QUELA VOLTA DEL FOCH A ME CASA

di Cornelio Galas

Ah quele sène le me resterĂ  per semper nei òci. Così come no podrò mai desmentegar quei pompieri, co le bombole, en mèz a fiĂ me e fum, che ala fim i è riusìdi a salvĂ rme la casa. En sti dì chi, che dapertut no se sente parlar che de fòghi che brĂąsa, m’è vegnĂą ‘n mĂ©nt quela matina del sète dizember del domìlisete …

LavorĂ©vo ancora al giornal. E quel dì lì (per fortuna gh’è da dir) ero de riposo, quel che te gĂ i en dì ala stimana (mèti che l’avès fat n’altro dì …). Co la sposa ero nĂ r a Arco a far la spesa. Gh’era l’idea de nar dopo a far en giro zo a Riva. Ma po’ (altra bòta de culo) èrem enveze tornai de volta: gh’era ‘n sach de misteri da far en casa. La sposa de sora. Mi de soto, nel giardìm.

El temp de mèterme qualcos che se podĂ©s sporcarse a laorĂ r e, la Franca la me ciĂ ma dala finestra: “Cornelio, me par che ghe sia del fum scur zò vers la fim dela falegnameria …”.

Difati, vardando ‘n sĂą, vedo subit ‘sta nuvolèta nera che vei fòr da su alt, propri soto el cuèrt. Vago su nel solèr e … sento subit come fritegĂ r sora la testa, soto le tĂ©gole. Fin quando arivo da dove vei fòra ‘l fum. E osc’ia … l’è stĂ  come veder l’inferno da vizim.

Come l’è nada a finir? Ve meto i articoi de giornal e ‘n cine che aveva fat alora el Francisco Calabrese. Dove se vede anca quant i ha tribolĂ  i pompieri (miga sol quei de Arco) per far en modo che ‘l fòch no ‘l tachĂ©s anca a me casa. Oh, putei, no ve dirò mai grazie asĂ  per quel che avĂ© fat quela volta.

7 dicembre 2007 – Vignole

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento