METI CHE …

heaven

METI CHE …

di CORNELIO GALAS

La se finirĂ , prima o dopo,
sta strussiĂ da de viver,
no la pò nar envànti così,
sentĂ i col cul su na bomba
che no te sai, no te sai …
quando che la scioperĂ .
Ah digo ben, no pol finir tut
quando i te mete zĂł.
Quando i bisatèi i te magna
se prima no i t’ha brusĂ .
Ma anca te fĂąssi sol zĂ©ndro …
da qualche banda te sarai,
se l’è vĂ©ra che ‘l spìrit
no l’ gh’è sol nela sgnĂ pa.
No so, no savrìa che dirte,
su quel che suzéde dopo.
Magari i gò propri resòn
quei che dìs che po’ te torni,
sì te torni su sta tèra,
come ‘n rugĂ nt, en cavriòl,
‘n lumĂ z opura na volp …
o come n’altro de quei bòci
che naserĂ  dopo de ti.
Se envéze se va su en zél,
me vèi squasi en dĂąbi …
no l’è che su ‘n quel posto
con tuti quei che è mort
e no sol ‘n sti ultimi ani,
vèi fora un come San Pero
barba longa e facia da ciapĂ ,
che vardando el so quadernòt
zà pién de ghirigori
el te dìs, de brut, senza scherzar
che no gh’è pu posto, oscia
e po’, no t’avĂ©vi gnanca prenotĂ .

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento