NO TE POI LASSARME COSI’ …

Ma come, ma perchè, ma a che ora?

Stèvem ben ensèma, o no?
Almèn così me parèva … o no?
La prima volta che l’avèn fat
te m’hai dit che mai t’eri stĂ da
così ben co ‘n de n’òm … nel lèt
Po’ ne sèn messi ensèma
en sìto de dò locali, col bagno
Che bel sveiarse, cocolarse …
e po’ far colazion sora i lenzò
en dì, entant che nen en machina
te me dìsi, oh, propri de colp,
che no va bèn come la và,
che te stai pu mal ti a dirm’el
ma che, oscia, bisogna dirlo
Me se fredìs el cafè, al bar
e la testa me par che la scòpia
No – digo- no, no stĂ  dirme adès
che te gh’ai bisogn, e tant
de ‘n moment de riflesiòn …
No – te disi – gh’ò pensĂ  su, sat
dai che magari la se cambierĂ 
Mì, nè fodrà nè embastì,
me sento come ‘n cunèl
‘pena ciapĂ  soto da na machina
E penso a quei che me caverĂ  ‘l pèl
prima de meterme nela fornèla
‘spetando anca la polenta
Ti te ridi, te fai finta de rider
Dai – te disi – che te troverai prest
la donèta che fa per ti.
Vago via, co la còa tra le gambe,
dame da sgnapa, digo al bar
po’ ‘n fago n’altra, n’altra ancora
Quando son storno, storno assĂ 
ciapo la stràa, a pè, e torno a cà
Sul telefonin el to “sms”:
– ScĂąseme, el so, che t’ho fat mal
Rispondo subit, encrosando i dei:
“Ma no, figurete, scuseme mi…
te verĂ i che te trovi oscia
l’omenèt pĂą giust de mi …”

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento