No tra angoscia e piacere

No tra angoscia e piacere

di  EMILY JANE BRONTË

 

non può esistere un tenero affetto

i cuori in tormento cercano invano

le gioie dell’amicizia se le altre fuggono

Io so bene che mai i tuoi occhi

vorrebbero sorridere se piangono i miei

ma so bene che non potrebbero

piangere sempre per pietĂ  del mio pianto

E’ l’ora di separarci il tempo è finito

in cui pensavo e sentivo come te

navigherò sul vasto oceano

percorrerò il mare deserto

Vi sono isole di lĂ  dalle onde

dove il dolore può vivere libero

e il cuscino notturno o mio amore

ti sarà dolce se io sarò lontano

Non piĂą ogni nuovo mattino

quando il tuo cuore si ridesta all’ardore

dovrai fingere una pena che non senti

per rispondere alla pena che io provo

Di giorno in giorno un triste pegno

fuggirĂ  dalla tua memoria

e infine spezzato ogni legame

non sarò che un sogno per te

 

Tra ‘l magòn e ‘l star bèm

no pol esserghe ‘n cicì e ciciò

e gnanca se pol dir

“dĂ i, restèm almèm amìzi”

El sò bem che zamài i to oci

i riderìa se mi pianzèss

ma so demò anca che no i podrìa

pianzer per semper

sol perchè te fago compassiòm

Bem saludèntene valĂ , l’è finìa

no l’è pĂą come ‘na volta

adès cossa vot che faga,

zercherò de farmela passàr

viazi, robe che tegna empegnĂ 

magari fim a perdèrse del tut

per no sentìrse pù sì mal

Te verai che anca ti

te starai meio se som lontĂ m

se no ne vedrèm pu

No te dovrĂ i pu far finta

la matina de doverme dir qualcòs

perchè te me vedi zò

No te gavrai pĂą da pensar

a star drio a le me miserie

Te me desmentegherai

ogni dì semper de pù

finchè per ti mi sarò

solo ‘n sogn, magari brut

che la matina se sfanta

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento