Mi piaci quando taci

Mi piaci quando taci

 di Pablo Neruda

Mi piaci quando taci perché sei come assente,

e mi ascolti da lontano, e la mia voce non ti tocca.

Sembra che si siano dileguati i tuoi occhi

e che un bacio ti abbia chiusa la bocca.

Siccome ogni cosa è piena della mia anima

tu emergi dalle cose, piena dell’anima mia.

Farfalla di sogno, assomigli alla mia anima,

e assomigli alla parola malinconia.

Mi piaci quando taci e sei come distante.

Sembri lamentarti, farfalla che tuba.

E mi ascolti da lontano e la mia voce non ti giunge:

lascia che io taccia con il silenzio tuo.

 

Lascia che ti parli anche con il tuo silenzio

chiaro come una lampada, semplice come un anello.

Sei come la notte, silenziosa e stellata.

Il tuo silenzio è di stella, così lontano e semplice.

 

Mi piaci quando taci perché sei come assente.

Distante e dolorosa come se fossi morta.

Poi basta una parola, un sorriso.

E sono felice, felice che non sia vero.

 

Te me piasi quando te tasi

 

Te me piasi quando te tasi,

perchè l’è come no te ghe fĂąssi.

e te me scolti da lontan

e la me voze no la te toca.

Par che i to oci i sia nai via

così, de colp

e che ‘n bĂ so el t’abia serĂ  la boca.

Vèdit, el me de dènter

quel che no se vede e me fa viver

el gh’è dapertĂąt chi ‘ntorno,

ti te vegni su, da ‘ste robe,

come da ‘n lach, tuta bagnada.

E te sgòli sora tut, come en sogn

quasi gualiva a la me anima.

E te ghe somigli a quel che se dis

nel nos dialet, esser destrĂ ni.

Te me piasi quando te tasi

e par che te sebi là zò, no chi arènt.

No se capìs ben se te stai mal

o se ‘nvèze te voi dir qualcos de bel.

E te me scolti da lontan …

e la me voze no la te senti:

lĂ ssa che mi tĂ sa come te fai ti,

col to modo de no dir gnent.

Lassa che diga anca mi qualcos

col to modo de tĂ ser,

ciàr come na sdìnza,

semplize come na vèra.

Te sei come na not, senza ciĂ s

e piena de stèle.

Sì, tì, stèla che slùsega

e dìs tut senza parlàr.

Te me piasi quando te tasi,

perchè l’è come no te ghe fĂąssi.

Lontana, sfantĂ da, come te fussi morta.

Po’ basta na parola, la boca che ride.

E son content, content che no sia vera.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento