STI FIOI …

STI FIOI

foto cell 004

di Paola Carlin

Se no sbaglio na volta ve l’ho àa dit che bel che l’è esser mama … el “laòr” pù bel del mondo…

Ma i fiòi i crésse e con lori crésse anca i problemi e el problema pù gros l’è che noi entant envecian! Eh zà, la matina quando me vardo en del spègio me iludo de veder la solita Paola e envezi gh’è sempre en cavel en pù rispetto al dì prima che tende a deventar gris; ma me son fata furba e per provar a embroiar el temp ho taià i cavèi come na putelòta e g’ho fat su i colpi de sol (che ensèma ai me colpi de testa i ghe sta benon) per sconder quel grisor! Per fortuna le rughe le è ancora poche, forsi perché le è ben embotìde da en po’ de ciccia en pù; ma ben vegna anca quela che l’è segn de salute.

Ma tornante ai fiòi … Ho sempre desiderà averghe tanti pòpi e chi che me conos lo sa quant che ho patì quando no i arivava; e ho sempre desiderà aver gemei, forsi perché son gemèla anca mi e so quant che l’è bel cresser con en fradel tacà. Anca adès che sen grandi e ne veden pòch mi e me gemel gaven en ligàm speciale che no ne lasserà mai.

Che gioia quando ho capì de spetar el Davide e el Matteo … el sogno de la me vita che deventéva vero … E le ginecologhe le me ciamava “primipara attempata” (che brute parole) che le diseva che ero veciòta per na prima gravidanza! E che misciòt de paura e gioia quando do ani e mez dopo ho savest che saria arivà el Michele. Ala facia de chi che me vedeva vècia. Tiè !!!

Sti fiòi … en fin che i è pìcioi l’è tanta fadìga e tantissime gioie … quante lagrime che ho butà for quando i era pìcioi! Lagrime de gioia tutmàl. Me comuovevo ogni volta che i ciuciava el seno e po’ i se endormezava lì al calduccio; zo lagrime, sempre de felizità, quando vardavo ste bele creature che dormiva beate e bele come el sol!

Ve par impossibil che n’orsa come mi la sia stada si mollicciona e piagnucolosa, vera? Avè scoperto el me punto debole … l’amor per i fiòi!

Po’ pian pianèl i è cresudi (miga tant pian pianèl però) … tante gioie, tante soddisfazion, qualche preoccupazion e qualche problema (e chi è che no ghe n’ha?)…

Ades me ritrovo con tre bei ragazzi, doi za adolescenti e pù alti de mi den bel tòc e uno ancor piciolòt ma che en de n’atimo el buterà e el me paserà via en altezza anca elo.

E quanti brufoi da gestir, cavèi longhi che no i vol taiar , la moda da seguir (e mi g’ho dit de seguirla pur ma de no ciaparla !), vestidi sporchi butadi sul paviment dela camera o en font ai leti, maiéte dei gemèi che … forse sarìa meio che i tàca a dropàrr el deodorante … docce e docce tuti i dì e boléte del gas e de l’aqua che aumenta, ricariche al telefonin, acompàgnei ale partide de hockey (a nar ai alenamenti i se rangia per fortuna), uscite con i scaut e robe da lavar quando i torna, lavatrici quasi tuti i dì e montagne de calzoti spaiadi messi sul davanzal en attesa del “ritorno del calzin prodigo”, sempre spesa da far che i ha tacà a magnar come i vedèi (e mi che me lamentavo quando i magnava pòc), scarpe sbusade o piciole da continuar a cambiar, vestidi che no i va mai ben (ma me spieghè perché i vestidi messi nei armari i se rimpiciolis ? Boh, no capìsso), el bagno sempre ocupà che pian pianèl me toca far en contrat cola vizina  che la me lassa nar en del so (son veciòta e g’ho la vescica psicolabile ormai) …

Fus tuti chi i “problemi”… Ho desmentegà la SCOLA !!!

El Michele l’è en prima media e per fortuna l’è bravissimo e nol me dĂ  problemi. Ma i doi en prima superiore !?! PerchĂ© i ha enventĂ  le superiori? Per far danar le mame? El Matteo ogni volta che te ghe disi studia el te rugna; se spaventa anca el gat a sentirlo rugnar ! El Davide al liceo me par en jo jo … el va su e zo coi voti come gnent fĂąs.

Ste pòre mame condannade a dir: studia, àt fat i compiti?, àt ciapà note?, te set fat enterogar per tirar su quel brut voto?, com’ela nada la verifica?, vara che se i te bocia te fago pasar n’istà de inferno, dai dai che te ghe la fai, ecc, ecc …

Ma credo che anca i problemi a scola i faga parte dela vita … se fùs tut fazile vivrésen n’esistenza en po’ noiosa; i problemi l’è el sale dela vita e a nesun ghe pias la minestra insipida (a dir el vero a mi la minestra no la me pias proprio).

Ghe dirve acor de sti fioi… Ghen saria ancor tante robe da dir…

Per finir  ve digo che me ritegno na dona e mama fortunada! L’amor per e dei fioi l’è el bene pù prezioso che pòda èsserghe; adoro i pregi e i difetti de ognun de lori. E finchè i vorà la sera continuerò a rimbocarghe le cuerte e a darghe el baso dela bonanòt.

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento