CIAO SAMUELLE …

Ciao Samuelle …

samueleDavesvAI

di Cornelio Galas

Samuelle, t’avevo fat i auguri stamatina. Po’ qualcheduni m’ha dit che … t’eri nĂ  via. Ma no per i to mistĂ©ri. No, per semper. No ghe credo gnancora, Samuelle, o meio, no voi crederghe. Te n’hai lassĂ  tuti senza parole. Con tante domande en testa. Una pu granda dele altre: perchĂ©? E n’altra che la ne resterĂ  dent per semper: avrĂ©ssen dovĂą, podĂą, darte da man? Gh’era qualcos che te ne disĂ©vi magari senza parlar? Son nĂ  subit a zercar l’entervista che t’avevo fĂ t quando te t’eri candidĂ  ale provinzĂ li … per sentir la to voze, per zercar de capir quel che magari no avĂ©vo capì. Ala fin questo me resta de ti però: el ricordo de una che gavĂ©va tanta voia de far, de viver. E alora, alora … me s’engropĂ  la gola. No riesso pĂą nĂ© a dir, nĂ© a scriver, nĂ© a pensar gnent. Sol a tornar endrio col cine, per scoltarte de nof … Ciao Samuelle, spero che dove te sei adès te gĂ bi la paze, l’amor che t’hai semper zercĂ , en sto mondo fĂ t de massa miserie.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento