mòlete fora, te mei darai domam….quando ne vedem….”

(vanno al bar): “Toh, vara, no el bel chi cosita? No se stà en paze? Cafeòt anca ti?

“Sì sì, lonch…lonch”

(arriva il Berto): Oscia, vara chi ghè chi…’n pez che no te vedo Cornelio…te sarai semper serà ‘n casa me sa…tute l dì col compiuter….ma molete fora….vara chi, mi e ‘l Gino ne trovèm semper a st’ora….ah scolta, en bianchèt anca ti nevera….Paola, Paolaa, oscia, dai che chi se no piove ghè na sùta….Porta tre biancheti entant valà….ah ‘l pago mi el prim giro stavolta neh…

(dopo un’ora): Oscia, me sa che devo tornar a cà…la sposa la sarà drio che la me zerca…

(Gino): E lassa che la te zerca…chi de zerto no la te trova…

(Berto): No te gai gnanca drio ‘l telefonìm…no, no la te beca… ma hat vist come i fa adès? Se te gai drio ‘l telefonim l’è come se te gavesse i oci del satelite sul copìm…ah i sa anca quando e dove te vai al cesso se no basta…

“Eh ma sarà meio che vaga….magari l’è ‘n penseri—-“

(Berto): Ma lassa perder, dai che fem n’altro giro…stavolta toca al Gino….Paola, Paolaaa…..

(colpi di clacson dalla strada): Elamadona…chielo che se sposa stamatina….

(si abbassa il vetro della portiera: la moglie): Cornelioooo, Corneliooooo, (gesti minacciosi)

“Orco can, la sposa, ‘sa disevit che no la me beca…anca ti valà…som del gat….madona som del gat….

(Berto): Calma e ges, ghe penso mi, stà tranquilo…

(la moglie, parcheggia e si avvicina): Corneliooo, ma set deventà mat? T’hai lassà ‘n giro el cagnòt che prest i lo ciapa soto…la goma de l’acqua averta che adès l’è tut pacieca…nar via senza dir né tre né sei….e po’, dai, bever la matina…co ‘sti…’sti embriagoni….ma no gavè ‘na sposa a cà voi…no l’avria mai dit, propri no l’avria mai dit…

“Ma no, ma sì….ma no….”

(la moglie): Dai, tirete su da quela carega che te porto a cà, che zamai no te starai pu ‘n pè….

“Ma valà, per do bicieri…”

(Gino): Ah no l’era el quart giro….cosa gonte da pagar alora…

(Berto, dà pedate sotto il tavolino a Gino, sottovoce): Tasi. Tasi monaaa…te sei propri na faina ti co le done….dei altri…tasiiii

(la moglie): ah, quatro giri de bianchi…te me capissi bem….dai zò dala carega e lassa ‘sta zent…ah bei amizi te gai….

(Berto): La vara siora che el Cornelio l’ha bevù sol do bicieri….po’ l’ha magnà sol patatine…

(la moglie): Ah perché quele le fa bem neh? Che t’eri zà calà do chili…adès me sa che te sei nà su de quatro en de n’ora….dai che nèm—-

(Gino): No, no l’ha magnà le patatine…el se fat portar en panìm co la bondola…

(moglie): Pezò ancora….nem basta, no voi pu sentir gnent…

(esce la cameriera Paola con un vassoio con tre bianchi e altri panini): Ere stà voi a ordinar tre bianchi no? El nosiola l’è finì, valo bem el Chardonnay?

(la moglie): Ah vara, bevete pur quel che te voi…a pè te vegni a cà, vago a tor qualcos da magnar….fem i conti dopo…

(arriva Gianni): Oscia, ciao Cornelio…finalmente te te moli fora….Paolaa…..Paolaaa…..quatro bianchi, pago mì el prim giro…

(la moglie se ne va facendo fischiare le gomme, Berto): Brao Cornelio, brao, tegnir duro bisogna se no te voi finir soto…no se pol darghele sempre vinte oscia… dai che te slongo mi dopo a cà co l’Ape…

(Cornelio, guardando per aria): Mah….ensòma…secondo voi falo qualcòs ancoi ?

(Gino): El temp? No, me sa che no ‘l se sbroca gnanca ancoi….però la to sposa quando te ‘rivi a cà me sa de sì…bevi valà, buta zò che per ‘n pezòt gò idea che no te vedèm pu…(squilla il tefonino di Gino)….pronto? Ah sì, som nà a far do passi….sì sì…vegno subit….ma no, ma sì….ah…..ah….ah va bèm….ma no, ma no….

(Berto a Gino): l’è la to sposa zamai….ahahaha a far i galèti ah? L’ho semper dita mi, sposarse l’è come prenotar el so obìt prima del temp…l’è finia cari dopo…vardè mi…no ghè nesuni che vei a torme, che me fa gazèri….Paolaaa   Paolaaa….dai che fem l’ultim giro che dopo i gà da nar i siori…ahahahahhaaa

 

EL TRENTIN DUR DE RECIE

(l’amico lo nota seduto all’esterno di un bar): Ciao Nesto (nessuna risposta, l’altro continua a leggere il giornale), ehi, ehi….Nesto, Nestooooo

(Nesto alza appena lo sguardo…)

Nestoooo, som mi, el Marioooo, el Mariooooo

“Oooooooh Ooooooh…’sa zìghit…ho capì…ho capì….ma no som el Dario….”

-No, Nesto, som mì el Mario, el M-a-r-i-o el Mariooooo, ma no set nò gnancora a meterte quei trabicoi nele recie….vara che no te ghe senti….no te ghe sentiiiiiii

“Mal de denti? No gò gnent per el mal de denti, và ‘n farmacia….l’è chi vizina….per i denti….”

(rivolto ad un avventore del bar perplesso): El me scusa salo, ma l’è ‘l Nesto, ‘n me vecio amico, el feva ‘l gomista por om e propri pochi dì prima de nar en pensiom ghè sciopà ‘ na camera d’aria che ‘l steva giustando…dev’esserghe rote la trombeta….’sa ghe ciamei….la trombeta de Pistachio nela recia….me par quela de zanca….ma anca l’altra no l’è che la sia messa meio….ensoma l’è dur de recie adès….e nol vol deciderse a farse aiutar da quei che te mete denter quei altoparlanti picoi…capì come no?

(l’avventore): ? ! (tace con aria indifferente)

-Nestooo, Nestooo come vala Nesto, come v-a-l-a-a-a? Tuti bem a c-a-s-a? Tuti for dal l-e-t ?

“Te sarai stà ti a molar ‘n pèt…mi no sento gnanca spuza…”

-Oscia, parlar con ti l’è come finir co ‘l mùs contro ‘l spigòl de ‘n murèt…

“No, no l’ho fat mi ‘l pèt te digo…ma vara ti….”

(sempre rivolto all’avventore): Ah no so come ‘l faga a nar ‘n giro, ordinar anca ‘n cafè dev’esser ‘na comedia…me sa….

“Som zà nà a messa…quela dele oto….sem semper en doi, sol ‘n doi a quela…e alora ‘l prete ‘l salta la predica…”

-(all’avventore): El me capìs bem…ste chì l’è situaziom che anca i servizi sociali i dovria starghe drio…n’om vecio che no ghe sente, che capir bisi per fave…se no i aiuta ‘sta zent….altro che darghe soldi ai finti orbi….l’è che quei da ‘n zò i è pu furbi, i gà la parlatina, i se fa ‘ntender de pù dei noi trentini….quela l’è so mare…

“No, no vago al mare st’am….massa calt….meio nar su a San Pero…al Rifugio sora Riva….l’è pu fresch….”

(all’avventore): Eco, me diselo sto por om come el pol far a domandar da magnar su al Rifugio? Per esempi, se ‘l voles polenta e cunèl e ‘n bicier de vim?

“Sì, sì me meto soto ‘n pim e stago lì co l’Ora che vei su dal lach…ah stago benòm…”

-Nesto, Nestoooo, come fat a dirghe de la polenta e cunèl? Al rifugio, p-o-l-e-n-t-a  e c-u-n-e-l ?

“Quel? (indica l’avventore) Ah quel lì no l’è dei nossi, mai vist chi ‘n giro…”

(all’avventore): El me scusa neh, ma da dove vegnelo lù? Da dove viene?

(l’avventore resta muto)

“Dime ti, um che no ghe sente e um che no parla…ah nem bem ‘n sto bar…”

(al barista): El me scusa, podressèl portarme ‘n spritz con do patatine…che m’è vegnù sé e fam a forza de parlar con quei che no sente e no parla?

(esce il barista): ‘sa volelo?

“En spritz e do  p-a-t-a-t-i-n e  ensema…”

(barista): No ocor miga che ‘l me faga el spelaparole salo…no som miga sordo….

“El me scusa, l’è che a forza de star ‘n mez a sti doi…”

(barista): perché ‘sa gai el Nesto e ‘l Totò che no va bem?

“Me par che uno no ‘l ghe senta e l’altro no ‘l parla…”

(barista): Ma valà…

“Oscia, el Nesto el conosso…el feva el gomista…e….”

(barista): Ah quela storia che ghè sciopà la camera d’aria del camion? Monae, i lo sa tuti che ‘na stimana dopo ghera pasà tut…sol che l’ha trovà ‘n dotor che gà fat le carte per ciapà qualcos de pu de pensiom come invalido….

“Ma dai…dal bon? E chielo ‘sto dotor?”

(barista): el Totò, quel lì vizim…da quando i ha scominzià aaverghe dei dubi anca i finanzieri lù ‘l fa finta de no riussìr pu a parlar…capì come?

“E come fai a ordinarghe le robe da bever e magnar?”

(barista): El varda….el varda….(tira fuori un biglietto di carta): el Totò el vei semper chi co ‘sto toch de carta…

(guarda il bigliettino tutto stropicciato): “EL SOLIT”

“E i beve e i magna semper le stesse robe?”

(barista): No, i gà altri biglietini tipo “Damen n’altro” o “Ancoi el voleria ros” o “En tost farcì”…ensoma i li dropa a seconda de quel che i vol…

“Va bem, ma come fai a capirse tra de lori….”

(il barista): i dropa i segni de la briscola: i sé messi d’acordi su quei

“Speta che provo a veder ‘na roba”

(scrive qualcosa su un pezzo di carta): Vot en bicier Nesto, ofro mi…

(Nesto): Grazie sat, el ghe se voleria….

(bigliettino per l’avventore): Posso offrirle un aperitivo?

(l’avventore scrive sotto: grazie, molto gentile)

“Ah ho capì….ho capì….meti ensèma ‘n teròn e un dei nossi che i s’enzigna subit su come ciavar l’inps…hat capì….speta….”

(bigliettino per Nesto): Nesto, vara che ‘l so che te ghe senti….adès però basta co ‘sta comedia…se no vago dai carabinieri e ghe conto tut….”

(risposta di Nesto): “Ah de ‘ste robe l’è meio che te parli col Totò…l’è lu che ‘sa scriver

“Te credo, e anca de firmar carte false…”

(Nesto): No le salse….no sul me tost sol prosciuto…

(barista): El lassa star…no ‘l ghe ‘nvegnirà mai fora co ‘sti doi…i se l’è entaiada zamai…

“Provèm questa…. (prende il telefonino, fa finta di telefonare….): “Pronto, carabinieri, se venite qui a Largo Sauro troverete due finti invalidi…sì, un falso muto e un falso sordo…vuole i nomi? Sì al bar….(come se ciamèlo ‘sto bar?)

Nesto (in piedi): Meti zo quel telefonim se no te fago ‘n cul come ‘na brenta…

“Ah no te gai pu le recie stupae ah….”

(Totò): Di cosa t’impicci quagliò?

“Ah sentilo el dotor da ‘n zò, ghè tornà la parola….miracol, miracol…

(Nesto): Vara che te gavrai bisoin anca ti de ‘n miracol tra poch quando t’avrò scavezà tute le gambe….perchè sarò anca en sordo fint ma no som gnancora deventà mona….dighel Totò dighel Totò…

(Totò): La conosci la storia d’ù segreto, ah? La conoscesti?

“No, no…”

(Totò): Lu segreto è tuo picciotto servo e umile e muto finchè tuo è….lu tuo padrone quando sta con gli artriiii….

“Ah ma mi no digo gnent neh…figurarse….afari vossi”

(Totò): Guarda che muto e sordo per sempre, per sempre diventasti…

(terrorizzato): “Mmmmm mmmmm mmmmmm”

(il barista): Oscia, dotòr, per ‘sto chi me sa che no serve gnanca che ‘l scriva do righe…l’ha propri pers la parola … l’è bianc come na peza… ah ghe vei ‘n colp me sa … com’alo fat Eh voi da ‘n zo sé propri cagni da l’ua…”

 

 

EL TRENTIN EN AEREO

(aeroporto, check in): Metta tutti i bagagli, anche quelli a mano, qui grazie….siamo fuori di 4 chilogrammi…..fanno quaranta euro

“Cossa? Ah adès ho capì perché costa poche l biglièt….el rest e ‘l binè su co ‘ste robe….ma la scusa neh signorina…ala vist quel che ha fat le carte prima de mi? Quel ciciòm? El sarà stà me digo passa ‘n quintàl…feghe pagar de pu a quei no… che anca quei i monta su l’aeroplano oscia…”

(la moglie): dai no stà meterte a begàr anca en ferie da brao…dai che nem….

“Va bem va bem…tira forai quaranta euri alora…ah scominzièm bem…propri bem….

(la moglie): dai te prego che ghè la zent de drio che ne varda…che figure che te me fai semper fàr…

“Nem, nem…però oscia alora i fa smontàr quel ciciòm…che ala fim vei fora che som chi che ghe paga el biliet ‘cramento”

(sul pullman che porta all’imbarco): “Te me capissi bem….na coriera per far vinti metri…vara dove i buta via i nossi soldi…ma dai che do passi i faria bem a tuti….che dopo se resta per ore engiomai….”

(la moglie): e meno male che i lo fa dai, sat che risci se i nès tuti per so cont sul piazàl?

“Ma se i è tuti fermi i aeroplani….dai che l’è per farghe far qualcos a quei che guida sti trabicoi…”

(in aereo): “Oscia no se pol gnanca slongàr le gambe…me sa che me vegnirà el ganf ora che sem ‘rivai…se nevem en Bondòm a st’ora te saressi zà lì che te ciapi el sol ostrega…”

(la moglie): E ti zà zò al bar al quart bicièr….dai….

(passa la hostess): cosa desiderate?

“La varda, ‘na ciopèta co la bòndola e ‘n bom bianco, no de quei spumanti de pomi dolzi però….capissela?”

(hostess): Scusi ma non….non…

(la moglie): Scusi mio marito, va bene il caffè e la brioche….anche per mio marito grazie…

“Ma…ma sto chì l’è cafè de zicoria….el va bem per resentàr le padèle ònte….ma no gavraì en panìm co la bondola?”

(la moglie): Dai che dopo te stai mal….e magari te me buti su….

“Che mal de recie…”

–        Te l’avevo dit de tegnirle stupae….fa finta de stranudar adès…

–        “Diaolporco…me sa che l’è tut colpa de stò cafè del pit….”

–        (spiegazione delle manovre per eventuali emergenze): “Ma cossa vot spiegarme putela….se nem zò pu che farse el segn de la cros….figurete se vardo dove nar fora da sto trabicol…ma po’ che cine metei su su ‘ste televisiom picole…l’è roba del do….no se capìs gnent en ste cufie…”

–        (la moglie): scolta, sera quela boca demò…lezi qualcos…no te va mai bem gnent…vara che te sei neh…

–        “Ma no avevei dit che ghera denter tut? En cafè de zicoria e ‘na brios seca per de pù…che zamai i la gà chi da l’am pasà….”

(la moglie): Tasi, te prego tasi…

“E no se pol gnanca nar fora a fumarse ‘n zigarèt diaolporco….”

(atterraggio): “Ma cossa che batei le mam….l’è ‘l so mister no guidar i aeroplani….sarìa come se quel che gò desgosà el cesso el me batès le mam…ah i lo porta subit a farlo veder dal dotor dei mati…”

(in attesa delle valigie): “Adès stem chi tute l dì a ‘spetàr le valìs…l’è pu ‘l temp che te perdi prima e dopo che nar da Trent en tanta mona…che po’ avressèm pagà anca quaranta euri de pù…i avria dovù meterle per prime le nosse no….”

(la moglie): La prosima volta te lassò a cà sat…no ghe la fago pu….

“Vara, se podès torneria de ritorno…a ‘stora sarìa zà lì che fago en sonelìm dopo aver magnà dal Pino Pindol…chi ‘nveze me sa che la va ancora per le longhe…”

EL TRENTIN E LA GRIGLIADA COI AMIZI

(accensione del barbecue): “Ma quanta carbonèla ghe metit su? Prima che la sia pronta, che la faga le brase giuste vei mezanòt oscia…”

(l’amico): Oscia, vara che gavèm chì en quintàl de roba da còser…

“Va bem, ma no serve miga anca en quintàl de carbonèla alora….disente che ti te sei abituà con le gradèle a gas…dai tira via quei tochi grossi almem … ie ie…che vei not zamai…”

(la moglie): Scolta te farai bem anca ‘n po de verdura….peveroni, melanzane, robe cosita….

“Adès empizèm e drio mam va su tut…basta che la s’empiza sta oscia de carbonèla…me sa che a forza de star en cantina l’hà ciapà umit…diaolporco… ‘l savevo mi che bisogneva torne de nova….”

(l’amico): vot che vaga a tor el me argagn a gas?

“Ma sì valà, così saltèm tuti per aria e la finim così….lasseme far….lasseme far che no l’è miga la prima volta che fago sti mistèri….”

(arrivano altri amici): Oscia sente ‘rivai massa prest? Vara nem zò n’atimim al bar a farne l’aperitivo….vegnit anca ti? Vei dai che tanto el foche l va per so cont…

“Se no savè cossa far preparè onzùa la carne….dai mover le manote desigual…”

(la moglie di uno degli amici): Vara Graziano che t’ho apena lavà quela camisota….me racomando neh….se te dovevi meter le mam ne l’oio te podevi anca vestirte en de n’altra maniera….

“Metete la grembiala che ghè lì drio….sì lì drio, nel bacuchèl…”

(all’amico):” Eco adès buteghe su ‘n po’ de spirit, te speti n’atimim che la carbonèla la lo ciapa bem dapertut e po’ t’empizi….stà lontàm demò che te te sizoli quei pochi cavei che te gai….oltre ai bafi bianchi”

(arriva un altro amico): Alora quand’elo che se magna…l’è da vendro che fago digiuni e anca cristieri per ‘sta zena ahahahahahahahahah … ma sé ancora drio a tacar foch? Oscia paso domam matina alora….tegneve via do costine valà….

“No ghè gnent da rider….ne sem ciapài massa tardi oscia, po’ sta carbonela no la va bem ‘cramento”

(la moglie all’amica): vara dame na mam a portar zò le botiglie de vim e de acqua …. Sì ghè anca la coca per i boci…anca quela laicht….sì….dai che gò anca i bicieri….vara quando me marì el se mete a far ste robe l’è lonch come l’am de la fam…e po’ se fa ‘ste figure no….te me capissi bem….nevem en pizeria ognum pagheva el so…a st’ora se podria za far do ciacere…dai dame na mam valà

(più tardi, uno degli amici): Vara che me par che le brusa quele luganeghe…l’hat sbusade? E po’ no ghe se vol sora l’oio bestia…basta ‘n po’ de asedo semai….vedi che sgoza tut e fa fiama soto….

“Vot vegnir chi ti ? Vei pur che mi vago a bever qualcos oscia…l’è do ore che som chi che colo davanti a sto foch….diaolporco….vara che se te voi farle ti come te voi….”

-Ma dai, no stà tortela….l’è che però vedit….vei zò ‘l grass e fa fiama….no va bem cosi

“Che faga ciama i pompieri? Ma dai valà, stame lontam….dai dai va a beverte en bicier che l’è meio….tuti for dai pei….che chi ognum ghe mete el bech….”

(più tardi, un altro amico): Mah, per mi le pontine le sarià pronte sat….prova a voltar en costa quela en zima…

“Ho dit for dai pei…’l savrò mi quando le  è pronte no?

(la moglie): Ma no hat mes su le verdure? Podevem tacar via con quele che se fa pu en pressa no?

“Anca ti ades…ah l’è l’ultima volta che fago na grigliada…propri en bel compleano….laorar come en muss, co ‘sto calt da l’oscia….saria stà meio nar en pizeria, ognum pagheva el so…e a st’ora saressem zà drio a bever l’amaro diaolporco….”

(l’amico): alora ele pronte ‘ste luganeghe o stale vegnendo ancora zò co la coriera da la Val Rendena?

CENSURA….CENSURA)

 

EL TRENTIN ALA FESTA DEI COSCRITI

(aperitivo): “No no no bevo quele robe colorae….le fa misciament de stomech. E po’ le sa de tut trane che de vim….dai faghe tiràr fora en sciardonè o en pim picol, sì el pinòt….boni sti grostoi salai….ma l’è meio star endrio se no no magno el rest sat…

(a tavola, all’amico): tei, vara la Gina. Semper adòs al Bruno come ‘na volta…se la lo sa la sposa…e el Berto, hat vist che galèt? Gambe fifolote ma soto….dai che ghe fem en scherzet dei toi dopo…

(arriva l’antipasto): oscia, l’è propri do robe en cròs neh…ah no i gà mes tant a far trenta de ‘sti piatini…se ‘l savevo magnevo pu grostoi salai…sat che m’è vegnù fam….

(il primo): bona l’idea de le tripe per tacàr via …. (l’amico: Ele bone?) … te ‘l so dir quando le trovo…el brodo sì le bom e tant per quel…

(il secondo): cossa ghe meterai su ‘sti poci da teroni al cunèl….a mì el me pias sùt, co la so bela polentina en banda, chi par el minestròm….

(dolce): no no voi el sorbetto…l’è lat con denter na lagrima de limon e meza lagrima de quela roba che serve per el gimtonico…no porteme na fieta de strudel o de torta paradis inferno ….ah no la gavè…alora ‘n gelatìm con zò qualcòs de bom…no l’amaro però… eco si el grant mam drè…el coso lì …basta che no ‘l sia massa dolz che po’ ‘l me rovina la boca….ah po’ en cafeòt col resentim …. Sì porta anca la botiglia de sgnapa che fem prima valà-….onte dit giust Mario?

(l’organizzatore): putei vardè che dopo se va a far do salti zo en taverna…

“Ah no so se vegno, domam matina voleria saltar for prest dal lèt per nar a veder se co ‘ste pioze è vegnù qualche fonch…”

(l’amico): ma valà che te fa bem do salti ‘n compagnia, e po’ vara che bele tose che ghè chi…dai che dopo nem nela caneva del Milio … a far le ultime glorie…

“Sì, però no podo miga ‘rivar a cà domam matina…no ghe tegno miga pu bota come ‘na volta. Magari m’endromenzo en giro…”

(l’amico): Ma no che ‘l Milio el gà anca la moka granda, te verai, ‘na candola de cafè e te deventi ‘n galèt…

“Brao, e dopo fago chichirichì quando ‘rivo a cà, l’è pu fazile che me se miscia el stonech dal tut…”

(l’organizzatore): Dai alora putei, nente o stente? Che chi i gà anca da meter a posto …. Pagà l’è tut pagà….ne trovèm zo ‘n taverna, dal Renato, dai che ‘l ne speta…

(una coscritta rivolta all’amica): Ma hat vist come i è ‘nveciai tuti i masci? Eh cara, fumar, bicierote, strapazi…prima o dopo te i paghi tuti…cossa vot mai far do salti con sti chi…l’è za tant se i ghe la fa a far le scale per nar zò en taverna… e po’ no ghe n’è uno che me piasa a dirtela tuta…sperante de trovar qualche putel che ‘l sapia balar valà se no…

“Ma oscia, le ciavi de la machina…ho pers le ciavi dela machina, ‘cramento…

(l’amico): hat vardà bem nele scarsele?

“Ma sì le ho svoltolae zamai tute…”

(l’amico): scolta ma no ela quela la to machina? Quela coi fanai empizai….

“Diaolporco, l’ho lassae denter…ah me sa che la bateria l’è nada….”

(provano ad accenderla): “Gnent da far, no la dà gnanca ‘n colp….scolta, dai che nem subit dal Milio valà che dopo te me porti a cà zà che te sei sula straa….

(l’amico): No te vegni ‘n taverna alora….

“No, vara, fim che me ricordo almem dove abito….”

EL TRENTIN EMBRIACH

(al bar, ora di chiusura, il barista comincia a mettere le sedie sui tavoli…): Putei, se sera, l’è ora de nar a paiòm, che domam mi ale sete devo esser ancora chi neh….dai, che se sera

(Oreste, seduto e ormai ubriaco): scooo scoolteme mi, diaol (rutto) de quel (rutto) porcoooo oscia…vara che, vara che….vara che…(rutto)…..ghe n’è ancora ‘n sto bicier….e zamai che ….che….che te l’ho pagà, oscia, te me ‘l lassi ….lassi….bever en, en….paze ‘cramento….

(barista): Oreste, set chi ‘n machina? No, perché en quele condiziom lì no te arivi a casa gnanca a pè…(rivolto ad altri avventori) ghè qualchedum che pol portarlo a cà? Perché ‘sto chi se no i lo ferma i carabinieri el và a Bassàm enveze che a Trent…semper che no ‘l vaga for de straa…

(Gino): el cargo su mi…som chi co l’Ape ma de drio el ghe stà….così el ciapa anca en po’ de aria….Oreste, Oreste, dai che nèm….

(Oreste): che mi….mi se…

(Gino): Oreste….Oresteee dai che nem che la sposa la te speta…

(Oreste): a mi…a mi vat o restet no…vat o restet….no no me l’ha….l’ha dit zamai nesun….vat o restet….resto oscia, che l’ho pagà ‘sto bicier, diaol de quel….de quel porco, oscia

(Gino): dai bina su le to robe che nem….che chi i sera

(Oreste): ‘n do el…’n do….che mi oscia…’n do elo…

(Gino): ‘n do elo cossa….dai che te sei ont e bisont….vei valà—-

(Oreste): ‘n do elo….’cramento…ah sì….(riprende il bicchiere in mano)….eco…

(barista): putei se passa i carabinieri i me fa anca la multa, vardè che smorzo tut tra do minuti…dai che vago anca nei gazèri…

(Gino): Oreste…dai che te gai entorno na scimia de quele brute…vei

(Oreste): la scimia? ‘n do ela ‘sta scimia….(al barista). Dame ….dame oscia….le nocio…line, che….che la scimia la gà fàm ….oscia

(Gino): ‘sto chi pu che ‘ntorno la scimia el la gà zamai adòs…e grossa anca….’sa fente, l’è anca grant e gross…

(barista): mi el meteria anca nel canapè de denter però bisogneria dirghel anca a la so sposa…che no vegna fora che i va a zercarlo nei boschi…po’ oscia se i trova la machina chi davanti…te me capissi bem…

(Gino): el gavrà ‘n telefonim ‘n dòs…col numer de cà…dai che provo a veder

(prova a frugare nella giacca e nei pantaloni): Oooooh….ohhhhhh ospiaaa…zò…zò le mam…..oscia….dal cu dal cuulll…

(Gino): la vedo mal…el gà anca la bala cativa…se ‘l te dà en scopelòm co ‘ste manaze…el te rebalta….ah mi ciameria qualchedum sat….

(barista): Sì va bem, ma dentene na mossa però che devo serar….

(Gino): ho capì, ho capì….vara che se te voi vago via e te ‘l lasso chi neh….

(barista): no, fame en piazer valà, che te dago anca qualcos se te ghe la fai a portarmel via….

(Gino): Oreste….Oreste….nem da brao…

(Oreste): che mi….mi se ….se voi ….ah…ah no te capissi….no te….na bela eva….diaolporco

(in quel momento all’entrata del bar compare la moglie di Oreste, rivolta al cognato): Te l’avevo dit Roberto che ‘l trovevèm chi…toh…

(barista): Siora, stevem propri zercando de farghe en colp…ma no ‘l se lassa gnanca tocàr e po’ me sa che l’ha ciucià tant stasera….

(la moglie): sì ma anca voi…avrè vist quanti bicieri l’ha butà zo no, e dirghe basta?

(barista): Eh ma l’Oreste no l’è miga un che tase…la savessa…de bò e de vaca fim adès per farghe capir che l’è ora de nar…

(moglie): Oreste….Oresteeeee…

(Oreste): da da daghe….’le nocio nocioline …ala ala scimia oscia…che la ziga….

(la moglie): Ah te fago veder mi adès cosa la fa la scimia (rivolta al cognato): ciapelo da la testa che mi el tiro su dale gambe…vara….me vegneria voia de trarlo ‘n la busa dela grassa….l’è che dopo me toca anca lavarghe tut….se no….

(Oreste, mentre lo portano via): le le nocio nocio nocioline…oscia…’speta che el el te …te le dà…le nocioline bruta scimia….

 

EL TRENTIN DOPO

CHE I G’HA ROBA’ EN CASA

(alla moglie): ma set sicura de aver telefonà ai carabinieri? No, perché chi no ariva nesuni oscia, i faria a ora zamai a vegnir de nof i ladri diaolporco

(moglie): sì sì ho fate l zentododese…ma calmete demò che te vei qualcòs, calmete che la n’è nada ancora bem valà, pensa se i vegniva de not entant che dormivem…

“Cossa vol dir, se i sentìvo tirevo fora el dodese, a st’ora i sarìa ancora chi che i se caga adòs da la paura…ma oscia sti carabinieri arivei o no che gavria anca da nar a far qualcòs…’cramento

(arrivano i carabinieri): Buongiorno, scusate il ritardo ma c’era parecchio traffico stamattina…

“Si va bèm, ma podeve anca tacàr la sirena no…”

(maresciallo): Eh ma questa non è un’emergenza…

“ah ho capì…no no va bem….ah ho capì, l’è per sparmiar la benzina?”

(maresciallo): non posso negarle che ultimamente abbiamo anche questo problema…ma mi racconti cosa è successo che il brigadiere verbalizza e poi fa anche qualche foto

“Gnente, ieri sera mi e la sposa sem nai a magnar na piza, ghera anca me cugnà Osvaldo che l’è fradel gemel de la Franca, la me sposa, che la vegniria a esser la fiola de ‘n marescial dei alpini. Ades però l’è ‘n pensiòm. Che ‘l saria originari de Bergamo e ades l’abita en quela via sora Trent che i gà cambià nome…come se ciamela Franca ades quela via…

(maresciallo): scusi se la interrompo. Ma a noi basterebbe sapere in estrema sintesi come e quando è stato messo a segno il furto, cosa è stato asportato, se ci sono segni di effrazione…

“Ma difati ghe stevo disendo, erem nai a magnar na piza, mi la me sposa e me cugnà Osvaldo…mi ho tòt na capriciosa…ti Franca cosa avevìt magnà?”

(maresciallo): scusi, arriviamo al momento del’arrivo a casa…

“Eco, sì, sarà stà le dese, le dese e meza, forsi anca le ondese…Franca, a che ora sente vegnui de volta?

(la moglie): a no savria…el temp de saludar me fradel, po’ i n’ha oferto en limonzim, t’hai pagà ti col bancomat…

(maresciallo): facciamo tra le 22 e le 23…e cosa avete trovato?

“La porta l’era serada. L’ho averta, empizà la luce, pareva tut a posto. Tanto che me som mes sul canapè a vardar en toch de televisiom…che ghera su quei film veci che i mete l’istà…Franca, che cine erelo quel che avem vardà che dopo te te sei endromenzada subit?”

(la moglie) a no me ricordo, no, speta…forsi um co quela atrice terona…l’era en bianco e nero però…

(maresciallo): va beh, nessun segno d’effrazione sulle finestre in altre parti della casa?

“El me scusa maresciàl ma cossa entendelo per frazione? Noi chi saressem en Oltresarca fraziom de Arco, ma en realtà saria località Fibie, anca se gavem l’ùs vers viale Roveredo…l’è semper stà en casim col postim…”

(maresciallo): No, volevo dire, ha notato qualcosa di manomesso, forzato….insomma il possibile punto di entrata dei ladri?

“No, no tut a posto. Anca le finestre, tute serae. Perché l’altra sera pareva che vegnìs zò pali de fer, s’era mes anca el vent…e alora prima de nar en pizeria gò telefonà a me cugnà e gò dit: sta tento a vegnir zo da Trent che ve ina tompestada me sa…”

(maresciallo, sempre più infastidito): Scusi, le spiace se diamo un’occhiata all’interno del suo appartamento?

(la moglie): Ah el faga pur, no ‘l staga a vardar el gazer en giro salo, perché dopo quel che è success ho dovù torme zò na camomila…no som pu stada bona de far gnent, e gavria en mucio de roba da stirar, che ‘l bocia l’è pena rivà dale vacanze co na caterva de robe sporche…

(maresciallo, dopo il sopralluogo): in effetti non si notano segni di effrazione, ehm, di scasso, insomma se lei dice che la porta era chiusa verrebbe da pensare che i ladri siano entrati con una copia della vostra chiave di casa…ha dei sospetti al riguardo?

“Oscia, le ciavi le gavèm sol noi, mi, la me sposa e ‘l bocia…”

(maresciallo): ma cosa hanno asportato?

“No la piza l’avem magnada lì, en pizeria, no de quele da trasporto…”

(maresciallo): intendevo dire, cosa hanno rubato?

“Ah el varda, entant tute le bire che ghera en frigo, po’ i ha netà quel che ghera nela credenza en cosina: pam, patatine, robe cosita. Ah e i s’è portai via anca le botiglie de spumante che era vanzà da Nadal e da l’ultim de l’am. E no l’è miga finia. Tuti i ‘fetati, pena toti, luganeghe. Perfìm ‘na scatola de toscanei…che ‘n fumo um ogni mort de vescovo….po’ Franca dighe quel che no ghè pu ne l’armàr, dighel al marescial…”

(la moglie): sì l’è strano, i m’ha robà na camicieta, na vesta, anca a vecia paruca de me pora mama che l’aveva fat la chemio…el sa nò che se perde i cavei…pora dona quant che l’ha sofèrt…

(maresciallo, perplesso): ma come avete trovato l’interno della casa, in disordine, come se qualcuno avesse cercato qualcosa di valore?

“No, no tuti i sportei serai…ne sema corti quando m’è vegnù voia de ‘n goz de bira che alora ho averte l frigo che gò denter anca la lengua da far ancoi…po’ volevo en po’ de patatine da magnarghe drio…e la sposa enveze quando l’è nada a zercar qualcos de comot per star sul canapè, capisselo?”

(maresciallo): no, non capisco. Nient’altro?  Qualche indizio, qualche traccia….

“No, no me par…

(maresciallo al brigadiere): direi che forse bisogna chiedere alla scientifica di verificare se ci sono impronte digitali diverse dai proprietari su frigo armadi e altri mobili…

(la moglie): no no ho bem netà tut co la peza e l’alcol stamatina…me fa anca schifo saver che magari i gaveva le mam sporche entant che i sfrugneva en mez ai mè vestiti barea…

(maresciallo): perfetto, non abbiamo niente in mano adesso…

(suona il campanello): “Ma chielo adès…che gavèm da far?”

(il figlio): som mi papà, averzi valà che ho pers le ciavi…

“Diaolporco anca ti…l’è zà la terza volta che te perdi ste ciavi ma ‘n do gat la testa? E po’ en do set stà tuta la not che to mama te la fai morir….ghè stà anca i ladri chive…”

(figlio): i ladri? E cossa hai portà via?

“Robe da magnar e vestiti de la mama, ti quando te servi te sei semper en giro…”

(figlio): ma no, ma no…som stà mi a tor quela roba da magnar e da bever…che avèm fat na festa per la laurea de l’Alex..

“Cossa? Cossa? Odio me vei mal…en ladro en casa….odio me vei mal….”

(figlio): ma ghe l’avevo dit a la mama che me serviva qualcos per la festa…difati ghera denter i ‘fetati e le bire che gavevo dit de torme…

(la moglie): ah mi no me ricordevo zamai pu…odio che figura….ma e i vestiti, i me vestiti?

(figlio): ma sì i gò chi nel borsom….i serviva per vestirse da dona e far do monae ala festa…

(maresciallo): Bene, direi che noi possiamo andare….attenzione però la prossima volta eh, che questo è procurato allarme….c’è una multa….

“No, no no l’èm mai mes su l’alarme…el costa massa e po’ se sa, se i vol vegnir denter i ladri en qualche maniera i vei denter…l’è soldi butai via”

 

EL TRENTIN A LA SAGRA DE PAES

(parlando con gli amici): Tei, Mario, hat vist el Giani? Co la cravata…e sto calt….i botoni dela giaca che tira su la panza, ahahahaa, el par proprio en porzèl vestì da la festa…

(l’amico Mario): eh ma l’ha ‘pena vendù el terèm, sat dove el gaveva le vigne, zò ‘n fònt al paes? Eco, l’ha ciapà na bela lira…el me diseva l’alter dì che adès el pol anca smeter de laorar en campagna…el se dà ala bela vita. E ‘l zerca na sposa nova, che te sai no che l’è vedof da do ani zamai…pora dona.

(un altro amico, Dino): Sì però se ‘l va ‘n giro conzà a quei passi al masimo el se bina ensema ‘na badante. Che po’ la ghe magnerà fora tuti i so soldi…

“Dai che nem a brevarne el barbòz…che suta putei”

(Mario): hat vist che ghè anca i probusti? E i galèti al spiedo…mi do zacadine ghe le daria…

“Sì ma prima vago a bever qualcos…che ancoi me son fàt zamai oto ore co l’atomizator en campagna…som ancor piem de verderàm…”

(Dino): zerto che te podevi almem darne la lavada…sat che spuzi?

“Sì va bem, vago a casa e vegno chi co la cravata e la giacheta come el Giani…dai che l’è na sagra neh miga en vegliom…”

(Mario): difati me domandevo…come mai le zinzàle le magna tuti trane che ti…

“Vara che nei cavei ti te gai ancora le segaure…”

(al punto bar): “Dai tira fora tre stivaleti de bira che se more dala sé…”

(barista): la gavem sol picola o media…

“E alora meti ensema na picola co la media en den crazidel, na candola granda no…”

(barista): podè anca torve do medie ala volta…ma me sa che l’è meio nar piam, la se scalda subit la bira…ve le tegno en fresca quele del secont giro?

“Sat che se vede che te sei lezù e studià? Brao, fem cosita…doe subit e la terza pronta a nar a coparse, ma dighel però che l’è zamai morta…”

(comincia il ballo): “Mi no so. Ades tuti che bala ‘ste musiche mesicane…che l’è semper quela…l’amor spinà, la dirindera, el polito molito, la salsa de pomidori….”

(Mario): “La bala bem però la to sposa…”

“Oh, sbassa i oci neh….ah ades vago bem a dirghe che la move massa el cul…”

(Dino): Ma ti no balit mai con ela?

“Mi? Balar? Ste robe chi? No som miga mat…po’ ho laorà tute l dì diaolporco sat….e miga a petenar le bambole, farghe la ponta ai bigoi o a ‘ndrizar banane…”

(Mario): Tei, varda el Giani…el ghe va drio ala to sposa… ‘l se move anca bem….odio…però dai…

“Ades vago lì e ghe parlo mi al giacheta…che se ‘l vol la me sposa va bem…ma che ‘l se la mantegna anca demò…e ghe dago drio anca i fioi vist che ades l’è piem de soldi”

 

EL TRENTIN E L’ORT

(all’Agraria): Scolta, vara che quela roba che te m’hai dat per le bestie che me fa morir la salata no le va miga bem…

(l’addetto della cooperativa contadini): Oscia, ma l’è stà el tecnico a darghe n’ociada l’altra volta a quele foie che t’avevi portà…’sa te diga…

“Va bem, entant la salata la va a farse ciavar e mi devo nar a comprarla…anca se ne l’ort zamai la me và al bech…”

–        Provente n’altro prodoto?

–        “No lassa stàr che con quel che ho spendù de somenze, de temp, de prodoti vari sarìa nà a magnar la piza co la rucola e tute le verdure che te veoi tre volte la stimana. Bira compresa. Anca i ravanei, quei bianchi grossi, tuti pasidi….i sa da gnao. Ma anca el rest: el gà na bruta cera. Pomodori zaldi, bisi che par bissi.

–        -Ma no l’è che  ghè ‘n giro galine, altre bestie che passa per el to ort? O forsi te gai dat massa concime, t’hai brusà tut….ghe dat na brevada…no sat, co sto calt…

–        “Gò sol en cagnòt…ma i ravanei no i ghe piàs. E brevo matina e sera, gò la goma propri lì vizina. El concime? Ma te me l’hai vendù quel anca ti…No so, forse ghè soto qualcos che no va bem, che taca malatie..Va bem, te saludo, vedo che chi no ghe ‘nvegnim fora…

–        (a casa, alla moglie): l’è l’ultim am che ghe stago drio a l’ort. No vei su gnent, l’è pu el laorar, el brigar che alter…e soldi butai via

–        (la moglie): strano, el Gino, quel che abita denor a noi, el gà n’ort che l’è en spetacol…pensa che el m’ha domandà se voi do pei de salàta, pomodori el ghe n’ha da butar via, anca melanzane e par che che vegna su perfim le angurie….picole, ma pur semper angurie…

–        “Sarà la tera diversa, no so, le somenze el le tol anca lu a l’Agraria neh…

–        -Ma no l’è che te sei ti enveze che no è bom de starghe drio?

–        “Ma figurete, som fiol de contadini, savrò bem mi quel che fago…enveze ‘n do elo el bocia?

–        -Ah l’è nà de fora n’atimo a lavar la machina…l’era ‘sì sporca che l’ha dovù dropar el detersivo…

–        “Come? E ‘n do elo che ‘l resenta?”

–        -Co la goma, nel piazal…

–        “Vizim a l’ort?”

–        -Sì cossa vot che ‘l faga…l’è lì che ghè la goma

–        (si mette la testa tra le mani): “Diaolporco…diaolporco….ades capìsso. Ah vago subit a darghe na mam….che ‘l neto mi el cul a forza de peae…

 

EL TRENTIN AL MARE EN EGITO

(all’aeroporto militare di arrivo da Verona, rivolto alla moglie): Vara che no se pol far foto…i l’ha anca dit…

(la moglie): ma mi no fago miga foto volevo sol veder se chi el telefonim el ciapa…

“Sì ma quei lazò co ‘l mitra che i vanza su ‘pena dai sacheti de sabia no i capiss che ti te voleressi sol telefonar, capì come? Vara che se i te mete via mi vago l’istess neh…che zamai l’è tut pagà diaolporco

(in attesa delle valigie): Chi le nosse no le arivà pù…te l’avevo dit de meterghe n’adesivo grant che così te le vedevi subit…l’è zà la terza volta che gira tute le vali strane che le nosse…som storno…po’ se chi i le roba vaghe a spiegar ti en arabo come che le era…ah la vedo mal, semper pu mal…

(davanti al pulman): speta speta, dame da ment a mi….i primi che carga l’è semper i ultimi che scarga….e viceserva…speta….che no la scampa la coriera….

(in camera trova un’artistica composizione floreale con intreccio di asciugamani a forma di cuore): oscia, bela per quel, chisà quant che i gà mes a farla…ades però i volerà anca la mancia…scominziem bem…

(la moglie): dai, che i è stai carini….

“Sì ma chi entant i soldi i va fora…altro che tut nel mucio…oll escluso…

(la cena a buffet): ‘sta tenta a no tor robe che ghe sia denter acqua de la soa….che te vei dopo el cori cori come al Giani l’am passà…te ricordit quel che ‘l n’ha contà—‘na stimana serà nel cesso altro che mare…

–        Sì, ho capì, ma alora coselo che se pol magnar…

–        “Vegneme drio…tò su quel che togo mi…”

–        (lui arraffa tutto quello che gli capita a tiro e comincia a bere bianchi anche mentre fa la fila al buffet): dai, el se lassa…

–        (la moglie): vara che lì denter magari ghè acqua…

–        “Enfati el sa en po’ de slavaria…ma l’alcol el disinfeta….lassa star quela coca cola…lì sì ghe denter l’acqua scieta…

–        (al piano bar, musica internazionale): sì ma na mazurcheta, en valzerin…mi sto modo de balar come i scimioti….ah, squasi, vist che no se paga gnent chi al bar…n’altro bianchèt…

–        (in spiaggia, gli animatori): Viene a fare una gara di frecciette?

–        “No, però se te gai en dodese…vago ancora a caza e ‘na volta ghe tirevo anca al piatèl su a Dro…enveze se propri te voi farme content….gavresse do bruschetine con en bm bicier de bianco….a metà matina saria propri quel che ghe se vol…

–        (la moglie): ma basta, scominzit bonora ades?

–        “Vara che l’è tutt oll escluso…no se paga gnent….se no ne profito chi…ah, scuseme, en par de olivete de le vosse….per piazer neh…

EL TRENTIN EN CROCIERA

(altoparlante: attenzione, tra dieci minuti inizia la simulazione dell’emergenza, obbligatoria per tutti i passeggeri saliti a Genova: il salvagente lo troverete nell’armadio della vostra camera)

–        Ah mi no vegno. Và zo ti. L’è le solite monae. Tuti zo per le scalete, enmuciai, col salvagente entorno al col….per cossa po. Tanto se l’è la to ora..

–        (la moglie): Ma vara che l’è obligatorio…

–        “Ma se ciava…con quel che avem pagà voi veder se i me dà la multa…va ti e dighe che mi ho ciapà na storta….al pols e alora devo polsar…

–        (al ristorante): Ma i doveva meterne propri ensema ai cinesi?

–        (al casinò): Scolta popo col cravatìn, fa piam a spazar su tuti i getoni che me par che ‘l mio su l’ondese el ghera…e po’ el so, gavè el modo de tirar giust la balota…no l’è posibile che vegna fora de spess propri el zero dai…

–        (in discoteca): chi el balo lissio no i sa gnanca cossa che ‘l sia…dai che nem a magnar qualcos de sora valà…

–        (serata di gala col comandante): ma scolta se ‘l stà chi do ore a far discorsi e far le foto ensema a tuti chielo che stà de sora a guidar ‘sta nave? No, che dopo vei fora come col Schetino…

–        (vendita duty free): oscia te me capissi bem quante tasse i ghe mete su da noi sui zigareti….vara….vara, diaolporco

–        (la moglie): varda sto profumo…el vei la metà…

–        “Sì ma la metà de zento euri l’è zinquanta, con quei soldi lì me togo n’altra steca e m’envanza tanti ancora dai…

–        (la moglie): e vara sto bracialeto….

–        “Dai che magari l’è fat de oro del Giapone che ‘n Italia el se ciama otone…

–        (le mance): toh, te l’avevo dit de no darghe mance a camerieri e quei che fa su i leti…vedit che se paga dodese euri al dì en pu propri per ste robe chi che dopo i se le spartis?

–        (il giorno dopo l’arrivo a casa): Ciao Danilo, ah te speto domam sera neh, sì vara na roba ala svelta per zena, che così gò temp per farve veder tute le foto e i cine fati en crociera…ah ghe n’è da vardar fin a mezanot…te vedessi che roba…

–        (l’amico al telefono): Oscia, me sa che no podo…gò el bocia co la fever….fem n’altra volta valà….magari dopo che som vegnù dale ferie anca mi così te fago veder anca le mie de foto ah?

EL TRENTIN E I VECI AMIZI

(due vecchi amici che non si vedevano da tempo s’incontrano per caso in piazza):

(guarda, si ferma, accenna a ripartire, poi guarda di nuovo)

GINO: Oscia, ma, ma…ti te sei el …el Carlo, o forsi …

CARLO: (dopo un attimo di malcelato disagio): E ti te saressi magari el Gino…

GINO: sì caro, ‘l passa el temp ah?

CARLO: ma no erìt piem de cavei….scuri, ‘sa fat col coin bianch…

GINO: Eh, ‘l passa el temp…anca per i cavei

CARLO: E la sposa? I fioi i sarà demo grandi adès…

GINO: Parlit de la prima o de la seconda sposa…perché te sai no che me son lassà co la Paola…adès som co la Ines…gò avù en popo anca con ela…ah i altri doi, quei co la Paola, i vedo sì e no en par de volte a l’am, i è semper en giro…

CARLO: Ah mi enveze dopo che è finì la storia co la mia ho fat en bel grop entorno al pirlo…basta done. Che no l’è alter che soldi che va via e rotura de bale…basta, fago quel che voi mi…

GINO: Però no stà dirme che no la te pias pu….

CARLO: Basta no ‘mpegolarse. Na bota e via. Amizi come prima. Ognum a so cà.

GINO: te te tegni a um da per ti?

CARLO: Ma no ogni tant ve ina dona a farme i misteri, lavar, stirar…per el rest…me rangio. Vei trovarme en dì che te fago la carne salada che ho mes via mi…po’ gò ‘l me ortesel…no me lamento…

GINO: E davanti ala televisiom ti sol…come en cagn…dai che ‘na dona en casa la ghe se vol….’sa fat ti sol tute l dì…

CARLO: Vara che no stago miga en casa tute l dì…ghè anca el bar vizim, do ciacole, na partia a carte, en par de bicieri…no stago benom, credeme, te te senti pu liber…

GINO: Sarà, ma te me pari come…come ‘nmucià….set sicur de star bem?

CARLO: Te digo de sì oscia…

(passa un volontario del centro assistenza sociale): Carlo, Carlooo—

CARLO (a disagio): Ah….ciao Bruno, ‘sa ghè?

(volontario): Vara che se no te te sbrighi i finis de dar fora la marenda e ‘l tè…no stà lamentarte dopo neh…e po’ ‘sa fat en giro che l’è da n’ora che i te zerca per l’insulina….dai da bravo neh….

GINO: Ma ‘n do vivit ades, al ricovero?

CARLO: Ma no, ma l’è sol per sparmiar, sat coi soldi dei alimenti…cassa integraziom…ah ma l’è sol per adès….la stimana che vei dovria nar a tor zo spine con quei dela Provincia…penso che dopo podrò bem tornar a me cà…

EL TRENTIN (vecio) E L’AMANTE (zovena)

(sms sul telefonino di lui): 6 vivo?

(risposta): sei de cossa?

–        Ci 6 ?

–        “Coselo ‘na bataglia navale?”

–        – 6 antico pd

–        “No capisso…

–        – Cmq ti chiamo poi…

(mentre lui sta pranzando con la moglie) Driiin—-

La moglie: e rispondi ‘sa spètit…che forsi l’è ‘’l bocia da nar a tòr a la staziòm…

(lui, che ha capito chi chiama dal display – corrisponde a commercialista – ): Ma no l’è quel rompicoioni de ragionier…no gò voia ades de parlarghe…po’, entant che se magna dai…

La moglie: Vot che ghe parla mì visto che som mì che tei i conti en ‘sta cà…

Lui: ma no, el riciamo mi dopo valà…

(continua il driiin, insistente) (la moglie): Dai dighe almem che te ‘l ciami ti no…

(lui): Va bem….ah salve ragionier…come….ma no no…l’è che….ma no….el senta el ciamo mi tra n’orèta va bem….si, ma no no…ho dit de sì….

(la moglie): ‘sa ghè che no va?

(lui): ah gnent, no ghe torna zerte robe per la dichiaraziom dei rediti…

(lei): quale?

(lui): no so, no ho bencapì el me spiegherà dopo…

(moglie): sarà meio che ‘l me spiega a mi valà, ti per ste robe te sei semper stà negà…

(lui): ma no no, no dovria esser gnent de che….t’ho dit che ghe telefono mi dopo oscia…dai che vei tut fret ‘cramento…anca sti chi che rote le bale entant che se magna….diaolporco…

(la moglie): e se fus de nar zò nel so ufizi dopodisnar….me togo drio tuta la teca dele carte…

(lui): ma valà che ne rangiem per telefono….che dopodisnar gò anca da nar a parlarghe al Giani per vedr se ‘l me ‘npresta la motosega per sabo…sat per taiar quei do rami de olif sbregai dal vent…

(la moglie): ma se te l’hai sistemai sabo passà…no te ricordit? Me sa che ti ultimament co la testa…

(lui) Ah…, va be malora vago zo a l’Agraria a tor el diserbante….che vei su erba dapertut nela cort zamai

(la moglie): e se enveze nèssem dal bom dal ragionier così fem fora na volta per tute sti misteri?

(lui): prima ghe telefono…dai magna valà

(la moglie): sì dai che dopo preparo subit le carte…

(lui, di nascosto, messaggia all’amante): No podo vegnir dopodisnar…devo nar dal comercialista…

(sms di ritorno): solita storia, quando separazione? Dimmi presto

(sms di lui): te prego che adès som ciapà…telefono stasera

(sms di lei): capito….urge chiarimento … presto

(la moglie): coselo che te scrivi?

(lui) ah l’è el comercialista…tut risolto…no ocor far gnent el se rangia

(la moglie): ghe sarà da fidarse…

(lui) fidete fidete…e po’ e ‘l m’ha diot che dopodisnar el deve comunque nar via….

EL TRENTIN E ‘L TELEFONIN

 

(gita in pullman del Circolo Pensionati, partenza di buon’ora per un lungo viaggio, c’è ancora chi dorme…):

(suoneria Romagna Mia, alto volume): – Pronto? (altissimo volume della voce) Prontooooo? Ah te sei ti. Sì, sì, sem ‘pena partidì. Me sa che sem drio a ciapar l’autostrada per Milàm  zamai. Eh l’è longa…Che temp falo lì? Eh difati…masì ‘n colp vei fora ‘l sòl, ‘n còlp piove, no se capìss pu gnent co ‘ste stagiòm….Sì, ho tot drio el maionzìm, sì l’ho trovada la canotiera co le màneghe longhe…ma sì, no te sài pu come vestirte…ah ‘l bocia? Dòrmelo ancora? Oscia, dighe che ghè ‘l cagnòt da portàr zo a farlo pissàr prima de mezdì che se no te sai ‘n dove ‘l la fa neh….sì, sì ho tot drio i soldi…ma vara che el magnàr l’ho zà pagà…l’è denter nel mucio col pullman….bom dai ne sentìm dopo…ciao ciao…ah ciàmeme ti che gò denter pochi soldi nel telefonìn…..sì, eco….ciao ciao….

(rivolto al compagno di viaggio sullo stesso sedile che fino ad allora ha cercato di riposare coprendosi le orecchie con la tendina del vetro lato esterno) – Ah l’era me moièr….la sarìa vegnua volentera anca ela l’è che propri l’alter dì ghè vegnù mal de panza….cori cori….’n par de linee de fèver…meio che la staga a cà valà…che ‘sti viazi longhi magari i te buta ancora pu ‘n tera….

(l’altro fa finta di ascoltare, intercalando “Eh sì….difati….ensòma…ah per quel l’è bem vèra….se sa”)

“Si, ma i se fermerà bem al grill spero, gavrìa anca da torme i zigarèti oscia…che ho desmentegà anca l’acendìm se no basta…(sempre rivolto all’altro) ….che volerìa bem smèter de fumar…ho anca ‘mprovà pu de na volta. Ma com’ela come no ela….el zigarèt soratut dopo magnà el me ghe se vol…se no no riesso a rilasarme a ‘star en paze…continuo a parlar dal nervoso no…”

(l’altro cerca di inserirsi nel discorso: – Sì, anca mi….giust do mesi fa….)

(Viene interrotto): “Perché el casim no l’è tant smetter…l’è tegnir duro, capì come? I dìs che passà i primi dì po’ te vai semper meio…bale, col cuco….l’è dopo che te manca el zigarèt….”

(l’altro: ma e quei eletronizi? Per esempi….)

(viene interrotto): “Ma valà che l’è tut bataria…po’ no te senti el saòr del tabach ma de quele putanae che i ghe mete denter…par profumi….vot che me meta a ghebar profumi? Te sarai miga mat…”

(suoneria Romagna Mia): “Ah ciao, no no tut bem….che temp falo lì adès? E ‘l bocia, elo vegnù su dal lèt? El cagnòt? Set nada ancora de còrp? Eh vedit, zamai te te sei scaricada tuta (l’altro lo guarda con faccia schifata), ma che colòr gavevela? Semper diarea? Fate na bela limonaa. Che la strenze…ma sì, anca en bel riso en bianco….dopo….ah chì tut bem, l’è ‘n po’ ‘n mortuorio…sì, se no ghe fus mi a tegnir su ‘n po’ la compagnia…dai che quando te stai meio nèm a far do salti su dai Dobeloni….ciao ciao.,,,,ciamème semper ti che gò denter pochi soldi zamai…ah chi el par che ‘l piova….ogni tant vei fora ‘l sol…no se sa miga cossa che ‘l vol far neh…ciao ciao….ah dighe al Gino, se ‘l passa de lì, che per domam me serviria na brugola del dese per quel mister,,,e anca en rudòl de carta vedrada fina però….sì si, fina….che se nò quel mobilèt del cesso no riesso a tirarlo fora bem per darghe su la vernìs…ma scusa, sento rumor de acqua….ah te sei al cesso….bom ciameme dopo ti che som senza soldi nel telefonin…ciao ciao….”

EL TRENTIN E LA DIETA

(ambulatorio del dietologo): (rivolto ad un altro che aspetta): “Anca lu chi per calàr?

(l’altro, sui cento chili): – No, som chi per tor ‘na carta per me cugnada…da quando som en pensiom i me dropa come corier…de chi e de la per ufizi, farmacie, tabachini….no, no mi ho zà dat…

“Come, pesevelo de pu?”

-Ah, ero zamai ‘rivà sul quintal e mez squasi…

“Ah….”

-Sì, comunque adès stago bem…i m’ha tirà via en tòch de intestino…quel che va zo vei fora, capì come?

“Ah…”

(entra dal medico): – Buongiorno, lei è il signor…

“Giuseppe Panza”

-Panza…soprannome?

“No, no, propri el cognome…”

-Ah…scusi eh….vediamo cosa possiamo fare per lei…

“Beh, la sposa la m’ha dit che dovria calàr se no no vegno pu denter da la porta prest…”

(ridendo) -Nel senso che la caccia di casa?

“No propri perché no ghe passo da l’us…”

-Ecco, l’importante è cominciare con lo spirito giusto, con un sano umorismo, perché vede, non è raro che affrontando una dieta si cada poi in depressione….è uno degli effetti collaterali purtroppo….

“Se l’è per quel la pressiom pù che bassa ultimamente l’è alta…”

-Bene…ehm….bene….allora intanto facciamo un bel controllo del peso e della massa adiposa…

“Ghel digo subit….zento e tre chili stamatina…ma prima de nar al cesso neh…”

-Va beh, proviamo lo stesso se permette….ecco….vede? Siamo a 104 e sei etti….calcolando la sua altezza direi che bisogna assolutamente tirar via una trentina di chili….naturalmente non subito si sa, gradualmente, con dieta ed opportuni esercizi fisici…

“Bom, el me diga lu…”

-Allora, intanto via l’alcol. Lei quanto beve al giorno, intendo vino, birra, aperitivi, superalcolici….

“Mah….quei do bianchi la matina, en quartin de rosso a disnar, cafè, sgnapa per el resentin, l’amaro al bar, po’ qualche bicierota fora via , en spritz co le patatine prima de zena, po’ en par de bire medie a zena, en uischet prima de nar a paiom…

-Basta così, basta così…ma lo sa che questo la porterà dritto nella tomba prima o poi? Poi lei fuma? E cosa mangia?

“Ma sì fumo en par de pacheti al dì, ma de quei lizèri…paia propri…i pu i resta nel portacenere entant che n’empizo altri…sora pensèr….magnar? Paneti co la bondola la matina, polenta e pocio, luganeghe, pasta col ragù che fa me parenti so de Bologna – bom salo, en volevo anca lu en par de vaseti? Senza empegno neh – dadeti de spech per marenda, con tocheti de formai enfrizai dai stuzicadenti….ah zo per Riva ghè en locale che te poi tir su tut quel che te voi…te zeni praticamente….po’ la sera ….”

-Basta così….il suo regime alimentare ha bisogno di una radicale svolta….lo dico per il suo bene, per la sua salute …. Poi lei può fare come crede ma, attenzione, guardi che è ormai su una strada che porta soltanto a patologie gravi, al diabete, alla cirrosi….non le dico altro…

“Sì ah per quel el gà bem resòm…”

-Ecco, questa è la dieta per le prime due settimane….poi lei torna qui e vediamo di aggiustare il tiro….intanto direi affrontiamo questa fase di attacco….le prescrivo anche alcuni farmaci che potrebbero aiutarla in questo periodo….importante è essere costanti, evitare il famoso effetto jò jò….

“Cioè cossa vol dir…”

-Il su e giù….

“Ah perché no se pol far quele robe lì co la sposa? Ma no disei che ‘l fa bem?”

–        Parlo del peso…

–        “Sì oscia ma miga ghe vago sora, l’è mi che ghe stago soto…l’avem semper fat così….”

EL TRENTIN A LA PARTIA DE BALOM

(incontro di calcio tra due squadre dilettanti, seconda categoria)

“Ah, fim che i fa tic e toc no vei for gnent…ma daghe la bala al dese no…”

-Vara che i putei zamai  vinze per do a zero, i gavrà dirito de tirar el fià n’atimo no…

“Sì e anca de becarne trei….ma oscia, alte che se le veda le bale…semper ‘nmuciai lì su quel toch de prà…”

-Se po’ l’arbitro ‘l continua a fisciàr anca per le monae…

“Arbitroooo….arbitroooo….”

-‘sa me zìghit nele recie oscia…

“Arbitroooo….vara che ‘l s’entàsa ‘l zifòlòt a forza de spuarghe denter…”

-Tasi che i me par pu su la soa adès…hat viste l sete, bravo neh quel bocia, el vegnirìa a esser el fiol del Bepi Mola, che anca el Bepi a so temp se te te ricordi l’era en bom zugadorèl…pecà che ‘l ghebèva massa….no l gavèva tant fià…

“Arbitroooo….i ociai diaolporco i ociaiiii….”

-No, che no se pol….no se pol…se no i gh’ensegna a far i stop e nar la bala i la perde de sicur ….ma dàla via no, dàla via….(in parte una signora lo guarda con aria schifata, lui se ne accorge e rettifica)….quela bala….dala via quela bala ‘cramento che aspètelo….

“Dai, dai che l’è zamai ora de zena, su per la madona…i s’enmucia, mia tua, nesuni che sa ‘sa far, ‘ndò nar…su su ‘sa falo quel lì….vara che i è su che i tira el calcio d’angolo….su su che te gai el testòm…

-(dimezzato il vantaggio: 1 a 2): Eco, eco…l’avevo dita mi…se te te fermi a dormir….i altri no i miga zo a ninar le bambole…te verai che ades i ne fa prest n’alter…l’avevo dita mi…

“Ma tasi che te porti pegola…arbitroooo…..sat dove l’è la to dona entant che te fai ‘l mona en mez al prà? Arbitrooooo….”

(due a due): Vara, me la sentivo….cossa t’avevonte dit?

“Te porti propri pegola…tasi almem”

–        Dai putei su, su…mover le gambote….no la dura miga fin a st’am che vei 0sta partia…mah, i me par zamai mezi coti…l’è che la sera i và ‘n giro, massa monae…’na volta caro prima dela partìa a paiom prest….se no ‘l Volpe l dì dopo el capiva subit el tai del prà….ah quei che gaveva i oci strani no i zugheva miga….dai su, su…

–        “Arbitroooo….ci t’à stracagà…..

–        -‘sa fat parlit veronès ades?

–        “La m’è vegnua fora,….arbitroooo ma cambiete le mudande che se vede da chi che te te la sei fata adòs…”

–        (l’altra squadra completa la rimonta e passa in vantaggio): Oh dio dio dio dio…ma valà valà valà…la gavè grassa….piantèla lì e né a farve ‘na docia valà se no ‘n ciapè altri quatro de peri….madona che roba…

–        – Ohhhh Ohhhhhh ma vara che demem se i buta fora….hat viste ‘l do che entrada a gamba tesa? Becher….becher….

–        “Dai, dai….dai…..e tira oscia, s’aspetit st’am che vei? Ah, ah….”

–        -Ghe manca men de ‘n minut….ma gnanca se i stà chi n’altra meza giornada i paregia…ah ah

–        “Arbitroooo…..mai sentù stà parola? Rigore. Rigoreeee Arbitrooooo….ma da ‘n do vegnelo ‘sto arbitro? Da Laives? Magnacrauti…..panzom piem de biraaa….osciamadona…..kartoffel,,,sacramentaifel….ma valà valà valà….

–        (allo scadere autorete, 4 a 3 per gli ospiti): Popo, vara che la porta de lori l’è da l’altra banda, vers la ciesa…dai che nem a farne ‘n brulè valà che m’è vegnù mal de stomech…no vegnu pu a ciapar fret per veder partie del genere, no vegno pu….

EL TRENTIN (PENSIONA’)

E ‘l COMPIUTER

(bestemmie irriferibili davanti al Pc): Diaoldequeldialporco guaiaporcole e putana de quela (batte i pugni sul tavolo svuotando il portacenere) …che oscia anca le ciche…’cramentaifel de quela—

(la moglie): ‘Sa è suzès? Calmete valà, che te va su la presiòm…

“No, ma cossa m’hai vendù…’n trabicòl? Che zà i tasti i è picoi…e po’ l’è semper ‘nciodà, osciaaaaa”

(la moglie, mentre stira): scolta, domandeghe al bocia quando ‘l vei no? El ghe capiss semper pu de ti…

“Ma chi l’è  tut ‘enciodà. Te poi mover el mister chi, el sorz fin che te voi….la frecieta la resta lì dove che l’era en quart d’ora fa zamai…”

–        Te digo, faghel veder al bocia quando el vei de volta da l’università…lassa star che te fai su ancora pu casim…

–        “Va bem valà, vago n’atimo a ciapar ‘n po’ de aria, che forsi la me passa…

–        -Miga bicieroti neh? Vara che l’è prest ora de disnàr…me racomando…

–        “Ma valà, fago giust do passi…per farme passar el nervòs…

–        (arriva il figlio): Ciao mamma, dove sono le chiavi della macchina di papà? Dovrei scappare subito….mi aspettano…

–        (il padre): No se saluda pu? Ah zamai quando i deventa dele zime…i è massa alti….Scolta, cosselo che te voleressi? Le ciavi dela machina? E per nar dove? Lontam? Vara che no la me vegna de volta sbrugnàa come l’altra volta neh….e comunque prima te dovressi darme na mam co ‘sto laòr chi…vei che te fago veder…

–        (il figlio): perché? Cos’è che non va?

–        “Tut enciodà diaolporco…no vedit che no se move gnent? Oh così, de colp neh….”

–        -Hai provato a spegnere e riavviare?

–        “Tute l’ho fate. Gò dat anca na paca dal de drio che no sia qualche valvòla sfantàda…”

–        -Eh però non è questo il sistema. Ho poco tempo però….fammi vedere un attimo….

–        (usa i comandi della tastiera): mi pare che non ci siano grossi problemi…epperò….forse invece…ma scusa come mai va il mouse? Eh…eh…papà ogni tanto cambiare le batterie….

–        “Ma dime ti….se l’ho zamai cambiaè tre mesi fa oscia…no me par de esser semper lì davanti a ‘sto compiuter del pit diaoldequel…”

–        -Ecco, bene….ma c’è ancora qualcosa che non va…

–        “Vedit che no conto bale? El s’encioda massa de spes….vei fora anca robe strane…”

–        -Tipo?

–        “Ah no savria spiegarte. Robe rosse…en ingles…”

–        -Ah ecco, mi sa che che ti sei beccato un virus…eh sì, questo è un virus…ma non l’hai aggiornato l’antivirus?

–        “Ma benedeto putel…cossa vot che ‘n sapia mi de ‘ste robe…zà stento a crederghe che per ‘n giro d’aria el compiuter el poda ciaparse su na doia…”

–        -Va bene, senti provo a installare il mio con un by pass…sperando che….cavolo sono già in ritardo….facciamo stasera?

–        “No no se te voi la machina ades te me tiri fora dalle strazze….se no te vai a pè o ‘n motorimmm”

–        -Papà, è da due anni che non ce l’ho più il motorino…

–        “Va bèm…ti te me dai na mam e mi te dago le ciavi dela machina…metentela cosita…che ‘l dropo oscia el compiuter…”

–        -Per cosa lo utilizzi scusa?

–        “Ma me sento coi me amizi en Fesbuch…fem do ciacerade…”

–        -E non potreste telefonarmi o vedervi?

–        “Vot le ciavi dela machina o na peada che te rebalta? Dai, su, mover le manote…”

–        (dopo un quarto d’ora di smanettamenti): Ecco, adesso dovrebbe andare….ho pulito il tutto…scusa papà ma posso domandarti una cosa?

–        “Dime, dime tut quel che te voi…te sei stà veramente brao, brao bocia…”

–        -Perché ti colleghi con quei siti porno?

–        “Mi quele sporcarie lì? Ma te sarai bem mat? Mi ala me età quele robe lì? Ma valà le sarà vegnue denter ensema a quele brute malatie del compiuter…”

–        -Veramente solo nelle connessioni recenti sei rimasto in collegamento per ore…chiaro che prima o poi il virus te lo becchi…

–        “Oscia, elo roba tipo Aids? ‘Cramento, miga dirghe gnent a to mare neh? Scolta, toh vara zinquanta euri…che te dovrai anca magnar qualcos stasera dove te vai no….oh me racomando….

–        (la moglie): Alora avè finì? Giustà sto benedeto compiuter?

–        “Sì sì, ah l’’è stà bravo el m’ha netà tuta la sporcaria che ghera finì denter….sarà stà la zendro dei zigareti quando s’è rebaltà el portazenere….(rivolto al figlio): vara che se te disi qualcòs…ne sem capidi…

TRENTINI (PENSIONAI) DAVANTI

A ‘N CANTER

(scavo in centro città per la posa di nuove condutture fognarie): – gruppo di anziani assiste ai lavori, in piedi, con le mani incrociate sulla schiena)

BEPI: Ma chi l’è en Dom de Milàm, i l’aveva ‘pena sistemada ‘sta straa, adès i la rebalta de nof, mah…

ERNESTO: Che po’ se i li fès de nòt ‘sti mistèri e se trarìa ‘nvanti senza far tanti gazèri dal dì..

PINO: Vara, vara…i è massa streti quei tubi. Me n’entendo mi, ho fate l manoval per quarant’ani. I è streti. Basta che te scampa qualcos de gross nel cesso….ah s’entàsa tut…zà che te ghe sei meti zò quei grossi no…

BEPI: Magari l’è perché no i gà pu soldi en Comun…ma sparmia su qualcos altro diaolporco…

ERNESTO: Ma digo, te sbusi per meter zò el metano, po te stupi e quindese dì dopo te risbusi per meterghe zo i fili dela luce, po te stupi e adès te ritachi a scavar per le fognadure…ma fa tut en de na volta no…saria come se per far na casa te fessi le pareane desmentegando i fori per i seramenti o pezo, far getade de pavimenti senza meterghe soto i tubi del riscaldamento…che fat dopo, spachit su tut per i impianti….ah ma ades i laora tuti ala sbregabalom sat…no ghè pu i artezani de na volta

PINO: E ghè lì um sol che mena el toròm…ah st’am che vei el trovèm ancora chi…

ERNESTO: Vara che a st’am che vei ghe manca poch…sem ala fim de dezèmber…

PINO: Ma l’è per dir…

BEPI: toh, vara sul tabelòm quant che costa sti laori…te me capissi bem….

PINO: Te l’ho dit no che i la tira per le longhe per ciapar pu soldi…sti chi no i va miga a cotimo sat…

GIANI: Voia de laorar salteme adòs…e po’ i dis che ghè tanti disocupai, che no ghè laoro….

PINO: Laorar per el Comun laorar per nessum caro…po’ se no ghè chi nesuni che tende…ciao Nineta

ERNESTO: Ma sat che a forza de veder laori fati sì mal m’è vegnù sé…dai che nem dal Nando a bever qualcòs che zamai è vegnù le dese stamatina

(l’operaio riemerge dal buco e si rivolge agli anziani): Scusate, siete di qui? Sapete dove si mangia bene e per pochi soldi da queste parti?

GIANI: El varda se ‘l vol lazò ghe la tratoria dela Rita…el disnar el se lassa…el disnar, no la Rita neh….ahahaha

(l’operaio) grazie dell’informazione

GIANI (a debita distanza): Ai me tempi no se neva a magnar nei locali. Gamèla e botiglia de vim da casa. E miga pagheva el paròm….

PINO: Te me capissi bem che così no la pol nar avanti en Italia…

ERNESTO: Che po’ se te pianti lì de laorar per nar a magnar…ah st’altr ‘am che vei sem ancora chi….no se pol dai…no se pol…..anca el Comum butar via i nossi soldi così—-

EL TRENTIN AL MATRIMONI

(in chiesa, sottovoce, al vicino): “Oscia ‘l savevo mì che sto chi l’è um de quei preti che la tira longa co la predica…dai, dai che gavèm tuti fam…Che po’ l’è le solite menàe dai, magari da chi a n’àm sti chì i se sepàra…altro che fin che mort no ve slontana…vàra, la nona Ester l’è zà encoconàda…no la sarà miga morta…me par che no la se mova….ah no, no, la arfia ancora….”

(aperitivo): “Tàsta ‘sta roba…prima che i la faga fora…che chì caro se no te stai ‘tento…me sa che ghè zent che no magna da ‘n par de dì per farghe posto…bom ‘sto vinèl…odio a mi el me piaseria ‘n po’ men dòlz…ma el se lassa dai…”

(a tavola): “Tei Walter, slònga zò el rosso valà…ma ti no erit astemio? (il vicino: “Eh, ma da quando ghè scapà la sposa…), bone ‘ste ciopète….par quele dei todeschi…’sa ghè denter, cumìn?

(a metà pranzo): “Zerto che i è ‘n po’ lenti me par…va bem che l’è ‘n matrimoni…che dovèm tirarla longa…ma chi zamai vei anca ora de zèna se la va ‘nvanti cosita…vago for n’atimim a farme na ghebada valà…

(dall’interno): Viva i sposi, viva i sposi, viva i sposi….baso, baso, baso…

(al vicino): “Bela gnoca la sposa ah? Anca ‘l Guido però, nar a tòrsela ‘n zò, con tute le bele putele che ghè dale nosse bande…ha adès te verai, nel giro de ‘n par de mesi i ghe ariva su tuti. E miga sol i suoceri…Del resto Sirmiom no l’è miga tant lontàm…”

(coro): Viva i sposi, viva i sposi, viva i sposi

(al vicino): “’sa gat fat ti de regàl?” – Ah som nà co la lista noze, en robot per la cosina. “Mi vara, per no saver né lezer né scriver, gò fat la busta….zinquanta euri. Che po’ l’è quel che te pagheressi per n’antipasto, en prim, en secont e ‘l dolce no? E magari t’envanza anca…dai”

(sera in discoteca): “Sat che te digo, som zamài stuf de ‘sto ciàs…che ‘n disìt de nar zo dai teròni a farne ‘na piza co na bela birazza? Tanto chi no vei for pu gnent…e i gà anca tuti ‘l nàs levà… – Mi veramente me speteria la sposa a cà a na zerta ora… “Brao, te l’avevo dit che col matrimoni t’avressi ciapà anca la corda per ‘mpicarte…”.

EL TRENTIN DAL DENTISTA

(il dentista, amico di vecchia data) – Ciao Cornelio, allora dime ‘n dove te senti mal…

“L’è cchel iii sooot…ahhh èèè chhhe lììì”

–        ‘sto chì soto ‘l pont no…’sto chi no?

–        “eeehh cheee ììììì”

–        Bom, ho capì, sciacquete e spua pur… vedit, me sa che l’è propri ‘na bruta rogna. Perché quel dent che te fa mal L’è propri quel che tei su el pont da quela banda. E me sa che a so temp no i te l’ha gnanca devitalizà…ma chiel che t’ha fat ‘sto pont?

–        “Ah no me ricordo…no erit stà ti?”

–        – No credo, vara no l’è per parlar mal de coleghi, ma mi misteri del genere, a sbregabalom no n’ho mai fati…comunque te disevo, narghe al vers al dent che te fa mal l’è ‘n casìm….dovria sbusar el pont…sperar che dopo ‘l tegna ancora…ensoma, ghè el riscio dopo che vegna zò tut e alora no saressem né fodrai né embastidi….capissit come?

–        “Sì ho capì, ma alora?”

–        – E alora valeria la pena, vara che questa l’è n’idea neh, po varda ti….valeria la pena rifar tute l pont, così vedem che magari soto no ghe sia altre magagne….che sat col nar del temp l’è fazile che le vegna fora…

–        “E rifar el pont quant vegniresselo a costar?”

–        – Te fago en preventivo se sa….però tel digo subit, no l’è na monada. Ghe vol el so temp…

–        “Va bem el temp, ma de soldi?”

–        – A ocio e cros naressem sui dodesemili…de pu de mem….se ‘l vede sol entant che se ghe nete mam…

–        “Oscia, sì tant? L’è quel che me serviria per cambiar la machina che zamai la gà su trezentomili chilometri e ‘n di o l’alter la me lassa a pè…”

–        – Eh ma credo che sia meio no averghe pu mal de denti no?

–        “Sì ma se la machina la me lassa a pè po’ me vegnirà mal de gambe…”

–        -Vara, me rendo conto. La patim tuti ‘sta crisi. No sta creder, anca mi…ghè zent che pitost che curarse i denti la se i fa cavar…

–        “Eco, eco…e se te me cavessi ‘sto dent che me fa strussiar?”

–        – Te l’ho dit, se tirem via quel vei zò tut ‘l pont….

–        “E tira zò anca el pont alora…”

–        -Sì ma dopo come fat a zacar? No te poi miga dropar le zenzive Cornelio dai…

–        “E ‘na dentiera? ‘Sa costela ‘na dentiera?”

–        – Ma dai che te sei ancora zoven per le dentiere…

–        “Ti dime quant che la costa entant…”

–        -Ma no savria ades….tacheghe i costi de le estraziom…no so….sui domili, domili e zinque….

–        “Ma el material, sì voi dir, l’oro el me resta a mi dopo no?”

–        -Ah tel digo subit che se te vai co ‘n pont dai compra oro….sì e no che i te lo tol…e se i te lo tol te ciapi na pipa de tabach…

–        “Scolta, ghe penso, te so dir…”

–        (a casa, al telefono): Dino? Ciao, sono el Cornelio. Cosel che te me disevi l’alter dì che to fiol, quel che ha studià compiuter a Milam el gà na stampante de quele che fa robe precise come se fus vere?

–        “Sì, la stampante 3 D, l’è che ades l’è propri zo per Milam…’sa vot che ghe diga?”

–        -Ti domandeghe se ‘l saria bom de farme ‘na dentiera. Oh pagando el disturbo se sa….sapieme dir…ah, n’altra roba, la to sposa laorela ancora a l’ospedal? Saressela bona de cavarme disente sei sete denti?

–         –

EL TRENTIN E I GIORNAI

(bar, ore 10 circa): “Ciao Miriam, el solito valà….”

–        Bianco co l’amaro?

–        “Se te digo el solit vol dir el solit no…’n do ela enveze la Gazeta?”

–        -Ah la sarà ‘n giro…

–        “E i altri giornai? ‘n giro anca quei?”

–        -Prova varda lì de fora…

–        “Ma diaolporco, e quela idea de far i biglietini come per la coa ala posta o ‘n gastronomia?”

–        -Avèm provà ma ghera um che vegniva bonora e porteva via tuti i biglieti…

–        “Ma dime ti…begàr per lezer i giornai adès-… dai valà dame da bever che zà som drio a deventàr malmostòs…”

–        (dà un’occhiata a chi legge un quotidiano locale…) (e a voce alta…) “No perché Miriam se anca mi me meto adès a lèzer el foi da ‘n zima a ‘n font, magari misciando entant el cuciarim nel capuzim…te me capissi bem…”

–        (l’altro, chiamato in causa): – Tei, vànzit qualcos? Vara che ho ‘pena scominzià a lezerlo ‘sto giornal…te podevi vegnir prima…

–        “Ma parlo con ti? No digo, onte forsi parlà con ti? Miriam, damen n’altro valà…som zidiòs stamatina”

–        (si libera un quotidiano): “Bem valà, almem ‘sto chi l’ha fat en pressa…no ocòr miga ‘mpararli a memoria ‘sti giornai neh…”

–        (l’altro): – Ma set ‘n musulmam?

–        “Cossa? Vara che semai te sarai tì che vei dai africani…no ei de Salò i toi…”

–        – No, l’è che vedo che te tachi da zo ‘n font a lezer…

–        “Sarà anca afari mei no? Mi taco semper via da quel che i fa la sera a la televisiom. Po’ ‘l sport, po’ vardo se è mort qualchedum che conosso ne la Busa….n’ociada ‘n zima che magari me som pers qualcos denter…fine…miga come ti che sul giornal te dormi tuta la matina….”

–        – Ma alora te podevi dirlo prima no…te l’emprestevo subit…

–        “Sì, adès i è boni tuti…toh vara chi, rissa in un bar del centro per futili motivi….te me capissi bem….ghè ‘n giro zent che bega propri per monae…”

EL TRENTIN ENTERCETTA’

Skrsssssss skrsssss : ‘spèta che che….ve…ora….galleria…adès m…sentit?

–        Sì, te sento, ‘n do set?

–        “No ‘sta preocuparte de dove som…ti pitòst te set ricordà de quela roba?”

–        – Tranquilo, ho fat tut come se diseva de far

–        “No, ehm, perché, te me capissi bem neh, vara che se no…”

–        – El so el so, no no tut a posto, lissio come l’oio…

–        “Bom, alora  l’è sistemada”

–        -Oscia, domandemel ancora…

–        “Vara che no vegna fora po’ gazèri, podo star en paze?”

–        -Te sei en de na bot de fer…

–        “Miga come l’altra volta, me racomando…”

–        -Ma no l’altra volta no som miga stà mì a starghe drio. Stavolta enveze…

–        “Podo contarghe a oci serai?”

–        -Ma perché set così malfidente oscia…

–        “No sat, l’è quele robe che o te sei sicur se no ….magari vei fora magagne, casini propri quando me te te la speti, capissiti come?”

–        -Ma se te digo che va bem….

–        “Scolta però i dindi adès no i gò….va bem se tei porto el mes che vei?”

–        -Oscia, te me meti en dificoltà….ho fat vegnir anca zent da fora per sistemarte el to problema, almen qualcos te podressi anca darmel subit…

–        “Vara che no te sto disendo entant grazie, el so anca mi che l’è stà en casim…però zerca de capirme anca a mi…”

–        -Fente zinquezento subit e i altri el mes che vei? Te va bem cosita?

–        “’n do i trova mì ades quei soldi…no gò en scarsela gnanca quei per i zigareti en sto moment…”

–        – Vara che no l’è stà fazile trovar propri quel che te volevi ti neh…no s’en trova pu ‘n giro tant fazilmente…roba bona, de qualità digo…

–        “Sì ma mi la me serve giust domam dopodisnar….che gò da farghe far en bel viazo a zent che conta te verai che dopo tei porto i to soldi…tuti quanti um sora l’alter”

–        – Va bem dai, però no stà farme telefonar ogni dì a domandar la carità neh…

–        “Tranquilo. Scolta, alora, daghe anca na bela lustrada entant ala Balila e meteghe do nastri bianchi de quei per le noze….ma sì te pago anca quei tranquilo….ah, neteme bem anc i sentai se sa…”

 

EL TRENTIN EN DIVIETO DE SOSTA

(da lontano vede il foglietto della contravvenzione sul cristallo): Ma diaolporco, diaolporcooooo…per do minuti….do minuti….
(incontra il vigile): Elo stà lu a farme la multa?
(vigile): Eh mi dispiace, perché vuole pagare subito?
“Pagar subit? Ma che mancheria anca quela…el varda che som nà giust chi denòr a portar el bocia a l’asilo neh…do minuti….ma dai, no se pol…”
-Guardi ormai è tutto inserito nel computer, non posso farci niente. Se vuole può presentare ricorso…
“Ma dai che se ‘l vol el pol scancellarla anca lu…el schiza en botom no…no saria mig ana roba così difizile…”
-Purtroppo invece è impossibile fare quest’operazione una volta inseriti i dati nel sistema….e comunque non si tratta di disco orario scaduto, questo è un parcheggio blu, a pagamento….e non era esposta la ricevuta….
“Ah perché no l’è a disco orario…ma da quando? Fai le righe blu de not ades?”
-No no le ripeto, questo è un parcheggio a pagamento, da quanto non lo so, di certo non da questa note…
“Però oscia, almem tegnir cont del fato che ho mes fora el disco….miga semper uno el varda de che color l’è le righe per tera prima de fermar la machina no?” E po’, el varda quanti posti liberi che ghè, no gò miga robà posto a nesuni…do minuti digo…do minuti…”
-Veramente ho controllato anche il disco orario…sarebbe stato comunque fuori di almeno quaranta minuti…
“Ma sì l’è colpa del Giani. Anca lù l’ha portà so fiol a l’asilo. L’era ‘n pez che no ne trovevem. Avem fat la naja ensema…po’ lù l’è nà coi carabinieri…adès el comanda la staziom de Dro…bravo, salo….oh digo, carabinier, el comanda la staziom de Dro….”
– Va bene, dove vuole arrivare?
– “Che ensoma, dai, ne sem persi en po’ a ciacere, sem nai a bever….a bever….en cafè…po’ de colp m’è vegnù en ment del disco ….cori….ma zamai l’era tardi….”
– -Guardi, le ripeto, se vuole può fare ricorso, ma credo ci sia nem poco da fare….
– “Ah quando ghera le guardie de na volta…se se capiva al volo. I era pu umani diaolporco…
– -Che fa bestemmia? Mi offende?
– “El varda che darghe del rugant al diaol no l’è mig ana bestemia…o lue lo el diaol?
– – No, così, mi sembrava, scusi comunque, sono in servizio, dovrei andare se non le dispiace…
– “Ma sì el vaga, el vaga…el staga atento però a nar piam su per Dro, ghel digo al Giani che el ghe staga drio quando l’è en patuglia….
– – Mi sta minacciando?
– “Chi mi? Ma se nol conosso gnanca…
– (guarda il foglio della contravvenzione, gli sorge un dubbio)
– “Ma ‘sta chi, ‘sta chi no l’è miga la me targa…oh, machina precisa…targa diversa….oscia, l’è quela del Giani….che l’ha comprà el stess model…ma che ‘l se ciava….Anca lù ‘na volta el gà dàt na multa al bocia perché l’aveva trucà el motorim…la ghe stà bem….e difati la me machina l’è là drio…oscia…vot veder che el vigile el va a veder adès…..El me scusa….el me scusa….digo a lù…..ghe la sposto subit quela machina lazò, l’è quela de la me sposa…”

EL TRENTIN DAL CAROZIER

“Ciao Giani, set ciapà? Gavria da farte veder ‘na roba…”

–        Speta n’atimo che ghe dago na carta al perito e vegno subit, portala denter entant la machina….

–        “Eco, vèdit, toch de paraurti davanti, e anca de portiera….se trovo quel che m’ha fat ‘sto regal nel parchegio…”

–        (il carrozziere osserva meglio): – Mah, ‘sa vot che te diga, no pareria che i t’avès tocà denter…no vedo segni de vernìs…pitost…scusa sat….me pareri ana bota contro ‘n murèt….vèdit chi, ghè ancor su granèì….Hat sterzà n’atimim prima de far na curva magari?

–        “Ma, scusa, set embriach zà de matina bonora? Dai Giani, se te digo che l’ho trovada cosita nel parchegio…”

–        – Sarà, ma vara, vei chi de drio….chì ghè sgriffi che pareria de rami, come te fussi finì nel bosch….oh, pu che murèt davanti podria anca esser qualche sass…così su do pei…però te digo, no pol esser stà na machina che t’ha rovinà la fiancada…sel vedria…

–        “Va bem, cossa me vei fora a meterla a posto?”

–        – Te dovressi lassarmela chi che ghe dago n’ociada…entant se te voi podria prestarte n’altra machina, gat quele asicuraziom che paga sti servizi de cortesia?

–        “Ma sì, sì valà…a ‘sto punto te la lasso chi e sciao…fame en colp de telefono ah?”

–        (dopo un paio di giorni)

–        (telefonata del carrozziere): – Pronto, Mario? Vara che con domili euro te sistemo tut…podria anca farte de mem ma co l’Iva…

–        “Dai no pòdit scalarme zo qualcos che te pago en nero? ‘Na fatura per mili e zinquezento en soldi fora via…”

–        -No podo te digo, ghè la finanza che va e vei tuti i dì….i ha zà becà diversi artezani chi ‘ntorno…

–        “Fente mili e oto? “

–        -Te digo che zà som propri quasi sut a farte sto prezo…vara che gò da pagar anca do operai neh…po’ no l’è che zamai i fornidori i speta pu de tant a ciaparli, l’è crisi caro, crisi da babao…

–        “Va bem te sei el solito pianzimarenda….giusteme ‘sta machina che dopo vedem…quant narà via?”

–        – Vara, zobia che vei te poi vegnir a torla….”

–        (il giorno prestabilito) – Ciao Mario, la to machina l’è lì nel piazal…gavem dat anca na lavada…

–        “No te me farai miga pagar anca quela…”

–        – No, l’è che ghera denter en casim….e po’, come te disevo mi, l’è come se la fussa finia en de ‘n bosch…ghera perfin ciorciole tacae soto…

–        “Ma valà….”

–        – E miga sol quele. (sottovoce): scusa sat, ma – t’ho mes en de ‘n sachetìm scur quele robe…

–        “De quali robe parlit?”

–        (l’altro, con un sorriso d’intesa): ma sì dai, le mudandine da dona, i preservativi, i giornai porno, quel coso de plastica….

–        “Ma de cossa parlit, vara che mi som sposà, gò tre fioi, no te vorai miga che ….”

–        – Oh, Mario, quel ho trovà, la resta tra noi se sa…

–        “Scolta Giani, miga nar a dirlo en giro neh….anzi vara, cossa avevem dit, mili e oto? Fem domili come te volevi e morta lì…ma me racomando…e quel sachetim lì butelo via valà te prego….che no vegna fora gazeri….

EL TRENTIN ALA POSTA

(appena entrato nota la ressa) – Pensa: “Ghe sèm…anca ancoi ghe volerà tuta la matina dialporco…”

(pigia il pulsante ed esce il numero AO108, sul tabellone sono fermi al numero A039)

Non c’è una sedia libera. Allora esce a fumare una sigaretta…incontra un amico.

“Anca ti en ‘sta bolgia…ah me sa che ne la cavèm a mezdì zamai…squasi vago a tor qualcos al bar.che numer gat ti? AO102? Vei anca ti che nem al bar chi vizim…

–        Si, ma vara che magari saltem el turno….

–        “Ma valà…prima che i ariva a zento…fa a ora a vegnir la ne fale basse anche se l’è istà-…”

–        (vanno al bar, tornano dopo quaranta minuti)

–        Sono al numero AO78

–        “’sa t’avevo dit…chì caro la va semper per le longhe…e po’ no capisso, quei che scominzia con PA i è a PA208…i fa nar envanti semper quei che vei chi per i soldi…oscia ma la posta ela deventada na banca adès? Mi gò sol da meterghe su do francoboi a ste buste e far na racomandata…te me capissi bem…anca nei tabachini no ghè pu francoboi e sat perché? Perché anca quei dei tabachini i s’è stufai de far la coa…el vaga ala posta el m’ha dit um stamatina…i avem finidi….sì, finidi, no te l’hai mai comprai diaolporco…

–        Sono al numero AO80

–        “Ma ‘sa gal da contarghe su quel lì…la storia de la sposa che l’è caminada da casa? El bocia che el deve ciapar leziom de ‘taliam? Ma dai che no se pol star en coa come bestie per do francoboi oscia…toh vara, adès el zerca i soldi nel borsèl…na preparei prima no embezile…e enveze che contar la monea daghe dese euri entreghi che i te dà lori el rest che monea nei casetini i ghe n’ha…ma se pol?

–        Numero A081

–        “E vara ‘sto chi…ma falo el postim? Na borsa piena de buste…ah questo l’encioda tuti per n’ora…ma vei prest no se te gai tuta quela roba ‘cramento… Ah vara mi vago a farme n’altro bicer sat…me sa che riesso anca a lezerme el giornal, magnar en tost…vegnit anca ti?

–        – No vara, no voria star mal…gò zà el stomech rebaltà dal cafè coreto de prima…no stago chi…te speto…

–        (dopo un’ora e mezza): entra e non trova l’amico

–        Numero AO110 Pensa: oscia come hai fat a nar avanti sì ‘npressa….

–        “La me scusa neh (all’impiegata) mi gavevo l’AO108…

–        – Eh ma se non si presenta quando scatta il turno…adesso ormai devo procedere…può prendere un altro numero intanto

–        “Cossa? Cossa? Ah? Cossa elo che dovria far? Tor n’altro numer? La vara che no podo miga star chi fin quando serè l’uficio neh? Cossa? Ma diaolporco…dime ti….dime ti…ma se ciava anca francoboi e racomandata savè che ve digo? Ciaveve  vago a l’uficiot de Bolignam….e magari me vanza el temp prima de fermarme al Primavera…’cramento…ma ciaveve voi se mati come tuti i postamat….

EL TRENTIN A L’AGENZIA VIAGI

 

(a piedi verso la sede dell’agenzia, insieme alla moglie): “Ma per nar al mare dese dì bisogna propri prenotar? ‘n do ela tuta ‘sta crisi…e po’ basteria dirghe al bocia che ‘l varda sul compiuter no…adès zamai  te schizi en botom e i te fa anca el bigliet del treno…”

(la moglie): io vorrei invece vedere un paio di offerte per l’estero. Sono stufa di andare nella solita pensione di Riccione.

“Scusa neh, el sol tel ciapi l’istes, a Rimini come en Bondom. En pù en quela pensiom zamai i ne conòss da ani, se magna bem, se voi gò i me giornai vizini…meti che mora um de Trent che conosso…tel sai subit…”

–        Mi piacerebbe cambiare, tutto qui, ma tu ormai sei un abitudinario…il mondo non è mica tutto racchiuso tra giro del sass a Trento e quella pensione al mare, tra l’altro, ti dirò, anche sporca…

–        (arrivati all’agenzia)- dai andiamo…e butta quella sigaretta dai…

–        “Oscia, l’avevo ‘pena ‘mpizada…’cramento”

–        (al banco dell’agenzia): buongiorno, allora, ditemi…avete già un’idea?

–        -Veramente io e mio marito vorremmo quest’anno andare al mare. Ma non sulla riviera Adriatica, anche all’estero se ci sono offerte interessanti…

–        (la tour operator): Bene, le proposte vi dirò non mancano….dalle Baleari all’Egitto, dalla Grecia a Marocco, Tunisia…poi se si vuole ci sono anche dei last minute interessanti…Zanzibar ad esempio…

–        “E pu lontam? No ghè gnent de pu lontam? Dai Elena ‘n do vot nar…che va a finir che stem su l’aeroplano pu de quel che stem en spiagia…”

–        – Scusi sa, mio marito è fatto così, in vacanza sì, ma senza andare in capo al mondo…magari sempre nella stessa pensione come abbiamo fatto per anni…

–        “No, digo, Zanzibar…el sarà en tanta mona…e po’ lo dis la parola…sat quante zanzare ghe sarà…no ghe n’avente asà de quele che i n’ha portà chi co le gome dei camion?”

–        (tour operator): ecco, direi che un compromesso potrebbe essere quest’isola greca…un prezzo stracciato, volo più hotel mezza pensione, extra compresi…

–        “Cioè ala fim quant naressem a spender?”

–        – Mi faccia fare due conti…vorreste anche il transfer da casa?

–        “No no no voi drio zent strana…”

–        -Intendevo volete arrivare all’aeroporto con uno dei nostri mezzi a noleggio?

–        (la moglie): sarebbe comodo, anche perché mio marito ormai in macchina dopo due ore di guida si addormenta…

–        “Ma valà, valà…zerto se te meti su i to cd dela yoga che te fai la sera….”

–        (tour operator): bene, in tutto con 1485 euro dovremmo farcela….poi le spese di assciurazione, tasse portuali….il transfer….

–        “E daghe , ho dit che no voi drio zent strana…”

–        – Ecco (rivolta alla moglie) questo sarebbe il saldo…tutto compreso

–        (la moglie): dai mi sembra un’offerta buona….

–        (il marito): “Cossa? Ma sat che con ‘sti soldi stem a Riccione en mes?”

–        (la moglie): Forse non ti ricordi quanto abbiamo speso l’anno scorso per quindici giorni…e tutta colpa dei tuoi aperitivi in spiaggia, delle sigarette, dei giornali…dei gelati, delle birre…ma non ti ricordi che alla fine anche tu eri rimasto sorpreso dal conto?

–        “Sì ma nar en de n’isola…dove se no te pias no l’è che te poi vegnir de volta come e quando te voi…e lassarghe per de pù lì tuta la pensiom…”

–        (tour operator): altrimenti avremmo qualcosa anche in Spagna, Sardegna, ecco, forse questo….Madeira…

–        “La me scusa neh, tant per curiosità, n’albergo do stele sul lach de Garda, co na piscinota…”

–        (la moglie): ma che dici…se vuoi andare sul Garda in dieci minuti sei lì…dai non facciamo riconoscere…lo scusi eh….

–        (tour operator): sì abbiamo proposte anche per il Garda, ma non volevate andare al mare?

–        “No, l’è che sul lach podria anca pescar, perderme via….entant che la sposa la ciapa el sol”

–        (la moglie): Guardi, mi lasci riflettere…vado a casa, sistemo questa situazione e la prossima volta torno da sola….mi ha capito no?

–        “Sì sì valà, nem a casa che m’aspeta ‘l Gino per la partia a carte al bar…fa quel che te voi ti, po’ però no sta lamentarte se ghè ‘l vent, quei magnari foresti i te fa mal de stomech, la spiagia l’è sporca e no ghè gnanca en negozio de scarpe da vardar neh…Dime ti cossa che ghe manca a Riccione per passar do stimane en paze. Sia tì che mi soratut…”

 

EL TRENTIN DOPO ‘N TAMPONAMENT

(fermo davanti al semaforo rosso, botta tremenda nella parte posteriore della vettura, dopo un attimo si riprende e apre la portiera, scende…)

“’Cramentoooo….’cramentooooo…ma diaol de queMa digl porcooooo….

(guarda la notevole ammaccatura, la guarda più volte, poi, dopo aver fatto una veloce stima dei danni, finalmente si rivolge a chi lo ha tamponato …)

“No, digo no, digo…ma diaolporcoooo…t’avrai vist che som fermo, che no podo nar envanti no, ma mi no so, mi no so….no, digo, ma digo no….e t’avrai vist che som fermoooo, fermo putana de quela vacaaaaa….fermo….’n do vot che vaga se l’è ross ah? L’è ross…dime ‘n do vagaaaa…..”

(l’altro): Guardi, non so come sia successo…proprio in quel momento sono stato distratto dallo squillo del telefonino…un attimo, è stato un attimo….ho cercato di frenare ma…

“Sat dove te te devi meter el telefonim? El sat endove? Ma digo…te verai che som fermo no, fermo diaolporcco, fermoooo…el telefonim….e vardar la straa? Vardar la straa? NO digo, ma digo…”

(intanto si è formata la coda, caos, ingorgo al semaforo, clacson)

“Ma cosa sonìt, cosa sonìt…no vedit che disastro? No so gnanca pu se la parte sta machina…masì sona che te vai al festival de Sanremo…sona…

–        Possiamo fare una constatazione amichevole se vuole….

–        “Ma benedeto, cossa vot constatar….te m’hai desfà la machina e la colpa l’è tua…cossa vot constatar zamai…”

–        – Beh, almeno spostare i veicoli dalla carreggiata….così sistemiamo le carte, le do i dati…

–        “Sì, e ‘na volta spostà le machine magari vei fora che la colpa l’era mia perché ho enciodà de colp…vara che i conosso quei come ti…no no ciamem i vigili….speta neh….ciamem i vigili…”

–        – Forse basterebbe comporre il 112…

–        “Ciama tì alora….ciama demò….”

–        (arrivano i carabinieri, fanno i rilievi, poi in qualche maniera i mezzi coinvolti nell’incidente sono spostati in un piazzale vicino)

–        (carabiniere): allora, visto che non ci sono feriti e la causa dell’incidente è chiara, vi inviterei a fare constatazione amichevole, anche perché dalla centrale hanno chiesto un nostro intervento per un sinistro grave…in ogni caso noi i rilievi per l’assicurazione li abbiamo fatti, li potete far ritirare in caserma…

–        – Per me non ci sono problemi, avevo proposto la constatazione amichevole al signore anche prima del vostro arrivo…

–        “Cossa, cossa? No, digo, alora sem come prima, né fodrai né embastidi…no no, (rivolto ai carabinieri) voi dovè scriver grant e ciar che quel lì el m’è vegnù nel cul perché mi ero fermo al semaforo ross…diaolporco mi ero fermo,,,,no digo, mi ero fermooo”

–        (carabiniere): guardi, quello che dovevamo fare l’abbiamo fatto, mi dispiace ma abbiamo un’emergenza, le ripeto, i rilievi per le assicurazioni se non trovate un accordo li potrete richiedere in caserma…mi dispiace, arrivederci….

–        (scambio di dati e tentativo di conciliazione tra i due) “Asicuraziom Vodeline? Mai sentua…no l’è che la sia falsa neh…”

–        – Ma no, è online, sa quelle che si fanno col computer….costano meno….

–        “Ho capì, de quele che quando ghè da ciapar le te rote le scatole a tute le ore, quando ghè da dar enveze…ciao Nineta….”

–        – No, mi creda, nessun problema finora…

–        “Mah…ensoma…e lu l’abita a Livigno….oscia ma l’è en Svizera Livigno… dove se va a comprar i zigareti e la ciocolata per demem perché no ghè su l’Iva—ho zà capì el tai del prà…la so asicuraziom se la va bem la me pagherà la metà del dan-.—ma diaolporco, digo, ma digo,.,,,mi ero fermnooo, capisselo, fermooooo….ah ma no la finis chi caro, l’estradiziom domando per ti, l’estradiziom diaolporco….tute a mi le me deve capitar….’cramentoooooo”

EL TRENTIM EN FARMACIA

– Buongiorno, mi dica…
(con evidente imbarazzo): “Ah toca a mì? La varda, la me scusa, no l’è perché la gò su co le done, ma ‘speto che se libera el so colega…”
– Come desidera, ma se è per un consulto…
– “No, no grazie, massa gentile, la scusa neh…”
– (davanti all’altro farmacista): “Salve, el senta…mi gavria bisogn…ah, sì, de quele robe….per destupar le recie….”
– -Cotton fioch? Guardi sono proprio qui sul banco…poi?
– “Sì, dopo, cossa m’halo dit la sposa…ah, na scatola de aspirine che le vei semper comode…”
– – Bene, basta così?
– “Sì, diria de sì …. (intanto la farmacista “ripudiata” lo guarda perplessa…)
– – Allora, sono undici euro…
– (paga, poi resta lì davanti al banco)
– – Le serve altro?
– “Sì, el varda, no l’è per mi neh, ma per en me amico che el gà rispèt….
– – Dica pure, se posso esserle utile…
– “No l’è che gavè quele pirole blu…salo, quele che dà n’aiutim…ensoma, come se ciamele, quele via agrumi…cioè senza limoni e naranzi denter enmagino…el m’hà capì no?”
– – Intende il viagra? Sì, l’abbiamo, ma mi servirebbe una prescrizione medica però…basta che il suo amico si rivolga al suo medico di base … non credo ci siano problemi no?
– “Eh, enveze i ghè i problemi, e grossi anca. Perché ‘sto me amico el gà dificoltà a moverse…l’è anca per quel che ‘l voleria ‘sto aiutim…el me capiss no? L’è semper lì mol, gnech…”
– – Mi dispiace ma senza ricetta non possiamo fornire questo tipo di farmaco….potrebbero anche insorgere dei problemi cardiaci o comunque effetti collaterali spiacevoli…se poi mi dice che il suo amico ha anche problemi di deambulazione…
– “Sì, l’è propri quel el problema…no ‘l pol nar a l’ambulatorio, capisselo…”
– – Appunto, ha problemi particolari…
– “Sì, propri lì, propri lì…”
– -No guardi, non dipende da me…
– “Oscia che ghe diga adess…che ghe serviva ste pirole per stasera che ghè la sagra, se bala e magari el bina ensema qualche ocasiom…”
– – Ma scusi, come fa a ballare se è costretto sulla sedia a rotelle da quel che ho capito…
– (preso in contraddizione): “Oscia so bem tant come el fa a balar…ma i me dis che el bala anca bem…comunque se no ‘l vol darme ‘ste pirole gàlo almem qualcòs che rinforza i muscoi?”
– – Sempre per il suo amico?
– “No, per mi stavolta…che gò semper le gambe mole…”
– -Vediamo, potrei darle questo prodotto…lo spalma sul muscolo….è tipo gel…agisce in pochi minuti…

EL TRENTIM A L’OBIT 

(alla moglie): ‘n do hat mès i biglietini per le condoglianze vanzai da quando i ha mes zò el por Pero?

“Vara che te parli de zinque ani endrio, me sa che da alora che stà  pù de n’òbit en paès…”

Oscia me toca nar al tabachìm…avèrzei prima de le tree? No, perché mi volèvo far giust en sàlt, darghe la mam ai sòi del Bepi, ‘na benediziom co l’acqua santa ala bara, lassàr lì ‘l biglietìm e vegnir de volta neh, ghe no gò voia de ciuciarme tuta la messa…

(la moglie): “Spèta che forsi n’è restà um nel secont casèt dela credenza….eco, l’è ‘n po’ enfagotà su—- ma se ‘l te va bèm, questo ghè…se no no savria cossa dirte…

“Dai, pitost che na peada nei zebedei…”

(all’entrata in chiesa): Sèt chi anca ti per el por Bepi? (intanto pensa: No, som chi per n’alter, te sei propri entrèch, e se no qualchedum de noi doi ha sbajà obit…)

–        Eh sì zamai, ma sat che l’avevo vist ‘pena do stimàne endrio… l’avressit dit che se saria nà sì prest al so obit?

–        “Sì, ma el gaveva el vizi dela bicierota…”

–        – Ma valà, l’è da quando ghè scampà la sposa de cà che l’ha scominzià a lasarse nar…

–        “Però entant tel vedevi pu al bar zo de l’Agip che sul camion a laorar…”

–        – Bom putel però dai, no ‘l se meriteva sta fim…sol l’avès domandà na mam ai amizi…

“Ma quel toc de tera che el gaveva de nora al fitom lo venderai a bom mercà adès?….

–        (Uno delle pompe funebri): scusate siete parenti del defunto?

–        – No, no sol amìzi…

–        (pompe funebri): No perché mancherebbero proprio due per trasportare poi la bara dalla chiesa….

–        – Ah ma mi devo nar a laorar salo…

–        “E mi dovria nar dal dentista tra poch…me dispiàs…

–        (quando è andato via l’impresario): – Oh, no te vorai miga che me vaga fora de nof la spala da l’òs….che l’ultima volta che ho portà ‘na bara l’era quela del Renato Cicio…na sderenada…scolta enveze, dai che mi meto el biglietim e dopo nem a bever qualcos….vegneme drio…

–        (incontrando un parente del defunto): Condoglianze sat, vara no ghe credo ancora che el Bepi no ‘l ghe sia pu…’ste robe chi le me ciapa el stomech…no ghe la fago pu a nar a l’obit de amizi….ne vedem…scapo…som zamai engropà

EL TRENTIM AL SUPERMERCA’

(reparto gastronomia)

(la voze de l’altoparlante…) – Stiamo servendo il numero 88, il numero 89, il numero 90

“Ma diaolporco, i tòl el bigliet e po’ i va ‘n giro col carèl per i afari soi…oscia ‘stà chi e speta anca ti no…”

–        Stiamo servendo il numero 91, il numero 92, il 93….

“Eco, tra ‘n poch me buto denter mi, anca se gò el 101…ma se pòl?”

–        Tocca a lei?

–        “No, mi som onesto neh, però no se pol miga spetar chi no ‘riva mai…”

–        -Mi dica….

–        “Do eti de poina….entant….oscia però no la me par massa fresca quela lì nel piàt…el lassa perder valà, el me daga n’eto de strachìm…no quel dòlz però…

–        – Un etto e venti, lascio?

–        “Massì valà, però t’avevo dìt n’eto per esser giusti…

-Altro?

“Vedo che la scatola dei sgombri l’è zamai ala fìm….ghè sol do tochèti negai ne l’oio…averzi ‘na scatola

Nova dai che così en par de sgombri i toleria volentera…

–        Eh ma adesso non posso, sono qui da solo…

–        “Oscia, vot che te daga na mam a averzer la scatola dei sgombri? Vara che gò semper drio el cortel con tuti i agegi…

–        -No, grazie, proprio non posso…

–        “Alora do pomodorini sechi, doi de numer neh…

–        – Ecco, uno e due…

–        “T’ho dit doi de numer per dir…empienìsi almem na scatoleta picola…

–        – Ecco fatto…

–        “Sì ma meteghe entorno n’altro giro de nailom che se nò ònzo su tuta la sportola….

–        Ecco, serviamo il numero 102…

–        “Vara che no avevo miga finì…e po’ tanto el zentoedò el sarà ‘n giro come i altri…

EL TRENTIM DAL DOTOR

–        Salve Giovanni, allora, le ha fatte le analisi  che avevo prescritto?

–        “Sì, dotòr, el varda…oscia ‘n do onte mess le carte…(tutte spiegazzate nel portafoglio) ….ah eco, no questa l’è la fatura per le gome da nef…. No ghè pu santi de pagar en nero con tuti quei controli che i fa al di de ancòi…ah eco, eco…”

–        – Vediamo, vediamo…eh eh eh…Giovanni non va mica tanto bene….anche qui….no, no….

–        “Cos’el che no va dotor? Mi gò dat n’ociada en freta e furia ma no me pareva d’esser zamai mort…”

–        – No, no…colesterolo alle stelle, non parliamo della situazione del fegato che emerge da questi valori….Giovanni, mi dica la verità, lei ci dà dentro ancora parecchio con l’alcol…

–        “Ma valà, en par de bicieroti la matina, en par a disnàr, se t’encontri qualchedum prima de zena….nè pu né mem del solito diria…”

–        – Eh ma è proprio questo solito che non va. Deve assolutamente cambiare abitudini. Stop al vino, non parliamo poi dei superalcolici….veleno allo stato puro ormai per il suo fisico

–        “Elamadona, ma gnanca en bicier de rosso entant che se magna?”

–        – Io consiglierei almeno per un paio di mesi di limitarsi all’acqua. Possibilmente naturale, non gassata.

–        “Gnanca ‘na Coca Cola?”

–        -Acqua. Acqua. Così facciamo un bel periodo di depurazione. Poi rifà le analisi e vediamo….

–        (al’uscita dall’ambulatorio)

–        (un amico): Ciao Giani, che ‘n pèz che no te vedo. Dai che te ofro qualcos…

–        “Tasi, tasi Guido che vegno ‘pena adès dal dotòr…l’ha dit che no podo pu bever. Gnanca a disnar”

–        -Ma valà che quei lì l’è i dotori zoveni de adès, zent vegnua su coi magnari che no sa de gnent, che ghe fa schifo el vim…po’ tel sai no, l’è come co le medizine…i ciapa soldi se i te fa comprar questa o quela…e scometo che ‘l t’ha dit de bever acqua no gasada….vedit…vedit che i gà i so enteressi… dai valà che l’acqua, come te sai, la smarzìs i canai, semai meio l’acqua….vite, vei che ne fem ‘na candola che te me pari bianch come na pezza…

EL TRENTIM AL MARE

–        Buongiorno, tutto bene? Guardate che bella giornata oggi. Se volete ho un bel posto in prima fila, proprio vicino al mare…

–        “Mi diria che forsi saria meio là via…che dopo quando vei i marochini i te mete el banchèt de le so mercanzie propri davanti al sdraio…”

–        – Come volete, non c’è problema. Ma guarda che bella giornata oggi, pensate, fino a ieri c’era un vento fastidioso…

–        (alla moglie) “Alora avèm fat bem ieri a nar a ciapàr el sol en Bondòm…te l’avevo dit mi che le previsiom del temp i le fa ala sbregabalom e ti che te volevi partir algieri…”

–        – Allora vi do due lettini e un ombrellone?

–        “Ma l’è la sposa che se sdravaca po’ a ciapar el sol…a mi el me dà fastidi….diria ‘n letìm, n’ombrelom e ….galo na caregheta? Tanto mì dopo vago ‘n giro en spiagia…

–        – Qui abbiamo tutto quello che desiderate…vi faccio portare tutto dal ragazzo….

–        “Va bèm, va bèm…. (rivolto alla moglie) … hat vist ‘na ricevuta, en toch de carta, ‘n scontrim? Ma sat quanti soldi i meti via sti chì fitando do sdrai e do ombreloni magari anca roti…come vot che la vaga bem ‘n Italia…”

–        -Eccoci, ah, se volete laggiù c’è il bar….facciamo anche qualcosa da mangiare, piadine, panini…ma se lo desiderate anche un piatto di pasta….

–        “No, no co la colaziom de ‘stamatina me sa che sem a posto fin stasera…”

–        (rivolto alla moglie): vara che fize, vara che panza, tete che par tirache…almem quertarse…mi no so, zerte done che va ‘n giro en quele condiziom…

–        La moglie: “Vardete la to panza valà che te pari de sete mesi…diria anca oto….

–        “Ma chi le tasse? L’è tut en magna magna….ghe faria pagar de pù ‘ste concessiom dele spiage….che po’ questi i va ale seisel co ‘ nossi soldi….capì come?

–        (suona il telefonino): “Ciao ciao Marco, sì la mama la stà bem, sì dai, ma sì la solita spiagia, el solito mar….ah scuseme, al Gino, quel che gavem cambià la caldaia l’alter dì, no digo che no fem fatura…ma però el dovria pagarne en contanti, sì anca enpoch ala volta che no vegna fora gazeri coi controli, no co la carta de credit…no per amor de dio e gnanca asegni…oscia devo spiegarte tut?”

EL TRENTIM AL RISTORANTE

–        Le lascio il menù…

“Ah ma ghel digo subit quel che voi…na bela piza col salamim picante…”

–        Veramente non facciamo pizze, solo ristorante…

–        “Ah…”

–        – Guardi pure il menù con calma…

–        (rivolto alla moglie)

–        “Te l’avevo dit mi che chi te paghi dese euri sol per ‘n pèt. Toh vara, ‘n piat de pasta col ragù a dodese euri. Che se vago a l’Eurospin con dodese euri vegno via con do quintai de pasta…ma dai…”

–        – Allora, vi porto da bere nel frattempo? Vi lascio la carta dei vini…

–        “Cosa? Cosa? Sedese euri per ‘na botiglia de sciava? Dai dai Maria che nèm valà che chi i ne magna fora anca quel che no gavèm…”

–        (usciti dal ristorante mentre il cameriere scrolla la testa…)

–        “E pensa ti, el voleva anca farne pagar qualcos per quei do minuti che sem stai sentài zo…dai valà che nem a farne en panìm da qualche banda…

–        (al bar)

–        -Fè panini?

–        “Certo signore, li vuole caldi?

–        “Oscia, do panini…tant che sia….gavè quei co la luganega

–        – Certo signore…li mangia qui o li porta via?

–        (la moglie): Mi gavria anca da nar al cesso…

–        (il marito): Speta valà che vedèm prima quant che costa magnarli da sentai…

–        (la moglie): Vara che me la fago adòs dal bòm…

–        (il marito): se paga de pu se mi magno ‘n pè e la sposa enveze la magna sentada nel cesso?

 

EL TRENTIM EN TRIBUNAL

-Allora, signor….signor?

“Bepi da Ciaram…”

–        Cioè Giuseppe da…de…Cia cosa?

–        “Bepi da Ciaram…de Romarzol, vegniria a esser el fiol del Gino quel che feva el caglièr..”

–        – Scusi, ma qui risulta Giuseppe Corradini…non è (rivolto al cancelliere) che ci sia stato un errore di notifica? Perché se c’è stato un errore dobbiamo aggiornare il dibattimento…

–        “Sì, som ‘l Bepi Coradim de Ciaram….ma se ‘l ghè scrit lì perché me lo domandel?

–        – Va bene, procediamo. Lei è imputato di abuso edilizio per aver eretto nella particella 440 del comune catastale di Arco una struttura solo apparentemente provvisoria visto che poggia su plinti di cemento. Come accertato in data 11 febbraio 1992 dai carabinieri della stazione di Arco, verbale di data 12 febbraio 1992, agli atti di questo ufficio in data 20 marzo 1992.

“Entant secondo mi l’è stata el Gigioti, quel che abita denor a mè cà, a ciamar i carabinieri. Perché ghe deva fastidi se vede che ogni tant i cunei i scapeva nel so ort…”

–        Ma lei l’ha costruito o no questo riparo per animali senza concessione edilizia?

–        “Ma l’è en gabiòt sior giudice, ho dropà veci seramenti per farlo su, ‘na roba messa ensema col fil de fer…”

–        -Però leggo, con basi in cemento…

–        “Ma ‘l varda che se se vol che staga su tut bisogna pur farghe na getada soto…se no se smarzìs tut cola prima pioza…e alora i cunei se sa che i scapa ne l’ort del Gigioti…l’ho fat sol per quel…la m’è costada anca rispeto al gabiot che gavevo prima”

–        -Però converrà che in ogni caso non ha chiesto i regolari permessi…

–        “Oscia ades bisogna far domanda en comun anca per nar a pissar? No ‘l me diga…no me par d’aver fat gnent su quel dei altri…”

–        – Resta comunque l’abuso edilizio, Del resto il verbale dei carabinieri è chiaro…

–        “Ma se ai carabinieri gò dat anca en bicier de bianch del nòs e do fete de luganega quela matina…pareva che fus morta tuta lì la storia”

–        – Ah, ammette anche il tentativo di corruzione….guardi che la sua posizione così si aggrava…

–        “Perché, el bianch savevel de tap forsi? Basteva dirlo..senza torsela dopo”

EL TRENTIM (alcolizà) AL BAR

(ore 8.15)

–        Dame ‘n cafè valà

–        “El solito?”

–        – Sì el solit…

–        “en bianco co l’amaro…”

–        – Sì ma no ‘sta meterghe massa amaro…

–        “prima el cafè coreto?”

–        – Sì ma no ‘na scianta de sgnapa…pago neh…tacagn…

–        “Varda che la gazeta l’è zamai ocupada…”

–        – Sì però scuseme, mi te lasso chi semper de pu de quel lì, capuzin e brioss…

–        “Però l’è rivà prima lu…”

–        – Se ciava valà, dame n’altro bianco che som zidios ancoi…

–        “No l’è che dopo te stai mal…”

–        – T’onte domandà qualcos? Dai buta zo…

        “Vara che el te fa mal…”

–        – E ‘n sto bar no ghè la gazeta, ghè tanti rompicoioni, no vegno pu…

–        “Va bem, ma l’è l’ultim…po’ basta”

–        – Vara che i soldi i ho zà messi sul bancom…

–        “Hat sentù del Giani? Fegato brusà…”

–        – Oscia, strano, anca lù el lo tegniva brevà tuti i dì…

I TRENTINI ALLE UDIENZE SCOLASTICHE

Suo figlio ha qualche problemino con l’italiano…

-Oscia, ma se la spòsa, che l’è da ‘n zo, de Limom, la ghe parla semper ‘taliam

Più che altro i guai arrivano con la grammatica, la consecutio temporum, la sintassi…

–        Sì forsi la gà anca resom. Ma mi laoro tut el dì en cantèr. Dele volte se fa getàe anca la sera, ospia, i compiti el li fa entant che ‘l varda la televisiom. L’è da lì, secondo mi neh, che l’empara mal…

So che questo consiglio l’ha già sentito tante volte. Ma se si impegnasse di più, anche in classe…

–        Basta che la me lo diga neh, no ghè problemi. Se ‘l fa casim en clase ela la me telefona a cà…che quando l’ariva el scavèzo…

–        Poi, scusi, ci sarebbe anche un problema di socialità, di collaborazione con i suoi compagni nei lavori di gruppo ad esempio

–        Ah, ma lì l’è colpa mia. I vegniva semper en dese a cà a far i compiti. Migole de merendine dapertut, i zugheva col cagn, po’ la television con quei zoghi che i se sbara. A ‘n zerto punto gò dit basta. Che se no la sposa per netar su dopo la ghe meteva semper na giornada

–        Un ultima cosa, sa che presto andremo in gita scolastica a Firenze. Dovrebbe darmi i trenta euro della quota….scusi ma è per definire le prenotazioni

Trenta euri per nar a Firenze? Anca per vegnir endrio? La varda fem così, ghen dago el dopi…tegnimel via de cà per almen tre dì valà che così riesso a finir de sbianchezar la sala.

EL TRENTIM FERMA’ CO L’ETILOMETRO

-Buonasera, anzi, scusi, buonanotte, patente e libretto prego

“Oscia, Giani, vara nel casset valà…ah no, forsi le carte le gò de drio…el scusa neh

(dopo dieci minuti)

–        Finalmente. Scusi un attimo che facciamo un controllo alla centrale….questione di pochi minuti

“Te l’avevo dit no de meter tute le carte de la machina chi davanti, ala mam…oscia

-Ecco, qui risulta che non ha fatto la revisione….

“Elamadona, ma se l’ho fata…l’ho fata do ani fa…

-Appunto, dovrebbe rifarla, anzi, doveva rifarla due mesi fa…

“Va bem, va bem, porto la machina del Gigi domam e oscia…la va bem la machina, sì la consuma en pel de oio en pu, ma zamai sem sui dozentomili chilometri dai-…

–        C’è poi l’eccesso di velocità. Mi dispiace ma lei ha superato il limite dei cinquanta di 12 chilometri.

–        “Ma dai… beh ensoma….no me par propri de esser nà for de tant. E po’ a st’ora, se sa, no ghè en giro nessun…dai che ne metem d’acordi….mi som semper nà a le feste dei carabinieri, el me bocia l’ha fate l carabinier a piacenza….conosselo el capitami Srauzi?

–        – Senta, mi creda, non è per mancanza di fiducia nei suoi confronti, ma siccome stiamo facendo un controllo a campione, la inviterei a fare il test dell’etilometro….

–        “No som miga embriach, diaolporco, dai….el senta, ghe pago quel che l’è per el rest…ma el me lassa nar, che se no ariv a casa per mezanot la sposa la me mete el mus per ‘na stimana

–        – Mi dispiace ma è la prassi in questi casi, ecco, soffi qui dentro…piano….ecco, così

–        “’Cramento….no gò fià…ho balà ore la mazurka al Fanum de Mori…speta neh-…

–        – Guardi, guardi….siamo ad un tasso alcolico triplo rispetto al consentito…

–        “Ma valà…per na bira media, na sgnapa, en gin tonich, n0’amaro, en cafè coreto….ma se no ghe fussen noi che dà da laorar ai locali de Trent….

–        – Però questo è il risultato: devo sequestrarle patente e macchina…

–        “Giani, ciama qualchedum che vegna a torne valà…no la me sposa per carità de dio. Ciama la toa…ah, scolta, entant nente a farne na candola en quel bar zo dopo i Murazi che l’è avert fim tardi? Chi ne porta lì? Speta….el scolta sior de la Stradale, podresselo darne en passagio fim zò al bar mudanda?

IL TRENTINO E LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI

-Bene, ha portato tutte le carte?

“Sì, penso de sì, de solit l’è la sposa che mete via tut…

-Allora vediamo, casa di proprietà, terreno, i dati catastali ci sono, anche il Cud…

“Po’ dovria esserghe le robe da tirar zo no? No ghele nela teca?

–        Sì, vedo lavori di ristrutturazione al 50 per cento. Però, lo saprà credo, questi vengono scalati un tot all’anno base dieci anni…

–        “Però i muradori i soldi i l’ha volui subit neh…”

–        -Lo so, ma così dice la legge….

–        “’sa vol dir che da chì a dese ani i me dà de ritorno dozento euri che alora i servirà si e no per comprar en pachet de zigareti?

–        -Guardi, io sono un commercialista, se la prenda semmai con chi ha fatto queste norme…

–        “Va bem, e i soldi del dentista, dele analisi, de quel che me costa el bocia a l’Università?

–        – Mi lasci fare due conti…qui però risulta che lei ha una villa con parco….

–        “Oscia, me la som guadagnada neh, mutui su mutui….

–        – Però fa reddito….guardi mi lasci vedere cosa si può fare….ma mi sa che ci sarà da pagare….

–        “Ma se ale Acli l’am passà i m’ha dit che se fevo lavori ciapevo qualcos endrio?”

–        -Le ripeto, quello è un rimborso graduale, sui dieci anni…

–        “Arivarghe ai otanta…ghe n’ho setanta salo…”

–        -Beh, semmai ci saranno gli eredi…

–        “El varda, fem cosita….vendo tut, el ghe lo diga zò a quei de l’agenzia de l’entrate…vendo tut e vago en afit….”

–        – Poi però dovrà pagare comunque sul sur plus per questa operazione immobiliare

–        “E alora se ciava…ciapo tuti i soldi e vago en Libano come quel che gaveva afari co la mafia…ah voi veder come la va a finir….”

Una risposta a TRENTATRE’ TRENTINI

  1. Matilde scrive:

    É muito simples para descobrir qualquer importa em líquido
    comparado a livros, como eu encontrei este post isto web site.

Lascia un commento