TANTO GENTILE E TANTO ONESTA PARE

di DANTE ALIGHIERI

ÂŤ Tanto gentile e tanto onesta pare

la donna mia, quand’ella altrui saluta,

ch’ogne lingua devèn, tremando, muta,

e li occhi no l’ardiscon di guardare.

Ella si va, sentendosi laudare,

benignamente d’umiltĂ  vestuta,

e par che sia una cosa venuta

da cielo in terra a miracol mostrare.

Mostrasi sĂŹ piacente a chi la mira

che dĂ  per li occhi una dolcezza al core,

che ‘ntender no la può chi no la prova;

e par che de la sua labbia si mova

un spirto soave pien d’amore,

che va dicendo a l’anima: Sospira. Âť

LA PAR BONA E A MODO

(trad. Cornelio Galas)

E varda ti, come la par bona e a modo

la me dona, quando la va ‘n piaza

no fiàta nessùni, no te sènti ‘na mosca

tuti coi òci ‘n tèra, dal rispèt

E èla, come lezèndo nel zervèl

e nel còr de ‘ sta zent che strangòssa

la va ‘n vanti col so pass, lento

senza tanta prèssa

Par pròpri che la sia vegnÚa dal zèl

per dir: emparè a conòsser

su ‘sta vòssa pòra tèra

tute le maravèe che ghè de sòra

La ghe dĂ  po n’ociĂ da che dis tut e gnent

a quei che la vĂ rda pu dei altri

E gh’ariva dènter, anca ai po ròzi

qualcòs che carèza davèra

fin soto i cavèi

E l’è ‘n quei momenti lĂŹ

che me par che la parla

anca se no la move i lĂ vri

SÏ par pròpri che la dÏga:

Continuè a speràr

en d’en grant e bel e giust amor

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento