SCOLTA, LEZI, PENSA

SCOLTA, LEZI, PENSA

SpĂ rmia, no digo semper

ma ogni tantimages

su l’aria che te buti fora

dala boca

Lassa perder, se te pòi neh

el “mi chi, mi lĂ ,

mi ho dit, mi ho fat, mi … e mi”

Prova a scoltar con do recie,

el zervel e soratùt el còr

quel che dis i altri

Lezi quel che, prima de ti

ha scrit zent che l’avria podu

parlar per ore

senza stufar670px-Learn-Quickly-when-Reading-Step-2

E pènseghe su n’atimo

a cosa dir su la tal roba

senza roter i fili

de quei che ha parlĂ ,

scrit e pensĂ , prima de ti

Magari no te farai semper

en figurom

Col temp però, crèdeme

te vedrai che anca i altriPensare_prima_di_parlare

i te scolterĂ  e i penserĂ 

a quel che t’hai dit tì

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento