QUEL CHE SA TUT

QUEL CHE SA TUT E ANCA DE PU’

confucio

di Cornelio Galas

Te scomìnzi a dirghe qualcòs, per esempi …
e zĂ  lĂą el te stĂąpa la boca: “Mì envĂ©ze …”.
Te scĂłlti, te scĂłlti, te scĂłlti, te scĂłlti …
e apena lĂą par che ‘l riciĂ pa fiĂ  te dìsi …
ma te arìvi, se te sei brào, apéna apéna
a poche parole: “Sì, sì, va bem, però …”.
El fĂ to l’è che lĂą el parla per so cont,
come se no ghe fussa nesĂąni a scoltĂ rlo.
El fĂ to l’è che lĂą el sĂ  tut, anca de pĂą.
E tì, envéze, oltre che gnorànte come tàco,
te sei anca un che no se vede, che no gh’è.
Ale tante, sto sapientĂłm, magari el tĂ se,
ma sol quando zamĂ i te sei nĂ  via.
Ma no l’è che ‘l la mòca lì per quel,
el sèita a parlar da sol, per so cont.
Po’ quando el capìs (forsi) che ‘n torno
no è restà propri nesuni a scoltarlo,
alora sĂ t cossa che ‘l dìs, da ‘ncazzĂ ?
“Va bèm, va bèm, embezìli ère
e ‘mbezìli resterè, stupidi, gnoranti.
Ma cossa stago chì a perder temp,
che no val la pena, come ‘l disĂ©va
quel che cantĂ©va nele so canzòm …
darghe diamanti ai ruganti”.
Voi da lontàm el varderè,
qualchedùm farà segn col dè
da na banda dela testa.
Ma chi sarĂ lo, ala fim, el pĂą mat?
Quel che ve la mónze cosìta
o voi che l’avĂ© soportĂ  …
fasèndo semper zito?

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento