NULLATENENTE

NULLATENENTE

di Cornelio Galas

Tra me, la banca, il Comune, la regolaritĂ 
il nulla, il nulla, il nulla, il nulla, nulla …
tra me e il cielo c’è tutto, tutto, tutto,
tutto contrario a quel nulla, a quel nulla.

 

Vivo perchĂ© respiro, piscio, cago …
mangio quello che trovo in giro,
bevo alla fontana, dormo … dormo
quando e dove gli occhi si chiudono.

 

Tra questi rifiuti sono il rifiuto,
nessuno però vede la differenza,
ero un uomo normale, ora sono …
qualcosa da raccolta differenziata.

 

E certo che so leggere, scrivere,
so anche pensare, tanto, tanto …
in questa libertĂ  dal grigio totale
mi sembra di essere a colori.

 

Vorrei tanto poter amare ancora
come quando aspettavo un sì
come quando temevo un no,
come quando sognavo, sognavo.

 

C’è questa vita che va di corsa,
sono zoppo, non tengo il ritmo,
mi troverete al solito posto,
forse butterete un euro …

 

Ma è lo stesso, lo stesso se no,
ma è lo stesso se poi … se poi,
alla sera, tra me e il cielo,
non ci saranno muri, confini.

 

Riderò, anche senza bottiglie,
farò finta di essere matto,
voi mi darete dell’ubriaco,
nella vostra finta felicitĂ .

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento