PARLAR DA LEZUI

Dimmi la verità, solo la verità.
Cioè …
Dimmi la verità, solo la verità.
Cioè …
Insomma, questo è, ciò è, secondo me. Solo altre verità, secondo altri “cioè”, stabiliranno,
se il mio “cioè” è o se dipende da altri “cioè” o da altri “ciòfurono”, da altri “ciòerano”, da altri “ciòsarannoforse”.
Fu proprio da quel giorno che il nostro dialogo si trasformò in due, ben distinti, monologhi. Ognuno dei quali rappresentava diversi “cioè”. Un dualismo che sopravvisse alla morte. Perché anche nel mio ricordo tu scrissi “Ciòfu”.
(Cornelio Galas)

***

Se no te sài tòrte per le bale … l’è difile che quando altri i te tòl per le bale no te sébi permalòs

Disèva, el Dante, ‘l sommo poeta: “Quando gavévo zà i me ani me sòm pers en d’en bosch … e dopo ve conto quel che ho vist”. L’è nà a l’inferno, al purgatòri, en paradìs. L’ha ‘ ncontrà quest e quel. Po’ però l’è vegbù de volta. Vol dir, secondo mi, che de là no vàl la pena comprar gnanca en bungalòf.

Tira, mòla e bùta, sém ancor chì su ‘sta tèra. Ciàmeghe pòch. Vol dir respirar (se no te respiri no te duri tant), vol dir viver, esser bòm – se no te gài avù disgrazie che no te lo fà far e tut mal te vivi l’istéss  – de moverse, de nar en giro, de trivarse en méz ala zènt, de lèzer i giornai , de nar a bever el cafè al bar, de vardar la televisiom (come per lezer i giornai l’è na fortuna fim a ‘n zerto punto), ensòma, te vivi diaolporco. No te sei soto tèra.
Partìm da chì. Zà el fatto de no esser stà – come se dìs – més zò, dovrìa farte star bem. E ‘nveze cosèlo che fém tuti, chi pù chi mém? Pensém a quel che farém nei prossimi dése, vìnti, trent’ani (l’è el tèmp dei mutui neh …). Se scominzia ogni discorso disèndo: “Ah, penso che l’am che vei narò finalmente en crociera co la me sposa … se tut va bem”.
Po’ se varda i necrologi, i avisi da mort, sui giornai, sui muri. E … osc’ia, ma sat che è mort el Pèro? Ma se l’ho vist l’altro dì al Poli … sì, el gavéva na bruta céra ma …”.
E anca el Mario no l’è che ‘l sia mes tant bem neh … me sa che … Envéze, sàt gnent de la vedova del Gino? Oh, da quando è mort so marì l’è come rinata … tute le domìniche al Fanum de Mori a balàr. E te vedéssi che spachi …
Som nà anca mì ancoi al Fanum a balar. A ‘n zerto punto la sposa la me domanda: “Come vàla col còr?” E mì: “Bèm, bèm … L’è che dele volte no rièsso a capìr se l’è lù che ‘l bàte o se l’è la baterìa del complesso …”.
Po’ a casa, come semper se bèga: “Sul fox te dovréssi far cosìta … e po’ cosìta …”. E lì me frego da per mi: “Te vedrai che la prosima stimàna m’empegno de pù …”. Zà, ma ghe sarònte ancora la prossima stimana? E se ghe sarò, me sarònte ricordà come far el giro a zànca?

NON RICORDO PIU’ IL TEMPO IN CUI ERO VERAMENTE LIBERO. ANNI E ANNI PASSATI A DIRE DI SI’ A QUALCUNO. A PRESCINDERE. SPERO SOLO CHE QUANDO FINIRA’ QUESTA VITA NON CI SIA, DI LA’, QUALCUNO CHE MI DICA: “PURGATORIO? SI METTA IN FILA, PER FAVORE …”.

Ah sì, sarìa pù fàzile viver su ‘sto mondo, se ognùm el rispetés l’altro. Da ‘ntènder come na vita, fiòl o fiòla de na mama, de ‘n papà. De … ‘miràcol, se te ghe pensi. Ah sì, no ghe sarìa forsi pu guere, no ghe sarìa òmeni che còpa la dòne, òmeni che còpa altri òmeni, no ghe sarìa pù gnent da far per carabinieri, polizia, tribunài …

Pò me vèi ‘n mént la storia de Caino e Abele. El prìm casìm del genere de la storia no? E me domando: “Cossa ghe manchéva en quel giardin piem de ogni ben de Dio?”. E me rispondo: “L’è colpa dei soi dai … de quel maledeto pòm che n’è restà chì, dopo, a tuti quanti, soto el barbòz …”.

Ah te pòi anca darme del mat se così te piàs. Te pòi anca dir che no sóm a  iombo, Dì quel che te vòi. E come disèva um ani fa …. farò e tut perché ti te pòdi dir le to idee, anca se no som d’acordi con ti. Mi la vedo cosìta. En mondo dove se pòl dir quel che se pensa, se pòl scriver quel che se pensa. Zerto, zerto, senza ofénderse, senza pestàrse i pèi. Ma che bel che sarìa parlarse de tut e tuti, senza begàr per forza. Magari vegnirìa fòra che sem d’acordi su dele robe…e sule altre dai, se  dovrìa anca ragionarghe su.

Volerìa.prima de nar via da ‘sto mondo, lassàr qualcós de mì che pòda restar. En libro? Na canzóm? Poesie? Po’ ghe penso: dovrìa bastar quel che ho fat, scrit, pensà. No – dìgo subit dopo -no basta. Quando i te méte zò …. te resti zò. Sóra resta la lapide, ghirlande (per ‘na stimàma…), po’ i ricordi, anca sui giornai se sa, e magari i te fà anca en premio col to nome, per zóveni che scrive. E che no t’ha mai conossù.
Ah come me piaserìa lassàr qualcós de mi su ‘sta tera prima de nar soto, la tera. Cossa? No ‘l so. Qualcós destràni. No le solite robe. Na canzóm che me piàs pù che ‘n lumìm. Na stéca  de zigaréti che la piòza la sfànta. En crìghel de bira che và a farse ciavàr. Na sciarpa de l’Inter che la se scolóra. Robe cosìta.
Me piaserìa esser ricordà con balóni da foch. Feste che no finìs pù. Sgringhenade de chitare dei ani sesanta. E vèci amizi che cónta de tì soratùt i difeti, e perché te ghe stévi tant sule bale.
Sarìa quest l’òbit pù bel.

Sai cosa c’è di nuovo? Una mattina. Ti svegli. E il sole che c’è ancora. E chi ami vicino a te. Manca il sole? Vuol dire che sarà una giornata uggiosa. Manca chi ti ama? Vuol dire che c’è. Ma non è vicino. E’ da un’altra parte. Stà a te cercarlo … Dici che è impossibile? No, finché vivi tutto può succedere. Stà a te chiudere o aprire le porte, le finestre, gli abbaini. Ogni giorno è meraviglioso, pieno di sorprese. Di cose che possono succedere. Non solo nei sogni …

ESISTE IN NOI, IN TUTTI NOI, UN TIMER, UN LIMITE INVALICABILE. OLTRE NON POSSIAMO . NON VOGLIamo? – ANDARE. PERCHE’ E’ PECCATO, PERCHE’ NON SI PUO’, PERCHE’ NON SI DEVE, PERCHE’ NON STA BENE, PERCHE’ DOPO SONO CAZZI TUOI. E TE L’AVEVO DETTO … OLTRE NON SI PUO’ ANDARE, FERMATI, FERMATI … FINCHE’ SEI IN TEMPO.ESISTE IN NOI, IN TUTTI NOI, UN TIMER, UN LIMITE INVALICABILE. OLTRE NON POSSIAMO . NON VOGLIamo? – ANDARE. PERCHE’ E’ PECCATO, PERCHE’ NON SI PUO’, PERCHE’ NON SI DEVE, PERCHE’ NON STA BENE, PERCHE’ DOPO SONO CAZZI TUOI. E TE L’AVEVO DETTO … OLTRE NON SI PUO’ ANDARE, FERMATI, FERMATI … FINCHE’ SEI IN TEMPO.

Quel che conta no l’è quel che te fai veder de ti ma quel che te sei dal vera. E ‘sta atento:le bosìe prima o dopo te le desménteghe. L’è alòra che te te freghi da per tì.

Cosa sénte noi dòi?
Ne sèm sposài. A so temp. Prima èrem moròsi. E la néva de lusso. En màchina, de strafùch, anca sul lèt dei toi quando i era en ferie. Po’ ‘l mutuo, la casa nòva, el fiòl, i casini del laór, e ti che te sei stràca la sera, e mi che gò le me paturnie. E ‘l bocia che ‘l zìga la not. Fato stà che sém deventai dei robò. Ti te fai quest, mi fago que l’alter. Fòra e denter. Po’ ancòi ariva i toi, po’ domam ariva i mei. Ne vedem, se Dio vol, tra na porta che s’averze e na porta che se sera, tra zènt che va e zent che vei. Disénte che ne vedém a… a quadrèi. Te par giust? Se te par giust nem envanti cosìta. Ma quando èlo che podém star enséma … e che se ciàva tuti?

Ho votà Bersani a so temp, per el Pd. Po’ è vegnù fòra el Letta, pò è vegnù fora el Renzi. Ades par che vegna fora el Gentiloni. Ma mi avevo votà el Bersani a so temp … l’era quel no che avrìQuel che conta no l’è quel che te fai veder de ti ma quel che te sei dal vera. E ‘sta atento:le bosìe prima o dopo te le desménteghe. L’è alòra che te te freghi da per tì.a dovù far el governo … La prossima volta no vago a votar. Tanto dopo i la volta come i vol lori …

Sté tranquili che ghe sarà el balotagio. Quei che ha votà no, no i podrà votar de nof. Quei che ha votà sì i podrà semai votar no. Quei che no è nà a votar i podrà star ancora a casa. A pàto però che dopo no i se lamenta dopo. I forèsti i podrà votar sol sì al nof governo. Tute le altre schede le sarà brusàe. Se pòl anca votar scheda bianca, bióta. O scriverghe su monàe. Ocio però che i fà dopo i esami dela galligrafia. En consiglio: toléve drio la matita da casa. Mèio na gòma, semai, per scancelàr se ve vegnìs dei dubi dopo …

No te sarai mai ti, quel che te senti de esser denter, se te gavrài da render cont a qualcheduni de quel che te pensi, te fai. Disente che te narài envanti come quel che ‘l gà i pèi ligài, le mam ligàe, el zervèl ligà … a qualcos. Se te trovi en ‘ste condizióm, l’è meio che te pensi a trovar el modo per desligarte dei ligàmi. Sol dopo te sarài ti, quel che pensi, quel che te volerèssi far …

Non è quello che hai, fai, ottieni ciò che dà la felicità. Ma quello che desideri. E cerchi, per tutta la vita. (Cornelio Galas)

Non importa ciò che altri ritengono sia importante per te. Ma quello che i tuoi occhi, il tuo cervello e soprattutto il tuo di dentro considerano più di tutto quello che “importi” dalla realtà attorno a te. (Cornelio Galas)

Caro Donald,
potresti anche essermi simpatico. Se non altro per le cazzate che spari. Spero che passino in fretta questu tuoi quattro anni alla guida degli Stati Uniti. Come una serie televisiva. Dove J.R., il cattivo, il ricco, quello che gli basta un dollaro come presidente Usa, alla fine – come tutti si aspettano – finisce male. E poi ci ritroveremo al Roxy Bar, a bere del wuisky … ognuno perso nei suoi guai …

“C’è chi onora il posto che occupa e chi ne è onorato.”
Gh’è quel tacà ala poltrona. E quel che ‘nvéze el fà de tut perché no i diga che l’è tacà sol a quela. BALTASAR GRACIÀN

Sono nato, ho vissuto. La morte mi aspetta, prima o poi, Lo so. E’ naturale, dicono, nascere, vivere, morire. Metti che non avessi voluto nascere, cioè essere parte di uno sperma in un atto sessuale. Non sarei mai nato. Non dovrei morire … Non avrei esperienza della vita. Non avrei paura della morte. Sarei un nulla. Un’indefinita potenzialità nello spazio … nemmeno il riflesso  di una stella. Sarei un’incompiuta. Senza se e ma. Un nonsense. Un ingiudicabile, Un non luogo a procedere. Un qualcosa da microscopio … un niente.

No te pòi emparàr el mistér da quei che zamài no l’ha mai emparà. El mistér l’è ‘m mistèr. Che no se pòl ‘mparàr dal gnent, dai mistèri.

Odio odiare. E’ un problema in più, nella vita. Odio odiare chi mi odia. Perché questo presuppone un dialogo fine a se stesso. Esasperato. Dove io dovrei dimostrare che, in fondo, non odio chi mi sta di fronte, in atteggiamenti ostili. O spiegargli – come? Ne avrò tempo, modo, spazio? – che non c’è motivo di odiarsi. E’ un grosso problema quello della riappacificazione. Rischi un conflitto, barricate tra idee, per raggiungere un fine che darebbe serenità, pace, in rapporti tesi, soggettivamente pregni di pregiudizi. Se si trovasse una soluzione a questo quesito, credo, finirebbero tutte le guerre.

E’ stato bellissimo vivere. Grazie. Non so chi ringraziare. Mia madre? Mio padre (anche)? Sì, è stato proprio bello. Un’avventura direi. Finora. E adesso che mi aspetta la morte? Proprio ora che mi sono abituato a vivere? Chi devo ringraziare per questa provvisoria felicità? Perché – fin dalla nascita – sono stato messo in questo braccio della morte in attesa di esecuzione? Per una vita migliore dopo? E perché non posso continuare ad avere questa vita qui? Con i miei amori, la mia esperienza, i miei errori superati, le mie doppiezze smascherate? Perché devo marcire o essere bruciato? Perché un biglietto d’andata senza ritorno? No, non ci sto. Mi si annienti. Mi s’annulli. Non voglio essere più alcunché, dopo. Non voglio ricordare, avere nostalgie, rimorsi. Voglio il nulla. Null’altro.

Guardati. Nello specchio, che non ammette falsità. Non c’entra la fisognomica. Ma se di fronte a te stesso mantieni quella diffidenza, quell’ostilità degli occhi, quell’immobilità mascellare, quel tuo essere … distante, non avrai mai veri amici, ma soltanto persone che dipendono dal tuo potere. Spera allora di avere potere per tanti anni

Se pensi a te stesso che sta pensando forse non pensi all’altro, agli altri. L’intellettualismo ha questi effetti collaterali. La filosofia non sempre è amore della vita, la religione è fede, speranza, l’economia un’aspirina per la povertà. La politica ha bisogno, ad ogni costo, di voti. La democrazia è una parola vecchia: deriva dal greco antico. Lo sviluppo economico ti fa i conti in tasca, fin dal supermercato. Si chiamano tasse le vecchie gabelle. Il resto è segreto di Stato. Non pensarci: sta cominciando l’Europeo di calcio.

L’amore, l’amore, l’amore. L’amo del re. Am … e mangi le more. L’alfa privativo che elide chi more. L’amore, l’amore. Che fa rima con dolore, odore, sudore, pudore, sentore. E con motore, cuore, sapore. E anche con livore, le ore, raffreddore. L’amore, l’amore che ti lega, ti slega, ti prega. L’amore muto, avuto, dovuto, creduto. L’amore finito, sentito, inibito, pentito. L’amore scordato, sudato, dichiarato, affidato, minacciato, violentato. E l’amore senza rima, lima, che mima, che prima, che …

CHI FA DA SE’ FA PER TRE. ALLORA DUE CHE FANNO PER SE’ FANNO PER SEI. TRE CHE FANNO PER SE’ FANNO PER NOVE. MORALE? CHI SA LE TABELLINE E’ AUTOSUFFICIENTE.

MAI PENSATO, MAI AVUTO DUBBI SUL FATTO CHE QUALCUNO, DA LONTANO, CI GUARDI COME SE FOSSIMO SUL GRANDE FRATELLO? ALLORA BISOGNA – CREDIMI – TROVARE LE TELECAMERE. E DISTRUGGERLE.

E’ del tutto inutile che tu mi dica cosa scrivere, cosa fare, cosa pensare, per guadagnare soldi da quello che scrivo, faccio, penso. Lo so, i soldi servono. Ti facilitano la vita. Prova però a pensare quante mani hanno toccato, piene di virus?, quelle banconote, quelle monete. Da dita a dita. Per contarle. Per averle, per spenderle. Sono le carte più immonde del mondo. E quelle più preziose. I valori, i valori … tra me e te. La differenza tra chi le h e chi non le ha. Sono lo spartiacque. Tra ricchezza e povertà. Tra potere e far la fila. L’averle rende … liberi? Il non averle porta a lotte per … averle? Pezzi di carta, che dicono cosa puoi fare e cosa no. Così va avanti il mondo, figlio. Fattene una ragione. Te ne lascerò, di queste carte, non so quante, quando sarò morto, A me non serviranno più.

Compagno da dove deriva? Dal fatto di condividere il pane. Baguette? Dal fatto che i soldati di Napoleone per comodità tenevano il pane – lungo – nelle tasche dei pantaloni. A volte l’etimologia rovina il significato, postumo, artificiale, delle parole.

Chiusa una porta si apre un portone? Dipende sempre da un fatto: ce l’ hai la chiave in tasca del portone? O devi sfondarlo?

Se nulla hai, alcunché di materiale governa il tuo avere. Se nulla desideri, alcunché occupa i tuoi desideri per domani. Se vivi, ti basta vivere. Solo la morte – semmai – ti potrà deludere. (Cornelio Galas)

NUOVE DECLINAZIONI

Il prezzo del pretolio cala. Tu paghi meno il petrolio. Egli – che raffina il petrolio – spende meno. Noi, in Italia, paghiamo ancora le accise dall’Abissinia in poi. Voi spiegate sui giornali che non è così. Loro (tutti) ci prendono in giro.

***

Non sono, non potrò mai esserlo, un poeta. Non sono, non potrò mai esserlo, uno scrittore. Ho fatto, sperando di non far danni, il giornalista. Ora metto i miei pensieri in queste pagine bianche che tanti possono vedere, giudicare, condividere o cancellare. Sono parti, a volte aiutati da estrogeni? Non lo so. Sicuramente le digitazioni sono figlie dei miei neuroni, di memorie, di confronti, successi e sconfitte, bene e male. Ma cosa è bene? Cosa è male? Vivo con la coscienza tutt’altro che tranquilla. Sospeso, tra (certi) errori del passato, (incerti) passi nel presente. E l’ansia che, credo, assale chiunque quando si va nei cimiteri. Amo l’amore. Odio l’odio. Viva la pace, abbasso la guerra. Frasi fatte? E allora? Cambia qualcosa? Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei … da lì nasce il pregiudizio. Non avrai altro Dio all’infuori di me. E questo non è quello che dicono sempre anche i dittatori? Accetterò – non mi pare ci siano alternative – la condanna per la mia velleità. La voglia – di creato non so bene da chi e perché – di restare fedele a come il mondo, scusatemi, mi ha plasmato.

***

Il passato è come la terra da vangare. Con un aratro, però, che veramente rimetta al sole il meglio di quello che sta sotto. E lasci marcire quello che ha dato cattivi frutti. Il presente è fatto di istanti, di moviole semmai, destinate ad essere archiviate, ora, con la nuova tecnologia, da un semplice clic. Il futuro fa parte dell’arcano. E’ un po’ come scommettere che da qui a pochi secondi, di fronte al tuo ultimo pensiero, opterai per il penultimo. Che credevi migliore. (Cornelio Galas)

***

“Le poesie sono pensieri che respirano, e parole che bruciano.”

THOMAS GRAY

Le poesie l’è penséri che t’empienìs de aria, che sgòla, e parole che brùsa

***

“Le storie che ascoltiamo da bambini sono quelle che ricordiamo per tutta la vita.”
STEPHEN KING
Le storie che scoltém da matelòti le è propri quele che po’ ne ricordém per semper.

***

“Non dispiacerti di ciò che non hai potuto fare, rammaricati solo di quando potevi e non hai voluto.” MAO TSE TUNG

Adés no sta a remenarte per quel che no t’hai podù far. Tòtela con ti enveze per quele volte che t’avréssi podù far e no t’hai volù demò.

***

Non è importante quello che importa solo a te stesso. Ma quello che di ciò che secondo te è importante può interessare a molti. (Cornelio Galas)

No conta tant quel che vei sol sula tua. Ma quel che secondo ti  el podrìa enteressarghe a tanti.

***

ODIO, ERGO SUM. E’ IMPORTANTE, NELLA VITA, AVERE DEI NEMICI. COSI’ A QUELLI, SOLO A QUELLI, PUOI DARE LA COLPA DEI TUOI FALLIMENTI. (Cornelio Galas).

“Per il corteggiamento vale il consiglio che Robert Schumann dava ai pianisti: “Andare lento e correre sono errori di pari gravità”. (DINO BASILI)

Se volè fàrghe ‘l fìl a una, a uno, fé come diseva Robert Schumann a quei che sonéva per lù col piano: “Nar pian e corer l’è semper, tut mal, el stéss sbàgli.

***

“La forza si costruisce sui fallimenti, non sui propri successi. Ciò che mi ha resa forte è stato nuotare sempre controcorrente.”

COCO CHANEL

L’è quando le va tute storte, no quando la va benon che te te fai el nervo. Quel che m’ha fat emparar a noàr? Sentir l’aqua che me tochéva ‘l cul e davanti me deva sberle su la facia.

***

“L’amicizia, come l’amore, richiede quasi altrettanta arte di una figura di danza ben riuscita. Ci vuole molto slancio e molto controllo, molti scambi di parole e moltissimi silenzi. Soprattutto molto rispetto.”

RUDOLF CHAMETOVIČ NUREYEV

L’esser amìzi, come el volérse ben el gà bisogn squasi de quel che serve per far i passi giusti de ‘n bel balét.  Ocòr darse na bèla anda e star atenti a quel che se fa, parlarse tant e star zìti ancòr de pù. Ma soratùt ghe se vol rispèt. Che no vòl dir sogezión

***

“Mentre è molto facile ferire coloro che amiamo, è ben più complicato curare le ferite.”

NICHOLAS SPARKS

Fazile dàrghe adòs a quei che te vol bèm ah? Quando però la te capita a ti …

***

“Se vuoi essere conosciuto e non conoscere, vegeta in un villaggio; se vuoi conoscere e non essere conosciuto, vivi in una città.”

CHARLES CALEB COLTON

Vot esser conossù e no saver gnent dei altri, de l’alter? Sòtrete en d’en paès. Vot saver tut de quel che te gai entorno e no esser cagà? Vivi en de na zità.

 ***

Io? Ma certo che credo in Dio, Il problema? Ma Dio poi crede veramente in me? (Cornelio Galas)

 ***

“Un grande errore è quello di credersi più di ciò che si è e stimarsi meno di ciò che si vale”.

GOETHE

L’è ‘n grànt sbài quel de darse pàre de pù de quel che se è, ma anca pensar de esser men bravi de quel che savén envéze de esser.

“Se vuoi essere conosciuto e non conoscere, vegeta in un villaggio; se vuoi conoscere e non essere conosciuto, vivi in una città.”
CHARLES CALEB COLTON
Vot esser conossù e no saver gnent dei altri, de l’alter? Sòtrete en d’en paès. Vot saver tut de quel che te gai entorno e no esser cagà? Vivi en de na zità.

  ***

Vivete più che potete; è uno sbaglio non farlo. Non è tanto importante quello che fate purché viviate la vita che desiderate. Se non avete avuto una vita “vostra”, che cosa mai avete avuto? HENRY JAMES

Déghe denter pu che podè, zachéla sta vita. Podrésse pentirve de no averlo fat. No conta tant quel che fé basta che vivéghe come ve piaserìa. Se no gavé avù na vita vòssa cosa gavè avù al fin?

 

Sei chi sei, chi eri? O qualcuno, qualcosa ti ha cambiato? Hai quello che volevi avere o non ne sei più sicuro?  Vai dove volevi andare? No, non sono la tua coscienza. Sei tu che ti fai queste domande (Cornelio Galas)

 

“Ho imparato che la gente si dimentica quello che hai detto, la gente si dimentica quello che hai fatto, ma la gente non potrà mai dimenticare come li hai fatti sentire.”

MAYA ANGELOU

El so zamài, la zent la se desméntega de quel che t’hai dit, de quel che t’hai fat. Ma no la pòl desmentegàrse mai, de come te l’hai fati star bèn (o mal).

  ***

“Ogni essere umano sulla terra ha uguali diritti di soddisfare il suo proprio potenziale.”

DENIS WAITLEY

Pecà che ghe sia zènt che se … slàrga màssa.

  ***

“Se dici sempre la verità non hai bisogno di ricordare ogni cosa.”

MARK TWAIN

Per contàr bèn le bosìe te devi averghe en tacuìn dove te le tègni scrite. Per no desmentegarle.

  ***

 “L’opinione degli altri non vale il sacrificio di uno solo dei nostri desideri.”

ANATOLE FRANCE

Ma che spàcabale, ma che roticoiòni, e ‘l continua a mónzermela, a parlarme de robe che guaiaporcole, no me pol fregar men che men del … E a st’ora, sarìa zà al rifugio san pero davanti a polenta e cunèl, cramento.

   ***

 “La vita è come un’eco: se non ti piace quello che ti rimanda, devi cambiare il messaggio che invii.”

JAMES JOYCE

La vita l’è come quando te gòsi en d’en canalon dela montagna che te fa l’eco. Se no te piàs quel che te senti pù volte de vòlta l’è meio che te gòsi qualcos’alter.

  ***

“Ho passato la vita a guardare negli occhi della gente, è l’unico luogo del corpo dove forse esiste ancora un’anima.”

JOSÉ SARAMAGO

Ho passà la vita a vardàr nei oci dela zent. L’è forsi sol da lì che te capìssi cossa i gà denter, cossa che i pensa dalbòn, cossa i è davéra.

  ***

Cosa pensi di me, specchio? Lo so, non puoi parlare, solo riflettere le mie sensazioni. Sei praticamente un essere che è solo in funzione di chi ti è davanti. Ma puoi rubare a tutti quello che fingono d’essere. (Cornelio Galas)

“Perfino il futuro una volta era meglio.”

KARL VALENTIN

La néva meio quando te pensévi che la sarìa nàda pezo.

   ***

“La verità ha un linguaggio semplice e non bisogna complicarlo.”

EURIPIDE

Elo véra? Basta che te dìsi sì o no? Senza tant girarghe entorno.

  ***

“Ho passato la vita a guardare negli occhi della gente, è l’unico luogo del corpo dove forse esiste ancora un’anima.”

JOSÉ SARAMAGO

Ho passà la vita a vardàr nei oci dela zent. L’è forsi sol da lì che te capìssi cossa i gà denter, cossa che i pensa dalbòn, cossa i è davéra.

  ***

Odio l’odio. Sono indifferente all’indifferenza. Non invidio gli invidiosi. Lascio nella loro isola gli ignavi, Vorrei fare razzia dei razzisti, Impegnarmi di più degli impegnati. Scrivere meglio degli scrittori. Dipingere la verità senza venderla. Amo l’amore, Qualcuno sa risolvere il mio problema? (Cornelio Galas)

  ***

Cosa pensi di me, specchio? Lo so, non puoi parlare, solo riflettere le mie sensazioni. Sei praticamente un essere che è solo in funzione di chi ti è davanti. Ma puoi rubare a tutti quello che fingono d’essere. (Cornelio Galas)

  ***

“Se aggiungi poco al poco, ma lo farai di frequente, presto il poco diventerà molto” (ESIODO)

Se te ghe zónti poch al poch, ma te ‘l fàì de spéss, preste l poche l deventerà tant

  ***

E’ il battito del tuo cuore l’orologio che segna l’emozione giusta. Non tirarlo mai indietro. O avanti. Nemmeno quando scatta l’ora legale. (Cornelio Galas)

  ***

Hai mai pensato mentre stavi pensando? E che pensavi in quel momento ? (Cornelio Galas)

  ***

Io credevo e credo nonostante tutto ancora nella politica. Devo poter credere nella politica, nella democrazia. Fa parte del Dna dei cittadini “liberati” dal nazifascismo, dalle dittature, dalle oligarchie. E’ nelle cellule degli uomini liberi. Se non credessi nella politica, come mediazione delle varie pressioni, nel potere democratico del popolo, nella possibilità di contare col mio voto, sarebbe come se lasciassi entrare in casa mia assassini, rapinatori, violentatori, mafiosi, corrotti e corruttori, bugiardi, tiranni, despoti, affaristi. Dici che questi sono entrati comunque in casa tua? Dici che anche tu, prima, credevi nella politica? Tocca a noi, al popolo, agli elettori decidere, comunque. Se ha vinto qualcuno che secondo te non meritava vuol dire che la maggioranza ha deciso così. Che il popolo ha deciso così. Che forse, da qui alla prossima scadenza elettorale, dovrai impegnarti di più per convincere il popolo sulla giustezza delle tue idee. Che forse, da qui alle prossime elezioni, ci sarà tempo per diffondere un nuovo modo di far politica. Nasce dalla sconfitta il desiderio del riscatto. Molto diverso dalla vendetta. Molto simile alla purezza dell’agire, troppo spesso spacciata (prima) per trasparenza.

  ***

“Quando parli di affari con tuo fratello, sii gentile ma bada di avere sempre un testimone” ESIODO

Quando te parli de mistéri con to fradèl, no stà begàr, ma vàrda de averghe semper en testimoni

Hai mai avuto un dubbio, su chi sei veramente, guardandoti allo specchio? (Cornelio Galas)

Non è così che vorresti vivere? Prova a girare le spalle, allora, a come hai vissuto finora. Prova a guardare da un lato diverso quello che hai attorno. E lascia perdere il telefonino. Non c’è campo in quello che adesso hai in mente (Cornelio Galas)

  ***

Se tu sapessi che io so, quello che tu pensi di sapere di me, e me lo sapessi dire prima che io ti dicessi ciò che io pensavo di sapere di te … forse non ci sarebbe la sorpresa dell’innamoramento.

  ***

Se penso positivo e incontro uno che pensa negativo prendiamo entrambi la scossa?

  ***

Cos’è una fotografia? Un fermo immagine di un film nel quale potresti essere stato anche un attore non protagonista. Chi la guarderà, quando tu no ci sarai più, userà l’imperfetto: “Guarda com’era …”.

  ***

Basta poco, in fondo, per non sentirsi proprio nel fondo? E allora, in fondo in fondo, è lì che comincia la risalita?

  ***

Papà, papà … ma perché mamma Italia è così … così pallida? – Taci e scava …

  ***

Dai acqua pura, quando puoi, alla tua anima. Non placherai la tua sete di sapere, ma sopporterai meglio la distanza che ti separa dalla prossima oasi.

NON HO TEMPO

Non puoi dire; “Non ho tempo”. Se vivi, è il tempo il tuo servo, non il tuo padrone. Anche se ha sul polso un orologio d’oro di massima precisione, sei stato tu, uomo, a decidere quanto dura un secondo, un minuto, un’ora, un giorno, un mese, un anno. In uno spazio immenso. Incommensurabile. Dove sei libero. Nonostante tutto. (Cornelio Galas)

SENZA BIGLIET

PER TORNAR DE VOLTA

Quando son montà su sta coriera ? No me ricordo. No so. E se gh’ero de sicur dormivo. L’è ani e ani che se pàssa da paesòti a zità grande, col sol e co la piòza. Co la nèf o la tompesta. E avanti, oscia, avanti, ìe. Ogni tant qualchedùn el smonta. Anca senza sonàr el campanelòt tacà poc sòra el cuèrt.

Ma quel che guida la coriere ‘l pàr che conòssa tuti quanti chì denter. El gh’avèrze le porte. E po’ no, gnanca el temp che sto chi el smonta: no se ‘l vède pu. Entant se parla de tut e gnent. Se magna, se beve. Gh’è quei che gh’à en testa sol quela roba lì: e alora i fà i embezili co le done. “Che mì – sat – vago stasera en de n’albergo a Venezia: vègnit anca ti?” Ma i lo sà tuti che propri a Venezia l’ha pers tut a forza de zugar. Po’ que l’alter, che stà su le sue, no ‘l parla, no ‘l dà udienza a nesùni. Che ‘l pensa da per lu. Sì, l’è quel che è smontà per prim.

E le betòneghe, i secacoioni, quei che lèze el giornàl, quei che varda fora dai finestrini. Quel che bèga per robe de politica. Quel che dìs che no l’ha mai votà. Un ciapà dal telefonin: oscia basta adès, mòchela lì che zamai so tut de le to rogne …
E quel te domanda se l’è propri questa la coriera per nar lì. E quel che te domanda se l’è propri questa la coriera giusta per nar là vìa. Quel che tase e pian pian ‘l s’endromenza. En banda boci che se tòl en giro: ma dài, i toi no i sà che en do ani de università no t’hai combinà ‘n cazzo? Beato ti, i mei i vol veder semper el libret …
Hat vist quela sentàda lì drio? Na facia da … ah? Oh, mi ghe provo. Ogni tant la se ferma ala staziòn ‘sta coriera. Smontèn, nèm a farne en cafè, en bianco, quel che se vòl. Po’ su, tuti quei che è restà su ‘n de n’altra. E via de nof.
Po’ ariva el dì che te smonti anca ti. Te te vardi en giro. Diaolporco – te disi – ma no l’è miga chi che volèvo nàr. Alòra te speti la coriera che va de volta. Te speti, te speti. Eco che l’ariva, dai, tut mal. No gh’è su nesùni. Sol un col beretìn. Che te domanda: “Gh’àt el bigliet per nar endrìo?”. E ti: no, madona, ma ‘n do elo che i lo vende? L’altro el scorla la testa, el sèra le porte dela coriera, e ‘l tira drìt.

MA COSSA DIRAI PO’ QUEI DE SORA?

No so se a voi v’è mai capità. A mi sì, de spèss. Te sei lì che te fai qualcòs, de bèl, de brùt, così così e … te vei da pensàr: ‘sa diràlo me papà? E me nono? E ‘l me amico mort l’àn passà? Ensoma, l’è come se i nossi cari, i nossi amìzi, quei che ne conossèva ben, i fussa lì, nel zèl, postài a ‘na ringhiera tra le nugole. A vardàr, da su alt, chì zò bàs quel che combinèn.

E no l’è na roba che la ciàpa denter sol quel che se fa. No, te par che sti morti (che morti però no i è, se vede) i capìssa anca quel che pensi senza parlar. E lì no gh’è zeròti che tegna: i vei a savèr tut, propri tut, meio de quando i era vivi dal bon.  No te poi embroiarli. No te poi dirghe che no l’è vera, che te fai per finta.

A dirla tuta te càpita la stessa situazion, el stess magòn quando te fai qualcos che no te dovrèssi far. E che sol ti te sai. Sol ti te poi tegnìr per ti, scònderghe ai altri. Ma alora: vot vedèr che l’è vera che denter gh’aven qualcos che no se smorza mai anca se se scarga le pile de tut el rest? Vot veder che i n’ha mès na specie de scatoleta nera che la registra quel che fen e la manda dei segnai quando sbaglièn? Vot veder che … no se more mai del tut?

OSSIMORO – ONNOVIVO

 Pàche coi pìchi per poche pèche: che pecà

Pòpi, pipì, pèpe: pàpi, la pupù …

Sula sèla sòl: senza sàl …

Ben, bìna la bèna bòna: bòn

Bràse, brùsa: te brusi la brìsa

 

LE UNICHE ROBE SICURE, STAIFELE, CHE N’E’ RESTA’ – 4

Lassàr fòra, longa, la tenda da sol quando vei en vent che porta via anca le tègole del cuèrt, se no basta.

Mèterse a vardar na vecia puntata (però mai vista) del tenente Colombo e quando ariva el moment pu bè, quel ‘n dove i dìs come l’è suzès el delito, dover nar de soto a averzeghe la porta ai suoceri.

Nascorzèrse sol … ala fin, che è finì la carta igienica e no gh’è gnanca en toch de giornale vecio vizìn.

Prenotàr do posti a zèna, arivàr lì co la nova morosa e vedèr che denòr gh’è la to ex (che spèta la separazion) co ‘n de n’altro che no t’hai mai conossù.

Arivàr en piscina e capìr sol quando te hai pagà e avèrt l’armadièt che le mudande da bagno te l’hai lassàde a casa ensèma al sugaman.

Telefonarghe a ‘n to vecio amico per vedèr se ‘l vei ala festa dei coscriti e capìr sol dopo zinque minuti che te ghe stài proponendo de far ‘na sbaracada a quel che ha sposà , entant, la so vecia sposa.

Darghe na ‘bela spolverada de zucher, al posto del sal, ala piza fata en casa, meterla nel forno e sol dopo che l’è zamai pronta averghe ‘n dubi vardando el vasèt…

Zercàr de far pasàr en ciuciòt sul còl per ‘na bota ciapàda dala portèra de la machina quando s’ha apena dìt che i cavèi i tuti per aria per colpa del motorin senza parabreza.

 

LE UNICHE ROBE SICURE, STAIFELE,

CHE N’E’ RESTA’ – 3

I “grata e vinzi” che i è semper “grata e perdi”.

La polver scondùa soto i tapèi

El lat che va per sòra propri quando ariva el scuolabus dei boci

Le tiràche che se mòla de drio entant che se gh’à le man empegnae

Quel che ciàpà la rotatoria contro man propri quando a ti te se smorza la machina ‘pena nà denter

La bòza de spumante da vinti euri che casca per tera su le scale e la bagna ciopète, formai, tut … quel che gh’era nel sachet de carta

Quei che vol nar co l’Austria

Quei che vol nar almen en ferie na volta a l’an

Quei che spera ancora che el Trento Calcio el vaga en sù

LE UNICHE ROBE SICURE, STAIFELE, CHE N’E’ RESTA’ – 2

L’àss del cesso da tirar su prima de pisàr quando se se è sposai e gh’è sol en bagno
La coa ala Posta
La riletura col Facio Io ala cassa del Poli propri quando per la prima volta no t’hai batù la soprèsa
La cerniera enciodada (en zò) nei gins el dì che te vai dai futuri suoceri
Le telarine sul libro che t’ha regalà n’amico … anca tre ani dopo quel compleano.
Sentirse dir “stai sereno” da ‘n cosin de Renzi
Compràr le cadène, meter su le gome da nef e capìr dal meteo che no fiocherà pu

LE UNICHE ROBE SICURE, STAIFELE, CHE N’E’ RESTA’ – 1

Se te mòli qualcòs che no sia na piuma o na scoreza ‘l finis drit per tera.
Done zovene, corni e cros, done vecie: peti e tos.
El strudel. De pomi, se sa. E co i ciodi de garofan. Forsi men ciodi …
Le rotatorie, al posto dei semafori.
Le tasse da pagar.
Correr quando te scapa da pissar o…qualcos de pu.
El telefonin.,, Ciàmeme così vedo dove l’ho desmentegà.
Butar su … quando s’è butà massa zo.
I democristiani. Zamai dapertut,
Le rogne. Che vei semper ensema.
Le stagion entrèghe. Al posto dele mèze.
I debiti, i mutui, le asunziòn de pù de sei mesi.
Sanremo.

 

NUOVE DECLINAZIONI

Io ho votato, tu hai votato, egli ha votato, noi voteremo altri, voi voterete altri, loro non voteranno, come sempre

 

GHE SARIA …

 

PENSO, DONCA GHE SOM

DORMO, NO GHE SOM PER NESUNI

ROBO, GHE SOM SE I ME CIAPA

COPO, NO GH’ERO DE TESTA

NO VOTO, GHE SARA’ I ALTRI

SCAMPO, SOM NA’ VIA

AL PROCES, GH’ERO MA NO RICORDO

AL FUNERAL, L’ERA EN BON OM

AL CESSO, ADES SOM PU LEZER

FIM DE N’AMOR, GHE SOM MA DEVO PENSARGHE SU

AL MATRIMONI, GHE SENTE TUTI?

DOPO EL CASIN, SE GH’ERO MI…

AL RISTORANTE, NO GHELO PU QUEL VINEL?

NULLA DI NUOVO, O QUASI

Odio i giorni normali. Quelli uguali a ieri, l’altro ieri. E forse anche a domani. Odio la vita normale. Quella che ti prende in giro: “Tutto bene?”. Amo l’imprevisto, l’imprevedibile. E se proprio si deve morire, anche la morte. Come dato non registrato nella mia agenda.

EL BIGLIETIN

La me scusa se ghe scrivo ‘sto biglietino. E’ che ho rispeto. E co le done mi impapino. L’ho vedua algieri che la veniva giù dale scalete del casèllo dove fano i formai e m’è vegnuto un colpo in tra mezzo ala panza. Ho detto tra per me: varda che maraviglia. Varda che colòr. E che profumo che viene fuora. Ensoma, che formai avressela comprà? Costerebbelo tanto? Potrebbi tastarne un tocco giusto per saverelo?

QUEI CHE TAIA LE GOLE

Vardèi, vardèi ben nei oci
quei vestidi de aranciòm
che gh’à zamai la mort
vizina, semper pu vizina
E ghe toca dir robe
che mai i avrià pensà de dir
Vardèi ben quei col cortèl
zà dropà per copàr agnèi
pegore, e filà coi sassi focài
E quei che vestidi de scur
co la zintura maron
che sconde la pistola
che tèi de zanca la lama
e i ne dis de boia e vaca
de robe che quei pori laori
no i ghe z’entra propri
Zent nada là per aiutar
propri i pòri laori
quei che voleva scriver
sol quel che l’è vera
Un che neva, per i fati soi
su le montagne de l’Algeria
N’alter che ‘n font
l’era capità lì per sbai
Tuti i finìs co la so testa
postàda su la panza
E gh’è anca quei che scherza
su ste robe da pel de galina
con cine da rider (da rider?)
su fesbuch e iutub…
Mi penso che ala fin
sen pezo dele bestie
No l’è la prima volta, demò
che òmeni copa òmeni e done
come se schiza le mosche
Me domando sol perchè
ala fin quei che ghe zonta
l’è semper quei pu deboi
finìdi per en brut destin
‘n de na storia bruta
che quei oci, prima de morir
no i capìs gnancora
Dio, Allah, Budda, Manitou
se ghe sè…
diseme sol perchè

LA BAITA TRA LA NEF

Me la sogno da ‘n pez. E ogni volta me slargo. Ghe taco en toch. Sgrando la cosina, ghe meto en tavolim en pu, do piati enveze che uno…meti che ariva qualchedum. Però la me bela baita en mez a la nef, ah quela la resta sempre così come l’è. Dal vedro empanà vedo le pestole dei selvadeghi e anca el fum del camim schizà dal vent, vers le malghe de sota. En toch de formai vanzà …da la sera prima, en bicerim de grapa ala ruta per sgroparse e po veci libri, carta bianca, na pena, pipa e tabac…el dì dopo zo vers la val a tor la pensiom e qualcos da magnar…e su, co le ciaspole, el prosac, via dale gabie de mati, da televisiom, radio, giornai…a costo de far la fim de quel giapones che dopo ani e ani el penseva che ghe fussa ancora la guera…el se tegniva pronto ne la giungla

NO TE ME PIASI PU

El so, el so. Erem ensema zamai da mesi. Bei, ensema, mi e ti. I ne vardeva tuti. E i diseva: vara come la sta bem ela con lu. El par n’alter. No nevem mai fora se una no l’era co l’altro. Tacada proprio. Po’ ‘n dì com’ela stada come no ela stada, ne sem vardai al spegio. E te m’hai dit – ti neh…te me l’hai dit ti – no te me curi pu come na volta. Te sei semper pu de pressa. No te me voi pu bem. E mi: ma cossa disit…l’è che ghò en sach de robe da far tuti i di. Apena for dal let tante robe de corsa. Se po’ ti te me meti i pali de travers, se te sei brigosa, se te pretendi de tegnirme serà nel bagno per n’ora…te me capissi ben. Ensoma no podo starte drio come na volta. No te me piasi pu. Pu. E cosita zac, me son taià la barba.

DURERENTE?

Quousque tandem abutere, Politica, patientia nostra?

Te rèndit cont che t’hai zamài stracà le bale?

Pensit che stente chi a scoltarte

fin quando vegnirà stròf?

Taia, taia dai e dine subit de che mort morirèm

No se doveva pagar men tasse e averghe pu soldi?

Lèzo che el gas l’aumenterà del zinque per zento

che praticamente en zoven su doi l’è disocupà

che quei che dovria tirarne for da la strazze

i è ancor lì che i bega tra de lori

Scolto, a la televisiom

che forsi i te dà la liquidazion en tant al mes

tassada, se sa, magari semper de pu

I me dis che qualchedùn en quel de Trent

scominzia a dar de ritorno i vitalizi

E che tra tre mesi i dovrà farlo tuti

semper che no ghe sia ‘n tra mèz

ricorsi e che magari, a quei che no paga

i ghe daga anca reson

I bega nel Pd, i bega quei che na volta

i steva tuti col Berlusconi

Bega perfin quei che gh’aveva na Vendola

per darghe aria ai casini de Sel

Sem en mucio de zent che gh’à ‘n testa

sol na roba: Voto quel che me fa star meio

I altri? Ma che i i se basa el cul

LO DICEVA SENECA

Non credere che si possa diventare felici procurando l’infelicità altrui

No ‘stà crèder de poder godèrtela se te godi fasendo del mal ai altri

 Colui al quale il delitto porta giovamento, quello ne è l’autore

Vot savèr chi l’è stà? Quel che dal mal fate l gh’à avù qualcòs

 

Perché ti stupisci se viaggiare non ti serve? Porti in giro te stesso. Ti perseguitano i medesimi motivi che ti hanno fatto fuggire.

No la te passa a nar ‘n giro? No te capissi perché? Oscia, en giro te porti proprio le miserie che t’ha fat scapàr da dove te eri.

 

I dolori leggeri concedono di parlare: i grandi dolori rendono muti

Se te riessi ancora a dir qualcòs vol dir che no te stài propri mal

Il miglior rimedio per la rabbia è l’indugio

T’enràbiet de spès? La prosima volta prova a pensarghe su prima

Povero non è chi possiede poco, ma chi desidera di più.

No l’è porèto quel che gh’à poch, ma quel che ‘l volerìa de pu

La vita è divisa in tre momenti: passato, presente, futuro. Di questi, il momento che stiamo vivendo è breve, quello che ancora dobbiamo vivere non è sicuro, quello che già abbiamo vissuto è certo

La vita l’è ‘n tre tòchi: quel che è stà, quel che gh’è, quel che sarà. De ‘sti tre tochi, quel che stèm vivendo adès l’è ‘l pu cort, quel che no avem ancora vist no l’è sicùr, quel che avem passà l’è passà e su quel no gh’è dubi

Usa le orecchie piuttosto che la lingua.

Dròpa le recie pù che la lengua

Dove ci porta la morte? Ci porta in quella pace dove noi fummo prima di nascere. La morte è il non-essere: è ciò che ha preceduto l’esistenza. Sarà dopo di me quello che era prima di me. Se la morte è uno stato di sofferenza, doveva essere così prima che noi venissimo alla luce: ma non sentimmo, allora, alcuna sofferenza. Tutto ciò che fu prima di noi è la morte. Nessuna differenza è tra il non-nascere e il morire, giacché l’effetto è uno solo: non essere.

Dove narènte a finir quando sarèm morti? Nem en quela paze dove erem prima de nàsser. La mort l’è el no esserghe. Quel che è vegnù prima de esserghe. Sarem dopo quel che erem prima. Se la mort fus ‘na soferenza, en patìr, la doveva esser cosita anca prima che noi vegnìssem al mondo. Ma alora no avem sentì mal. Tut quel che gh’è stà prima de noi l’è la mort. No gh’è diferenza tra el no nàsser e el morir. Perché tuti doi vol dir no esserghe.

MI? AH MI NO GH’EN CAPISSO GNENT

T’el digo subit, parlen de alter. Mi de ‘ste robe no gh’en capisso gnent. E no voi gnanca entrarghe. Te la fai fazile ti. Cossa vot che ‘n sàpia de de quel che peralter te me disi ‘n taliàm difizile. Parlando ‘n ponta. E po’ varda en quei gazèri lì – el so – o prima o dopo te ghe rimeti ‘l cul. Se no basta nar for de testa. L’è come se te volèssi far volar n’àsem. Ma me vedit ti a far quel che disi ti? Darghe resòn a tuti e po’ far quel che se vol? E cossa vol dir che alora me ne frego de tut e de tuti e penso sol a mi? Vara che da la matina a la sera l’è oio de gòmbet se te voi la colazion la se taca ala zena. No, no, làsseme for dale straze te prego. N’ho vist massa come ti che sul pu bel ha cambià facia. E che i pareva a modo neh? Po’, de colp, ciapà quel che i voleva, ciao Nineta: e chielo che l’ha pù visti anca sol bever en cafè ‘n sto paès? Ma ‘l so, ‘l so, se tuti i fès come mi no ghe sarìa che zent ancora pu bruta dove te disi ti. Zent che la farìa dei canali per portar acqua sol al so molin. E varda che no l’è miga vera che me pias no far e dirghe su a quei che fa. L’è, come dir, che ‘n politica propri no me trovo. I me par tuti precisi ‘na volta che i va su. Cossa? Mi sarìa en qualunquista? E ‘sa vol dir? Che me naria bèm tut? No caro, son vecio zamai. N’ho vist massa. Prova ti, che te sei zòven, a far qualcòs. Po’ però fate veder ancora ‘n sto paes…

DA PICOL

Da picol gh’ò semper avù a che far co le bestie. Cunei, galine, paiti dapertut en casa. Na famea de cazadori. Quei che ‘l sabo de sera i prepareva ‘l prosàc. Cafè co la sgnapa ne la termos. Le punture per i beconi de le vipere (su ai Fiavei che n’era tante), do ciopète da morsegàr ensema a luganeghe stagionae, co la mufa de la cantina. E na bozza de quel bom per parar zo tut. En spala el dòdese. Na zintura piena de cartuce. E su vers Valestrè, el Camp, zò verse l Corno, el Crein. Cagni molai. Le paràe. Tuti fermi e ziti, ‘spetando el cavriol. L’era ani che i te deva domili lire se te copevi le volp: ghe n’era massa. Le gireva entorno ala chipa dela Maza. Le magneva le galine nei polineri ale basse. Se te portevi na vipera dal spezial te ciapevi zinquemili lire. Quel el ghe strenzèva el col al bis: vegniva for subite l tossech. Per far medizine contro quei beconi. I orsi? I ne conteva – eren boci – che en val de Genova, pu ‘nvanti dele cascae del Nardis, ghe n’era ancora qualchedun. Che però nesuni vedeva da ‘n pez. Che però nesuni saveva ben dove i fus. Passa i ani. No, no l’è pu el bosch de na volta. Me nono l’aveva portà, dopo la caza ‘n Vel, en cavriol co na gamba zifolina a cà. E ‘sta bestia la neva avanti e ‘ndrio, nel recinto dei cagni. Finchè l’è guarida, la camineva de nof. Me nono ‘l l’ha cargada su la giardineta. E ‘l l’ha molada ale alte, su vers Sant’Antoni. Prima de nar via quel cavriol el m’ha vardà. Son sicur che ‘l voleva dirme: “entant grazie dele ciopète, speren de vederne ancora bocia, fa polito”

LE ICS DE LA VITA,

LE IPSILON DE L’AMOR,

LE ZETA DE TUT EL REST

A scola, quando se studieva matematica, ghera sempre ste tre letere, la ics, la ipsilon, la zeta. I ne diseva che era le VARIABILI. Cioè, anca en de na materia precisa, staifela,  dove do pu do fa quatro e no altri numeri, ste letere (no numeri, letere) le creeva na sorta de casim. Perchè ogni tant, ne le equaziom, le vegniva fora. E disentelo, le roteva le scatole.  Perchè te dovevi far i conti, en de ‘n mondo sec, fat de adiziom, sotraziom, divisiom, moltiplicaziom, co ste robe for de testa. Avem capì, a nosse spese, cosa voleva dir l’economia “enventada”, dove no ghera soldi, ma se continueva a viver, a zugar en borsa, a far finta che fussem miliardari. Avem capì cossa vol dir meter la mam sul foc su questo o que l’altro. E avem capì – se no l’avem capì l’è meio farse veder da en bom psichiatra – cossa vol dir creder en questo o quel partito, en questo o quel zervelom, en questo o quel e basta. Gh’è ste variabili. Che vol dir che le pol cambiar. Da la matina a la sera. O anca en ‘n de n’atimo. Basta na paca en machina. Te te trovi su na carozela. Basta en colpet. Te te trovi en de na situaziom che te devi esser curà come en putelot. Dai altri. Basta en begom. E na famea la salta per aria. En colp de testa. E la to vita la cambia de colp. Eco le variabili. Ancoi ghe sem. Domam? E perchè, alora, no lassar perder i conti, le robe malmostose, e zacar bem sta vita fin che la ghè? Perchè farse i dispeti? Perché pensar pu a quel che pensa i altri de noi che a quel che podressem lassar su sta tera…en bom ricordo, per esempi. Che ciamerèm “xyz” moltiplicà a l’infinito: ∞

 EL COLMO DE ‘N CAMEL? OSCIA LA PARTE PU ALTA DELE GOBE…

EL DIS DE NAR A DISNAR EL DIS, NAR O NO NAR? NAR, COME EL DIS E NAR

POPA, EL POPO PO EL FA POPO’

LA DIFERENZA TRA POPO E POPO’? SE ‘L LA GA’ ADOS NO BASTA TIRAR VIA SOL L’ACENTO

MA QUANDO ELO CHE EN STO MONDO I FINIS LE CAPETE?

E’ più facile che un cammello enri nella cruna di un ago che un ricco entri nel Regno dei Cieli. Vara che mi conosso zent che i gaveva tanti soldi, no i pagheva le tasse e i è riussidi a farse far en camèl così piciol ma così piciòl che oscia…el paseva dapertut.

Amor che a nullo amato amar perdona. Ma mòlelo che se no tel sai tel digo mi: l’è sposà e ‘l gà quatro fioi.

Ci sono molti modi di arrivare, il migliore è partire. (Ennio Flaiano).  Alora nente o stente?

 Hic sunt leones. Sì, ho capì, vara che sia serà bem la porta dela gabia demò.

 Non abbiate paura. Oscia, entant, el cul contro i muri mi ghel meto…el me scusa neh …

 Primum panem deinde philosophari. Vara che a parlàr quando i altri entant i gà zamai mes el piat pièm soto i oci i è boni tuti …

Carpe diem. Ciapa ‘l carpiom…che l’è pu bom.

La ripresa ci sarà tra sei mesi. Zerto che se te meti la ridota anca en discesa…te brusi el motor.

Nulla nasce dal nulla. Difati vecio se no te i someni i ravanei te devi nar a comprarli.

Per un nuovo miracolo italiano.  No basta, te prego, stago bem cosita….che me sa che de miracolai ghe n’è stà assà.

Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei. Devo propri dir cosa ‘n penso del Renzi?

Tu sei Pietro e su questa pietra … Pero, Perooo…vara che ghè chi um che vol darte anca la cava de porfido de Roma

Oh cavallina, cavallina storna che pur ‘embriaga te l’hai riportà a cà.

Disse il saggio dai che zamai sem en magio

Non vantarti di quello che vorresti fare. Non dire quello che non vorresti dire. Non ridere perché si deve. Non piangere se non ti viene. Non scrivere tanto per scrivere. Non parlare tanto per parlare. Non amare qualcuno solo perché hai bisogno di essere amato. (Cornelio Galas)

Le nuove declinazioni

Io non lavoro, tu lavoravi, egli per ora studia, noi scioperavamo, voi davate soldi alle multinazionali, loro comunque hanno pensioni d’oro

PIOVE ANCORA, GOVERNO RENZI LADRO PRIMA ANCORA DI NASCERE

CHI L’HA VISTO?  Segnalata nell’Alta Italia pericolosa spia dell’Est. Fa colazione tutte le mattine col plutonio. Di solito nei bar beve solo vodka e paga dicendo sempre “Da da diaolporco, damene n’altra”

 Ma San Silvestro elo el protetor dei gatti maldestri?

Essere o non essere? Questo è il problema. Ghe sènte tuti? Oh, mi dirìa de nar l’istèss valà

Eppur si muove. Te l’avevo dìt de piantar do ciodi oltre a meterghe pù cola oscia …

Sul mio regno non tramonta mai il sole. Oscia, se t’enteressa neh, en me amico de Rimini el venderia per poch en zentenàr de ombreloni bei grandi: el vol cambiarli st’am

Vinciamo poi. Perché tra quindese dì se va al balotagio?

Ave Caesar, morituri te salutant. Farse copar e magnar dai leoni per ti? Te saludo caro, som miga mat.

Prandelli: Balotelli e Cassano insieme. Po’ basta ‘n cerìm per far saltar per aria i spogliatoi

Tu quoqueBrutefili mi. Oh, talis pater talis filius, no l’è che ti te sei po’ sta gran beleza neh

Diminuiremo le tasse. Oscia, ‘n do elo che ho zà sentì sta barzeleta…ah ma no la fa miga rider, l’è vecia, i lo sa tuti zamai come la finis.

Lei non sa chi sono io. No l’è per farmi i afari soi, ma ‘l vegniria a esser el cosìn del zendro de la sorela de quel che i ha mes via l’alter dì, elo malà anca lu?

Ultimo giorno per pagare le imposte. Tasi valà tasi …

Volli, volli, fortissimamente volli. Oscia, se te me l’avessi dit tel devo mi el bigliet per nar a veder l’Itas…ma tanto i ha pers.

Fiat lux. Ah se te voi na machina de lusso meio te lassi star la Fiat …

E naufragar m’è dolce in questo mare. Content ti…vara che comunque sto chi l’è el lach. Vei fora valà che te te ciapi su na doia.

Non ho deciso io di essere italiano (Balotelli). Popo, scusa se tel digo, ma no te gai miga tute le fassine al cuert…

Siate affamati, siate folli. (Steve Jobs). No stà dirghe ‘ste robe ai politizi de la nossa Regiom…che enveze che sbassarli i li alza i vitalizi.

“La vita è come una commedia, non importa quanto è lunga, ma come è recitata.” (Seneca)Va bem tut, ma bisogna pagar la Siae anca se no disi baf?

Il postino suona sempre due volte. Ma valà che per le racomandate el me lassa semper zò ‘l biglietim…anca se som lì che vardo nela casseta.

Vitalizi, riforma mancata. Se ‘l saveva anca prima che i saria restài tuti tacai al pahl.

Le banche devono dare i soldi a privati e imprese (Renzi). Basta che te ghe faghi ‘na firmeta che te ghe dai to cà prima ancora de ciaparli…

VECI PROVERBI, NOVI SIGNIFICATI

El temp, el cul e i siori i fa semper quel che i vol lori. Cioè praticamente i fa semper cagàr

BALOTELLI NON E’ UN CAMPIONE (Prandelli). Ma alora perché t’el set portà en Brasile…

Lascia un commento