QUEI DUBI D’ISTA’…

Quei dĂąbi che te vèi sol d’istĂ 

di Cornelio Galas

No so se l’è colpa del cĂ lt, del sudor, del fato che mi stago meio col frĂ©t, ma d’istĂ , sol d’istĂ  me vei en testa dei dĂąbi, semper quei. Che resta po’ anca nele istĂ  che vegnirĂ  ‘cramento. Adès ‘l so che quando i lezerĂ© me darè del mĂ t, se la va bèm, del mona se no la va tant bèm, e lassĂ©nte star se la va mal. Ma nĂ©nte subit a sti dĂąbi che va de qua e de lĂ  come guìndoi nel me zervel.

AQUA E ZUCHER. Se te vai nel mar, quando te vegni fòra te devi far la docia per lavarte via el sal. E fim chì ghe sĂ©m. Se te te buti nela piscina na volta fora te devi lavarte via el cloro e magari anca … si ensòma se la se ciĂ ma piscina ghe sarĂ  el so motivo no? Tèi, se la te scapa entant che sei zò… sperando che no se veda el color zĂ lt entorno ale mudande… Bem.

E vegnìm al dubi. Se te te trĂ i ‘n del lĂ ch se sa che l’è meio farse na docia , se no altro per lavarse demò i pèi. Però, me domando, quel tacaizamento che te par de averghe su la pel pĂ©na vegnĂą fora dal lach, èlo per caso ‘l zucher de l’aqua dolza? E perchĂ©, se dal mar i tira fora el sal no se pol tirar fora el zucher da laghi e fiumi co l’aqua dolza? Tra l’alter sĂ t quant che se sparmierìa…

MOSCHE, ZINZALE E MOSCOLINI – Tute le istĂ  l’è semper la istesa storia: mosche, zinzale, moscolini. Tuti che i beca, tuti che dĂ  fastìdi. Le ho provĂ e tute. Da quele strisie tacaìze dove sti inseti i dovrìa tacarse (ma no i se taca tuti) ai zampironi, ale palète eletriche. Ala fim som semper lì che dropo i veci sistemi: paletina e via come zugar a tenis contro el Federer. Devo dir che gò ciapĂ  su la manota. Dele volte ne copo anca doe al colp.

Ala fim dela giornada se dovĂ©s far i segni sul tĂ ol de quante ne ho copĂ  me digo che dovrìa sgrifar tute e quatro le gambe e ancora no sarìa asĂ . E alora eco el me dĂąbi: i l’ha enventade tute. Dal compiuter che te parla ai telefonini che prest i te prepara anca la zena, dal robot che serve ai tavoi dei bar a quel che se te voi el te sbara monade per tirarte su el morale. Posibile, digo, posibile che no i abia enventĂ  qualcos per farghe capir ale mosche e ai altri rotibale co le ale, che se le ne vèi al vers le riscia de brut?

Secondo mi dovrìa esser n’agegio che tradĂąs en fisci tute le pu brute parole che se pol dir. E che ala fim, come dir, el funziona anca da radio per sti spacamaroni. Na radio che ala fim dela giornada la dìs robe tipo: “Ancòi su la terĂ za del Cornelio n’altra strage de mosche e zinzale: almem trenta i morti, tanti anca quei feridi en modo che sarĂ  dura che i torna a volar”. Capì come?

EL VENT DE STRABAUZ – Tuti che i scrive e i dìs che no gh’è pu i temporĂ i de na volta. Che adès quando l’ariva, el vent el te porta via come la bora, che l’aqua la vei zò che la se copa (perchĂ© la vei zo ensema a pali de fer, se sa), che l’è tut colpa dei fumi toseghi che mandem su, che ‘l clima l’è zamai scombinĂ  e ensoma va tut a farse ciavar.Bom, e alora? ‘sa fente? Devo seitar a tir su i vasi de fiori de la teraza? Star semper co le tende dal sol tirĂ e su perchĂ© se no, quando ariva el vent de strabauz de tende ne trovo doe, una tacĂ da malament ancora al mur e l’altra su la strada de la Maza?

BisognerĂ  far qualcos contro sti ventĂ zi dal pit che fa semper tanti dani oltre a … roterne en di sì e ‘n di sì le scatole… E chi me vèi el dubi: che sia propri quei che vende vasi de fiori, tende da sol, taolini, gazebi e mercanzia varia, de scondom, a mandar su quei fumi maledeti per aria. E che ghe z’entra anca i pompieri, quei che tol su legna, i pini scrautai. E se fussa, quando ariva el vent forte, de ciapar en compressor ancor pu forte (ghe sarĂ  en motor de aeroplano de seconda mam da qualche banda) e sbararghe ados al vent en geto de aria ancor pu forte… Mi la buto lì. Se qualchedum vol torla su…

LA SABIA EN TRA I DEDOTI… E NO SOL LI – Eco, na roba che no ho mai soportĂ  al mare l’è che prima o dopo i pĂ©i en la sabia (maledeta) te devi meterli. E quando te vegni fora da l’aqua (dove te te sei netĂ ) te ‘n bini su el dopio perchĂ© la se tĂ ca meio. Adès, mi no digo de cavar via la sabia. Che anzi i ghe ne mete quando el mar el la porta via. El so che po i puteloti no i podria pu zugar col secièl e le paletine.

Ma, diaolporco, almem far dei tòchi de spiagia atrezai per quei come mi che, barèa, la sabia no la soporta… E no ocorerìa gnanca spender po grandi soldi. Basterìa, me digo, tor dele vecie mochèt, meio se color sabia, e meterle zo soto i ombreloni e i sdrai de quei che no vol bem ala sabia. Dirè ma a forza de pestolĂ r prima o dopo la sabia te la trovi anca sula mochèt. Eh no enveze, perchĂ© entorno se meterìa dele vaschete de aqua per netarse i pèi. Ah?

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.