Scolta le storie vecie

di Cornelio Galas

La pòl èser drìta, reversa, e anca de sbiégh
no n’è dat de saver quando l’è propri giusta
se dìs “che bèla” quando l’è zĂ  nĂ da al bĂ©ch

 

La cĂłre quando s’è vèci, ma no par da zovenòti
chĂ© se vorìa deventĂ r grandi de colp ‘n prèssa
senza magnar polenta, con su ancora i petolòti.

 

Dele volte te par che l’inferno ‘l sia ‘n tèra
te sciràchi, te tiri en bàl Dio, anca la Madòna
come se fussa colpa de lori tuta la to tiritèra.

 

Sol da ‘namorĂ i se varda meio i fiori, la luna
basta poch per stufarse de basi e svoltolamenti
l’amor fals e gnèch prest el sbalza dala cuna.

 

Anca a quei che bem sol sa seràr le so scarsèle
ghe ariverĂ  ‘n brut di, quela bruta coriera nera
no serve gnanca el biliét, tut resta sule arèle.

 

E se del mal, da vivi, s’è seitĂ  a far ai altri
quel a l’obit i penserĂ ,pur disèndo ‘l contrari
perché coi soldi quel resterà, anca dei scaltri.

 

No sta domandĂ rte, mai, fim che sei a sto mondo
quanti ani te gĂ i ancora da sfrutar la to vita
pensa che bèl envéze zugar ancora al zirotondo.

 

Tira dent l’aria nei to polmoni, senti che bòna
dropa i to òci, làssa star tuti quei telefonini
no stĂ  vardĂ r da ‘n bus, lĂ ssa pur che ‘l sĂłna.

 

Via quele robe che tut ‘l dì te scuèrza le recie
scolta ‘l bosch, la campagna, quei che te parla
te verĂ i ale tante che val de pĂą ste storie vecie.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento