NA VITA FAMADA

NA VITA FAMADA

tramonto-arera21

di Cornelio Galas

Tra le carte che te serve
per far quest e que l’alter,
tra robe da tegnìr a màm,
ensèma, se sa, ai soldi …

 

Te vardi el zĂ©l e po’ de soto,
sperando, tra de tì …
che ghe sia na diferenza,
che no sia propri tut qualìf.

 

I dìs che che oltra ala pànza,
che sia altro che gĂ  fĂ m …
magari de abràzi, de sorìsi,
de far l’amor da ‘namorĂ i.

 

I dìs che che ghe sia n’anima,
en spìrit, qualcos per aria,
che resta anca dopo morti,
che no svanìs come la brùma.

 

E alora zérco de scoltarme,
de no butĂ rme propri zo,
quando sènto quel bĂąs …
ma no nel stĂłmech.

 

E alora vago envanti, èco …
che a nar endrìo, crédeme,
se fĂ  po’ semper en temp,
così come se pòl morir.

 

VegnirĂ , en dì, ghe credo …
en tramónt de quei bèi,
che me lasserĂ , de colp,
senza parole per spiegarlo.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento