NATALE 2014

Tra luminarie, comete a pile

tra abeti di plastica
e muschi simil-moquette
sì, l’ho visto, lo vedo
nonostante tutto e tutti

Come quello che resta
di un fiore reciso
con la linfa che promette
ancora, vita
e petali appassiti per terra
senti, senti il profumo che muore?

Le promesse di una festa
che s’ha da fare
senza aspettare, a tavola
l’invitato in ritardoscrivere

Eppure è per Lui che siamo qui
tutti riuniti, come sempre
confusi tra pacchi e stelle filanti

Eppure è una nascita
una nuova vita
che stiamo festeggiando
cercando tra l’inutilitĂ 
un regalo utile

Vorrei tanto cullarti
GesĂą bambino
che tra trentatrè anni
finirai sulla croce

E conoscendo, prima
il tuo destino
non so cos’è giusto, ora
se per colpa nostra
dovrai morire

Ah, ma sì, verrà la primavera
resusciterai, tornerai al Padre
Per assurdo ci regaleremo
tante uova per Pasqua

Di cioccolato, con la sorpresa
subito dopo Carnevale
e ipocrite penitenze viola

E’ la tradizione, così fan tutti
grandi banchetti, tanta noia
e fai bene, se non ci credi
ma non andare a Messa
perchè così si usa …

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento