N’AMOR VECIO

aaaaa

N’AMOR VECIO

di Cornelio Galas

Te la vardi, e po’ te te vardi,

come passa ‘l temp …

Par ieri che se se slimonèva

de sera, su quele banchéte,

par l’altro dì che .. che …

che se trovéva, così, de colp

senza gnènt adòs.

Madòna, te vardo, te vardo

e te vardo ancora …

te dirò, ma no t’el digo

che ‘l cul a mandolìn

l’è semper quel, el tuo.

Te dirò che no se vede,

no, dai, gnanca tant,

le fìze lì, lì soto ‘l còl.

Ma te ricordit noi da morosi?

Quanti sfrugnamenti

en quela zinquezènto ,,,

col pĂłmol dele marce

semper en tramèz,

a roter le (me) bale.

Vara tì, adès, son chi, con tì

per la dichiaraziom dei rèditi

e tra noi gh’è sol numeri,

carte, anca quele, anca quele

de … la me spósa.

Ne vardén, de strafùch,

come se podrìa po’ vardar

quei che sì, sì che se conós,

ma i se vede, se capita

sol giust na volta a l’an.

Come l’è strano sto amor:

en zerti momenti te pàr …

che no ghe sia propri gnent

trane che èla …

Po’ te vai envànti, altre stràe

e quel che resta l’è sol … sol

saludarse de sficĂłn,

come no fussa suzès

mai e po’ mai propri gnent.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento