MEIO SE TRA DE LORI …

MEIO SE TRA DE LORI …

laore

di Cornelio Galas

Quanti morti copài, quanti, ogni dì
dapertĂąt nel mondo … dapertĂąt
che no se tegn zamĂ i el cont.
Gh’è quel che subit s’enforma:
“Gh’è ‘taliĂ ni, tra quei mazĂ i?
Bem, valĂ , meio cosìta … no?”
Dei altri (Zinquanta? De pĂą?)
“Ma dĂ i, che sarĂ  dei sĂłi …”.
Gh’è dòne, boci, veci tra quei
che è saltĂ  per aria, tra quei …
che se sténta demò a conósser.
“Basta che i ne lĂ ssa star …
che i se la fĂ ga fòr tra de lori”.
Che stasera gò la pizza coi amìzi,
dĂ i smòrza quela televisiĂłn …
che gavén assà penséri,
senza ciapàr anca quei lì.
“Sfiga, che l’è da ani e ani
che volevo nar en quei posti,
far escursion, magnar, bever,
senza tuti ‘sti novi gazèri …”.
Ma ‘n do elo che no gh’è guera,
dove se pol far ferie tranquile?
Tuti quei morti en quei posti strani?
Ah, fin che i se copa tra de lori …

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento