POESIE EN TRENTIM

10374218_10203205131562084_87718188_n

QUANDO UN CHE TE CONOSEVI

NOL GHE’ PU’

 

En cont l’è saverlo

lontam

da l’altra part

del mondo

N’altro ancora

l’è capir

che qualcos

l’è cambià

en pezo

tra ti e lu

tra ti e ela

anca tra amizi

e alri amizi

La vida, se dis

la va ‘nvanti

lo stess

Se vede

che i starà meio

là dove i è

Ma quando te sai

(perchè te ‘l sai)

che quela persona

no te la vedrai

pu, ma propri pu

te vei da pensar

disentelo

che prima o dopo

la tocherà

anca a ti

I ghe ciama spirit

de conservaziom

robe de istinto

Che se no te sei

propri n’eroe

te pensi ala

to pel

prima che a quela

dei altri

Mors tua, vita mea

diseva i latini

E pu egoisti

de così…

GHè però n’altro

modo

de ragionar

su ste robe

ciapando

come se dis

el sac en zima

E l’è quel de

darghe en senso

a sta escursiom

corta, media,

longa, fazile,

o piena de sgrebeni

sui senteri

che porta tuti lì

dove no se sa

Un studià e lezù

quando ero bocia

el m’ha fat

l’esempi

de l’acqua

Toh, el me fa

piove, gozze

che casca dal zel

tante, diverse

tute su sta tera

Le finis nel rì,

po nela Sarca,

po nel Garda

po ancora nel

mar, ne l’ozean

el sol el scalda

l’acqua la fa condensa

e la torna su

nele nuvole

da dove la ricasca

nel rì, nel Sarca

e dove t’ho dit

Così sem anca noi

semper en zircol

L’unica roba diversa

l’è che pensem,

amem, odiem,

ne dem da far

en sto su e zo

Va bem, go dit

cossa vol dir?

Che dopo mort

devento tera,

conzime, acqua

magari sporca?

No, el m’ha rispondù

el professor

No se ghe scapa

Se la gozza d’acqua

vegnendo zo

dal zel

la penses a ste robe

magari la se

sdelferia prima

comunque no

la podria far demem

Ti va ‘nvanti

come le onde

del lac

piam, pu forte,

fermo, piat

tirandote drio

i sassoti che te trovi

o portandoi via

dala riva

va ‘nvanti e ‘ndrio

cone te nineva

la to mama

te sarai pu tranquilo

el dì che te sarai

en de n’altro

lac

magari pu grant

pu bel

E te verai,

te troverai tante

altre gozze come ti

che no te vedevi

da ‘n pez

 

DIME QUALCOS

 

Dai, che te costa

dime qualcos

de vero, de bel, che dura

per sempre

nel zervel

Dime per esempi

che sta vita

l’è sol na bruscheta

de quel che vegnerà dopo

Che poden tornela comoda,

e anca sbagliar

se capita

Dime che dopo tante

miserie

ariverà de sicur

l’arcobalem

con tuti i colori, neh

trane el grigio e ‘l nero

Dime che morir

l’è come dormir

Sol che no te senti

pu la sveglia

E te vai via, lizer

su prai verdi

come zerti pini

te par de saltar, quasi

anca se te sei vecio

No te g’hai pu

problemi ai polmoni

e gnanca al cor

Dime, te prego

che l’è così de là…

I FONGHI MATI

 

Perchè darghe

na peada?

No se pol magnarli

no i sà da gnent

Ma alora

lassei dove i è

en mez al bosch

Enveze fem

la stessa roba

(senza scorzerne?)

anca tra de noi

Con omini e done

che no ne serve

Che i è “mati”

se i vardem

da n’altra banda

(la nossa)

del cancel

O sol perchè

i gà qualcos

de strani

La pel scura

i oci pu larghi

omini che basa

altri omini

done che basa

altre done

O i è da ‘n zò

O i è da ‘n sù

Quando morim

sem tuti gualivi

Come farente

al de là

a star tuti ensema

se de qua

no ne podevem

gnanca veder?

EL DUBIOS

 

Vaga da sta banda

o da que l’altra?

Sposa ‘sta putela

o staga su la mia?

Meio n’auto nova

o usada ma bem?

Bevente qualcos

chi

o vardente

pu ‘n vanti?

Toga su l’ombrela

o meta su

l’empermeabile?

Nente a votar

o a magnar

na pizza?

Mi no fumo pu

e gnanca la

me sposa

Ma cossa ghe falo

alora

i zigareti

sul me comodim?

VIVO SE RESPIRO

 

El me diseva

qualche temp fa

un che ghe ‘nsegna

ai sub

a star soto acqua:

“Te poi no magnar,

e te vivi en pezot,

te poi anca no bever,

e te vai ‘nvanti

Ma se te manca

l’aria, vecio

te sei fregà

en pochi minuti”

El gà resom, se sa

se no te respiri

prima o dopo

te mori

E bem che la te vaga

te vei fora

problemi al zervel

Te resti ensemenito,

paralizà,

un che gà bisogn

de altri, de altro

per moverse,

far le robe

che la centralina

no la comanda pu

Eco, meteghe

al posto de l’aria

la libertà,

quela vera neh,

tagheghe anca

la posibilità

per un che lavora

de no eser

asfissià

da tasse, boi, imu, irpef

quel che volè

E tagheghe anca

quel che uno

magari l’ha mes via

strusiando

per fioi e neoi

en toch de casa,

do soldi en banca,

De colp i vei e i ghe dis:

“Scusa, sat, ma

en tot te devi darnel

a noi”

No l’è la patrimoniale,

l’è come quei film

veci

Quando nel medioevo

i siori i neva

ne le capane

e i ghe tireva via

al moliner

trequarti de la farina

Almem a mi

me par così

 

LA PADELA ROTA

 

No ghe par vera

de scoltàr

quel che i dis

drio la porta

El tei nota de tut

e po’ el gh’en zonta

anca de suo

El tei tut denter

fin che l’è ora

Po’, dai busi

piam pianèl

vei fora tut

Tei, sat che ‘l Bepi

el ghe parla

zamai ala Bice?

E no l’è en tut

che do stimàne

che la so sposa

i l’ha messa zo

Ma hat vist

che bel paltò

che la sfògia la Maria?

E sì che no la ghà

gnanca da magnar

E quel dotor nof

vegnù zo da Pèrzem

No l’ghà ancora en sito

dove dormiral?

Ma ti varda el Gino

co la machina granda

che ‘l vive da sol

quanti sentài sprecai

En dì, suzede

che ‘sta padela rota

la resta sul foch

pu del dovù

Aiuto, aiuto

ciamè i pompieri

E quel al centralim:

“MI ghe mando

i omeni, co le scale

e le pompe,

dopo però, siora

la me faga en piazer

prima de parlar

drio tuti i cantoni

la vegna chi da mi

no sem coioni,

la ghe diga grazie

al Carlo, al Gigi

e a l’Antoni

e la domanda a lori

tuti i so perdoni

Perchè se no la ‘l sa

l’è ani che demò

con quel che l’ha dit en giro

nessuni pu ghe stà

no sol a darghe na mam

ma gnanca na biro

 

EL STRAMISIOM

 

El ride semper

anca per se cont

El se frega le mam

(zamai l’è en tic)

come se ‘l spetes

qualcos de bel

“Ti dame i soldi

scolteme mi

e te verai

che bom frutar”

L’ è brao a tirar for

da grossi giomi

quel che ‘l zerca

o l’ha perdù

Se ‘l va per ufizi

o da zent che conta

el par semper sugà

ma no ‘l ghe ‘n zonta

Domandeghe pura

(ma l’è meio de no)

se ‘l ga paura

de far en bot

El te dirà

che tut l’è a posto

el giurerà

che lù l’è tosto

Sol quando te narai

con dubi a bater cassa

zamai    te capirai

che l’era en ganassa

Ades coreghe drio

se te par de brincarlo

daghe pur dela canaia

se te magna sto tarlo

Ma no sta dir en giro

no sta dirlo massa

che te gai dat oro

e ades te trovi grassa

Ricordete che i soldi

se no i è guadagnai

i fa prima o dopo

la fim del tananai

Sol i stramissioni

quei che ghe sa far

i gà goba e cul

per far el bom afar

I snasa, anca da lontam

quei che i so soldi

i mete sol en mam

ai soliti manigoldi

EL MALMOSTOS

No sta dirghe gnent

de quel che ‘l fa

de quel che ‘l dis

de quel che l’è

El farà semper

na bruta facia

el te varderà

de travèrs

Anca se te ghe disessi

che l’ha vint

en miliom de euri

el te risponderia

presapòch così:

“Me tot per el cul?”

L’è, el malmostòs

en mez encrocio

tra l’invidios

e quel che pensa

sol a la so cròs

No ghe narà

demò mai bem

quel che suzede

senza de lu

Co quei lavri

semper serai

che zamai i denti

no sà pu rider

Con quela so anda

da tananai

Co i oci mezi serai

per no veder

i mai sì, ma dei altri

El malmostòs

te rovina, se ‘l pol

anca na giornada

piena de sol

Lu l’alegria

no ‘l sà cossa che l’è

“Massa casini

dai tornè endrè”

Po’ quando el more

ghe semper qualcum

che ‘mpiza candele

ma l’è sol fum

“Dai che tut mal

no l’era catif

disente che forsi

no l’era gualif”

Gualif a cossa

a noi che ridem?

“No, volevo dir

che nol se feva

disente forsi

farse voler bem”

Varda, lassa

che el vaga

ades soto tera

Se l’era come te disi

no ‘l sarà pu en guera

Ma se te voi

che te la diga tuta

per mi anca en zel

nesuni lo aiuta

‘Sa vot, basta vardarlo

anca tra le nuvole

per capir che da quel cul

vei for sol bagole

Bagole dure, come le bache

che gnanca i muli

s’enzegna lecar

Perchè dal cor

e anca da l’anima

quel vei fora

a malmostar….

 

LE SPIZEGAE

 Le ghe vol

pu spes

de quel

che se pol creder

Come quando

en campagna

de colp

sule gambe nude

e anca sui pei

cuertai sol

dai sandai

te capissi

che t’hai tocà

le ortighe

Le ghe vol

le spizegae al cor

se no el deventa

come ‘n motorim

el pompa sangue

el fa sol

el so mister

Semper,

dì e not

e guai

se ‘l se rotes

o ‘l perdess colpi

Ghe vol le spizegae

al cor

en spavento

che te sveia fora

na ridua

che no finiss pu

i oci de na dona

dove te voressi

negarte

la voia de far

qualcos

per i altri

De nar for de casa

e scoltar

la zent

enveze che

la televisiom

Ghe vol le spizegae

al cor

se no pensem

sol

a netar bem

la nossa macchina

per po meterla

en garas

così no la se

sporca subit

LA RAMPEGADA

 

Te parti sul còmot

sentèri segnai da altri

cartèi rossi e bianchi

No te pòdi sbagliar

Pò mam mam

che i àrboi i deventa pìcoi

pròpri ala fim

de gran geròni

te vedi sol, arènt a ti

i mughi, prèe rote

e canaloni

Te toca dropar ciodi

martei, corde e laòri

per nar en su

(no stà vardar zo)

Prima le mam,

dopo slongàr i pèi

prima tastàr

dove zamai te sei

E su, poch ala volta

semper col cul

tacà a quela ròza

Te vei adòss en balòt?

Tut mal ghè el casco

La sgeva t’ha sponzù

dropa entant el talco

E su, ma che fadiga

la testa che te gira

ma ‘ste robe prima

nesuni che le diga

Te par che manca poch

e ‘nvenze no l’è vera

te se sèra i oci

zamai pieni de gièra

E su bisogna nar

che ‘ndrio l’è pu longa

eh sì l’è tut n’arfiàr

se no te perdi l’ànda

La zima en do saràla

che no la vedo pu?

Ghè nebia su de sora

el sol no el vegnù?

E quando, ale tante

te arivi fin lasù

quando zamai te sai

pu de um lezù

varda che destim

tuo come per i altri

sul col i t’ha metù

Adès si, tel sai

come se fa a rampegàr

te conòssi tuti i tochi

come per sbianchezàr

Pecà che da quela zima

te poi anca gosàr

da sera a la matina

nesuni te scolterà

DELE VOLTE

 

Te capita, de zerto

qualche volta,

de sbarar monae

E anca de dir

robe che no te pensi

Perché?

Ma sì, per star

su le tue magari

o per no averghe casini

Te disi, a que l’altro:

“Sì, sì, ebbenvallah

sì, del resto,

eh, ensoma…”

No te sei ti

en quei momenti

l’è come se

l’aeroplano

del parlar

el fus comandà

da ‘n robot

en pilota automatico

L’è come se ti ste stesse

pensando

a altro

E l’altro, quel te parla

ogni tant

magari

el te varda anca stort:

“Ma sto chi elo

deficiente?”

No, enveze

se trata sol

de trovar, tra de noi

modi de parlar

pù giusti

De no stofegarne

con tante menae

De nar subit

a quel che conta

Zerto che se tra de noi

no riusssim a parlarne

e a scoltar

sem propri en mez

ala pacieca

de ‘n mondo

sordo, flinco

e per questo

anca catif

 

L’ULTIMA CAREZA

Te fai piam, piam

squasi per la paura

che el se sveja

en ‘sta camera strana

piena de fiori

zamai fora stagiom

“Gavralo fret?”

te pensi da per ti

entant che te tiri

(ma l’è far per far)

su el baver de la giaca

No se sente gnent

gnanca el cias

dele machine da fora

Per tera ‘n par de guanti

de quei che se dropa

per netar

senza demò sporcarse

Par che tut sia ‘nciodà

tra sti muri da sbianchezar

Par che tut sia ‘n sogni

adès prest se se leverà

Toco el nàs de me papà

sì l’è fret

nesun che scalda chi?

Na mam sora i so cavei

na careza, n’altra

e n’altra ancora

dai perdoneme

nol farò mai pu

So che gò en gran debit

con tut quel

che t’hai fat per mi

Dame en segn, che te capissi

no stà narme via così

Vegno fora

da quel sito nero

ma me volto

per vardar meio

Sì, l’ha alzà n’atimim l’ocio

come per dirme

“te me fai propri pecà”

NA BOMBA SOTO EL CUL

Come te nassi,

tic, tic, tic

scata sto oroloi

L’è da alora

che te scominzi

na corsa

vers el zimiteri

Tic, tic, tic,

No te sai

quando sonerà

la sveglia,

meio, l’obìt

Ma sol che l’oroloi

l’è stà empizà

Tic, tic, tic

Ah, zerto, te poi

darghe anca

na martelada

a sto agegio

che fa tic, tic, tic

Ma lù el va ‘nvanti

lo stess

No ‘l gà bisogn

del fil de la luce

e gnanca de baterie

Fim che te ‘l senti

va bem tut

Ocio a quando

no te dovessi

sentirlo pu…

 

LA MOROSA DE TANTI ANI FA

 

Te la vedi passar

per straa

coi  so putei

madona che grandi

E te pensi:

“Podria esser me fioi”

No, en quel senso

en que l’altro, neh

Te la vedi passar

co la facia de alora

semper ciapada

dai so mistèri

Che le done, disentelo

le lavora e le pensa

de pu de noi

durante el dì

Te la vedi passar

ma te lassi perder

Quanti ani è nà

da quei basi

nel strof dele feste

E quanti scorloni al cor

quando

te la vedevi arrivar

En dì, forsi,

ne troverem tuti

ensema

da n’altra banda

Morose, spose, amiche

de na volta

Me sà che vegnirà fora

en bel casim

 

AL STROF

 

Temp fa i m’ha envidà

a quele zene

con quei che

no ghe vede

Tut al strof

De colpo te devi

emparar

anca a trovar

el pirom

el mantim

a no meter el cuciar

nel nas

a scoltar bem

quel che i te dis

Perchè no te vedi

pu n’ostrega

Strof, strof, nero

come se la to

televisiom

la se fussa

brusada

Bisogna provar

per capir

cosa suzede

Oh, no te ghe vedi pu

pu, pu

Ghera zent orba

da quando l’era nata

Ma anca anziani

che per zerte malatie

dala matina ala sera

i s’è trovai

en quele condiziom

O anca zoveni,

brusai nei oci

da na disgrazia

Som chi, davanti

al compiuter

e penso,

meti che no ghe veda pu

che deba usar

el braile

meti che no poda

pu vardar i me monti

el me lac

la me dona

i me libri

boci che ride

zent che te dà la mam

Quei che è deventà orbi

i gà en modo

de parlar

che te dà paze

Come na canzom

de Josè Feliciano

 

I OCI DE ME NONA

 

Se te me domandi

qualcos su la bontà

te rispondo subit

senza dubi:

i oci de me nona Maria

Na dona, come tante

de na volta

Nate soto i todeschi

passae tra do guere

portae en Boemia

su treni del bestiam

E po i fioi da tirar su

co la ‘renga

ciapada a sciafoni

da tochi de polenta

En marì sempre en giro

per laoro, per la cazza

E de colpo na padela

da meter su

che ghe n’era vinti

da darghe da zena

Mai en scato,

mai na lagrema

A mi, sentà su la fornela

(smorzada, se sa,

ma tepida da mezdì)

la me diseva, da putelot:

“Dai, conteme qualcos

de quel che suzede

zo per Riva…”

Podes tornar endrio

la porteria

nel pu bel albergo

de Roma

E sul balcom

ghe daria na corona

Sol per dirghe

“Ridi nona, ancoi

te sei ti la regina

de sto mondo revers”

 

MA ‘N DO NENTE?

Soto tera, se sa

o ‘n d’en vaset

de la zendro

dopo che i n’ha

brusai

Sì, ma e dopo?

Finiss tut lì?

Massì, i te ricorderà

per quel

che t’hai fat de bel

O te ghe starai

su le bale per semper

se t’hai fat del mal

Resterà la to voze,

ti che te te movi

en qualche cine

tirà zo a la sbrega balom

Foto nei casseti

sempre pu zalde

e empolverae

Ti dove sarat alora?

De soto, de sora

en banda

Magari te torni tra de noi

soto forma de ‘n gat

E te ciapi anche peade

O forse te deventi

na specie de gas

Che gira ne l’aria

Ma meti che te vaghi

e ‘n de n’altro mondo

Disit che en Paradis

se poda fumar?

E se t’encontri

quel del formai

che te l’ha promessa?

E se de là ghè la dona

che t’hai molà

malament

Ah, caro, dopo mort

me sa

che no l’è finia…

EL FUM DE LE CANDELE

 

Se dis così: l’è arivà

al fum de le candele

per dir de uno

che el se trova

en de na situaziom

dove tut è ormai finì

En sti dì la sposa

l’ha mes via

tute le robe de Nadal

da l’alber (de plastica)

a tut quel che feva

faziom, en casa

e anca su le porte

sul pontesel

e zo nel prà

L’ha desmentegà

na candela rossa

ormai quasi ala fim

L’ho portada de soto

l’ho empizada

e ‘ntant ho fat

anca na ghebada

Toh, me disevo

varda come el foc

el magna ancora

quela poca zera

E zò, zò…ades

me sà che se smorza

tut

No ghè ancora na fiamela

Che va e vei

Che no vol nar

La ghe la mete tuta

per restar empizada

Propri come noi

omini e done

e anca le bestie

Buto via la cicca

me vardo al spegio

quanta zera gavronte

ancora da brusar?

LA MALATIA

 

Come i ani che passa

bisogna tegnirsela

adòs

sperando de scargar

qualcos

de sto peso

co le medizine

o co n’operaziom

Quando l’è na roba

bruta, che dura

che no la va via

gnanca a peae

alora no ghè altro

da far

che soportar

e zercar de tirarse su

se se pol, neh

vardando sto mondo

per quel che l’è

na roba stupenda

come la fortuna

de viver ancora

E magari torse

anca en giro

‘Sta tos? Se no altro

la me fa compagnia

Ogni tant la me parla

‘Sta gamba zifolota?

Eh, ades la vive a sbafo

laora el dopi

que l’altra

‘Sto mal de schena?

Na scusa per

star sdravacai

sul divano

Capì come?

PAROLE EN BEGA

Cosa falo

l’architet

sul quert?

A quel no dovria

pensarghe

el carpenter?

E perchè no ghe

ciamente

fa-querti alora

a sto por om

che mete tegole

e fa-progeti

e tira righe

a l’archi-tet?

Vei su na sera

me dis n’amico

che te fago

veder

le me diapositive

Oscia, ho pensà

ghè n’ha mal

i esami a l’ospedal

se no le dia

la saria stae negative

Me dispias…l’è

en bom putel

nol merita brute malatie

Speta speta, el me fa

domam vago dal dotor

ma per i me misteri

Alora, penso tra de mi

no l’è ancora sicur

che ‘l sia da operar

Po vedo che el me fa

vedere

en plich de carte

quasi tute precise

Elamadona, ghe digo

quante empegnative

te serve?

Eh, ‘sa vot, el fa

per sti benedeti

rediti bisogna

torse drio na carga

de documenti

Se no te devi

nar ‘nvanti e ‘ndrio

dal dotor comercialista

No capisso pu gnent

vago al bar

Dame na scianta

de nosiola valà…

El barista el me varda

se vede che no l’è

dei nossi

el camina….

e dopo en pezot

l’ariva co na copa

de gelato

ala nociola….

 

QUEL BISS DEL POM

 

Tut è scominzià

da quel maledèto pom

nel Paradis en tera

“El n’ha dit che

no se pol tòrlo zo”

– Sì ma en cambio

te verai ‘sa te dàgo

Po’ s’è capì

ma zamài l’era tardi

che a tentar l’Adamo

no l’era stàla  Eva

ma ‘n biss enrizolà

en mèz a quei pomèri

Da alora bisogna

far qualcòs, laoràr

per portàr a cà

ciopète e companadèch

Da alora per le done

no l’è propri na nòzza

mèter al mondo fioi

Da alora el Paradis

l’è volà en zel

Tel vedrai, i dis

ma sol se t’hai

fat polìto

e demò dopo mort

Da alora ai òmeni

ghè resta el pom

(e tel vedi neh)

propri en mez

ala gola

No ‘l va nè su nè zo

E le done, na volta al mes

le vede ross, propri lì

fim che le deventa vecie

Ma digo, diaolporco

no sarìa bastà

per schivar casini,

e tute le puniziòm

lassar stàr

en tuta la creaziom

robe come quel biss

e le so tentaziom?

Se ciapèva, come se dìs

el sach en zìma

E per noi tuti

ah sì, sarìa stà

e saria adès de pù

na bela liberaziòm

  

 

LA CARNE SALADA

 L’è questi i dì giusti

per meterla via

Bisoin preparar prima

quel che ghe vol

L’allòr, pèver,

sal gròs quant che serve

Zò tut ne le so

anfore de tera cota

coi so bei pesi

al de sòra

E darghe n’ociada

giusta

tuti i dì, tuti i dì

Che po’ quando

l’è zamai pronta

te la tai fina fina

se te la magni cruda

e sol en po’

pu grossa

se ‘l so destìm

l’è la padèla

Drio buteghe zo

en bicier

de quel bòm

(no la bira, barea)

e drio ancora

dopo el cafè

na bela sgnapa

(una sol neh)

che la nèta

bem el stomech

Se te vai su a Tem

(ma anca al Belveder

de Varignàm)

te trovi quela bona

Ma se te la meti

via tì

caro mio

ghè de pu

sodisfaziom

Perchè i lo sa tuti

che quando

te te rangi

po’ te ghe disi

ai altri

“Senti che bona

l’ho ‘pena tirada fora

savendo

che te vegnivi ti”

 

L’ARIA

Che la ghè anca

Nele piante

Te le tai e le ricresse

Come le coe

De le bisergole

Che la ghè anca

Nei sassi

Che de le volte

I rudola

Per trovar posti

Pu comodi

Che la ghè anca

Nele bestie

Che zerca le erbe

Giuste

Quando le stà mal

En mez al prà

Che la ghè anca

Dentro de noi

Fim a l’ultim

Co la boca che zerca

L’aria

Senza quela

Che gavem gratis

Sem zamai morti

E alora perché

Fim che ghe sem

Su sto mondo strano

Zerchem de tut

Trane propri quel

Che ne serve de pu?

Perché rovinem

Quasi ridendo

Proprio st’aria

Che ne fa viver?

Perché sol ai funerai

Ne par (ne par?)

De capir qualcos?

 

LA PAZE EN MONTAGNA

A me casa

da ‘n po de temp

per lezer en libro

devo serarme

nel cesso

Tirar zo le taparele

empizar el ventilator

e meterme sul water

senza far

quel che de solit

te fai

en quel posto lì

Fora, zo da la Maza

moto che sgasa

e passa come missili

Fora, nel giardim

boci che ziga

come se i gavessa

strucà le bale

(e tirà i cavei a le femine)

Fora, tratori, camiom

E quei che de dominica

i mete su

la carbonela

ale oto de matina

Dai, ghe fago a la sposa

Nem en montagna

Su, su, ancor pu su

Provem a Malga Zanga

Bel, veramente bel

Quasi miledozento metri

d’altezza

Subit soto el Castil

En tendom per far yoga

Sdrai, letini, fiori dapertut

Ohlà, me digo

e me sdravaco come en tamaz

scargo meza biblioteca

e do quintai de giornai

Empizo na cicca

e…m’ariva en zic

nele recie

Ma copei el rugant

propri ancoi?

No, do boci, de soto

che zuga al balom

Va bem, me sposto

verso el zireser

En quel mentre

na boceta

la se mete a cantar

co la paigola

for da la boca

Oh, nessuni dis gnente

I soi i la varda

e quasi i bate le mam

Bom, me digo

tornem a casa

Pecà per la polenta

co la luganega

ma torno a serarme

nel me cesso

Stavolta col clima

a maneta

e i pei nel secio

piem de acqua

Se cambia

Se va a Bedolpiam

sora Baselga de Pine

Bel posto, prai larghi

I fa anca l’asado

sule gradele

En bel ventesel

Quasi quasi

me fago en pisol

Oscia, cosselo

sto robo chi?

M’ha fat mal

el panet

co la bondola?

No, no l’è en sogno

Sul materassim

ghè en balom

e la gamba

de en boceta

vizim al me nas

Diaolporco

la vita l’è proprio

en cesso

se sol lì

te stai bem…

 

VOLERESSEM ESSER DIVERSI

Sì, voleressem esser

diversi

da come i ne vede

i ne sente, i ne snasa

Ah, no ocor cravate

e giache nove

Basteria nar for

de casa

co na facia diversa

Ridi, diaolporco

ridi a quei che

te vei ‘nconto

Massì, i te darà

de sicur del mat

en ‘sto mondo

de zent forsi

massa su le sue

Vot meter

vardar sta vita

senza ociai?

Ciaparla, tuta

come na pioza

che lava via tut

el sporch?

Daghe da ment

a um che l’è

su sta tera

prima de ti

Magnela sta vita

ogni dì

No sta vardar

l’oroloi

ma el sol, la luna

che i è

pù precisi

E cori, cori, cori

se ades el cor

el te dis

de nar propri là

EL PIANZIMERENDA

No ghe ne va bem

una, che la sia una

Almem così el dis

Soldi che ghe vegniria

e che no vei

Done che l’ha tot

sol en giro

Sul laoro lu

el saria el pu bravo

e svelto

Ma ‘l parom

no ‘l s’ mai acort

Quando te ‘l trovi

al bar

staghe ala larga

Perchè dopo

averte stracà

le scatole

te resterà

da pagar

capucino e brios

se no l’ha tot

de l’alter

 

 

QUELA VOIA DE PIANZER

 

Che te ariva

prima o dopo ados

E te pensi: sonte vecio?

Che me suzede?

Lagrime che

no te sai gnanca ti

da dove le vei

Ma no l’è colpa

del fret

Te pensi a ti

no al mondo

sol a ti

en quel moment

Te vardi endrio,

ancora pu endrio,

e po en banda,

anca da l’altra

po ‘n vanti

morironte anca mi?

E quando se more

cosa suzede?

Te sughi ste gozze

che vei zo dai oci

te fai finta de gnent

e te vai en giro

come se el mondo

fus quel de semper

Come se ti te fusse

quel de l’altro dì

 

EL PAIAZO

 

El le fà tute

per farte rider

I lo trata sempre mal

nei circhi

Tanto che a volte

i ghe disegna

na lagrima

sula facia

Ma l’è quando

el deventa serio

Che ghè d’averghe paura

Come en quei cine

con quei co le maschere

che no va d’acordo

con quel che i fa

Drio al paiazo

ghè sempre en sito picol

Dove el se truca

el se mete a um

Fim a desmentegarse

quel che l’è

davanti al spegio

Ma vot veder

i veri paiazi

senza pagar el bigliet?

‘mpiza la televisiom

e stà lì en par

de minuti

No, no l’è i comici

da vardar

Ma quei che li

presenta

quei che li paga

Quei che dis:

“Mi? L’avevo

sempre dit…”

FOR DA LA CIESA

 

Lè da ‘n pez

che no vago

en ciesa

L’è da temp

che son pecador

Ma tute quele parole

dite e ridite

tuti quei gesti

a ripetiziom…

Me par tante

poesie a memoria

che sì, te sai

ma come en coiom

Vegno da Messe

fate en latim

che ale scole basse

de zerto

no te sai

Vegno dal capelam

che volteva el cul

a quei che ghera

davanti a l’altar

Vegno da amem

e sioredio

che te lasseva

gualif a prima

da cera calda

su mam frede

a tegnir la cros

al funeral

Zinquanta lire

per matrimoni

qualcos de pu

se l’era grant

Ah che vita

da cieregoti

quando te tocheva

far senza gabam

Ades naria

ancora en ciesa

se sol podes

far la comuniom

Ma no te podi

dis la lege

te sei divorzià

e po risposà

Va bem lo stess

me digo semper

ma ala fim

de la me vita

disit che basta

l’oio sant?

TOH, EL SOL

 

L’è propri vera

te te scorzi

de le robe bele

sol quando

le te manca

per en pezot

Eco alora

che a metà matina

te te domandi:

“Ma cossa elo

sto strano lusor?”

Zà, perchè

tra pioza e nef

tra venti fredi

e tere embrumae

te poi anca

no esser pu abituà

a veder de nof

tuti i colori

Te vei da dir

slargando i brazi

come per ciaparla tuta:

“che bela giornada

finalment”

sol perchè

su nel zel

i ha empizà de nof

sta grossa lampada

Che fa luce sì,

ma anca calt

Basta veder

cosa ghe suzede

ai primi fiori

che se scorla

sui sirezeri

che se desgratia

e se suga i cavei

co sto fon

che no costa gnent

Pensa en po’,

ti che te sei studià

cossa farente

senza el sol?

Ma soratut,

‘n do sarente

se no ghe fuss

chi l’ha enventà?

EL BRUT DEL BEL

Se propri te voi

tirar for en pel

da l’of

ghè semper qualcos

che no va bem

anca se la va bem

L’è ‘l brut del bel

perchè quando

te pensi

de esser zamai a posto

oscia suzede

qualcos che po’

te và de colp de travers

Na paca co la machina

che te fa perder

temp e soldi

La coa al tabachim

che po’ no te trovi pu

la dona dela to vita

Basta poch, a sto mondo

per esser

for de squadra

magari propri quando

te pensi d’esser

arivà

Na manega d’envidiosi

o de zent

che porta sfiga

El temp, el cul, i siori

che zà per lori

i è na sfida

Te disi: Dai che tut mal

me par de star en pè

Ocio, drio l’angol

che semper

quel…. de drè

L’unica saria viver

come fus semper

l’ultim dì

Ma te vei quel dubi:

“Devo nar a far

i esami a l’ospedal

domam o venerdì?”

CHE NO ‘L SUZEDA PU

Scarponi co le broche

che par de le ruspe

i bate per tera

i vol schizàr tut

Su per le scale

senza dir gnent

facie che no gà oci

e boche che sbraita

“Schnell, schnell”

i sprèchena col sciòp

No i gà dat temp

gnanca de pissàr

Zo tuti nela còrt

su tuti su quel càr

Me papà

co la giaca sbregada

da quei

che lo ‘nmucièva

l’ha fat en segn

co la testa, per dir:

“Scòndete, valà”

Som restà per ore

tra ‘l cesso

e le robe sporche

Quando som vegnù for

no gosèva

pù nesùm

Ho spetà dì, stimane

mesi e ani

girando come ‘n càin

binando su da tera

vanzaròti, sbèteghe

e ricordi de quel dì

Me mama, me fradèi grandi

me papà e anca i noni

e chiel che l’ha visti pu

Tel digo, caro popo

bel come to mama

no per spaventarte

ma perchè

no ‘l suzeda pu

 VEGNIRA’ EL TO TEMP?

 

Massì bocia,

ghe l’avem fata tuti

anca quando, sul pu bel

bisogneva nar soto naja

Massì bocia,

te gai reson anca ti

a dir che te lassem

en mondo de merda

Ma no l’è che i me noni

dopo do guere

i se sia trovai meio

E anca mi, te dirò

me sento strach, stuf

no savria cosa dirte

se ‘n dì te vegnissi

a casa, catif

coi oci spiritai

e te me parlessi

de revoluziom

En sto moment strano

podo dirte semai

quel che me pareria giust

Se sa, se nasse empizando foghi

se more smorzandoi

Ma credo che no se poda

far a men

de rispetar la zent, tuta

No sta robar, no sta copar

no sta contar monae

Dì quel che te pensi

ma senza spacar su tut

Lezi, empara, zerca de esser

pu enteligente de quei

che te sta sule bale

Va dentro anca ti

a quele riuniom

dove ghè zent, che da ani

dis le stesse robe

senza combinar gnent

Bati i pugni sul tavol

E dighe: “Per piazer, valà

nè a casa ades,

lassene a noi zoveni

meterghe mam

a sti casini che n’avè

lassà”

Ma no sta far el prepotente

ghè anca omini, done

che ha fat del bem

nei ani passai

‘n do ei? Basta che te vardi

quei che ale asemblee

i scorla la testa

e i strenze i pugni

fin a farse mal…

EL DIAOL

 

Ma ‘l diaol

ghelo sul serio?

E se ‘l ghè

chielo che

l’ha fat?

Vegnelo anca lu

da Adamo e Eva

o el de n’altro

cepo?

Ma meti che

el ghe sia sul serio

e lassente star

da dove el vei

Meti che sia

el Lucifero

n’anzel che no

neva d’acordo

con quei del Paradis

Te par giusto

che i lo abia lassà

da sol

en tuti sti ani

senza darghe

na posibilità

de redenziom?

Zò, soto tera

en mez a foghi e fumi

zò, tra ‘sassini, ladri

zent coi oci cativi

Semper drio a fumar,

a bestemiar

a vard film porno

bever da la matina

a la sera

drogarse, averghe

tante done

(basta che le respira)

Semper stofegà

dai vizi

da quel che i cativi

i deve per forza

far

per esser cativi

come se deve

E no averghe mai paze

en sto inferno

che boi

E vardar, da soto ensù

quei che beve

tisane,

parla en ponta

e magari te dis:

“Por diaol, l’è stà

colpa dela sposa

che ghe feva i corni,

se no magari

ades el saria

chi con noi…”

 

LA FEVER

 

Entant, bisogna

entenderse

sui numeri

del termometro

Dal 37 al 37 e zinque

sè dis: “El gà na linea,

do linee, tre linee,

quatro linee, zinque linee

de fever”

Dopo, se se scominzia

a preocupar

e se parla de “quasi trentoto”

Oltre i 38 se tira fora

dal scatolom dele medizine

la tachipirina

e a quel punto la fever

se la controla ogni

do minuti

(“Ma se l’ho apena misurada?

Tei soto el braz che

vardem se la va zò″)

Se nè oltre i trentanove

el dotor el ciapa

de solit na telefonada

de sto tipo:

“Mah, che ghe diga,

secondo mi el straparla,

el momola coi denti,

e el me varda con oci

che no gò mai vist…

lè meio che el vegna

subit a scoltarlo su la schena…”

Sui quaranta e passa

ghè chi oltre al dotor

ciama anca el prete

(per l’oio sant)

e el notaio

(per na donaziom…

no se sa mai)

Eco, la fever la gà sti

momenti, mai gualivi

Perchè ognum po

la vive a seconda

dei so vizi e dele so virtù

Mi nei dì pasai, l’ameto

ho fat anca tante promese,

voti, giuramenti

“Se riesso a rimeterme

en pè…no fumo pu,

sol suchi de fruta,

basta rugantae a disnar

e a zena, ceri per tuti i santi,

en tute le ciese

Se po’ me passa el mal de testa

vago a pè fim a la Madona del Lares

e fago i ultimi scalini en dinociom”

Ancoi son tornà a laorar

Apena parchegià la machina

ho tirà fora i zigareti

“Masì, me son dit per

darme n’asoluziom del pit,

tanto se l’è destim…

entant però bevo jogurth

e ciucio caramele de pim

qualcos me son trat

‘nvanti”

Almen fin ala prosima fever

quando vedrò de nof

la madona…el so,

mel sento

la prosima volta

la me farà i oci cativi

E ‘nveze che a quela del Lares

dovrò nar a pè fin a Lourdes…

oscia…che me bruso i lavri

co sto zigaret ormai

arivà al filtro

Eco, l’è el prim segnal…

 

LAGRIME

Le vei zo

anca quando

ma vara ‘n po’

te sei su

Che te disi:

Basta, basta demò

che me pisso adòs

dal rider

Le done, subit dopo

le dropa el fazolèt

che se no

vei zo el truco

dai oci

I omeni i le sconde

e i ‘scominzia

a sangiotàr

po i se cuerta

co le man

che sta mal

se n’om el pianze

Ma varda i làresi

slagrima anca lori

sora i scòrzi

e fin zò ale raìs

Te pianzi anca

se ‘l fum

el te beca ‘n facia

o quando te dai

su la vernìs

se l’è massa fret

o se te sudi

per el gran calt

Te pianzi anca

se la t’ha molà

o quando n’amico

zamai l’è mort

L’è come se denter

te gavessi qualcos

che deve nar fora

perchè el te ciapa

squasi su l’oss

Te pianzi a volte

Senza saer perché

Sol a veder

N’om, na dona

En matelòt

Quei che no pianze

Così se dis

I gà el cor de prea

Ma no l’è vera

I gàveva le lagrime

Ma no i lo saveva

 

FURBI ET ORBI

 

Ma diaoldequelporco…

Sol ades vei fora

tuti sti orbi che che vedeva

tuti sti envalidi

che enveze i sta meio

de ti, de mi e dei altri?

Sol ades salta fora

ste regiom che robeva

per viazi, zene e altre robe?

Sol ades, qualchedum

el pensa a taiarse

el stipendi?

Ghè stà la prima Republica,

lassente star

Ghè stà la Seconda Republica

lassente star ancora

Quante Republiche

deve ancora passar

perchè en Italia

ghe sia veramente en stato

dove no sia la pora zent

a pagar tut

Entant che i altri

i canta e i bala

con quel che

no dovria vanzar?

Ma diaoldequelporco,

ghe vol tant a capir

che se uno el gà la Ferari

nel garage

dele case Itea

qualcos no torna nei conti?

Ghe vol tant a capir

che se tuti tirem la zintura

no pol esser che

qualchedum

el la tira via dale braghe

perchè la ghe tira massa…

EL TACAGN

 

Mai na volta

che l’offrissa en cafè

“Ostrega no som

nà al bancomat

stamatina:

paga ti, valà”

L’istess coi zigareti

“Dame na gheba

che dopo vago

al tabachim

e te la rendo”

Sì, el mes del miga,

l’am del mai

Quando ghera

le vecie gabine

del telefono

t’el vedevi nar denter

e schizar botoni

nel caso vegnis for

getoni desmentegai

Al supermercà

co le borse vecie

de plastica

semper le stesse

“No ghe dago monea

per quele de carta

che se sbrega subit”

El sparmieva anca

sul vestir

La festa el meteva

el completo da spos

che gaveva regalà

el vedovo

del piano de sora

Po’ via con quel

che ‘l troveva

ne l’armar

Soto le sole

dele scarpe

en par de ceroti

(anca quei usai)

per tegnir bota

ai busi

E zà prima de la crisi

nol neva en banca

Tut soto el materas

dove ghera ancora

tante lire

“Cambiele Bepi,

che prest no

le val pu gnent”

Ma lu:

“Te verai che prima

o dopo vei comode

anche queste”

El viveva come ‘n barbom

anca se, da sol

l’avria podù zamai

comprarse

do condomini

Prima de morir

el gà dit a so neò:

“Popo, per piazer

fa domanda

en Comun

per le spese

del funeral”

Par che ades

el sia en Purgatori

E che ‘l diga

semper le stesse parole:

“Feme far en colp

da le me bande,

che gavria en capital

da portar su,

ah, per piazer

presteme en getom”

 

ENNAMORARSE

 

No l’è vera

che te senti le campane

nè che de colpo

te te trovi

come dentro

en cine

Però de zerto

no te sei pu ti

Quela dona, quel’om

no ghè pu altro

che quei

Te scominzi

a perder pu temp

davanti al spegio

E quando sona

el telefono

(ades po’, che

te vedi chi te ciama)

te moli tut

Te naressi anca

nut, senza scarpe

en mez ala nef

se lì te ciama

sta voia de vederla,

de vederlo

Pur de abrazar

quela metà de ti

che te manca

E negarse

nei so oci

E dir: “Ades

podria anca

morir”

Perchè ennamorarse

l’è come farse

ciapar

dal sol che va zo

Na roba da maghi

foghi nel zel

Che te fa pensar

entant

a quando sto amor

no ‘l ghe sarà

pu

E po’ no molar

mai quela mam

Tegnirse streti

a costo de

cascar per tera

Basarse anca

davanti a ‘n prete

che leze el Vangelo

o a tanta zent

en piaza

L’è lo stess

Noi sem noi,

ensema

El mondo l’è ades

n’altra roba

Se se podes

ennamorarse

e restar ennamorai

per semper…

 

COSA PENSERAI I ANIMAI?

 

Ogni tant me vei

come en grop

quando carezzo

el me cagnot

Perchè el te varda

con do oci

che dis tut e gnent

Po’ el se buta

panza en sù

Come dir: grateme

anca chi

zà che te ghe sei

Te vedi, tel senti

che del selvadech

ghè resta ben poch

Snasar per tera,

zercar odori

de altri animai

Sbaiar quando

el pensa

che sia giust farlo

Po’ però el mola zò

tute le so difese

El se fida de ti

E miga sol perchè

el sa, credo

che da la to mam

vegnirà qualcos

da zacar

Quando ho portà

dal veterinari

el pechinese che

gavevo prima

per farghe l’ultima

puntura

som stà mal mesi

e ancora no

la m’è pasada

La me vardeva, la Natti

coi so oci grandi

Pareva che la saes

de nar encontro

a la mort

Epura la steva

sui me brazi

senza moverse

senza sbaiotar

Ah, saria bel

se ghe fus en posto

dopo morti

Dove ste creature

le podess fare ancora

do passi con noi

Se po’ le podes

anca parlar

Ghe ‘n saria tant

da dirse

tra na careza e l’altra

 

ME PIAS LA NEBIA

 

Nel bosch, quando

i rami i par disegni

su na lavagna

bianca

che se neta

per so cont

O en campagna

quando la bruma

l’è pu bela

de ‘n tapè persiam

 

Me pias la nebia

che ciapa tut

tra i so brazi

senza rovinar

gnent

squasi che la

volessa

carezzar i cavei

de le vigne

apena poae

e prai che zerca

el vert

de la primavera

 

Me pias quei vapori

che vei su

da la tera

Come se soto

qualchedum

avess mess na brenta

de acqua

sora fornele

che no se vede

o dase de pim

apena taiade

tacae a le brase

 

Me pias quei linzoi

che se move

per aria

per farte perder

el senter giust

E lì, smarì

come en putelot

dala maravea

gò anca rispet

a gosar: “aiuto”

 

Ah, le massa bel

lassarse nar

quando zel e tera

par che i se basa

da tant che i è

vizini

E sentirse ados

picole gozze

de na pioza

mai vegnua zò

Zercar de meterle

en scarsela

Come en ladro

de diamanti

 

 

MI PIACE LA NEBBIA

 

Nel bosco, quando

i rami sembrano disegni

su una lavagna bianca

che si pulisce

da sola

O in campagna

quando la rugiada

è più bella

di un tappeto persiano

Mi piace la nebbia

che prende tutto

tra le sue braccia

senza rovinare

nulla

quasi volesse

accarezzare i capelli

delle vigne

appena potate

e prati che cercano

il verde

della primavera

MI piacciono quei vapori

che vengono su

dalla terra

come se sotto

qualcuno

avesse messo

una grande pentola

piena di acqua

sopra stufe

che non si vedono

o rami di pino

appena tagliati

attaccati alle braci

Mi piacciono quelle lenzuola

che si muovono

per aria

per farti perdere

il sentiero giusto

E lì, smarrito

come un bambino

dalla meraviglia

ho anche vergogna

a chiedere aiuto

Ah, è troppo bello

lasciarsi andare

quando cielo e terra

sembra che si bacino

tanto sono vicini

E sentirsi addosso

piccole gocce

di una pioggia

mai scesa dall’alto

Cercar di metterle

nella tasca

Come un ladro

di diamanti

EL SCALIM

 

Come n’alber

lonc, dal gros al fim

rais de fer

do ponte che lo tei

piantà nela tera

e le recie

de legn

da na banda

e da l’altra

Te parti sicur

pien de forza

che tanto

se te caschi

no te te fai mal

E po su, su

te buti le olive

sul linzol de iuta

che tut tei

fruti, foie

e anche rami sechi

‘Tento a no nar

masa en banda

Lassa perder

le pole pu lontane

Tegni bem

le man sul scalim

e movi i pei

um ala volta

quando te voi

nar pu alt

L’è n’atimo cascar

e no veder pu

quel zel blu

con tante stelle

d’arzent

……………………..

E adès lezè

quel che ho scrit

pensando che

el scalim

sia la nossa vita

No par che tut

sia quasi gualif?

L’AMOR CHE VA E VEI

 

Quante volte, me som dit

ades basta, la mòco chi

Perchè l’è come quando

en quela màcia nel bosch

dove te tiri su da semper

de colp no te trovi

gnànca en fònch mat

L’istèss l’è el star bem

con noi e tut el rest

Te fai, te brighi

te par d’esser arivà

E ‘nveze te te trovi

vode tute e doe le mam

Vei alora de nof strof

sia de dènter che de fòra

te par quasi d’esser mort

Um che dorme anca en pè

Po’ te svèia, ‘na matina

na canzòm de ani endrè

Te dirai, robe da veci

te rispondo; propri no

Per sentirne propri vivi

basta poch, te digo, poch

N’arietìna che te fiscia

nele recie e nei cavei

quela pel, i dis, da galina

dala schèna fim zo ai pei

Mòla tut en quei momenti

làssa perder quest e quel

te verài che i tormenti

i se sèra col cancel

E alora co ‘sta voia nova en ti

te podrài rider zamai

via che vaga la facia da patì

che amor no basta mai

 

I OCI DE LE DONE

I te dis e no i dis gnent

se i i vol dir dal bom

de zerto no i lo dis

sol a ti

prima, zamai prima

i l’ha dit al so de denter

che ‘l gà mes su

el timbro:

“Via che ‘l vaga

quel soriset

no dirghe tut subit,

falo ‘strangossar”

I oci dele done

i te brusa, se i vol

pezo del foch

E a ti, por ‘namorà

che ‘n quei oci

te te perderessi

no te resta che ‘spetar

che quele stele

‘nluminae

le finissa de slusegar

Sol quando la luce

la se smorza

tra do nasi e do boche

pol vegnir for ‘n baso

che l’empizza tut el rest

 

LA VAL AL REVERS

 

L’è lì, semper lì

che va a ‘ngiiomarse

i bruti penseri

Na val al revers

semper a l’ombria

strae rovinae

buse dapertut

case che casca zò

lassae en miseria

zamai da ani

L’è lì, en quela

bruta val

en provincia

de Zervel

piena de bissi,

osei neri,

sorzi sdentai

che ghè la fabrica

de robe da paura

Bem che la vaga

se uno el finis lì

el ciapa en scorlom

che lo stormenis

Po’ el se sveia

e ‘l pu dele volte

el dis:

“Che brut soin

che ho fat stanot”

Ma no la finis

semper cosita

Ghè zent che ha copà

robà, fat mal

anca a puteloti

O quei che dal

spavento

e volendo vegnir

de volta

i è cascai zo

lassandoghe la pel

L’è bruta sta val

basta no ciaparla

De solit a metà

del tof

che do cartei

Da na banda se va lì

Da l’altra se fa

el bem ai altri

e anca a noi

 

 

LE SDINZE DE LA VIDA

 

No se pol stracarse

de sta vida

mai

Saria come

brusar na fraca

de soldi

perchè no se sa

come farli fora

Saria come

taiarsel via

per farghe en dispet

ala sposa

O magnar for tut

per paura dei ladri

No se pol stracarse

de sta vida

Anca quando

la par strova

te trovi semper

en scarsela

en cerim

per vardarla meio

Anca quando

te par che sia

meio

dargh en taio

a dolori e sgeve

che te gai denter

(e che no va via

co le mediziine)

basta che te movi

la testa e i oci

en su, vers el zel

Prova a domandarte

en quei momenti

se val propri la pena

smorzar de colp

su tut

come fussa

na trasmission

dela tele

che no te pias pu

Te digo sol na roba:

schizà quel botom

no te poi pu

empizar de nof

l’aparechio

E gnanca

cambiar canale

GROSTE DE POLENTA

 

Ah, la scominzieva

prima de mezdì

la festa

Perchè i tochi

de cunel

i era en padela

zà dopo colaziom

E drio mam

(no ghera quela

pronta, zac e tac

de ades)

se tacheva

sora la fornela

(Cornelio, va zò

a torme do stele)

el parol

de la polenta

De colp, en tuta

la cà

te sentivi

sti do profumi

Quel del cunel

che ‘l rosoleva

col so spich

la salvia

e ‘l zinever

Quel de la farina

zalda

da misciar

(svelto che se no

se fa i petoloti)

Te magnevi

col nas

prima che

cola boca

Finì la carne

via col pocio

e se vanzeva

polenta

ghera semper

el formai gratà

Sora, come

el zucher a velo

Ma la storia

no la finiva lì

El parol el finiva

sul pontesel

Se speteva

che se seches tut

E po via, de nare

la gara coi

cortei

a ciapar le groste

che le te feva

nar for da mat

come ades

le patatine

SCOLTA, LEZI, PENSA

Sparmia

no digo semper

ma ogni tant

su l’aria

che te buti fora

dala boca

Lassa perder

el “mi chi, mi là,

mi ho dit,

mi ho fat, mi…e mi”

Prova a scoltar

(con do recie,

el zervel

e anca el cor)

quel che dis

i altri

Lezi quel

che prima de ti

ha scrit zent

che l’avria podu

parlar per ore

senza stufar

E penseghe su

n’atimo

a cosa dir

su la tal roba

senza roter i fili

de quei

che ha parlà

scrit e pensà

prima de ti

Magari no te

farai semper

en figurom

Col temp però

credeme

te verai che

anca i altri

i te scolterà

e i penserà

a quel che

t’hai dit

 

 

SERE DE MAGIO A VIGNOLE

Le ciama, le ciama
le campane
dela ciesòta
L’è ora de funziòm
‘Na volta i era tanti
squasi ‘n processiòm
a nar vers la ciesòta
Bocièti, putèi, putèle
none coi neòi
no se metèva ‘n bìna
sol quei ciapài
dai sò mistèri
o co la zèna
ancor da mèter su
E su stò gròp
de zènt sligà
con fili dapertùt
Ciàciere de done
su quest e quèl
Ciàciere de omini
su quel e quest
Dispèti ale putèle
(dai ‘scondi quel
zigarèt…)
Ghera tante luciole
sì, propri quele vere
Parèva zamài de star
‘n mèz al zel stelà
‘sti lusòri picoi
che neva e che vegniva
Toh varda, l’ho ciapàda
…e dopo la moriva
Denòr a zerte case
le prime zirèse rosse
Vei zò che te te fai mal
Le ciama anca adès
le campane
de San Valentìm
Va sù pochi vecioti
e de lùciole
no ghe n’è pu…

LE ZONTE DEI SPEREI

 

No se buteva

via gnent

Pam vecio, tochi

vanzai de spek?

Canederli

Vestiti? Dal fiol grant

a quel de mez

e po’ al pu picol

E dopo ai cosini

ai neoi

Ghera i busi?

Su le tope

Stesa roba per

motorini, bici

zinquezento

co la dopieta

Coi libri de scola

pene, penarei

astuci, matite

(se no le era

rivae ale ongie)

El mercà del “riuso”

no i lo feva

na volta ogni tant

ma semper

tuti i dì

El me vecio

el steva ‘tento

co le zonte

dei sperei

Finiva nel foc

sol quele propri corte

Co le prime

confeziom

de plastica

sen nai ‘nvanti

per ani

Le deventeva bicieri,

seci, scatole

per guide e ciodi

Le botiglie no le era

mai assà

per travasar el vim

e po’ per l’oio

E coi tapi se zugheva

al giro d’italia

en mez ala sabia

Cossa voi dir?

Gnent, tacheghe voi

semai

el rest

FOR DAI TOVI

 

Se te ghe parlèvi

de politica

l’alzèva subit la mam

“Per piazèr,

no voi savèrghen,

tanto i fa sèmper

quel che i vol lòri”

Se ghera da nar

a begàr en Comun

no ghera na volta

che no l’fùs empegnà

“Lassème star chi,

for dai tòvi,

nè voi a discùter

che ghè bom tèmp”

Po’ en dì è arivà

doi coi pichèti

– Dovem tirarghe via

en toch de prà

per la rotonda”

Da quela volta lì

no ‘l perde na riuniom

del consili comunal

L’ha scrìt a tuti

quei che ‘l conòs

“Ma ve par giust

che i me faga strae

tra na vigna e l’altra?

Cos’onte mai fat

per farme robar?”

– Tei, Gino – g’ha dit

el so vizìm –

varda che l’è da ani

che noi disem no

a quel progeto

E ti ‘n do erit

propri en quei di lì

che sule carte

se vedeva el prospèto?

Adès el fa

el galopìm

coi manifesti

fim su ‘l copìm

L’è um che laora

tant per el partito

per quei che gà dit:

no te poi star zìto

L’è vegnù fora, e tant

dai sgrèbeni

anca se entant

sol per i so beni

E zà ghè quei

che lo tol en giro

El Gino? El fa così

fin che la rotonda

la farà larch el giro

 

 

L’AMOR CHE NO DURA PU

 

Ghè nòve lègi

su quei che i ciàma

femminicidi

e quel che ‘na volta

l’era roter le scatole

e ades se dis

stolching

ma l’è la stessa roba

E vàrda ti

pu se parla

de ‘ste tragedie

pu se ‘n sente

de nove

ala televisiom

Disèva i antichi

tra amor e odio

ghè en fil picolìm

dipende da dove

te voi tirarlo

Me disèva na nona

ala festa

dei zinquant’ani

de matrimoni

“Come ho fat

a ‘rivar fin chi?

L’è sèmplize:

ghè sol ‘na regola

da rispetar

Quando te vei voia

de risponder

malament

quando te ciaperèssi

su tute le to stràze

per nar via de cà

conta fin a dese

e po’ fa finta

de gnent

Perchè no sem

tuti precisi

E alora ogni tant

bisogna anca

soportàrse”

L’è che ste qua

no l’è pu virtù

Se vede semper

el bicier mez vot

Quel che te gai

no ‘l basta pu

Pissar for dal vaso

l’è la voia

che vei zamai

anca al pu lezù

El rest lo fa

sta vida en prèssa

Dove te credi

nel nof amor

come quando

te compri

al tabachìm

quei biglieti strani

da gratar e vinzer

meio subit che domam

Dove per enveciàr

co la to sposa

ghe vol pazienza,

atenziom che cambia

capir per temp

quel che no va

Perchè l’amor,

digo quel vero,

l’è come il vim,

dopo la prima bala

te convèin

tegnirlo da cont

L’ODOR DE LA MALGA

Che te par

la sia lì

a do passi

Ancor do passi

dai

‘sa vot che sia

Enveze a ,

a metà

senter

te scominzi

a veder i santi

la madona

e anca le pie done

Po’ te senti

ne le recie

la voze del dotor

“Fuma de mem,

fuma de mem,

anzi smeter

saria meio”

E su, e su

Fim che te senti

quel bom odor

tra cai e formai

che se fà

tra lat apena

monzù

e fum de pipa

(ma alora quela

la fa mem mal

dei zigareti…)

se miscia tut

a quel che mola

ne l’aria

i pini mughi

a quel che al nas

fa vegnir zo

i mocoi

(saral el fret?)

Te arivi en mez

ale bestie

che move la coa

Come ‘n dir:

“Anca ti ancoi

a roter

le bale?”

Po’ el malgher

el te varda

el te varda ancora

Se capis che te

ghe fai compassiom

“en goz de lat,

vei che tel dago:

scolta, gat magari

en zigaret?”

EL STRAMISIOM

 

El ride semper

anca per se cont

El se frega le mam

(zamai l’è en tic)

come se ‘l spetes

qualcos de bel

“Ti dame i soldi

scolteme mi

e te verai

che bom frutar”

L’ è brao a tirar for

da grossi giomi

quel che ‘l zerca

o l’ha perdù

Se ‘l va per ufizi

o da zent che conta

el par semper sugà

ma no ‘l ghe ‘n zonta

Domandeghe pura

(ma l’è meio de no)

se ‘l ga paura

de far en bot

El te dirà

che tut l’è a posto

el giurerà

che lù l’è tosto

Sol quando te narai

con dubi a bater cassa

zamai    te capirai

che l’era en ganassa

Ades coreghe drio

se te par de brincarlo

daghe pur dela canaia

se te magna sto tarlo

Ma no sta dir en giro

no sta dirlo massa

che te gai dat oro

e ades te trovi grassa

Ricordete che i soldi

se no i è guadagnai

i fa prima o dopo

la fim del tananai

Sol i stramissioni

quei che ghe sa far

i gà goba e cul

per far el bom afar

I snasa, anca da lontam

quei che i so soldi

i mete sol en mam

ai soliti manigoldi

EN VECIO MURET

L’è squasi scondù

da sgrebeni e muscio

de vede apena

quei veci sassi

che qualchedum

s’ha mess en schena

E su, sacramentando

fim quasi al bosch

E su, col fià gross

co ‘sti marchi adòs

Pree color sangue

bagnae dal sudòr

le vei zò da Nach

senza el tratòr

En toch e po’ la malta

da misciàr nel secio

Dai, porta acqua

che chì se seca tut

E su a portar sassi

che mai i è su alti

Me sa che vegnirà fora

do bine per i zaldi

Varda se lì ghe stà

do colone

per le vigne

E lassa lì el fighèr

‘l vei comot

per st’istà

Toh, varda, do todeschi

che fa adès le foto

proprio a quei mureti

e anca a quei de soto

COSSA TE LASSO …

Me sènto, caro fiol

come ‘n ladro

Sat quei che, de not

porta via tut?

Che le robe che val

no l’è quele de oro

ma vederte nar ‘nvanti

meio de mi

Par quasi che de colp

sia saltà tut per aria

Te vegni a cà

col to toch de laurea

te me vardi

no, no voi farte

la carità

Meti via, tasi,

divertete valà

Ma chi elo stà,

voria propri saverlo

a meterne

‘n sta bela condiziom

‘n do ei finidi i soldi

i progeti, le formaziom?

No l’è vera

che ‘sti pori putei

i zuga al compiuter

e i se fà mantegnir

I è bei, nèti,

nò come noi

semper drio ala Dc

o ‘nrabiai, da l’altra banda

Che tanto el posto

el partito te lo trova

Me vei da butar su

pensando

ai me tempi

Gavevo men soldi

me divertivo de pu

E a ‘sti zoveni

mezi spatuzai

‘sa ghe diga?

Sì, tegnì duro

ma se la ve gira mal

spacheghe el…

LA RIDAROLA

Che bel

quando la te ciapa

Fin a lagrimar

e squasi

te te pissi

ados

Che bel no riussir

pu

a fermarse

Sugarse i oci

voltarse

veder un o una

che praticamente

no fa gnent

e sol per quel

rimeterse a rider

Ala fim te te

senti

quasi sfinì

ma ‘n paze

col mondo

Come se i t’aves

cavà via

dal zervel

senza farte mal

tute quele robe

che no le fa

rider

gnanca

a forza de gatizole

 

RIDERE A CREPAPELLE

 

Che bello

quando ti prende

fino alle lacrime

e quasi

te la fai sotto

Che bellonon  riuscire

più

a fermarsi

Asciugarsi gli occhi

voltarsi

vedere uno o una

che in fondo non fa niente

e sol per quello

rimettersi a ridere

Alla fine

ti senti quasi

spossato

ma in pace

con il mondo

Come se ti avessero

levato

dal cervello

senza farti male

tutto quello

che non fa

ridere

nemmeno

con il solletico

EL BIGLIETIN

 

L’era el temp

dele prime cote

E se gaveva

paura

de quele robe lì

El cor el bateva

e anca el rest

Ma l’era dura

come dir

Narghe al vers

Meio scriver

en biglietin

stando, demò

sule sue

e farghelo aver

a la ricreaziom

Per dir, a la fim

che quela putela

co la treza longa

l’avressem vista

volentera

ala festa del paes

Po’ magari

no la vegniva

(così te pareva)

propri quando

ti te l’aspetevi

zamai dal dì prima

Per farte davanti

de colp

quando te stevi

per nar via scoà

da drio la fontana

pu bela del sol

de la luna,

de le stele

e co ‘n vestì

che no t’avevi

mai vist

Bevit na spuma?

Ma sì, dai

Balente ensema?

No, chi ghè massa casim

Alora se finiva

en pas ala volta

drio en portom

E lì te fevi

propri en figurom

quando sentendo

la so lengua ne la to boca

ti, propri ti

te ghe disevi;

“Ma el così

che se dà i basi

da grandi?”

Semper meio

de l’Ugo fiol

del becher

che per darse

na para da lezù

sul biglietin

dat ala Iole

l’aveva scrit:

“Sono ciapato così

tant da te

che voleria

meterme con ela”

 

IL BIGLIETTINO

 

Era il tempo

dei primi amori

E c’era anche

tanta paura

di quelle cose lì

Il cuore batteva

e anche il resto

Ma era dura

come dire?

L’approccio

Meglio scrivere

un bigliettino

con cautela

e farglielo avere

durante la ricreazione

Per dire, alla fine

che quella ragazzina

con la treccia lunga

l’avremmo vista

volentieri

alla festa del paese

Poi magari

lei non veniva

(così ti sembrava)

proprio quando

l’aspettavi

ormai dal giorno prima

Per apparirti davanti

all’improvviso

quando stavi

per andartene deluso

da dietro la fontana

più bella del sole,

della luna, delle stelle

e con un vestito

che non avevi

mai visto

Bevi un’aranciata?

Ma sì, dai

Balliamo insieme?

No qui c’è troppo rumore

Allora si finiva

un passo alla volta

dietro un portone

E tu facevi

proprio una brutta figura

quando sentendo

la sua lingua

nella tua bocca

le dicevi:

“Ma è così

che si danno

i baci da adulti?”

Sempre meglio

dell’Ugo, figlio

del macellaio

che per darsi

un contegno

sul bigliettino

alla Iole

aveva scritto:

“Sono così preso

da te che vorrei

mettermi con lei”

EL ME DIS

 

TE SEI COME

EN BIS

EL ME DIS

VARDANDOME FIS

COME FUSSA

EN CROZEFIS

EN STOCAFIS

TE SOFFI

TE TE REMENI

EL ME DIS

MA SAS

CHE RUDOLA

NO FA MUSCIO

CIUCIA EL CIUCIO

FIM CHE TE POI

TE ME PARI

EN PAMPALUGO

SAOR DE MUGO

NE LA BOCA

AMAR CHE LASSA

ANCORA AMAR

FIM CHE PASSA

QUEL CHE RUGA

MAI NEL MASSA

PU NEL MIGA

FERMETE ADES

CHE SE SMONTA

DA STA CORIERA

CHE NESUNI GUIDA

 

mi dice

 

Sei come

un serpente

mi dice

guardandomi fisso

come fossi

un crocefisso

uno stocafisso

Soffi

ti muovi nervoso

mi dice

Ma sasso

che rotola

non fa muschio

Succhia la tetta

fin che puoi

MI sembri proprio

uno sciocco

Sapore di pino mugo

nella bocca

amaro che lascia

ancora anare

finchè passa

quel che disturba

mai nel troppo

più nel niente

fermati adessi

che si scende

da questo tram

senza conducente

TORCIEI

Fil fat col diaolèt

(‘na volta co le sgorbie)

su legn dur

che dopo zigherà

come a dir:

“De pu no se pol”

I pu grossi

i schiza le graspe

per tirar for sgnapa

o vim per i siori

Ghè quei picoi

per tegnir a um

do compensai

‘n toch de formica

do asesèle

zamai scaiade

e taiae vardando

bem la squadra

‘n mez la cola

o màstez tacaiz

da tirar de chi e de là

co ‘n pètem de fer

Sul bancom, la so roa

la tei fermo tochi

fim che te gai

dopo, da gratar

Basta po’ en par de ciodi

e te vai a cargàr

Ma ti varda quei torcèi

che ne tei a um

noaltri

Quando t’hai demò capì

che te poi tirartei via

ah l’è tardi, i te dis

e po’ i te mete via

 

EL ZIO GIGIOTI

El vegniva su da Arco

co la bici e i so atrèzi

olivi da poàr

foie da rastrelàr

la gramigna da cavar

e po’ l’ort da vangàr

La telàra, semper quela

calzetòni coi so busi

grossi denti

squasi a sbàlz

el ridèva come ‘n cavàl

Ala sagra de Stranfòr

el portèva en spàla

el sant co na tonèga

scura e longa

El pareva squasi en frate

le sorèle meze suore

pu en ciesa

che a so casa

ma che bona la polenta

se ‘l manaròl

el lo menèva lu

L’era sì en gran bonera

mai ciapà da done

vim e fum

Ghe piasèva laoràr la tera

po’ en bici

el neva sì zò

Noi bocièti el vardèvem

come ‘l fussa

demò mez mat

E pensar che par algièri

che coi oci

el n’ha saludà

Disgrazai che no sem alter

a capir tardi ‘ste robe

L’era quei i omini veri

no quei che po’ i n’ha fregà

 

LA MESSA L’E’ FINIA

‘na volta, ala messa

l’era tut en latinorum

noi pori ceregòti

se doveva ‘star ‘tenti

el campanèl se ‘l sona

quando el dis così

pòrteghe ‘l mantìm

sol quando ‘l se vòlta

e tegni quel piatìm

soto la sacra ostia

Se nèva a memoria

come co le poesie

No te capivi …

ma sì che se pol dirlo

no te capìvi n’ost…

de quel che diseva el don

Po’ quando da grant

t’hai emparà el latìm

‘sa fala sul pu bèl

‘sta ciesa del pretìm?

Se parla ‘n taliam

se sona le chitare

tì col cerìm en mam

e drio anca to mare

I dis che l’era ora

che uno su l’altàr

no ‘l volta pu ‘l cul

a quei che vol pregàr

Po’ speta che te conto

quel che m’è suzès

Me sposo en ciesa

gò ‘n fiol

e tut che va de mal

No som el sol

i è tanti, digo

che ‘l ghè finì così

E alora riprovente

co n’altra vera al dè

Me togo su ‘n casa

anca n’altro fiol

Adès no som pu sol

gò anca ‘n neò

Ghe tegno ala famea

nesum da desmentegar

quel che gò l’è vos

ve manca da magnar?

Ma per la ciesa, oscia

som forsi en putanèr

la comuniom a ti?

Gnanca per piazer

Quando narò de sora

se ghe sarà en Dio

‘na roba ghe dirò:

e quei de maometo

che de done

che n’avù de pu’

‘n do ei, dime, ades

forsi dal Belzebù?

 

 

 

PRIMA COMUNIOM

L’è stà pezo che nar

a far le analisi

Guai se te magni

mem de tre ore prima

Putele de chi,

‘tente ale veste

Varda che te gai

la fasèta sporca

‘n do te set

sfregolà?

Tuti en bina

davanti a l’altàr

Stomech che brontola

stornìse, fam

“Porta pazienza

che dopo se magna

polenta e cunèl

e anca i gnochi”

No la finis pu

sta ‘particola

en boca

No se pol zacarla

la deve, la deve

desfarse per so cont

Po’ fora, la foto

sem tuti zamai santi

vara che festa

vara…i è tanti

“Popì, diseghelo

ai zenitori,

‘sti vestiti che gavè

dovè darli endrio

tegnimei bem

che se no…

ve vede Dio”

 

COSA GH’E’ DRIO?

Togo en mam en cuciàr

el vardo, el toco, el dropo

a tirar su la minestra

Entant penso a ‘sto arnès

a quel che per primo

el l’ha ‘nventà

zamai quando no ghera

ancora la minestra

O la ghera, ma i la tireva

su demò co le mam

‘mpizo en zigarèt

col solito acendìm

Varda che bela fiama

e pensar che ‘na volta

per far el foch

i doveva strussiàr

sfredando do legnòti

De sora, en zèl

passa n’aroplàm

Chi l’avria mai dit

che ‘n condomini

fat tut de fer

l’avria viazà per aria?

Tanti miracoi su ‘sta tera

e altri gh’en sarà de sicur

nei ani che vegnerà

Rove vegnue dal gnent?

No, dal zervèl dei omeni

E po’ da fadighe, prove

bestemie e dolori

Ghè stà anca quel

che po’ i ha ringrazià

mess en presom

per no esser sta capì

Me vardo al spegio

che brut che som

paro en scimpanzè

en cravata e gilè

Ma con quei oci

quele mam, quei peli

do gambe, la boca

recie e quel che ghè

soto i cavei

vivo bem, senza fam

fret, calt, sè

e basta en botom

per vederghe al strof

Ah dev’esser stà en testom

quel che a so temp

el n’ha enventai

Sol che come tuti

i agegi che i vende

anca noi, en dì

restem enciodai

E la garanzia?

ghe domando a ‘n prete

“Ah, quela caro”, el dis

vardando en su

“la dura per semper

come dis Lu,

sol che per cambiar

quel che no va pu

te devi prima roterte

ma roterte del tut”

EL CORIMAM

‘Tento ale sgieve

che no i l’ha gratà

e ancor vernisà

Ocio al mur

‘pena sbianchezà

Vara che ‘l scalìm

prima de la resèga

l’è mez ròt

vàrdete en ‘tera

Dai, compàgna

su el nòno

che gò l’auto

demò en mèz

Dighe che ‘l se tegna

e ti tei su ‘l rest

No ‘stà a far corse

zo per le scale

no l’è na giostra

e no te gai le ale

Resta semper tacà

a quel tochèt de legn

Varda ‘nvanti, ‘n drè

mai per aria

se te voi ‘rivar entrèch

Così l’è la vita

se te voi saverlo

se gà semper bisoin

de ‘n corimàm

Pol esser n’idea

voia de far

‘na sposa bela

che la te fà sognar

Pol esser neòi

che te tei su

o anca sol ricordi

de la zoventù

A nar su  fa piam

come el montagnèr

en pass ala volta

e tègnete lizèr

Po’ a vegnir zo

ogni sant aiuta

no ocor propri nesuni

che da drio i buta

En dì te troverai

pu lonch ‘n scalìm

podria esser l’ultim

o se tel vardi

da n’altra banda

magari … el prim

 

‘STA NOSSA BUSA

 

Se te vègni da Roveredo

‘pena pasà San Zoàm

quel che te vedi

te par en crazidèl

piem de robe dòlze

da magnar sol coi oci, demò

perchè le è squasi asà

Se te ‘rivi chi

da Limom o Malzèsem

no te te ‘scòrzi

che propri dove ‘l finis

el Lach el ghe fa, piamm piam

tante bele gatìzole

ai pei de ‘sti monti

Se te vegni, envèze

da la Val de Leder

ocio ale curve

de quela Ponàl

Ma eco, te vei

voia de perderte

en tuti quei colori

che po’ va a negàrse

dènter sol al blu

Se te sei vegnù zò

da la val dei laghi

t’hai zà vist Toblìm

Terlàch, zò bass

Santa Masènza

e trote che salta

‘n mèz ala Sarca

ma te parerà istèss

d’esser finì per sbài

en ‘den Paradìs

e tut entorno

semper pronte

per la messa cantàda

zime ades bianche

verde, d’arzent,

marom e anca de oro

quando va zò el sol

Osei che sgòla

nele campagne

o n’muciài, strucài

en zima a ‘n pèz

Bisèrgole mate

cagni, cagnòti

gàti dal pel rebùf

boi che tira

el càr del fèm,

pàiti, galine, cunèi

da governàr

cavài che va

su per el sentèr

con seghe molaè

per far la legna

Prèe dove i suda

I manovài

per far le case, col pich

Mureti veci

che i tei su a um

da zento ani

la tera dele vigne

e dei castagnèri

Po’ se narà tuti a poàr

e vers otober, o anca prima

sarà òra de schizar, coi pei

le ue vendemae

e festa granda en piaza

tuti en ghìngheri

e done a balar

ma senza far pecà

Va e vei de contadini

col sarlàt ne la zintùra

‘Na gamèla per magnar

Po’ ‘riverà la sposa

cafè de zicòria,

e sgnàpa nela spòrta

per resentàr

Pomèri, zirèse,

pèrseghi e melogràni

i marìni per le bestie

‘l zaldo da polenta

el servirà per ‘l paiòm

quel che s’ha scartozà

E le mòre co le spine

Ampòmole, granzòni nel bosch

e lupol per la bira

denòr ala cà

orti con tute le verdure

Dai Maria, tò su quele zìgole

che nem a la fera, a strangossàr

Maròni per l’autum

Che boni col vim nof

Case vecie,

col sofìt alt

e vòlta a bòt

sora stàle e càneve

Fontane en piaza

per far la lìssia

“prodòti” e ostarie

per bever en bom bicièr

Ma cossa digo su

scusè, som ensognà

Stevo vardando ‘sta Busa

su ‘n quadro de na volta

zamai empolvrà

 

 MA ‘l VEDIT?

‘N do vivit, ‘n do sèt?
Ciapà da tì e ancora ti?
Ma no ‘l vèdit
Come sem messi
‘n sto mondo
Che ‘l va a vòlt?
Dame na màm
dime qualcòs de bel
mòlete fora
e ridi, oscia, ridi
fame ‘n soriso
‘n sta val de lagrime
Gò bisogn de ti
anca se no te conosso
De sentìr che som vif
de viver per sentìr
Som n’òm, ‘na dòna
propri come ti,
con do oci, do brazzi
do gambe, ‘na testa
vago al cesso
propri come te fai ti
magno, dormo
stò bem, stò mal
per le stesse robe
Dai che fem finta
de esser nel ‘stess posto
anca se no l’è vera
Dime che anca ti
no te ghe voi mal
a nessuni
Sparmiente ‘sti soldi
per canoni e bombe
per darghe da magnar
a quei che no ghe n’ha
Te slongo la mam
no stà tirar endrio
te prego
la tua…

LE TERLAINE

 

Te ghe vai denter

senza volerlo

Te poi esser

anca el pu ‘ntaià

de tuta la val

Ma no te scampi

a ‘sto destim

Le terlaine

le te ciapa, le te struca

Ti te deventari mat

te zercherai

de sbregar su tut

Ma eco, te te trovi

de nof en mez

a ste strie

Gosa, gosa pur

Nesuni te scolterà

Gosa, gosa pu forte

tanto nesuni

i sa dove te sei

Alora te parerà

zamai de esser mort

Alora te penserai

da per ti

che ‘tumal morir

no l’è propri

la fim de tut

Te domanderai aiuto

ma co na voze

semper pu debola

Po’ te lasserai

che tut el vaga

come el doveva nar

L’AQUILOM

‘sa ghe vol per viver?

Aria, qualcos nel stomech

acqua per no deventar sechi

E dopo?

Credere en qualcos?

Laorar per no strussiar?

Na dona, n’om

che te staga vizim?

No basta

Per viver bisogneria

credo

creder nel viver

ades, ades, ades

no ieri, no domam

ades

Cogito ergo sum

carpe diem

no l’è la stessa roba

Me sveglieronte domam matina?

Saronte ancora vif?

E se nes via

senza capir

che som mort?

Ah, viver…

No te capissi gnent

de sta vita

fin quando

no la stà per scaparte

Come n’aquilom

che te tegni ligà

al fil

e de colpo

el vent gros

te lo porta via

El va, el va…el va via

alt, eco, no sel vede pù

ormai

Me piaseria

nar via nel zel

propri così

 

ME PIASERIA VIVER EN PAZE

 

Come quando piove

piam piam

Che da la gronda

vei zò le gozze

che dà el temp

de na musica giezz

Come quando faliva

nè acqua nè nef

le do robe ensema

Come quando sui prai

casca le foie

una dopo l’altra

piam, piam

Saria bel se tut,

ma proprio tut

el nes drio mam

piam, piam

Come per ciapar temp

da chi a quando

narem soto tera

E saria ancor meio

se ‘n tramez

noi, tuti, compagni

de ‘n viazo

che no conos la fim

zughessem a carte

pitost che farme

del mal

SCOLTAR EL TUT NEL GNENT

Che bel, finalmente

tase la zent, le machine

i zighi dei boci

e sbaiamenti de cagni

L’ho trovà el posto

che zerchevo

tra do vecie pree

e quatro pini

Me sdravaco

e quasi no ghe credo

Questo volevo

miga la luna nel secio

Vardo en su

e scominzia

en bel concerto

foie che se move

e canta

a seconda del vent

e dei sfregolamenti

qualche selvadech

che se sconde nel bosch

Lontam, nel zel

en sciap de osei

che zerca el so aeroporto

Come le af

entorno a fiori

che me fa embriagar

Bel, m’endromenzo

a l’ombra

e me par de esser

en Paradiso

De colpo na solfa

la me tira scemo

Diaolporco

Ho desmentegà

el telefonim ne la borsa…

BRUT

Che brut scoprir

da do parole en cros

su ‘n telefonim

o anca sul compiuter

che qualchedum

el te vol del mal

Na volta, ste robe

se le feva fora

vardandose nei oci

Ades, tic toc tac

do dei sui tasti

e via che la vaga

Te te trovi davanti

ste brute parole

No te vedi quel

che te l’ha mandae

No te poi gnanca dirghe

Scolta, cos’el che te volevi dirme?

L’è come na scortelada

al strof

Va a capir demò

quel che te l’ha data

Te stai lì, come en mona

el sangue che vei fora

Che sporca le braghe

La testa che no capiss

Te vegniria voia

de risponderghe

Po, tra de ti, te disi

Ma scrivi, scrivi e manda

quel che te pensi

ne l’aria

Ne l’aria resterà

anca quel che ghera

tra de noi

Ah, ricorda questo

Quei che crede de esser

i pu bei, i pu entelligenti

prima o dopo

anca lori

i la ciapa nei denti

SE TE VARDI EL MONDO DA SORA

 

No ocor nar tant en sù

Basta na meza costa

sul Vel

Ah, se te arivi

a la Cros del Stif

se sa

l’è ancora meio

Ma te poi farlo

anca da ‘n pontesel

che varda

vers le campagne

O se propri propri

sentà su na carega

nel to sito

Sì, come quel professor

che al cine

el feva nar i so studenti

sui tavoi, en classe

Oh capitam, me capitam

Alora, te vai su

anca mez metro

E te vardi de soto

No te par che cambia

na scianta

anca el modo

de pensar?

No l’è perchè

quei de soto

i par pu picoi

No l’è perché

ti te sei pu alt

L’è sol perchè

no te sei pu

nel solito pocio

Te respiri anca meio

Te capissi

che ‘n fondo

sem proprio

come le formighe

Ne dem da far

da matina a sera

soto i oci

de giganti

che no vedem

 

SE GUARDI IL MONDO DA SOPRA

 

Non occorre andare tanto in sù

Basta una mezza altezza

sul Monte Velo

Ah, se arrivi

alla Crocer dello Stivo

si sa,

è ancora meglio

Ma puoi farlo

anche da un terrazzo

che guarda

verso le campagne

O se proprio vuoi

seduto su una sedia

nel tuo appartamento

Sì, come quel professore

che al cinema

faceva andare

i propri studenti

sui tavoli, in classe

Oh capitano, mio capitano

Allora, vai su

anca di mezzo metro

e guardi di sotto

Non ti sembra che cambi

un pochino

anche il modo

di pensare?

Non è perchè

quelli di sotto

ti sembrano

più piccoli

Non è perchè

tu sei più in alto

E’ solo perchè

non sei più

nel solito brodo

Respiri anche meglio

E capisci

che in fondo

siamo proprio

come le formiche

Ci diamo da fare

da mattina a sera

sotto gli occhi

di giganti

che non vediamo

STO DEVENTANDO VECIO

Lassa star

le batue

Quele sporche

entendo

No, davera

no cambia sol

quel che gh’è

tra i cavei e i pei

‘Na volta, per dirte

basteva poch

per farte vegnir

el sangue calt

Per beghàr, digo

anca per gnent

basteva poch

per ciapar n’idea

e tegnirla streta

fin che magari

la se stofegheva

tra i to dei

Ades son rincoionì?

E chiel che lo sa

Da per mi

no podo dirlo

Però zerte discussiom

no le me ciapa pu

come trent’ani fa

Se nasse col foch en mam

e se more

pompieri?

No credo,

L’è che en politica,

en quel che suzede

tuti i di

nel sport e anca

tra quei pochi

che te scolta

sento come quele

canzom

che te par

d’aver zà scoltà

Se dis sempre

anca en ciesa

che sol l’om (e la dona)

i deve esser

en mez a tuti

i penseri

de sto gran paesom

del mondo

Basta poch, però

per tornar endrio

A farne la guera

coi missili

o coi spread

A schizar coi pei

quel che ne dà

fastidi

a rideventar bestie

Eco, me par proprio

de lezer

ogni dì, el stess libro

Quel de la giungla

Sol che la fim

no lè quela

del bocia slevà

dai lupi

 

 

I ME DIS…

 

Sì perchè

anche le rame de pez

enciodae dal giaz

la parla

Le te dis

de quando

la neva meio

Tacae a n’alber

che ciucieva acqua

da le radis grande

El sol che vegniva

ogni di

giust come n’oroloi

a sugar l’umit

Po’, i me dis,

basta poch

per esser taiai fora

No te servi pu

No te stai pu bem

O magari l’è stà

en gesto

così, tant per far

Te deventi en ram

sech, sempre pu sech

I te pesta tuti

anche i lumazi

Magari finir

en ‘ den presepi

o su na porta

per Nadal

Te fai la fim

de le foie vecie

che casca

finis su la straa

e po i te spaza via

I me dis

che quando

te deventi vecio

nesuni te scolta pu

come na volta

No ghè pu el filò

nela stala

al calt dei boi e dele vache

No ghè pu le storie

da contar ai boci

che gà i fili ne le recie

e i scolta altre robe

Ghe n’avria da dir

su come neva

el mondo

e su come, per mi,

el podria nar

Ciapo su, sto ram

de pez

mel porto a casa

Farem do ciacere

tra vecioti

Sì, ma l’è storie

che savem a memoria

a cosa servel?

 

MI DICONO

Sì, perchè

anche i rami dell’abete

bloccati nel ghiaccio

parlano

Ti dicono

di quando

andava meglio

Attaccati ad un albero

che prendeva linfa

da grandi radici

Il sole che arrivava

ogni giorno

preciso come un orologio

ad asciugare l’umido

Poi mi dicono

basta poco

per essere

tagliati fuori

Non servi più

Non stai più bene

O magari è stato

un gesto

così, tanto per fare

Diventi un ramo,

secco, sempre più secco

Ti calpestano tutti

anche le lumache

Magari poter finire

in un presepe

o su una porta

per Natale

Fai la fine

delle foglie vecchie

che cadono

finiscono sulla strada

e poi ti spazzano via

Mi dicono

che quando

diventi vecchio

nessuno ti ascolta più

come una volta

Non c’è più il filò

nella stalla

al caldo di buoi e mucche

Non ci sono più le storie

da raccontare ai bimbi

che hanno ora

tanti fili nelle orecchie

e ascoltano altre cose

Avrei tante cose da dire

su come andava

il mondo

e su come, per me,

potrebbe andare

Prendo su questo ramo

d’abete

me lo porto a casa

Faremo due chiacchiere

tra vecchietti

Sì, ma sono storie

che sappiamo a memoria

a cosa serve?

L’AQUILOM

‘sa ghe vol per viver?

Aria, qualcos nel stomech

acqua per no deventar sechi

E dopo?

Credere en qualcos?

Laorar per no strussiar?

Na dona, n’om

che te staga vizim?

No basta

Per viver bisogneria

credo

creder nel viver

ades, ades, ades

no ieri, no domam

ades

Cogito ergo sum

carpe diem

no l’è la stessa roba

Me sveglieronte domam matina?

Saronte ancora vif?

E se nes via

senza capir

che som mort?

Ah, viver…

No te capissi gnent

de sta vita

fin quando

no la stà per scaparte

Come n’aquilom

che te tegni ligà

al fil

e de colpo

el vent gros

te lo porta via

El va, el va…el va via

alt, eco, no sel vede pù

zamai

Me piaseria

nar via nel zel

propri così

come que l’aquilom…

EL PROFUMO DEI LIMONI

 

Na volta, quando se feva

el giro del lac

ghe ne ‘era tanti

vizim ala strada

prima dele galerie

che vendeva limoni

sol limoni de Limon

no de tut, come ades

che i dis el vegna

dala Sizilia

e l’era bel fermarse

e sentir quel profumo

che po’ el te resteva

nel nas fim a casa

nei sentai de drio

dela seizento

L’è da alora

che n’è restà el vizio

quando te vai al bar

de snasar le scorze

de l’aperitivo

Staria lì per semper

a  gustarme sto odor

fat de Ora, de tera bagnada

dal Garda

de qualcos che l’è vegnù su

riparà da mureti alti e streti

come tanti campanii

zircondai da foiete verde

e tanti boi giali

E me pias quando

en boca

el limon el te spizega

Come a dir:

“Ades fago pulizia

tra denti e zenzive,

speta a mandarme zo”

IL PROFUMO DEI LIMONI

 

Una volta, quando si faceva

il giro del lago

erano in tanti

a bordo della strada

prima delle gallerie

a vendere limoni

solo limoni di Limone sul Garda

non di tutto, come adesso

con prodotti che, dicono

arrivano dalla Sicilia

Ed era bello fermarsi

a sentire quel profumo

che poi ti restava

dentro, fino a casa

nei sedili posteriori

della Seicento

E’ da allora

che mi è restata l’abitudine

quando si va al bar

di annusare le scorze

di limone

appese al bicchiere

dell’aperitivo

Starei lì per sempre

a gustarmi quel profumo

fatto di vento, di terra

bagnata dal lago di Garda

da qualcosa che è stato coltivato

tra muri alti e stretti

come tanti campanili

circondati da foglie verdi

e bollini gialli

E mi piace

quando in bocca

il limone pizzica

Come a dire:

“Adesso faccio igiene

tra denti e gengive,

aspetta ad

inghiottirmi”

I OCI DE ME NONA

 

Se te me domandi

qualcos su la bontà

te rispondo subit

senza dubi:

i oci de me nona Maria

Na dona, come tante

de na volta

Nate soto i todeschi

passae tra do guere

portae en Boemia

su treni del bestiam

E po i fioi da tirar su

co la ‘renga

ciapada a sciafoni

da tochi de polenta

En marì sempre en giro

per laoro, per la cazza

E de colpo na padela

da meter su

che ghe n’era vinti

da darghe da zena

Mai en scato,

mai na lagrema

A mi, sentà su la fornela

(smorzada, se sa,

ma tepida da mezdì)

la me diseva, da putelot:

“Dai, conteme qualcos

de quel che suzede

zo per Riva…”

Podes tornar endrio

la porteria

nel pu bel albergo

de Roma

E sul balcom

ghe daria na corona

Sol per dirghe

“Ridi nona, ancoi

te sei ti la regina

de sto mondo revers

 

SE TE VARDI EL MONDO DA SORA

 

No ocor nar tant en sù

Basta na meza costa

sul Vel

Ah, se te arivi

a la Cros del Stif

se sa

l’è ancora meio

Ma te poi farlo

anca da ‘n pontesel

che varda

vers le campagne

O se propri propri

sentà su na carega

nel to sito

Sì, come quel professor

che al cine

el feva nar i so studenti

sui tavoi, en classe

Oh capitam, me capitam

Alora, te vai su

anca mez metro

E te vardi de soto

No te par che cambia

na scianta

anca el modo

de pensar?

No l’è perchè

quei de soto

i par pu picoi

No l’è perché

ti te sei pu alt

L’è sol perchè

no te sei pu

nel solito pocio

Te respiri anca meio

Te capissi

che ‘n fondo

sem proprio

come le formighe

Ne dem da far

da matina a sera

soto i oci

de giganti

che no vedem

 

SE GUARDI IL MONDO DA SOPRA

Non occorre andare tanto in sù

Basta una mezza altezza

sul Monte Velo

Ah, se arrivi

alla Crocer dello Stivo

si sa,

è ancora meglio

Ma puoi farlo

anche da un terrazzo

che guarda

verso le campagne

O se proprio vuoi

seduto su una sedia

nel tuo appartamento

Sì, come quel professore

che al cinema

faceva andare

i propri studenti

sui tavoli, in classe

Oh capitano, mio capitano

Allora, vai su

anca di mezzo metro

e guardi di sotto

Non ti sembra che cambi

un pochino

anche il modo

di pensare?

Non è perchè

quelli di sotto

ti sembrano

più piccoli

Non è perchè

tu sei più in alto

E’ solo perchè

non sei più

nel solito brodo

Respiri anche meglio

E capisci

che in fondo

siamo proprio

come le formiche

Ci diamo da fare

da mattina a sera

sotto gli occhi

di giganti

che non vediamo

LE MAM DE QUEI CHE LAORA

 

Me papà, marangom

el gaveva i calli

soto el dè gros

colpa del caciavite

o dele seghe

a denti fini

per far nar d’acordo

i “scatolai”

coi busi dei muradori

Ghera operai, en quei ani

senza qualche dè

finì nela piala,

nel diaolet

o soto la pressa

dei compensai

Quei che laora

co le mam

te i vedi, te i senti

quando i te saluda

L’è come se te strinzessi

en pal de fer

piem de rughe e sgeve

L’è mam che ha fat

pu che parlar

Che n’ha dat qualcos

en cuert sora la testa,

libri da lezer

la voia, vedendo

propri quei sacrifizi

de no tor en giro

quei che t’ha mes

al mondo

Me pare el gaveva

i oci sempre rossi

pieni de segaura

Quando l’è mort

me som sentì pers

e me vergogno

quasi  ciapar

en stipendio

sol perchè scrivo

sui giornai

enveze che farme

el cul

en falegnameria

 

LE MANI DI CHI LAVORA

 

Mio padre, falegname

aveva i calli

sotto il pollice

colpa del cacciavite

o delle seghe

a denti fini

quelle che servono

per accomodare

i “falsi telai”

con i fori dei

muratori

C’erano operai,

in quegli anni

privi di tante dita

finite nella pialla

o nel rettificatore

o sotto una pressa

Quelli che lavorano

con le mani

li vedi, li senti

quando ti salutano

E’ come stringere

un palo di ferro,

pieno di rughe e tranelli

Sono mani che hanno fatto

più che parlare

Che ci hanno dato

qualcosa

Un tetto sopra la testa

libri da leggere

la voglia, vedendo

proprio quei sacrifici

di non deludere

chi ti ha messo

al mondo e aiutato

Mio padre aveva

sempre

gli occhi rossi

pieni di segatura

Quando è morto

mi sono sentito

perduto

e mi vergogno, quasi

di prendere uno stipendio

solo perchè scrivo

sui giornali

invece che avere

gli occhi rossi

in falegnameria

ME PIASERIA

Trovar le done

tute le done

che m’ha volù bem

en d’en mondo diverso

Dove no conta

se te sei bravo nel let

se te g’hai soldi

o se te sei stà ciapà

da quel moment

Me piaseria

trovar i amizi

ma anca i nemizi

Farla fora, demò

tra le nuvole

o magari a do colpi

a la morra

Capir che avem

fat tante monae

De pu mi?

Ma vot begar anca

da mort?

Me piaseria, sì

en mondo diverso

Dove se se parla

sol coi oci

E dove no costa gnent

darse en baso

na careza

la mam

En posto dove se pol star

per sempre

en paze

con tuti

Ma bisogna morir

per arivarghe?

SE SOL TE SAVESSI…

 

El scolto, tuti i di

el sangue che bate

poc prima dela mam

e da na banda e l’altra

del zervel

Tonf, tonf, tonf

massì, se ciava

la pressiom

no l’è quel che

voi saver

Disente che l’è

na questiom

tuta mia, for de testa

magari

Se el sangue el gira

vol dir che som vif

Po’ passo a altri

esami

Com’ela ancoi?

Meio de ieri?

E lì se va sempre

en para

Dai, disentelo

no ne contentem mai

de quel che sem

de quel che gavem

Sì dai, la podria

nar meio

Ensoma, valà,

massì, se va ‘nvanti

Se sol ne rendessem conto

de esser

su na corda

sora el burom

forsi faressem mem

i galeti

Forsi saressem pu

a um

soratut coi altri

Oppa, oppa,

te te tegni en bilanza

su sta corda fina

e meio no vardar

quel che ghè soto

Oppa, oppa

te vai ‘nvanti

te pensi de esser

el pu figo de la val

quel che ariverà

da l’altra banda

zifolando

anca con na mam sola

Ma no l’è così

n’avem vist tanti

che è cascà de soto

propri sul pu bel

quando, ridendo,

i diseva:

“Vist che ghe l’ho fata?

Dai, vei anca ti”

 

SE SOLO SAPESSI…

 

Lo ascolto, tutti i giorni

il sangue che batte

nel polso

e sulle meningi

Toc, toc, toc,

Ma chissenefrega

Non è la pressione

che m’importa

Diciamo che è

una questione

tutta mia, sballata

Se il sangue gira

vuol dire

che sono vivo

Poi passo ad altre

analisi

Come va oggi?

Meglio di ieri?

E a quel punto

c’è lo scompiglio

Dai, diciamolo

non ci accontentiamo mai

di quel che siamo

di ciò che abbiamo

Sì, dai, potrebbe

andar meglio

Insomma, vabbene,

si tira avanti

Se solo ci rendessimo

conto

di essere

su una corda tesa

sopra un burrone

forse saremmo

meno arroganti

Forse saremmo

più gentili

con gli altri

Oppa, oppa,

sei in equilibrio

su questa corda

stretta

meglio non guardar

di sotto

Oppa, oppa

vai avanti

Pensi di essere

il re del mondo

quello che arriverà

dall’altra parte

cantando

anche con una mano sola

Ma non è così

Ne abbiamo visti tanti

cadere di sotto

proprio sul più bello

quando, ridendo,

dicevano:

“Visto che ce l’ho fatta?

Dai, vieni anche tu”

 


EL GANF DEL COR

 

Sì, perchè

‘sa credit?

anca el cor

l’è ‘n muscol

anca lì

te poi sentir

mal

Specie quando

el deventa

dur

come ‘n sass

perchè magari

no l’è abituà

a pompar

amor

oltre

che sangue

 

IL CRAMPO DEL CUORE

 

Si perchè

cosa credi?

anche il cuore

è un muscolo

anche lì

puoi sentire

male

Specie quando

diventa duro

come una pietra

perchè magari

non è abituato

a pompare

amore

oltre che sangue

VITE SUGAE

Te parti, de solit

pianzendo

(ma cossa gavralo?)

nel letim de n’ospedal

E magari te finissi

nel stess posto

anca se ‘l materas

l’è pu grant

En mez tante scene

come quele

dela televisiom

Bele, pu bele ancora

brute, che digo, de pu

Piam piam se suga

la te pel

vei fora tante fize

No l’è sol

quele che se vede

ghe n’è tante

che no se pol tirar

Teghe nela schena

peae nele nosele

scortelae che sbrega

dove zeroti, garze e fasète

mai le ariverà

Te passi, en sta vida

come nef desfada

vers el lac

Te te miscerai

a quei

che zamai

no ghè pu da n’pez

Lassando che al sol

sia altri a zugar

a far finta

de esserghe per semper

 

VITE ASCIUGATE

 

Cominci, di solito

piangendo

(ma cosa avrà questo bimbo?)

nel lettino di un ospedale

E magari finisci

nello stesso posto

anche se il materasso

sarà più grande

In mezzo tanti episodi

come quelli

degli sceneggiati Tv

Belli, ancora più belli

brutti, che dico, di più

Piano piano, si asciuga

la tua pelle

emergono tante rughe

Non sono solo quelle

che vedi

ce ne sono tante altre

nascoste

Botte nella schiena

pedate negli stinchi

coltelli che lacerano

dove cerotti, garze e fasce

mai arriveranno

Passi, in questa vita

come neve sciolta

verso il lago

Ti mescolerai

a quelli

che ormai

non ci sono più da tempo

Lasciando che al sole

siano altri a giocare

a far finta

di essere per sempre

 

VEI CON MI

 

Vegneme drio

‘sta tento ai buroni

Vegneme drio

ocio ai bufoni

Vegneme drio

‘n do stem per nar?

A l’inferno diaolporco

a l’inferno

Coi bruti, coi malai de ment

co le putane, coi artisti

for de testa,

con quei che dis de no,

quando bisogna dir sì,

co le pantegane,

scapae dai tombini

E no l’è finia:

ne troverem zo

ensema a drogai,

alcolizai, ladri,

‘sassini, spatuzi

e zent senza paze

Zugherem a biliardo

fim a le ore picole,

fumerem anca nei bar,

tanto lì l’è zà calt,

tirerem zò qualche ostrega

de massa

ma ormai, chi sarem

dove podei mandarne

pu en zò?

Farem feste, orgie,

tut quel che no se podeva

Po, quando sarem stufi

domanderem a n’anzol

de poder nar en piano

pu en su

almen al Purgatori

per encontrar

la putela che

n’ha mandà a quel paes,

che  l’era bela, brava,

la voleva meter su famea

Ma noi erem massa

ciapai

dai nossi piazer

EN VIAZO LONCH

 

Quante n’avem fate

ensèma

Robe da no contar

Quante n’avem vist

ensèma

Po no ne sem visti pu

El vedo sto sior patì

bianc come ‘na pèza

Me domando:

“Ma saràlo lu?'”

Anca lu el me varda

e ne capìm al volo

propri come na volta

sol dal modo de

mover la testa

en qua en là, lu

su e zo, mi

Oscia – ghe digo

l’è ‘n pèz

che no se se vede

E lu: eh, ma me sa tant

che prest

no ne vedrem pu

propri dal tut

Perchè – ghe domando

vat ancora en giro

per el mondo

a far paste su le navi?

No, el dis, fago

en viazo pu lonch

-Pu ‘n là de l’Australia

dove t’avevi mes su

na pasticeria?

Sì, ‘l fa, gò zamai

en bigliet

sol per l’andata

Ho capì, ghe fago

embezile che no som,

no te voi zamai farlo

saver a nesum

Ah, el risponde,

co na mam drio ai cavei

te verai che quando

parto

te vegnirai a saverlo

me sa che ala fim

po’ resterò semper chi

Ades però vago

gò tante robe da far

me resta poch temp

‘l devo sfrutàr

SVOLTOLARSE

Ne l’erba spagna

pu alta de ti

Tra i marini

che va a finir

che te te perdi

Nel fem apena

portà vizim

ala stala

che te vei zò, zò

e ‘l te sponze

en de na piscina

fata col telom

del camiom

fin quando tei

el bus dei ligami

Liberi, fim quando

te ciama la nona

perchè l’è pronta

la polenta col pocio

Liberi, fim quando

te scominzi

a svoltolarte

en de ‘n mondo

fat dai grandi

da quei vegnui

prima de ti

dove no te poi

pu

pensar o rider

per gnent

 

NO TE FINIRAI MAI

 

Ora dopo ora,

anzi minut dopo minut,

Dì, dopo dì,

mes dopo mes,

am dopo am,

te continuerai

a far finta che

quel che te vivi

sia magari pezo

de quel che

t’hai vissù

e anca de quel

che te vivrai

Te narà via

dala mam

come ciapai

dal vent

momenti bei

che enveze

no i gà bisoin

de esser ricordai

ma abrazai

strucai forte

fim che i ghè

Dopo te resterà

sì le foto vecie

ma con quele

no se pol

far a l’amor

E se te vardi semper

e sol ‘n vanti

se no te te contenti

el vent che porta

via quei atimi

el deventa

tompesta

e magari el te

porta via

de colp

anca ti

TE RICORDIT?

 

Erem zoveni

ciuciai da le strie

no ghera ancora

i supermercai

Se neva su da la Maria

en toch

de ciocolata

su carta velina

“La me segna…”

Erem zoveni, poreti

rebufi,

fevem i festini

coi lenti

nele caneve

E sul pu bel,

quando ela la te baseva

te vegniva adòs

la paura

L’avronte messa encinta?

Erem sbarai

fora dale mine

ma gnoranti come Taco

Erem sempre en piazza

ma mai al bar

a bever spritz

Se zugheva al balom

se begheva per gnent

Po ne sem sposai

Ma no con quela

che ne piaseva tant…

LA VOZE DEL VENT

 

Me pias el vent

anca quando

el gosa

anca quando

se dis così, de solit

el dà fastidi

Perchè el move

tut,

el fà casim

el spetena

el spatuzza

el fa veder

tirando via el depù

e fasendoghe careze

quant che l’è bele

tute le done

Me pias el vent

perchè

el dà l’idea

de un che core

mai content

de quel

che l’ha demò  fat

El so, no va bem

che el rota

i querti

Quel el podria

risparmiarghel

sora tut a zent

che l’ha zà patì

Ma no ‘l gà padroni

propri come l’acqua

le onde del mar

difati l’aria

l’è la stessa roba

sol che

no la miza

anzi la suga

se te sei bagnà

Me pias el vent

che ‘l porta

sonae lontane

ma anca profumi

e voia de zacar

se poch pu ‘n là

i ‘ha mess

qualcos

sul foch

Me pias el vent

quando el te conta

co la so voze

mai gualiva

che anca ti

en dì te narai via

come lu

dove no se sa

 

LA VOCE DEL VENTO

 

Mi piace il vento

anche quando

grida

anche quando

si dice così, di solito

dà fastidio

Perchè muove

tutti

e fa casino

spettina

scompiglia

e fa vedere

tirando via

il superfluo

con una carezza

quanto sono belle

tutte  le donne

Mi piace il vento

perchè

dà l’idea

di uno che corre

mai soddisfatto

di quello

che ha appena fatto

Lo so, non va bene

che scoperchi

i tetti

Quello potrebbe

risparmiarlo

soprattutto a gente

che ha già subito

fin troppe calamità

Ma non ha padroni

proprio come l’acqua

le onde del mare

infatti l’aria

è la stessa cosa

solo che

non inzuppa

anzi asciuga

se ti sei bagnato

MI piace il vento

che riporta

suoni lontani

ma anche profumi

e voglia di mangiare

se poco più in là

qualcuno ha messo

qualcosa

sul fuoco

Mi piace il vento

quanto ti dice

con la sua voce

mai uguale

che anche tu

un giorno andrai

via con lui

Dove non si sa

AH, SE SE PODES…

Schizar en botom

tornar n’atimo endrio

Te ghe meteressi na peza

a tante monae

Te diresse de no

al posto de sì

Te diresse sì

al posto de no

Te narese de corsa

dove enveze

te t’eri fermà

Te te fermeresi

dove envezi

te sei na a pei zonti

Ah, se se podes

tornar endrio

No te ciaperesi

el vizio de fumar

e de crederghe a quei

che la fà fazile

Te faressi magari

n’altro mistèr

Te gravessi men soldi

e pu sodisfaziom

T’avressi emparà

a cambiar el tubo

del cesso

Ma vot meter

sta vita vissua de corsa

dì dopo dì

senza pensar a domam?

Vot meter tuti sti sbagli

a volte fati

propri per sbagliar aposta?

Vot meter essere chi

ancora chi

a contarla?

LE CAREZE DE LA NATURA

 

El te ariva

quasi sempre

de sbiech

Sto vent lezer

‘n tra le recie

nei cavei

no ‘l te dà fastidi

anzi

L’è come se

el te butes

‘nvanti

“Dai, ‘celera,

vegneme drio

che no so

fin che

gavrò tut sto fià”

L’è na careza

soratut en sti dì

dove anca le foie

le vola

dapertut

proprio per colpa

de sto ventesel

ah sì, men mat

de quel de marz

Ma l’è come

le prime gozze

de acqua

dopo la calura

te le ciapi content

come na docia

che te spetevi

con tanta voia

 

L’USS CHE SE SERA

De chì, do passi endrio
ghè quel che te eri
Denòr ai càncheni
de ‘sto uss
ghè quel che te sei
Tirete drio ‘sto seramènt
và al de là de ‘sti foràti
zèrca el sentèr pu còmot
per nàr dove te voi nàr
Te vegnirà ‘n mènt
da chì a qualche àm
quel che ghera drio
‘ste pareàne
robe vecie, se sà
zent zamai al zimitèri
la to prima comuniòm
el prim bàso
le prime spiazoreàde
quando te sei deventà
anca ti papà
e po’ magari anca nono
el temp che vola
come ‘na poiana embriaga
che no la sa pù
dove nar a becàr
tra tanta sporcaria
che ariva ala chipa
Te varderai ‘envanti
te dirai: “som ‘rivà”
E propri en quel moment
scusa se tel digo
te farai anca ti la fìm
de quando i taia el formènt
Magnerà qualchedum
da quel che te sei stà
Sì, zerto, i te ricorderà
en fior, en lumìm
forsi el dò novembèr
l’aniversari sul giornal
Tei varderai zò
dove te sei po’ finì
te scorlerai la testa:
“Ah, se l’avess savù…”

NO TE CAPISSO

 

El parla con mi

(o falo finta?)

entant l’è encolà

al so telefonim

e cicì e ciciò

me par de esser

uno

che tei el cerim

en mam

“Scusa, sat”

el me dis

“Vegno subit da ti”

E la va ‘nvanti

enveze

sta conversaziom

per le longhe

Po’ el mete via

el rochèl

nela scarsela

dela giacheta

E toh, el sona

de nof

“Scuseme, sti..

rompicoioni…”

E n’altro quart d’ora

de ciacerade

A ‘n zerto punto

alzo la mam:

“Ciao, sat

magari ne sentim

per sms

o su fesbuch,

gnent de urgente

comunque,

volevo sol dirte

che i t’ha portà

via la machina

col caro atrezi”

EL BUT

Toh, co ste prime giornae de quasi primavera scominzia a butar qualche fior. Ecol chi el prim butin…varda varda che se vede zà i colori…en po’ sbiadii ma che bei…dal but vegnirà fora en fior. Bel, grant. E sul pu bel, zachete, el taierem per portarlo a qualche dona o al zimiteri. Penseghe…che bruta fim. En colp ale gambe, magari n’agonia per qualche dì dentro en vaso, co l’acqua sempre… pu sporca. Po’ en di quel fior sempre pu brut, pu sec…el vegnerà varda de colpo come el fussa sporcaria…via nei rifiuti. POrta zò l’umido valà. E quel sarà el so funeral. Sempre meio de so cosina salata, magnada anca da zovena. O de dei fiori de le zuche, brusai ne l’oio. Sì, l’è en mondo difizile e catif anca per i fiori.

 

GOZZE DIVERSE

 

Gh’è modo e modo de sentir l’acqua

Te poi ciaparla tuta volentera

… magari anche fasendo do salti

come en quel cine famoso

Opura pol suzeder

che te te perdi nei oci

e ne la boca

de na dona che t’ha enmagà

Alora pol vegnir zo anca

pali de fer

Alora te poi star lì

anca fin che torna el sol

Alora te gavrai calt

anche se te sei miz patoc

E quei torentei de gozze

che se farà el foss da soli

tra le recie e i cavei

i deventerà come la cola

tra quei do morosi

Che no se stacheria pu

da ‘n moment

così bel, così for dal solit

No i se lo ricorderà pu

qualche an dopo

quando un de lori

o anca ensema

i sacramenterà contro el zel

contro quela pioza maledeta

che no vol smeter

gnanca n’atimo, sto mes

LA PREA

Che te schiza

se la te vei ados

Che te tei dacont

se te le gai entorno

Robe che val

se l’è diamanti

Robe da butar via

se l’è de vedro

La ghera prima de tut

la ghe sarà anca dopo

Coi so ghirigori

fati de acqua che passa

gozze come

scalpei

En cont l’è ciaparla

en testa

N’altro torla en mam

e vardarla bem

Ghè dentro la storia

de mili ani e passa

Qua, dove pestolem

na volta

ghera el giàz

i bestioni, osei grandi

che gireva nel zel

Foghi nele caverne

e omini con tochi de legn

per far fora

tuti i gazeri

Po’ ste pree

i l’ha messe sul foc

E’ vegnù fora el fer,

el ram, anca l’oro

I l’ha colae

per far altre robe

Pu dure ancora,

pu bele, da paura

quando ghera

da combatter

La prea, ne le case

tegnua ades a vista

per far faziom

sora el caminet

o nel sito pu bel,

No l’è sassi

da butar nel lac

Qualchedum ne l’ha dati

per far quel che fem

 

LA PIETRA

Che ti schiaccia

se ti viene addoso,

Che ti salva

se l’hai sopra la testa

Di valore,

se è diamante

Da buttar via,

se è collo di bottiglia

C’era, prima di tutto

Ci sarà anche dopo

Con i suoi distinguo

fatti di acqua che passa,

gocce come

scalpelli

Un conto è prenderla

in testa

Un altro raccoglierla

e guardarla bene

C’è dentro la storia

di mille anni e passa

Qua, dove camminiamo

una volta

c’era il ghiaccio

I dinosauri, grandi uccelli

nel cielo

Fuochi nelle caverne

e uomini con la clava

per risolvere

i loro problemi

di convivenza

Poi queste pietre

le hanno messe sul fuoco

Ed è arrivato il ferro,

il rame, anche l’oro

Le hanno colate

per far altre cose

Più dure ancora,

più belle, terribili

quando c’era

da combattere

La pietra, nelle case

tenuta adesso a vista

perchè è di moda,

sopra il caminetto

o nel salotto buono

Non sono sassi

da buttare nel lago,

Qualcuno ce li ha dati,

per fare quello che facciamo

 

 

COME EN CIUF D’ERBA APENA SBREGA’

 

El vola, ne l’aria freda

de na primavera

che s’è persa

per straa

El se tei denter

tuta l’acqua

ciapada

Miz come en poiat

engiazzà

e co la paura

de no poder

pu ciuciar gnente

dale tete dela tera

Chi l’ha sbregà

l’ha fat per zoc

o forsi perché

no ‘l saveva che far

Sem nela val

de giganti cativi

che ‘n mucia soldi

nele grote de fer

scondue sototera

Sem zamai descolzi

e dovem caminar

su sassi a ponta

e senteri pieni

de sgeve

Sem drio a pregar

che zent senza scrupoi

i varda n’altro

ciuf de erba

E se ciava,

stavolta

se la tochessa

a nos cosin

Quando vegnirà

el sol

strangosserem

st’acqua

che fa nar via

la sè

che ne lava

dai pecai

dei altri

 

COME UN CIUFFO D’ERBA APPENA STRAPPATO

 

Vola, nell’aria fredda

di una primavera

che s’è smarrita

per strada

Tiene dentro

tutta l’acqua

tutta la linfa

Bagnato come un pulcino

infreddolito

e con la paura

di non poter

più succhiare nulla

dal seno della terra

Chi l’ha strappato

l’ha fatto per gioco

o forse perché

non sapeva che fare

Siamo nella valle

dei giganti cattivi

che ammucchiano soldi

nelle grotte di ferro

nascoste sottoterra

Siamo ormai scalzi

e dobbiamo camminare

su strade disastrate

e sentieri pieni

di schegge

Stiamo pregando

che gente senza scrupoli

guardi un altro

ciuffo d’erba

E chissenefrega

questa volta

se dovesse toccare

a nostro cugino

Quando arriverà

il solo

rimpiangeremo

quest’acqua

che fa andar via

la sete

che ci lava

dai peccati

degli altri

EL MOL DEL PAM

 

Uno, co le onge nere

piene de grep

el tol en mam

sto toch de pam

El ghe mete dentro

quela specie

de pirom

fat de pel sporca

e ‘l tira fora

el mòl

El se lo porta

a la boca

e po ‘l lo spua

come se fussa

el babao

Na scena enventada?

No, l’ho vista

qualche temp fa

e no ve digo dove

Eco, come va

el mondo

quando da na banda

ghè zent sporca

che stà massa bem

e da l’altra zent neta

che se ciapa

del sporco

sol perchè

no la gà

el cappòt bel

 

LA MOLLICA

 

Uno, con le unghie nere

piene di sporco

prende in mano

questo pezzo di pane

e gli mette dentro

quella specie

di forchetta

coperta da pelle sporca

E tira fuori

la mollica

E se la porta

alla bocca

poi sputa tutto

come fosse

il veleno

Una scena inventata?

No, l’ho vista

qualche tempo fa

e non vi dico dove

Ecco, come va

il mondo

Quando da una parte

c’è gente sporca

che sta troppo bene

e dall’altra

gente pulita

che si becca anche

“taci, sporco…”

solo perchè non ha

il cappotto bello

SE GHE PENSO

 

No, no bisogneria

enveze

mai pensarghe

avanti, avanti

diaolporco

mai farse ciapar

dai struconi

dale nostalgie,

da robe tipo

“Ah, se aves fat così,

ah se aves fat colà”

Via che i vaga

sul soler

i ricordi

brusar i veci diari

e anca le foto

de quando

erem boci

basta, na bela pila

che faga luce

‘nvanti

Fim quando la dura

fin quando

la se smorza

Laudator temporis acti

en latim

quel che vive

de robe vecie

e no ‘l se scorze

che ormai l’è come

far coleziom

ades

de figurine de calciatori

che no zuga pu da ‘mpez

No, no, fin che

‘l zervel el ragiona

vardentene envanti

quel che erem

l’è passà

Po’ me volto

n’atimo

e digo da per mi

“Ma quel che ho fat,

vist, lezù, scrit,

fotografà, amà, odià

devo portarlo

a la discarica?

E come funzionela

sta storia

de la diferenziada,

per ani de racolta

o per quintai

de ricordi?”

Me sà che me tegno

tut en casa,

chisà, magari

en dì qualcos

vei comot…

 

SE CI PENSO

 

No, non bisognerebbe

invece

mai pensarci

avanti, avanti

diaolpo porco,

mai farsi prendere

dai coccoloni,

dalle nostalgie

da cose tipo:

“Ah, se avessi fatto così

ah, se avessi fatto colà”

Via che vadano

i ricordi

sul solaio

bruciare i vecchi diari

e anche le foto

di quando eravamo

bambini

Basta, una bella pila

che faccia luce

avanti

Fin quando dura

fin quando

si spegne

Laudator temporis acti

in latino

quello che vive

di robe vecchie

e non si accorge

che ormai è come fare

collezione

adesso

di figurine di calciatori

che non giocano più

da un pezzo

No, no, finché

il cervello ragiona

guardiamoci avanti

quello che eravamo

è passato

Poi mi volto

un attimo

e dico, dentro me

“Ma quello che ho fatto,

visto, letto, scritto,

fotografato, amato, odiato

devo portarlo

alla discarica?

E come funziona

questo servizio?

Per annate

di raccolta

o per peso

dei ricordi?”

Mi sa che tengo

tutto in casa,

chissà, magari

un giorno qualcosa

verrà utile…

LA CANZOM DE L’ORS

E tonf, tonf, tonf

via dale rame

en mez al senter

el canta l’ors

come nesuni

ha mai sentì

senza note

senza sonadori

come vei for

dal mus gros

da denti sporchi

de tera

e pel de pegora

E tonf, tonf, tonf

e grrrr grrrrr grrrr

el canta l’ors

portà zà è temp

en mez a sti monti

ma guai a ti

se te vai zo ‘n val

El canta na canzom

zà sentia ani fa

tra quei liberi

de far

ma sol da chi

a lavia

El canta l’ors

per darse na para

per spaventar

cone feva

so noni

Pecà che ‘l colar

che gà mes i omini

no ‘l poda registrar

sta so canzom

EL PAIAZO

 

El le fà tute

per farte rider

I lo trata sempre mal

nei circhi

Tanto che a volte

i ghe disegna

na lagrima

sula facia

Ma l’è quando

el deventa serio

Che ghè d’averghe paura

Come en quei cine

con quei co le maschere

che no va d’acordo

con quel che i fa

Drio al paiazo

ghè sempre en sito picol

Dove el se truca

el se mete a um

Fim a desmentegarse

quel che l’è

davanti al spegio

Ma vot veder

i veri paiazi

senza pagar el bigliet?

‘mpiza la televisiom

e stà lì en par

de minuti

No, no l’è i comici

da vardar

Ma quei che li

presenta

quei che li paga

Quei che dis:

“Mi? L’avevo

sempre dit…”

 

QUEI ANI SESANTA

Te scolti le canzòm
e vèi subit en mènt
quant che t’eri sèmo
co le prime moròse
Camìse tute a fiòri
come vecie tovàie
o le tènde del salòto
Bechi larghi
tute sbotonàe
fim a metà còl
Bràghe strète
ma sol enzìma
larghe pu che se pòl
dai dinòci en zo
Scarpe a ponta
pò da passar, col rest
ai fradei pu picoi
E via ala sera
en doi sul motorìm
Primi basi
senza la lengua
pò tuti dòi rossi
quando l’è suzès
“No ne lasserèm pu
da grandi ne sposèm
e se gavrèm na fiola
la ciamerò come ti”
Zighi e confusiòm
scartabei en piaza
Cavei longhi
le prime ghebàe
e le mentine
per far nar via l’odòr
Svoltolamenti
en machina
tra freno a mam
e ‘l pomèl de le marce
Vapòr sui vedri
mudande e ‘recìni
che no se trova pù
Cavarse le scarpe
per tornar a casa
per no desmìssiàr
tuta la tribù
E tanti scopelòni
e zene saltade
ah, ma bei quei ani
se se godeva de pù
La libertà se domandeva
ma no de far casìm
zerto che ai nossi veci
rotevèm el trapassìm
Ma ogni roba ciapada
bela, bruta, così così
l’era propri conquistada
no la ghera tuti i dì

 

SON DE PRESSA

E su, e zò, e qua, en banda
passi svelti, oci da mat
El telefona, entant el magna
El beve, entant el parla
E quando el t’encontra
el te fa segn co la mam
Som ciapà, som ciapà
Gnanca el temp
de nar a pissar
gnanca do minuti
anca per pensar
E via de nare, col so autom
fora da ‘n parchegio
dentro en de n’altro
Su per le scale
zo per le scale
Ma cossa falo…
gh’èra l’ascensor
Par che el mondo
el dipenda da lu
Par che nesuni
i lavora pu de lu
Po’ en di te l’encontri
posta a ‘n muret
‘Sa falo ragionier
no stalo tant bem?
Ah – el me dis
col fià nela gola
La sposa l’è nada
con quel de l’autin
Ho pers el mister
ades gh’è i zoveni
che i bate i tasti
dentro quei rochei
e noi rapresentanti
de vecio stampo
no ghe stem pu drio
I ariva prima lori
che noi a pè
Ma dai Alfonso,
no sta butarte zo
Vei che ne sentem
nela nossa vecia stube
Te taio zo do fete
de quel salam bom
Ricordet? Te ghevi da nar
t’avevi lassà lì el toch
Sentete chi, vizim, da brao
E lassa che i se ciava
quei che ga da nar
Anca lori en di i se ferma
Magari senza disnar

EL STIF

 

Per mì, non so altri

l’è sempre sta n’Everest

da vinzer

metro dopo metro,

sentèr dopo sentèr.

Tel vedevi lasù

tra le nuvole

pu alt de tuti

Co le luci del rifugio

che pareva dirte:

“Vei, vei che te spetèm”

Se partiva bonora

da Bolignàm

Su, su, i Gazi

su ancora, Salve Regina

su, a Volta de No,

e su, driti dai sentèri

pieni de sgrebeni

e cagae de cavriol

Su, fin ai Rochi

Po te girevi,

vers la “Capana”,

su, oltre ai Torbol,

la vecia Colonia,

i Finoti e Malga Zanga

Scortoi per Castìl

la fontanela

ah, che sè…

En senteròt

e te eri ale Prese

co le prime antene

Po’ te vardevi

en su…n’alber,

sol n’alber

prima de la Malga

n’alber a meza costa

en paracàr vert

E su, t’arivevi

dove ghera la teleferica

Te vegniva voia

de butar el prosàc

nel bosch,

de dir: “Ma nè tuti en m…”

Ma quela luceta

en zima

la te feva zà pensar

a polenta e cunèl

a na candola

de vim bom

a cafè, sgnapa

e anca a schitarade

con quela roba

che te porteve

(chisà perchè)

sule spale

E s’ariveva ala Malga

El lat calt

en toch de formai

Do pache sule spale

con zent

con pochi denti

ma che rideva

pu bem de tuti

Eco, la zima

el nos Domili e pasa

Te butevi zo

le to robe…

e i te sveglieva

a colaziom

I PULESI

 

No tei vedi

subit

Tei senti

enveze

quando i spizega

la pel

o de colpo

‘sa elo?

Te te grati

la testa

I è picoi, neri

i salta

Difizile ciaparli

coi dei

I è come

i penseri bruti

o zerti sogni

che te lassa

descuert

I te vei ados

senza dir gnent

prima

Perchè lori i sa

che ti no te sai

quando

i ariva

Quando te gai

i pulesi

no basta forsi

lavarse

Meio saria

tegnirseli

E far finta

de gnent

Perchè i siori

i dis, i scrive

che quel

che gà i pulesi

de solit

l’è en zinghem

en por laor

un che de zerto

no se lava

Dopo magari

suzede

che propri sta zent

la fa dele robe

for de testa

Colpa de ‘n pules

finì nel so

zervel?

 

EL DIAOL

 

Ma ‘l diaol

ghelo sul serio?

E se ‘l ghè

chielo che

l’ha fat?

Vegnelo anca lu

da Adamo e Eva

o el de n’altro

cepo?

Ma meti che

el ghe sia sul serio

e lassente star

da dove el vei

Meti che sia

el Lucifero

n’anzel che no

neva d’acordo

con quei del Paradis

Te par giusto

che i lo abia lassà

da sol

en tuti sti ani

senza darghe

na posibilità

de redenziom?

Zò, soto tera

en mez a foghi e fumi

zò, tra ‘sassini, ladri

zent coi oci cativi

Semper drio a fumar,

a bestemiar

a vard film porno

bever da la matina

a la sera

drogarse, averghe

tante done

(basta che le respira)

Semper stofegà

dai vizi

da quel che i cativi

i deve per forza

far

per esser cativi

come se deve

E no averghe mai paze

en sto inferno

che boi

E vardar, da soto ensù

quei che beve

tisane,

parla en ponta

e magari te dis:

“Por diaol, l’è stà

colpa dela sposa

che ghe feva i corni,

se no magari

ades el saria

chi con noi…”

SARALO COSI’ ?

 

Me la som

za ‘ntaiada

L’inferno?

Pezo de sti dì

N’ho fat massa

fin ades

Sarà dura

credo

nar en prescriziom

E alora zo

E zo ancora

I te meterà

su n’ascensor

E i schizerà

la letera “I”

Zo, e ancora zo

Qalchedum,

co la facia da mona

quei che fa finta

de vardarte

ma i pensa

solo a lori

i se fermerà prima,

ala letera “P”

del Purgatori

No i te saluderà

stavolta

E alora ghe dirò:

Ciaveve

baseve el cul

No sè ne carne ne pess

nè fodrai nè embastidi

Nè, nè a zugar

a dama

nè, nè a parlar

de scondom

de quei come noi

che almem qualcos

anca de brut

i ha deciso de far

E noi narem entant

zo, zo, sempre pu zo

Troverem na porta

tuta nera

che quando i l’averze

la buta for foc

Dentro – i dirà

i diaoi col forcom

Dentro che gavem

tanti altri

da nar a tor

E noi dentro

en quela fornela

Tra Hitler, Bocassa

Pol Pot e Stalin

Tra preti pedofili

‘sassini, drogai

Zent che neva

con dese done

Omini che neva

con n’om sol

Tuti nudi, sidrai

schifosi

Bruti da veder

pezo da sentir

Ne troverem lì, sì

a l’inferno

Che pu calt no se pol

Penserem ai nosi

pecai?

No, no gavrem temp

per questo

En mez ale sdinze

a orge, a belzebù

narem de sicuro

en font

ne l’angol pu strof

E lì troverem Andreoti

co le so reciote

Che vuoi bere

quarcosa?

Nun c’è probblema

Chiamo Luccifero

te porterà quel che vuoi

Eravamo nella Diccì

fin da pupetti

Qua nun c’è gnente

che se mmova

senza nnoi

Ma dai, te penserai

anca chi

la va

de raccomandaziom

Ma dai, te dirai

e se voles far colaziom?

Nun c’è problema

là, alla buvette

vai pur tranquillo

dì che t’ha mandato

el sette

Sette chi? Sette sataniche?

No, è er nostro nummero

de conto eterno

Nun far domande

io te so’ paterno

E zo e zo

E zo e zo

Me sveio, piem de sudor

Meno male, dai

l’è stà sol

en colpo de calor

 

VOLERIA VEDERTE

Ti che te la monzi su tut
ah voleria propri vederte
senza oci col persùt
senza le to robe staifele
pù ‘n testa che nel còr
senza le to sentenze
che taia la vita da mèz
De chi i cativi
de là quei boni
De chi le robe che se pol far
de là quel che no se pol
Ah voleria vederte
‘ntant che ‘fonda la nave
e ghè sol en posto
per salvàr la pèl
T’el lassi a qualcum alter
o te butìt sol ti, adès?
L’è fazile dir mi farìa
se no te sei propri lì
strucà tra quel ch’è giust
e quel che te pensi ti
Quando l’acqua toca
– se sa l’è en modo de dir –
el cul opur la coa
anca le to bele parole
le par, scuseme sat,
come le varòle
Che dis: te sei a posto
contro quela malatia
‘se ciava tut el rest
e anca quei da via

SE PIANZE L’ANIMA

 

No te ‘l vedi, t’el senti

anca se no ghè

el sal de le lagrime

che resta sule roze

dela facia

L’è qualcos

dentro de ti

che ciapa piam piam

tut el rest

“No som su la mia”,

te disi a quei

che domanda cont

del to esser destrani

E enveze l’è propri

en quei momenti

pu de altri

che te te senti

tut um, dala testa ai pei

con quel che te pensi,

te scolti, te snasi

senza poderlo

tocar co le mam

L’è quela voia

de  nar senza ombrela

soto la pioza de marz

de vardar en zel

senza sol

de fermarse, n’atimo

tra zent e machine

che core, che core

che core

senza domandarse

perché

senza portarse

‘nvanti

su quel che ghè da far

dopo

La vida la va

come l’acqua

Tuti i dì

vers la so fim

Che l’è en lac, en mar, n’oceano

dove tut se miscia

prima de esser portà de nof

de sora

dal calt del sol

prima de cascar zò

n’altra volta

Propri come sta pioza

che me bagna

i cavei

e anca l’anima

Senza darne fastidi

Perchè se la sento

vol dir che som

ancora vif

VIA CRUCIS

L’è gnent, se te ghe pensi
le nosse miserie
a confront de quele
che l’ha dovù patìr
senza averghe colpe
el fiòl del Sioredio
Portarse sula schena
quei tochi de legn
dove i l’avrià crocifìs
E su quel sentèr ert
che portèva ala mort
soldài che ziga
bestemia e dà pache
senza vardàr dove
Zènt che spua adòs
a ‘sto por om
zamai tut ensanguinà
Pore done che pianze
altri che se sconde:
“Mi no l’ho mai conossù,
el diseva d’esser
quel che salvèva el mondo,
varèl lì, no ‘l sa gnanca
salvarse da per lu”
Su e su, adès se prega
a ogni capitèl
de quela longa agonia
Tra i olivi de Laghel
entant che piovesina
E ‘ste gozze picoe de acqua
te vorressi le lavès
anca tuti i to pecai
anca quei che
no t’hai mai confessà
Che bel saria arivar
mìz che depù no se pòl
fim ala zima
fin sù dove ghè la cros
E lassàr lì, ensema ai vestiti
tut quel depù
che ne fa sol màl
tuti quei pensèri
che no ne fà bem
E dirghe scusa, scuseme Cristo
tègneme lì vizim a ti
anca mi voi risòrger
e sgolàr alt
là dove se trova
to pare, la paze,
e risposte giuste
a quel che ades no so

EN STRUCOM

 

Saria così bel

sentirse tuti vizini

entant che caminem

vers quel che no se sa

Saria na revoluzion

en quarantoto

na roba for de testa

ma forse gnanca tant

riussir a capir

tuti, de colpo, ensema

che no val propri la pena

viver a sbutonar

Basteria en strucom

de na mam, de ‘n col

anca tra omini

perchè no?

Saria quel che se faria

se fussem sora

na grossa nave

che sta per nar a font

Sol che l’è scur

e no vedem

che l’è propri così

la nossa vita

L’ORA DEL GARDA

Se te devo dir
propri la verità
no l’è che ultimament
la sia così precisa
‘Na volta te savevi
che verse le dòe
de dopodisnàr
la vegniva su dal làch
per farte do carèze
Adès, come sarala?
La se fà strangossàr
Do còlpi nei olivi
squasi a domandàr scusa
Pò ‘na roba
de stravènt
che l’è ‘na roba sua
Te lighi alor le piante
che se nò
va’ en qua e là
Te spèti anca stimàne
prima de taiar el prà
Chè l’ora del Garda
almem fin algèri
l’era ben diversa
da tuti ‘sti gazèri
La vegnìva su piàm
da Riva e da Torbole
la passèva la Busa
prima de morir lì
Lì sul pontesèl
dove te la ‘spetevi
disendoghe sol: ciao
e grazie de la frescura
Se miscia massa robe
en ‘sto mondo strano
giazzi che se cola
calt dove l’era fret
Ah, poreta anca ti
Ora del lach del Garda
embroiada da quei
che tutmal no te varda
Che zamai savrà dir
come l’era, come l’è
‘sto toch de Busa
demò restà a pè

SE TORNES ENDRIO

 

Ah, se podes

schizar en botom

e far tornar

el nastro

del me cine

ala reclam

che scominzia

po la vida vera…

Faria le stesse

robe

No ghe saria

purtropo o per fortuna

altre storie

Perchè no podem

nar envanti e ‘ndrio

come i gamberi

per cancelar

quel che avem

sbaià

Ma se se podes,

te me disi…

Ah de zerto staria

pu su le mie

penseria pu

a quel che ghè

che a quel

che podria esserghe

domam

ogni dì

Vivria come

na bisergola

ciaperia el sol

e se qualchedum

me doves taiar

la coa

ghe farià: toh,

vivo lo stes

ENNAMORARSE

 

No l’è vera

che te senti le campane

nè che de colpo

te te trovi

come dentro

en cine

Però de zerto

no te sei pu ti

Quela dona, quel’om

no ghè pu altro

che quei

Te scominzi

a perder pu temp

davanti al spegio

E quando sona

el telefono

(ades po’, che

te vedi chi te ciama)

te moli tut

Te naressi anca

nut, senza scarpe

en mez ala nef

se lì te ciama

sta voia de vederla,

de vederlo

Pur de abrazar

quela metà de ti

che te manca

E negarse

nei so oci

E dir: “Ades

podria anca

morir”

Perchè ennamorarse

l’è come farse

ciapar

dal sol che va zo

Na roba da maghi

foghi nel zel

Che te fa pensar

entant

a quando sto amor

no ‘l ghe sarà

pu

E po’ no molar

mai quela mam

Tegnirse streti

a costo de

cascar per tera

Basarse anca

davanti a ‘n prete

che leze el Vangelo

o a tanta zent

en piaza

L’è lo stess

Noi sem noi,

ensema

El mondo l’è ades

n’altra roba

Se se podes

ennamorarse

e restar ennamorai

per semper…

 

DAI CHE NEM

 

Ma perchè no te me vardi

entant che te parli

Perché?

Son chi, senza agegi che me poda difender

son chi, davanti a ti

col cor en mam

e le gambe che trema

Perchè no te me vardi

entant che te parli

Te gai qualcos contro de mi

el sento

Te stai su le tue

el sento

Ma posibile che no ghe sia

el modo

per parlarse, capirse, begar…si anca begar

ma senza spacarse i ossi

senza che uno el vaga via en dinocio

e quel che resta el staga comunque mal

Possibile che no te me capissa

quando me sbrego sta roba dentro

per farte star pu larga anca ti…

possibile che te vardi la credenza

e te ghe credi pu a do mobili

che a mi?

Sì, sì, te gai reson

se no ne capim pu l’è meio

che ognum vaga per so cont

Ma tute ste robe bele e brute

passae ensema

che fente

le butente nela diferenziata?

E se enveze nessem fora stasera

en de spiagia del lac

zo a Campiom per esempi

ne butem entera

vardem per aria

no pensem a gnente

tranne che a quel

che el cor

e anca tut el rest

i ne dis de far

 

L’AQUILA E L’ORS

Quando me papà
‘l nèva su per Trent
a tòr le misure
dei seramènti
l’era semper
‘na grant fèsta
Bastèva tegnìr
da ‘na banda el metro
senza molàr
quando lu ‘l tirèva
En pàr de ore
su e zò da le cà
tra malta gròssa
e scatolàti grèzi
dale bande
de Gozzador
Ma po’ vegniva el bèl
perchè a Trènt
sol lì ghera de tùt
la zità dei balòchi
per noi dei paesi
L’Upim, su tre piani
con scale, vara tì
Che se moveva da sole
E quante monedìne
da zinque e dese lire
messe ensèma
zamai da l’istà
a spazàr segaure
en falegnameria
Per quel disco
dei Giganti
manchèva demò
ancor qualcòs
“Te ‘l taco mi”
diseva me pare
“Ma po’ che anca
da sistemar l’ort”
E via tra ‘ste case grande
e zent tuta ciapàda
Miga come da noi
dove ghera ancora
el bò e la cavàla
En mez ai giardini
tra piante e laghèti
toh, fa me papà
varda en quela gabia
E mi coi oci grandi
de quei che
no l’ha mai vista
squasi spaventà
da st’osel grant,
che maraviglia
L’aquila la vardèva
da sora quei bacheti
Do ‘sgolae lente
el bech come bafèti
“I m’ha serada denter
– pareva la dises –
per farghe veder a tuti
come che l’è dal vif
el simbòl del Trentim
Ma se i se desmentega
de seràr la porta
ah en do minuti
sarìa su en Paganèla
chè tanto sorzi e levri
me i bino da per mi”
Ero ancor encantà
da quel che la diseva
che sento en butòm:
“Dai che l’è tardi
te porto su a Sardagna
dove che ghè l’ors
che propri adès magna”

I SGRISOI

 

Te i senti

su la schena

come en petem

sula pel

Capita quando

te scolti

na musica bela

se te ciapi

na stremia

o qualcos

pu grant de ti

el finis drit

denter nel cor

Come na frecia

‘nvelenada

Che te fa perder

l’anda

E de colp

no te sai pu

chi te sei

perchè te sei lì

e cossa far

I dis che la mort

sia na roba

del genere

Me vei i sgrisoi

sol a pensarghe

 

‘STIMANA DE PASIOM

 

Vei zò dal zèl

el fiol del Sioredio

per dirne che l’è vera

no sèm chi de strafùch

dipenderìa da noi

viver bem, morìr, zerto

ma po’  star anca meio

Vei zò el Messia

quel che sà tut

‘l fa miracoi

‘l dis robe

che nessùni

ha mai savù dìr

El guarìs malài,

el resùsita morti

da do pèsate e do ciopète

en vei fora desemili

Quel che l’è a posto

el bùta el prim sass

E tuti che va via

co la còa sul cùl

El perdòna el ladròm

quei che l’ha mès en cròs

anca lù el gà paura:

“Pare, perchè te

m’ha lassà…”

La corona de spine

sangue che vei zò

dai cavei ale sguanze

Ciodi nele mam

e nei pei zamai roti

Asèdo i ghe dà

quando el gà sè

En banda, i soldai

i zuga a dadi

per spartirse

quela tonega strazza

L’era vegnù, su ‘sta tera

per dirne de far polito

de strucar i denti

che ‘l premio vegnirà

Pochi gà credù alora

pochi anca dopo

Quando vei Pasqua

pensèm sol a magnàr

a compràr ovi

de ciocolata

a far la gita

el luni subit drio

Ma che ne frega a noi

se propri pochi dì

qualchedum ha copà

il fiol del Sioredio

Le pòle benedete

la dominica dele Palme

le ciaperà, sul mur

el posto de quele secàe

Se te disès, adès,

senza esser prete,

sant o frate,

che sol fasendo el bem

se pòl averghe paze

magari te me scambi

per un for de zervèl

no te me meti en cros

ma sol, perchè en mam

no te gai el martèl

 

 

 

TE M’HAI LASSADA COSI’

Nuda, sporca, tacaiza
de le to robe de mascio
en banda quel bicièr
da dove avèm bevù
en doi
Per festegiàr
mo me ricordo pù
quel che te disèvi ti
Som chi, adès
che zerco le mudande
ti te sei zamai nà via
senza saludar
L’amòr che te zerchèvi
sì, te l’hai trovà
en mez ale me gambe
el rest s’è ciavà
Domam, al bar
te diserai de mi
che som sol na troia
che la dà a tuti
Eppur mi t’ho credest
quando te me disevi
che ero ‘l to paradìs
che mai te te credevi
Som chi, enmuciada
soto ‘sti linzoi sporchi
Ti te sei nà via
no penso che te torni
T’ho credest assà
e no sòl come dona
Penso a la sposa
che magari te perdona

SOTO TERA

‘l so che l’è destràni
far do passi al zimitèri
propri ‘ntant
che tut ‘entorno
(sem zamài
vizìm a Pasqua)
l’è ‘n butàr
de fiori e gème
e se parla
de resureziòm
Che te diga
‘l gò lì tacà
dese metri
da me cà
Mi no vegno mai
‘n sti pòsti
quando ghè
massa casìm
quando de còlp
en mèz ale tombe
l’è en ‘ciàs de gerìm
zènt che, zent che vei
en bràz lumini
o giòmi de pim
crisantèmi, candelòte
sguazaorti e restelìn
Vago denter
la matina bonòra
giust a l’ora de colaziom
piam pianèl
che nesuni cora
e senza dir le oraziòm
Vardo le foto
quele pu sbiadìe
ma anca quele
‘pena tacae su
‘Sa vot dirme
ghe domando
a quei oci
che par dormìr
‘n dò sarat ades
Carlèto e ti Tulio
con to moièr
E la Gina e la Maria
e quel mort da putelòt
Sè chi soto, l’è sicur
per quel poch
ch’è restà
Ah betati, beati voi
che savè la verità

 

 

EN GUERA

I gh’è ancora

i veci fortìni

da dove i sbarèva

fin che i podèva

Mùri spèssi

finestre pìcole

Da lì i vedeva

almèm metà lach

E quando tachèva

la mitragliatrice

en còlp su quatro

e t’avevi copà

Calzòti sporchi

odòr de strachìm

Cafè co la sgnapa

Zamai frèt

Gamèle da netàr

Bicieri col grèp

Gh’era poca diferenza

tra ‘l cechìn

e ‘l bechìn

Zò ‘n fònt a la val

quatro galìne

(che te le senti…)

da tirarghe el còl

Ma ‘speta, valà

prima magnèm l’of

L’ocio che pìola

ma bisogn vardàr

e de colp en tòn

zò acqua, zò depù

e i scarpòni nel pantàm

Ah, siore Dio

cos’onte mai fat

per trovarme chi da sòl

en ‘sta bruta situaziòm

Mi propri no la gò su

co’ sti cruchi

de bona dona

e alora dime ti

ma ‘sa fente chi

per la madona…

No no voi bestimiàr

chè la colpa no l’è tua

me basterìa tornar

al calt de la me stùa

Butar via sciopi

e baionete

basta copàr zent

come cavalète

Làssa che vàga

per la me straa

che gò na mama

anca malada

E ghè la sposa

po’ che me speta

ensèma al fiol

che ‘riverà

E mi scaperìa

sì, volentèra

ma chi no se pòl

ala lizèra

e se i te ciapa

entant che te vai via

i te mete al mur

senza n’ave maria

 

 

LE RUGHE DEI MONTI

Pròva a vardàrli
bem
magari de sbièch
Làssa perder
pèzi, castagnèri,
làresi e ninzolèri
Varda bem le pree
le è tute a strati
Le se còre drio
en dù, en là
per el lònch
anca su drìt
L’è come tante sgàie
oscia, come spiegarte
come ‘n magazìm
de porfidi
‘nmuciae per benìm
come qualchedùm
l’avess postàe lì
Pensa a che gran calòr
che deve esserghe stà
Per piegar la rocia
e colàr el giàz
Enmagina che casìm
en ‘sta busa
e anca en altre bande
L’è come se te ciapèssi
en giòm d’arzìla
e te ‘l tiressi, encazzà
co le ongie de le mam
Tì dopo, per le stràe
t’hai dovù
scavar galerie
Fadiga, anca morti
anca tante porcherie
Quei segni che te vedi
me diseva el Bubu Ceschini
i dìs sol ‘na roba:
che noi sem pizinini

LA POLENTA

No l’era de quele
zac e tac
che ‘n zinque minuti
l’è nel piàt
La vera polenta
meio se de formentòm
me nona la
la tachèva su
subit dopo colaziòm
E via de nare
col manaròl
Miscia, rebàlta
tasta col cuciarìm
Ghe manca sal gròs
oscia quei fregolòti
E via de nof
giràr e rigiràr
Do zèrchi, quei vanzai
al paròl
sora el foch
Stizàr, stizàr ancora
bom basta
l’è massa calt
En banda la padelòta
‘n dò fritega
i osèi scampài
Po’ via, en bel colp
‘na bota e na scuada
Finìs tut sul tabièl
e ocio se l’è basòta
la scampa dapertùt
Se ‘nveze l’è pu dura
e la fà la montagnèta
adès ciapa la sogata
e taiene ‘na feta
Vegnivem da la scola
e zà su per le scale
tra fradei l’era en begom
per averghen
la pu grossa
E quando anca el pocio
zamai l’era finì
‘na guera per el formai
da butar sora
anca dopo mezdì

LE ZIRESE DEI MORI

E ‘l suzedès adès
se finirìa en presòm
o ala mem pezo
en tribunal
e po’ sui giornai
Alòra, enveze
se finiva semper
per ciaparle
e dò volte demò
L’era tuta colpa
de quele zirèse
grosse, dolze
pù nere che rosse
Sol zò ai Mòri
(sì, a Pratosaiam)
ghera le pu bone
E alora, quando
el sòl en neva sì zò
vegnivem fora
come i lumàzi
piam piam…pu piam
se se strozegheva
de nòr a ‘sti arbori
Po’ su, um ala volta
en ram per um
la boca semper piena
e òssi da spuar
Entant se s’empieniva
canotiere e scarsele
(“Odio, te sèt fat mal
– diseva pò la mare –
vei chi, te disinfeto,
te sei piem de sangue”)
sol quando s’era tèsi
se torneva a cà
‘Na volta el contadìm
stuf d’esser robà
el s’è scondù
drio el ‘ fighèr
col sciòp cargà a sàl
E bam, bam ancora
‘l Giani l’è cascà zò
“Gò ‘l cul che me sbrusà
madona che calòr”
A cà, quando l’ha dit
come l’era stàda
so pare el gà dàt ancora
sul cul, e che zinghiada
“Così t’empari, bocia
a no robar zirèse
e basta adès zigàr
se no t’en dago dèse”
De ani n’è passai
da quele bociarìe
me fà en dì el suocero
che de fruta el gà manie
“Varda ‘ste zirèse
dolze, grosse
e pu nere che rosse,
ciapae propri per poch
da quei del furgonzìm…”
Ne meto ‘n boca una
e l’òs nel cuciarìm
“‘sa ghè, no le te piàs?”
-No, scusa sat
ma le è pu bone
quele magnae
su l’alber …
ste chì, ste chì…
le me par senza sal

EL TAI DEL PRA’

L’è semper en misto
se no l’è ‘n prà
de ‘n giardim curà
Erba spagna, fiori màti
e anca qualche farinèl
Ale basse, ‘n tra mèz
margherite, violète
denti de cagn
che fà zamai i sofiòni
Su le còste e pu alt
ghè anca el cumìm
la zipolìna,
rosmarim selvàdech
malva,
spine de mòre
de sficòm
Passa el fer da segàr
da drita a zanca
se no te sei manzìn
e tut deventa gualif
Ogni tant, el contadìm
‘l se ferma
‘l se suga la testa
soto el fazolèt
Po’, come l’ha fat
desemili volte
‘l se volta, el tira
fora da ‘n corno
vot de bò
en sassòt, scur
dur, semper bagnà
E zim e zam e zom
tut torna, de colp
come ‘n rasòr
Pu soto la zèsta
cola boza de vim
do ciopète
de quele fate ‘n casa
el salàm
del rugant, copà
l’am pasà
E via de nof
che ‘l prà le lonch
e vache e cunei
bisogn guernàr
Domam, sul prèst
bisogna mònzer
portàr el lat
ala coperativa
Po’ ‘l pastolà
per le galine
Me sà che quel
toch, quel su alt
el taierò de zobia
subit dopo disnar

LE CAMPANE DE VIGNOLE

El so, a qualchedum
forsi le dà fastìdi
perchè no ‘l sènte
la televisiòm
e po’ – el dìs –
l’è semper quela
fim che ‘l batòc
no l’ bate pu
Cambia qualcòs
ma semài in pèzo
quando le campane
le ciàma a l’òbit
meio, per lori
quando ai sposi
i ghe tira ‘l riso
E per i puteloti
ala sagra
co la confusiòm
A mi me parerìa
tut destràni
se no le scoltès pu
sì, le robe de ‘sti ani
de ‘na lontana,
zamai nada, zoventù
Me sentirìa zerto
pu sòl
come ‘n namorà
lasà de còlp
Perchè quel sòn
soratùt de sèra
el me dà paze
‘l fa squasi pianzèr
e digo davera
I è picòi, tuti doi
ciesa e campanìl
ma i vardo semper
dala finestra
Din don, din don dan
i me salùda
anca se gò ‘n testa
ancora el sugamàn
L’è de San Valentim
la ciesa del me paès
le lù che ‘l benedìs
quei che se vol bem
Da picol no ‘l capivo
quando fevo el cieregòt
che anche le campane
le cantès vergòt
Canzòm triste o alegre
‘che sgòla come osèi
canzòm fate per tuti
veciòti e anca putei
Nesùni che dis grazie
adès al sagrestàm
Te credo, me dis um
no i le sona pu a mam

NEL BICIER

I dìs che ‘n de ‘n bicièr
no pol stàrghe
pu de quel tànt
tut el rest, se sa
po’ el và per sòra
e nò sol l’oio
pu lizèr de l’acqua
I t’ensègna, anca
per farte stàr meio
a dir mèz piem
pitòst che mez vòt
Ma se te alzi
spès el gòmbet
no te ghe n’avrài
mai assà
Nel bicier
de ‘sta nossa vita
va a finir demò
‘n po’ de tut
Lagrime, ridue,
robe da tegnir a ment
e da desmentegàr
Gran magnade
e mal de panza
gran bevue
po’ da butar su
Vizi, viazi, vòzi e fìze
morosi, fioi
neoi e orolòi
maridi, spose, noni
e carozèle
tuti mal misciai
robe brute e bele
Fim al dì, che sì l’ariva
che de colp
el bicièr se rote
fora tut, zò per tera
quel che gh’era
sciapotà denter
No t’en ciapi alter
el bar el sèra

EL FALS

Ah sì sì, l’è propri
um fat a modo
e da sposàr
se no ‘l gavès
zà la vera
Fortunada la so dona
‘n do l’avralo
po’ binà ensèma
che ‘n paès
i è tuti bruti e doppi
Lù ‘l fa finta
de no sentìr
‘ntant el ghe paga
(sarà ‘na sorpresa)
en cafetìm
a quele done
al bar lì vizim
Po’ ‘l se scapela
davanti al sindaco
e denter en ciesa
a ‘mpizàr candele
“Come ghe vala,
reverendo,
ghe mando i putei
per quei laori”
‘rivà a casa
l’averze el giornàl
“Alora se magna
o se salta disnàr
L’è tuti i dì
la solita storia
mi che laoro
e nel piat zicoria
Ma cossa fat
tuta la matina
gnanca ghe fus
da dar malta fina…
Vara diaolporco
che no va bèm
no l’è così
che se trata la zent”
Sant en piaza
e diaol a casa,
pensa tra ela
‘sta pora dona
“Ma stè robe chi
– la rumega –
gnanca Dio
el le perdona

MA TI ME VOT BEM SUL SERIO ?

Se se varda, se se varda ancora
anca de pù, dopo averlo fàt
Resta – pu ale done? – dopo
qualcòs che no se sa
Te sèt sfogà? Set vegnù bem?
Adès ghe provit
con altre che te la daria?
L’altro, zamai, el stà ronzegando
spetando demò la colaziom
Ela la varda, soto, en banda
e anca el plafòm
Massì, che ‘l dorma
en font l’è stà bel
se po’ no ‘l me sposa
se ciava ‘l so osèl
Che po’ no l’è vera
che per essser done
ne serve na vera
e campane che sone
A mi me basteria
che ‘l me voless bem
resto semper su la mia
el rest ?
Ah, scolta
Sem noi, le done
che semper dem

EL SPANDOM

L’è tut firmà
dal gel dei cavei
fim zò a scarpe
e calzòti
en mam telefonim
del modèl
che no è ancòr
vegnù fora
machina lustra
come ‘n spegio
‘pena tirà de fìm
porte averte
che se veda bem
la radica
Al bar no l’ordina
basta n’ociada
al camerier
Le done entorno
come af al mèl
Dis um, lì vizìm
senza alzar la voze:
“Ma che mistèr
faràlo
per averghi ‘sti lussi
per star ‘sì bem?”
Do mesi dopo
stès bar, stès posto
scapa l’ocio
sul giornal
“Tei, Mario
vàrdel chi
quel spandòm,
adès capisso
tut dal bòm”

LA GARA DEI PENSERI

I va ‘nvanti, endrio
‘pena te gh’avèrzi
quele strae
che porta al còr
I se ferma
po’ i ciàpa l’anda
vei da rider
nel sò far dubiòs
T’en brinchi uno;
“Adès fèrmete chi,
dàte paze,
‘n do còrrit demò?
Vòt finìr come
quel che no
me vèi pu ‘n ment?”
El me vàrda
come fussa màt
Propri lù
che l’è agità
E alora, l’altro
pu sveio
che ghe stèva
tacà ala schena
‘l slònga el pass
vinzendo de poch
E sotovoze
denòr ala recia
el dìs, stràch mort:
“Adès tòca a ti
far tut el rest
‘l butòm mi
te l’ho dàt
vivi come te sei
anca se qualcùm
te dà del zavàt”

 

NO SCRIVER PU

No dir pu gnent

Tàser

lassàr

che i pensèri

bei o bruti

i vaga a spàss

No farse lèzer

star su le sue

smorzàr el foch

che brusa

dal de dènter

dàrse per mort

e fàrse l’òbit

scampàr

da ‘sto casìm

senza mudande

E còrer, còrer

vers quel

che no se sa

vers quel

che no se pol

dir, spiegàr

se te sei vif

SPETA A BASARME

No voi dir
che te sei bruta
‘l so che
te me stai drio
da quando son nàt
L’è da na vida
che te vorèssi
balàr con mi
‘na polka, una sol
la prima e l’ultima
No l’è che
no te me piasi
t’hai zà conossù
tanti me amizi
me noni, me pare
zii, cosìni
Nesuni zamai
i m’ha dit
dopo
come l’è nàda
Sè nadi via lontam
no s’è pù
savù gnent
Spèta, valà
gò ‘n sàc de robe
ancor da far
Gh’en parlo
anca ala sposa
giust dopo disnàr

EL PORTAPEGOLA

I dìs che l’è pezo
de ‘n gat nero
e rebuf
se ‘l te traversa
la straa
Ah, non serve
tocarse lì soto
quando tel vedi
L’è nada zamai
la gaza
Se te zughi a trisàc
e tel gai de drio
pianta lì, valà
se no te voi
finir en mudande
Mai domandarghe
come la va
mai far batue
o ciamarlo al bar
Te vei el sangiòt
la paìgola
la ciopèta col salàm
la s’empianta
nel pom d’Adamo
Epur sat cossa
el m’ha dit
en dì ne l’assensòr
(varda tì, blocà)?
“Cornelio, l’è do volte
che t’encontro
e do volte
che va tut màl
Ciapa altre strae
te porti pegola…”

DISIT DAVERA?

No, ma i me l’ha dit
el ghè ‘l vent giust
no ‘l sentit
anca ti?
El te spetèna
i cavèi
el te sciòda
i zebedèi
Ciàpel subit
tira su tut
no se sbrega
le to vele
ciàpel, ciàpel
dal vers giust
Basta che ti
te tegni el timòm
tut el rest
el vei dal bom
Credeghe
ho dit: credeghe
a quel che te fai
po’ se sa
no se sa mai
Pol vegnir anca
la tompesta
ma ti stà lì
te prego, resta
Varda davanti
mai endrio
se ciava
tuti quei
che no crede en Dio

EL SCIAPOTOM

El gà semper
qualcos ‘n tramèz
tra mam, pèi
e zervèl
No ‘sta domandarghe
se l’ha capì
come se deve far
el te dirà de sì
senza scoltarte
Se po’ te ghe disì
che te ghe l’avevi dit
el risponderà:
“Vara che te te sbai”
Per stravazàr el vim
e ‘l lo beve tut da la bòt
col ladro
e ‘l pissa ne la damigiana
Per far ‘n stuzicadènt
‘l dropa ‘na bòra
El ciapa el sol
soto l’ombrelòm
El vei fora quando piove
Piròm per la minestra
cuciàr per el salàm
dentiera nela fornèla
e la moka sul comodìm
L’è revèrs, disènte
come el kalt
dei todeschi
Tut a posto
gnent a ùm
Dai che te ne conossi
anca ti, de questi,
qualchedum

TE DOVRESSI…

No, no va propri bem
come te sei
cosa te fai
Te dovressi
esser ‘na scianta
(no ocor tant)
mem su le tue
e pu su le nosse
Varda le pegore
tute drio al bech
Varda le af
tute drio ala regina
No te poi
(e po’ ti chi set?)
nar per to cont
averghe n’idea
che no l’è quela
dei de pù
Vegnene drio mam
fa’ el bravo, valà
Te gavrai tut
da guadagnar
a star zito e darne resom
Te trovem qualcos
da far
Te sistemem
prima o dopo
la sposa e anca i boci
Fa ‘n sgrif chi
Ah, eco
ades te sei dei nossi

TEGNETE DA CONT

E ades, e ades

Sem chi ‘n doi

Mi e ti

Bom, metete comot

Che me sa

La narà per le longhe

Entant no stà vardarme

Con quela to facia

Da lezù, studià

Sem vegnui su ensema

Sem nati el stess dì

Mi so tut de ti

Ti te sai tut de mi

E alora?

Ne scambiente i spegi?

Ma va ‘n mona valà

Te conosso mascherina

Quando zerco

De ‘enciodarte

Su la to pareana

Te scapi come ‘n guindol

Ti no te saressi gnent

Senza de mi

Che te scolto, te parlo

Te dago le giuste

Tuti i di

Te saressi come tuti,

oscia gò fam

nente a magnar?

Oscia gò som

‘ndo elo el let?

Oscia gò voia….

Deme na dona

Ma valà, toch de carne

Tegnù en pè

Dai cancheni

Ma valà, zervel

Piem de bissi strani

Scolteme mi,

varda for dai oci

come se quei

fussa na televisiom

Vara che programi

Novi tuti i dì

Prova co le mam

A tocar qualcos

El gnech, el dur

Lassa star, quel lì l’è n’oss

Senti che sonae

Che fa l’acqua del Salom

Ma no, ma no

No ghe serà l’aluviom

Quele cascae

L’è vei sol ogni tant

Varda che bele

Propri sora la straa

Te sentit zò?

E per cossa po’?

Robe de done

O soldi finidi?

Ti no te gai idea

Scusa se tel digo

De quel che

Te gai entorno

Senza esser figo

Snasa n’atimim

St’aria che vei

Dal Garda

Scolta la Lomasona

Prima de tor l’ombrel

Tòchete, tàstete bem

Te sei ancora vivo

Ciameghe poch

Varda la fim

Che ha fat l’ivo

Ghè onde strane

Che vei su dal lach

Le porta tristeza

Magia, anca ‘n spudàz

Ti tegni duro

Te sei en can da l’ua

No ‘sta mai butar via

el timom de la prua

 

 

SULA ZINZOLA

Quel che ghè drio
quel che ghè adèsAltalena
quel che no se sa
Come su ‘na zìnzola
che de colp
te vedi i pèzi picoi
e subit dopo
i par enveze piopi
che pu alti no se pòl
Alora te te dai l’anda
drio bem le gambe
e ‘n bel colp ‘nvanti
Dele volte te par
de star meio endrè
perchè a nar su alt
te vei da butar su
Se te te fermialtalena (1)
su st’asesèla
te gira ancor la testa
far n’altro giro
così che passa tut?
I dis che da veci
se torna mateloti
E che da mateloti
se voria far i grandi
‘n tra mèz ghè sol
el spegio
che te dis la verità

LA RIDAROLA

Che bel

quando la te ciapa

Fin a lagrimar

e squasiimages

te te pissi

ados

Che bel no riussir

pu

a fermarse

Sugarse i oci

voltarse

veder un o una

che praticamenteimages (1)

no fa gnent

e sol per quel

rimeterse a rider

Ala fim te te

senti

quasi sfinì

ma ‘n paze

col mondo

Come se i t’aves

cavà via

dal zervel

senza farte malche risate

tute quele robe

che no le fa

rider

gnanca

a forza de gatizole

 

ENVIDIOSI

Ma sat che ‘sto vestì

el te dona, el te slancia?invidia (1)

Te l’avrai zamà pagà

n’ira de Dio

Bel, bel, brava

te pari n’altra dona

(che se ‘l vede

anca da lontàm

te l’hai tot al mercà

dai cinesi

e te pari pu picola

de quel che te sei)Bingo__l-invidia_g

Oscia, machina nova

l’era ora, che anca ti

te gavessi qualcos

de serio

Color giust, staiffela

e me sa, ma dimel ti,

che la consuma poch

Zerte picole sodisfaziom

bisoin torsele

alla nossa etàinvidia

(Ma cossa vat a torte

che t’hai semper becà

i spigoi del garage

anca col motorim

Quele l’è robe da siori

quando t’avrai finì

de pagarla a rate

la sarà da tràr via)

Complimenti a la to siora

ah ve vedo propri bem

te n’hai passà de brute

can da l’ua, te fai dassèm

bela, bela, de pù

vegnì ‘n dì a zena

(Por laòr, par la so badante

la ghe magnerà for tut)

 

LE DONE, EL PARADIS

 

Ciàpete per temp

prima de l’òto marz

Tuti boni, quel dì86cc011ab5_2325832_med

de compràr fiori

dirghe bele parole

Prova a farlo adès

che piove, nèvega

e tut l’è così revèrs

Buteghe l’òcio

no su cul e tète

vardà ‘ste done

cossa che le fàdonna-di-mare-yana-kiyko

Mai stràche, mai ferme

su e zo ‘n qua e là

Varda che nervo

che le gà tute

anca se ‘l marì

i ghe l’ha avù

e adès l’è sole ‘n cà

Varda come le tei

‘n mam robe de lana

de seda o de lim

Le carèza i tesùìdonna_natura

le ‘sta tènte a tut

Varda come le camina

anca coi tachi alti

par che le bàla

senza voler balàr

L’è da lore

che vegnìm tuti

L’è per lore

che a volte se bega

Le è diverse, sì

da noi mascièti

che pensèm soldonne_terra_india_539

a quela roba lì

Nei sò oci, bele o brute

le gà tute en toch

de Paradìs

EL CORIMAM

‘Tento ale sgieve

che no i l’ha gratà
e ancor vernisà
Ocio al mur
‘pena sbianchezàimg
Vara che ‘l scalìm
prima de la resèga
l’è mez ròt
vàrdete en ‘tera
Dai, compàgna
su el nòno
che gò l’auto
demò en mèz
Dighe che ‘l se tegna
e ti tei su ‘l rest
No ‘stà a far corse
zo per le scale
no l’è na giostra
e no te gai le ale
Resta semper tacà
a quel tochèt de legn
Varda ‘nvanti, ‘n drèanziani-che-fanno-le-scale
mai per aria
se te voi ‘rivar entrèch
Così l’è la vita
se te voi saverlo
se gà semper bisoin
de ‘n corimàm
Pol esser n’idea
voia de far
‘na sposa bela
che la te fà sognar
Pol esser neòi
che te tei su2011-11-13 15.43.02
o anca sol ricordi
de la zoventù
A nar su fa piam
come el montagnèr
en pass ala volta
e tègnete lizèr
Po’ a vegnir zo
ogni sant aiuta
no ocor propri nesuni
che da drio i buta
En dì te troverai
pu lonch ‘n scalìm
podria esser l’ultimDSC_0031
o se tel vardi
da n’altra banda
magari … el prim

EN VECIO MURET

L’è squasi scondù

da sgrebeni e muscio
de vede apena
quei veci sassi
che qualchedum
s’ha mess en schenassse
E su, sacramentando
fim quasi al bosch
E su, col fià gross
co ‘sti marchi adòs
Pree color sangue
bagnae dal sudòr
le vei zò da Nach
senza el tratòr
En toch e po’ la malta
da misciàr nel secio
Dai, porta acqua
che chì se seca tut
E su a portar sassi
che mai i è su alti
Me sa che vegnirà foradddddr
do bine per i zaldi
Varda se lì ghe stà
do colone
per le vigne
E lassa lì el fighèr
‘l vei comot
per st’istà
Toh, varda, do todeschi
che fa adès le foto
proprio a quei mureti
e anca a quei de soto

LA SIRENETA DE L’AROLDO

Per ensegnarte

a far i acquarèiFiore Rosa RITA VASELLI

el dropèva

en grant bicièr
e con quel
(Ma ‘sa falo ades?)
el mizeva tut el foi
Po’ do tre penelàe
svelte, precise
con quele mam pelose
E de colp
come ‘n miracol
varda che fiori
i par ‘pena brevài
Ogni tant, lu
l’Aroldo Pignattariaroldo_pignattari
el parleva
soto i so bafi
Se capiva
(Ma cossa hat fat?)
che qualcos
l’èra nà stort
Ma anca a quei
che de far quadri
propri no
la ghe neva zo
po’ i ciapeva
le carte ‘mpiturae
i le porteva a cà
come ‘n procesiòmAAAAAC
Stamatina
zò en piaza a Riva
scapa l’ocio
e varda ‘n po’ tì
Ghè n’osel
de quei de lach
propri lì
sora la Sireneta
“Ma va via, valà
a sghitàr
che zamai
te l’hai sporcada
bruta bestia che te sei
ades m’encazzo
te bato i pèi”IMG_2263
E que l’alter
sgolando via
che ‘l me ziga
“Ma tasi ti
che no te ‘l sai
la saria semper
da sola
‘sta statua de l’Aroldo
se no ghe fus mi
a tegnirghe compagnia”

LAGRIME

Le vei zo
anca quando
ma vara ‘n po’dddddw
te sei su
Che te disi:
Basta, basta demò
che me pisso adòs
dal rider
Le done, subit dopo
le dropa el fazolèt
che se no
vei zo el truco
dai oci
I omeni i le sconde
e i ‘scominzia
a sangiotàrlacrime
po i se cuerta
co le man
che sta mal
se n’om el pianze
Ma varda i làresi
slagrima anca lori
sora i scòrzi
e fin zò ale raìs
Te pianzi anca
se ‘l fum
el te beca ‘n facia
o quando te daicascata_resina
su la vernìs
se l’è massa fret
o se te sudi
per el gran calt
Te pianzi anca
se la t’ha molà
o quando n’amico
zamai l’è mort
L’è come se denter
te gavessi qualcos
che deve nar fora
perchè el te ciapa
squasi su l’oss
Te pianzi a voltesola4
Senza saer perché
Sol a veder
N’om, na dona
En matelòt
Quei che no pianze
Così se dis
I gà el cor de prea
Ma no l’è vera
I gàveva le lagrime
Ma no i lo saveva

EL ZIO GIGIOTI

El vegniva su da Arco
co la bici e i so atrèzi
olivi da poàr
foie da rastrelàrvan-gogh-contadino-zappa
la gramigna da cavar
e po’ l’ort da vangàr
La telàra, semper quela
calzetòni coi so busi
grossi denti
squasi a sbàlz
el ridèva come ‘n cavàl
Ala sagra de Stranfòr
el portèva en spàla
el sant co na tonèga
scura e longa
El pareva squasi en frate
le sorèle meze suore
pu en ciesaDSCN4136
che a so casa
ma che bona la polenta
se ‘l manaròl
el lo menèva lu
L’era sì en gran bonera
mai ciapà da done
vim e fum
Ghe piasèva laoràr la tera
po’ en bici
el neva sì zò
Noi bocièti el vardèvem
come ‘l fussavan gogh-giardiniere_thumb[4]
demò mez mat
E pensar che par algièri
che coi oci
el n’ha saludà
Disgrazai che no sem alter
a capir tardi ‘ste robe
L’era quei i omini veri
no quei che po’ i n’ha fregà

‘STA NOSSA BUSA

 VIDEO

Se te vègni da Roveredo

‘pena pasà San Zoàm

quel che te vedi5_54

te par en crazidèl

piem de robe dòlze

da magnar sol coi oci, demò

perchè le è squasi asà

Se te ‘rivi chi

da Limom o Malzèsem

no te te ‘scòrzi

che propri dove ‘l finis

el Lach el ghe fa, piamm piam20130426103735-0

tante bele gatìzole

ai pei de ‘sti monti

Se te vegni, envèze

da la Val de Leder

ocio ale curve

de quela Ponàl

Ma eco, te vei

voia de perderte

en tuti quei colori

che po’ va a negàrsedrrrr

dènter sol al blu

Se te sei vegnù zò

da la val dei laghi

t’hai zà vist Toblìm

Terlàch, zò bass

Santa Masènza

e trote che salta

‘n mèz ala Sarca

ma te parerà istèss1399197_4789855563955_1389392169_o

d’esser finì per sbài

en ‘den Paradìs

e tut entorno

semper pronte

per la messa cantàda

zime ades bianche

verde, d’arzent,

marom e anca de oro

quando va zò el sol

Osei che sgòla

nele campagne

o n’muciài, strucàilevi_paesaggio_N

en zima a ‘n pèz

Bisèrgole mate

cagni, cagnòti

gàti dal pel rebùf

boi che tira

el càr del fèm,

pàiti, galine, cunèi

da governàr

cavài che va

su per el sentèr

con seghe molaè

per far la legnaseeeeee

Prèe dove i suda

I manovài

per far le case, col pich

Mureti veci

che i tei su a um

da zento ani

la tera dele vigne

e dei castagnèri

Po’ se narà tuti a poàr

e vers otober, o anca prima

sarà òra de schizar, coi pei

le ue vendemae

e festa granda en piazasssrw

tuti en ghìngheri

e done a balar

ma senza far pecà

Va e vei de contadini

col sarlàt ne la zintùra

‘Na gamèla per magnar

Po’ ‘riverà la sposa

cafè de zicòria,

e sgnàpa nela spòrta

per resentàr

Pomèri, zirèse,

pèrseghi e melogràni

i marìni per le bestiecontadini_leggera_copia

‘l zaldo da polenta

el servirà per ‘l paiòm

quel che s’ha scartozà

E le mòre co le spine

Ampòmole, granzòni nel bosch

e lupol per la bira

denòr ala cà

orti con tute le verdure

Dai Maria, tò su quele zìgole

che nem a la fera, a strangossàr

Maròni per l’autum

Che boni col vim nofscartocciare1

Case vecie,

col sofìt alt

e vòlta a bòt

sora stàle e càneve

Fontane en piaza

per far la lìssia

“prodòti” e ostarie

per bever en bom bicièrdeeeeeeee

Ma cossa digo su

scusè, som ensognà

Stevo vardando ‘sta Busa

su ‘n quadro de na volta

zamai empolvrà

TORCIEI

Fil fat col diaolèt
(‘na volta co le sgorbie)
su legn dur
che dopo zigheràmorset
come a dir:
“De pu no se pol”
I pu grossi
i schiza le graspe
per tirar for sgnapa
o vim per i siori
Ghè quei picoi
per tegnir a um
do compensai
‘n toch de formica
do asesèle
zamai scaiade
e taiae vardandossseva
bem la squadra
‘n mez la cola
o màstez tacaiz
da tirar de chi e de là
co ‘n pètem de fer
Sul bancom, la so roa
la tei fermo tochi
fim che te gai
dopo, da gratar
Basta po’ en par de cioditorkel-nonnenhorn2-gr
e te vai a cargàr
Ma ti varda quei torcèi
che ne tei a um
noaltri
Quando t’hai demò capì
che te poi tirartei via
ah l’è tardi, i te dis
e po’ i te mete via 

 

DE SERA ZO DAI FIBIE

Bisogneva spetàr
la fim de la zena
che le done
le spareciessadddde
anca se sul tàol
resteva però i bicieri
e qualche toch
de formai dòlz
ensema a do luganeghe
giust per far
vegnir de nof sè
Po’ el Fibie, come semper
el paseva drio le spale
le zinture de coràm
de la so fisarmonica
Quatro note, svèlte
en cròs
per scaldar tuti i dèi2013-10-08_19.03.41.jpg.cropped-0
E de colp, nela cosìna
i era tuti so i so pèi
Subit via co la Ninèta
picoi e grandi
tuti a cantar
le parole le vegniva
senza fadiga
ma dai, ‘sa fat lì adès
sera tut ‘n de l’armàr
E le done che baleva
anca con i pu ‘mbranai
Oscia, varda entant la nona
la se magna el formai
Per ciapar en po’ de fià
ghera anca le storieledrr
come quela che ‘l Bepi
el conteva ale putele
“Done zovene
corni e cros
Done vecie
peti e tos”
E zò a rider i mateloti
che i capiva poch e gnent
de batue per i grandi
ma le recie semper arènt
Vegniva l’ora ala fim
de nar tuti sul Galeto
“Su demò, che domam
voi nè a scola
e mi dal Carleto”michaelis--1932
Ani dopo la televisiom
sol per siori o a l’osteria
che ve diga, sì, dai, bel
ma no l’è quela so zia
Perchè là, zo dal Fibie
l’era tuta n’altra storia
perchè sol en quele sere
ghera sì, vera baldoria

L’ULTIMA CAREZA

Te fai piam, piam
squasi per la paura
che el se sveja
en ‘sta camera strana
piena de fioricccceeA
zamai fora stagiom
“Gavralo fret?”
te pensi da per ti
entant che te tiri
(ma l’è far per far)
su el baver de la giaca
No se sente gnent
gnanca el cias
dele machine da fora
Per tera ‘n par de guanti
de quei che se dropapadre
per netar
senza demò sporcarse
Par che tut sia ‘nciodà
tra sti muri da sbianchezar
Par che tut sia ‘n sogni
adès prest se se leverà
Toco el nàs de me papà
sì l’è fretfiori-funerale-morte_1015077436x230
nesun che scalda chi?
Na mam sora i so cavei
na careza, n’altra
e n’altra ancora
dai perdoneme
nol farò mai pu
So che gò en gran debitfeuille_morte
con tut quel
che t’hai fat per mi
Dame en segn, che te capissi
no stà narme via così
Vegno fora
da quel sito nero
ma me volto
per vardar meio
Sì, l’ha alzà n’atimim l’ocio
come per dirme
“te me fai propri pecà”

EL BABAO

No s’è mai savù

de preciso, preciso

che cosa, come e doveLogoUoN

el podessa esser

L’era forse en sogno

piem de robe brute

N’om nero che al strof,

dove l’era de solit,

no te avressi mai vistuomo-nero

No L’era l’Orco de Pollicino

el lupo de Capucceto

la balena de Pinochio

e Barabba contro Gesù

Ma na roba che demò

t’avressi ‘ncontrà

prima de Carosello

e senza zena, nel let

per puniziom

Che ‘pena mess le sguanzesssssssscccc

sora el cosìm

e tirà sora leinzoi e cuerte

el t’avria trovà istess

per coparte co le so manaze

per magnarte tut quant

tochetim dopo tochetim

Po’ la matina tut finiva

e che fam a colaziom

prima de tor su la cartelaPoucet10

e nar de nare ala staziom

Adès ghè n’altro brut babao

che me dà bruti penseri

Me remeno, no ciapo som

ma lu el torna, piam

ancoi come algeri

Sol quando me levo su

e me vardo en d’el spegio

riesso a dirme: “Dai tut malmorte

la podeva anca finir pegio”

Al de fora, sui soliti muri

vardo i nomi scriti grossi

“Vedit a no far i bravi…

el Babao te magna, te magna i ossi”

E SE ME ROTO?

Togo en mam en cuciàr
el vardo, el toco, el dropoy1p9tcdpvluescyk1srija2cldmmbpyxcrxb-l7thtf73cwd5sokfgbpyegkdaejci
a tirar su la minestra
Entant penso a ‘sto arnès
a quel che per primo
el l’ha ‘nventà
zamai quando no ghera
ancora la minestra
O la ghera, ma i la tireva
su demò co le mam
‘mpizo en zigarèt
col solito acendìm
Varda che bela fiamacigarette-shaped-butane-lighter_upjm1259811694687
e pensar che ‘na volta
per far el foch
i doveva strussiàr
sfredando do legnòti
De sora, en zèl
passa n’aroplàm
Chi l’avria mai dit
che ‘n condomini
fat tut de fer
l’avria viazà per aria?
Tanti miracoi su ‘sta tera
e altri gh’en sarà de sicur
nei ani che vegnerà
Robe vegnue dal gnent?ddddddddd
No, dal zervèl dei omeni
E po’ da fadighe, prove
bestemie e dolori
Ghè stà anca quel
che po’ i ha ringrazià
mess en presom
per no esser sta capì
Me vardo al spegio
che brut che som
paro en scimpanzè
en cravata e gilè
Ma con quei ocispecchio
quele mam, quei peli
do gambe, la boca
recie e quel che ghè
soto i cavei
vivo bem, senza fam
fret, calt, sè
e basta en botom
per vederghe al strof
Ah dev’esser stà en testom
quel che a so temp
el n’ha enventai
Sol che come tuti
i agegi che i vende
anca noi, en dì
restem enciodai
E la garanzia?
ghe domando a ‘n prete
“Ah, quela caro”, el dis
vardando en sugalileotrial2
“la dura per semper
come dis Lu,
sol che per cambiar
quel che no va pu
te devi prima roterte
ma roterte del tut”

 

LA VERITA’

 

Te la zerchi ‘na vita

nei libri, en ciesadreee

tra la zent

e dele volte anca

soto el paviment

Te rebalti su tut

che gran gazèr

po’ che te resta

come tante farfale

che sgola en testaver4

Salti mortai, ciàs

beghe da foch

slinzòi sbregai

te par de no farghela

“m’arendo”, zamai

Entant se va ‘nvanti

con quel che ghè

nè tre nè seiawwww

disente pressapoch

che de ‘sta verità

se vede sol ‘n toch

Ma quando te sei

vizim ala fim

com’ela come no ela

te senti en sbruseghinserrr

No l’è el mal de gola

e gnanca el rafredor

l’è quel che de vera

el sà pu saor

Toh, varda ‘n do l’era

che la se scondèva

giust adès la vei foraverit

che no la serve pu

ma dime che destim

basteva vardar pu bem

denter mi, demò

 

NO TE DEVI

Butarte zo per gnent
sentirte el pu mona
averghe paura
de dir la tua
No te devi, mai
pensar
che su ‘sto mondo
altri i gà
pu diriti de ti
Zerto, te devi
anca ti
star a zerte regole
ma sol fim
che sti comandamenti
no i è contro
le done, i omeni
el viver en paze
ensema
Sta tranquilo
no stà far gazeri
se propri no te podi
tegnir i pugni
en scarsela
Varda en zò
pu che ‘n sù
L’è da la coa
che se ‘riva en zima
Tegnete a um
no sta mai e po mai
lassar perder
le to idee
Daghe na mam
sol a quei
che ne sa pu de ti
no a quei che
te la monze
Ciapa el sach en zima
lassa perder
quei che ziga
Vivi ogni dì
come fus l’ultim
E l’ultim dì
come fus el prim
Scolteme mi,
meio esser veri
che nar ‘nvanti
… coi guanti
per no sporcarse
le mam

BUM, BUM, BUM

Sì, oscia, gò fifa
e alora?
Me par de esserOlistico
su le arele
Pènseghe en poch:
‘sto sangue che va e vei
dal cor al rèst
semper, dì e not
come na caldaia
che tira anca d’istà
E pum, pum, pum
sia che te dormi
sia che te staghi
sdravacà sul canapè
E pum, pum, pum
Sangue al zervel,
sangue che vei fora
a farte la barba
sangue: la benzina
che gira nel to motòr
E denter aria
denter magnar
denter pensèri
e tant strussiarApp CV estate - 008
Bum, bum, bum
no ‘l se ferma mai
Perchè se ‘suzede
che s’encanta
l’ambaradàm
ah l’è cavoi amari
se bloca tut l’argàn
E bum, bum, bum
te par che sia normale
sentir ‘sto rumor
Se vive, se laòra,
se fa anca l’amòr
Po’ en dì s’encioda
‘sto nar e ‘sto vegnìr
Te disi tra de ti:
“No sarò miga drio a morir…”dddddd
I medizi i te giusta
i slarga i canaluzi
Bum, bum, bum
ritaca i rumoràzi
No l’è ancor l’ora
per nar zò soto tera
Dai, vardete entorno
prest vei la primavera

POMERI EN INVERNO

Fa ‘mpressiom dessì vederli
squasi gualivi, tuti en bìna
senza foie, i par sèchi
par che i piega zò la zìma
Gavrai frèt? Anca i gelòni?nbayar
Lori no i pòl dir gnent
Ma de zerto na cuertèla
sarià meio averla arènt
I varda vers i pali de la luce
quanti osei che lì se cucia
lori envèze i bate i denti
e nei rami i gà l’ucia
Veci, zoveni, ‘pena piantai
tuti i alza i brazi al zel
dai vegnì prest a poàrne
che così ne scaldè ‘n pel
L’è lontana la primavera
coi so bùti, coi so fiorissssrrt
e le af, quele postine
che farà sbociàr i amori
‘Riverà anca el contadim
a magnar el prim pom vert
quel saor che sa de pù
se te roseghi senza el cuert
Po’ na festa, tante mam
tra quei pomi rossi e zaldi
le cassete da ‘mpienir
per ciapar i giusti soldi
E de non ritacherà via
come l’è zamai per tutibosco2
quel passar dal bel al brut
per ridar dei novi fruti
Entant vardo ‘sti pomèri
tuti nudi e ‘ngiazai
vegnerìa voia, el giuro
de vederli pu cuertài

LA BEFANA

La m’ha semper
fat paura
quela vecia sdentadahansel-e-gretel_43908
col nas lonch
curvo e brut
e ‘l capel
da desperada
Per mi, da bocieta
l’era l’istessa
de ‘na storia
dove do pori mateloti
i finiss en de ‘n bait
Na casota demò strana
fata de zucher
torte e ciocolata
Po’ ariva de colpbefana_2014
‘sta vecia e la vol
farghela stagnar
la mete su na brenta
la vol farsei da disnar
Quando som stù pu grant
nel calzòt tacà al camim
la lasseva le carobole
caramele, en mandarìm
La scapeva co la so scoa
senza voler gnent endrio
Propri come la me nona
che scondua ne la cosina
la vardeva la me boca
zamai piena quela matina
Adès enveze è cambia tut
no l’è pu come quei anicalza-della-befana-2014-idee-fai-da-te_5991
Ghè chi per far batue
fà i auguri ale done
Ghè le done che va fora
come ciuciae da le strie
e i zugatoi toti coi saldi
no i ghè sta’ pu nele calze
L’alber de Nadal zamai
no se ‘l desfà subit dopo
El pol star lì nel sito
demò squasi fin a Pasqua
Meno male che le festecarneee
l’ ades tute finie
Oscia no, ghè Carneval
grostoi, maschere
e coriandoi….ieh

QUEI DE LA “MONDIAL”

No ghera i mondiai
del balòm
sol em camp de patatef32ab8c1ef633ecd20afca3eecbb11ec_567849
tra do bine de vigne
E lì se zughèva
fim quando, propri
vegniva strof
E su nela botega
dela pora Mariota
se te comprevi
en tot de ciocolate
i te mandèva a cà
na maieta bianca
co le righe verde
Ne sem messì ensema
alora, me par ieri
tuti i boci de Vignoledeessaa
E via a roter le scatole
per ‘sta ciocolata
E’ nà via zamai mesi
prima de ciapàr
sto pàch gròs
scocià dapertut
Le maiete, le maiete
ma come ne ciamènte?
For dala falegnameria
en candolòt voit
de vernìs per seramenti
Mondial, ghera scrit
e Mondial ne sem ciamai
Co la Bepina Tambosi
a ricamar sto nome
(“Ma cossa volel dir?”)
e anca i numeri drio
da l’um a l’ondese
Po’ i alenamenti
baloni che se sbuseva
contro quele spine
vizim al Salòm
Mama presteme
zento lire
gò da nar ala staziom
E tuti zo a Riva
contro quei del Riom
Che scopèla putei
ma l’è sta en partiom
Che po’ sen nai
zo ai Mori
e anca a Bolignam
finchè è arivà la StivoImmagine-18-680x365
a darne na mam
L’era pu bel però
quando se zugheva
prima
col Marco, el Diego, l’Enzo
la bala dapertut
Come quela volta
che ho sbaglià el rigore
Ma se sa, el lo disdreeee
anca um nel disco,
no l’è da ste monae
che se capis
se um l’è en zugador
o ‘n broco por laor

LETERA AL SIORE DIO

Dio, se te me volessi propri così bem, no te me faressi strusìar sì tant. Te capirèssi al volo che no ho mai fat gnent de mal. Che no la gò su con nisuni. Te me ciameressi con ‘n fiscio: dai valà, vei su, ‘sa fat lì en mez ai gazèri? Enveze, vara ti, devo esser semper mì a ciamarte. A pregarte. A dirte: “Ma alora, te par propri na bela roba? Lassar che ne rangiente tra noaltri? Che l’è come butar na ciopèta en mez a ruganti che no magna da stimane. Che l’è come fidarse de quel che per do euri venderìa so mama. Dai, manda zò te nof to fiol a meter tuti en bina. Te prometo che fin che te me lassi en pè e con ‘n zervèl senza nebie, farò de tut perché stavolta no i lo meta en cros. Po’ però spetene. Che vegnim su tuti ensema per la gran zega.

 EL GREMBIAL

Varda el grembial
e te capissi subit
che mistèr el fadddde
El bechèr e ‘lo gà
sporch de sangue
el pastizèr
de zùcher e ciocolata
el mecanico enveze
el gà na tuta
piena de oio e grass
el contadim
de tèra e gramigna
l’idraulico
de rafia e sporcaria
quei che netalibero_muratore
de polver e tacaìz
el marangòm?
Ah, me ricordo
quel del por Mario
ghera su cola, pàiz
bosie envernisade
l’era come vedèr
en quadro
de Picasso
dur come el mur
el steva en pè
per so cont
ma guai a netarlo
quel l’era el so
grembiàl
Po’ ghera quei
dei boci
che neva a scolaCamping-font-b-Camouflage-b-font-font-b-aprons-b-font-work-font-b-aprons-b
tuti gualivi
col fiochetìm
Ades ognum
el va per so cont
con prosachi pu grandi
anca dei mandoloni
E ghè i grembiai
de quei che
no lavora pu
Neti, zamai da stirar
n’altra volta
finidi en de n’armàr
che no se sa mai
Come zerte telàre
che mi ‘scondo via
perchè se le vardo
me par che ghe sia
chi, ancòr, me pàre

SCOMINZIEM BEM

La sposa col mal de gola
el cagnot zidìòs
el bocia che ‘l manda
foto col telefonim
sdravacà sul cofanomal-di-gola1
de na machina
ale quatro de not
Vago fòra a ciapar aria
e a portar la sporcaria
Dai che forsi
da qualche banda
ghe scapa anca en cafè
Nesuni en giro
bar serai col cadenàz
Denter, en farmacia
(tome qualcos che
me par de scainar,
l’ha gosà la sposa
da soto el let)
par de esser a la Posta
Tuti strovi, cuciai
col so bel numer en mam
Quel che gà mal ale recie
(saral stà per el massa cias?)
quel che zamai l’ha butà sufarma
anca el disnàr de Nadal
quel che strozega i pei
e voleria na fassèta
e quel che ghè prima de mi
L’è zà mezdì, me manca
i zigarèti
ah zà che ancoi
no ghè i giornai
Tuti serai i tabachini
me manca la tessera
per le machinote
Torno a cà e me domando
ghè qualcos che no va
Po’ la sposa encazzada
“Ah scominziem bemuid_12578f202e0.250.0
dime, dove set stà
tuta la matina
che ancoi l’è sol
el prim de tut n’am?”

NINA NANA

 AL  DOMILIETREDESE

 

Dormi, dormi piam piam

Am che passa

Te tegno na mamclipart-buon-anno-nuovo-7

Dormi, sera i ocièti

No ‘sta scoltàr

I mortarèti

Speta che te meto

Sora na cuertèla

Se no te basta

Empizo la fornela

Dai che zamai

Te te ‘’ndromenzibuon-anno-2014-28427307

Nela tera ghè zà

I to somènzi

Te n’hai fat de cote e crude

Come to papà e to nòni

Sé stai tuti ala fim

Sia cativi che boni

Dormi, te sei veciobuon-anno

Ghè quel nof demò

Vizim ala porta

Va nel let valà

Te porto mi la spòrta

Dai, no stà tortela

L’è el destim de tuti

Prima o dopo da l’alberase24

Casca anca i fruti

Ma te verai, credeme a mi

Che qualchedum

Per qualcos de bel

Se ricorderà anca de ti

EL CONT ALA REVERSA

Men des, men nove,
men oto, me sete,
men sei, men zinqueaaasee
men quater, men trè
me dò….men um
BOM AM, BOM AM
E via a basarse
soto el viscio
(ocio a no restarghe tacai)
a sofiar nele lengue
che se slonga
e sona come i zugàtoi
per i boci e i cagni
Po’ i mesagini
le telefonade
“Sì, anca chi
sem nel nof am
Ma dai, anca lì?”
E via col trenim
(popo, zo le mam
dal cul neh…)
e zò col bever
e zò el codeghim
(metete el paltò
se no te vein
‘na congestiom)
Vara vara i foghi
per aria
Ma varda che
te se brusa
el mantim davera
nel portacenere…
E dai che no sarà
miga l’ora da
nar a dormir ades
L’è el prim de l’am
Tò na feta de panetòm
che la suga…
Ensoma se se trova
dopo vers mezdì
se propri la va bemnatale 2010 capodanno pranzo cenone
Bevit qualcòs?
Vara, pitost
me trago nel lach
Magnit qualcos?
Vara, pitost
me sero i lavri
col fil de fer
come quei pori laori
dei barconi
Fente almen do passi?
Vara, squasi
torno nel lèt
No so, me par
de butar su
quel che ho apena18797522-malato-malato-febbre-flu-freddo-starnuto-tosse-vomito-disease-stick-figure-pittogramma-icona
butà zo
Vei sera, oci picoi
boca empastada
Domam a disnar
dai suoceri?
Dighe che i n’ha
roba la machina
Men 365, men 364,
men 363…ala
prosima fim de l’am

L’OBIT

Trei, nel giro
de poche stimàne
quanti amizibara1
che no ghè pu
Te vai a l’obit
te meti lì
el biglietìm
se benedìs la bara
po zò, sui banchi
o ‘n pè
se la ciesa l’è piena
Sarò forsi mat
o ‘n cristian destrani
o magari um
che pensa massabara-2-770x513
da per lu
ma mi no riesso
a starghe drio
a la messa
continuo a pensar
a quel che adès
propri lì ‘nvanti
l’è zamai serà
en de na cassa
Fim l’altro dì
el feva, el brigheva
el parleva
el se moveva
come mi
Ades el tase
no ‘l dis gnent
No ‘l poderiaCopertina Libro degli accompagnamenti
gnanca resusitàr
che l’è enciodà
lì denter
Po’ quando i lo mete
anca soto tera
me vegniria voia
de dirghe:
“Ste fermi, spetè
n’atimim…”
Ma so che tuti
i me varderia mal
come tuti i vivi
i varda i vivi
prima che qualchedum
el sia mes zo

EL SASS DEL CONTE

L’è en mez al bosch
poc sora i castagnèri
se te vai su da vignolebosccoooo
propri de zanca
ghè el prà dei spinazèri
vers Nach, enveze
ghè el pilòm de la luce
Noi, da bocièti
nèvem su per fonghi
granzòni e tochi le legn
per saltàr co l’asta
(come el Dionisi)
le asesèle messe su
tra le colone dele vigne
Se ghe arivevà
per sentèri alora nèti
saltando come cavriòi
E quando el vedèvemsssssss
anca da lontam
se tirèva el fià:
zamài sem arivài
al sass del conte
E sto maròch
el te vardèva
parèva che el ridèss
“Pòpi piam
se nò ve fè del mal
polsève n’atimìm
come mi fagobosco2
demò da na vita
che se volè arivàr
fim su ai Fiavèi
la straa l’è longa
da far coi vossi pei”
Se se sentèva vizìm
tuti entòrno a ‘sto sass
se ciapèva el fià
de pu se l’era istà
Po via de nof
sui senteri
oscia, me par algièri
No so se me sbaglio
se me ricordo mal
ma me par che
‘l sass del conte
drio man el ne saludessa
te digo che l’ho sentì
pu volte, anca
dir qualcos de stranocamp
entant che tuti ensema
nevem vers el capano
sì quel dei cazadòri
scondù tra el foiàm
en dì ho vardà fora
e ‘l sass del conte
l’alzeva anca na mam

INTERCETTAZIOM

Mi: Alòra quando ne trovente?
Que l’àlter: No so, dime ti
Mi: Pòrtit ti la roba che serve?
Que l’àlter: T’ho dit no che l’ho tòtaintercettazioni
Mi: quant vei fora a ocio?
Que l’àlter: Varda, fem dopo i conti
Mi: Grazie sat, ghe n’avevo bisoin
Que l’àlter: Se no se aiuta i amizi…
Mi: Sicùr che l’è bona?
Que l’àlter: oscia la fem noi
Mi: No perchè sat en giro…
Que l’àlter: El so, en giro ghè de tut
Mi: eco, che po’ se m’envanza…
Que l’àlter: El so, la ghe pias anca ai toi
Mi: Dai vei alora, al solito posto
Que l’àlter: Dame el temp de vegnir demò
Mi: Ocio a no far come l’altra volta
Que l’àlter: No, stavolta stago ‘tento
Mi: Me racomando neh…
Que l’alter: T’ho dit che stago ‘tento
Mi: Te sai che basta poch… 401112_854063_039f9ff51a_14572514_medium
Que l’alter: Ma sì, oscia el so
Mi: Dai che te speto alora
Que l’àlter. Lasseme almem partir
Mi: Ocio che no te veda el Bepi,
te sai che anca a lu
te gai promes la to carne salaa

EL VEGLIOM

Se taca via, de sòlit
co le sciràche
dela spòsa
“No gò pu gnentawsa
che me vaga bèm,
vèdit a no averghe
el temp
per pensàr n’atimìm
anca a mì?”
Po’, nel salòm
coi tavolini pu bei
zamài ocupai
te finissi per trovarte
ma varda ti
proprio de nor
a quei che storze la boca
apena i te vede
Se sente sol el ciàs
de pironi e cuciari
fim che um el dìs:
“L’è fret anca ancoi
ieri l’era pu caltimages
e l’alter dì
ghera el vent”
I scominzia a sonar
e meio così, valà
se magna e se fà zito
La sposa la vòl balar
Ti te sei zà mez ònt
Alora ghè en putèl
che ‘l se la porta via
Tei vardi e te disi:
“Vara come i va a tempo
par quasi che i abia
fat le prove”
Ma quando el bocièta
el ghe mete
na mam sul cul
te deventi ros e vert
te manca sol el zalt
per diriger el trafico
“Cossa gat, set geloso?”
la dis la moier
ancora meza sudada
“Mi geloso? Ma valà
te sai che de ti me fido”cenone di capodanno [320x200]
Però quando el zovine
da lontam
el ghe fà l’ocièt
te scorli bem el dè:
“Adès popo
te fago balar mi”
E ala fim, quando tuti
i se taca
per el solito trenim
lu davanti, ti de driò
e te ghe strenzi
bem e forte
le mam sul so copìm
“Ah l’è sta bel, sat
el vegliom de st’am
ne sem divertdi en muciodonna-che-piange
som cot come en salàm
La sposa? L’è nel lèt
pensa che l’è cascada
coi tachi nel canalèt
Adès la gà n’ocio nero
gò mess su na bisteca
no, no capisso propri
quei che ale done
magari per na monada
en testa ghe dà na tega”

QUESTO AMORE di Jacques Prevert

Questo amore
Questo amore
Così violento
Così fragile
Così tenero
Così disperato
Questo amore
Bello come il giorno
E cattivo come il tempo
Quando il tempo è cattivo
Questo amore così vero
Questo amore così bello
Così felice
Così gaio
E così beffardo
Tremante di paura come un bambino al buio
E così sicuro di sé
Come un uomo tranquillo nel cuore della notte
Questo amore che impauriva gli altri
Che li faceva parlare
Che li faceva impallidire
Questo amore spiato
Perché noi lo spiavamo
Perseguitato ferito calpestato ucciso negato dimenticato
Perché noi l’abbiamo perseguitato ferito calpestato
ucciso negato dimenticato
Questo amore tutto intero
Ancora così vivo
E tutto soleggiato
E tuo
E mio
È stato quel che è stato
Questa cosa sempre nuova
E che non è mai cambiata
Vera come una pianta
Tremante come un uccello
Calda e viva come l’estate
Noi possiamo tutti e due
Andare e ritornare
Noi possiamo dimenticare
E quindi riaddormentarci
Risvegliarci soffrire invecchiare
Addormentarci ancora
Sognare la morte
Svegliarci sorridere e ridere
E ringiovanire
Il nostro amore è là
Testardo come un asino
Vivo come il desiderio
Crudele come la memoria
Sciocco come i rimpianti
Tenero come il ricordo
Freddo come il marmo
Bello come il giorno
Fragile come un bambino
Ci guarda sorridendo
E ci parla senza dir nulla
E io tremante l’ascolto
E grido
Grido per te
Grido per me
Ti supplico
Per te per me per tutti coloro che si amano
E che si sono amati
Sì io gli grido
Per te per me e per tutti gli altri
Che non conosco
Fermati là
Là dove sei
Là dove sei stato altre volte
Fermati
Non muoverti
Non andartene
Noi che siamo amati
Noi ti abbiamo dimenticato
Tu non dimenticarci
Non avevamo che te sulla terra
Non lasciarci diventare gelidi
Anche se molto lontano sempre
E non importa dove
Dacci un segno di vita
Molto più tardi ai margini di un bosco

Nella foresta della memoria
Alzati subito
Tendici la mano
E salvaci.

STO VOLERSE BEM (traduzione di Cornelio Galas)

‘sto volèrse bem

Che te remèna

Che te nìna

Che te fa deventàr mat

‘sto volèrse bem

Bel come el sol

E catif come en biss

Schizà su la coa

‘sto volerse bem

Anca senza soldi

Che te basta sol

Vardarla nei oci

‘sto volerse bem

Che fa vegnìr i sgrìsoi

Anca se no l’è frèt

‘sto rebaltòm

Che te par

De butàr su

Che te stormenìs

Che ‘ntorno la zent

La capìs, la te vàrda

La t’envidia

Come tì a so temp

T’envidievi quei che se baseva

‘sto volèrse bem

Tra alti e bassi

Baticòr e delusiòm

Pu volù che ciapà

O pu ciapà che volù

En dàmela e tòmela

Semper nof

Anca se l’è vecio

Se pol desmentegarlo

En giro per straa

E po’ corrèr de not

A zercàrlo col lanternim

Oh, come volerìa tant

Che quando el vèi

No ‘l nès pu via

Gosàr el to nome

A còsto de perder la vòze

Viver semper

Che te scalda el cor

Lassàrse brusàr

Come en stopìm

Negà ne l’oio

Tute l rest no ‘l serve

Che a nar, piam piam

Vers la bara

Senza tanti scorlòni

Del nos de dènter

‘sto volerse bem

Che gran bela envenziòm

Fim che ‘l dura

Te pàr na rivoluziòm

L’ARIA

 

Prova a pensàrghe:images (1)

se te vivi

l’è perché te tiri

e te buti fora

aria

Senza quela, caro mio

Te seì del gàt

No te la vedi

Squasi mai

Sol quando fa frèt

Par che te fumi

E se te sei en acqua

Te fai le boleimages

Ghè l’aria

Che finìs drita

‘n dei polmoni

E quela che envèze

La và nel zervèl

Prova a pensàrghe

L’è quela che manca

Quando te par

D’èsser en presòm

O con ‘entornoeeeeee

Zent che te vol mal

Daghe ‘n po’ d’aria

A quela finestra

Dis el marangòm

Al bocia che scominzia

A far el mistèr

Daghe ‘n po d’aria

Dis quel che sgionfa

Le gome de l’auto

Aria, aria, aria

Se dis per parar via

I roti coioni

Respira bemrespirazione-e-visualizzazion

Tòtela con calma

Per fortuna l’aria

No i la fa

Ancora pagàr

LE SPERANZE

L’am vecio, zamài sghèrlo
el nèta tuti i cantòni
paltò sbregà,
e anca i mudandòniAnno vecchio e nuovo
L’am nof, gnancora nàt
zà el scàlza
en panza a so mama
“Dai che cambio tut,
feme demò nar fora
da ‘sta tana strova”
Entorno tanta zent
che spèta, che sbràita
pronti co la botiglia
e capelòti en testa
Tuti demò sicuri
che la narà meio
st’am che vei
“Ma averzi quei scuri
che no me vedocalendario-2014-santi-ver21
gnanca i pei”
Varda el sol che nàse
l’è el sol del prim de l’am
no ocòr pu strusiàrse
finìs ogni malàmxxxxww
Ghè quel che spera
de trovar laoro
que l’altro, separà
el zerca en nof tesoro
Po’ quei che spera de pù
per aver almem la metà
E quei che quel che ariva
ma sì…l’è zà assà
Ghe i boci che no sa gnent
e che ancora i zuga
quei che se fà arent
sol quando la ghe toca
Dai che cambierà tut
con domam no bevo pu
ma valà che te l’hai dit
anca tre ani fa, bubù
Ghè quei, che come mi
seita a fumar
E no i capis che i è lori
che continua a brusàraqqq
Sperar che no ghe sia guera
l’è bel e da firmar sùbit
basta no butar en tera
quel che no te pìas
Ala fim de la fera
dai, sperènte
che st’am che vei
nol passa per gnènte

EL DISNAR DE NADAL

No cambia tant
(a parte i soldi)
se te stai a cà
o te vai fòranatale
El disnàr de Nadal
el te frega l’istèss
Perchè quel dì
com’èla come no èla
te magni tant
de pù che de spèss
Se tàca via
zamài a colaziòm
pandoro, zeltem
o panetòm
Po’ i regalèti
per i parenti
e quei bicièri
semper dirènti
Dopo aver tastà
en po’ de tut
via coi primi
e no te sei sùt
Entramez, se te voi
ocùpar el temp
oscia bina el formài
e anca el salamèl
E zò che ‘l vaga
zò che ‘l se còpa
el so che tanti4mininatale-tavola
patìs la fam
Ma che ghè fàga
l’è semper quela
se dìs così
propri ogni am
Ocio che ‘riva
la faraona
en mez al sugo
e tante foie
‘sta tento zio
che la te ‘ncocona
e magari te vei
anche le doje
Casca per tera
en toch de torta
se ciava dai
la magnerà el cain
Adès nessì, en cafè
per tuti
e po’ do passi
che i ne fà bempranzo-natale-ben-spalding
El nono el dorme
demò en pè
el ronzega za
lì, sul canapè
Zugar a tòmbola?
Ma no, valà
che i boci adès
i se perde via
col compiuter
che gavem regalà
Vei for entant
ala televisiom
el papa arzentim
quel del rebaltòm
“Pensè ai porèti
a quei che sta mal”
Nessùni scolta
el stomèch l’è piem
Ma sì, n’altra volta
adès no, sem ciapài
farem del bèm
E po’ a Nadal, se sa
l’è fazile esser boni
l’è el rest de l’am
che conta demòimages
Scolta che fè voi
l’ultim de l’am,
a Carneval, a Pasqua?
Vegninte ancora chi
o magnènte nel posto
de l’am de là?

I CACHI

I vegnirìa a essercachi
così disèva me nono
i pomi del frèt
Perchè i fa faziòm
come i è tacài su
zaldi, dapertùt
ma senza foie entorno
Come se i fussa
balòte de Nadàl
su pèzi zamai sèchi
boni sol da brusàrcacooo
Stà ‘tento a rampegàr
su quei rami alti
i pàr grossi e duri
ma i se spàca
con poch e gnent
I è come el sambùch
basta na sgevia picola
che te vedrai demòcao2
quando te sei en tera
sperando, se sa
che cul porta bòta
No stà meterli en boca
quando i è malmaùri
Te vegnirà le fìze
anca soto i dènti
propri come col limòm
Pitòst tò en cuciarìm
dròpei come na gamèla
Scoltème mi …
meio de la Nutela

FOR DAI TOVI

Se te ghe parlèvi
de politicaimagesCALZB75Z
l’alzèva subit la mam
“Per piazèr,
no voi savèrghen,
tanto i fa sèmper
quel che i vol lòri”
Se ghera da nar
a begàr en Comun
no ghera na volta
che no l’fùs empegnà
“Lassème star chi,
for dai tòvi,
nè voi a discùter
che ghè bom tèmp”
Po’ en dì è arivàpencil-broken
doi coi pichèti
– Dovem tirarghe via
en toch de prà
per la rotonda”
Da quela volta lì
no ‘l perde na riuniom
del consili comunal
L’ha scrìt a tuti
quei che ‘l conòs
“Ma ve par giust
che i me faga strae
tra na vigna e l’altra?
Cos’onte mai fat
per farme robar?”
– Tei, Gino – g’ha ditopposizione_esproprio
el so vizìm –
varda che l’è da ani
che noi disem no
a quel progeto
E ti ‘n do erit
propri en quei di lì
che sule carte
se vedeva el prospèto?
Adès el fa
el galopìmpiccc
coi manifesti
fim su ‘l copìm
L’è um che laora
tant per el partito
per quei che gà dit:
no te poi star zìto
L’è vegnù fora, e tant
dai sgrèbeni
anca se entant
sol per i so beni
E zà ghè queielezioni-manifesto-240
che lo tol en giro
El Gino? El fa così
fin che la rotonda
la farà larch el giro

 

LA RAMPEGADA

Te parti sul còmot

sentèri segnai da altri

cartèi rossi e bianchiarrrrr
No te pòdi sbagliar
Pò mam mam
che i àrboi i deventa pìcoi
pròpri ala fim
de gran geròni
te vedi sol, arènt a ti
i mughi, prèe rote
e canaloni
Te toca dropar ciodi
martei, corde e laòri
per nar en su
(no stà vardar zo)
Prima le mam,
dopo slongàr i pèi
prima tastàr
dove zamai te sei
E su, poch ala voltaPanorama 1
semper col cul
tacà a quela ròza
Te vei adòss en balòt?
Tut mal ghè el casco
La sgeva t’ha sponzù
dropa entant el talco
E su, ma che fadiga
la testa che te gira
ma ‘ste robe prima
nesuni che le diga
Te par che manca poch
e ‘nvenze no l’è vera
te se sèra i oci
zamai pieni de gièra
E su bisogna nar
che ‘ndrio l’è pu longa
eh sì l’è tut n’arfiàr
se no te perdi l’ànda
La zima en do saràla
che no la vedo pu?
Ghè nebia su de sora
el sol no el vegnù?
E quando, ale tante
te arivi fin lasù
quando zamai te sai2-arco
pu de um lezù
varda che destim
tuo come per i altri
sul col i t’ha metù
Adès si, tel sai
come se fa a rampegàr
te conòssi tuti i tochi
come per sbianchezàr
Pecà che da quela zima
te poi anca gosàr
da sera a la matina
nesuni te scolterà

L’AMOR CHE VA E VEI

Quante volte, me som dit
ades basta, la mòco chieeeeeeee
Perchè l’è come quando
en quela màcia nel bosch
dove te tiri su da semper
de colp no te trovi
gnànca en fònch mat
L’istèss l’è el star bem
con noi e tut el rest
Te fai, te brighi
te par d’esser arivà
E ‘nveze te te trovi
vode tute e doe le mam
Vei alora de nof strof
sia de dènter che de fòranocturnebymilopt4
te par quasi d’esser mort
Um che dorme anca en pè
Po’ te svèia, ‘na matina
na canzòm de ani endrè
Te dirai, robe da veci
te rispondo; propri no
Per sentirne propri vivi
basta poch, te digo, poch
N’arietìna che te fisciaamicizia2
nele recie e nei cavei
quela pel, i dis, da galina
dala schèna fim zo ai pei
Mòla tut en quei momenti
làssa perder quest e quel

te verài che i tormenti

i se sèra col cancel
E alora co ‘sta voia nova en ti
te podrài rider zamai
via che vaga la facia da patì
che amor no basta mai

EL CALENDARI

I li dà fòraveeeeeeee
en po’ dapertùt
quando zamài
l’am vecio
el trà i ultimi
Boteghèri, ufìzi
grossi mercài
Po’ ghe quei
che te li manda
con denter anca
el so boletim
Quei che li fa
grandi e grossi
e quei che enveze
sta sul pìcol
e fim
Vàra ti, dis el mona
anca l’am chehttp://www.dreamstime.com/stock-image-calendars-2013-2014-image23551891
sta per vegnìr
Pasqua la casca
de domìnica
no so pròpri
pu che dir
E que l’alter
en po’ pu svèi
el zèrca subit
Ferragost
Oscia el quìndese
diaolporco
el me taia le feriecalendario2
giust a metà mes
El va sùbit sul mur
sto calendàri
drio a quel demò
da tirar via
Passerà anca sti dì
come dir n’ave maria
E st’am che vei
giust en sti dì
sarem chi
a far l’istèss
Tuti quanti

trane quei222222222
che sarà nà via
de sicur e semper
massa prest

COME FAGA A DIRGHEL?

Le se trova, ‘ste do done

Stessa ora e stess bar

Ma ghè quela, ‘pèna sposada

Che – s’el vede – no la stà miga bem

. Dìme Gina, ‘sa t’è suzèss

Te me pàri fàta a lès

Conta pur, som la to amica

Tegnirò zamai tut per mi

“Làssa star – la fa que l’altra –

Che som zà nel mal de mio

E adès devo nar a cà

Come? El lo sa sol Siore Dio”

. Dai stà calma, sèntete zo

No ghè mai, finchè se vive

En casìm che no se risolva

Dai ,alora buta for el rosp

Te l’hai fat zà n’altra volta

“Va bem, forsi te gai resòm

Tanto per quel che ho fat

No i te mete po’ en presòm

E’ capità, propri ‘sta not

Quel che no doveva capitar

E varda, som ancor a scorlàr

Per le strae de ‘sta zità

Sì, t’hai demò capì bem

No som nada ancor a cà

La vergogna e quel rimors

M’ha zacà anca l’anima

No riesso a pensarghe

Cos’onte fat lasù en zima…

Ghe voi bem a me marì

No ‘l se merita anca questa

Lu el lavora tuti i dì

E no l’alza mai la grèsta

El me còcola, el me dà tut

Pam, amor e tut ‘ l rest

E mi, desgraziada che no som

No podevo far de pezo

Propri a lu, por omenèt

Che ‘l me resta senza mezo”

–  Scusa Gina, spièghete meio

Te set forsi ennamorada

De quel’om, quel lì vecio?

Varda che co le done el zùga

E po ‘l le mola apena usae

Dai, bevi sto cafè adès

Tute ste robe le è brusàe

No le ricorderem pu

Zà tra ‘n par de stimane

Torna a cà da to marì

Che le storie l’è ancor sane

“Sì ma el problema

L’è propri quel

Come far a nar a cà

L’auto, sì quela de me marì

L’ho encastrada nel muret

Son vegnua fora a ora

Prima che la ciapès foch

E pensar che co ‘sta bora

No la fuma gnanca poch

Dime ti ades che far

Cossa dirghe al me om

Che quel mutuo de pagar

No l’era pu zamai bom

LA PADELA ROTA

No ghe par vera

de scoltàr

quel che i dis

drio la porta

El tei nota de tut

e po’ el gh’en zonta

anca de suo

El tei tut denter

fin che l’è ora

Po’, dai busi

piam pianèl

vei fora tut

Tei, sat che ‘l Bepi

el ghe parla

zamai ala Bice?

E no l’è en tut

che do stimàne

che la so sposa

i l’ha messa zo

Ma hat vist

che bel paltò

che la sfògia la Maria?

E sì che no la ghà

gnanca da magnar

E quel dotor nof

vegnù zo da Pèrzem

No l’ghà ancora en sito

dove dormiral?

Ma ti varda el Gino

co la machina granda

che ‘l vive da sol

quanti sentài sprecai

En dì, suzede

che ‘sta padela rota

la resta sul foch

pu del dovù

Aiuto, aiuto

ciamè i pompieri

E quel al centralim:

“MI ghe mando

i omeni, co le scale

e le pompe,

dopo però, siora

la me faga en piazer

prima de parlar

drio tuti i cantoni

la vegna chi da mi

no sem coioni,

la ghe diga grazie

al Carlo, al Gigi

e a l’Antoni

e la domanda a lori

tuti i so perdoni

Perchè se no la ‘l sa

l’è ani che demò

con quel che l’ha dit en giro

nessuni pu ghe stà

no sol a darghe na mam

ma gnanca na biro

LA BRUMA

I dìseva, i nossi veciIMG_2168

che l’è la sorela

porèta dela nèf

e fiòla del giàz

Su le foie seche

marom come la ciocolata

la pàr squasi zùcher

butà su a piazèr

Su le ultime erbète verde

enveze

la ghe somigliaIMG_2167

de pù al sal fìn

Che te vegnirìa vòia

de strucàr le olive

desmentegàe per tera

e magnàr su tut

come fùssa salàta

En sti dì, prima de Nadal

se neva propri li soto

a zercar el muscioIMG_2170

per el presepi

Ma se spetèva mezdì

o subit dopo disnàr

perchè co la brùma

serviva el scalpèl

a tirarlo via

E po’, zamai sgelà

el bagneva su tuteIMG_2169

le statuine

Su le rampe del Bòrtol

se provèva le slìte

quante bote sui pei

ala fim, contro le vigne

Adès la vardo

sta pòra bruma

E la me fa anca pecà

L’è lì, drio el zimiteriIMG_2171

quasi scondùa

da tute le cà

Se la toco

par che la piànza

“No stà farghe caso

– par che la diga –

no me serve l’ambulanza,

Quando vegnirà el sol

sarò zamài morta

ma ti pòpo torna domam

te me vedrai risorta”

EN VIAZO LONCH

Quante n’avem fate

ensèma

Robe da no contar

Quante n’avem vist

ensèma

Po no ne sem visti pu

El vedo sto sior patì

bianc come ‘na pèza

Me domando:

“Ma saràlo lu?'”

Anca lu el me varda

e ne capìm al volo

propri come na volta

sol dal modo de

mover la testa

en qua en là, lu

su e zo, mi

Oscia – ghe digo

l’è ‘n pèz

che no se se vede

E lu: eh, ma me sa tant

che prest

no ne vedrem pu

propri dal tut

Perchè – ghe domando

vat ancora en giro

per el mondo

a far paste su le navi?

No, el dis, fago

en viazo pu lonch

-Pu ‘n là de l’Australia

dove t’avevi mes su

na pasticeria?

Sì, ‘l fa, gò zamai

en bigliet

sol per l’andata

Ho capì, ghe fago

embezile che no som,

no te voi zamai farlo

saver a nesum

Ah, el risponde,

co na mam drio ai cavei

te verai che quando

parto

te vegnirai a saverlo

me sa che ala fim

po’ resterò semper chi

Ades però vago

gò tante robe da far

me resta poch temp

‘l devo sfrutàr

 

 

EL REGAL GIUST

Dìsit che ghe piàsa
‘sto maoionzìm?
O èlo meio
tòrghe na sciarpa,
per el copìm?
Varda, mi starìa
pitòst sul sicur
pigiama de flanèla
ma no massa dur
Se sa tut mal
quel che vei for
prima de Nadal
o lì denòr
Tanti dubi, pochi schèi
per far regai
‘po semper quei
Ma se te volesse
far en regalom
poche promesse
e senza scatolom
Slàrga el to cor
senza bilanzìm
dìghe: te voi bem
a quei che t’è vizìm
Se pròpri dàghe soldi
a quei che i lo sa
dove sta davèra
la gran povertà

 

L’AMOR CHE NO DURA PU

 

Ghè nòve lègi

su quei che i ciàma

femminicidi

e quel che ‘na volta

l’era roter le scatole

e ades se dis

stolching

ma l’è la stessa roba

E vàrda ti

pu se parla

de ‘ste tragedie

pu se ‘n sente

de nove

ala televisiom

Disèva i antichi

tra amor e odio

ghè en fil picolìm

dipende da dove

te voi tirarlo

Me disèva na nona

ala festa

dei zinquant’ani

de matrimoni

“Come ho fat

a ‘rivar fin chi?

L’è sèmplize:

ghè sol ‘na regola

da rispetar

Quando te vei voia

de risponder

malament

quando te ciaperèssi

su tute le to stràze

per nar via de cà

conta fin a dese

e po’ fa finta

de gnent

Perchè no sem

tuti precisi

E alora ogni tant

bisogna anca

soportàrse”

L’è che ste qua

no l’è pu virtù

Se vede semper

el bicier mez vot

Quel che te gai

no ‘l basta pu

Pissar for dal vaso

l’è la voia

che vei zamai

anca al pu lezù

El rest lo fa

sta vida en prèssa

Dove te credi

nel nof amor

come quando

te compri

al tabachìm

quei biglieti strani

da gratar e vinzer

meio subit che domam

Dove per enveciàr

co la to sposa

ghe vol pazienza,

atenziom che cambia

capir per temp

quel che no va

Perchè l’amor,

digo quel vero,

l’è come il vim,

dopo la prima bala

te convèin

tegnirlo da cònt

 

SE TE SAVESSI

Quel che penso no tel digo

El te farìa mal

Quel che som, som

Me ‘l tegno per mi

Quel che vorìa far?

Dipende da …da ….

No ‘l so gnanca mi

-Alor te sei en gnagna

Che no parla

Come ‘l magna

Te sarai giust sol ti

Lezù, studia, patì

Col zervèl semper ciapà

Da quel che no se vede

Come en zigarèt fumà

Che se no ghe pensa

qualchedum

A farte da magnar

Te saressi demò

Brut, famà e da rotamar

Ah, caro mio

Te l’hai dita giusta

Se te brèvi l’anima

El corp el gà sé

Se te brèvi el corp

L’anima la finiss

Per no stàrte pu drè

E se te brèvi tuti doi

No se capiss bem

Se te pensi da ‘mbriàch

Sol a far el to bem

Vegnirà el dì

Che no te servirà

Bever, magnar

E gnanca star o nar

Sarà propri quel dì

Che al prete te ghe dirai

Ma lu sior reverendo

Elo quel dal formài?

El don el te asolverà

Da tuti i to pecai

No te ghei dirai tuti

Che tanti i era zamai

Po’ te varderai su

Vers el soffit

Zercando coi to oci

Le carte dell’affit

Perché no tel savevi

Che l’era zà scadù

El contrat co sta vita

Firmà da um pu lezù