NO HO CAPI’

NO HO CAPI’

vento

di Cornelio Galas

No, no ho capì gnent, propri gnent

de sta vita scominziĂ da …

scominziĂ da quando no capivo gnent.

No ho capì, e no capìsso gnan’còra,

cossa che dovrìa esser ‘sto viver.

So envĂ©ze (no l’è vera) dove tut va a sfantĂ rse,

quando i te méte zo, e rèchiem.

Me piaserìa, e tant, savérlo, propri tant,

ma no gh’è santi: sol lori, sol lori …

quei che è nài via, sol lori, i lo sa.

E alora no me resta che parlàr da vìf,

come un che l’è propri denĂłr …

a quel burrón che no finìss pù.

Endove se vei butĂ i zo, propri butĂ i,

anca se no te ghe n’hai voia.

Finìs el color che te dròpi per sbianchezàr,

finìs quele costìne che te volèvi zacàr.

Finìs tut quel che gà avù en prim moment.

E tut, e tuti nèn envanti drio man.

No ho caoì, el sò, l’ho zĂ  dit,

no ho capì perché nela gramatica,

oltre al passĂ  gh’è anca verbi …

che varda pĂą envanti, envanti.

A quel che dovrìa esserghe …

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento