STO MONDO MALA’

STO MONDO MALA’

globexweb

di Cornelio Galas

Smòrza, smòrza, te prego, smòrza

la televisiom, la me dà fastìdi.

No vòi pù sentìr quele miserie,

omeni che còpa le dòne,

propri nel dì che se parla …

se parla de ste disgrazie.

Zent che dovrìa esser ensèma

contro i teroristi …

e che envéze i se sbàra nel zél.

Entant che i altri i se fa saltar,

perché così I gà dit, così se deve far

se te voi nar, prest, da AllĂ .

E po’ quei che se dìs contro la mafia,

che i è i primi a sfrugnàr.

E ‘l casìn propri nela cĂ  del papa,

de sto papa che vol cambiar tut.

El massa calt, el massa fret,

qualcos che no va pĂą …

come ‘l nèva sti ani endrìo.

Boci, laureai, che pìndola en casa,

né fodrai, nè embastidi.

Famée entére che se sfanta

davanti al prim problema.

MagnĂ ri che no sĂ  pu de gnent,

quel en televisiom che te dìs:

“Via la vasca, meio la docia”.

Zent, come mi, che s’è risposĂ ,

e no pòl far pu la comunion.

Morti nel mar? No se sĂ  pu zamai

quanti che i è stàdi.

Cemento sbrodolĂ  nele campagne,

zòghi dove te perdi pù che vinzer,

ma te vai envanti lo stess.

Vardo el sol che va zo drio i monti,

par en foch senza pĂą brĂ se soto.

Me vardo anca mi, al spègio:

“Os’cia, vot veder Cornelio,

che te gài zà en scarsèla, anca ti,

el bilièt per nar via da sto casin?”

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento