NA MACIA SUL NAS

NA MACIA SUL NAS

cementificazione-cagare-case-168132

di Cornelio Galas

Méti ‘n mondo senza tute ste bele tinte,
bianch, nero, forsi, al massimo, grìs.
Dal zél ala tèra, en sòl colór, sfumà,
dal babào ala zéndro, dal carbón al fum.
Anca su le piante, che parerìa marze
fruti che farìa vegnir da gomitàr …
sol a vardarli, zamai sechi, prima de madurar.
Anca le case, i vestìdi, le machine, le bandére:
mai qualcós che te daga anca sol l’idea
de ‘n maz de fiori, de n’arcobalen, dei … colori.
Eco, l’è cosita che i vede propri sto bel mondo
tuti i malmostosi, quei che gà ‘l nàs levà
e anca quei che basta che i sia tanti …
e no ocòr saver da dove i vèi tuti quei soldi.
Quei che “a mi no me serve pregàr nesuni,
quel che voi ‘l gò ancor prima de strangossarlo.
Quei che “vàra che bele ste costruzion de cimento,
sàt quanti condomini ho fat sù ‘n sta val?”
Quei che però se te ghe disi, n’atimin preocupà:
“Tèi, me par che te gài na macia rossa sul nàs”,
subit i ciàma l’amico primari de na clinica foresta,
subit i parte co l’aparechio per la Svizera,
per sentìrse po’ dir, davanti a tanti che ride,
che ‘l doveva esser stà bon quel sugo de pomidori.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.