Lentamente muore

Lentamente muore

di Martha Medeiros

Lentamente muore
chi diventa schiavo dell’abitudine,
ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,
chi non cambia la marcia,
chi non rischia e cambia colore dei vestiti,
chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione,
chi preferisce il nero su bianco
e i puntini sulle “i”
piuttosto che un insieme di emozioni,
proprio quelle che fanno brillare gli occhi,
quelle che fanno
di uno sbadiglio un sorriso,
quelle che fanno battere il cuore
davanti all’errore e ai sentimenti.
Lentamente muore
chi non capovolge il tavolo,
chi e’ infelice sul lavoro,
chi non rischia la certezza
per l’incertezza per inseguire un sogno,
chi non si permette almeno una volta nella vita
di fuggire ai consigli sensati.

Lentamente muore chi non viaggia,
chi non legge, chi non ascolta musica,
chi non trova grazia in se stesso.
Muore lentamente
chi distrugge l’amor proprio,
chi non si lascia aiutare;
chi passa i giorni a lamentarsi
della propria sfortuna o della pioggia incessante.
Lentamente muore
chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,
chi non fa domande
sugli argomenti che non conosce,
chi non risponde
quando gli chiedono qualcosa che conosce.
Evitiamo la morte a piccole dosi,
ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore
del semplice fatto di respirare.
Soltanto l’ardente pazienza porterĂ 
al raggiungimento
di una
splendida felicitĂ 

SE MORE PIAM PIAM

Piam piam more
… quel che se fa ciapar dal tran tran
fasendo ogni di le stesse strae
quel che no cambia anda
quel che no riscia e cambia color dei vestiti
quel che che no ghe parla a quei che no conoss

El more piam pia quel che el scansa na passiom
quel che ghe pias nero su bianco
e i pontini sule i
pitost che ‘n giom de emozion
proprio quele che fa sluzegar i oci
quele che le fa
de en sbadili en bel soriso
quele che fa batter el cor
davanti ai sbagli e a quel che te senti dentro

Piam piam more
quel che no buta per aria el tavol
quel che el sta mal sul laoro
quel che no riscia el sicur
per le banderole de ‘n sogno
quel che no se permet almen na volta nela vita
de scapar da quei che te dis come se fa

Piam piam more quei che no viaza,
quel che no leze, che no scolta musica
che no trova el bem dentro de lu
More piam piam
quel che spaca su l’amor per so cont
che no se lassa aiutar
che pasa i dì a sacramentar
per la so sfiga o la piova che vei zo massa drita

More piam piam quei che pianta lì en mister
ancor prima de scominziarlo
quei che no domanda gnente
su robe che no i conoss
che no risponde
quando se ghe domanda robe che lu el sa

Dai, demò, no stente a morir piam piam
ricordentene semper che per esser vivi
se fĂ  pu fadiga de respirar
sol se ghe stem drio a le robe che v’ho dit
fin ades ala fim sarè contenti del tut

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento