Sto vi√†zo…

Sto viàzo

di Cornelio Galas

No se sa quando l’√® scominzi√†,
e gnanca da dove sem part√¨di…
sol ricordi sbiadìdi, sconfusi,
de quando avém tacà a caminar.

 

Robe de putelòti, foto picoline,
senza colori, e fate anca mal,
Bòci che no è vivi zamài da ani,
altri che ‘nveze no te con√≥s p√Ļ.

 

Par algéri che se zughéva ensèma,
do peàe al balóm, su nela piàza,
scóndi léver, le trote nel Salóm,
e le prime schitaràe giro de sol.

 

E po’ envanti, su l’ist√©ss sent√©r,
dale scòle ala nàia, fim ale nòze,
ennamoramenti e brute pache al còr,
fi√≤i, ne√≥i, comple√†ni, le feste…

 

En mèz anca zent che rote le bàle,
quei che sar√¨a meio no aver conoss√Ļ,
anca sodisfazi√≥m, car√©ze, pianz√Ļe,
scortelamenti, fìze che è restà lì.

 

Entant ‘l va envanti sto vi√†zo m√†t,
che no s’ha gnanca pag√† ‘l bigli√©t,
no se sa dove se fermerà sto treno,
e se ghe sarà qualchedum a spetarne.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.