TESTAMENT

Testament

di Cornelio Galas

De solit l’è meio farlo prima che dopo. Anca perchĂ© dopo, diaolporco, no te pòi firmarlo e alora no ‘l val gnent, disĂ©ntela tuta. Farlo prima ‘l te fĂ  pensar che te podrĂ©ssi morir magari el dì dopo. O l’istessa sera. Te vèi ensĂłma da tocĂ rte lì giust perchĂ© de solit se fa così quando te vei quela che i ghe ciĂ ma la pìpa al cul. E alora fĂ©ntelo dai ‘sto testament. EntĂ nt, el digo subit, no l’è che penso de lassĂ r tant a quei che resterĂ . Parlo de soldi, case, robe en banca che pol frutĂ r. Bòm. ParlĂ©m del rest.

Gò via dei libri, dele robe scrite, dei documenti, dei fĂ ils nel compiuter che forsi podrìa enteressarghe a qualcheduni. Oh, tolèli fòra dal me Pc (spero che la sposa la sia de luna bona) e fĂ© quel che volĂ©. No gh’è gnent da pagar. tut agratis. Altre robe da dir prima de esser mes de soto? Massì: se fussa lì che pìolo, pu de lĂ  che de qua. scominziĂ© a vardar quel che podrìa tornar comot a qualcheduni. Lassè perder, v’el digo subit, el fegato: massa biciĂ©ri. Lassè perder anca i polmoni: massa zigareti.

El rest però el podrìa nar bem. Osc’ia… sul pancreas no giuro. Sul còr… ma sì dai. PassĂ©nte al rest, al funeral, a l’òbit dai. El so: se te disi gnente fiori ma opere di bene te deventi subit quel che la gĂ  su con quei che fa le corone. Se te disi nei necrologi che bisogneria far oferte ala lega contro i tumori, tuti che i dis: el savevo che el gaveva en cancro por cristo.

Se te fai la messa de funeral a Arco, enveze che a Vignole, eco che i dis: no l’è mai stĂ  dei nossi. Se te te fai cremar: ma dime ti, pu bel che esser mes de soto co la so bara… Cossa volĂ© che ve diga: dopo che no ghe sarò pu fĂ© quel che volĂ©. No stĂ© pianzer demò. Vedrìa enveze na gran festa. Biraze, vim per tuti, rugantĂ e da magnar. Per dir, tra ‘n rut e l’alter: Cornelio, um en mem stasera che beve e zĂ ca.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.