QUEL VECIO CANAPE’

QUEL VECIO CANAPE’

di Cornelio Galas

vecchio-divano_2108911

L’ho vist. CargĂ  su ‘n motocaro. Coi so ligĂ mi giusti. Che no ‘l dondolès entant che ‘l nèva. L’era propri davanti al mĂąs de la me machina. Quanta pĂłlver che ‘l spandĂ©va. Prima de nar a morir – el se la sentìva secondo mi – a la chìpa. E te vegnìva ‘ndĂłs anca le robe vecie de quei cosìni, de quele mòle zamai rote, de quei tòchi de legn soto tut. L’avrè zamĂ i vista, anca voi, la reclam de quel divano, co le vecie morose che te fa ciao … per ricordarte, demò, che propri lì, t’hai spatuzzĂ  altre done, prima de quela che adĂ©s l’è vegnĂąa en quela cĂ . Per la prima volta. Senza saver gnent de quel che gh’è stĂ  prima. Su quel vecio canapè.
Che po’ no l’è sol question de done. Lì te te sei butĂ  zò, squasi butandote a pĂ©i zonti, e restando lì, fin la matina, quando t’eri strach mort, dopo ‘n dì che no parĂ©va finir pĂą. Lì te sei finì per ‘ndromenzarte dopo quei cine pieni de reclam. Lì te te sei mĂ©ss, co la fĂ©ver e la cuertèla, ensognĂ , ma fin a ‘n zerto punto. E lì – quando l’era massa calt de fora – t’hai scominziĂ  a lèzer ‘n libro. Che ancora te gĂ i da finir.
Quel vecio canapè el va vers el so destin. Ah sì, el se ricorda de ti. Te sei tì, scusa neh, che no se ricorda de lĂą. Suzède. Anca tra veci amizi. SuzĂ©de. Anca tra òmeni e done. Anca se per ani s’è stĂ i ben ensĂ©ma.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento