POESIE EN TRENTIM/3

EL RAMPIN

L’era ‘n toch de legn, en bachèt lonch
ala fin el gh’aveva en ramèt ‘n via
sì, quel tochetìn de sbièch
che ‘l serviva a ciapàr … rami lontani
Te i tirèvi, alora, vers de ti
e via de nàr co le man, svelte
per robar zirèse, pèrseghi, pòmi
Quando t’avevi finì (o no te ghe la fèvi pu)
te molèvi tut e alora l’era en sfrussss
come se t’avèsi dropà ‘na fionda
Col rampìn, te arivèvi squasi dapertut
de zerto l’era i fruti pu bei e sgionfi
quei che te volèvi tirar vers ti
E vara ti, l’era quei i pu lontani
quei che te feva strusiàr de pu
Deventà grant, ho zercà quei rampini
quando gh’era done, soldi da … tirar
Ma no gh’era pu quei de ‘na volta
tuti che i se rotèva, propri sul pu bel
Se vede che el legn l’è massa sech
o che quei fruti i è massa lontani
Ma come la fèva quela volp furba
sat che te digo, en tuta verità?
Se ciava i rampini e anca el rest
la roba malmaùra no la me pias pu

LA PRIMA VOLTA  CHE …

El digo sùbit: en rafanàss. Osc.ia che gh’àt drio la schèna? En marlòss? E drio a zercàr el gancìèt giust, el mistèr de l’ombrèla, el còso lì che ‘l davèrza sto regitète. E que l’altra, entànt, che sgàrbia co la zernièra dei gìns. E buta, e mola, e tira … sì che ‘l tira ma piàm demò. Cossa ela ‘sta roba dura? L’è el piròl dele marcie dela zinquezento oscia … Magari … el fussa sì grant e gross. E via a zercar de far che quel se volerìa. E via tra sentài che de colp va sù enveze che ‘n zò. “Te prego neh … che me mama la m’ha dìt …” . Ma no, ma no, no suzède gnènt se … Oh dio, oh dio … “Set zà vegnù?” – No, no la zernièra la me gràta soto … en dolòr… E ale tante en baso, ‘n strucòm en prèssa. – Che bele tete che te gh’ai … “Varda ch se te ghe provi n’altra volta per mi l’è finìa…” – Madona, no ho fat gnent … “Basta e ‘nvanza, Son zamai tuta spatuzàda … porteme a cà”. E alora, tra vedri pieni de vapòr, vei fòra da ‘sto bosch. Nem vers el paès. Na spuma al bar. Co i amìzi che te fà l’ocièt: “Dai, dai che dopo te ne conti tut …”. El dì del so matrimoni, che gh’ò fat anca el testimoni, m’è vegnù ‘n mènt quela sera. Se sol avès pensà … a tòrme drio en guldòm. Se sòl gh’avès dìt che ero vegnù, prima ancor de …

 DIME CHE TE ME VOI BEM

Lassa star le peze, el let da rifar

buta via le padele

che ancoi

nem fora a magnar

Vàrdeme bem nei oci

no così, de pu

ancora

No, no gò la fever

stago bem

L’è che sta vida

la ne fa deventar

come dei robò

Te slargo i brazi

vègneme encontro

E dime che te

me voi bem

come el prim dì

DAME EN TOCH DEL TO PARADIS

Tome sta sgìèva dal cor

la spònze semper de pu

e la fa mal

soratut quando no te sento

Dame en toch del to Paradis

Me strenzerò

no te roberò tant posto

Ho capì da temp

che ‘l dura massa

el purgatori su sta tera

No voi el meio

senza strusiar

Ma dame

ti, che te sai tut

su come la narà a finir

ti, che dala crocifisiom

te sei tornà vif

sol en tochet del to Paradis

El so, no te poi serar n’ocio

sol per mi

I è tanti chi de soto

che voleria

esser lì con ti

Ma almen, senza tanti gazèri

fame capir

che el Paradis

zamai no l’è piem

per cazadori

de casini e sbai

de domande

massa difizili

ensoma, per quei

che forsi pensa massa

e po sta mal,

sì, propri come

fago mi tuti i dì

VEGNIRA’ PO’ QUEL DI’ ?

Na vida a spetar

che ‘l vegna

strusiando,

fasendose el cul

taiando el cavel

en quatro tochi

Na vida a vardar

na carota

semper davanti

a la testa

e ciapando bastonae

sula schena

Per capir, de colp

ma varda ti

che per esser felizi

basta davera poch

Anca senza soldi

en scarsela

(che comunque

i fa semper comot, neh)

anca co na casa

senza pontesel

anca co ‘n sito

soto el pontesel

‘Sa ghe vol

per essere felizi

alora?

Domandetèl

penseghe su

ma miga tre mesi

Quando ela stada

l’ultima volta

che te te sei dit

tra de ti

“Som propri content,

cossa vot de pu?”

Eco, pensa a

quel moment

senza tant

studiarghe su

e zerca de averghelo

ancora

pu de na volta

e lassa perder

tut el rest

quel che fa perder

temp

en sto zercar

de viver come te voi

VERRA’ POI QUEL GIORNO?

Una vita ad aspettare

che arrivi

faticando

facendosi il culo

tagliando il capello

in quattro pezzi

Una vita a guardare

una carota

sempre davanti

alla testa

e prendendo bastonate

sulla schiena

Per capire, di colpo

ma tu guarda

che per essere felici

basta davvero poco

anca senza soldi

nella tasca

(che comunque

fanno sempre

comodo, vero?)

anche con una casa

senza balcone

anche con un locale

sotto il ponte

Cosa ci vuole allora

per essere felici?

Chieditelo

pensaci su

non troppo

Quando è stata

l’ultima volta

che ti sei detto

“Sono proprio contento,

cosa vuoi di più?”

Ecco, pensa

a quel momento

senza tanti

ragionamenti

e cerca di averlo

ancora

più di una volta

Lascia perdere

tutto il resto

quello che fa

perdere tempo

in questo

cercare di vivere

come vuoi

 

 

 

NAR ENDRIO

 Ah, le pu fazile

che nar ‘n vanti

Se po’ te gh’ai

ancora memoria

o qualcos de scrit

la va bem, giusta

come la machina

del temp

Te schìzi en botòm

e te torni zovèn

Varda chi, varda là

ah che bel che l’era

Bisogna star atenti però

a na bruta gàbola

Se te vai endrio

e te desmènteghi

la retromarcia

te pensi, te vivi

robe che no gh’è pu

Meio far come i sub

alòra

Zo, zo, ancora zò

Po’ quando t’hai fat

quel che te volevi

riciapa el fil ne l’acqua

quel che te riporta su

ala boa

vizim ala barca

de tuti i dì

E faghe pur veder

quel pesatòn

che ani endrio

no t’eri mai riusì

a ciapàr

Magnelo subit

però

Perchè se no

el riscia de spuzàr

NEL PASSATO

Ah, è più facile

che andare avanti

SE poi hai

ancora memoria

qualche scritto

funziona tutto

come la macchina

del tempo

Schiacci un bottone

e ritorni giovane

Guarda qui, guarda là

ah che bello

che era

Bisogna stare

attenti però

ad una brutta

trappola

Se vai indietro

e ti dimentichi

la retromarcia

pensi e vivi

cose che

non ci sono più

Meglio fare

come i sub

Giù, giù, ancora

Poi quando hai fatto

quello che volevi

riacchiappia il filo

che ti riporta su,

alla boa

vicino alla barca

di tutti i giorni

E fa pure vedere

quel pesce

che tanti anni fa

non eri riuscito

a catturare

Mangialo subito

però

Altrimenti

rischia di puzzare

QUEL DI CHE …

 M’avevo fat la docia

(no la fèvo tuti i dì)

e butà ados

(anca tra le

mudande)

meza bocieta

de profumo

de me mama

Spuzèvo, come se dis

da remegar

Po’ via, a spacar

la musina

per tirar fora

i soldi che mancheva

e ala fim

ero zamai pront

per nar al festim

Madona se la

me piasèva

la Franca

Anca se con ela

no se feva alter

che rider

Ensoma, ghe digo

dopo na bela

mezora:

“Dai che balèm

sto lento

dei dik dik”

Ela la se svizìna

co la vesta

zà per aria

la me varda nei oci

la me snàsa

e la fa:

“Ma che hat mès

su la giacheta,

el flit?”

BREVANDO I FIORI

Pensa, se no te ghe dèssi acqua

cola gòma o ‘l sguazaòrt

i deventeria tuti sechi

‘n de ‘n par de dì

Via i colori, via el vert

dele fòie

Roba bona sol da ‘mpizàr

el foch

Così l’è quel che gh’avèm denter

ogni dì bisogna brevarlo

(oh, no col vim

e co la grapa, neh)

perchè el sia, davèra

come n’arcobalem

perchè el crèssa

Ma no te par

che anca le piante

quando te le rinfreschi

le se vòlta de colp 

(sarà colpa

del vent?)

quasi a dirte grazie?

E alora prova

anca ti a èsser en pàze

e pu fresch de zervel

con ti e coi altri

Te verai che te te dirai

grazie da per ti

anca senza parlar

ANNAFFIANDO I FIORI

Pensa, se non

gli dessi acqua

con il tubo

o l’annaffiatoio

Diventrerebbero

tutti secchi

nel giro

di pochi giorni

Via i colori,

via il verde

delle foglie

Roba utile

solo per

accendere un fuoco

Così è quello

che abbiamo

dentro

Ogni giorno

bisogna annaffiarlo

(non col vino

o con la grappa)

perchè sia

un arcobaleno

perchè cresca

Ma non ti sembra

che anche

le piante

quando le

rinfreschi

si voltino

(colpa del

vento?)

quasi per dirti

grazie?

E allora prova

anche tu

ad essere in pace

e più fresco

di cervello

con te

e con gli altri

Vedrai che ti dirai

grazie

senza parlare

QUANTE CROS, DAPERTUT

Gh’è quele vizìm ale stràe

dove anca bòci ha vist

per l’ultima volta

el zèl e la tera rebaltài

Qualchedùn passa,

mete do fiori, se fa el sègn

se ‘l ghe crede

o ‘l ghe pensa demò sol su

Gh’è altre cros che no ne ciapa

se sem negai nei nossi penseri

N’om mez sdentà

col pastram anca d’istà

sdravacà per tera

Na dona straca, le calze rote

i cavèi bagnai, de nor a ‘n mur

dove l’ha vist tanti omeni

che volèva sol goder

En putel  ‘pena laureà

che dà fora la reclàm

Doi che bega, che gòsa

se mòla scopelòni

davanti a ‘n putelot

che no ‘l sa pu pianzer

Ghè cros portae

da tanta zent tuti i dì

E come domili e passa ani fa

ghè n’è ancora tanti

che se ne lava le man

entànt che i altri i patìs

o i zuga a dadi, ridendo

per spartirse anca quel poch

che i morti i ha lassà

BOM SOL A NADAL

Pèzì coi fiochèti dapertùt

e pèze sul cul, ‘ntant

che no se vede

quando s’è sentài zò

Na corsa nele botèghe

‘sa ghe tòca? Naràl bem?

Pronti per le magnàe

che le dura fin ala Befana

Pronti per soportàr

parenti mai digerìdi

E se fùssa, ‘nvèze

de far finta de gnènt?

De ciapàrsela con còmot

come tuti i altri dì?

Ah, schèrzit, no se pol

Nadal l’è Nadàl sacramègna

come Pasqua, l’ultim de l’àm

Carnevàl, San Valentìm,

come compleani, onomàstizi

aniversàri e compagnia bela

Se gh’è el dì segnà de ròs

sul calendàri …

sarà pur per qualcòs no?

Ma sì, ma sì festègia pura

no son miga contro

tute ‘ste tradiziòm

dìgo sol che me par destràni

che um, carògna tut l’àm

el devèntà, chisà come

bòm, de colp,

sol quando vèi Nadàl…

L’AMOR PERS, PER GNENT

No gh’era ore, minuti, secondi
che no pensès a ti
Spetèvo le to telefonàe
come miràcoi che tu guarìva
E quando te vedèvo… ah …
quando te vedèvo ‘rìvàr
nèvo ‘n bàmbola come … come …
come un ‘nmamorà la prima volta
Te basèvo, no sòl cola boca
Te basèvo, no sol cola lengua
Te volèvo, tùta, subit, nuda
per po’ star ore nel lèt
T’avèvo dàt tute le ciàvi
de la casa e de la me anima
Po’, de colp, tut è finì
colpa mia, colpa tua?
Ah, savèrlo, ah podèr dirlo
Stasèra t’ho vist nar via
con un, su na bienwù
Te ridèvi, come quando
come quano te ridèvi con mi
su na vecia Renòlt
Bona zena, bon dopo
Mi te penso ancora
Ti? Penso propri de no

EL ME MODO DE VOLERTE BEN

No te dovrèssi far le moìne

a quei che no te conòssi

Nè butàr i cavèi de chi e de là

entant che te sei fora de cà

Vei chi, da brava, fame star bèm

e po’, t’el sai, cafè e briòss

da portar subit sul me canapè

T’ho vist, sat, stamatina en piàza

far i oci dòlzi a quel che vende zìgole

T’ho vist, sat, ala fèsta del paès

che te volèvi balàr col bechèr

Ti, ricorde’l te sei mia, mia, oscia

No te poi esser de altri

se no te taio i viveri, te mando en malora

Te sèi la me dona, vot nàr via?

E alora tò sù le to stràzze e và

no ocòr che te me salùdi

tòte drìo anca i fioi valà

che cosìta no devo mantegnerli

và, và, vame via te prego

maledeta quela volta che t’ho sposà

fa pur quel che te voi, putàna

và pur con quei che te voi, putana

che mi ghe tegno ala famèa

fin che la gh’è, se sa

adès ciamo la Maria, quela

che ne tegniva i boci

almèn ela la conòs ‘sta cà

la sempre rifàt el nòs let …

 

VECI AMORI

I gira per aria, i se svòltola

par, dele volte, che i fàga versi

squasi a tòrte per giro

o che i se pìssa adòs dal rider

quando i te vede destrani

I vei fòra da vecie fotografie

da lètere zamai sfantàe

che tra ‘l zàlt e no vedo gnent

te rièssi ancora a lezer

L’è en quei momenti lì

che (saràlo vera?) te bàsi

te strùchi, te fai tut el rest

come se que l’amòr demò finì

el sia ributà de colp

ne l’ort de la to anima

Quando qualchedun, a la fìn

empìza la luce

te te senti sèmo, embezìle

ma anca contènt

che te vegnirìa vòia

de nar de nof soto i linzòi

per zercar quel vecio amor

e no sveiarse pu

DAI, DAI PARLENTENE

El so che zamài l’è tardi, tardi

per rimetèr a un, tut quèl

che è finì a svoltolòn

El so che forsi, gnanca a mèza stràa

finirèssen de beghàr

Ma mi ghe pròvo, oscia, ghe pròvo

Zèrco, piàn piàn, de vegnìr zo

da que l’àrbor semper pu alt

dove son finì, de colp

a forza de dir mì, mì e ancora mì

Madòna gh’ò paura a vegnir zò

podrìa ròtterme l’òs del col

Spèta, spèta demò, gh’ò le stravègole

spèta neh, che me mòlo, ram dopo ram

Quante monàe che ho mès ensèma

come se podès viver pu de zent’àni

Quante robe che me son tegnù dènter

come se a dirle gh’avès rimès

Adès che vedo, sì che la vedo

la fin de tut quel che son stà

no gh’ò gnanca pù la forza, crèdeme

de strucàrte, de basàrte, de …

E vago alòra, vers quel che no se sa

savèndo propri ben, ma bèn

quel che avrìa dovù dirte …. e far

SE TE ME VOI BEN

Ah, se te me voi ben sul serio

te laserèssi perder tut quant

te molerèssi de colp

tut quel che te gh’ai da far

Se te me voi ben sul serio

no ghe sarìa gnènt, gnènt

pù del nòs amor, del nos esser ensèma

te coreressi da mi, subit, subit

E po’ ne baserèssen, ancora, ancora

ne svolterèssen, ancora, ancora

Se ciàva mezdì, se ciava mezanòt,

se ciàva la fam, la sè, i vestìdi sporchi

I ne ciamerìa, da lontàn

i ne zercherìa, da lontan

Noi sarèssen na roba sola

che gnanca le frane, le valanghe

riussirìa a spaventàr

Entrèghi, boca contro boca,

senza gnènt su la pèl

che pòda farne sentìr destràni

Ne ‘ndromenzerèn, cosìta

anca dovès tonezàr e piover

ma semper tacai, tacai

soratùt quando el frèt

‘l fa vegnir la pela de galina

e ‘l to càlt el me fà calt

e ‘l ne fa strènzer ancor de pù

AVRIA DOVU’ DIRTEL

Prima de seràr, de sbàter la porta

prima de nàr via da tì ‘n prèssa

sì, avrìa dovù dirte quele parole

che de sòlit salva i morosi

prima che i càncheni dei cancèi

i se sèra per semper

Sì, adès ‘l so, ho sbaià tut

come fa i òmeni che se crede

pu ‘nteligenti e forti de le done

E che dopo, ma vara ti …

‘na volta che nesùni li vede

i pianze come puteloti

Ne le robe tra masci e femine

gh’è semper qualcòs che no se vede

che no se capìs, che no se vol capir

Su le prime par che tut vaga ben

po’ arìva rogne, casìni, ‘cramenti

ma l’è lì, en quei momenti lì

t’el digo, t’el giuro, el so …

che bisognerìa tegnir duro

No, no pòl finir n’amòr

nat ben, cresù ben, ancora vif

per ‘na putanada …

 

LA PRIMA NEF

 Te la sènti

zamai prima

che l’ariva su cavei

parla i ossi

veci reumi

te lo dis

anca i osei

Sì, l’è ‘rivada

fim su le basse

l’ha sbianchèzza

metà mònt

L’è ‘sì bèl

veder tut bianch

‘na lavagna

che no finiss pù

Zà ghe scrive

co le pestole

bestie picole

che no vànza su

Po’ l’è bel

anca se fà fret

perchè ‘l ciàs

el ‘se ‘n dromenza

chè lì, soto el giàz

laora, adès

ma piam piam

la so somènza

Chi de soto

quela roba bianca

la dà fastidi

i la buta en banda

Le cadène

le gome apposta

oscia, dighe

che ‘l se sposta…

No sem fati

per star en paze

a vardar

sto cine dela natura

gavem pressa

de nar, come le gàze

fin che i soldi

i ne dura

No sem pu, puteloti

che co la nef

sgranda i oci

 

 

 

AH, SI’ ME RICORDO …

Te eri un che no sentiva resòn

Quel l’era el to pensèr

quela l’era la to resòn

I altri? Pòra zent che no capìva

gnènt de gnènt

T’eri ti el capo, el pu meio

quel che le dòne, le ghe nèva drio

quel che nesùni, oh, nesùni

podèva dirghe qualcòs

Te sei nà ‘nvanti, come tuti

ti meio, dai, de tuti noialtri,

oscia, assesòr, sindaco, senadòr

te te sei mèss a posto, ti, i tòi

e anche tanti amìzi

Te domando: come hat fat diaolporco

a far tante promèsse, savèndo

che no te l’avrèssi mantenue?

Come hat fat a domandar voti

anca a quei, propri a quei

che te steva pu sui coioni?

 

L’E’ ZAMAI TARDI …

El so che zamài l’è tardi, tardi
per rimetèr a un, tut quèl
che è finì a svoltolòn
El so che forsi, gnanca a mèza stràa
finirèssen de beghàr
Ma mi ghe pròvo, oscia, ghe pròvo
Zèrco, piàn piàn, de vegnìr zo
da que l’àrbor semper pu alt
dove son finì, de colp
a forza de dir mì, mì e ancora mì
Madòna gh’ò paura a vegnir zò
podrìa ròtterme l’òs del col
Spèta, spèta demò, gh’ò le stravègole
spèta neh, che me mòlo, ram dopo ram
Quante monàe che ho mès ensèma
come se podès viver pu de zent’àni
Quante robe che me son tegnù dènter
come se a dirle gh’avès rimès
Adès che vedo, sì che la vedo
la fin de tut quel che son stà
no gh’ò gnanca pù la forza, crèdeme
de strucàrte, de basàrte, de …
E vago alòra, vers quel che no se sa
savèndo propri ben, ma bèn
quel che avrìa dovù dirte …. e far

AMOR SCORLANDON

Te vegni, te fai casìn, te spàchi su tut
po’, de colp, come gnente fùssa
te scàpi, te còri via, te te sfànti
No resta gnanca le mìgole
de tut quel che te m’hai fat far
Come quela volta, come quela nòt
che è vegnù zamài matìna
e se ciàva colaziòn e disnàr …
T’eri ti, sol ti, a farme far le sghiramèle
a no vedèr altri che èla, che lù
Chè no gh’avèvo gnanca el temp de pissàr
se sol savèvo che ti t’èri de sòto
Chè me parèva de perder temp
se no ne basèven, se no stèven ensèma
Chè avrìa anca podù copàrme, de brut
se sol avès savèss che la sarìa finìa
Caro amòr scorlandòn, ti e le to frècie dei indiani
che te tiri e te moli dove te fà còmot
quel che dovrìa duràr per semper
T’el sài anca ti, dai, che dura poch, poch
quell’embambolamento dei moròsi
Ma a ti no te ne frega gnent del dopo
Te i mèti en bìna, a ùm, te i scàldi
po’ che i vaga pur a farse ciavàr
ti del tò te gh’ai mès come semper
tant, tant anca scorlàndo la testa …

NAR D’ACORDI

 Sposai da zinquant’ani

o adiritura da sesantazinque

Come avrai fat

a nar d’acordi

tut ‘sto temp?

Se te ghel domandi

i fa ‘n sorisin

tra de lori

Come dir: “Noi el savem,

ma l’è robe

che no sel pol contar”

De sicur anca lori

che ades se tei

per mam come puteloti

i gavrà avù dei dì storti

Anca lori, come tanti

i avrà mes su el mus

o dat peade a qualcos

tra la cosina e ‘l bagno

Ma dopo, come fussa

passà na tompesta

i ha continua a far

quel che i feva prima

A laorar, tenderghe ai fioi

nar a Messa o al bar

vardar de portar a casa

pam, lat e companadech

far en bus en pu

nela zintura

se el stomech l’era vot

contar la monea

prima de nar en botega

e zapar l’ort

se te volevi la verdura

Adès – e parla propri

un de quei giusti –

basta poch

per molar zo el pich

e spacar en doi

na casa, n’amor,

anca n’amicizia

Se voleria tut, subit

senza tante fadighe

Se voleria che i altri

i la pensessa

cone noi, semper

Se voleria nar d’acordi, sì

ma sol se l’altro

el ne dà reson

E questo tel vedi

anca vardando

al de fora

dela to finestra

o ala televisiom

ANDAR D’ACCORDO

Sposati da cinquant’anni

o addirittura da 65

Come avranno fatto

ad andare d’accordo

per tutto questo tempo?

Se glielo chiedi

fanno un sorrisino

complici, tra loro

Come dire: “Noi lo sappiamo,

ma queste sono cose

che non si possono dire”

Di sicuro anche loro

che adesso si tengono

per mano come ragazzini

avranno avuto dei

giorni storti

Anche loro, come tanti

avranno litigato

o dato pedate a qualcosa

tra la cucina e il bagno

Ma dopo, come fosse

passata una tempesta

hanno continuato

a fare quello che

facevano prima

A lavorare, seguire i figli

andare a Messa o al bar

far attenzione a portare

casa il necessario

o fare un buco in più

nella cintura

se lo stomaco era vuoto

Contare le monetine

prima di far acquisti

e zappar l’orto

se volevano la verdura

Adesso – e parla proprio

uno di quelli… –

basta poco

per lasciar perdere

per rompere

una coppia, sposata

o un’amicizia

Si vorrebbe tutto, subito

senza tanta fatica

Si vorrebe che gli altri

avessero le nostre

stesse idee

per sempre

Si vorrebbe andar

d’accordo, certo

ma solo se l’altro

ci dà ragione

E questo lo vedi

anche guardando

all’esterno

o la televisione

DIME, DIME CHE …

L’è da tèmp che sèm ensèma

che nèm a magnàr la pìza

sèmper nel ‘stès posto
L’è da tèmp che ne vardèn
sòl, sòl, nei òci
Vorìa dirte, scolta neh …
vorìa dirte stasèra
che me piaserìa stàr con ti
far anca ‘n bocia nòs
magnàr, bèver, dormìr
far le robe che se fà
de sòlit, tra òm e dona
che stà nela stèssa cà
Volerìa sposàrte,
se no te l’hai capì
e nàr envanti, en dòi
oh, mi e tì,
‘n sta vita piena de sgiève
Volerìa darte tut de mi,
nò sol i soldi che gh’ò
Te sarài de zerto la regina
ne la me cà
Narèm envanti, dì per dì
tra tompèste, càlt e frèt
vegnirà i dì sfigài
quei che de solìt fà begàr
Ma fìdete de mi,
che senza de ti
sarìa come ‘n ciòdo
senza la so capèla
sarìa come na porta
senza el marlòss

TOTE DRIO …

Tàsi, tàsi, ma tasì valà
che se te digo, dal bòn
da quando scaìno
propri no te me crederèssi
Ghebèvo, oscia se ghebèvo
anca do pachèti al dì
E tosìvo, oscia, se tosìvo
da la matìna a la sèra
Po’, de colp, com’ela stàda
ho dit basta, oscia, no fumo pù
Ero zidiòs, catif, pien de caramèle
me son butà sul vim
e i zigarèti? Ah, se i gh’avès avui
Entant semper pu sgionf
glicemia alta come el Dòm
la sposa che me vardèva
come se fus zamài en por òm
“Ma – dis alora l’àlter – dime, dài
come l’è finìa…”
Ah, caro mio, no l’è fàzile
Dì dopo dì, a dir de no ai vìzi
Ora dopo ora, a tegnir duro
“E adès, dai, dime, stat meio?”
Che vot che de diga
che son mort da dò mesi…
te sai, no, che i m’ha fat l’hobit
perchè fumèvo massa, massa oscia
no gh l’ho fàta, i m’ha mes zò
“E adès, dai, dime, come vàla?”
Ma tàsi valà, tasi te prego
Son chi nel Purgatori, ‘cramento
perchè te sai, ho fat tanti pecài
anzi salùdeme la to spòsa,
che, dai, ormai te ‘l savrài …
ne la fèven de scondù
quando ti t’eri al travài
“Ah l’era quel, l’odòr de fum
che sentìvo, tornà a cà…”
Sì, dai, che l’è robe passàe de man
scolta enveze, se te pol enteressàr:
se ‘n dì per caso, disente lontàm
te dovèssi vegnir anca ti
da ‘ste bande col corimàn
tòte drìo n’acendìm, te prego
che se no, no te poi ghebàr

E DIR TUT MAL GRAZIE …

No savèr gnènt
de come la sarìa
nàr a finir
No capir gnent
de quel che se fèva
e no avèrghe en testa
qualcòs de divèrs
da la fin del zògh
de putelòti
No pensàr pu ‘nvànti
de la marènda
No pensàr pu ‘n drio
de la colaziòn saltàda
Esser semper de corsa
Còrèr, senza esser
Creder en tut e gnent
Lèzer sol qualcòs
che fès rider
cine en bianco e nero
su ‘n canàl sòl
dischi da scoltàr
coi soldi al giù box
Le prime slimonàde
e zòghi dei dotòri
Partìr per militàre
e nàr via da tut
Laoràr da zòveni
anca per gnent
E dir tut mal grazie
a quei che te fà ‘mparàr
el mistèr

AMOR, AMOR, AMOR

Che te spèto, che te vòi

che t’ho avù, che t’ho pers

Amòr che se te ghe fùssa..

adès, come quela volta

Amòr, ciucià dale strìe

e che dopo te sei deventà

massa ciciòm

Amòr destrani, fat de ricordi

che quando se se ritrova

dopo ani e ani de lètere

no se se capìss pu…

Oh, amòr nof che dà scopelòni

a quel demò vecio

e che a metà straa, finì el bel

te fà vardàr endrìo

Amor, amor che no lassa

po’ pu gnent come prima

Che stòfega e slarga i polmoni

che magna tut e lassa tut nel piat

che gh’è, quando no ‘l dovrìa

Che no gh’è, anche se

el ghe sarìà…ma dime, dime

me vot bem come na volta?

I RICORDI

L’è qualcòs che te resta
empegnà nel zervèl
No i va via, no i scampa
gnanca se te ghe disi
brute parole
Robe bèle, brùte, mez e mez
tute tacàe, tute sgiève
quando te volerèssi
netàr ‘sto secièr
I fa squasi apposta
a metèrse de travèrs
a ‘n tasàr quei tubi
che te gh’ai de denter
I s’empègola, come spine
no te poi tiràrli via
Cossa te poi far, alòra?
Tègnèi da cont, valà
che ‘n dì o l’àlter
magari vei comodi
anca lori …

PRIMA CHE FINISSA TUT

Da grant, sì da grant
Volevo esser, volevo esser
Ma sì entant volevo esser
no dipender dai mèi
nar envanti, envanti
gh’averghe na cà mia
na dòna che me
volèss bem
fioi, neòi …
en cagbòt da portàr fòra
a pissàr
dò olivi da poàr
‘na campagna dove
far do passi
per sviàrme el zervèl
l’è nàda come l’è nàda
te te sènti zò
sul solit murèt
te pensi ai dì passài
a quei che poderà vegnir
Te fai anca do conti
su quel che manca
al to hòbit
e alòra? Te vei voia
de far de pù, en pressa
prima che tut
finìssa de colp …
Cossa me disit?
Che son ancora zoven?
Che no dovrìa pensar
zamai a la fin?
Te gh’ai reson, propri reson
Ma che te dìga?
Se dovèss nar via entànt
me basterìa en fior
butà anca per tera
vizìn propri a quel posto
dove l’ultima volta
te m’avevi vist…

A OCI SERAI

Prova, se te gh’envegni

a far finta de esser orbo

Metete demò

qualcos de scur

prima

su tuti e doi i òci

E adès, dime, dime

come te sentit?

‘n do sonte mi?

Che gesti te fago?

Ocio che la chichera

del cafè

te la gai lì arent…

E per nar al cesso

se te fago el girotondo

te ricordit la straa?

L’è vera, così i dìs

che quei che no vede

i scolta, i tasta

i dropa altre robe

per vegnirghen a um

Ma scolteme mi

e tira zò la strazza

no sta’ mai fidarte

mai e po’ mai

de nessuni

a oci serai

EL CORIMAM

Tento ale sgieve

che no i l’ha gratà

e ancor vernisà

Ocio al mur

‘pena sbianchezà

Vara che ‘l scalìm

prima de la resèga

l’è mez ròt

vàrdete en ‘tera

Dai, compàgna

su el nòno

che gò l’auto

demò en mèz

Dighe che ‘l se tegna

e ti tei su ‘l rest

No ‘stà a far corse

zo per le scale

no l’è na giostra

e no te gai le ale

Resta semper tacà

a quel tochèt de legn

Varda ‘nvanti, ‘n drè

mai per aria

se te voi ‘rivar entrèch

Così l’è la vita

se te voi saverlo

se gà semper bisoin

de ‘n corimàm

Pol esser n’idea

voia de far

‘na sposa bela

che la te fà sognar

Pol esser neòi

che te tei su

o anca sol ricordi

de la zoventù

A nar su  fa piam

come el montagnèr

en pass ala volta

e tègnete lizèr

Po’ a vegnir zo

ogni sant aiuta

no ocor propri nesuni

che da drio i buta

En dì te troverai

pu lonch ‘n scalìm

podria esser l’ultim

o se tel vardi

da n’altra banda

magari … el prim

EL GREMBIAL

 Varda el grembial

e te capissi subit

che mistèr el fa

El bechèr e ‘lo gà

sporch de sangue

el pastizèr

de zùcher e ciocolata

el mecanico enveze

el gà na tuta

piena de oio e grass

el contadim

de tèra e gramigna

l’idraulico

de rafia e sporcaria

quei che neta

de polver e tacaìz

el marangòm?

Ah, me ricordo

quel del por Mario

ghera su cola, pàiz

bosie envernisade

l’era come vedèr

en quadro

de Picasso

dur come el mur

el steva en pè

per so cont

ma guai a netarlo

quel l’era el so

grembiàl

Po’ ghera quei

dei boci

che neva a scola

tuti gualivi

col fiochetìm

Ades ognum

el va per so cont

con prosachi pu grandi

anca dei mandoloni

E ghè i grembiai

de quei che

no lavora pu

Neti, zamai da stirar

n’altra volta

finidi en de n’armàr

che no se sa mai

Come zerte telàre

che mi ‘scondo via

perchè se le vardo

me par che ghe sia

chi, ancòr, me pare

 

 

ALLOUIN

 Ah, tel capissi

da tante robe

quando te par

de deventar

vecio

Da qualche am

zamai

a mi el me capita

propri el dì prima

de quel dei morti

Che nei zimiteri

l’è ‘n via vai

de zent coi fiori

e coi lumini

E la sera enveze

Ma varda ti

par de esser

a Carneval

Strie, paruche

zuche zalde

con nasi, boche

e oci grandi

Fum, candele,

robe che sciopa

sangue finto

e zent en straa

meza taiada sù

No l’è tanti ani

che ghè

sta nova festa

no ghe n’ho tante

ne la me testa

E l’è per quel

che digo ancora

me sento vecio

en po’ taià fora

Disentela tuta

ha tacà via

i mericani

a stomegar tuti

co ste so manie

e dove?

Nei so cine corti

nei so cartoni

animati

Po’ i puteloti

i ghè nai drio

e quei che

ste baterie

i le vende al mercà

ah i n’ha subit

profità

Na volta

el dì dei morti

ariveva en cà

tuti i parenti

Che fret al zimiteri

se stenteva

anca a parlar

Po’ dopo

la benediziom

se se troveva

semper

come voleva

la tradiziom

a scartozzar maroni

con en bicier

de quel bom

Ai popi sol

la spuma

e qualche

ciocolatim

Ma guai

dopo a netarse

la boca nel mantim

LE SPIZEGAE

 Le ghe vol

pu spes

de quel

che se pol creder

Come quando

en campagna

de colp

sule gambe nude

e anca sui pei

cuertai sol

dai sandai

te capissi

che t’hai tocà

le ortighe

Le ghe vol

le spizegae al cor

se no el deventa

come ‘n motorim

el pompa sangue

el fa sol

el so mister

Semper,

dì e not

e guai

se ‘l se rotes

o ‘l perdess colpi

Ghe vol le spizegae

al cor

en spavento

che te sveia fora

na ridua

che no finiss pu

i oci de na dona

dove te voressi

negarte

la voia de far

qualcos

per i altri

De nar for de casa

e scoltar

la zent

enveze che

la televisiom

Ghe vol le spizegae

al cor

se no pensem

sol

a netar bem

la nossa macchina

per po meterla

en garas

così no la se

sporca subit

 

ME SENTO ZO

Che no vol dir

meterse comodi

anzi

el contrari

No te trovi paze

gnanca

sul canapè

No l’è

come el mal de testa

nol passa

co l’aspirina

Te vardi en su

en zo

en banda

e anca là via

Gnent che

te calma

Gnent che

te perde via

Gnent denter

gnent de fora

“Ma cossa vot,

demò, ancoi

Che no te va

bem nè el dolz

e nè l’asè?”

Voia de

mandar tuti

via

Voia de

stofegarse

col cosim

“Elo per quel

che ha fat

l’Inter

co la Roma?”

Ma tasi, va via

no te capissi

gnent

De colp, en mez

a sto temp griso

Me son sentì

pu vers la fim

che a metà straa

Odio, me son dit

quante volte

vedrò ancora

el sol?

Po’ per fortuna

me som dat

na bela pezada

Gò mal ades, sì

ma almen

l’è per qualcos

CHE BEL STAR EN MEZ

Som en mez. Ciapo de chi e de là.

Come tira el vent

Me papà l’era Dc

me mama la ‘nsegneva

ale Degasperi

E grazie ai mei

ho trovà en bel posto

ala Rurale

“Va ‘n politica

– m’ha dit el zio –

che i te fa zamai

diretor”

L’è che ades

no so ‘n do

butarme

Me par che i gabia

tuti reson

E alora mi stago

fermo e zito

Te verai che ‘n dì

i se scorze de mi

E se demò

nes de moda

pu el ros che ‘l nero

ghe meto poch

a cambiar color

 

EL BRUT DEL BEL

Se propri te voi

tirar for en pel

da l’of

ghè semper qualcos

che no va bem

anca se la va bem

L’è ‘l brut del bel

perchè quando

te pensi

de esser zamai a posto

oscia suzede

qualcos che po’

te và de colp de travers

Na paca co la machina

che te fa perder

temp e soldi

La coa al tabachim

che po’ no te trovi pu

la dona dela to vita

Basta poch, a sto mondo

per esser

for de squadra

magari propri quando

te pensi d’esser

arivà

Na manega d’envidiosi

o de zent

che porta sfiga

El temp, el cul, i siori

che zà per lori

i è na sfida

Te disi: Dai che tut mal

me par de star en pè

Ocio, drio l’angol

che semper

quel…. de drè

L’unica saria viver

come fus semper

l’ultim dì

Ma te vei quel dubi:

“Devo nar a far

i esami domam

o venerdì?”

 

DOPO LE VENDEMA

Fòie tra ‘l zàlt e ‘l maròm sech
nele vignère gratàe da pòch
da quei che va spigolàr
De soto n’erba alta de farinèi
taià anca quèla, per i cunèi
po’ paserà i fèri del tratòr
En bànda resiste ancor i bròcoi
melograni, codògni desmentegài
e i cachi i ciàpa zà ‘l so colòr
Ste vigne scavèze, dal capèl ròt
le me varda e par le diga:
“Va a cà che adès t’el gh’ai
el vin novèl per bagnàr i maròni
e senti che bon odòr fà zamai
le graspe per el lambìch”
Me sènto su ‘n murèt
propri quel che da bocia saltèvo
per zercàr el balòm
ah, pori vignèri semper a dar
e mai a ciapàr
mè sà che mi son pu fortunà
chisà se lori i narà mai
en pensiòm

EL ZIO GIGIOTI

El vegniva su da Arco

co la bici e i so atrèzi

olivi da poàr

foie da rastrelàr

la gramigna da cavar

e po’ l’ort da vangàr

La telàra, semper quela

calzetòni coi so busi

grossi denti

squasi a sbàlz

el ridèva come ‘n cavàl

Ala sagra de Stranfòr

el portèva en spàla

el sant co na tonèga

scura e longa

El pareva squasi en frate

le sorèle meze suore

pu en ciesa

che a so casa

ma che bona la polenta

se ‘l manaròl

el lo menèva lu

L’era sì en gran bonera

mai ciapà da done

vim e fum

Ghe piasèva laoràr la tera

po’ en bici

el neva sì zò

Noi bocièti el vardèvem

come ‘l fussa

demò mez mat

E pensar che par algièri

che coi oci

el n’ha saludà

Disgrazai che no sem alter

a capir tardi ‘ste robe

L’era quei i omini veri

no quei che po’ i n’ha fregà

 

 

CON TUTI I ME SCHEI

 

Ghe n’ho tanti

che i me vei, zamai

for da le rècie

fàgo quel che voi

done, case

fum e sbevazàr

Ghè qualcòs

che se pol comprar?

E mi el compro

Ghè qualcos

da metter en tàser?

E mi la voze ghe la togo

Ghè n’ho tanti

che dele volte

no so gnànca

quanti che i è

A ste robe, a sti conti

de solit ghe pensa

quei che pago

propri per quel

L’alter dì

dopo i esami

che avevo fat

a l’ospedal dopo n’eternità

no per dover, per curiosità

vei for che gò en mal

de quei, ma de quei bruti

Ciàmo el dotor

quel bravo en Merica

Dime quant te me toi

per farme guarìr

Ah, el fa questo,

en mez ingles,

me sa che stavolta

propri mal te sei mes

Te dago el dopi

Ghe digo pu volte

Sì, t’hai capì bem

Te dago el dopi

de quel che te voi

e dai, da bravo

che te sei en cauboi

E lu el tase

el scòrla la testa

No serve dollari

l’è na tompesta

Stavolta, caro

El dis per telefono

serve en miracol

e mi tel giuro, tel sai

no som en baro

Scapo de corsa alora

e vago en banca

tirò for tut

anca de zanca

Ciapo l’aereo

vago en srlilanca

zerco i stregoni

quei che guaris

Ma anca quei però

no i vol i soldi

i ha slargà i brazi

prima che moris

 

 

EL SASS DEL CONTE

 

L’è en mez al bosch

poc sora i castagnèri

se te vai su da vignole

propri de zanca

ghè el prà dei spinazèri

vers Nach, enveze

ghè el pilòm de la luce

Noi,  da bocièti

nèvem su per fonghi

granzòni e tochi le legn

per saltàr co l’asta

(come el Dionisi)

le asesèle messe su

tra le colone dele vigne

Se ghe arivevà

per sentèri alora nèti

saltando come cavriòi

E quando el vedèvem

anca da lontam

se tirèva el fià:

zamài sem arivài

al sass del conte

E sto maròch

el te vardèva

parèva che el ridèss

“Pòpi piam

se nò ve fè del mal

polsève n’atimìm

come mi fago

demò da na vita

che se volè arivàr

fim su ai Fiavèi

la straa l’è longa

da far coi vossi pei”

Se se sentèva vizìm

tuti entòrno a ‘sto sass

se ciapèva el fià

de pu se l’era istà

Po via de nof

sui senteri

oscia, me par algièri

No so se me sbaglio

se me ricordo mal

ma me par che

‘l sass del conte

drio man el ne saludessa

te digo che l’ho sentì

pu volte, anca

dir qualcos de strano

entant che tuti ensema

nevem vers el capano

sì quel dei cazadòri

scondù tra el foiàm

en dì ho vardà fora

e ‘l sass del conte

l’alzeva anca na mam

LA PRAIVASI

 ‘Na fila de carte

zamai da firmar

una però

l’è semper gualiva

quela che dis:

“per la praivasi

firma chi soto”

Vol dir, ala fim

che te ghe lassi

dropar i to dati

per cossa po

no l’è bem ciar

Po’ te vai en banca

ala posta e anca

a l’ospedal

Tuti che ‘ speta

tuti enmuciai

Te senti quel

che no te voi sentir

e così i altri

de quel che t’hai dit

E se te fus scapà

qualcos

ghè semper quel

col telefonim

che ‘l parla, ‘l parla

a voze alta

che te vei voia

demo de dirghe:

“Varda, dame dalbom

el numer del to cont

tel fago mi ‘l bonifico

a la to amante

basta però

che te la mochi chi”

EL PALPAPIAM

 No ‘l tòca, el mòve

sì le màm

ma sol de sbièch

che squasi

no te te ‘scòrzi

E po’ te resta

nele tue

qualcos de gnèch

pèzo de ‘n lumàz

schizà col martèl

Lènt nel caminar

come nel parlàr

Par che ‘l te scolta

con tanta atenziòm

Ma ala fim te capissi

che l’è n’embroiòm

Perchè en tut quel temp

lù l’ha sol pensà

no ale to parole

ma a quel strano sarasà

Che l’è quel che

lu el vardèva

propri soto i so pei

entant che ti

te ghe spieghevi

tuti i to piagnisteri

“varda ti che sassi neri”

El palpapiam

no ‘l decide mai gnent

“oscia, te me capirai

per ste robe chi

ghe vol el so temp”

Per farghe ciapàr

n’anda pu svelta

bisogna strussiàr

con gess e calma

Perchè anca el gavès

el foch nel dedrè

quel lì prima

de smorzarlo

el beveria en tè

 

EL SLANDROM

El cambia mudande

sol quando se sente

l’odor da vizim

Se la camisa

la se sporchessa

de vim

el la rivolta

soto el golfim rot

El slandròm

el se lava

co ‘ la pioza

El se suga col sol

el stira tut

quando vei el vent

No gh’enteressa

far faziom

en mez ala zent

No ‘l zerca gnanca

de piaser ale done

El tase, el gira

col ‘ so passo

Ma no ‘l domanda

mai la carità

Se te ghe paghi

en bicièr

el ride soto i bafi

ma no ‘l  dis gnent

el par squasi en mago

el sparìs en de ‘n moment

Ma quando en piaza

no i lo vede pu

tuti che se domanda:

Ancoi che gavràl avù?

E quando um

g’hà regalà en gess

l’è stà ‘n miràcol

quel che s’è vist, dopo

en mez al paes

Na grant madona

coi angioleti

ma soto, a rider

soto i bafi

anca tanti diaolèti

EL BIS DEL LUFAM

I ne parleva tant e tanti

ani e ani endrio

de sto bisòm

lonch, gros e brut

“L’è propri lì nei boschi

che stà soto el Briom

no stà farme dir alter

sì, el gà anca en testòm”

Quela de quel bis

che steva vers Lufàm

erel sol na storia

per calmar la fam?

Ah tuti furbi ades

che da magnar ghe n’è

voria propri veder

se ve vardesse endrè

Quando no ghera cine

e gnanca televisiom

e no saveve gnent

mancheva informaziom

Che po fussa briganti

quei che robeva tut

i era propri tanti

coi oci soto el persut

Ma ensoma ghera sto bis

e tuti i gaveva paura

no l’era en stocafis

el noeva anca en pianura

La boca l’era granda

e tut ghe neva dentro

e quando el ruteva

vegniva for sol zendro

Po’ è ariva i siluri

che magna tuti i pessi

e ancor no sem sicuri

se i gabia i permessi

Ma quela pu grossa ades

l’è quela del storiom

lonch squasi oto metri

come en bel barcom

El gira, i dis, soto el lach

te ‘l vedi sol de not

ma prima ghè bisoin

de ‘n gros sguazaort

Te averzi bem la spina

ma scolteme ti bem

no l’è quela de l’acqua

che te farà pu bem

Bisogna nar al port

dal vecio pescador

e domandarghe al Gino

qualcos contro el tremor

Se lu no ‘l te da gnent

di che te mando mi

e alora te vedrai

che ‘l bis, quel del Lufam

te deventerai ti

I POMERI D’INVERNO

Fa ‘mpressiom dessì vederli

squasi gualivi, tuti en bìna

senza foie, i par sèchi

par che i piega zò la zìma

Gavrai frèt? Anca i gelòni?

Lori no i pòl dir gnent

Ma de zerto na cuertèla

sarià meio averla arènt

I varda vers i pali de la luce

quanti osei che lì se cucia

lori envèze i bate i denti

e nei rami i gà l’ucia

Veci, zoveni, ‘pena piantai

tuti i alza i brazi al zel

dai vegnì prest a poàrne

che così ne scaldè ‘n pel

L’è lontana la primavera

coi so bùti, coi so fiori

e le af, quele postine

che farà sbociàr i amori

‘Riverà anca el contadim

a magnar el prim pom vert

quel saor che sa de pù

se te roseghi senza el cuert

Po’ na festa, tante mam

tra quei pomi rossi e zaldi

le cassete da ‘mpienir

per ciapar i giusti soldi

E de non ritacherà via

come l’è zamai per tuti

quel passar dal bel al brut

per ridar dei novi fruti

Entant vardo ‘sti pomèri

tuti nudi e ‘ngiazai

vegnerìa voia, el giuro

de vederli pu cuertài

 

LA RAMPEGADA

 Te parti sul còmot

sentèri segnai da altri

cartèi rossi e bianchi

No te pòdi sbagliar

Pò mam mam

che i àrboi i deventa pìcoi

pròpri ala fim

de gran geròni

te vedi sol, arènt a ti

i mughi, prèe rote

e canaloni

Te toca dropar ciodi

martei, corde e laòri

per nar en su

(no stà vardar zo)

Prima le mam,

dopo slongàr i pèi

prima tastàr

dove zamai te sei

E su, poch ala volta

semper col cul

tacà a quela ròza

Te vei adòss en balòt?

Tut mal ghè el casco

La sgeva t’ha sponzù

dropa entant el talco

E su, ma che fadiga

la testa che te gira

ma ‘ste robe prima

nesuni che le diga

Te par che manca poch

e ‘nvenze no l’è vera

te se sèra i oci

zamai pieni de gièra

E su bisogna nar

che ‘ndrio l’è pu longa

eh sì l’è tut n’arfiàr

se no te perdi l’ànda

La zima en do saràla

che no la vedo pu?

Ghè nebia su de sora

el sol no el vegnù?

E quando, ale tante

te arivi fin lasù

quando zamai te sai

pu de um lezù

varda che destim

tuo come per i altri

sul col i t’ha metù

Adès si, tel sai

come se fa a rampegàr

te conòssi tuti i tochi

come per sbianchezàr

Pecà che da quela zima

te poi anca gosàr

da sera a la matina

nesuni te scolterà

 

 

EL SOL ENGRUGNA’

Dove se cambia

idea pu spess

de le mudande

che le resta

tutmal sporche

Dove pur

de restar su

se fa e se disfa

i muci

come se governar

fus star al bar

a zugar a carte

Dove se dis tut

e anca l’incontrari

Se manda via

malament i amizi

e po’ se core

a zercarli de nof

Perchè se no

casca el palco

e va via i sonadori

Dove la zent

dopo tanti discorsi

sentiì ala televisiom

la se domanda:

“Perchè tant

casim prima,

perchè aumentar

l’Iva, perchè

perder temp

se dopo tut resta

come l’era?”

En banda en vecio

zamai senza denti

el me bate la spala:

“N’ho vist de pezo

– el me dis

ciuciandose le zenzive –

come soldai

che dopo aver

fat la guera

ensema

de colp i s’è messi

a sbararse ados.

E sat perchè?

Sol per darghe

a ment

a quei, che al calt

co la pipa en mam

i aveva capì

che così, per lori

l’era pu comot”

Vardo per aria

anca el zel l’è tristo

E ‘l sol

(faralo apposta?)

no ‘l struca

pu l’ocio

come ‘na volta

TORCIEI

Fil fat col diaolèt

(‘na volta co le sgorbie)

su legn dur

che dopo zigherà

come a dir:

“De pu no se pol”

I pu grossi

i schiza le graspe

per tirar for sgnapa

o vim per i siori

Ghè quei picoi

per tegnir a um

do compensai

‘n toch de formica

do asesèle

zamai scaiade

e taiae vardando

bem la squadra

‘n mez la cola

o màstez tacaiz

da tirar de chi e de là

co ‘n pètem de fer

Sul bancom, la so roa

la tei fermo tochi

fim che te gai

dopo, da gratar

Basta po’ en par de ciodi

e te vai a cargàr

Ma ti varda quei torcèi

che ne tei a um

noaltri

Quando t’hai demò capì

che te poi tirartei via

ah l’è tardi, i te dis

e po’ i te mete via

ENVIDIOSI

Ma sat che ‘sto vestì
el te dona, el te slancia?
Te l’avrai zamà pagà
n’ira de Dio
Bel, bel, brava
te pari n’altra dona
(che se ‘l vede
anca da lontàm
te l’hai tot al mercà
dai cinesi
e te pari pu picola
de quel che te sei)
Oscia, machina nova
l’era ora, che anca ti
te gavessi qualcos
de serio
Color giust, staiffela
e me sa, ma dimel ti,
che la consuma poch
Zerte picole sodisfaziom
bisoin torsele
alla nossa età
(Ma cossa vat a torte
che t’hai semper becà
i spigoi del garage
anca col motorim
Quele l’è robe da siori
quando t’avrai finì
de pagarla a rate
la sarà da tràr via)
Complimenti a la to siora
ah ve vedo propri bem
te n’hai passà de brute
can da l’ua, te fai dassèm
bela, bela, de pù
vegnì ‘n dì a zena
(Por laòr, par la so badante
la ghè magnerà for tut)

SE PIANZE L’ANIMA

 No te ‘l vedi, t’el senti

anca se no ghè

el sal de le lagrime

che resta sule roze

dela facia

L’è qualcos

dentro de ti

che ciapa piam piam

tut el rest

“No som su la mia”,

te disi a quei

che domanda cont

del to esser destrani

E enveze l’è propri

en quei momenti

pu de altri

che te te senti

tut um, dala testa ai pei

con quel che te pensi,

te scolti, te snasi

senza poderlo

tocar co le mam

L’è quela voia

de  nar senza ombrela

soto la pioza de marz

de vardar en zel

senza sol

de fermarse, n’atimo

tra zent e machine

che core, che core

che core

senza domandarse

perché

senza portarse

‘nvanti

su quel che ghè da far

dopo

La vida la va

come l’acqua

Tuti i dì

vers la so fim

Che l’è en lac, en mar, n’oceano

dove tut se miscia

prima de esser portà de nof

de sora

dal calt del sol

prima de cascar zò

n’altra volta

Propri come sta pioza

che me bagna

i cavei

e anca l’anima

Senza darne fastidi

Perchè se la sento

vol dir che som

ancora vif

SE PIANGE L’ANIMA

Non lo vedi, non lo senti

anche non c’è

il sale delle lacrime

che resta sulle rughe

della faccia

E’ qualcosa

dentro di te

che prende, pian piano

tutto il resto

“Non sto bene”

dici a quelli

che chiedono conto

del tuo essere strano

E invece è proprio

in quei momenti

più di altri

che ti senti unito

dalla testa ai piedi

con quello che pensi,

ascolti, annusi

senza poterlo

toccare con le mani

E’ quella voglia

di andare senza ombrello

sotto la pioggia di marzo,

di guardare un cielo

senza sole,

di fermarsi un attimo

tra gente e macchine

che corrono, che corrono

che corrono

senza domandarsi

perché

senza anticipare

quello che c’è da fare

dopo

La vita scorre

come l’acqua

Tutti i giorni

verso la sua fine

Che è un lago, un mare, un oceano

dove tutto di mescola

prima di essere

riportato sopra

dal caldo del sole

prima di cadere

un’altra volta

Proprio come questa pioggia

che mi bagna i capelli

e anche l’anima

Senza darmi fastidio

Perchè se la sento

vuol dire che

sono ancora vivo

 

I ALTRI

Diversi da ti

zervei che pensa

altre robe

Na testa, do brazzi

do gambe

come ti

E i pianze

come ti

E i ride

come ti

E i gà le to stesse

paure

La to stessa

fam

La to stessa

Ma te vei da dir

comunque

lori i è altri

mi som mi

En dì te te trovi

mes mal

E n’altro, n’altra

i te dà na mam

senza domandarte

gnent endrio

L’è sol alora

che te te rendi cont

che sem tuti

sula stessa

barca?

L’è sol alora

che te capissi

che anca ti

te sei nel giom

dei altri?

GLI ALTRI

Diversi da te

Cervelli che pensano

altre cose

Una testa, due braccia

due gambe

come te

E piangono

come te

E ridono

come te

E hanno le tue stesse

paure

La tua stessa

fame

Ma ti vien da dire

comunque

“Loro sono gli altri

io sono io”

Un giorno ti trovi

in difficoltà

E un altro, un’altra

ti danno una mano

senza chiederti

nulla in cambio

E’ solo allora

che ti rendi conto

che siamo tutti

sulla stessa barca?

E’ solo allora

che capisci

che anche tu

fai parte del gruppo

degli altri?

DIME CHE TE ME VOI BEM

Lassa star le peze

el let da rifar

buta via le padele

che ancoi

nem fora a magnar

Vardeme bem

nei oci

no così, de pu

ancora

No, no gò la fever

stago bem

L’è che sta vida

la ne fa deventar

come dei robò

Te slargo i brazi

vegneme encontro

E dime che te

me voi bem

come el prim dì

DI’ CHE MI AMI

Lascia stare gli stracci

e il letto da rifare

butta via le padelle

che oggi

si va al ristorante

Guardami bene

negli occhi

non così, di più

ancora

No, non ho la febbre

sto bene

E’ che questa vita

ci fa diventare

come i robot

Ti allargo le braccia

vienimi incontro

E dì che mi ami

come il primo giorno

EL SCALIM

 Come n’alber

lonc, dal gros al fim

rais de fer

do ponte che lo tei

piantà nela tera

e le recie

de legn

da na banda

e da l’altra

Te parti sicur

pien de forza

che tanto

se te caschi

no te te fai mal

E po su, su

te buti le olive

sul linzol de iuta

che tut tei

fruti, foie

e anche rami sechi

‘Tento a no nar

masa en banda

Lassa perder

le pole pu lontane

Tegni bem

le man sul scalim

e movi i pei

um ala volta

quando te voi

nar pu alt

L’è n’atimo cascar

e no veder pu

quel zel blu

con tante stelle

d’arzent

……………………..

E adès lezè

quel che ho scrit

pensando che

el scalim

sia la nossa vita

No par che tut

sia quasi gualif?

EL PROFUMO DEI LIMONI

 Na volta, quando se feva

el giro del lac

ghe ne ‘era tanti

vizim ala strada

prima dele galerie

che vendeva limoni

sol limoni de Limon

no de tut, come ades

che i dis el vegna

dala Sizilia

e l’era bel fermarse

e sentir quel profumo

che po’ el te resteva

nel nas fim a casa

nei sentai de drio

dela seizento

L’è da alora

che n’è restà el vizio

quando te vai al bar

de snasar le scorze

de l’aperitivo

Staria lì per semper

a  gustarme sto odor

fat de Ora, de tera bagnada

dal Garda

de qualcos che l’è vegnù su

riparà da mureti alti e streti

come tanti campanii

zircondai da foiete verde

e tanti boi giali

E me pias quando

en boca

el limon el te spizega

Come a dir:

“Ades fago pulizia

tra denti e zenzive,

speta a mandarme zo”

IL PROFUMO DEI LIMONI

Una volta, quando si faceva

il giro del lago

erano in tanti

a bordo della strada

prima delle gallerie

a vendere limoni

solo limoni di Limone sul Garda

non di tutto, come adesso

con prodotti che, dicono

arrivano dalla Sicilia

Ed era bello fermarsi

a sentire quel profumo

che poi ti restava

dentro, fino a casa

nei sedili posteriori

della Seicento

E’ da allora

che mi è restata l’abitudine

quando si va al bar

di annusare le scorze

di limone

appese al bicchiere

dell’aperitivo

Starei lì per sempre

a gustarmi quel profumo

fatto di vento, di terra

bagnata dal lago di Garda

da qualcosa che è stato coltivato

tra muri alti e stretti

come tanti campanili

circondati da foglie verdi

e bollini gialli

E mi piace

quando in bocca

il limone pizzica

Come a dire:

“Adesso faccio igiene

tra denti e gengive,

aspetta ad

inghiottirmi”

LE CADENE

V’è mai capità

de colpo, sul pu bel

de sentirve

come ligai

a qualcos che ve tei

fis, per el col?

El suzede dele volte

quando te sei

senza saverlo

a pochi schei

dal star massa bem

O da sogni

che deventeria veri

O da na sensaziom

de libertà

Come quando da boci

se coreva nei prai

se robeva zirese

se feva el bagno

nele poze del Salom

No ghè sol le regole

quele scrite, digo

da rispetar

E quel l’è giusto

se sa

come no se deve

copar, robar, bestemiar

far del mal

a chi no te n’ha fat

(e demò gnanca vendicarse)

Ma ghè semper

na cadena

massa corta, o poc longa

che te ferma

quando enveze

te voleressi nar

anca restando

dove te sei nat

L’è fata de robe comode

sta cadena dura

De fifa, teror

de perder el tran tran

de dir quel che te pensi

senza tant

girarghe entorno

e tirar zo le braghe

enveze che farse su

le maneghe

L’è el coragio

che ne manca

quando tira la cadena

e tornem a recie basse

a far quel che

avem za fat

engiotendo rospi

e sgrebeni che sponze

e vardando con oci

spessi come lent

nuvole strane,

semper pu lontane

che par i fantasmi

de quel che avressem

volu esser

de quel che avressem

volù far

LE CATENE

Vi è mai capitato

di colpo, sul più bello

di sentirvi

come legati

a qualcosa che vi tiene

serrato il collo?

Succede a volte

quando sei

senza saperlo

a pochi centimetri

dallo star troppo bene

O da sogni

che diventerebbero veri

O da una sensazione

di libertà

Come quando da ragazzi

si correva nei prati

si rubavano le ciliegie

si faceva il bagno

nel torrente Salone

Non ci sono solo le regole

quelle scritte, intendo

da rispettare

E questo è giusto

si sa

come non si deve

uccidere, rubare, bestemmiare

far del male

a chi non ti ha fatto nulla

(e nemmeno vendicarsi)

Ma c’è sempre

una catena

troppo corta, o poco lunga

che ti ferma

quando invece

vorresti andare

anche restandi

dove sei nato

E’ fatta di comodità

questa catena dura

Di paura, terrore

di perdere la quotidianità

di dire quello che pensi

senza tanto

girarci attorno

e tirar giù i pantaloni

invece che rimboccarsi

le maniche

E’ il coraggio

che ci manca

quando tira la catena

e torniamo, basiti

a far quello

che abbiamo già fatto

inghiottendo rospi

e rovi con le spine

e guardando con occhi

spessi come lenti

nuvole strane

sempre più lontane

che sembrano i fantasmi

di quello che avremmo

voluto essere

di quello che avremmo

voluto fare

CARO CARONTE,

Speta, speta co la to barca

no me la sento

ancora

de montarghe su

Speta, speta almem

che ghe sia el vent

giust

Che vot che te diga

no me fido

nè de ti, nè de quei

che da ani dis

de averghe fede

Che l’è come comprar

qualcos

tut encellofanà

e cuertà per de pu

da cartoni scuri

Come quelle acque

dove te vorressi portarme

co la to barca

Tira su qualchedum altro

entant

così te vei fora el viazo

Te speto, tranquilo

El so che te vegnirai

ancora

a roterme le scatole

Ma ‘n tant va…va

Lasseme star

coi me penseri

co le miserie

de tuti i dì

Coi me dubi,

e quele così così

Lasseme en sto mondo

dove ho ‘mparà

a nodar

a ‘ngiotir rane, rospi

e anca cavici

a butar su l’anima

dopo aver bevù

da la desperaziom

A spetar done

che diseva de

volerte bem

e spacar amori

forsi prima del temp

No, Caronte, speta

n’atimo

prima de portarme via

da sta zinzola

Voleria sol veder

come la va a finir

CARO CARONTE,

Aspetta, aspetta

con la tua barca

non me la sento

ancora

di venire con te

sull’Ade

Aspetta, aspetta

almeno che il vento

sia favorevole

Cosa vuoi che ti dica,

non mi fido

nè di te, nè di quelli

che da anni invitano

ad aver fede

Che poi è come comprare

qualcosa

avvolto nel cellophan

e avvolto, per di più

in cartoni scuri

Come quelle acque

dove vorresti portarmi

con la tua barca

Prendi qualcun altro

intanto

così non perdi il viaggio

Ti aspetto, tranquillo

So che tornerai

ancora

a importunarmi

Ma adesso va…va

lasciami stare

con i miei pensieri,

le angosce

di tutti i giorni

con i miei dubbi

e quelle cose così così

Lasciami in questo mondo

dove ho imparato

a nuotare

a inghiottire rane, rospi

e anche chiodi

a vomitare

dopo aver bevuto tropp

dalla disperazione

Ad aspettare donne

che dicevano

di amarti

a rompere amori

forse prima del tempo

No, Caronte, aspetta

un attimo

prima di portarmi via

da questa altalena

Vorrei solo vedere

come va a finire…

BRASE CUERTE

Le è lì, soto

la zendro

no te vedi

che le slusega

che le gà ancora

el ros del foch

Ma le ghè

Se te ciapi na paleta

de fer, se sa

e te le buti

nela sporcaria

te risci de far

dei dani

Perchè, zic, zoc, zac

le taca

E le podria brusarte

anca la casa

Eco, le brase cuerte

l’è ghè anche

dentro de noi

scondue soto do dei

de massì valà

o de l’è lo stess

Te fai finta de gnent

e no te scolti

sti segnai

Po’ en di

te vai for de testa

Ma chi l’avria dit

che quel, bondì bonasera

tute le dominiche

a messa

el podessa far

quele robe

La sera, prima de nar

a dormir

smorzè le luci

così sparmiè

e deghe n’ociada

anca a ste brase

Basta en po’ d’acqua

e podè vegnir

for dal let

senza brusarve

e senza brusar

i altri

BRACI NASCOSTE

Sono lì, sotto

la cenere

non vedi

che luccicano

che hanno ancora

il rosso del fuoco

Ma ci sono

Se prendi una paletta

di ferro, si sa

e le butti

nei rifiuti

rischi di fare

dei danni

Perchè potrebbero

appiccare

un incendio

E bruciarti

la casa

Ecco, le braci nascoste

sono anche

dentro di noi

Celate sotto due dita

di va bene così

o è lo stesso

Fai finta di niente

e non ascolti

questi segnali

Poi un giorno

perdi la ragione

Ma chi l’avrebbe detto

che quel buongiorno,

quel buonasera

tutte le domeniche

alla Messa

potesse fare

quelle cose

La sera, prima di andare

a dormire

spegnete le luci

così risparmiate

e date un’occhiara

anche a queste braci

Basta un po’ d’acqua

e potete venire

fuori dal letto

senza bruciarvi

e senza bruciare

gli altri

AMOR AMAR

Che te resta

ne l’anima

Che t’avressi volu

fus diverso

Che l’è nà via

propri quando

te ghe credevi

Che ‘sè sfantà

come na bola

de saon

Amor amàr

pu de quel

che te bevi

per liberar el stomech

dopo n’indigestiom

Amar come

el tossech

Dopo, no resta

che butar su

AMORE AMARO

Che ti resta

nell’anima

Che avresti voluto

fosse diverso

Che è andato via

proprio quando

ci credevi

Che si è disintegrato

come una bolla

di sapone

Amore amaro

più di quello

che bevi

per liberare

lo stomaco

dopo l’indigestione

Amaro come

il veleno

Dopo non resta

che vomitare

BRASE CUERTE

Le è lì, soto

la zendro

no te vedi

che le slusega

che le gà ancora

el ros del foch

Ma le ghè

Se te ciapi na paleta

de fer, se sa

e te le buti

nela sporcaria

te risci de far

dei dani

Perchè, zic, zoc, zac

le taca

E le podria brusarte

anca la casa

Eco, le brase cuerte

l’è ghè anche

dentro de noi

scondue soto do dei

de massì valà

o de l’è lo stess

Te fai finta de gnent

e no te scolti

sti segnai

Po’ en di

te vai for de testa

Ma chi l’avria dit

che quel, bondì bonasera

tute le dominiche

a messa

el podessa far

quele robe

La sera, prima de nar

a dormir

smorzè le luci

così sparmiè

e deghe n’ociada

anca a ste brase

Basta en po’ d’acqua

e podè vegnir

for dal let

senza brusarve

e senza brusar

i altri

BRACI NASCOSTE

Sono lì, sotto

la cenere

non vedi

che luccicano

che hanno ancora

il rosso del fuoco

Ma ci sono

Se prendi una paletta

di ferro, si sa

e le butti

nei rifiuti

rischi di fare

dei danni

Perchè potrebbero

appiccare

un incendio

E bruciarti

la casa

Ecco, le braci nascoste

sono anche

dentro di noi

Celate sotto due dita

di va bene così

o è lo stesso

Fai finta di niente

e non ascolti

questi segnali

Poi un giorno

perdi la ragione

Ma chi l’avrebbe detto

che quel buongiorno,

quel buonasera

tutte le domeniche

alla Messa

potesse fare

quelle cose

La sera, prima di andare

a dormire

spegnete le luci

così risparmiate

e date un’occhiata

anche a queste braci

Basta un po’ d’acqua

e potete venire

fuori dal letto

senza bruciarvi

e senza bruciare

gli altri

CARA VITA CHE TE VAI

Te sei arivada

de colp

no savevo gnent

pianzevo, pensa ti

me la fevo ados

me tachevo a la teta

de me mama

come fa anca le bestie

apena nate

Po’ ho ‘mpara

a tocar le robe,

dure e mole

a nar a gatom

a far sgrifi su la carta

a lezer, parlar

quel che i m’ha ensegnà

E su e su e su

Amori, dolori, colori

anca el gris oltre al nero

Te arivi vers i sessanta

te tiri na riga

(no de droga neh)

te te vardi endrio

te te vardi al spegio

Massì, nem ‘nvanti

valà

voi propri veder

come va a finir

sta me storia

Tanto, dopo,

quando no te ghe sei pu

l’è difizile

che i te parla drio

come quando

t’eri vif

CARA VITA CHE TE NE VAI

Sei arrivata

di colpo

non ne sapevo nulla

piangevo, pensa un po’

me la facevo addosso

mi attaccavo al seno

di mia madre

come fanno anche i cuccioli

appena nati

Poi ho imparato

a toccare le cose

dure e molli

a strisciare sul tappeto

a scrivere sulla carta

leggere, parlare

quel che mi hanno insegnato

E su, su, su

Amori, dolori, colori

anche il grigio oltre al nero

Arrivi verso i sessanta

e tiri una riga

(non di cocaina)

Ti guardi indietro

allo specchio

Massì, andiamo

avanti

voglio proprio vedere

come va a finire

questa mia storia

Tanto, dopo

quando non ci sarai più

sarà difficile

che ti offendano

come quando

eri vivo

LA STORIA DE L’ASEM

 Ghera sto por om

che el neva

vers la malga

Sora n’asem, cargà

za de suo

de pu de quel

che ‘l podeva portar

“Ela Madona”, dis uno

su la straa

“Pora bestia,

dover portar

tuta quela roba

e anca el parom”

Alora, que l’altro

el smonta

El continua a pè

tirando l’asem

su per el senter

“Ma varda ti,

sto por om

che ghe fa portar

a l’asem de tut e de pu”

Alora st’om

el se mete sul schena

tute le mercanzie

che porteva l’asem

E su… e su

“Ma dime ti, averghe

n’asem e no farghe

far el so laor…”

Sto por om el se volta

el ghe dà na peada

a l’asem

“Ostrega, no te gai

gnent da portar,

almem va ‘nvanti”

E ormai, vizim

a la malga:

“Che zent che gira

che maltrata i

animai…vergogna”

Alora questo el se carga

su le spale l’asem e

tut el rest

Arivà ala malga:

“Ma set nà for de testa

Bepi?

Cosa te servel l’asem

se ti te fai pu fadiga

de ‘n mul?”

A darghe da ment

a tuti

no te ghe’n vegnirai

mai fora

LA STORIA DELL’ASINO

C’era questo povero uomo

che andava

verso la malga

In groppa ad un asino

già gravato

da un consistente carico

“Povera bestia”, gli dice

un tipo sulla strada

“Dover portare

tutta quella roba

e anche il padrone”

Allora, l’altro

scende dall’asino

e prosegue a piedi

conducendo l’animale

su per il sentiero

“Ma tu guarda,

un uomo che fa portare

a l’asino tutto e di più”

Allora questo contadino

si mette sulla schiena

tutte le mercanzie

che portava l’asino

E su…e su…

“Ma dimmi te – altro commento –

avere un asino e non

fargli fare

il suo lavoro…”

Quest’uomo si volta

e preso dal nervoso

dà una pedata

all’asino:

“Eddai, non hai niente

da portare, almeno

va avanti, datti una mossa”

Giunto ormai

nei pressi della malga:

“Che gente che gira

maltratta gli animali

…vergogna”

Allora l’uomo si carica

sulle spalle l’asino

e tutto il resto

Arrivato in cima:

“Ma sei fuori di testa

Bepi?

Cosa ti serve l’asino

se tu fai più fatica

di un mulo?”

A dar ragione

a tutti

avrai sempre

terribili dubbi

LA MUSICA PU BELA

No avem enventà gnente

ghera za tut, lì de fora

pront per le nosse recie

le nosse mam, i nossi oci

Avem copià come i boci

che se trova a scola

senza aver studià

E spess, sem così corti

(de zervel, se sa)

da spacar su propri quel

che n’ha fat cantar

Ma sentit che musica

ghè per aria en sti dì?

Osei che le ciapa basse

e po’ i va su, su, de pu

anca de tre otave

Ma el sentit el vent

en mez ale frasche?

Altro che frii giezz

E l’acqua che vei zo

piam piam da le gronde

o quela che fa gimkane

tra i sassi del ri

Mai na nota gualiva

a quela fata prima

no te poi stufarte

a star lì…e tasi n’atimo

che do cagni i se sbaia

cossa gavrai da dir?

O la canzom trista

de ‘n selvadech

en zima al tof

Avem zerca ne la legna

che vei da zerte val

i tochi per el violim

da sonar co na mam

E pel de qualche bestia

è deventa en tambur

Sasi colai col foc

misciai a altre robe

per far zerti tromboni

e buei, altre sbeteghe

per corde de chitara

Ma quel che noi sonem

el ghè scrit da ‘mpez

Acordi, giri, note cresude

diminuie, bemole e dure

Credeme, avem copià

anca se tanti

i l’ha fat propri bem

 

LA MUSICA PIU’ BELLA

Non abbiamo inventato niente

c’era già tutto, nella natura

pronto per le nostre orecchie

le nostre mani, i nostri occhi

Abbiamo copiato come ragazzi

che si trovano a scuola

senza aver studiato

E spesso, siamo

così stupidi

da rompere proprio quello

che ha destato

il nostro incanto

Ma senti che musica

c’è nell’aria in questi giorni?

Uccelli che partoni bassi

e poi vanno su, su

anche di tre ottave

Ma lo senti il vento

in mezzo alle fronde?

Altro che free jazz

E l’acqua che gocciola

piano piano dalle grondaie

o quella che scorre

tra i sassi del ruscello

Mai una nota uguale

a quella fatta prima

Non puoi annoiarti

a star lì…e taci un attimo

che due cani abbaiano

coa avranno da dirsi?

O la canzone triste

di un cervo

in cima al bosco

Abbiamo cercato nel legno

che viene da certe valli

i pezzi per il violino

da suonare con una mano

E la pelle di qualche animale

è diventata un tamburo

MInerali colati dal fuoco

mescolati ad altre leghe

per fare certi tromboni

E budelli, altre fili naturali

per le corde della chitarra

Ma quello che noi suoniamo

è scritto da un pezzo

Accordi, giri, note accrescite

diminuite, bemolle e diesis

Credetemi, abbiamo copiato

anche se tanti

l’hanno fatto davvero bene

L’ERA EN BON OM

 Quando no te

ghe sei pu

te deventi

quasi semper

en mez sant

per la zent

al to funeral

“Massì, l’ha fat

le sue,

come tuti del resto,

ma no l’ha mai

copà nessun”

“Te ricordit

quela volta

che ‘l gà dat

en scopelom

en piazza

ala morosa?

Ah, de zerto

la deve averghe

fat nar zo le azze…”

Deventem tuti

bravi, neti

come i pomi

sluzeghem

anca nela bara

come il sol

de feragost

(e ciapem anca

do gozze

de acqua santa)

Ma come la

metente

coi omini

che de sti tempi

i copa le done

perchè—perchè

i ghe vol massa bem?

Na volta, propri

la Ciesa

per qualcos

che ‘n fondo

l’era sol

n’idea diversa

no la ghe penseva

n’atimo

a darghe foch

E quei che se

copeva

no i ciapeva

gnanca

l’ultima benediziom

Fim che se confonde

l’amor con

qualcos comprà

al mercà

(“l’ho pagà, l’è mio,

per semper…”)

magari ghe sarà

anca quei

che a ‘sti ‘sassini

i ghè fa na bela

ghirlanda

“Eh, por om,

chisà cosa l’ha

ciapà—ma l’era

en pez che el vedevo

for de testa…”

QUEL BISS DEL POM

 Tut è scominzià

da quel maledèto pom

nel Paradis en tera

“El n’ha dit che

no se pol tòrlo zo”

– Sì ma en cambio

te verai ‘sa te dàgo

Po’ s’è capì

ma zamài l’era tardi

che a tentar l’Adamo

no l’era stàla  Eva

ma ‘n biss enrizolà

en mèz a quei pomèri

Da alora bisogna

far qualcòs, laoràr

per portàr a cà

ciopète e companadèch

Da alora per le done

no l’è propri na nòzza

mèter al mondo fioi

Da alora el Paradis

l’è volà en zel

Tel vedrai, i dis

ma sol se t’hai

fat polìto

e demò dopo mort

Da alora ai òmeni

ghè resta el pom

(e tel vedi neh)

propri en mez

ala gola

No ‘l va nè su nè zo

E le done, na volta al mes

le vede ross, propri lì

fim che le deventa vecie

Ma digo, diaolporco

no sarìa bastà

per schivar casini,

e tute le puniziòm

lassar stàr

en tuta la creaziom

robe come quel biss

e le so tentaziom?

Se ciapèva, come se dìs

el sach en zìma

E per noi tuti

ah sì, sarìa stà

e saria adès de pù

na bela liberaziòm

 

CON DOMAM

 Te cori, te sfadighi

te par che

anca le buele

le vegna for

dal so posto

Te te fermi,

te te tochi lì

Con domam

no fumo pu

Te sbevazzi, te magni

zò tut

che ‘l se copa

po’ te rumega

el stomech

te gira la testa

Te pensi, da per ti

Con doman

no ‘l fago pu

Te strussi, te arfi

te vei adòs de tut

propri quando

no ‘l ghe voria

Te sacramenti:

con domam

me fago pu furbo

La te piaseva

te g’hai dat tut

No ghera gnent

pu bel de ela

T’hai mandà tuti

a quel paes

per star con ela

En dì è finì tut

Te te sei dit:

con domam

no m’ennamorò pu

E ades ‘sa fat

alora

co ‘sta dona

che t’ha rimpizà

el cor?

 

I OCI DE LE DONE

I te dis e no i dis gnent

se i i vol dir dal bom

de zerto no i lo dis

sol a ti

prima, zamai prima

i l’ha dit al so de denter

che ‘l gà mes su

el timbro:

“Via che ‘l vaga

quel soriset

no dirghe tut subit,

falo ‘strangossar”

I oci dele done

i te brusa, se i vol

pezo del foch

E a ti, por ‘namorà

che ‘n quei oci

te te perderessi

no te resta che ‘spetar

che quele stele

‘nluminae

le finissa de slusegar

Sol quando la luce

la se smorza

tra do nasi e do boche

pol vegnir for ‘n baso

che l’empizza tut el rest

  

EL FOGOLAR

 El zuga coi sciopi

el sbara sdinze

entant el more

piam piam

copà anca

dale ultime

brase cuerte

La so mort

la te scalda

la suga l’umit

Co la zendro

na volta

se laveva i vestiti

El fum che ve

fora

dal camim de sora

l’è come

na campana

che dis:

“Ghè zent viva

là denter,

magari anca

en parol

co la polenta”

Ades el fogolar

l’è la televisiom

Empizada

no la scalda

dele volte

la parla

e nessun l’ascolta

De sora

ghè l’antena

ma no vol dir

gnent

de quel che

suzede

en quela cà

L’OM GNECH

 Per no far sforzi

no ‘l se remena

gnanca nel let

el spera semper

che vegna

en teremot

El gà spiza?

El se la tegn

fin quando

en spigol del taol

el ghe vegn ‘ncontro

Fal bel, fal brut?

Ghè ‘l sol o nevega?

El varda for

dala finestra

e ‘l dis semper

la stessa roba:

“Mah…”

Ghè pu tasse,

l’Italia la và

en malora?

Basta partie

del balom

en televisiom?

No ghe fà

nè calt nè fret

More en so amico

fim dale scole

basse?

More so fradel,

so cosim, oscia

mora so mama?

El va a l’obit

en po’ prima

a portar el biglietim

Al bar no ‘l parla mai

E se propri

ghè da dir qualcos

el se grata la testa

“Ah mi no savria…”

E se ‘l dovess

anca nar a votar

el staria denter

en gabina

mezora

Po’ a quei che ciapa

la scheda e ‘l lapis:

“Podo pensarghe su

e vegnir

dopo disnar?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.