OGGI CHE T’ASPETTAVO

OGGI CHE T’ASPETTAVO

di Vincenzo Cardarelli

Oggi che t’aspettavo

non sei venuta

e la tua assenza so quel che mi dice

la tua assenza che tumultuava

nel vuoto che hai lasciato

come una stella

dice che non vuoi amarmi

quale un estivo temporale s’annuncia

e poi s’allontana

così ti sei negata alla mia sete

l’amore sul nascere

ha di questi improvvisi pentimenti

silenziosamente ci siamo intesi

amore, amore

come sempre

vorrei coprirti di fiori

e d’insulti.

 

PROPRI ANCOI CHE TE SPETEVO

 

Propri ancòi che te spetèvo

no te sei vegnĂąa

e m’enmagino anca perchè

me par de vedèr ‘l casìn

che t’ha ciapĂ  la testa

e de colp el nòs amor sparì

come ‘na stèla nel zèl

come ‘n temporĂ l d’istĂ 

che prima el rùmega, el tonèza

e po’ ‘l se sfĂ nta sul pu bel

Senza vederne, senza parlarne

zamai ne sen capìdi

Ah, amòr, amòr

come semper

volerìa quertarte de fiori

e de brute parole

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento