QUANDO S’ENVECIA …

QUANDO SE SCOMINZIA A DEVENTAR VECI …

leterna-giovinezza-stop-allinvecchiamento-con-una-trasfusione-invecchiamento

Finìs, diaol de quel porco, che te par de parlar come to papĂ , che no gh’Ă© pu, come to nono, che no gh’è pĂą propri da ‘n pèz. EnsĂłma, guaiapòrcole, piam pianìm, te scomìnzi anca tì a nar coi pensĂ©ri pĂą endrìo che ‘nvanti. A mĂłnzerghela a quei pĂą zoveni: “Ah, la gavĂ© grassa al temp d’ancòi”. A farse anca rider drio: “Pòr om, da quando no ‘l scrive pu sul giornale ‘l s’è come enmuciĂ , che bruta fim …”.

Po’ la matina, quando te vai a bĂ©ver el cafè per lèzer i giornai a sbafo, te vardi semper quel panèl en piĂ za a Bolignam. Dove gh’è su quei che è mort. Oscia, te disi da per ti, anca quel … meno male valĂ  che anca ancòi no ghe som su mì en mèz a quei avisi. Meio tut mal controlĂ r tute le matine, neh … Meti che te mori e nesuni te avisa. Meti che te vèi ‘n colp e nesuni te dis che bisogn crompar la bara, pagar el Comun per la tomba, pagar l’òbit. Meio savĂ©rle prima zerte robe. Che no, no, no volerìa mai lassar debiti endrìo. No ho mai desmentegĂ  dei soldi che ghe devo a zent che ha laorĂ  per mi. E a parte le fugazète robae al liceo de Riva … no, no me par de doverghe gnent a nesuni.

Ma no l’è quela so mare, no l’è quel el concèto, come disèva el Flavio Corradini da Vigne quando se nèva su coi motorini en Mandrea a far finta de far motocross.

L’è che, os’cia, ogni dì che passa te te senti … te te senti, come dir, pĂą vizin ala fin che a quei dì che t’eri putelòt. EnsĂłma, te par che tante gĂ ze le sia zamĂ i nade. E che no ghe ne sia envanti altre che le stĂ  dove te stai anca ti. Te vei el destrĂ ni denter. Se te pensi a quel che t’averĂ©ssi volĂą far e no t’hai fat. A quel che t’hai fat malament. A quel che te fai adĂ©s, magari butando via temp e soldi per gnent … se doman no te ghe sei pĂą.

Po’ l’è anca vera che qualcĂłs t’hai fat dai. QualcĂłs s’è dat anca a quei che resterĂ  dopo de ti. Magari na ridua. Magari n’idea. Magari anca brute parole, che tut mal le è semper en ricordo no? Se me fa paura la mort? No, dai, ensĂłma, dĂ mela tòmela … os’cia se la me fa paura. E tant anca. Mi spererìa bem, na volta arivĂ  de lĂ , de trovar San Pero co la moka del cafè come se vede en televisiom. San Pero che te dìs: “Anca ti ala fim te sei vegnĂą de sora, ma no dovevìt arivar doman?  … speta valĂ  che ghe digo ale suore de prepararte el let”. E trovarse dopo con quei che è nĂ  su prima de ti. E tuti quei che te conossevi che i te domanda: “Ma ala fim, sta Lopio-Busa” l’hai po’ fata?”

No gh’è gnent da rider, ‘cramento, podria anca suzĂ©der ste robe chi. Entant vago envanti valĂ . Come un che scominzia a deventar vecio. Come un che n’ha vist de tuti i colori. Come un che ghe piaserìa tant, ma propri tant, prima de nar dove no se sa, veder en mondo divers, come quel che se canteva nei ani sesanta. Ma forsi gnanca noi, alora, ghe credĂ©vem sul serio.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento