Sprecare la vita

Digital StillCamera

Digital StillCamera

Charles Bukowski

“Sprecare la vita”

Lamentele infime e triviali,

costantemente ripetute,

possono far ammattire un santo,

per tacere di un bravo ragazzo

qualunque ( me)

e il peggio è che chi

si lamenta

nemmeno si accorge di farlo

a meno che non glielo dici

e perfino se glielo dici

non ci crede.

E così non si conclude

niente

ed è solo un altro giorno

sprecato,

preso a calci,

mutilato

mentre il Buddha

siede nell’angolo

e sorride.

 

Na vita per gnent

Dai e dai, e dai ancora

i malmostòsi e tuti quei

che se piànze endòs.

i pòl farghe nàr zo le àze

anca al pu bon de sta tera,

per no dir d’en putèl

a modo (mi, per esempi)

e ‘l pèzo l’è che quel

che sèita a lamentarse

gnanca ‘l se scorze de farlo,

semper che no te gh’el dighi,

e anca se te gh’el disi,

no ‘l lo capìs dassèn.

En sta maniera no vei fòr

gnent de gnent

l’è sol n’altro dì

nĂ  a farse ciavĂ r,

ciapĂ  a peĂ e,

fat su a tochèti

entant che ‘l Budda

l’è sentĂ  en banda

e ‘l se la ride …

ma senza farse veder.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento