LA “ETERNA COMEDIA”

L’eterna comedia

di Cornelio Galas

Propri nel mèz del me camìn,
disénte tra Arco e Mori,
me sĂłm trovĂ , n’altra volta
ed d’en bus stròf e negher
che me parĂ©va d’aver pèrs,
così, del colp, senza saver
la stràa che dovévo ciapàr.

 

A pĂ ss San Giovani, sĂłra NĂ ch,
giust davanti al canter eterno,
vedo na scrita su ‘n paracĂ r:
“sta strĂ a l’avem fĂ ta nel ’34”.
Ah credo bem, digo da per mi,
e ‘n tant tuti i me passa via,
che la sia picola ai nòssi dì.

 

En banda, a la curva dei rospi,
e quest el spĂ zza via i dĂąbi,
gh’è quei che vende le Ă nfore
che i ha trovà zamai soto tèra,
robe de ani e ani endrìo …
forse saltĂ e su propri a scavĂ r
e butàe nei sgrébeni del Lopi.

 

Se va ‘n vanti a pass de òm,
come tanti danài maledéti,
ghè quel bestémia dal finestrìm,
quel che volerìa pasĂ rte ‘nvanti,
quel che sĂłna e nessĂąm ‘scolta.
Come ‘n sciĂ p de osèi sgarìdi
tuti i zìga, i vòl sgolàr via.

 

Prima o dopo, i lo capìs tuti,
che ‘n st’inferno ghe vol calma,
che se no se vol brusar friziĂłm
l’è meio fars’en subit na resĂłm.
S’empìza la radio, tant che sia,
se fĂąma anca se gh’è i bòci …
se zerca de ciuciàr do caramèle.

 

E la va, piam piam, ma la va
sta procesiòm tra Lopi e Busa,
sperando che no ghe sia pĂ che,
che no i sia drìo a ‘sfaltar
o a poĂ r, da le bande, le piante.
Se varda fim dove ‘riva la cĂła,
e ognum stĂ  entĂ nt su la sĂła.

 

Nel spegiĂ©t,osc’ia, n’ambulanza,
sirene che se sente fim a Trent,
nessĂąm se sposta, ma capìntene …
dove podei nar se non nel lĂ ch?
E alora anca quei che sta mĂ l
i è ‘nciodĂ i, fim a quel slĂ rch
che benedìs semper i malài.

 

Quando, de not, som squasi ‘rivĂ ,
me scĂ pa l’ocio, en mez al prĂ :
toh varda el cartel, enluminĂ ,
quando gh’è ‘l sol no s’el vede.
Gh’è scrìt parole fate col fòch:
“Pòri laòri arivai fin chì…
lasĂ© ogni speranza da not a dì”.

 

Alora smonto, e lèzo en po’ pĂą bem,
le paroline picole, lì sora el fém:
“PortĂ© pazienza,sol pochi mesi,
che i soldi per la nova galeria
per st’autĂąm i sarĂ  bem spesi,
gh’è volèst ani per nar d’acordi,
ma, promés, sti chi sarà ricordi.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento