TE SEI LI’ LI’ MA GNANC’ORA DE LA’

ImageProxy

TE SEI LI’ LI’ MA GNANC’ORA DE LA’

Oscia, mai ciapĂ  tanti auguri come st’am. L’è da tre ore che zerco de risponderghe a tuti. PerchĂ©, me son dìt, devo risponderghe propri a tuti. No saltarne gnanca un. L’è dura, l’è dura. Ma prima de sera ghe dĂ©n la volta.
Entant ghe penso su. I è zamĂ i zinquantanòve. E come tuti i numeri che finìs en nòve, vol dir che te sei lì lì ma no gnanc’òra de lĂ . Come quando te vedi che na roba la costa nove euri e novantanove zentesimi … no l’è dese euri. Ma sèm lì. E tut mal te par de pagar de men de dese euri. Propri perchĂ© ‘l nove el te fa star n’atimin tranquilo no …

Meti che quela roba la costĂ©ssa dese euri e do zentesimi … oscia, te dirĂ©ssi, la me par ben cara però.
A disnòve ani, quando te deventĂ©vi magiorène a ventĂąn, te parĂ©va de esser ancora endrio. A vintinòve te pensi ai “enta” ma senza enfassarte la testa prima de esserte fat mal. A trentanove te vai zamĂ i vers i “anta”. Entorno tuti che te dìs: “Te dovrèssi esser madĂąr, dai che no sta ben far zerte monae”. Ai quarantanove? Eh lì te te ricordi quando t’avevi scrit sul giornal: “Grave un anziano di 51 anni caduto con la moto”. E te gaĂ  rispet sol a ricordarlo.

A zinquantanove? Oscia, penso a quanti de la me classe, del zinquantasei, no i gh’è arivai. Penso a me nono Carleto, mort a sessantĂąn ani. Po’ slargo i brĂ zzi. Vardo el zièl. E che suzèda quel che deve suzĂ©der. Magari però no propri ancoi. E gnanca doman che gò da dar fora el diserbante. E gnanca dominica che gavevĂ©n en ment de nar a trovar i cosìni zo a Berghen. E po’ gò ancora da sistemar la dichiarazion dei rediti. E po’ en settember voleven nar zo a Milan a darghe n’ociada a l’Expo.

Ensoma, caro Destìn, son massa ciapĂ  almen per tre quatro mesi. Dai che ‘n parlĂ©m dopo ah? Basta anca na mèil … così te sparmi boi e scati del telefono.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento