QUEI DI’ (grisi) SEMPER GUALIVI

QUEI DI’ (grisi) SEMPER GUALIVI

di Cornelio Galas

No stà domandarme, propri adès,
a cossa che penso, a cossa vòi,
lĂ sseme star, da brĂ vo dai …
che no la gira come vorìa.

 

L’è che me par, che tuti i dì,
sia come soldĂ i, su l’atènti,
come balòti scaiài dal làch,
che lì i è e lì i stĂ  …

 

Dele volte te vei anca vòia
de voltàrte de schéna, de cul
de far finta che quel che va,
‘l sia pĂ©na ‘rivĂ , per so cont.

 

Te vèi ‘n ment veci ‘namoramenti,
done che te féva perder la testa,
robe che per quel te fèvi tut,
anca lassĂ r perder … propri ti.

 

L’è dì grisi quando i va, i va …
senza che te te ricordi de lori,
senza che i te lĂ ssa ‘n bĂłca
en saĂłr divers, pu bel, pu …

 

L”è dì che parte, dala matìna
e sĂ  zĂ  ‘n dove i ariverĂ ,
l’è dì che finìs prima de partir
senza gnent che sia na novitĂ .

 

L’è quei dì che te conĂłssi zĂ ,
come quei vegnui demò prima,
come quei che (te sai) ‘riverĂ ,
come quei che ala fim se sa.

 

No so come spiegartela bem,bem
l’è quel qualcos de denter …
che forsi no dovrìa vegnir fora,
perchĂ© ‘l dĂ  fastìdi, l’è na rogna.

 

Te pòdo dir, senza engróssar voze,
che l”è propri da sti dì chi …
che bisogna star lontani, e tant:
i te stĂ  tolendo per i cojoni.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento