POESIE EN TRENTIM/2

Ciao

No te me conossi

amico de fesbuch

te digo ciao

come se te conossès

te digo che

anca se no par

mi ghe son

no son en carton animà

ghe son, oscia

se ghe son

e ghe credo, vara ti

en sto esser amizi

anca senza conosserse

dal bon

me fido de ti

che te me lezi

e te disi la tua

soto i me post

Me fido perchè

no gh’ò gnent da sconder

gnent che no sia

quel che son mi

en ste robe che viaza

sul compiuter

Ah, se fussun tuti

veri

Ah, se dropessen

‘ste robe moderne

per far del ben

Ma ‘l mondo l’è strano

El te volta la schena

magari sul pu bel

Propri quando

‘ennamorà de na bela putela

te te scorzi

che la va ensema

al pu bosiadro de la val

Chi no serve farse bei

con quel che no s’è

Basteria dir la sua

poche parole, precise

po’ se sa, gh’è anca

quei

che te dò adòs

Ma nela vita no nem

tuti d’acordi

Fentene na reson

10374218_10203205131562084_87718188_n

L’ANDA

 I vei denter nel locale

piam piam

vardandose entorno

come se i fus ‘rivai

su la luna

i brazi moli

fin squasi su le gambe

“Saressem en dese,

no, no avem prenotà”

Quando i va fora

enveze

i è pu svelti

resta endrio sol

quel che va

a pagar

I è tuti sentai

chi leze,

chi varda per aria

“Ghelo el dotor?

Ah, gò sol na carta

da darghe,

faria prest…”

I è tuti sentai

nei primi posti

come l’altra volta

quando ghera

el funeral

Stavolta se sposa

la fiola del Giani

“Ma varda ti,

che vesta rossa,

l’è semper stada

n’esagerada…”

El sol el va zo

drio i pezi neri

Col solito passo

da montagner

Content o tristo

nol cambia gnent

de quel che è stà

el dì dinanzi

“Fa quel che te devi”

par chel diga

“El temp el và,

‘nvanti, slonga

pur se te voi

la to anda

ma prima o dopo

te vegni drio

a mi”

RECINI DE ZIRESE

Dai, disèntelo adès

se zughèva ai dotòri

e propri alora se capìva

che masci e femine

no i era gualivi

Mi, pissòt e anca rebùf

no pensèvo che a ela

co le sguanze rosàte

e i cavèi taiai corti

Ore e ore a laoràr

col seghèt del trafòro

per en ghirigori de compensà

po’ da meterghe el colòr

En sachèt, vecio, del pam

e denter anca en biglietìn

“Se no te piàs questo

t’en fago n’alter…”

Po’ a la sagra de Vignole

quela che ‘l Farinèl

el fèva a San Valentìm

l’ho vista co la facia stròva

sentada su ‘na banchèta

E alora, robà do zirèse

ghe l’ho dàte:

“Metele su le recie

varda che bei recìni,

ma po’ t’era piasù

el me laorèt?”

Ela la tei la zirèse

la le varda bem…

e la me dis:

“Ma le è tute zamai

magnae dai oseloti…”

 LA VERITA’

Te la zerchi ‘na vita

nei libri, en ciesa

tra la zent

e dele volte anca

soto el paviment

Te rebalti su tut

che gran gazèr

po’ che te resta

come tante farfale

che sgola en testa

Salti mortai, ciàs

beghe da foch

slinzòi sbregai

te par de no farghela

“m’arendo”, zamai

Entant se va ‘nvanti

con quel che ghè

nè tre nè sei

disente pressapoch

che de ‘sta verità

se vede sol ‘n toch

Ma quando te sei

vizim ala fim

com’ela come no ela

te senti en sbruseghin

No l’è el mal de gola

e gnanca el rafredor

l’è quel che de vera

el sà pu saor

Toh, varda ‘n do l’era

che la se scondèva

giust adès la vei fora

che no la serve pu

ma dime che destim

basteva vardar su

 

LA MESSA L’E’ FINIA

‘na volta, ala messa

l’era tut en latinorum

noi pori ceregòti

se doveva ‘star ‘tenti

el campanèl se ‘l sona

quando el dis così

pòrteghe ‘l mantìm

sol quando ‘l se vòlta

e tegni quel piatìm

soto la sacra ostia

Se nèva a memoria

come co le poesie

No te capivi …

ma sì che se pol dirlo

no te capìvi n’ost…

de quel che diseva el don

Po’ quando da grant

t’hai emparà el latìm

‘sa fala sul pu bèl

‘sta ciesa del pretìm?

Se parla ‘n taliam

se sona le chitare

tì col cerìm en mam

e drio anca to mare

I dis che l’era ora

che uno su l’altàr

no ‘l volta pu ‘l cul

a quei che vol pregàr

Po’ speta che te conto

quel che m’è suzès

Me sposo en ciesa

gò ‘n fiol

e tut che va de mal

No som el sol

i è tanti, digo

che ‘l ghè finì così

E alora riprovente

co n’altra vera al dè

Me togo su ‘n casa

anca n’altro fiol

Adès no som pu sol

gò anca ‘n neò

Ghe tegno ala famea

nesum da desmentegar

quel che gò l’è vos

ve manca da magnar?

Ma per la ciesa, oscia

som forsi en putanèr

la comuniom a ti?

Gnanca per piazer

Quando narò de sora

se ghe sarà en Dio

‘na roba ghe dirò:

e quei de maometo

che de done

che n’avù de pu’

‘n do ei, dime, ades

forsi dal Belzebù?

 L’AMOR CHE NO DURA PU

 Ghè nòve lègi

su quei che i ciàma

femminicidi

e quel che ‘na volta

l’era roter le scatole

e ades se dis

stolching

ma l’è la stessa roba

E vàrda ti

pu se parla

de ‘ste tragedie

pu se ‘n sente

de nove

ala televisiom

Disèva i antichi

tra amor e odio

ghè en fil picolìm

dipende da dove

te voi tirarlo

Me disèva na nona

ala festa

dei zinquant’ani

de matrimoni

“Come ho fat

a ‘rivar fin chi?

L’è sèmplize:

ghè sol ‘na regola

da rispetar

Quando te vei voia

de risponder

malament

quando te ciaperèssi

su tute le to stràze

per nar via de cà

conta fin a dese

e po’ fa finta

de gnent

Perchè no sem

tuti precisi

E alora ogni tant

bisogna anca

soportàrse”

L’è che ste qua

no l’è pu virtù

Se vede semper

el bicier mez vot

Quel che te gai

no ‘l basta pu

Pissar for dal vaso

l’è la voia

che vei zamai

anca al pu lezù

El rest lo fa

sta vida en prèssa

Dove te credi

nel nof amor

come quando

te compri

al tabachìm

quei biglieti strani

da gratar e vinzer

meio subit che domam

Dove per enveciàr

co la to sposa

ghe vol pazienza,

atenziom che cambia

capir per temp

quel che no va

Perchè l’amor,

digo quel vero,

l’è come il vim,

dopo la prima bala

te convèin

tegnirlo da cont

LA PRIMA VOLTA …

L’è stà con me nono

Bianch, dirènt

col vestì de la festa

tra pèze de lana

tiràe de fim

e ‘ntorno às

de pèz vernisàe

en banda el cuercio

col crocifis

No savevo ancora

che se podes morir

E che quei morti

no i parla

no i se move pu

I sta lì, fermi

par che i dorma

Gavevo toca ‘l nas

a me nono

sicur che ‘l se sarìa

‘nrabià

come quela volta

che gavem rot

la fisarmonica

trovada sul solèr

Enveze gnente

Gò tirà anca i bafi

gnente

Pareva che ‘l dormìss

senza ronzegàr

Po’ no l’ho pu vist

e da quel dì

me la som entaiada

No i dorme i morti

i è propri nai via

I scampa da noi,

dal noss paès

Magari, che ‘n sàt?

i sgola per aria

I lassa nel zimiteri

giust quel

che no ghe serve pù

E noi restem chi

co le robe

che i n’ha lassà

anca quel vestito

che l’aveva

‘pena comprà

Lori i è nai via

soto tera

o su nel zel?

Magnai dai vermi

o adès co i anzoi?

Che brut moverse

en ‘sto mondo

come na coriera

che prest (quando?)

deve fermarse

Te bini su de tut

zent bela e bruta

anca dq quei

che no paga bigliet

Envanti, diaolporco

envanti

che prima o dopo

‘riverem ala staziòm

anca noi

 

LA CANZOM DE L’ORS

E tonf, tonf, tonf

via dale rame

en mez al senter

el canta l’ors

come nesuni

ha mai sentì

senza note

senza sonadori

come vei for

dal mus gros

da denti sporchi

de tera

e pel de pegora

E tonf, tonf, tonf

e grrrr grrrrr grrrr

el canta l’ors

portà zà è temp

en mez a sti monti

ma guai a ti

se te vai zo ‘n val

El canta na canzom

zà sentia ani fa

tra quei liberi

de far

ma sol da chi

a lavia

El canta l’ors

per darse na para

per spaventar

cone feva

so noni

Pecà che ‘l colar

che gà mes i omini

no ‘l poda registrar

sta so canzom

 

LA CANZONE DELL’ORSO

E tonf, tonf, tonf

via dalla boscaglia

in mezzo al sentiero

canta l’orso

cone nessuno

ha mai sentito

senza note

e senza musicisti

quel che vien fuori

dal grosso muso

da denti sporchi

di terra

e pelle di pecora

E tonf, tonf, tonf

e grrrrrr grrrr grrrr

canta l’orso

portato tempo addietro

in mezzo a questi monti

ma guai a te

se vai giù in valle

Canta una canzone

già sentita anni fa

tra quelli liberi

di fare

ma soltanto da qui a là

Canta l’orso

per darsi un contegno

per spaventare

come facevano

i suoi nonni

Peccato che il collare

che gli hanno messo

gli uomini

non possa registrare

quasta sua canzone

LE ZONTE

Le serve per tacar

quel toch che manca

soratut a quei

che i cana le misure

“Me pareva

quasi massa

tor na corda

de do metri e vinti

e toh, l’è proprio

quei vinti schei en mem

che ades me frega”

Nela vida le zonte

ensoma de le volte

le te tira for

dale strazze

Anca perchè

l’è difizile

tornar endrio

a comprarla

pu longa

La zonta dei ani

grazie a medizine

e cure pu’ meio

l’ha fat deventar

tanti

quei che va olter

i zent’ani

Ghe n’è de arzili

svei, che magari

i va ancora

en bicicleta

Ghe n’è altri

anche pu zoveni

che enveze,

poreti

i è sì vivi

ma zamai

no i sà pu gnanca

de esser al mondo

Taiar via alora

la zonta?

No se pol

dis la lege

Starghe drio

fin a l’ultim fià?

Zerto, la vida

l’è sacra

MI, per no saver

nè lezer e scriver

spero, se me doves

trovar

en quele condiziom

de ricordarme

de sconder soto

el cosim

en cortelaz

Per taiar la zonta…

LA PAZE

 Dai e dai e dai ancora

anca a ela

gh’è nà zo le azze

Tuti che i la ciama

tuti che i ne parla

tuti che i la vol

e po’ quando l’ariva

i fà face strane

e i la buta for de cà

“Meio la guera

farse del mal”

diseva el solito

‘mbriagom al bar

I lo toleva tuti ‘n giro

E quel por laor

‘na vita da capelòm

contro el vietnam

contro russi e mericani

che adès l’è ‘n presòm

per aver copà

la sposa?

Me telefona la paze

ne ‘l moment sbajà

“E’ lei che ha richiesto

un mio intervento

dal suo comodo sofà?”

Me vergogno

devento anca ros

No so che dir

e meto zò

 

QUANDO UN CHE TE CONOSEVI NOL GHE’ PU’

 En cont l’è saverlo

lontam

da l’altra part

del mondo

N’altro ancora

l’è capir

che qualcos

l’è cambià

en pezo

tra ti e lu

tra ti e ela

anca tra amizi

e alri amizi

La vida, se dis

la va ‘nvanti

lo stess

Se vede

che i starà meio

là dove i è

Ma quando te sai

(perchè te ‘l sai)

che quela persona

no te la vedrai

pu, ma propri pu

te vei da pensar

disentelo

che prima o dopo

la tocherà

anca a ti

I ghe ciama spirit

de conservaziom

robe de istinto

Che se no te sei

propri n’eroe

te pensi ala

to pel

prima che a quela

dei altri

Mors tua, vita mea

diseva i latini

E pu egoisti

de così…

GHè però n’altro

modo

de ragionar

su ste robe

ciapando

come se dis

el sac en zima

E l’è quel de

darghe en senso

a sta escursiom

corta, media,

longa, fazile,

o piena de sgrebeni

sui senteri

che porta tuti lì

dove no se sa

Un studià e lezù

quando ero bocia

el m’ha fat

l’esempi

de l’acqua

Toh, el me fa

piove, gozze

che casca dal zel

tante, diverse

tute su sta tera

Le finis nel rì,

po nela Sarca,

po nel Garda

po ancora nel

mar, ne l’ozean

el sol el scalda

l’acqua la fa condensa

e la torna su

nele nuvole

da dove la ricasca

nel rì, nel Sarca

e dove t’ho dit

Così sem anca noi

semper en zircol

L’unica roba diversa

l’è che pensem,

amem, odiem,

ne dem da far

en sto su e zo

Va bem, go dit

cossa vol dir?

Che dopo mort

devento tera,

conzime, acqua

magari sporca?

No, el m’ha rispondù

el professor

No se ghe scapa

Se la gozza d’acqua

vegnendo zo

dal zel

la penses a ste robe

magari la se

sdelferia prima

comunque no

la podria far demem

Ti va ‘nvanti

come le onde

del lac

piam, pu forte,

fermo, piat

tirandote drio

i sassoti che te trovi

o portandoi via

dala riva

va ‘nvanti e ‘ndrio

cone te nineva

la to mama

te sarai pu tranquilo

el dì che te sarai

en de n’altro

lac

magari pu grant

pu bel

E te verai,

te troverai tante

altre gozze come ti

che no te vedevi

da ‘n pez

EL BABAO

No s’è mai savù

de preciso, preciso

che cosa, come e dove

el podessa esser

L’era forse en sogno

piem de robe brute

N’om nero che al strof,

dove l’era de solit,

no te avressi mai vist

No L’era l’Orco de Pollicino

el lupo de Capucceto

la balena de Pinochio

e Barabba contro Gesù

Ma na roba che demò

t’avressi ‘ncontrà

prima de Carosello

e senza zena, nel let

per puniziom

Che ‘pena mess le sguanze

sora el cosìm

e tirà sora leinzoi e cuerte

el t’avria trovà istess

per coparte co le so manaze

per magnarte tut quant

tochetim dopo tochetim

Po’ la matina tut finiva

e che fam a colaziom

prima de tor su la cartela

e nar de nare ala staziom

Adès ghè n’altro brut babao

che me dà bruti penseri

Me remeno, no ciapo som

ma lu el torna, piam

ancoi come algeri

Sol quando me levo su

e me vardo en d’el spegio

riesso a dirme: “Dai tut mal

la podeva anca finir pegio”

Al de fora, sui soliti muri

vardo i nomi scriti grossi

“Vedit a no far i bravi…

el Babao magna te magna i ossi”

 ESSER, ESSER, ESSERGHE

Da na vita me domando

cossa vol dir esser

Libri de filosofia

‘cramento

lezui e magnai

prima per la scola

po’ da per mi

Cossa vol dir esser?

Guaiaporcole, vol dir

vol dir…che entant

che te te fai sta domanda

te ghe sei, no?

Ma se enveze

fussa tut na finta

come dis quei

che ha studià?

Se esser fus na roba

che ne tol per giro?

Oscia, el dis uno

se me bato el martel

contro el dè

ghe som, el sento

e che mal che ‘l fa

Ma quela l’è na roba

come dir, che savem tuti

Come quando te disi

ades vago, ne vedem

Te vai via, ades

endove? Da n’altra banda no?

Spazio, temp…

No, no, quel che digo mi

l’è n’altra roba

Esserghe…esserghe

Ghe sente? Ne sentinte?

No so, a volte me par

che ghe sia en mondo

diverso

da quel che voleressem

tuti neh

E però ghè nem drio mam

a sta fila de pegore

Come se fussa lì

che tuti i ne speta

Sì, ghe sem, ma come?

Come quel che n’ha dit

Vegnime drio…

ALLOUIN

 Ah, tel capissi

da tante robe

quando te par

de deventar

vecio

Da qualche am

zamai

a mi el me capita

propri el dì prima

de quel dei morti

Che nei zimiteri

l’è ‘n via vai

de zent coi fiori

e coi lumini

E la sera enveze

Ma varda ti

par de esser

a Carneval

Strie, paruche

zuche zalde

con nasi, boche

e oci grandi

Fum, candele,

robe che sciopa

sangue finto

e zent en straa

meza taiada sù

No l’è tanti ani

che ghè

sta nova festa

no ghe n’ho tante

ne la me testa

E l’è per quel

che digo ancora

me sento vecio

en po’ taià fora

Disentela tuta

ha tacà via

i mericani

a stomegar tuti

co ste so manie

e dove?

Nei so cine corti

nei so cartoni

animati

Po’ i puteloti

i ghè nai drio

e quei che

ste baterie

i le vende al mercà

ah i n’ha subit

profità

Na volta

el dì dei morti

ariveva en cà

tuti i parenti

Che fret al zimiteri

se stenteva

anca a parlar

Po’ dopo

la benediziom

se se troveva

semper

come voleva

la tradiziom

a scartozzar maroni

con en bicier

de quel bom

Ai popi sol

la spuma

e qualche

ciocolatim

Ma guai

dopo a netarse

la boca nel mantim

STO DEVENTANDO VECIO

Lassa star

le batue

Quele sporche

entendo

No, davera

no cambia sol

quel che gh’è

tra i cavei e i pei

‘Na volta, per dirte

basteva poch

per farte vegnir

el sangue calt

Per beghàr, digo

anca per gnent

basteva poch

per ciapar n’idea

e tegnirla streta

fin che magari

la se stofegheva

tra i to dei

Ades son rincoionì?

E chiel che lo sa

Da per mi

no podo dirlo

Però zerte discussiom

no le me ciapa pu

come trent’ani fa

Se nasse col foch en mam

e se more

pompieri?

No credo,

L’è che en politica,

en quel che suzede

tuti i di

nel sport e anca

tra quei pochi

che te scolta

sento come quele

canzom

che te par

d’aver zà scoltà

Se dis sempre

anca en ciesa

che sol l’om (e la dona)

i deve esser

en mez a tuti

i penseri

de sto gran paesom

del mondo

Basta poch, però

per tornar endrio

A farne la guera

coi missili

o coi spread

A schizar coi pei

quel che ne dà

fastidi

a rideventar bestie

Eco, me par proprio

de lezer

ogni dì, el stess libro

Quel de la giungla

Sol che la fim

no lè quela

del bocia slevà

dai lupi

SUL  COSIN

Ma ghe pensit
quando te vai a dormir
a quel che te ciapa
la testa?
Na roba lezera,
che sà de ti
(ghè anca la to saliva
sora…)
dove te caschi
come en ‘den burrom
e ala fim de quela
che podria esser
na disgrazia
te te trovi, varda ti
dentro ‘n sogno
Bel, brut, pu brut
Ma te viazi
senza pagar biglieti
senza spender
soldi de benzina
Te vai, come se te fussi
da n’altra banda
e tuti i altri
tut el rest
da n’altra
En mondo diverso
dal solit
Te vei, dele volte
da domandarte?
“Ma sonte vif, o mort?”
De solit tut finis così:
“Corneliooooo, dai
che l’è tardi,
el caffè l’è vizim
al canapè….
for dal lett,
empressa…”

EL STRAMISIOM

 El ride semper

anca per se cont

El se frega le mam

(zamai l’è en tic)

come se ‘l spetes

qualcos de bel

“Ti dame i soldi

scolteme mi

e te verai

che bom frutar”

L’ è brao a tirar for

da grossi giomi

quel che ‘l zerca

o l’ha perdù

Se ‘l va per ufizi

o da zent che conta

el par semper sugà

ma no ‘l ghe ‘n zonta

Domandeghe pura

(ma l’è meio de no)

se ‘l ga paura

de far en bot

El te dirà

che tut l’è a posto

el giurerà

che lù l’è tosto

Sol quando te narai

con dubi a bater cassa

zamai    te capirai

che l’era en ganassa

Ades coreghe drio

se te par de brincarlo

daghe pur dela canaia

se te magna sto tarlo

Ma no sta dir en giro

no sta dirlo massa

che te gai dat oro

e ades te trovi grassa

Ricordete che i soldi

se no i è guadagnai

i fa prima o dopo

la fim del tananai

Sol i stramissioni

quei che ghe sa far

i gà goba e cul

per far el bom afar

I snasa, anca da lontam

quei che i so soldi

i mete sol en mam

ai soliti manigoldi

EL MALMOSTOS

 No sta dirghe gnent

de quel che ‘l fa

de quel che ‘l dis

de quel che l’è

El farà semper

na bruta facia

el te varderà

de travèrs

Anca se te ghe disessi

che l’ha vint

en miliom de euri

el te risponderia

presapòch così:

“Me tot per el cul?”

L’è, el malmostòs

en mez encrocio

tra l’invidios

e quel che pensa

sol a la so cròs

No ghe narà

demò mai bem

quel che suzede

senza de lu

Co quei lavri

semper serai

che zamai i denti

no sà pu rider

Con quela so anda

da tananai

Co i oci mezi serai

per no veder

i mai sì, ma dei altri

El malmostòs

te rovina, se ‘l pol

anca na giornada

piena de sol

Lu l’alegria

no ‘l sà cossa che l’è

“Massa casini

dai tornè endrè”

Po’ quando el more

ghe semper qualcum

che ‘mpiza candele

ma l’è sol fum

“Dai che tut mal

no l’era catif

disente che forsi

no l’era gualif”

Gualif a cossa

a noi che ridem?

“No, volevo dir

che nol se feva

disente forsi

farse voler bem”

Varda, lassa

che el vaga

ades soto tera

Se l’era come te disi

no ‘l sarà pu en guera

Ma se te voi

che te la diga tuta

per mi anca en zel

nesuni lo aiuta

‘Sa vot, basta vardarlo

anca tra le nuvole

per capir che da quel cul

vei for sol bagole

Bagole dure, come le bache

che gnanca i muli

s’enzegna lecar

Perchè dal cor

e anca da l’anima

quel vei fora

a malmostar….

 

L’OM GNECH

Per no far sforzi

no ‘l se remena

gnanca nel let

el spera semper

che vegna

en teremot

El gà spiza?

El se la tegn

fin quando

en spigol del taol

el ghe vegn ‘ncontro

Fal bel, fal brut?

Ghè ‘l sol o nevega?

El varda for

dala finestra

e ‘l dis semper

la stessa roba:

“Mah…”

Ghè pu tasse,

l’Italia la và

en malora?

Basta partie

del balom

en televisiom?

No ghe fà

nè calt nè fret

More en so amico

fim dale scole

basse?

More so fradel,

so cosim, oscia

mora so mama?

El va a l’obit

en po’ prima

a portar el biglietim

Al bar no ‘l parla mai

E se propri

ghè da dir qualcos

el se grata la testa

“Ah mi no savria…”

E se ‘l dovess

anca nar a votar

el staria denter

en gabina

mezora

Po’ a quei che ciapa

la scheda e ‘l lapis:

“Podo pensarghe su

e vegnir

dopo disnar?”

LA GUERA

I gh’è ancora

i veci fortìni

da dove i sbarèva

fin che i podèva

Mùri spèssi

finestre pìcole

Da lì i vedeva

almèm metà lach

E quando tachèva

la mitragliatrice

en còlp su quatro

e t’avevi copà

Calzòti sporchi

odòr de strachìm

Cafè co la sgnapa

Zamai frèt

Gamèle da netàr

Bicieri col grèp

Gh’era poca diferenza

tra ‘l cechìn

e ‘l bechìn

 

LE RUGHE DEI MONTI

Pròva a vardàrli

bem

magari de sbièch

Làssa perder

pèzi, castagnèri,

làresi e ninzolèri

Varda bem le pree

le è tute a strati

Le se còre drio

en dù, en là

per el lònch

anca su drìt

L’è come tante sgàie

oscia, come spiegarte

come ‘n magazìm

de porfidi

‘nmuciae per benìm

come qualchedùm

l’avess postàe lì

Pensa a che gran calòr

che deve esserghe stà

Per piegar la rocia

e colàr el giàz

Enmagina che casìm

en ‘sta busa

e anca en altre bande

L’è come se te ciapèssi

en giòm d’arzìla

e te ‘l tiressi, encazzà

co le ongie de le mam

Tì dopo, per le stràe

t’hai dovù

scavar galerie

Fadiga, anca morti

anca tante porcherie

Quei segni che te vedi

me diseva el Bubu Ceschini

i dìs sol ‘na roba:

che noi sem pizinini

SCOLTAR EL TUT NEL GNENTE

Che bel, finalmente

tase la zent, le machine

i zighi dei boci

e sbaiamenti de cagni

L’ho trovà el posto

che zerchevo

tra do vecie pree

e quatro pini

Me sdravaco

e quasi no ghe credo

Questo volevo

miga la luna nel secio

Vardo en su

e scominzia

en bel concerto

foie che se move

e canta

a seconda del vent

e dei sfregolamenti

qualche selvadech

che se sconde nel bosch

Lontam, nel zel

en sciap de osei

che zerca el so aeroporto

Come le af

entorno a fiori

che me fa embriagar

Bel, m’endromenzo

a l’ombra

e me par de esser

en Paradiso

De colpo en son

el me tira scemo

Diaolporco

Ho desmentegà

el telefonim ne la borsa…

L’AQUILA E L’ORS

 Quando me papà

‘l nèva su per Trent

a tòr le misure

dei seramènti

l’era semper

‘na grant fèsta

Bastèva tegnìr

da ‘na banda el metro

senza molàr

quando lu ‘l tirèva

En pàr de ore

su e zò da le cà

tra malta gròssa

e scatolàti grèzi

dale bande

de Gozzador

Ma po’ vegniva el bèl

perchè a Trènt

sol lì ghera de tùt

la zità dei balòchi

per noi dei paesi

L’Upim, su tre piani

con scale, vara tì

Che se moveva da sole

E quante monedìne

da zinque e dese lire

messe ensèma

zamai da l’istà

a spazàr segaure

en falegnameria

Per quel disco

dei Giganti

manchèva demò

ancor qualcòs

“Te ‘l taco mi”

diseva me pare

“Ma po’ che anca

da sistemar l’ort”

E via tra ‘ste case grande

e zent tuta ciapàda

Miga come da noi

dove ghera ancora

el bò e la cavàla

En mez ai giardini

tra piante e laghèti

toh, fa me papà

varda en quela gabia

E mi coi oci grandi

de quei che

no l’ha mai vista

squasi spaventà

da st’osel grant,

che maraviglia

L’aquila la vardèva

da sora quei bacheti

Do ‘sgolae lente

el bech come bafèti

“I m’ha serada denter

– pareva la dises –

per farghe veder a tuti

come che l’è dal vif

el simbòl del Trentim

Ma se i se desmentega

de seràr la porta

ah en do minuti

sarìa su en Paganèla

chè tanto sorzi e levri

me i bino da per mi”

Ero ancor encantà

da quel che la diseva

che  sento en butòm:

“Dai che l’è tardi

te porto su a Sardagna

dove che ghè l’ors

che propri adès magna”

E po’ se te fai el bravo

Nem coi operai

A magnar el polo

Dal Viola, vizin a piaza Fera

 

QUANDO FINIS L’AMOR

Pol capitar de colpo

senza saver perché

come na scortelada

ala schena

o piam piam

come en lumin

che se smorza

perchè oramai

è finì la cera

Se resta a ogni modo

ensemenidi, svoltolai su

Coi oci averti

ma senza saver

cosa vardar

Co la boca empastada

zerto, anche de vim

e miscioti che ciapa

subit el stomech

ma soratut de parole

arivae nel zervel

come frecie ‘nvelenae

come quele dite

Te moverai alora le mam

en zerca de qualcos

che sol en quel moment

te capirai

che no ‘l ghè pu

Tra qualche temp

pensando a come

s’è spacà quel toch

de Paradis

te te darai del mona

te vegnirà el magom

O magari, se t’hai trovà

n’altro amor

chisà

te ghe riderai su

ma sol per sconder

i sgrisoi che te gai

quando el  cor

i tira fora

quel disco così bel

ma zamai rot

               QUANDO FINISCE L’AMORE

Può succede di colpo

senza sapere perché

come una coltellata

alla schiena

o piano piano

come un lumino

che si spegne

perchè è ormai

finita la cera

Si resta in ogni caso

scioccati, sottosopra

Con occhi aperti

ma senza sapere

dove guardare

Con ka bocca impastata

certo, anche dal vino

e coktail che senti

subito nella stomaco

ma soprattutto da parole

arrivate nel cervello

come frecce avvelenate

come quelle dette

Muoverai allora

le mani nell’aria

in cerca di qualcosa

che solo in quel momento

capirai non c’è più

Tra qualche tempo

pensando a come

s’è rotto quel piccolo

incantesimo

ti darai dello stupido

ti verrà un nodo alla gola

O forse, se avrai trovato

un altro amore, chissà

ci farai sopra una risata

Ma solo per nascondere

i brividi che provi

quando il cuore

ti ripropone

quel disco così bello

ma ormai rotto

EL BEM SCONDU’

I ghe l’ha tuti

magari senza

saverlo

Soto la canotiera

che tei a um

i peli del stomech

O nel zervel

tra tanti penseri

L’è la voia del bem

per i altri

no sol per ti

Po’ te te fai ciapar

da l’anda

dei pu tanti

quei che pensa

ai cavoi soi

E quela luce

che s’era empizada

la se smorza

piam piam

come na basùr

vizim al let

Te torni a dormir

come se tut

fussa stà en soin

Domam se và

en mez a quei

che fa come ti

ma pensa, forsi

altre robe

pu bele

IL BENE NASCOSTO

Ce l’hanno tutti

magari senza

saperlo

Sotto la canottiera

che copre

i peli sullo stomaco

O nel cervello

tra tanti pensieri

E’ la voglia del bene

per gli altri

non solo pe te

Poi ti fai prendere

dalla moltitudine

che pensa

agli affari suoi

E quella luce

che s’era accesa

si spegne

piano piano

come un abat jour

vicino al letto

Vai a dormire

come se tutto

fosse stato un sogno

Domani si torna

in mezzo a quelli

che fanno come te

Ma pensano, forse

altre cose

più belle

LE ERBE CATIVE

Le vei su dapertut

toh, anca ne la prea

no le gà bisogn

de esser brevae

no le patis el sol

e gnanca el fret

Le vei su, sempre

anca nei prai

dove no le deve

Perchè le sta mal

no le fà faziom

Ste erbe cative

se se domanda:

Da che banda vegnela

la so somenza?

Ah no la ghè zo a l’agraria

anzi, lì i te vende

i veleni giusti

per farle nar via

ste robe schifose

en ci cicin de acqua

e via che nare

Te le brusi tute

almen fin st’am che vei

Na strage: te ghe toi l’aria

te le stofeghi subit

grande, picole, apena nate

E qualchedum el pensa:

ah, se i ne li fessa a noi

sti bombardamenti

no resteria pu gnent

gnanca tochi de ossi

Via i cativi, ma anca i boni

quei che no saveva

de sta maledizion

Ma chiel che pol dirlo

podria anca suzeder

el dì che sarem ciamai

magari senza benediziom

QUEL TOCH DE ZEL

Te pensi: “Bisognerà

mandarghe su

na meil, per

fitarlo? O basta

na telefonada

prima?”

E ghe starente

tuti quanti

o finirà

come ades

nei condomini?

Domam

per non saver

nè lezer

nè scriver

vago dal parroco

ghe lasso

na caparra

E me fago firmar

en biglietim

LA VAL AL REVERS

 L’è lì, semper lì

che va a ‘ngiiomarse

i bruti penseri

Na val al revers

semper a l’ombria

strae rovinae

buse dapertut

case che casca zò

lassae en miseria

zamai da ani

L’è lì, en quela

bruta val

en provincia

de Zervel

piena de bissi,

osei neri,

sorzi sdentai

che ghè la fabrica

de robe da paura

Bem che la vaga

se uno el finis lì

el ciapa en scorlom

che lo stormenis

Po’ el se sveia

e ‘l pu dele volte

el dis:

“Che brut soin

che ho fat stanot”

Ma no la finis

semper cosita

Ghè zent che ha copà

robà, fat mal

anca a puteloti

O quei che dal

spavento

e volendo vegnir

de volta

i è cascai zo

lassandoghe la pel

L’è bruta sta val

basta no ciaparla

De solit a metà

del tof

che do cartei

Da na banda se va lì

Da l’altra se fa

el bem ai altri

e anca a noi

L’ORA DEL GARDA

Se te devo dir

propri la verità

no l’è che ultimament

la sia così precisa

‘Na volta te savevi

che verse le dòe

de dopodisnàr

la vegniva su dal làch

per farte do carèze

Adès, come sarala?

La se fà strangossàr

Do còlpi nei olivi

squasi a domandàr scusa

Pò ‘na roba

de stravènt

che l’è ‘na roba sua

Te lighi alor le piante

che se nò

va’ en qua e là

Te spèti anca stimàne

prima de taiar el prà

Chè l’ora del Garda

almem fin algèri

l’era ben diversa

da tuti ‘sti gazèri

La vegnìva su piàm

da Riva e da Torbole

la passèva la Busa

prima de morir lì

Lì sul pontesèl

dove te la ‘spetevi

disendoghe sol: ciao

e grazie de la frescura

Se miscia massa robe

en ‘sto mondo strano

giazzi che se cola

calt dove l’era fret

Ah, poreta anca ti

Ora del lach del Garda

embroiada da quei

che tutmal no te varda

Che zamai savrà dir

come l’era, come l’è

‘sto toch de Busa

demò restà a pè

QUEL CHE SCOMINZIA FINIS

M’ha semper fat
maravea
ale leziòm de geometria
quela storia, quela regola
de la reta che la parte
e la va a l’infinito
ensoma la se perde
e no te la trovi pù
Come ‘n razzo
come ‘n balòm molà
nel zèl
Ensoma ‘sta reta, ‘sta specie
de righèl lonch
el và, el va…en meter, doi
en chilometro
Po’ no te ‘l vedi pu
El sparìss, come dir
el va via, drit ma svelto
Fin che no te ‘l vedi pu
Sarente così anca noi?
Sente tanti razi pronti
per esser sbarài?
‘n do finirente?
Adòs a qualcòs?
A qualcheduni?
Farente del mal?
O s’averzerà,
al moment giust
el paracadute?
Che dopo, pol suzèder
te te trovi lì
pu mort che vif
davanti a zent strana
Che te varda
che te squadra
che te snasa
E ti, embezìle,
a domandarghe:
“Savè se ch’intorno
gh’è ‘n bar, giornai
e tabachini?”

 EL FALS

Ah sì sì, l’è propri

um fat a modo

e da sposàr

se no ‘l gavès

zà la vera

Fortunada la so dona

‘n do l’avralo

po’ binà ensèma

che ‘n paès

i è tuti bruti e doppi

Lù ‘l fa finta

de no sentìr

‘ntant el ghe paga

(sarà ‘na sorpresa)

en cafetìm

a quele done

al bar lì vizim

Po’ ‘l se scapela

davanti al sindaco

e denter en ciesa

a ‘mpizàr candele

“Come ghe vala,

reverendo,

ghe mando i putei

per quei laori”

‘rivà a casa

l’averze el giornàl

“Alora se magna

o se salta disnàr

L’è tuti i dì

la solita storia

mi che laoro

e nel piat zicoria

Ma cossa fat

tuta la matina

gnanca ghe fus

da dar malta fina…

Vara diaolporco

che no va bèm

no l’è così

che se trata la zent”

Sant en piaza

e diaol a casa,

pensa tra ela

‘sta pora dona

“Ma stè robe chi

– la rumega –

gnanca Dio

el le perdona

LE CAMPANE DE VIGNOLE

El so, a qualchedum

forsi le dà fastìdi

perchè no ‘l  sènte

la televisiòm

e po’ – el dìs –

l’è semper quela

fim che ‘l batòc

no l’ bate pu

Cambia qualcòs

ma semài in pèzo

quando le campane

le ciàma a l’òbit

meio, per lori

quando ai sposi

i ghe tira ‘l riso

E per i puteloti

ala sagra

co la confusiòm

A mi me parerìa

tut destràni

se no le scoltès pu

sì, le robe de ‘sti ani

de ‘na lontana,

zamai nada, zoventù

Me sentirìa zerto

pu sòl

come ‘n namorà

lasà de còlp

Perchè quel sòn

soratùt de sèra

el me dà paze

‘l fa squasi pianzèr

e digo davera

I è picòi, tuti doi

ciesa e campanìl

ma i vardo semper

dala finestra

Din don, din don dan

i me salùda

anca se gò ‘n testa

ancora el sugamàn

L’è de San Valentim

la ciesa del me paès

le lù che ‘l benedìs

quei che se vol bem

Da picol no ‘l capivo

quando fevo el cieregòt

che anche le campane

le cantès vergòt

Canzòm triste o alegre

‘che sgòla come osèi

canzòm fate per tuti

veciòti e anca putei

Nesùni che dis grazie

adès al sagrestàm

Te credo, me dis um

no i le sona pu a mam

EL TAI DEL PRA’

L’è semper en misto
se no l’è ‘n prà
de ‘n giardim curà
Erba spagna, fiori màti
e anca qualche farinèl
Ale basse, ‘n tra mèz
margherite, violète
denti de cagn
che fà zamai i sofiòni
Su le còste e pu alt
ghè anca el cumìm
la zipolìna,
rosmarim selvàdech
malva,
spine de mòre
de sficòm
Passa el fer da segàr
da drita a zanca
se no te sei manzìn
e tut deventa gualif
Ogni tant, el contadìm
‘l se ferma
‘l se suga la testa
soto el fazolèt
Po’, come l’ha fat
desemili volte
‘l se volta, el tira
fora da ‘n corno
vot de bò
en sassòt, scur
dur, semper bagnà
E zim e zam e zom
tut torna, de colp
come ‘n rasòr
Pu soto la zèsta
cola boza de vim
do ciopète
de quele fate ‘n casa
el salàm
del rugant, copà
l’am pasà
E via de nof
che ‘l prà le lonch
e vache e cunei
bisogn guernàr
Domam, sul prèst
bisogna mònzer
portàr el lat
ala coperativa
Po’ ‘l pastolà
per le galine
Me sà che quel
toch, quel su alt
el taierò de zobia
subit dopo disnar

EN PARADIS

 Com’ela, come no ela

ne sem trovai su

mezi ensognai

Toh, varda

ghè anca l’Enzo

l’avressit mai dit?

Mezi coscriti

qualchedum pu vecio

pu en là quel

che steva semper

per so cont

“Ah, me sa – fa el Diego –

che no i ne lassa

miga nar denter,

n’avem fat massa

dai, disente la verità”

Vei fora el Pero,

el ne varda nei oci

e basta quel

a metter soggeziom

El tira for la carta

el leze tuti i nomi

E oscia, resta fora

sol quel dal nas levà

“Dio l’è misericordios,

putei – dis el sant –

el perdona semper

tuti i pecai,

anca quei grossi”

Montem su sta nuvola

che se move

en mez al zel

come na scala

del supermercà

E alora el Giani,

che no l’è mai

sta bom

de taser

vardando enzò

el domanda:

“Ma scusa, Pero,

perchè quel là

l’è restà a pè?”

Fem tuti finta

de no aver sentì,

zamai l’avem fata

franca, se pensa,

perchè star lì

a far casim?

El Pero el se tasta

la barba bianca

el varda el Giani

e senza gosar

el dis:

“Quel vos amico,

l’è un de quei

che l’ha fat pecai

propri per farli,

perchè, tanto,

così el penseva,

Dio dopo, el me

tol dale strazze

Ensoma, capintene

va bem tut

anca en Paradis,

trane che farse

tor en giro”

IN PARADISO

Com’è stata? Non si sa

Ci siamo trovati lassù

mezzi addormentati

Toh, guarda

c’è anche Enzo

l’avresti mai detto?

Tanti coetanei

qualcuno più anziano

più in là

quello che stava

sempre

per conto suo

“Ah, mi sa – fa Diego –

che non ci lasciano

mica andar dentro,

ne abbiamo combinate

troppe, dai,

diciamo la verità”

Vien fuori Pietro

e ci guarda negli occhi

e basta lo sguardo

per incutere rispetto

Tira fuori la lista

e legge tutti i nomi

E perbacco, resta fuori

dall’elenco

quello con il ghigno

“Dio è misericordioso,

ragazzi – dice il Santo –

e perdona sempre

tutti i peccati,

anche quelli grossi”

Saliamo sulla nuvola

che si muove

nel cielo

come la scala mobile

dei supermercati

E allora, Gianni

che non è mai

stato capace

di star zitto

guardando giù

pone una domanda:

“Ma scusa, Pietro

perchè quello

è rimasto fuori?”

Facciamo tutti

finta di non

aver sentito

ormai l’abbiamo fatta

franca, si pensa,

perchè star lì

a crear problemi?

Pietro si tocca

la folta barba

guarda Gianni

e sotttovoce

gli dice:

“Quel vostro amico

è uno di quelli

che ha peccato

proprio per peccare

perchè, tanto,

così pensava,

Dio dopo, mi

perdonerà tutto.

Insomma, intendiamoci

tutto va bene,

anche in Paradiso,

tranne che farsi

prendere in giro

ROBE DA NO DIR

 Quando te fai

strani penseri

Ma cossa hat capì

no ghe zentra

el cul a mandolim

de na dona

Pitost l’è quela specie

de tos nervosa

che te vegnirà

for dai polmoni

sol se te dessi

da ment

Voia de mandar

tuti en mona

De ciapar su

le to strazze

e correr, correr

dove no te sai

gnanca ti

E po’ sentarse

strachi, senza fià

en riva al lach

Dirse: “Fim chi

ancoi som vegnù

domam voi nar

pu en zò”

Ciapar l’acqua,

se piove

Ciapar el sol

se ‘l ghè

Butar el telefonim

tra i sgrebeni

E dir: “Se ciava

quei che voleva

ciamarme”

Fermarse, n’atimo

a vardar el Baldo

E pensar che

quele righe scure

tra pree e piante

le ghè lì da quando

forsi

el Garda l’ariveva

fim lasù

E noi, ades

pestolem

dove ghera i mostri

E noi, ades

se gavem le stornise

ciamem

l’ambulanza

Se piove en po’ de pu

del solit

ciamem i pompieri

Se na sera

va via la luce

no vedem

pu la televisiom

Se no ne palpem

no savem

pu chi sem

COSE DA NON DIRE

Quando hai

strani pensieri

in testa

Ma cosa hai capito,

non c’entra

il culo a mandolimo

di una donna

Piuttosto quella

specie di tosse

nervosa

che ti verrà fuori

dai polmoni

solo se ti dessi

ragione

Voglia di mandare

tutti a quel paese

Di prendere le tue cose

e correre, correre

dove nemmeno tu

sai dove

E poi sedersi, stanchi

senza fiato

sulle rive del lago

Dirsi: “Fin qui

oggi sono arrivato

domani vorrei

arrivare laggiù”

Prender l’acqua

se piove

Prendere il sole

se c’è

Buttare il telefonino

nei cespugli

E dire: “Chissenefrega

se qualcuno

voleva chiamarmi”

Fermarsi, un attimo

e guardare

il Monte Baldo

E pensare

che quelle righe scure

tra pietre e vegetazione

sono lì da quando

forse

il Garda arrivava

fino a lassù

E noi adesso

passeggiamo

dove c’erano i mostri

E noi, adesso

se abbiamo

le traveggole

chiamiamo

l’ambulanza

Se piove di più

chiamiamo

i pompieri

Se una sera

c’è il black out

non vediamo più

la televisione

Se non ci tocchiamo

non sappiamo

chi siamo

I SGRISOI

Te i senti

su la schena

come en petem

sula pel

Capita quando

te scolti

na musica bela

se te ciapi

na stremia

o qualcos

pu grant de ti

el finis drit

denter nel cor

Come na frecia

‘nvelenada

Che te fa perder

l’anda

E de colp

no te sai pu

chi te sei

perchè te sei lì

e cossa far

I dis che la mort

sia na roba

del genere

Me vei i sgrisoi

sol a pensarghe

I BRIVIDI

Li senti

sulla schiena

come un pettine

sulla pelle

Capita quando

ascolti

una musica speciale

se prendi

uno spavento

o se qualcosa

più grande di te

finisce dritto

dentro il cuore

Come una freccia

avvelenata

Che ti fa perdere

l’orientamento

E di colpo

non sai più

chi sei

perché sei li

e cosa fare

Dicono che la morte

sia una cosa del genere

Mi vengono i brividi

solo a pensarci

ME PIAS LA NEBIA

Nel bosch, quando

i rami i par disegni

su na lavagna

bianca

che se neta

per so cont

O en campagna

quando la bruma

l’è pu bela

de ‘n tapè persiam

 

Me pias la nebia

che ciapa tut

tra i so brazi

senza rovinar

gnent

squasi che la

volessa

carezzar i cavei

de le vigne

apena poae

e prai che zerca

el vert

de la primavera

 

Me pias quei vapori

che vei su

da la tera

Come se soto

qualchedum

avess mess na brenta

de acqua

sora fornele

che no se vede

o dase de pim

apena taiade

tacae a le brase

 

Me pias quei linzoi

che se move

per aria

per farte perder

el senter giust

E lì, smarì

come en putelot

dala maravea

gò anca rispet

a gosar: “aiuto”

 

Ah, le massa bel

lassarse nar

quando zel e tera

par che i se basa

da tant che i è

vizini

E sentirse ados

picole gozze

de na pioza

mai vegnua zò

Zercar de meterle

en scarsela

Come en ladro

de diamanti

 

MI PIACE LA NEBBIA

Nel bosco, quando

i rami sembrano disegni

su una lavagna bianca

che si pulisce

da sola

O in campagna

quando la rugiada

è più bella

di un tappeto persiano

Mi piace la nebbia

che prende tutto

tra le sue braccia

senza rovinare

nulla

quasi volesse

accarezzare i capelli

delle vigne

appena potate

e prati che cercano

il verde

della primavera

MI piacciono quei vapori

che vengono su

dalla terra

come se sotto

qualcuno

avesse messo

una grande pentola

piena di acqua

sopra stufe

che non si vedono

o rami di pino

appena tagliati

attaccati alle braci

Mi piacciono quelle lenzuola

che si muovono

per aria

per farti perdere

il sentiero giusto

E lì, smarrito

come un bambino

dalla meraviglia

ho anche vergogna

a chiedere aiuto

Ah, è troppo bello

lasciarsi andare

quando cielo e terra

sembra che si bacino

tanto sono vicini

E sentirsi addosso

piccole gocce

di una pioggia

mai scesa dall’alto

Cercar di metterle

nella tasca

Come un ladro

di diamanti

 

EL MOL DEL PAM

Uno, co le onge nere

piene de grep

el tol en mam

sto toch de pam

El ghe mete dentro

quela specie

de pirom

fat de pel sporca

e ‘l tira fora

el mòl

El se lo porta

a la boca

e po ‘l lo spua

come se fussa

el babao

Na scena enventada?

No, l’ho vista

qualche temp fa

e no ve digo dove

Eco, come va

el mondo

quando da na banda

ghè zent sporca

che stà massa bem

e da l’altra zent neta

che se ciapa

del sporco

sol perchè

no la gà

el cappòt bel

 

LA MOLLICA

Uno, con le unghie nere

piene di sporco

prende in mano

questo pezzo di pane

e gli mette dentro

quella specie

di forchetta

coperta da pelle sporca

E tira fuori

la mollica

E se la porta

alla bocca

poi sputa tutto

come fosse

il veleno

Una scena inventata?

No, l’ho vista

qualche tempo fa

e non vi dico dove

Ecco, come va

il mondo

Quando da una parte

c’è gente sporca

che sta troppo bene

e dall’altra

gente pulita

che si becca anche

“taci, sporco…”

solo perchè non ha

il cappotto bello

LA ZINZOLA


Che bel, da popi
nar su e zo
sentai su n’asesela
tacada magari
a ‘n ram
con do corde
e do anei de fer
No se penseva
alora
che saressem
nai en zinzola
anca da grandi
e senza poder
pù vegnir zo
Ancoi te vai su
ancora pu su
subit dopo
te vegni zo
semper pu zo
E te devi darte
l’anda
se te voi
che tut se mova
gambe endrio
e po subit ‘nvanti
pu de na volta
per veder de nof
el zel
E star atenti
a no nar massa
alti
Te podressi cascar
co la testa
soto i pei
L’è en zoc
sto chi
che par nol
finissa mai
Enveze caro mio
o prima o dopo
l’ariva, l’ariva
el moment
che ferma tut
Nel dì che no te sai

L’ALTALENA

Che bello, da bambini
andare su e giù
seduti su un’assicella
attaccati magati
ad un ramo
con due corde
e due anelli di ferro
Non si pensava
allora
che saremmo andati
in altalena
anche da grandi
e senza poter
più saltar giù
Oggi vai su
ancora più su
Subito dopo
vieni sempre più giù
E devi darti la mossa
se vuoi
che tutto si muova
ganbe indietro
e poi subito avanti
più di una volta
per veder di nuovo
il cielo
E stare attenti
a non andar
troppo alti
Potresti cadere
con la testa
sotto i piedi
E’ un gioco
questo
che sembra
non finire mai
Invece, caro mio
prima o dopo
arriva, arriva
il momento
che ferma tutto
Nel giorno che non sai

 MURETI DE CAMPAGNA

Fati coi sassi

 pieni de muscio

 tra na col e l’altra

  Voia de rampegar

 basi da sconder

 sudor e laori

 Col vim portà

 da casa

 e do tochi de pam

 da zacar

 Prima de tornar

 a poar le vigne

 Ne la paze

 che quei mureti

 i te dà

 Come se te fussi

 en de na catedral

 Senza lumini

 senza prediche

 perchè quei sassi

 i stà ziti

 Ma i te dis

 robe pu bele

 de tanta zent

 MURETTI DI CAMPAGNA

 Fatti con i sassi

 pieni di muschio

 tra una campagna

 e l’altra

 Voglia di arrampicare

 baci da nascondere

 sudore e lavoro

  Col vino portato

 da casa

 e due pezzi di pane

 da mangiare

 Prima di tornare

 a potare le vigne

 Nella pace

 che quei muretti

 ti danno

 come se tu fossi

 in una cattedrale

  Senza candele

 senza prediche

 perchè quei sassi

stanno zitti

 Ma ti dicono

cose pù belle

 di tanta gente

 EL DIAOL

Ma ‘l diaol

ghelo sul serio?

E se ‘l ghè

chielo che

l’ha fat?

Vegnelo anca lu

da Adamo e Eva

o el de n’altro

cepo?

Ma meti che

el ghe sia sul serio

e lassente star

da dove el vei

Meti che sia

el Lucifero

n’anzel che no

neva d’acordo

con quei del Paradis

Te par giusto

che i lo abia lassà

da sol

en tuti sti ani

senza darghe

na posibilità

de redenziom?

Zò, soto tera

en mez a foghi e fumi

zò, tra ‘sassini, ladri

zent coi oci cativi

Semper drio a fumar,

a bestemiar

a vard film porno

bever da la matina

a la sera

drogarse, averghe

tante done

(basta che le respira)

Semper stofegà

dai vizi

da quel che i cativi

i deve per forza

far

per esser cativi

come se deve

E no averghe mai paze

en sto inferno

che boi

E vardar, da soto ensù

quei che beve

tisane,

parla en ponta

e magari te dis:

“Por diaol, l’è stà

colpa dela sposa

che ghe feva i corni,

se no magari

ades el saria

chi con noi…”

IL DIAVOLO

Ma il diavolo

c’è davvero?

E se c’è

chi lo ha

creato?

Viene anche lui

da Adamo ed Eva

o ha altre

origini?

Ma metti che

ci sia sul serio

e lasciamo stare

da dove viene

Metti che sia

Lucifero

l’angelo

che non andava

d’accordo

con quelli in Paradiso

Ti sembra giusto

che lo abbiano lasciato

solo

in tutti questi anni

senza darhli

una possibilità

di redenzione?

Giù, sotto terra

in mezzo a fuochi e fumo

giù, tra assassisini, ladri

gente con gli occhi torvi

Sempre con la sigaretta

in bocca

bestemmiando,

guardando film porno,

bevendo da mattina

a sera

droghe, tante donne

(basta che respirino)

Sempre affogato

nei propri vizi

da quello che i malvagi

devono per forza

fare

per essere tali

E non aver mai pace

in questo inferno

che bolle

E guardare, da sotto in sù

quelli che bevono

tisane,

parlano di alta cultura

e magari ti dicono:

“Povero diavolo, è stata

colpa di sua moglie

che lo tradiva,

altrimenti, magari

adesso sarebbe

qui con noi…”

LE MACIE

 No te savrai mai

dove ghè

quele de fonghi

Quei che

le conoss

i fà i soldi

al banchet

en piazza

No i te manderà

nei so posti

giusti

Quele de rosset

sul bec

dela camisa

le te pol costar

pu care

E quele de sangue

segnae col ges

le dis da sole

quele che

è suces

Le macie sul lac

l’è quele

de l’acqua freda

butaa nel Garda

dala Sarca

Quele che fa le bole

le vei dal piazal

dove qualchedum

ha lavà la machina

Ma queste

te le vedi

o te sai

cossa che le è

Ghè en tipo di macia

che enveze

no la va via

gnanca a strusiar

L’è denter, fonda

soto pel e ossi

Ciapa pur en cortel

e scrautete

no te la troverai

L’è na macia

che sbrusega

che ogni tant

la se fa pu

granda

L’è quel che

t’hai fat de mal

magari ani fa

L’è na roba

scondua

ai altri

forsi per massa

temp

E che a forza

de star ligada

la voria scapar

fora

Rasegnete, caro mio

ghè sol en modo

per farla

nar de volta

E quel el te lo dis

sol en bom Dio

 LE MACCHIE

Non saprai mai

dove sono

quelle dei funghi

Quelli che

le conoscono

fanno i soldi

al mercato

in piazza

Non ti manderanno

nei loro posti

segreti

Quelle di rossetto

sulla camicia

ti possono

costar care

Q uelle di sangue

segnate dal gesso

dicono da sole

quello che è successo

Le macchie sul lago

sono quelle

dell’acqua fredda

buttata nel Garda

dal fiume Sarca

Quelle che fanno

le bolle

vengono dal piazzale

dove qualcuno

ha lavato l’auto

Ma queste

le vedi

o sai

che cosa sono

C’è un tipo di macchia

invece

che non va via

nemmeno se ti sfianchi

E’ dentro, profonda

sotto pelle e ossi

Prendi pure un coltello

e squarcia la carne

non la troverai

E’ una macchia

che ustiona

che ogni tanto

si fa più

grande

E’ quello che

hai fatto di male

magari anni fa

E’ una cosa

nascosta

agli altri

forse per troppo

tempo

E che a forza di restare

legata

vorrebbe scappar

fuori

Rassegnati, caro mio

c’è solo un modo

per farla

andar via

E quello te lo dice

solo il buon Dio

INFERNO

Nel mez del coridor del me sito

me som trovà de colp al strof

che no savevo pu demò

dove l’era giust nar ‘n vanti

… E de colp, sora el bagno

sto bel cartel:

“Oh voi che nè dentro

lassè ogni speranza

de trovarlo net come

l’aveve lassà”

Ho tirà l’acqua e sciao

e col me amico Vigìli

avem fat do passi…

e lu che el me conteva de questo

e de quest’altro, tut robe

de sti ani… pora zent

finia en malora

Tei, ghe fago: ma se sem chi

vol dir che sem morti…

E l’altro, ma no l’è per finta

tuta na comedia…

Ah, me som dit tra de mi

ma alora ‘n do elo che

ho fat i me bisogni?

SE EL FOCH L’E’ DENTER

No ghè gnent da far

No l’è come

el brusor de stomech

che te basta

na pastigliota

Se te ciapa foch

quel che te gai

denter, propri denter

no sol nel zervel

no ghe madone

che tegna

Te sei fregà, caro mio

Se l’è amor vero

no te ferma nesuni

Te vai en para

te scali montagne

te traversi el lac

senza le pine

te moli la sposa

se te sei sposà

Se l’è odio

no te gai pu paze

le mam sempre

serae, a pugni

i oci rossi

la bava sula boca

Se l’è voia

de vendicarse

la va ancor pezo

Te pensi sol a quel

Se l’è creder

en qualcos

de pu grant

de ste miserie

magari te risci

de farte tanti nemizi

su sta tera

sperando che

la vaga meio

en quel mondo

che dovria

esserghe dopo

SE IL FUOCO E’ DENTRO

Non c’è niente da fare

Non è come

il bruciore di stomaco

che ti basta

una pastiglia

Se prende fuoco

quello che

dentro, proprio dentro

non solo nel cervello

non ci sono rimedi

Sei fregato, caro mio

Se è amore vero

non ti ferma nessuno

Vai in tilt

scali le montagne

attraversi il lago

senza pinne

lasci la moglie

se sei sposato

SE è odio

non hai più pace

le mani chiuse

nei pugni

gli occhi rossi

la bava sulla bocca

Se è voglia

di vendetta

va ancora peggio

Pensi solo a quello

Se è credere

in qualcosa

di più grande

di queste miserie

magari rischi

di farti tanti nemici

su questa terra

sperando che

vada meglio

in quel mondo

che dovrebbe

esserci dopo

LA RIDAROLA

Che bel

quando la te ciapa

Fin a lagrimar

e squasi

te te pissi

ados

Che bel no riussir

pu

a fermarse

Sugarse i oci

voltarse

veder un o una

che praticamente

no fa gnent

e sol per quel

rimeterse a rider

Ala fim te te

senti

quasi sfinì

ma ‘n paze

col mondo

Come se i t’aves

cavà via

dal zervel

senza farte mal

tute quele robe

che no le fa

rider

gnanca

a forza de gatizole

RIDERE A CREPAPELLE

Che bello

quando ti prende

fino alle lacrime

e quasi

te la fai sotto

Che bellonon  riuscire

più

a fermarsi

Asciugarsi gli occhi

voltarsi

vedere uno o una

che in fondo non fa niente

e sol per quello

rimettersi a ridere

Alla fine

ti senti quasi

spossato

ma in pace

con il mondo

Come se ti avessero

levato

dal cervello

senza farti male

tutto quello

che non fa

ridere

nemmeno

con il solletico

L’ERA EN BON OM

 Quando no te

ghe sei pu

te deventi

quasi semper

en mez sant

per la zent

al to funeral

“Massì, l’ha fat

le sue,

come tuti del resto,

ma no l’ha mai

copà nessun”

“Te ricordit

quela volta

che ‘l gà dat

en scopelom

en piazza

ala morosa?

Ah, de zerto

la deve averghe

fat nar zo le azze…”

Deventem tuti

bravi, neti

come i pomi

sluzeghem

anca nela bara

come il sol

de feragost

(e ciapem anca

do gozze

de acqua santa)

Ma come la

metente

coi omini

che de sti tempi

i copa le done

perchè—perchè

i ghe vol massa bem?

Na volta, propri

la Ciesa

per qualcos

che ‘n fondo

l’era sol

n’idea diversa

no la ghe penseva

n’atimo

a darghe foch

E quei che se

copeva

no i ciapeva

gnanca

l’ultima benediziom

Fim che se confonde

l’amor con

qualcos comprà

al mercà

(“l’ho pagà, l’è mio,

per semper…”)

magari ghe sarà

anca quei

che a ‘sti ‘sassini

i ghè fa na bela

ghirlanda

“Eh, por om,

chisà cosa l’ha

ciapà—ma l’era

en pez che el vedevo

for de testa…”

EREM ZOVENI

No, no ‘l savevem

che saressem

deventai veci

Perchè a vint’ani

l’è semper

i altri

che se mala,

che de colp

i resta nel let

e dopo i more

Erem zoveni

ma no ne rendevem

cont

che avressem dovù

farne valer de pu

tirar fora

i zebedei

e farnel noi

el nos domam

Erem zoveni

chi vestì bem,

chi vestì mal

quel che a casa

gaveva la servitù

quel che a casa

el troveva

la polenta freda

del dì prima

Tuti, squasi disente,

 nel so picol

i ha provà, dai

a far qualcos

Po’, disentela

ne sem sentai

Comunismo, Vietnam

Mao, Cuba, la Cambogia…

viva i laoradori

abbasso i padroni

ma se te gavevi

en toch de machina

e te la portevi

en discoteca, dai

la neva meio

che a strozegar

bandere

e ciaparle

dai celerini

Erem zoveni

e no savevem

de esserlo

Zamai l’è tardi

per dirghe

ai zoveni de ades

de no far

come noi

No i ne scolta

come noi non

scoltevem

i nossi veci

ERAVAMO GIOVANI

No, non la sapevamo

che saremmo

diventati vecchi

Perchè a vent’anni

sono sempre

gli altri

che si ammalano

che di colpo

restano nel letto

e dopo muoiono

Eravamo giovani

ma non ci rendevamo

conto

che avremmo dovuto

farci valere di più

tirar fuori

gli attributi

e farcelo noi

il nostro domani

Eravamo giovani,

chi vestito bene

chi vestito male

quello che a casa

trovava i domestici

e quello che a casa

trovava

la polenta fredda

del giorno prima

Quasi tutti, ebbene sì

nel loro piccolo

hanno provato

a far qualcosa

Poi, diciamolo

ci siamo seduti

Comunismo, Vietnam,

Mao, Cuba, la Cambogia

viva i lavoratori

abbasso i padroni

ma se avevi

un’utilitaria

e la portavi

in discoteca, e dai

andava meglio

che andare in piazza

e prender botte

dalla polizia

Eravamo giovani

e non sapevamo

di esserlo

Ormai è tardi

per dire

ai giovani di adesso

di non fare

come noi

Non ci ascoltano

come noi non

ascoltavamo

i nostri vecchi

MASSA FAZILE

 No so perchè

stasera

ghò denter

nel cor

la voia de dir

qualcos de bom

Forsi l’è colpa

de na giornada

strana

o de qualcos

che ne vei ados

a tuti

prima de nar for

dala ciesa

coi pei ‘nvanti

e ‘l rest dirent

L’è na voia

che la bega

con quel

che gh’è sta prima

e la ghe fà l’ociet

a quel che podria

vegnir dopo

No ghe zentra

le done

e gnanca le madone

L’è na rova diversa

magari gnanca tant

come tra nef e acqua

dipende tut

da quando te la ciapi

propri ne la to mam

L’è, dessì, en mistero

se te ghe pensi

davera

se te la vardi

e te la rivardi

se te volessi

dir: “Sì, l’è propri vera”

L’è la voia

(che tuti gavem scondua?)

de far del bem

de nar ‘n vanti

senza far dei dani

ai altri

Se ciava i comandamenti

le legi

tut quel che i diseva

sti ani

L’è na roba

massa fazile

sol a pensarghe

L’è qualcos

de difizile

po’ da far?

TROPPO FACILE

Non so perché

questa sera

ho dentro

nel cuore

la voglia di dire

qualcosa di buono

Forse è colpa

di una giornata strana

o di qualcosa

che viene addosso

a tutti

prima di uscire

dalla chiesa

con i piedi avanti

e il resto a seguire

E’ una voglia

che litiga

con quello

che c’è stato prima

e fa l’occhiolino

a quello che potrebbe

arrivare dopo

Non c’entrano

le donne

e nemmeno la religione

E’ una cosa diversa

magari forse no

come tra neve e acqua

dipende tutto

da quando la prendi

proprio nella tua mano

E’, proprio così, un mistero

se ci pensi

seriamente

Se la guardi

e la riguardi

se volessi dire

“Sì, è proprio vera”

E’ la voglia

(che tutti nascondiamo?)

di far del bene

di andare avanti

senza far danni

agli altri

Chissenefrega deu Comandamenti

delle leggi

di quello che dicevano

i nostri Avi

E’ una cosa

troppo facile

solo a pensarci

E’ qualcosa di

difficile

poi da fare?

EL BIGLIETIN

 

L’era el temp

dele prime cote

E se gaveva

paura

de quele robe lì

El cor el bateva

e anca el rest

Ma l’era dura

come dir

Narghe al vers

Meio scriver

en biglietin

stando, demò

sule sue

e farghelo aver

a la ricreaziom

Per dir, a la fim

che quela putela

co la treza longa

l’avressem vista

volentera

ala festa del paes

Po’ magari

no la vegniva

(così te pareva)

propri quando

ti te l’aspetevi

zamai dal dì prima

Per farte davanti

de colp

quando te stevi

per nar via scoà

da drio la fontana

pu bela del sol

de la luna,

de le stele

e co ‘n vestì

che no t’avevi

mai vist

Bevit na spuma?

Ma sì, dai

Balente ensema?

No, chi ghè massa casim

Alora se finiva

en pas ala volta

drio en portom

E lì te fevi

propri en figurom

quando sentendo

la so lengua ne la to boca

ti, propri ti

te ghe disevi;

“Ma el così

che se dà i basi

da grandi?”

Semper meio

de l’Ugo fiol

del becher

che per darse

na para da lezù

sul biglietin

dat ala Iole

l’aveva scrit:

“Sono ciapato così

tant da te

che voleria

meterme con ela”

 

IL BIGLIETTINO

Era il tempo

dei primi amori

E c’era anche

tanta paura

di quelle cose lì

Il cuore batteva

e anche il resto

Ma era dura

come dire?

L’approccio

Meglio scrivere

un bigliettino

con cautela

e farglielo avere

durante la ricreazione

Per dire, alla fine

che quella ragazzina

con la treccia lunga

l’avremmo vista

volentieri

alla festa del paese

Poi magari

lei non veniva

(così ti sembrava)

proprio quando

l’aspettavi

ormai dal giorno prima

Per apparirti davanti

all’improvviso

quando stavi

per andartene deluso

da dietro la fontana

più bella del sole,

della luna, delle stelle

e con un vestito

che non avevi

mai visto

Bevi un’aranciata?

Ma sì, dai

Balliamo insieme?

No qui c’è troppo rumore

Allora si finiva

un passo alla volta

dietro un portone

E tu facevi

proprio una brutta figura

quando sentendo

la sua lingua

nella tua bocca

le dicevi:

“Ma è così

che si danno

i baci da adulti?”

Sempre meglio

dell’Ugo, figlio

del macellaio

che per darsi

un contegno

sul bigliettino

alla Iole

aveva scritto:

“Sono così preso

da te che vorrei

mettermi con lei”

I NOVI OCIAI COL COMPIUTER DENTER

Te narai en giro

co sto par de ociai

che te farà veder

tuta n’altra roba

Là se magna bem

lavia se pol comprar

mudande da dona

(ah, no, anca

per omeni…boh

me par sia tuti gualivi

sti modei)

Eco, lazò ghè

el posto

dove se speta

el missile per nar

a  verona

E quel che me vei

encontro

l’è enzigner, el gà do fioi

e l’è separà

zamai da zinque ani

Ah, co sti ociai

te savrai tut de tuti

entant che te

te movi, subit

El me fà un che

l’è ‘nvanti

co ‘ste scoperte

Provei, te verai

che bel

Me i meto su

e schizo en botom

dove ghè su scrit

SELF MODE

De colp ste lent

le se gira vers i

me oci

e me voi for

na scrita tuta rossa

granda:

“COIOM, STA ‘TENTO

VARDA COI TO OCI

LA STRAA

CHE SE NO TE PESTI

LA MERDA

DE ‘N CAIN”

 

I NUOVI OCCHIALI TECNOLOGICI

Andrai in giro

con questo paio

di occhiali

che ti faranno vedere

tante meraviglie

Là si mangia bene

laggiù puoi comprare

intimo per donna

(ah no, anche

per maschi… boh

i modelli mi sembrano

così uguali)

Ecco, là c’è invece

la fermata

della navetta spaziale

per andare a Verona

E chi mi sta

venendo incontro

è un ingegnere

ha due figli

ed è separato

ormai da cinque anni

Ah, con questi

occhiali

saprai tutto di tutti

proprio mentre

te lo chiedi

Mi fa un tipo

che è all’avanguardia

in fatto

di tecnologia

Provali, vedrai

che bello

Me li metto su

e schiaccio

un bottone

con la scritta

Self mode

Di colpo queste lenti

si girano verso

i miei occhi

e vien fuori

una scrtta grande

tutta rossa:

“Coglione, stai attento

guarda con i tuoi

occhi la strada

altrimenti calpesti

gli escrementi

di un cane”

L’OMBRELA

Sì la vita l’è bela

basta averghe

l’ombrela

canteva

Cochi e Renato

E mi ghe tacheria

basteria averghela

quando piove

Enveze

co sto temp

balerin

Te la lassi

en machina

quando la serve

Te te la tiri drio

come en bastom

quando ghè el sol

Ma l’è n’altro

el vero problema

Quando te vai

a far la spesa

e dopo

no te la trovi pu

Oh, suzede anca

al bar dele volte

A qualcheduni

anca dal dentista

o entant che

‘l paga la multa

ai vigili

Sol che ‘sa fat,

vat dai carabinieri

a far denuncia?

Addì 20 marzo 2012

il signor Galas

denunciava il furto

ai suoi danni

di un ombrello

marca sconosciuta

di colore scuro

e manico in legno

sotrattogli con destrezza

all’uscita del

supermercato Orvea

di Arco

‘sssse ‘ssssse

anca i fa indagini

co sti grandi indizi

No resta che star

pu atenti, putei

la prosima volta

e ‘ntant ciaparse

l’acqua, tuta quanta

entant che uno

co la to ombrela

l’ariva a casa sut

Che far se no,

meterme anca mi

a robar ombrele?

No, perchè gavria

semper paura

de encontrar

el so parom

No gò el pel

sul stomech

dei veri ladri

E alora ala sposa

gò dit che l’ho

desmentegada

da qualche banda

Ma no savria dove

L’OMBRELLO

Sì la vita l’è bela

basta avere

l’ombrela

ti ripara la testa

sembra un giorno di festa

cantavano

Cochi e Renato

E io aggiungerei

basterebbe averlo

l’ombrello

quando piove

Invece, con questo

tempo variabile

lo dimentichi in auto

quando serve

e lo porti con te

come un bastione

quando c’è il sole

Ma è un altro

il vero problema

Quando vai a fare la spesa

e dopo non lo trovi più

Oh, succede anche

al bar a volte,

a qualcuno è capitato

anche dal dentista

o mentre pagava

una contravvenzione

Ma che puoi fare,

vai dai carabinieri

a far denuncia?

Addì 20 marzo 2012

il signor Galas

denunciava il furto

ai suoi danni

di un ombrello

marca sconosciuta

di colore scuro

e manico in legno

sotrattogli con destrezza

all’uscita del

supermercato Orvea

di Arco

Figurati se poi farebbero

indagini

con questi preziosi indizi

Non resta che

prestare attenzione

la prossima volta

e intanto prendere

l’acqua, tutta quanta

mentre uno con il

tuo ombrello

arriverà a casa asciutto

Che fare altrimenti

Mettermi anch’io

a rubare ombrelli?

No, avrei sempre

il timore di incontrare

il padrone

Non ho peli sullo stomaco

come i veri ladri

E allora alla moglie

ho detto che

l’ombrello l’ho

lasciato in giro

da qualche parte

Ma non saprei dove

NO SOM COME PARO

 

No, som pezo

Na bestia

quando no me

‘ncazzo

Me tegno tut denter

E ‘ngiotisso tut

dai dispiazeri

ale ofese

Che finis nel fegato

e po’ nela bile

Som normale, neh

se se me varda

senza vardarme

Ma poderia

butar tut per aria

se sol me des

da ment

Vago en giro

bondì, bonasera

e mi so

che noi digo

volentera

No som come paro

me scondo

en sto mondo

dove tuti i è bravi e boni

se no te i conossi

Fago finta de gnent

Come le bombe

scondue

soto tera

NON SONO COME SEMBRO

No, sono peggio

una bestia

quando mi arrabbio

Mi tengo tutto dentro

Inghiotto dispiaceri

e offese

Che finiscono nel fegato

e poi nella bile

Sono un tipo normale

se mi si guarda

senza guardarmi

davvero

Ma potrei

buttar tutto per aria

se solo mi dessi

ragione e azione

Vado in giro,

buongiorno, buonasera

e io lo so

che non lo dico

volentieri

Non sono come sembro

mi nascondo

in questo mondo

dove sono tutti

bravi e buoni

se non li conosci

Faccio finta di niente

come le bombe

nascoste

sotto terra

I FONGHI MATI

Perchè darghe

na peada?

No se pol magnarli

no i sà da gnent

Ma alora

lassei dove i è

en mez al bosch

Enveze fem

la stessa roba

(senza scorzerne?)

anca tra de noi

Con omini e done

che no ne serve

Che i è “mati”

se i vardem

da n’altra banda

(la nossa)

del cancel

O sol perchè

i gà qualcos

de strani

La pel scura

i oci pu larghi

omini che basa

altri omini

done che basa

altre done

O i è da ‘n zò

O i è da ‘n sù

Quando morim

sem tuti gualivi

Come farente

al de là

a star tuti ensema

se de qua

no ne podevem

gnanca veder?

 

FUNGHI NON COMMESTIBILI

 

Perchè dar loro

una pedata?

Non si possono

mangiare

Non hanno sapore

Ma allora lasciali

dove sono

in mezzo al bosco…

Invece facciamo

la stessa cosa

(senza accorgerci?)

anche tra noi

Con uomini e donne

che non ci “servono”

Che sono i matti

se li guardiamo

da un’angolatura

(la nostra)

del cancello

O solo perché

hanno qualcosa

di strano

La pelle scura

gli occhi a mandorla

gay, lesbiche

O meridionali, terroni

o polentoni, crucchi

Quando moriamo

siamo tutti uguali

Come faremo

nell’Aldilà

a stare tutti insieme

se di qua

non ci potevamo

sopportare?

 

L’ERA STA’ ENMANEGA’ VERT

 Avrè anca voi

de zerto

conosù zent

for dal normale

Quei che par

no i se renda cont

de quel che i fa

de quel che i dis

Massì, ensoma

quei che scorla

come el manech

de ‘n manarot

fat de legn

apena taià

Che quando

el se seca…

Ghe n’è ‘n giro

tanti de sti tipi

Coi so tic

co le so manie

I te parla

e ti te i scolti

ma tra ti

te pensi:

“Che me disel?”

Po se sa

ognun la pensa

con quel che ‘l gà

nel so zervel

Tante scatole picoline

che comanda

tut quel che fem

Se un l’è sgherlo

tel capissi

subit

Se un l’è flinco

no tel vedrai

lezer el giornal

Se un l’è, come dir

sbarà for

dale mine

magari no tel vedi

anca se te vai

denor

Ma a mi m’è capità

pu de na volta

de domandarme

“Vot veder che la vida

bisogneria

ciaparla propri così?”

Come la fussa

en parco giochi

senza miserie

persi nela fantasia

Ah senza far del mal

questo se sa

Ma sat che bel

dala matina ala sera

far finta de esser

nà for de testa?

E dir: “Valà, valà

ogni dì vei sera,

ancoi ghe sem

domam chisà

Su co la vida

che te me pari

en secer da resentar”

E sentir quei che dis

drio la to schena:

“Pecà, così zoven

e zà for dal levà”

 

ECCO PERCHE’ E’ PAZZO

Avrete anche voi

di certo

conosciuto gente

fuori dal normale

Quelli che sembra

non si rendano conto

di ciò che fanno

di ciò che dicono

Massì, insomma

quelli che si smuovono

come il manico

di una scure

fatto di legno

appena tagliato

Che quando

diventa secco…

Ce ne sono tanti

di questi tipi

Con i loro tic

le loro manie

Ti parlano

e tu gli ascolti

ma dentro te

pensi:

“Che vorrà dirmi?”

Poi si sa,

ognuno la pensa

con quello che ha

nel suo cervello

Tante piccole scatole

che comandano

tutti i nostri atti

Se uno è sciancato

lo capiscisubito

Se uno è cieco

non lo vedrai

leggere il giornale

Se uno e. come dire

spiritato

magari non te ne accorgi

nemmeno

se gli vai vicino

Ma a me è capitato

più di una volta

di domandarmi:

“Vuoi vedere che la vita

bisognerebbe

affrontarla proprio così?

Come fosse

un parco giochi

senza affanni

persi nella fantasia

Ah, senza far del male

questo si sa

Ma sai che bello

dalla mattina alla sera

far finta di essere

fuori di testa

E dire: “Massì, massì

ogni giorno viene sera

oggi ci siamo

domani chissà

Su con la vita

che mi sembri

un lavabo da risciacquare”

E sentire quelli

che dicono

dietro alla tua schiena:

“Peccato, così giovane

e col cervello bacato”

PENSERI CHE DORME

Lori i stà lì

soto le cuerte

del zervel

i s’era empisolai

a so temp

perchè, tanto

ti t’eri ciapà

da altre robe

Lori i stà lì

senza dir gnent

senza dar scorloni

Ghe va bem così

meio no torsela

– i dis tra en sbadili

e l’alter –

lassa che ‘l faga

che ‘l cora

che ‘l strusia

per so cont

Po’ tut de colp

(saralo colpa

de n’odor, de na foto

vecia, de quel

che l’è stà

e che ades l’è

ancora)

i vei desmissiadi

quando no ì

del tut su la sua

Alora piam piam

i vei fora dal let

E come en  sol

che ha apena

dit ciao ala luna

i se lava i oci

i te domanda:

“‘ Sa vot demò

dopo ani

che te n’hai

desmentegà?”

Ti te te senti alora

squasi en colpa

No te sai che dir

che far

Te resti lì, empalà

come quando

no te studievi

a scola

zito come en pes

che sta per

nar de mal

Te i vardi, te i rivardi

te ricordi

“Ah, se gaves dit,

ah, se fus stà

men ciapà

da altri misteri”

Entant lori,

piam piam,

i se rimete el pigiama

El sol el va zo

drio i monti

dandoghe n’ultima

fiamada al lac

L’è alora

che te vegnirà

en grop ala gola

Ma entant che

te pianzi

zamai quei altri

i è tornai a dormir

 

 

DRIO QUEL CHE TE FAI VEDER

Ghè n’altra roba

pu bela, pu bruta

e chiel che lo sa

meio de ti

che te la scondi?

Drio la to facia,

la to giacheta,

la to camisa

e ‘l to oroloi

e quel telefonim

che te gai semper

en mam

ghè quel che

te sei

che te sei, che te sei

che te sei

de sicur

senza scondirole

co le to paure

i to faria se…

le to pare

pugni tegnui

nele scarsele

e carezze restae

nei to cavei

Ah, se vedria tut

no ghe saria

zeroti

Te saressi

come nut

en piazza

Tuti i savria tut

de ti

del to modo

de esser

no sol de far

Vot meter

se ‘l mondo

el fus così

per tuti?

Davera

no per finta

 

DIETRO QUELLO CHE FAI VEDERE

C’è dell’altro

più bello, più brutto

e chi lo sa

meglio di te

che lo nascondi?

Dietro la tua faccia,

la tua giacca,

la tua camcia

il tuo orologio

e quel telefonino

che tieni sempre

in mano

C’è quello che sei,

che sei, che sei

che sei

di sicuro

senza tante maschere

con le tue parole

i tuoi farei se…

Le tue fantasie

pugni tenuti

nelle tasche

e carezze rimaste

tra i tuoi capelli

Ah, si vedrebbe tutto

non ci sarebbero

alibi

Saresti come nudo

in piazza

Tutti saprebbero

tutto di te

del tuo modo

di essere

non solo

del tuo modo

di fare

Vuoi mettere

se il mondo

fosse così

per tutti?

Davvero

non per finta

ZUGAR

Lassa perder

i zoghi de ades

quei che te porta

via

i soldi e ‘l rest

Vot meter

(ma no l’è vera

che penso

sol a robe

de sti ani)

quando basteva

en balom sbusà,

do cuerci

de la spuma

‘n toch de legn

co n’elastich

per passarne

ore e ore

tra le vigne?

Cambia, se sa

el modo de viver

Avem mess

anca i nossi boci

nei scatoloni

de cimento

Ala fim l’è colpa

nossa

Avressem dovù

pensarghe prima

de ‘sta rivoluziom

Quando te vendi

la paze, la libertà

Po’ no ghè pu

soldi

per riciaparle

 

GIOCARE

Lascia perdere

i giochi di adesso

Quelli che

ti portano via

i soldi e il resto

Vuoi mettere

(ma non è vero

che penso

solo a cose

di anni passati)

quando bastavano

un pallone sgonfio,

due tappi

di bottiglia (di bibita)

un pezzo di legno

con un elastico

per passare

ore e ore

tra la vigne?

Cambia, si sa

il modo di vivere

Abbiamo messo

anche i nostri ragazzi

in scatoloni

di cemento

Alla fine

la colpa è nostra

Avremmo dovuto

pensarci prima

di questa rivoluzione

Quando vendi

la serenità, la libertà

la spensieratezza

non ci sono poi

più soldi

per ricomprarle

BUSE CHE NO TE VEDI

 

No te poi saver

apena nat

gnent de quel

che ghè ‘nvanti

Se la straa

la sarà longa

o corta

Se ghe sarà

scortaroi

o magari

te te troverai

embroià

a trovar quela

giusta

E no te podi saver

gnanca

dove ghè le buse

Quele che,

bem che la vaga,

te vegni fora

sporch, miz

come l’ua

o scavez

da le bote

nele nosele

quel che conta, popo

che t’averzi

ades i oci

su sto mondo

(te ‘l lassem

brut, malmess

piem de scalini

schezai, scusene)

l’è che te gabi

la forza

per tirarte su

Te devi rangiarte

purtropo

No stà spetarte

na mam

gnanca da quei che

quando se trata

de guadagnar

na carega

i vei a dirte

che lori i crede

nei zoveni

Sarà magari

propri quei

che na volta

che i s’è messi

a posto

i slargherà i brazi

quando te narai

nei so ufizi

no a domandarghe

soldi

ma en posto

dove laorar

 

NAR D’ACORDI

 Sposai da zinquant’ani

o adiritura da sesantazinque

Come avrai fat

a nar d’acordi

tut ‘sto temp?

Se te ghel domandi

i fa ‘n sorisin

tra de lori

Come dir: “Noi el savem,

ma l’è robe

che no sel pol contar”

De sicur anca lori

che ades se tei

per mam come puteloti

i gavrà avù dei dì storti

Anca lori, come tanti

i avrà mes su el mus

o dat peade a qualcos

tra la cosina e ‘l bagno

Ma dopo, come fussa

passà na tompesta

i ha continua a far

quel che i feva prima

A laorar, tenderghe ai fioi

nar a Messa o al bar

vardar de portar a casa

pam, lat e companadech

far en bus en pu

nela zintura

se el stomech l’era vot

contar la monea

prima de nar en botega

e zapar l’ort

se te volevi la verdura

Adès – e parla propri

un de quei giusti –

basta poch

per molar zo el pich

e spacar en doi

na casa, n’amor,

anca n’amicizia

Se voleria tut, subit

senza tante fadighe

Se voleria che i altri

i la pensessa

cone noi, semper

Se voleria nar d’acordi, sì

ma sol se l’altro

el ne dà reson

E questo tel vedi

anca vardando

al de fora

dela to finestra

o ala televisiom

L’USS CHE SE SERA

De chì, do passi endrio

ghè quel che te eri

Denòr ai càncheni

de ‘sto uss

ghè quel che te sei

Tirete drio ‘sto seramènt

và al de là de ‘sti foràti

zèrca el sentèr pu còmot

per nàr dove te voi nàr

Te vegnirà ‘n mènt

da chì a qualche àm

quel che ghera drio

‘ste pareàne

robe vecie, se sà

zent zamai al zimitèri

la to prima comuniòm

el prim bàso

le prime spiazorlade

quando te sei deventà

anca ti papà

e po’ magari anca nono

el temp che vola

come ‘na poiana embriaga

che no la sa pù

dove nar a becàr

tra tanta sporcaria

che ariva ala chipa

Te varderai ‘envanti

te dirai: “som ‘rivà”

E propri en quel moment

scusa se tel digo

te farai anca ti la fìm

de quando i taia el formènt

Magnerà qualchedum

da quel che te sei stà

Sì, zerto, i te ricorderà

en fior, en lumìm

forsi el dò novembèr

l’aniversari sul giornal

Tei varderai zò

dove te sei po’ finì

te scorlerai la testa:

“Ah, se l’avess savù…”

SCAPE’ SCAPE’

L’ariva, l’ariva

el vent l’è quel
L’ariva l’ariva
se ‘l sente
ne l’aria
Così no la por
nar envanti
Se ‘l capis
tel snasi
sto boi boi
che vei su
da le piaze
dai bolognini
Tel capisi
anca da come
se comporta la zent
I è tuti nervosi
se ghè la coa
i sona
No i te lassa
passar
GHè qualcos
che no va
dai, dai
Dopo sti calori
vegnirà
na tompesta
E dopo sarà
pu calt de ades
Cosa pensevit
che vei fora
na revoluziom
in Italia?
Ma valà…

La formìga e la cigàla

 

L’è da quando èren bocièti

che i ne smèna ‘sta storièla

la formìga che tèì a màn

la cigàla che canta e basta

Prima o dopo ale scole basse

se finìva a l’oratori

Gh’era quei de la Rurale

ch’ensegnèva a sparmiàr

Toh, bel popo, ‘sta musìna

e fa come la formìga

ogni dì ‘n bel soldìn

te verai po’ che sorpresa

quando te sarai pu grant

No sta far come la cigàla

embriaga, co le man sbuse

Meti via, meti via

l’è dale mìgole, te verai

che te trovi dopo ‘l pam

Passa i ani, cambia ‘l mondo

L’alter di en mèz al prà

ma ti vara cossa ghè

‘na formìga desperàda

che se buta schena ‘ndrè

“Ah – la dis – caro sior

so che no ‘l me crederà,

l’è na vita che ho passà

a meter via, enmuciàr

Propri quando mi penseva

de star ben ‘n pensiòn

cossa falo i nostri capi

quei su del formigòn?

Via questo, via quest’alter

per le tasse da pagàr

e guai se te pensi

magari de fermarte

No, se seita a laorar”

-Oscia, ghe digo, me dispiàs

ma alora la cigàla

sala dirme che fin l’ha fat?

“Tasi, tasi che m’encazzo

sol se te me la ricordi,

quela sporca e putàna

la sta bem, e pu de mì

E’ vegnù anca da ela

quel che bina su i soldi

– No gò gnènt – la gh’a dìt

ho zamai fat fora tut

Po’ te sai no, come la canta

la se sfrega i so ossèti

bem, adès la sona anca

e la sbate le alète

A quel sior che la vardeva

la gh’a dit, stà spiona:

“Va, va dala formìga

che l’è da ani e ani

che la i scantòna”

 

EL KALT TODESCH

Da ‘n po’ de temp

và tut ala reversa

‘n fato de stagìòn

Le mèze no le ghera

zamai da ‘n pèz

adès, ma vara tì

fa su spatociàe

anca quele entreghe

D’istà seita a piover

e a cascàr tompèsta

tutti mizzi patòchi

e portai via dal vent

po’ magari de colp

la sarìa suta senza nef

e te disi bon nadàl

tirando via il maiòn

dal massa calt

Fiori che vei fòra

massa bonora

quando che el sòl

el va via ancora prest

E dopo acqua, tochi de giaz

che smarzìs pomi e ua

e petà zò tut el rest

Va tut propri ala reversa

i dis anca ala television

ma de chiela la colpa

de tut ‘sto rebalton?

Dele bombolete spray

quele che i dropa adès

anca i arbitri del balòn?

O vot che vegna tut

da fumi, razzi e polveroni?

Entant caro mio

se te vai en pizeria

no ‘sta domandar

na quatro stagion

anca lì zamai i s’encasina

no i sa pu a chi darghe reson

Propri come quando

i foresti todeschi

i dis che l’è massa kalt

e ‘nveze l’è fret

VEI QUEL DI’

 L’arìva, l’arìva,

prima o dopo ‘l riva

quel moment ‘sassìn

Che te fai ‘na sbaracàda

e ‘l dì dopo

(ecome) te la paghi cara

No come ‘na volta

che no gh’era diferenza

tra ‘l dì e la nòt

L’arìva, l’arìva

quel mal de schena slùdro

che te piega en doi

e fa su ‘na fassìna

de tut el rest

L’arìva, l’arìva

quela matina empastada

sol da ‘n bicìer ‘n pù

quel dopodisnàr

che vòl la cuertèla

e chielo po’

che se alza pu sù

L’arìva, l’arìva

e no ‘l t’avìsa prima

quel can da l’ua

che te ferma le gambe

quando la testa

la vorìa enveze còrer

Ah, sì, l’arìva, l’arìva

quel sentirse strachi

anca senza aver laorà

L’arìva, l’arìva

quel dì che te dìsi:

“Oscia, son deventà vecio

ma de là no voi nar”

 

LA STRAA DE VEL

Da Bolignàm fin su ‘n Vèl

su ‘na straa fata zamai

dai todeschi, ‘n guèra

tuta scondùa tra i pèzi

per no farse sbarar adòs

El polveròm de la corièra

che porta zo i putelòti

dela Colonia

Sonàe su le curve strete

tra sdìnze de gerìm

e fum nero de gasolio

ancòi ghè fèra granda

per la festa de Sant’Ana

La machina, la giardiniera

la gà sè de acqua

nel radiatòr

Come semper se se ferma

al capitèl de Salve Regina

entant che ne passa via

el galèto de ‘n cazadòr

Pu su eco i Rochi

dove coi ramèti de làresi

le done le fà i zestèì

e i poi tante corone

per zugar a l’imperadòr

Vara, ghè ‘l Mansueto

che restèla su ‘l fem

Eco, la Capana

la Capana de l’Alpim

par de sentir ancora

l’uciarmonica del Baroni

col cagnot che sul scagnèl

oh, no ‘l perde ‘na nota

e così el se fa bel…

Dopo Schivazapa

se ‘riva a Malga Zanga

e pu soto dai Finoti

En mèz al bosch Castìl

e de là se va ai Piani

Ronzo, Bordala

pu ‘n vanti ghè anca

el laghèt de Zèi

Là su ‘n zima

varda, varda el Stif

la malga, el rifugio

e ma da chi no te la vedi

ghè anca quela cròs

che benedìs tuti

dala Busa a Toblìn

e da l’altra Roveredo

Mòmolo na caramèla

che col calt

s’è tacada ala carta

Come mi son ancor tacà

adès

a quell’esser porèti

de ‘na volta

ma col cor pu sior

e content

de quei che ste robe

mai i l’ha viste

e mai i le vedrà

QUEL CHE SA TUT

“Ah no l’è cosìta che se fa,
stè fasendo ‘na castronada
scoltème mi, oscia
che su ‘ste robe, per dir
sòn da ani na canonada”
El mete semper ‘l bech
su quel se briga e parla
l’è alt, el predica sèch
e pront pò a sgnacàrla
Par squasi che ‘l te diga
sena mover la boca:
“Vardè che mi ho studià
e voi se restai endrio
mi zamai son rivà
me fè propri schifio”
Po’ ‘n dì, sto sgionfaboze
‘l finìs nela pacièca
“Dai oscia, tirème fora
che me sporco tut
anca la camisa neta”
Quei altri alora ‘sa fai?
Man en cròs e i lo varda
“Dai, ‘sa fè lì entrèghi
deme demò na man”
Nessuni che se move
tuti li che i varda
En banda un che slàgrima
ciapà dala ridaròla
“Tei, dine, ‘sa faressìt ti
ades al nos pòsto?”

EL NOME GIUST

 Te la senti rumegàr

par squasi na padèla

zamài broènta

l’acqua che bòie

vapòr dapertùt

De sòto, el fòch

tegnù stizà

da quel che tènde

che no ‘l se smòrza

Perchè, se sa

tut finirìa alòra

nò sol ‘l càlt

Ah, quanti ghe n’è

che briga ‘ntòrno

quel che sòfia

contro ‘l fùm

quel che slonga tut

co l’acqua freda

un che zerca

altre stèle da brusàr

n’alter che ‘nvenze

se scalda le mam

Coi vedri empanài

no se vede gnent

nè da de denter

nè dal de fora

E se seita coì

dì dopo dì

a ciamar ‘sto casìm

en tute le maniere

fede, speranza

star bem per semper

quel che dovria

vegnir

o quel che ghera

e no vei pu

L’è tut en laoràr

tòrsela e dàrsela

chisà se ala fim

se savrà

el so nome giust

EL BEGAROL

No stà vardarlo massa

ma gnanca far finta

de no averlo vist

Guai se te t’empègoli

a domandarghe

se ghè qualcòs

che magari no va

No l’aspeta alter

per tacàr briga

Na monada, ‘n pèt

qualcos che va per tera

dove no ‘l dovria

Vànzit qualcos?

Alor te la gai con mi…

L’è come que l’agnèl

che ‘n de na storia vecia

el bevèva acqua

en fònt a ‘n russèl

De sora ghera ‘l lupo

famà e demò zidiòs

“Tei, ti – el g’ha dit –

vara che st’acqua

l’è mia, te me la robi…”

-Ma no – risponde l’agnèl –

la vei da sora ‘n zò

“Sì, tutmal – dis el lupo –

te me la sporchi

co la to lengua marza

va da n’altra banda

se no te magno”

Alòr l’agnèl

per no averghe gazèri

l’ha ciapà su

le so strazze

e l’è nà nel bosch

“Scolta – el dis el lupo –

‘n do credit de nar

adès che zamai

te m’hai fat el dàn?”

 

 

MIGOLE DE PAM

Saria bel essere come Policino Nar drio a migole de pam somenade drio mam entant che se va ‘nvanti ne la vida Perchè dopo te podressi tornar da dove te eri partì senza sbagliar mai straa senza rifar magari tante monae Chiel che pol dir el contrario? Te podressi anca rinar d’acordo con zent che t’hai tratà mal O mandar a quel paes zent che t’ha tot en giro senza che tel savesse Te podressi far n’altro mestèr abitar da n’altra banda lassar perder zerte miserie e po’ riscominziar a viver meio de quando t’avevi scominzià a somenar migole de pam drio le to gambe

VIA CRUCIS

L’è gnent, se te ghe pensi

le nosse miserie

a confront de quele

che l’ha dovù patìr

senza averghe colpe

el fiòl del Sioredio

Portarse sula schena

quei tochi de legn

dove i l’avrià crocifìs

E su quel sentèr ert

che portèva ala mort

soldài che ziga

bestemia e dà pache

senza vardàr dove

Zènt che spua adòs

a ‘sto por om

zamai tut ensanguinà

Pore done che pianze

altri che se sconde:

“Mi no l’ho mai conossù,

el diseva d’esser

quel che salvèva el mondo,

varèl lì, no ‘l sa gnanca

salvarse da per lu”

Su e su, adès se prega

a ogni capitèl

de quela longa agonia

Tra i olivi de Laghel

entant che piovesina

E ‘ste gozze picoe de acqua

te vorressi le lavès

anca tuti i to pecai

anca quei che

no t’hai mai confessà

Che bel saria arivar

mìz che depù no se pòl

fim ala zima

fin sù dove ghè la cros

E lassàr lì, ensema ai vestiti

tut quel depù

che ne fa sol màl

tuti quei pensèri

che no ne fà bem

E dirghe scusa, scuseme Cristo

tègneme lì vizim a ti

anca mi voi risòrger

e sgolàr alt

là dove se trova

to pare, la paze,

e risposte giuste

a quel che ades no so

EL RUFIAN

Te t’el trovi sempre tra i pèi come el gierìn nei zimitèri o le sgiève de ‘n rosèr “Te serve qualcòs? Ghe penso mì, subit…” Quando te fai ‘n pèt el fa subit aria ‘n torno E se se sente ancor spùza el dìs: “Son stà mi, scusème, massa fasoi” El par en cagnòt senza ligàm ma sol per ti ‘l move la coa Semper en dinòcio o col mantìn del camerier Ti te sei el so sòl lù la to ombrìa ‘l te dà la so ombrèla se vei da piovèr e ‘l so giacòm se l’è massa frèt ‘tento però, che no la dura tuta sta strana adoraziòm Meti che ‘n dì la se cambia e no te sei pu ti el sò superior… Ah da alora, caro mio tel vedrai cambiar straa No ‘l te cagherà pu come l’ha fat per ani Gh’en sarà dei altri da netarghe i pastrani E se magari te verà voia de domandarghe perchè Voltando la facia el te dirà: “Eh se sa che mort ‘n re…”

QUELE IDEE SFANTAE

Gh’avevèm ‘l sol nei òci

tuti co le man soto i cavèi

parèven tanti soldài

che saluda ‘l generàl

tuti convinti, neh

che quel se dovèva far

Per cambiar el mondo

per po’ star bèn, ‘n pàze

Se gavèva dei nemìzi

che però se rispetèva

ma de pù l’èra i amizi

no, no se se copèva

Se scoltèva i Bìtols

e i Roling stons

Ghera la guera

en vietnàm

I comunisti i magnèva

i putelòti

e i democristiàni

tut el rest

No ghera i telefonini

e gnanca i compiuter

Manovèla e alcol

per i ciclostilati

Fevèn i festini

coi lenti e slimonade

no bastèva mai soldi

per la miscèla

del motorìn

Adès sem vèci, strachi

n’avèm vist massa

Vardèm ‘sti boci

e scorlèm la testa

n’ dò avente sbaglià

per lassàrghe

qualcos de pèzo

de quei ani balordi…

 

LA GABIA

‘n bòcia che spianzòta

co ‘l mocìm soto ‘l nàs

‘n rabià per gnènt

come t’eri anca ti

dài, da picenìn

‘n cagnòt che zùga

e te fà anca le feste

senza che te l’abi

zamài mai vist prima

Dò putèi che se bàsa

drìo quel cantòm

ti che te te vòlti

ma sì, i gà resòm

‘n vecio che zavària

col ‘sò bicieròt

“Dài Nesto, vei denter

che fem altri do ràgi”

Tanta zent forèsta

en ‘sto vecio paès

No ghè gnent de nof

però nel còr de tuti

Amori, delusiòm

soldi che và e che vei

vide de sficòn

e altre pù ‘n còsta

Sì, te veì dele volte

anca ‘n magòn

a pensàr che tut passa

che tut, prima o dopo,

el ‘va a vòlt

Ma ‘ntànt sem chì,

diaolporco

chì come sen semper

stài

chi che zerhèn

cossa po’

come se no ghe fus

pu temp zamài

Chi come quei oselèti

che te gh’averzi

la so gabiòta

“Dài, sgòla adèsss

va ‘n dove te voi”

E quei ite vàrda

i dis qualcòs col bèch:

“Ma valà che stàgo chi

che demò som ‘bituà

magnàr, bever

e po’ anca zifolàr,

‘ndove vaga dime adès

che sòm vecio

EL ZEL ZIDIOS

T’el capìssi subit

quando ‘l gà

le bale giràe

Perchè ‘l tàca

a sbufàr

piàm piàm

po’ semper de pù

Che spùza ‘l so fià

dal cesso e dai tombìni

e che bruta cera

quela so facia

bianca come ‘na pèza

e de colp stròva

da Babao

Trema le foie

s’endinocia le piante

El gà pressa, se ‘l  vede

de sbrocàrse ‘sto zèl

El sbàra, el sbàra

ocio a no tocàr fèr

Dove ciàpo ciàpo

par che ‘l diga

col canòn ‘n màn

Quando te ‘l senti

l’è nàda la gàza

se no ‘l tà demò

zà brusà

Osèi semper pu bassi

scondui da la paura

cagni che sbaia

e zent che core

E lù, dal de sòra

semper pu zidiòs

Dopo, ale tante

stràch ma ‘n pàze

‘l farà vegnir subit

so cosìn, el sòl

“Suga per tera,

valà anca stavolta

sì son stà mì

a far ‘sto casìn

me son sfogà

ades stago meio

meto la testa

‘n po’ sul cossìn”

 

PENSANDOGHE SORA

Averzo ‘n libro

e zerco, diaolporco

quel che no so

Socrate, Aristotele

anca quel mez slàvo

e mez todèsch

che dai to sogni

el capìva tut

E po’ anca quei

che t’avèrze

la tèsta

che tasta, che prova

a dirte

come sarìa meio

che ti te fùssi

‘n sto mondo de mati

dove ‘l pu savi

i lo sèra via

La matèria,

quel che stà drio

el mistèro de l’amòr

Quel che nàsse

e che zà da alòra

el scominzia

demò a morìr

Quei che dìs

che tut è partì

da ‘n bòt grant

E de là, en sagristìa

quel che ‘n veze

me fa sol pregàr

Strènzo le culàte

da la paura

che ala fim

sia tut ‘na fregada

Me vardo ‘n torno

no capìsso

ma volerìa capir

el ‘na monada?

Quanti che è nai

da temp ‘nvanti

Amizi, pari, mame

cosìni, tuti cari

‘n do sarai, adès

che i ricordo?

Zerto, nel me cor

come fùs algièri

Ma ‘n do sarài, dal bom

adès?

Me fa um, en banda

malmèss

“Lassa perder studiai

e lezui

pensa a viver

fin che te pòi,

sì te savrai la verità

ma entànt scòlteme

torna a to cà,

vòleghe bem

a quei che te ne vòl

lassa pèrder

quei che tut tòl

varda che bel

‘sto cine dei oci

l’è tut agratis

fin che la dura

E no ‘sta tòrtela

per quel che i te dìs

lì ne troverem tuti

quando la finìs”

  

LA DONA

Per Dante ghe se vol ela

‘n mèz tra i òmeni

e ‘l Sioredio

per podèr anca sol

enmaginàr

quel che ghe sòra ‘sta tera

La Madòna se fa vedèr

per farne coragio

e anca miràcoi

se se ghe crede

L’è la dona che patìs

quando vegnìm

de colp al mondo

E anca dopo

se l’è per quel

Ma basta demò vardarla

per capir, se te voi

che tut quel de bel

come ‘n zèl zelèst

te ‘l trovi sol lì

Pecà che noi òmeni

sènte sì grezi e bacàni

o ciapài sol

da quela roba lì

Che no se capìssa

che ocasiòm gavèm

de ‘carezàr con ela

‘na pàze che no finìs

De vedèr sfantàrse

de colp, co ‘n bàso

tut quel che ‘n torno

pol fàr sofrìr

 

QUANDO SE NEVA DRIO A LE TODESCHE EN SPIAGIA A RIVA…

La me sciulding poppa doic gehente a trinker qualkos? Zò ‘n font a la spiaggen semper gerade aus sarannen dozento meter ist ain baret fresch come el calt todesch ma zimlic gut de sti monaten afos Mochtela na spuma o na birra al fax? Lì a ‘n tir von sciopp ist auch en danging vier salten mit musik La se divertieren de sekur Kommenela mit milch? e sat cossa l’ha ma dit che ela ist nicht eine vacca ‘Sa gavronte dit da farla encazzar cosita…

STRANGOLA’ DA NA CRAVATA

 L’ha semper laorà

for dal let

prima dele galine

L’ha strussià

tuti i dì

propri fin quando

l’era zamai strof

ferie mai

e la dominica

misteroti en casa

“Ma ela vita ‘sta chi?

– la ga dit la sposa

entant che

‘l partiva

sporch e brut

col trator

piem de grassa

Lu no l’ha dit

gnent

ma da alora

sat che remenar

de penseri

ne la so testa

Po’ en dì

su ala Rurale

l’ha ‘ncontrà

um de quei furbi

“Bepi, scolta

vendeme el terrem

dove te gai

i marini

te te sistemi

na volta per semper

ti, la sposa

e anca i fioi

Zamai tel sai

lì no se pol

meter matoni

Scolteme bem

n’affar te fai”

A que l’alter

dopo ‘sto parlar

ghe s’è ‘mpizà

subit i oci

Temp dese dì

i è nai dal notar

“El firma chi, chi

e zo ‘n font

eco l’assegni

e ‘ l staga bem”

Tre mesi dopo

i ha cambià

el piano

La campagna del Bepi

l’è ‘n condomini

Lu, col gross

toscano en boca

tel trovi semper

al bar dei siori

Giaca streta

empicà dala

cravata

l’è ormai en disco

che s’è ‘ncantà

“L’aves vendua

tre mesi pu tardi

no avria podu

pu far vendema”

I altri i lo varda

coi oci al zel

Po lù el ghe dis

al camerier:

“Segneme i bianchi,

dai, per piazer”

QUELE PAROLE RESTAE EN GOLA

T’avressi volu dirghel e t’eri za lì lì per darghe en baso T’avressi dovu dirghel prima de montar en machina e saludar da lontam co la facia da cretino L’era quela la dona giusta quela che te feva sentir le campane nela testa Ma ti te sei nà via quela sera dopo la sagra del paes Po’ ve s’è persi Ela l’ha sposà en rapresentante de sughi zà pronti Ti te te sei sposà zamai do volte T’avressi dovù dirghel quela sera che se sol la t’aves sfiorà co na mam te saressi mort da l’emoziom

LA NOT

Che bela la not senza casini Tuti che prima o dopo i va a paiom Che bela la not dove nessuni i vede le fize che te gai o le borse soto i oci Che bela la not se te gai na pila per saer dove te pestoli E fumar en zigaret veder i anei del fum che va su fantasmi che te saluda contro el lampiom Che bela la not Ah, se fussa così anca quando te mori

TE VOI

Voi tut de ti quel che se vede e anca quel che te gai scondu dentro Voi tut de ti Ma sol se anca ti te voi tut de mi No narem mai en pari Perchè ti te sei pu bela e bona Perchè ti te sei na dona e le done, se sa, le è mili volte meio dei omini Dame en baso e me parerà de nar en paradis come quei che na volta ne la so vita i vinze ala loteria Dame tut de ti te darò tut de mi Me basteria n’atimo nel zel dei to ozi po podria anca morir en paze

MIGOLE DE PAM

Saria bel essere come Policino Nar drio a migole de pam somenade drio mam entant che se va ‘nvanti ne la vida Perchè dopo te podressi tornar da dove te eri partì senza sbagliar mai straa senza rifar magari tante monae Chiel che pol dir el contrario? Te podressi anca rinar d’acordo con zent che t’hai tratà mal O mandar a quel paes zent che t’ha tot en giro senza che tel savesse Te podressi far n’altro mestèr abitar da n’altra banda lassar perder zerte miserie e po’ riscominziar a viver meio de quando t’avevi scominzià a somenar migole de pam drio le to gambe

AMOR AMAR

Che te resta

ne l’anima Che t’avressi volu fus diverso Che l’è nà via propri quando te ghe credevi Che ‘sè sfantà come na bola de saon Amor amàr pu de quel che te bevi per liberar el stomech dopo n’indigestiom Amar come el tossech Dopo, no resta che butar su

ODIO SBIANCHEZAR

Prima el scocc che no lè el vuischi dapertut Po’ la penelessa ancora dapertut Po’ netar ancora dapertut Odio sbianchezar perchè me domando el colosseo l’è restà semper de quela tinta? Vol dir che sbianchezar no l’era propri na roba da far ogni primavera…

 

QUEL DI’ CHE…

M’avevo fat la docia (no la fevo tuti i dì) e butà ados (anca tra le mudande) meza bocieta de profumo de me mama Spuzevo, come se dis da remegar Po’ via, a spacar la musina per tirar fora i soldi che mancheva e ala fim ero zamai pronto per nar al festim Madona se la me piaseva la Franca Anca se con ela no se feva alter che rider Ensoma, ghe digo dopo na bela mezora: “Dai che balem sto lento dei dik dik” Ela la se svizina co la vesta zà per aria la me varda nei oci la me snasa e la fa: “Ma che hat mes su la giacheta, el flit?”

LA PACIECA

No l’è altro che tera bagnada en fondo Però la dà l’idea del sporch E difati te te sporchi se te ghe finissi dentro Ma se suzede basta na docia na lavatrice per i vestiti e basta, tut se moca lì Ghè però n’altra pacieca disentel pur che ghe somiglia pu a la merda ma no la vei for dal cul dela zent e gnanca da quel de le bestie L’è na roba che spuza forse de pu anca se tanti i se la tei endos fasendo finta de gnent L’è come se fus normale ensoma nar en giro co sta fogna su la pel Anca se sora, magari ghè en paltò che costa n’ira de dio Ti te senti sta spuzza anca a zento metri Ma quei che se la porta drio no i fa mai na piega Pol capitar che i tira fora qualcos dal portafoi Me credet? Spuza anca i soldi che i tegniva en scarsela Fati de sicur senza sudar, senza laorar Forse sol co na telefonada Sat che te digo? Quando i narà soto tera spuzerà anca lori come i so soldi Forsi anca de pu

LE SGIEVE DEL COR

 No l’è quele, no

no, no l’è quele

che se le ghè

bisogna slargàr

tubi e tubèti

Dipende, se sa

da cosa t’entendi

per cor

Se per ti l’è sol

quela specie

de compressòr

che pompa sangue

no ghe sèm

quel se propri

no l’è mess màl

se pol giustarlo

No, mi  digo

le sgieve

del de denter

volèr bem

e no esser

ricambiai

trovarse de colp

da sol

anca ‘n mèz

ala zent

perder per semper

en fiòl, en pàre,

na màre, la sposa

tut quel che se gà

de pu bel

su ‘sta tera

Trovarse

da la matina a la sera

col cul per tera

senza gnanca

savèr perchè

Esser toti ‘n giro

da quei

che come ti

avria fat de tut

per n’idea bona

O da ‘n fradèl

che te coperia

per ciapàr

tuta n’eredità

E tacheghe ti

se te voi

tut ‘l rest

No te la fago longa

Eco, ‘ste sgieve

che sponze

e fa ‘nfeziòm

l’è dura, ma dura

da tirar via

E a volte, credeme

Sioredio, se te ghe sei

no basta gnanca

el Perdòm

QUEL TO RIDER SENZA PENSERI

Tel vedi dale fize vizim ai oci quel che t’hai passà en ‘sta vida Come se vede dai anei de n’alber taià quanti ani el gà L’era en rider diverso apunto, senza penseri en quela foto bianca e nera finia zamai en font a ‘n scatolom Cossa daresset per tornar a quela volta? Pecà, no se pol far pu gnent Quel rider de ani fa ades el deventa en ricordo Te se move l’è vera i muscoi de la facia Ma sol per dir senza parlar “Madona che bel che l’era”

DAME EN TOCH DEL TO PARADIS

Tome sta sgeva dal cor la sponze semper de pu e la fa mal soratut quando no te sento Dame en toch del to Paradis Me strenzerò no te roberò tant posto Ho capì da temp che ‘l dura massa el purgatori su sta tera No voi el meio senza strusiar Ma dame ti, che te sai tut su come la narà a finir ti, che dala crocifisiom te sei tornà vif sol en tochet del to Paradis El so, no te poi serar n’ocio sol per mi I è tanti chi de soto che voleria esser lì con ti Ma almen, senza tanti gazeri fame capir che el Paradis zamai no le piem per cazadori de casini e sbai de domande massa difizili ensoma, per quei che forsi pensa massa e po sta mal,  sì, propri come fago mi tuti i dì

EL SASS DEL CONTE

L’è en mez al bosch poc sora i castagnèri se te vai su da Vignole propri de zanca ghè el prà dei spinazèri vers Nach, enveze ghè el pilòm de la luce Noi, da bocièti nèvem su per fonghi granzòni e tochi le legn per saltàr co l’asta (come el Dionisi) le asesèle messe su tra le colone dele vigne Se ghe arivevà per sentèri alora nèti saltando come cavriòi E quando el vedèvem anca da lontam se tirèva el fià: zamài sem arivài al sass del conte E sto maròch el te vardèva parèva che el ridèss “Pòpi piam se nò ve fè del mal polsève n’atimìm come mi fago demò da na vita che se volè arivàr fim su ai Fiavèi la straa l’è longa da far coi vossi pei” Se se sentèva vizìm tuti entòrno a ‘sto sass se ciapèva el fià de pu se l’era istà Po via de nof sui senteri oscia, me par algièri No so se me sbaglio se me ricordo mal ma me par che ‘l sass del conte drio man el ne saludessa te digo che l’ho sentì pu volte, anca dir qualcos de strano entant che tuti ensema nevem vers el capano sì quel dei cazadòri scondù tra el foiàm en dì ho vardà fora e ‘l sass del conte l’alzeva anca na mam

L’ULTIM TIROM

L’è na roba da cine con quel che mess al mur davanti a zent coi fusili el refuda la benda ma ‘l domanda l’ultimo zigaret l’ultim tirom L’è semper na roba da cine quando uno el sta zamai per morir piem de sangue, le buele de fora e ‘l ghe domanda a quel che ghe tei la flebo l’ultim zigaret El fuma, el tossis de zerto no ghe fa bem ghebar en quele condiziom Po’ ghè quei che smete de fumar e fat l’ultim tirom i buta via el pachet de emmesse Mi som sidrà zamai da trent’ani Ho tacà via prest E no ho ancora smes Che ve diga, el so me fago del mal da sol che ve diga, el so se vive na volta sol Mi che me frega l’è quell’empizar el zigaret davanti a ‘n panorama tut ennebià Veder el fum che và su a zercoi e ‘n quel moment pensar senza far finta de pensar

SE EL FOCH L’E’ DENTER

No ghè gnent da far No l’è come el brusor de stomech che te basta na pastigliota Se te ciapa foch quel che te gai denter, propri denter no sol nel zervel no ghe madone che tegna Te sei fregà, caro mio Se l’è amor vero no te ferma nesuni Te vai en para te scali montagne te traversi el lac senza le pine te moli la sposa se te sei sposà Se l’è odio no te gai pu paze le mam sempre serae, a pugni i oci rossi la bava sula boca Se l’è voia de vendicarse la va ancor pezo Te pensi sol a quel Se l’è creder en qualcos de pu grant de ste miserie magari te risci de farte tanti nemizi su sta tera sperando che la vaga meio en quel mondo che dovria esserghe dopo

‘N DO VOT NAR EN FERIE?

Ah te poi smanetar fin che te voi al bancomat quei l’è i soldi che te gai en banca Me sa che st’am el mare  el varderem al compiuter Ma varda che noi, chi a Riva Arco, Torbole no sem miga come quei de Milam Ciapa su do straze braghe corte do zavate en sugaman Và zo ai Sabioni vers Malzesen vers Limom o anca su al pont romano de Zeniga sula Sarca No te pias l’acqua? Te sofri el calt? En do minuti te sei en Val de Leder al lach de Tem sul Stif, en Vel a Comam n’ora scarsa e te arivi anca a Madona de Campiglio E la sera te torni a casa nela to camera a zinque stelle ‘Sa vot de pu Dai che te vivi en ‘n den posto penseghe dove tanti i vei en ferie

 

PAROLE ENCROSAE

Ho vist en bis cioè, no na lanza, no na vipera ma ‘n spetacol quando quel sul palco el dis de sì e ‘lo fà n’altra volta Còpete se te voi le copète dai date da far se te pensi de vinzerle

O lecarghe ‘l gelato

Vei chi, valà valà, vei chi Sem tuti drio a nar ‘nvanti Me sa che te te te sei serà dentro E ti te sei serà fora E ti che te disemi de mi e mi che disevo de ti e lu che ‘l diseva de noi Disevem le stesse robe Ma ti de mi e lu de mi no erem però gualivi Ciapeme se te me ciapi Ciapa se te ciapi

Co la briscola e mola el rest

Anca le ciopete Set ti? Ah scusa, pensevo fuss altri Se te ghe sei ti vol dir che sem en doi Ma averzi l’armar e buta via l’armamentar Se ciava el dodese se no te vai a cazza

Metel al loto Mal de schena colpa dela bena laorar straca putana vaca

INFERNO

Nel mez del coridor del me sito me som trovà de colp al strof che no savevo pu demò dove l’era giust nar ‘n vanti E de colp, sora el bagno sto bel cartel: “Oh voi che nè dentro lassè ogni sperannza de trovarlo net come l’aveve lassà” Ho tirà l’acqua e sciao e col me amico vigili avem fat do passi… e lu che el me conteva de questo e de questaltro, tut robe de sti ani…pora zent finia en malora Tei, ghe fago: ma se sem chi vol dir che sem morti… E l’altro, ma no l’è per finta tuta na comedia… Ah, me som dit tra de mi ma alora ‘n do elo che ho fat i me bisogni?

DO PASSI ‘N CAMPAGNA

I è zà alti i bùti (no avrìa mai pensà che i avrìa ciapà) che vànza fora da quei do olivi poài zo de brùt st’inverno Par che i te salùda che i sia contenti de farse vedèr En banda el pèz zamài pu alt dela casa el varda zo, serio: “Da bravi pòpi che ghè temp per far i fiori” L’acqua del Salòm la zùga ‘n mèz ai balòti ogni tant la fiscia (ma l’è ‘n scherz) come per ciamàr quel che brèva col sguazaòrt Pu zò, dopo le stropère i primi pomàti verdi pù dele foie “Lassène star, sem malmauri gavrè temp per robàr” De nor al capitèl el vecio melogràn tut en gringola come ‘n zovenòt coi so papiòn rossi ‘n prà ‘pena taià chè cunèi e vache ghè da guernàr e osei che canta ‘n sti dì longhi e la chipa en font quertada, scondùa stofegada ne la sò spuza Pree rosse vegnùe a ‘so temp da Nach tra na cesura e l’altra tra ‘n cancelòt e do sparangole che no ha mai vist la vernìs Fighèri che te dà subit l’idea del dòlz e anca de quel che resta po’ tra i denti Ah per le nòs te devi spetàr st’autùm Varda che colòr varda lazò ‘l lach che bèl e ‘n torno a ‘sto crazidèl montagne a proteziòm Ghè anca i pèrseghi da la pasta zalda le brugne, le per e anca l’ua le è tute nel so coridòr Che paze, che beleza L’è come nar endrio de tanti e tanti ani far do passi ‘n campagna en ‘sto Paradìs vizim a cà

EL FOGOLAR

 

El zuga coi sciopi

el sbara sdinze

entant el more

piam piam

copà anca

dale ultime

brase cuerte

La so mort

la te scalda

la suga l’umit

Co la zendro

na volta

se laveva i vestiti

El fum che ve

fora

dal camim de sora

l’è come

na campana

che dis:

“Ghè zent viva

là denter,

magari anca

en parol

co la polenta”

Ades el fogolar

l’è la televisiom

Empizada

no la scalda

dele volte

la parla

e nessun l’ascolta

De sora

ghè l’antena

ma no vol dir

gnent

de quel che

suzede

en quela cà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.