QUEI CHE FINIS SOTO AQUA

QUEI CHE FINIS SOTO AQUA

news_img1_65288_naufragio-immigrati
Zent che propri no ghe la fĂ  pĂą,
còrer vers fili spinài, muri, soldài
coi sciòpi en bràz.
Zènt disperàda, che scapa da guere,
da quei che per pòch te tàia la gola.
Gh’è quei che dìs, che tra questi,
se sconde anca i teroristi.
Pol anca darsi, perché no?
Come fat a capirlo, demò, e subit?
Quei boci negĂ i però, me sĂ  …
no i gavéva bombe endòs.
Ah, se la ghe fussa succèssa a to neò.
No so che dir, no so che far,
no so gnanca pĂą cossa che l’è giust.
Ma dime ti, che te sei pĂą lezĂą,
dime ti se va ben ‘n mondo così.
Tra zent che scapa da strusiamenti,
dove basta poch per esser copĂ i.
Tra zent che, se ciĂ va, se ciĂ va …
la va su ‘n barcòn, magari sbusĂ .
E noi? Se i varda, sti pori cristi,
negĂ i, sfigĂ i, ciapĂ i en banda.
Ma basta nar a confessarse
e po’ far anca la comunion,
per sentirse a posto con tuti,
anca con quei che troverén de là?
Ma basta parlarne en television,
per risolver tuti ‘sti problemi?
I vèi da noi, pù de là che de quà.
Ma forsi l’era meio darghe la mancia,
quando èren a sciarm el sceìk,
per sentirne a posto, per aiutarli,
quando i ne portèva el spritz en spiàgia.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento