MISCIAMENTI

El cuciarim del cafè. Che miscia, miscia, piam piam. Entant che te sei mez ensognĂ . E te vardi senza veder. Come se al zervel no ghe arives i fili dei oci. El cuciarim el miscia, el miscia. Piam piam. Te pensi per to cont. A tut, trane che te sei sentĂ  en d’en bar. Te pensi a quel che te par. Penseri che se miscia, anca quei, ma pu svelti. En po’ chi, en po’ lĂ . Come en quela machineta che taia su le verdure vei for na papa de tuti i colori, de tuti i saori. Ricordi masnai. Robe da far domam. Robe che no t’hai fat ancoi. O che t’avresse volĂą far dese ani fa. Te te vardi entorno. E te te scorzi che anca el mondo l’è tut misciĂ . Tuti sbalotai, de chi, de lĂ . Po’ ariverĂ  quel che ne masna. Magari uno ala volta. Finirem misciai. Tuti ensema. Tuti gualivi, prima o dopo. Cornelio…varda che el te deventa fret…

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento