QUEL NAR CHE NARE

QUEL NAR CHE NARE

Clocks_iStock_117142321

di Cornelio Galas

Osc’ia se ‘l cĂłre e che de nĂ re che ‘l va,caffè-orologio_s
gnanca ‘l temp demò de vestirse …
chĂ© anca lavarse ghe pĂ r sia ‘n pecĂ .

El par squasi na sdìnza scapàda dal fòch,
tut d’en fiĂ , co la giacĂ©ta en man,
zò dale scale e ‘l ne salta anca ‘n tòch.

“Gò pressa, go pressa, lĂ sseme nar”,
che sul copìm gh’è ancora el sugaman,
“Ciao, ne vedĂ©m, no no vegno al bar”.

El gĂ  mistĂ©ri, tanti mistĂ©ri ‘n testa,orologio-233x300
no i ghe stà tuti nel so zervèl,
ah se ‘l podĂ©s dropĂ r ‘na zĂ©sta.

El sóna, el fà dei vèrsi dassén bruti
a quei che guida davanti a lu:
“DĂ i, mòvete, che te fermi tuti.

Quando en ufìzi el ciapa telefonade
l’è semper ciapĂ  e sule Ăącie:
“No, no gò temp per ste monade”.

Coi ani anca lĂą però ‘l se scorzerĂ ,
ma capita de solit quand l’è tardiil tempo di zena
che n’altra ocasiom no la ‘riverĂ .

El vedrĂ , vecio bacuco, sentĂ  zo
altri che core come ‘l fĂ©va lĂą
“Ma ‘n do corĂ©, vardĂ© demò ‘n sĂą”.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento