STAR PER SO CONT

A volte se la zerca.Per nar via dal cias, dai gazeri. O magari sol per lezerse en libro en paze. O scoltar na canzom coi fili nele recie. E magari, come se dis, quando te la zerchi non sempre te la trovi. Altre volte enveze l’è ela che la te trova. Senza nar tant en giro a zercarte. E quando la te beca el pu dele volte la fe mal. Perchè ela la te conos bem. Ecome che la te conos. …La te speta sul bachetom. La sa che prima o dopo te devi far i conti con ela, come quel che torna embriach stinch da la sposa. L’è en quei momenti lì che te parerĂ  de trovarte en de n’ascensor blocĂ  tra do apartamenti. Vot sonar l’alarme?-la te dirĂ  que l’altra. Sona, sona tanto a st’ora no vei nesuni a giustar st’arcagn. E i altri fitalini i è nai tuti a veder i foghi sul lac. Te te meterai en dinocio, te ghe dirai de lasarte en paze. Gnente, quell’altra la farĂ  finta de no sentirte. E quando, a le ore picole de not finalmente i te tirerĂ  fora te sarè così fiac e stormenì che i te ciaperĂ  per en droghin. Ah no serve a gnent ades che te vaghi al bar a farte en bianco per colaziom. Te poi anca fumarte na steca de zigareti. Quela te la gaverai sempre col fiĂ  sul to col. Te tornerai a casa embriach de meza matina, scainando per la toss da fum. E l’altra drio, come la coa al cagn. Vot farla finia co sta storia bruta? Sera su el computer e e lassa perder tut, anca la television stasera. Pensa a domam, al sol che leva. E se piove se ciava, varda che el sol drio le nuvole el ghè sempre. Fa el pieno de caffè (o de en suco de naranz) e de aria nei polmoni. Po do passi. Prima piam po svelto. Faghe en soriso al prim che te encontri, saludelo, pensa che magari anca lu l’è da na vita che el deve far i conti con quela ombra che sta drio a quei che se sente soli.

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento