LOPIO-BUSA, SE PARTE DAL BON ?

LA LOPIO-BUSA

ddd

di Cornelio Galas
Os’cia, vedo stamatina
davanti ai tabachìni:
“Se tĂ ca via st’an che vèi”.
Coi apĂ lti, se sa bĂ©n …
Me domando: ma adés, i soldi,
èi vegnùi fora ala fin?
Hai dropĂ  – me vegn en dubi –
quei che se sparmierĂ 
co la maternitĂ  a Arco?
Ma sì valĂ , na man dĂ  …
e l’altra la te tira de volta.
Forsi l’è anca per quel, dai,
no sĂ©n vegnui zo co l’ultima nef,
che i fĂ  la galeria corta.
E i vegnirĂ  po’ dopo zo da la Maza,
cosìta i tira su la vecia sporcaria,
magari i riésse anca a venderla.
Ah voi vederla sta Lopio-Busa,
quando i taierĂ  quel nastro.
Ghe dirò, alora, a me fiol,
e anca a me neĂł, se sa,
che l’era da almen trent’ani,
che se parléva de sta stràa.
Po’, ale tante, sparmiando
su le done che spèta fioi,
su sanatori veci zamai da serĂ r,
su teatri, cine, altre robe strane,
ala fin i gh’envegnĂąi fora, dai.
PecĂ , che entant, tanta zent,
quando propri la stĂ  mal …
la ciama l’elicotero.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento