QUEL CHE NO VEI ZO MAI DAL PIN

El nĂ s? Quel ‘l lo gh’Ă  semper levĂ 

La boca? LĂ vri averti, a metĂ 
per no farghe ciapĂ r massa aria
El stĂ  sule sue, mai sule tue
Dele volte par che ‘l parla per so cont
Se te ghe dìsi: gh’avrìa ‘na rogna
el te risponde, vardando ‘n giro
“Ma no l’è questo el problema”
Te poi anca empizĂ rghe ‘n fòch
propri soto el cul …
El te dirĂ : “Oscia, che brut odòr
meio far en po’ de giro d’aria”
El vede sì quel che no va
ma sol se ghe convegn
e tut dev’èsser gualif ala so testa
che sora quela no pol star nesĂąn
E quando el se trova embroiĂ 
quando el dovrìa far en pass endrio
o vegnir zò dal pedestàl
el fa finta de gnent, el tĂ se
ma sol davanti a ti, por remengo
‘pena te vai for da la so porta
el ciama quel che coi soldi
el l’ha fat deventĂ r così

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento