CHE TEMP, DAL MIGA AL MASSA …

di Cornelio Galas

Elamadona…

Pubblicato da Cornelio Galas su Domenica 6 agosto 2017

– Vist che ventĂ z domenega matina? Ah parĂ©va che ‘l te portĂ©s via neh …
“Cramento no stĂ  dirmelo som ancor drìo che tògo su quest e quel finì de soto … e me digo che ‘l sachĂ©t de plastica dove gh’era denter le zavatèle del mare l’è finì da Vignole drìt nel lach”.
– Sì, zamĂ i no gh’è pĂą le vie de mèz. Dal massa al miga e viceserva, diaolporco, o che ‘l fĂ  calt che te se brĂąsa ‘l zervèl o che vei zò dal zèl pali de fer che la sera a ‘n golfìm no se ghe dìs de no.
“Ma sì, l’è come te dìsi tì. Le stagiĂłm de mèz …”
– Ma lĂ ssa star quele che demò l’è ‘n ricordo de ‘sti ani, no, no … chi è cambiĂ  tut quant el mondo. Ma sat che le orchidee de la sposa sul pontesèl le è pu grande de quando l’ho comprĂ e e le sèita a butar? Me digo che prĂ©st sule palme de soto maĂąra i dateri oltra a le banane. E zò al manegio dei Fibie i ha zĂ  ordinĂ  dei camèi: i patìs mem la sĂ© dei cavĂ i, capì come?
“Eh l’è tut colpa – così i dìs – dei gas che se manda da ani su per aria. T’hai bem vist no su l’Adamèl … el giĂ z l’è nĂ  a farse ciavĂ r”.
– Ah caro, quando ‘l grandina mi tiro su da ‘n pèz quei tochetìni de giĂ z e i meto subit en frizer che no se sa mai.
“Ah se la va avanti così bisognerĂ  anca meter dei bazinèi grandi quando piove per l’aqua”
– Sì, ma envidĂ i bem ai sĂ si se no ‘l vent ‘l te li porta via…
“Tasi che la me sposa la sèita a dirme de far qualcos en terĂ za che la è stufa e agra de tirar su vasi de fiori roti, tera dapertut, agegi spacai”.
– Bisogna atrezarse caro. Mi l’è da ‘n pèz che ho enmciodĂ  zò tuti i vasi. Così i gĂ  anca el spurgo se l’aqua la è massa…
“E quando vèi la suta?”
– I stupo co le cìche … varda che l’è meio de tante robe che i vende al briko sat.
“Mah, sarĂ , tut mal t’hai bem vist no anca i disastri su en Sudtirol, e sì che i todeschi i sĂ  semper cossa far, e i lò fĂ  staifel neh”.
– Ma te l’ho dit, sto temp zamai l’è for de testa. E i dìs che l’è colpa dei venti africani: varda che l’è longa a vegnir da noi da l’Afrca. Se vede propri che zamai da quei posti i vol scapar tuti. E tut mal vinti en pĂą vinti en mem …
“Sì, no l’è quela so mare, dai. Disente che sti ani la nĂ©va meio dai. Che po’ ogni tant me domando quando l’ha scominziĂ  a cambiar el temp. A scola i n’ensegneva che na volta la Busa l’era piena de giĂ z. E che dopo el giĂ z el s’è colĂ  e da lì è vegnĂą fora el Garda e i altri laghi. Me sĂ  che zĂ  alora doveva far tant calt, che ‘n dìsit?”
– Ah, pòl bem darsi sat, i dìs anca quei lezĂąi che ‘l fum dele fornèle a legna el fĂ  dani ne l’aria. E sĂ t quant che i stizĂ©va quando chi en Busa gh’era el giĂ z?

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento